Asmodeus - Demone della lussuria: parte 9_(0)

414Report
Asmodeus - Demone della lussuria: parte 9_(0)

A/N - È passato molto tempo gente, mi siete mancati tutti. Vorrei dire un enorme ringraziamento a tutti coloro che mi hanno supportato in questi anni. Come ho accennato in un commento nella parte 8, non sto bene da un po' e ho scritto con parsimonia negli ultimi due anni. Vi ho fatto aspettare così a lungo per un altro capitolo che ho deciso di pubblicare così presto. Avrei voluto aggiungerne altro prima ma, avendo pensato a quanto grande sarebbe stato questo testo in più (e di conseguenza quanto tempo avrei impiegato per scriverlo), penso che sia meglio pubblicare prima questo. Ho intenzione di scrivere di più, e lo farò, ho solo bisogno di trovare il tempo e l'ispirazione, quindi se ti piace questa storia, per favore abbi pazienza. Come sempre, fatemi sapere cosa ne pensate con un commento qui sotto.

Saluti,
Steelkat


Il sogno di mio padre mi avvolge come una tomba, è l'oscurità che opprime e stringe le mie spalle. Questo è quello che sente, me ne rendo conto, mentre lo guardo camminare avanti e indietro. I suoi passi risuonano nelle mie orecchie; sono assordanti nell'oscurità. Sento la sua disperazione mentre chiama il mio nome e sento la sua frustrazione quando non rispondo.

Soffocando per il suo dolore, la mia gola si chiude per le lacrime. Vorrei così disperatamente correre tra le sue braccia e assicurargli della mia sicurezza, ma Asmodeus mi tiene al suo fianco.

"Aspetta," dice, "dobbiamo facilitare il percorso verso di te. Non crederà che tu sia come dici di essere."

"Perché no?" Gracchio, con gli angoli degli occhi che mi pizzicano.

Asmodeus mi guarda, il suo volto mostra una profonda tristezza.

"Ti sogna ogni notte, dolcezza. Ogni notte, ritorni da lui solo per scomparire quando si sveglia. Sta cominciando a perdere la speranza."

"NO!" Sussulto, il viso accartocciato dall'angoscia.

Voglio che la mia famiglia vada avanti, viva la propria vita senza di me, non mi pianga in modo così disgustoso. La realtà è straziante. Le mie ginocchia cedono sotto il peso del dolore mio e di mio padre.

Asmodeus mi sostiene, sostenendomi mentre cerco di regolare il respiro. Affondo le unghie nei suoi bicipiti, lasciando che mi tenga stretta mentre combatto un attacco di panico. Nel frattempo, mio ​​padre continua le sue chiamate frenetiche. Ogni eco della sua voce è una lama nel mio cuore.

"Calmati, amore mio. Potrai andare da lui quando avrai il controllo delle tue emozioni."

Ancora aggrappato al mio amante, inspiro un respiro profondo e tremante dopo l'altro, lasciando che l'aria riempia completamente i miei polmoni e sentendo il mio cuore rallentare il suo battito frenetico. Ci vuole tutta la mia concentrazione per rilassare i miei muscoli urlanti. Escludo le chiamate di mio padre e rilascio completamente un ultimo respiro. Le mie lacrime si asciugano mentre lo faccio e alzo lo sguardo per vedere Asmodeus che mi guarda con approvazione.

"Sì," dice, "Molto bene."

"E adesso?" chiedo, con la voce leggermente tremante.

"Ora trasformi la tua concentrazione in energia e farai in modo che il tuo aspetto cambi. Diventa di nuovo Rowan e parla a tuo padre come se fosse lei. Convincilo."

Non lo interrogo. Per una volta mi sono lasciato guidare completamente, senza esitazione, seguendo ogni istruzione alla lettera. Cerco di comprendere il potere della volontà. Ho sempre creduto che fosse una cosa potente; una pratica che potrebbe aiutare i volenterosi a realizzare tutto ciò a cui si mettono in mente. Ascoltare le storie di Asmodeus e apprendere che la sua forma, insieme a quella di tutti gli immortali, è direttamente influenzata da nient'altro che dalla volontà del collettivo umano, mi dà una carica di fiducia.

Chiudo gli occhi e concentro tutto ciò che ho, tutto ciò che sono, per diventare di nuovo un estraneo. Immagino il pigmento della mia pelle sbiancare, come una maglietta lasciata troppo a lungo al sole. Mi concentro sullo schiarimento dei capelli e degli occhi, immaginando balle di fieno e smeraldi che sostituiscono la seta nera e il caffè scuro. Dimostro il puro potere della mia volontà, la cosa più tangibile che mi rende forte. La scarica di adrenalina che provo quando la mia pelle pizzica per il cambiamento porta con sé un vertiginoso orgoglio. Apro gli occhi e trovo Asmodeus che mi sorride con un sorriso devastante e, per una volta, mi sento degno di lui. Sono forte, una regina adatta al suo re onnipotente.

Inclina la testa verso mio padre e io faccio un passo avanti senza esitazione. Questa consapevolezza di essere più forte di quanto pensassi mi rende desideroso di affrontare le mie sfide a testa alta, come un soldato patriottico, assolutamente sicuro che stia combattendo per una giusta causa. Vincerò, non solo per me ma anche per la mia famiglia. Devo loro la possibilità di dirmi addio.

"Lena!" La voce di mio padre si incrina mentre mi chiama, ancora una volta. "Dove sei, tesoro mio?"

Quella domanda è silenziosa, spezzata e un formicolio di paura mi corre lungo la schiena. Sta per arrendersi, me ne rendo conto.

"Signor Sastri!" Lo chiamo, ma non mi sente.

"Signor Sastri!" I suoi occhi vagano affamati nel suo paesaggio onirico, selvaggi e disperati, vedendo tutto tranne me.

"Papà!" Urlo e alla fine lui si gira, quella parola magica che parla al suo cuore ferito. Lui guarda oltre me, ansioso di dare un'occhiata alla sua preziosa figlia ed è sconvolto nel realizzare che non si nasconde dietro la ragazza bianca vagamente familiare. Guardo il suo viso accartocciarsi e il suo corpo visibilmente sgonfiarsi, con le spalle curve e la testa chinata.

"Non lei," borbotta, "Non la mia Selena."

Mi fa male il cuore mentre corro verso di lui, sollevandogli il viso con i palmi delle mani.

"Sono io, papà, sono proprio qui".

"Non lei", sussurra.

"Sì, sono Selena."

"Non lei," afferma, questa volta più forte, "Non lei. Non lei, non lei, NON LEI!"

Adesso sta scuotendo la testa, con le mani serrate sulle orecchie e gli occhi serrati. La mia audacia, deve pensare, fingendo di essere il suo figlio perduto.

Farò in modo che il mio aspetto cambi di nuovo, torni al mio vero volto prima di dire: "Sono io, papà, guarda".

La sua furia trabocca e lui urla: "NON SEI mia figlia!"

I suoi occhi si aprono di scatto e ha un'aria omicida finché non registra il mio viso. Immediatamente, il suo si ammorbidisce e mi schiaccia contro il suo petto, il suo corpo trema mentre piange silenziosamente nel mio collo.

"Oh, Selena!" Singhiozza: "Non lasciarmi più".

Sento che il mio petto sta per esplodere e la mia gola chiudersi per sempre. La mia roccia inamovibile di padre, stoico e sempre così forte, è assolutamente in frantumi ed è tutta colpa mia. Non l'ho mai, mai visto piangere, nemmeno una volta e ora eccolo qui, completamente distrutto. Ogni volta che provo a staccarmi, mi stringe più forte finché non rimaniamo aggrappati l'uno all'altro più a lungo di quanto io sappia. Quando finalmente mi lascia, ho le vertigini per la sua presa, ma lui mi sostiene con mani pesanti sulle mie spalle.

"Dove sei stata, tesoro?"

"Sono vicino," gli dico, "più vicino di quanto pensi."

"Ma dove?!" Si lamenta, desidera disperatamente sapere.

"Sono qui," rispondo e lascio che la mia pelle si muova di nuovo in modo che Rowan completi la frase.

Il suo volto si contrae per un momento di incredulità che si trasforma in una facile accettazione. Dopotutto, i sogni non dovrebbero avere senso. Continuo a cambiare faccia mentre sto davanti a lui, dimostrando che sono davvero io ricordando con lui. Nel suo cuore sa chi sono, quindi non importa come sembro. Lo faccio finché non sento che guarda Rowan con lo stesso calore che riserva per me e poi mi giro per salutarlo.

Il suo volto cade a causa del sorriso che ho impiegato così tanto tempo a strappargli.

"Mi stai lasciando di nuovo," borbotta, stringendomi le mani.

"Sarò sempre con te", rispondo, "Verrai al mio matrimonio?"

"Matrimonio," sbatte le palpebre, realizzando all'improvviso che sta parlando con Rowan, "Matrimonio, sì. Ci sarò."

Cambio la mia faccia e sussurro: "Grazie, papà. Ti amo".

Gli bacio la guancia mentre ha un'espressione stordita e registro il più piccolo cambiamento in ciò che ci circonda mentre faccio un passo indietro. Successivamente, più rapidamente, il paesaggio svanisce mentre mio padre si concentra su qualcosa di nuovo. Siamo nel nostro vecchio soggiorno in Sud Africa, in piedi su un tappeto grigio, improvvisamente racchiuso da mattoni dipinti. Un fucile è appeso a una targa appesa al muro accanto a me. La porta d'ingresso è alle mie spalle, le sbarre protettive tintinnano mentre mio padre si dirige verso l'ingresso del corridoio. Quasi inciampa in una bambina, seduta a gambe incrociate sul pavimento, con le lacrime che le rigano il viso. I suoi capelli sono lunghi e sottili come una ragnatela, arruffati e annodati per aver seppellito la testa tra le braccia.

Sono io, quando ero più giovane, forse cinque o sei. Ricordo una scena che non sapevo di aver dimenticato, quella dell'attesa che mio padre tornasse a casa dal lavoro. Ricordo ora, mentre camminavo avanti e indietro davanti alla porta, guardando le lancette dell'orologio a muro che sfrecciavano con noncuranza mentre mi tormentavo per il suo arrivo. Un minuto più tardi dell'ora in cui mi aspettavo che fosse e le lacrime sarebbero iniziate come avevo immaginato il peggio.

Mia madre, poverina, non posso averla aiutata. Conosceva i rischi che mio padre correva con il suo lavoro, sorvegliando una città situata in un paese molto violento. Non è che anche lei non fosse preoccupata, ma a suo merito, ha visto che aveva bisogno di mascherare la propria per alleviare la mia.

Non che sia servito a molto.

Quando lo vedevo varcare la porta, balzavo in piedi e lo stringevo in un abbraccio così forte che riuscivo a malapena a respirare. In questo suo particolare ricordo, mi prende in braccio e la abbraccia.

"Cosa c'è che non va piccola?" Chiede, gentile e dolce.

"Avevo paura," singhiozza, con gli occhi rossi e il naso che cola.

"Paura di cosa?"

"Che non stavi tornando a casa," singhiozza, avendo bisogno di un altro abbraccio rassicurante.

"Shh, va bene, sono a casa adesso," si tira indietro e dice, "ti amo e non ti lascerò, okay?"

Silenziosamente, la sua testolina si muove in un paio di rapidi annuimenti, la bocca ancora piegata in un'espressione leggermente accigliata.

"Adesso basta," ammonisce all'improvviso l'ispettore investigativo duro come il vecchio, come tutti lo conoscevano, "Basta piangere".

Ridacchio mentre la conduce lungo il corridoio dove so che la metterà a letto con sua sorella. Mi giro ed esco dalla porta.

*****

Vado a trovare Rochelle a scuola; sogna il tempo in cui eravamo più giovani, all'ultimo anno di liceo. Ci conoscevamo già allora, ovviamente, la nostra scuola non era molto grande, sia come dimensioni fisiche che come popolazione. Tuttavia, è stato solo all'università che ci siamo trovati davvero bene e, ovviamente, a quel punto ci siamo lamentati del fatto che eravamo entrambi troppo presi per il culo per notare davvero quanto bene saremmo andati d'accordo allora. . Oh beh, le avevo detto, meglio tardi che mai.

Rochelle è una persona così assolutamente rispettabile che in realtà ho cominciato a sospettare di lei quando l'ho conosciuta. Dalle mie esperienze, avevo scoperto che le persone raramente sono quello che sembrano. Naturalmente, con questa valutazione un po’ desolante degli esseri umani che colorava il mio atteggiamento nei loro confronti, all’inizio ho mantenuto le distanze da Roch, riluttante a condividere qualsiasi parte vulnerabile di me con qualcuno che sembrava troppo perfetto per esistere davvero. Passarono i mesi perché la nostra amicizia nascesse e il fascino di Rochelle fece vacillare le mie riserve finché non potei fare a meno di fidarmi completamente di lei. Virtuosa senza essere predicatrice, laboriosa ma divertente, intelligente ma eccentrica, Rochelle è una delle mie migliori amiche ormai da due anni e la amo come una sorella.

Non ci vuole molto per convincerla a partecipare al mio matrimonio. Ci sediamo insieme su una panchina, indossando i maglioni bordeaux, le camicie celesti e le gonne blu scuro della nostra uniforme scolastica. Ci appoggiamo l'uno all'altra e le lacrime le rigano il viso.

"Mi manchi," dice piano, prendendomi il braccio tra le sue.

"Anch'io, tesoro," rispondo, "non piangere, mi vedrai domani."

Lei annuisce, okay, e io avvolgo il suo corpicino in un abbraccio profondo, il viso sepolto nelle sue lunghe trecce nere ondulate, prima di alzarmi e fare un passo avanti. Successivamente visualizzo Bailey e mi trovo di fronte a una grande porta doppia bianca, che riconosco come l'ingresso della casa dei suoi genitori. Facendo un respiro profondo, apro una porta ed entro.

Bailey è seduta a gambe incrociate sul pavimento del soggiorno, con un secchio di mais in grembo, e sta rivedendo Ocean's Eleven. Una versione più giovane di me è seduta sul divano a cui si appoggia, sembra contenta di essere in compagnia della sua più vecchia amica.

Ho conosciuto Bailey quando avevamo dieci anni. Ero appena arrivato dal Sud Africa e frequentavo la scuola media in un paese sconosciuto. Appena scesa dall'aereo, la mia pelle era molto scura e il mio accento molto pronunciato. Mi sono fatto notare come un pollice dolorante, non avendo familiarità con la cultura locale e impopolare a causa della mia mancanza di fiducia. Venendo da una comunità a casa dove vieni preso in giro senza pietà perché sei in sovrappeso, avevo sviluppato una bassa autostima. Avevo paura di parlare con le persone, sentendomi indegna di loro a causa della mia taglia e del mio colore. L'altra ragazza dalla pelle scura nella mia classe era ovviamente Bailey.

Dopo aver scoperto che anche lei era nata in Sud Africa, mi sono aggrappato all'unica cosa che avevamo in comune: la speranza che saremmo diventati subito amici. Presto però avrei scoperto che, a differenza di Rochelle, Bailey non era poi così perfetta. A volte meschina, nutriva rancore ed era troppo supponente per il suo bene. All'inizio pensava di essere migliore di me, irritata dal fatto che avessi persino suggerito che fossimo qualcosa di simile. Più cercavo di aggrapparmi a lei, più lei cominciava a detestarmi finché alla fine, per miracolo, mi resi conto che meritavo di meglio di un compagno riluttante.

Mentre mi ritiravo, Bailey è stata in grado di vedermi per quello che ero e sono stata in grado di costruire la mia identità, per quanto fragile fosse. Prima, in Sud Africa, ero stato sostenuto nella scala sociale dai miei fratelli, che erano sempre molto più popolari di me. Ero convinto che la ragione fosse la mia taglia; e come potrei non esserlo? I bambini erano crudeli e gli adulti involontariamente duri riguardo al mio peso. Sono cresciuto credendo di essere troppo grasso per essere desiderabile in qualche modo e sono rimasto piacevolmente sorpreso quando la popolarità mi ha trovato durante il mio primo anno di liceo. Bailey e io eravamo amici da allora.

Sicuramente non era perfetta e l'amavo per questo. E anche se la nostra amicizia aveva avuto un inizio difficile, ora non avevo dubbi che lei avrebbe fatto qualsiasi cosa per me e io, lei.

"Ape," la chiamo, cercando di distogliere la sua attenzione dalla televisione dei suoi sogni.

"Hmm?" Lei risponde, ancora totalmente assorbita da un film che ha visto almeno una mezza dozzina di volte prima.

"Ape, sono io."

Si gira a guardarmi e vedo il suo viso spezzarsi dal dolore. Senza dire una parola, mi abbraccia e sento i singhiozzi che le tormentano il corpo.

"Shh," la calmo, accarezzandole i bellissimi capelli ondulati.

"Non è giusto," piagnucola, "Come hai potuto andartene? Come potrebbe qualcuno farti del male. Non te lo meriti; sei la persona più adorabile che conosca."

"Va tutto bene," sussurro, "sono ancora qui."

E le dico esattamente quando avrà la possibilità di rivedermi.

******

Una volta terminato il mio lavoro, la casa di Bailey si scioglie e viene sostituita da una foresta. Sono circondato dalla vegetazione; alberi colossali con radici tentacolari e ampie chiome. Sono di nuovo nei giardini; la sua tranquillità mi culla anche in questo paesaggio da sogno. Asmodeus appare qui come nel mondo della veglia, avvolto nella pelle pallida di Ash, nei capelli dorati e negli occhi di ghiaccio.

Mi trovo emotivamente svuotato dopo le mie interazioni con i miei amici e mio padre. Voglio solo essere abbracciata dal mio futuro marito; per essere confortato nella mia decisione di restare con lui e di prendere in prestito un po' della sua sconfinata energia. Il suo tocco fa esattamente questo, mandandomi una scintilla così veloce che mi contraggo violentemente. Espiro lentamente, liberando l'improvvisa tensione che si è accumulata nelle mie spalle.

Mi guarda, con i suoi occhi glaciali che scintillano, e inclina leggermente la testa. Mi lancio verso di lui, gettandogli le braccia al collo e usando la sua struttura incrollabile per tirarmi su. Le nostre bocche si scontrano avidamente, i denti sbattono dietro le labbra mentre ci fondiamo insieme. Il bacio si addolcisce leggermente mentre apro le labbra, lasciando che la sua lingua scivoli oltre e massaggi la mia. Il suono delle nostre labbra che schioccano dolcemente e i nostri respiri affannosi mi fanno desiderare di più.

Le nostre labbra restano chiuse così completamente e per così tanto tempo che quando finalmente ci separiamo, delirio per il calore. Mi avvicino a lui e faccio scorrere le dita lungo la linea dura della sua mascella. La sua sensazione, il suono del suo respiro e l'odore del suo muschio sono così assolutamente eccitanti che anch'io voglio banchettare con il suo gusto, solo per poterlo sperimentare con tutti i sensi. Affondo il naso nell'incavo del suo collo e inalo il suo profumo inebriante prima di sfiorarlo con i denti, pizzicandogli delicatamente la pelle.

Comincia a strapparmi i vestiti immaginari e, anche nel suo paesaggio onirico, la resistenza del materiale sembra deliziosamente ruvida contro la mia pelle. È già nudo davanti a me e il calore della sua pelle brucia la mia. La sua lunghezza si solleva tra di noi e io l'afferro senza pensarci. È come se fosse un organismo a sé stante, che cresce più a lungo e più duramente di quanto pensassi possibile. Lo stringo forte e tremo al pensiero di una tale resistenza che mi spinge dentro.

Mi allungo ancora più in basso, prendendo delicatamente a coppa la pelle incredibilmente morbida dei suoi lombi e accarezzando i ispidi capelli biondi con la punta delle dita. Si muovono nella mia mano, spostandosi e contraendosi man mano che l'appendice attaccata diventa ancora più grande. Immaginarlo sepolto nel profondo di me mi fa contorcere dal piacere. Il mio desiderio irrefrenabile mi costringe a comportarmi come una donna selvaggia. Lo stringo di nuovo e gli sfioro il petto con i denti.

Sto gemendo piano adesso, strusciando il mio corpo contro il suo. La mia bocca lavora ancora sul suo petto, catturando un capezzolo duro come la roccia tra le mie labbra e facendoci scorrere sopra la lingua. Le mie mani gli percorrono la schiena finché una non raggiunge il suo sedere. Lo schiaffeggio forte, la forza mi pizzica la mano. Asmodeus ringhia il suo assenso ed esplora il mio corpo con le sue stesse mani. Allunga una mano e afferra il mio ampio seno sinistro e lo massaggia con forza prima di pizzicarmi il capezzolo.

Sibilo per il dolore che un attimo dopo si trasforma in tremendo piacere, e gli afferro le palle. Voglio che senta quello che sento io; lo squisito equilibrio tra euforia e sofferenza. Per me il piacere può essere provato veramente solo immediatamente dopo il dolore. Il rilascio sembra un orgasmo in miniatura e metto alla prova questo paradosso sul mio amante. Grugnisce quando lo stringo ancora più forte e mi sento elettrizzato dalla consapevolezza che anche il mio potente Re demone è vulnerabile con i suoi Gioielli della Corona come qualsiasi altro uomo. Lo tengo stretto ancora un secondo prima di lasciarlo andare e usare l'altra mano per massaggiare il suo magnifico membro. Geme, allentando la tensione che teneva rigido il suo corpo e dondolando i fianchi a tempo con i movimenti della mia mano.

Mi inginocchio e gli lecco la pancia mentre lo accarezzo; la mia stretta di piacere alla sua risposta al mio tocco. Geme con un suono così bello che non vorrei finisse mai. Lo faccio lavorare più duramente e più velocemente, sentendo la sua pelle scivolare dolcemente sulla carne calda e incredibilmente rigida del suo strumento. All'improvviso, voglio fare qualcosa che non avevo mai nemmeno considerato di fare prima. Traccio i miei baci ancora più in basso, oltre il suo ombelico e nelle dure pianure del suo osso pubico. Ovviamente, i capelli ricci mi solleticano le labbra mentre la mia bocca si avventura più a sud. Le dita della mia mano destra si alternano tra il solletico alle sue palle e il massaggio di un nodulo duro proprio sotto di loro, mentre la mia mano sinistra rimane avvolta attorno alla sua asta.

Presto, la mia bocca si libra contro la punta gonfia e rosa del suo uccello, il mio respiro caldo lo bagna. Tiro fuori la lingua e lecco la punta, meravigliandomi della superficie incredibilmente liscia e scivolosa. Il suo membro si contrae in risposta, ma Ash si abbassa e inizia a tirarmi su.

"No," sussulto, "Lascia che ti accontenti, amore mio. Voglio assaggiarti."

È pronto ad accontentare, senza dubbio più disposto a sperimentare questa parola da sogno piuttosto che quella reale. Emozionata, prendo la sua lunghezza nella mia presa, impastandola saldamente mentre mi alleno per mettermelo in bocca. Sentire la sua pelle scivolare sulla sua durezza è eccitante oltre misura mentre lo spingo con un pugno e lo solletico un po' più in basso con le dita dell'altra mano. Incombo sulla testa a forma di fungo del suo strumento, massaggiando una goccia lattiginosa che fuoriesce dalla punta. Appena lo faccio, sento il bisogno irrefrenabile di assaggiare questa goccia.

Mi chino e abbasso ancora di più la testa, facendo scivolare la lingua sulla testa liscia. Si sente ancora più setoso nella mia bocca che tra le mie mani e gemo per un boccone di lui. Lui rabbrividisce in risposta, le sue dita si stringono tra i grovigli dei miei capelli. La mia bocca è tesa al limite mentre continuo a leccarlo, circondandolo con la lingua mentre lo succhio appassionatamente. Si contrae nella mia bocca e il pensiero che gli sto procurando un tale piacere mi rende estasiato.

Lo faccio godere con tutto quello che ho, traendo gemiti deliziosi dal suo corpo tremante. Lo tengo in bocca finché non mi fa male la mascella e, percependo la mia stanchezza, mi spazzola indietro i capelli e mi spinge delicatamente sulla terra soffice. Il suo corpo trema ancora e so che ci vuole tutto il suo controllo per non essere duro con me. Mentre si abbassa su di me, gli colpisco il sedere più forte che posso; per ricordarmi che non sono così delicato come sembra pensare.

Questo lo manda in delirio e mi gira come se fossi una bambola di pezza. Ora sono carponi, ansimante in attesa, con i pugni chiusi che strappano l'erba dalle radici. Le sue mani scivolano lungo il mio corpo prima di posarsi sui miei fianchi e il piacere che il suo tocco porta mi fa venire un formicolio lungo la schiena. La sensazione cresce e cresce, fino a esplodere nella mia mente. Asmodeus sceglie questo momento per immergersi dentro di me.

Il piacere è così grande che ho la sensazione che il mio cuore stia per rompersi. Quasi arrivo con quella spinta da solo. Mi sento così bene che non riesco a contenere il grido che scoppia dentro di me e il mio canto di lussuria rimbalza sugli alberi e ritorna verso di me. Sono un uccello canoro dalla voce dolce, che canta la sua gioia.

Si muove velocemente, un animale deprivato a cui finalmente è stato dato un compagno. Ogni sua singola spinta attira in me una nota alta finché non ce la faccio più e la mia canzone diventa un grido gutturale. Vengo così forte che cado a faccia in giù nella terra e gemo la mia dolce liberazione. Asmodeus non è molto indietro e il suo climax manda un'altra pugnalata di pura beatitudine in tutto il mio corpo.

Crolla a terra accanto a me mentre prende tutto quello che ho per rotolarmi sulla schiena. Stiamo entrambi ansimando pesantemente, intrappolati tra la stanchezza e l'euforia totale. Allungo la mano e avvicino il suo viso al mio. Condividiamo un bacio così appassionato che per una volta sento che eravamo destinati a stare insieme, proprio come Asmodeus aveva sempre insistito. All'improvviso mi sento avvolto da una sensazione di puro conforto e assoluta certezza. Sembra così giusto; anche se siamo esausti, mi sento potente con il mio Re, come se nulla potesse ferirci mentre siamo insieme.

*****

Il piccolo spazio tra le tende tirate, che ieri sera lasciava entrare una luce argentata, ora lascia passare una fetta d'oro. Mi sveglio all'alba del giorno del mio matrimonio e questa improvvisa realizzazione mi fa balzare giù dal letto. Asmodeus non è qui; un biglietto sul comodino dice che è tornato nel suo regno per raccogliere le provviste per il nostro matrimonio. Presumo che tra queste forniture ci sia il mio abito da sposa e una porzione di argilla glamour; abbastanza per cambiare ancora la mia pelle.

Lancio un sospiro di desiderio mentre ricolloco la lettera. Avrei voluto un bacio dal mio amante un'ultima volta prima di baciarci come marito e moglie. Decidendo di non soffermarmi su questo e sperando invece di trascorrere l'eternità al fianco di Asmodeus, mi dirigo verso il bagno. Mi fermo sui miei passi, con il cuore che batte dolorosamente quando trovo qualcuno che mi aspetta.

Ida sta rigida in mezzo alla stanza; le mani che stringono una scatola di vetro smerigliato e la testa chinata in segno di sottomissione, indossando ancora il vestito verde che le avevo regalato. È il vestito che rivela chi è e senza di esso probabilmente non l'avrei riconosciuta. Sembra completamente diversa; senza dubbio ricoperto di argilla glamour. I suoi capelli scuri si sono leggermente schiariti, castani invece che neri. La sua pelle bordeaux si è riscaldata fino a diventare una bellissima oliva, come se fosse una bellezza mediterranea con l'abbronzatura perfetta. Infine, i suoi occhi gialli si sono raffreddati in un profondo blu oceano; le cui profondità sembrano insondabili. Dietro di lei il lavandino è pieno di argilla color tortora e so che è qui per aiutarmi a prepararmi.

Un’incontrollabile ondata di gelosia mi travolge. Eccola qui, più bella di quanto avrei mai potuto sognare di essere, nel giorno del MIO matrimonio. La mia gelosia si trasforma in rabbia prima di notare la stanca innocenza nel suo sguardo mentre mi osserva. Può sentire la mia rabbia e si chiede cosa ha fatto per meritarselo. Sospirando piano, le chiedo, più gentilmente che posso, di lasciarmi stare per ora. Quando entra nella stanza principale, con la scatola misteriosa ancora cullata tra le sue braccia, senza dire una parola, la chiudo fuori e respiro profondamente. Non lascerò che l'irrazionalità vinca oggi, decido. Asmodeus ama me, non lei, e Ida, con il suo aspetto di pura forza, non è forte come potrebbe essere e certamente non forte quanto me. Devo impegnarmi di più per non spaventarla.

La prima cosa che faccio è lavarmi, strofinando meticolosamente ogni centimetro del mio corpo. Quando la mia pelle è rossa e perfettamente pulita, mi asciugo, mi lavo i denti, mi asciugo i capelli con l'asciugatrice incorporata nel bagno e apro la porta per Ida.

Silenziosamente, scivola dentro, tutta semplice eleganza e grazia esasperante. Non le nascondo il mio corpo - anche questi pochi giorni con Asmodeus sono stati sufficienti per liberarmi da alcuni strati di insicurezze del corpo; impresa non facile, considerando gli anni che hanno dovuto coltivare. Naturalmente non se ne sono andati del tutto, altrimenti la sola presenza di Ida non mi darebbe così fastidio.

Senza una parola, rivolge la sua attenzione all'argilla nel lavandino, immergendo le mani e portando con sé uno spesso strato di glamour. Procede a lisciarlo sulla mia pelle iniziando dalle spalle e procedendo verso il basso. Non le dico nulla, con l'intenzione di mantenere il nostro rapporto strettamente professionale d'ora in poi. Le mie guance bruciano al ricordo del nostro ultimo incontro, di me che la baciavo sulla bocca in segno di gratitudine. Ero esausto e sollevato e in un momento di debolezza ho mostrato un'emozione imperdonabile. Solo Asmodeus dovrebbe vedermi vulnerabile, ho deciso. Non posso sembrare debole se un giorno voglio esigere rispetto.

Questo non vuol dire che sarò scortese con questa demone - dopo tutto condividiamo un legame di sofferenza - ma...

Dio, cosa sto pensando? Sembro una stronza noiosa, altezzosa e tutta da sola! Che cazzo sta succedendo in questa mia stupida testa?

Nemmeno cinque ore fa stavo sognando i miei amici e la mia famiglia. Persone che amo e che mi hanno amato. E tra altre cinque ore ti dirò addio per sempre. Chi sono io per storcere il naso davanti all'amicizia? Quando mai mi sono ritenuto superiore a un altro essere vivente? Io, che non possiedo altro che ciò che mi è stato donato. Io, che in passato ho sempre condiviso il mio cuore così liberamente.

Proprio mentre Ida si avvicina al mio viso, prendo la sua mano nella mia.

"Mi dispiace", dico, "per tutto. Per favore, non sentirti mite con me. Vorrei che tu mi considerassi un amico."

China la testa in segno di sottomissione, non credendo a una parola di quello che ho detto. Con l'altra mano le prendo a coppa la guancia e alzo il suo viso per incontrare il mio.

"Per favore, Ida, vuoi essere mia amica? Mi piacerebbe avere un'amica con cui parlare."

I suoi occhi brillano di un'emozione indiscernibile.

"Fidanzata, mia signora?" Chiede e posso sentire il rabbrividire nelle sue parole. Rido di questo,

"Non quel tipo di ragazza. Qualcuno con cui posso confidarmi, con cui mi sento a mio agio e con cui confido i miei segreti."

"Segreti, Maestà?" Chiede, spalancando gli occhi: "E il nostro Re? Non è lui con cui sceglieresti di confidarti?"

"Nella maggior parte delle cose, sì," concordo, "ma non in tutte. E se fosse lui il motivo per cui ho bisogno di sfogarmi? O se avessi bisogno di consigli su di lui? Puoi essere la persona di cui mi fido di più."

Sembra combattuta, paura e sfiducia sono chiaramente scritte sul suo viso.

"Pensaci", dico gentilmente, e lei si inchina in segno di servitù.

Sospiro. È un inizio.

*****

Quando Ida ha finito con me, sono raggiante. Un po' di ombretto, un po' di fard, un colore intenso delle labbra e un eyeliner nero sono ciò che indosserei normalmente se volessi distinguermi un po'. Non sono certo una fan dell'uso regolare del trucco, quando mi abbellivo il viso per le feste, quel poco che usavo serviva a evidenziare quelle che ora mi rendo conto essere caratteristiche piuttosto sensuali. Zigomi alti e affilati, cosparsi di lentiggini, fossette incredibilmente profonde, mascella ben definita, grandi occhi marroni, un piccolo naso a bottone e labbra carnose e sensuali sormontate da un perfetto arco di Cupido. Oh sì, ora vedo che ho sempre avuto un bel viso. Peccato, non è mio quello che vedo allo specchio.

Con il viso di questo sconosciuto, lo stesso trucco che di solito metteva in risalto solo i miei lineamenti più belli, ora li mette in mostra. Gli occhi di Rowan sembrano pesanti, sexy e un po' inquietanti, brillano più luminosi mentre sono circondati dal kohl scuro. Le sue guance sembrano spigolose in un modo che le mie non potrebbero mai essere e le sue labbra sono audaci, audaci e seducenti, vestite di un'inebriante tonalità merlot.

Il mio vestito è di un colore simile, un rosso scuro e intenso, non così intenso come il rossetto, ma altrettanto audace. Sono avvolto in una pesante seta lunga fino al pavimento. La gonna è tempestata e appuntata di diamanti. Il corpetto ha una scollatura a cuore ed è impreziosito da filigrana d'argento. È la cosa più bella che abbia mai avuto il privilegio di indossare ed è mia, così come presto sarà mio anche Asmodeus.

Mi sento come se il tempo non fosse passato e sto camminando verso di lui, lungo un corridoio di muschio e foglie cadute. Cammino da solo, desiderando che mio padre mi sostenesse. Non posso lamentarmi però; Ho trovato il suo volto tra la folla seduta. Gli altri volti sono confusi, non che li avrei riconosciuti comunque. Vedo mia madre e i miei fratelli seduti vicino a Bailey e Rochelle. Vedere mia sorella e i miei migliori amici mi fa battere il cuore.

Sto sorridendo così tanto che mi fanno male le guance e i denti mentre lacrime indesiderate mi rigano il viso. Le ragazze mi sorridono incerte e ancora una volta mi viene in mente che non mi vedono come mi immagino. Questo promemoria, a sua volta, mi fa capire che se non tengo sotto controllo le mie emozioni, il mio fascino verrà meno. Immagino che gli ospiti fuggirebbero dal puro terrore se il panda demente facesse la sua apparizione qui.

Fare e rilasciare un respiro profondo mi aiuta a concentrarmi. Cammino deliberatamente in avanti, con gli occhi incollati al mio sposo mimetizzato. Nel frattempo, la musica più dolce suona in sottofondo, tutta pianoforte e arpa, sposata con una voce meravigliosamente roca e data peso da un violoncello profondo. Mi fa venire voglia di scoppiare il cuore perché in qualche modo trasmette tutto ciò che provo per Asmodeus, la mia famiglia, i miei amici e chiunque altro abbia mai amato con la sua enigmatica eleganza. Non importa nemmeno che i testi siano in una lingua che non riconosco.

Ascolto così attentamente che non mi rendo nemmeno conto di essere alla fine del corridoio finché Asmodeus non mi prende la mano. Un celebrante sta con noi e dà il benvenuto agli ospiti. Continua il suo discorso sulla santità del matrimonio e sull'immoralità dell'amore, fortunatamente poco prima di annunciare che io e Ash faremo i nostri voti. Un'ondata di stordimento quasi mi fa cadere. Non sono preparato per questo!

Lancio uno sguardo implorante ad Asmodeus, che ricambia il sorriso in modo rassicurante. Segui il mio esempio, dice il sorriso, andrà tutto bene.

Faccio un altro respiro e cerco di calmare i miei nervi abbastanza da poter effettivamente sentire Asmodeus quando inizia a parlare.

"Amore mio; tu sei la donna che ho scelto e che mi ha scelto.

"Ti giuro la mia fiducia, il mio onore, la mia fedeltà e la mia vita.

"Sarò il tuo amico, il tuo partner, il tuo amante e il tuo re. Tu sarai la mia regina.

"Ti amerò, ti farò tesoro e ti proteggerò. Ti concederò tutto ciò che è in mio potere e non ti farò mai del male.

"Questo, lo giuro, fino alla fine dei giorni."

Storie simili

Il Drago (S)Strati V. 1 cap. 02 (La Maga)

La maga * * * * Mia carissima Tessarie, So che i tempi ci stanno provando in questo momento, ma sappi che ho fatto del mio meglio per assicurarmi che tu finissi in un posto sicuro. Le terre umane sono accoglienti per la nostra specie e, sebbene non ci si possa fidare di loro, non ho dubbi che verrai trattato bene e accolto a braccia aperte. Da quello che sappiamo di loro, evitano la magia, quindi per favore fai attenzione se scegli di esercitare i tuoi poteri. . . L'incidente avrebbe potuto essere perdonato se non fosse stato così diffuso, ma...

2.4K I più visti

Likes 0

Una fantastica vacanza

Cosa fa una donna di circa 30 anni divorziata di recente quando il suo posto di lavoro ha una vacanza di 2 settimane? Beh, vai in vacanza, naturalmente. Il mio ex marito era una persona controllante, aveva bisogno di fare le cose a modo suo nel suo programma. Ma mi aveva fatto sentire a mio agio, immagino che stare con qualcuno dai 20 ai 30 anni lo faccia. Ma sono contento che quel capitolo della mia vita sia finito. Ho potuto vedere i segni un paio di anni fa e penso che inconsciamente volevo comunque uscire dal matrimonio. Ma è stata...

2.1K I più visti

Likes 0

Il mistero del ritiro parte 2_(0)

Il mistero del pickup parte 2 Cindy era stata un'accompagnatrice occasionale che era diventata un'avventura notturna per John, ma dopo che se ne era andata c'era un vero vuoto nella sua vita. Poi l'aveva vista di nuovo alla parata e aveva scoperto che era la figlia diciassettenne del capo della polizia e la sensazione di vuoto era stata sostituita dalla paura. Poi di punto in bianco si era presentata a casa sua e gli aveva detto che sarebbe tornata tra un paio di mesi quando avrebbe compiuto 18 anni. John non riusciva a togliersela dalla testa e in realtà è passato...

2.4K I più visti

Likes 0

Il padrone vuole, il padrone ottiene

Ero in piedi nel mio soggiorno, con indosso i vestiti che mi aveva mandato, calzini neri al ginocchio, perizoma nero, reggiseno nero e un vestito corto trasparente gettato, adorava vedere cosa sarebbe stato presto suo. Il mio Maestro sarebbe tornato in meno di dieci minuti. Dopo l'ultima ora di sms, mi aveva detto che stasera ci sarei stato dentro Ho aperto la porta e lui è entrato e si è voltato verso di me mentre chiudevo la porta, quando mi sono girato la sua mano è andata dritta ai miei capelli, afferrandone un grosso pezzo, mi ha tirato indietro il collo...

1.4K I più visti

Likes 0

Secondi sciatti_(10)

Finalmente ho i miei secondi sciatti, quindi ho Toni seduto sulla mia faccia che le dice di spingere fuori che viene mentre la mangio fuori. È così piena che il mio viso, il collo e il petto sono coperti da tutto il gocciolamento, non potevo credere a tutto il venire che aveva ancora immagazzinato in quella figa, ma poi di nuovo ha ricevuto almeno 4 carichi lì dentro. Lei si dimena su tutta la mia faccia mentre le succhio il clitoride e le lecco la figa finché non esplode e mi schizza, ora sono completamente fradicio e anche il letto, lei...

885 I più visti

Likes 0

Mio marito non lo sa_(0)

Ciao a tutti, beh, questa è la mia prima storia che scrivo sulle mie esperienze sessuali e spero che vi piaccia. Mi chiamo Kristy, ho 29 anni, vivo sulla costa settentrionale del NSW, molto piccola solo circa 5 piedi 2, ho un seno estremamente grande per la mia taglia, una bella figa e un culo piccoli da abbinare, questa storia parla di un incontro sessuale che ho avuto con un ragazzo con cui sono diventato amico mentre lavoravo per una grande azienda di vendita al dettaglio. Era il nostro fattorino ed era molto più anziano, sulla cinquantina ma sembrava molto più...

835 I più visti

Likes 0

La compagnia di Tre, ma Quattro è una folla...

Aspettavo questa notte da un po'. Da ragazzo di 16 anni, ogni possibilità che hai di uscire con la pupilla dei tuoi occhi è sempre stata accolta con eccitazione e meraviglia. Sarà questa la notte in cui lo porteremo al livello successivo? Quanto durerò? Spero pienamente che non abbia le mestruazioni... tutti questi pensieri e domande mi sono passati per la testa mentre sedevo impaziente in attesa di un messaggio da Brittany. Poi il mio telefono ha squillato... Ehi... (Era Brittany) Che cosa succede? So di aver detto che saremmo usciti stasera, e spero che tu voglia ancora, ma la...

780 I più visti

Likes 0

Madre e figlia - Compagni di stanza con vantaggi

Qualche tempo fa, quando il mio lavoro non andava molto bene, ho deciso di affittare le due camere libere di casa mia, per avere un reddito extra. Ho messo un annuncio per le due camere arredate e ho ricevuto subito molte risposte. Mi aspettavo di passare attraverso un ampio processo di interviste e screening. Come si è scoperto, ho trovato subito i miei inquilini. I primi intervistati che hanno chiamato e sono passati hanno finito per affittare entrambe le stanze. Il sabato dopo che ho ricevuto la chiamata, sono passati. Era una bella giornata di primavera. Soleggiato e la giusta temperatura...

673 I più visti

Likes 0

Bloccato con la nipote

CAPITOLO 1 Vivo in un appartamento in una casa bifamiliare. Il mio padrone di casa è una simpatica signora anziana. Andiamo d'accordo. La aiuto a fare la spesa, faccio commissioni e faccio piccole riparazioni e manutenzioni in casa. Un tardo pomeriggio stavo guardando la TV quando ho sentito bussare freneticamente alla mia porta. Una ragazzina, immagino un'adolescente, era lì in piedi. Indossava una lunga camicia da notte con i calzini. Ha detto che sua nonna era malata e aveva chiamato i servizi di emergenza sanitaria, posso aiutarla? Mi precipitai nel soggiorno dove sua nonna era sul pavimento. Sembrava molto pallida e...

706 I più visti

Likes 0

Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

Il Cavalierato Dopo quella maledetta serata, Noah non aveva fretta di uscire dai bagni, e il fatto di avere la stanza tutta per sé era una gradita serenità. Inoltre presto sarebbe tornato a vivere per strada, dove i bagni caldi erano pochi e rari. Era bello assaporarlo finché poteva, così come la sensazione di un'uniforme fresca. Si fermò nella sala mensa e prese del pane e una mela, poi tornò al suo dormitorio, dopo aver trascorso le ultime ore bramando la morbidezza del suo letto come una vecchia fiamma. Sembrava che non appena chiudeva gli occhi, si aprivano al suono di...

585 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.