Il mistero del ritiro parte 2_(0)

1.3KReport
Il mistero del ritiro parte 2_(0)

Il mistero del pickup parte 2

Cindy era stata un'accompagnatrice occasionale che era diventata un'avventura notturna per John, ma dopo che se ne era andata c'era un vero vuoto nella sua vita. Poi l'aveva vista di nuovo alla parata e aveva scoperto che era la figlia diciassettenne del capo della polizia e la sensazione di vuoto era stata sostituita dalla paura. Poi di punto in bianco si era presentata a casa sua e gli aveva detto che sarebbe tornata tra un paio di mesi quando avrebbe compiuto 18 anni.

John non riusciva a togliersela dalla testa e in realtà è passato davanti al liceo un paio di volte per vedere se poteva vederla per caso. Erano pochi i giorni in cui non pensava a lei almeno per un momento. Poi circa un mese fa mentre guidava verso casa l'ha vista correre lungo un sentiero nel parco che costeggiava la strada.
Rallentando e poi fermandosi guardò la bella forma che si avvicinava a lui. I lunghi capelli decolorati dal sole in una coda di cavallo che oscillava a ogni falcata. Il bel seno sodo tenuto stretto dal reggiseno sportivo rimbalzava un po' a ogni passo. Poi quelle belle gambe lunghe così perfettamente modellate che escono da un paio di pantaloncini di nylon molto corti e larghi che stavano facendo ben poco per nascondere la bella forma rotonda del suo culo.

Era certo che lei non lo avesse visto, ma non importava che gli fosse venuto un groppo in gola e un'erezione nei pantaloni. John era davvero infatuato di questa donna, ragazza, e c'era poco che potesse fare.

Erano passati più di quattro mesi da quando si era fermata a casa sua ed era certo che non l'avrebbe più rivista. I suoi pensieri su di lei avevano iniziato a diventare sempre più deboli, così quando svoltò nel vialetto e vide la decappottabile bianca con la capote alzata non pensò a lei ma si chiese solo chi sarebbe stato lì. Era un venerdì e aveva lavorato un po' più tardi per fare tutto per avere il fine settimana libero. Si fermò dietro la macchina e si fermò. Quando è uscito, anche l'altra parte ha fatto un salto e il suo calore ha saltato diversi battiti, poi è andato in overdrive, lei era qui.

"Ciao John, scommetto che pensavi che non sarei tornato?" Indossava una bella gonna a pieghe che arrivava a metà coscia, calze di nylon, décolleté e una camicetta con una sciarpa firmata intorno al collo. I suoi capelli biondo fragola erano perfetti. Il sorriso sul suo viso avrebbe sciolto un iceberg e il cuore di John non sarebbe stato così freddo o grande.
Riusciva solo a stare fermo in stato di shock e guardare la visione del paradiso. Non disse nulla mentre lei correva verso di lui e gli metteva le braccia al collo e lo baciava profondamente.

La valigetta cadde a terra e le sue braccia le cinsero la vita tirandola a sé. Le sue mani vagavano su tutta la sua schiena mentre il suo bacio diventava quasi frenetico con la sua passione repressa.

La sua lingua spinse dentro di lei e la sua incontrarono la sua con una passione speciale che nutriva per lui. Le sue mani gli torcevano i capelli e le sue unghie gli affondavano nella nuca. Le sue mani si muovono su e giù per la sua spina dorsale inviandole piccole onde d'urto attraverso il suo corpo e poi quando la sua mano le toccò il sedere lei gemette.

Quando la mano di lui le toccò il sedere e strinse, lei perse il controllo e le sue braccia gli andarono intorno al collo e con un piccolo balzo gli avvolse le gambe intorno alla vita. La sensazione del suo corpo premuto contro il suo così forte fu tutto ciò che ci volle e le sue mani si spostarono su ciascuna guancia, le strizzarono e portarono parte del suo peso. Poi si diresse alla porta sul retro con lei attaccata alle labbra e le gambe intorno alla vita. Le loro labbra si aprirono quando raggiunse la porta.

"Oh Dio, mi sei mancato e ti voglio così tanto, per favore sbrigati, oh John." Poi gli morde il collo e l'orecchio mandando sussulti di calda passione attraverso il suo corpo.

“Mi sei mancato tanto e ti voglio nel peggiore dei modi”. Il suo corpo tremava per l'attesa e riusciva a malapena a infilare la chiave nella serratura.
Una volta dentro, andò dritto in camera da letto e cadde sul letto inchiodando il suo corpo sotto di sé. Le sue mani si allungarono e le tirarono su la gonna intorno alla vita e sentirono la macchia ora bagnata sulle mutandine rosse.
Le sue mani lo spinsero su e indietro per darle spazio per sbottonargli la camicia. Le sbottonò velocemente la camicetta e mentre lei gli toglieva la camicia si chinò e le baciò il collo e si abbassò baciando la pelle nuda. Le sue mani abbassano le spalline del reggiseno e le baciano le spalle e il collo e poi mentre ogni seno viene scoperto li bacia con passione disperata ma dolcemente.

Gli avvicinò la testa al seno e gli fece succhiare il capezzolo.
Le sue labbra sentirono il suo capezzolo e succhiò e leccò ognuno con un'attenzione speciale. Dopo il primo assalto lui leccò e stuzzica delicatamente ogni capezzolo finché lei gemette e gli avvicinò la testa al seno.
“Oh, succhiali forte, per favore, le tue labbra si sentono così bene sulle mie tette. Oh, me lo sono perso, sì, succhiali".
Lei gemette mentre lui succhiava forte e si tormentava la nuca con le unghie.
Erano entrambi nudi ora e i suoi baci le coprivano il seno e la pancia. Scendendo baciandole la pancia, le sbottonò la gonna e la tolse, poi baciò il punto umido sulle sue mutandine. Le sue mani poi le tirarono giù le mutandine lentamente. Baciare la figa rasata liscia mentre veniva esposta.

Il suo corpo tremava mentre gemeva di piacere alla sensazione che le sue labbra provocavano toccandole le labbra bagnate. Quando la sua lingua si mosse tra le sue calde labbra bagnate verso l'alto e alla fine le toccò il clitoride, lei esplose con un orgasmo. Le sue gambe girarono intorno alla sua testa e lei strinse così forte che non riuscì a sentire il suo grido di passione. "Oh sì mangiami la figa bastardo mangiami adesso, sì adesso."

Inarcò la schiena e spinse forte la figa nella sua bocca e si contrasse diverse volte mentre l'orgasmo le attraversava il corpo.

Si è abbassato i pantaloni ed espone il suo cazzo duro alla sua figa molto bagnata e in attesa.

Lei gemette quando sentì la testa sfregare contro le sue labbra gonfie della figa e lui gemette in risposta. La testa schiuse le labbra e scivolò dentro di lei. La sensazione della testa gonfia del suo cazzo che si estendeva all'interno della sua figa mentre si muoveva più in profondità le fece avere un altro orgasmo e lei gemette e urlò, "scopami forte ora più veloce più forte, oh sì mi è mancato il tuo cazzo, oh per favore scopami ”. Ha portato le sue gambe intorno alla sua vita e ha tirato i suoi fianchi con forza spingendo il suo cazzo in profondità. Lei gemette un profondo verso animalesco gutturale e poi gli morse la spalla e gli sbatté la schiena con le unghie mentre un enorme orgasmo le attraversava il corpo.
Sentì il suo corpo tremare e poi irrigidirsi mentre sembrava che ogni muscolo si contraesse, specialmente quello nella sua figa. La sua figa si strinse intorno al suo cazzo mentre guidava dentro e fuori facendolo raggiungere il suo climax con un gemito molto forte e poi, "Oh ya sei così stretto caldo oh sì sì ah." Ha pompato quattro mesi di sperma nella sua piccola figa stretta. Continuò a spingere dentro e fuori e lo sperma ora trasudava intorno al suo cazzo ancora duro e le riempiva la fessura del culo.

Sentì lo sperma mentre la riempiva e lo sentì gemere e gridare. La mandò in un altro orgasmo selvaggio. La sua testa scosse da un lato all'altro e sollevò i fianchi e gli sollevò la schiena per forzare un contatto sempre più stretto. Lo voleva dentro, tutto di lui delirava per la sensazione di piacere. Non si era mai sentita così prima. Ondate di orgasmi grandi e piccoli attraversarono il suo corpo finché non ne poté più e collassò.

Ha cercato di andare avanti ma non aveva più 25 anni e così ha colpito il muro più o meno nello stesso momento in cui sembrava che lei giacesse esausta. Rotolò di lato mentre il suo cazzo scivolava fuori da lei e poi notò le lacrime nei suoi occhi. Rotolò verso di lei e baciò le lacrime, "stai bene, stai piangendo?"

Si spostò e gli toccò il viso con la mano e lo guardò negli occhi con qualcosa che può essere descritto solo come amore. Lei sorrise, "mi rendi così felice e, e così non so cosa dire, mi sento così bene che potrei piangere" e lo abbracciò.

Nessuno gli aveva mai detto niente del genere prima e probabilmente non lo farà mai più. Guarda questa dolce e bellissima ragazza e le bacia dolcemente gli occhi. GIOVANE, pensò, merda lei ha 18 anni e i tuoi 42 non dureranno mai.

Notò il brusco cambiamento nell'espressione del suo viso e poi allungò una mano e lo baciò dolcemente. "Che c'è?"

"Ti stavo guardando e pensavo di essere l'uomo più fortunato del mondo e poi ho realizzato che avevi 18 anni e beh, sono un vecchio rispetto a te."

“Beh, di sicuro non hai fatto l'amore con me proprio ora come un VECCHIO, e inoltre mi piace l'età che hai con te. C'è molto di più in te oltre al sesso e alla tua età. Sei molto speciale in un modo che non so spiegare, ma forse un giorno lo farò e fino ad allora possiamo continuare a cercare di scoprire cosa rende John così attraente per Cindy. Con ciò rotolò e avvolse una gamba sul suo fianco e le braccia strette intorno al suo petto baciandolo con la passione della sua giovinezza.
Era perso nella grande sensazione di avere una donna così giovane e bella innamorata di lui. Poi si è ripreso e si è reso conto che doveva prendere delle cose dalla sua macchina. "Oh amico, devo prendere i miei documenti dalla macchina." Con questo balzò in piedi, si mise i pantaloni e corse fuori. Ho trovato il suo caso nel vialetto e ho raccolto il resto dei suoi documenti. Lo aveva seguito fuori e portava una borsa da palestra e un piccolo astuccio per il trucco.

"Allora cos'è questo", ha detto mentre annuiva il caso.
"Beh, sto trascorrendo il fine settimana con te" e lei gli si avvicinò ed entrò rapidamente in casa.

Era stordito, di nuovo, e guardando il bel culo che si faceva strada in casa sua c'era poco che potesse dire o fare. Diavolo, era l'uomo più felice sulla terra in questo momento.

Andò dritta in camera da letto e lasciò cadere la borsa della palestra sul letto, poi in bagno e iniziò a mettere le sue cose sul bancone.

La guardò mentre si stava dirigendo verso casa e le chiese "ah e tuo padre?"

“Oh, è fuori città per il fine settimana di caccia e non tornerà a casa fino a lunedì. Quindi ho tutto il weekend con te. Cioè se vuoi che resti?" Gli sorrise con uno scintillio diabolico negli occhi poiché sapeva che sarebbe rimasta, voleva solo che lo dicesse.

Si avvicinò alle sue spalle e la cinse con le braccia. Mentre la stringeva forte, "prova ad andartene e io ti legherò al letto".

"Oh, perverso, mi legheresti davvero?" Dimenò il culo contro il suo cavallo e scoprì che non era così vecchio come pensa perché sentiva un bel cazzo tra le sue chiappe.

“Continua così e farò di più per legarti piccolo…..” Non c'è modo che possa finirlo.

“Piccolo cosa? Scommetto che stavi pensando sgualdrina, pensi che io sia una piccola sgualdrina perché sono venuta qui non invitata. Lo stava prendendo in giro e le piaceva l'espressione scioccata e ferita sul suo viso.

“NO NO, non lo penserei mai e sono così felice di vederti.” Non era sicuro di come accettare il suo commento.

Si girò tra le sue braccia e lo guardò e lo baciò teneramente mentre le sue braccia gli passavano intorno al collo.
Si sentiva così bene con il suo corpo che la premeva contro il bancone. La sensazione del suo petto contro i suoi seni che, erano solo sotto la maglietta perché di fretta si era appena messa la gonna e la maglietta (niente mutandine o reggiseno), la fece gemere e mordergli il collo con passione.

Il gemito e il morso gli fecero saltare il cazzo e il suo desiderio di correre. Le sue mani si mossero su e giù per la sua schiena con un bisogno non ancora soddisfatto. Le prese a coppa le chiappe e si sollevò. Le sue labbra le stavano baciando il collo e l'orecchio mentre la posava sul bancone. La passione cruda prese il sopravvento mentre le spingeva indietro la gonna e si abbassava i pantaloni. Poi avrà poca esitazione ha spinto il suo cazzo nella sua tenera figa bagnata.

Lei sussultò quando lui spinse dentro i suoi piccoli preliminari. Poi, quando ha iniziato a muoversi dentro e fuori, lei si è riscaldata e quindi era in preda alla passione.

Non durò a lungo e in pochi istanti arrivò con un lieve impeto. Non era come prima, ma comunque si sentiva bene ed era molto soddisfatto. La tenne stretta e il suo cazzo spento scivolò lentamente fuori dalla sua figa ora piena e bagnata.

Non aveva avuto l'orgasmo, ma aveva messo su un bello spettacolo e lui non ne aveva idea. Lei era ancora soddisfatta e felice perché lui era soddisfatto. Gli sorrise e ci pensò, si sente bene perché lui è soddisfatto.

La guardò e l'espressione sul suo viso disse che era immersa nei suoi pensieri. "Ehi, a cosa stai pensando?"

Tornando al momento, "oh quanto mi fai sentire bene e quanto sono appiccicoso".

"Beh, ora posso sistemare la parte appiccicosa" e lei si tolse i vestiti e la condusse alla sua doccia.

La doccia era il suo orgoglio e la sua gioia poiché era costruita su misura con due soffioni staccabili e un sedile in ogni angolo. Era abbastanza grande per una mezza dozzina di persone, non che ci fosse mai stato più di due.

Girò entrambe le teste e l'acqua calda cadde sui loro corpi. Prendendo il sapone si insaponò e iniziò con la sua schiena che si lavava delicatamente e toccava ogni centimetro. Poi la spinse a sedere e le prese il piede e iniziò a lavare accuratamente ogni dito, poi il piede e la gamba.

Non riusciva a credere alla tenerezza del suo tocco. Provò un senso di totale relax e pace che non aveva mai provato prima. Ha lavato tutto il suo corpo in questo modo e poi si è lavato rapidamente. Poi l'ha asciugata allo stesso modo con poche conversazioni.

"Hai una tunica da indossare o cosa ti vuoi mettere?" Le teneva le mani guardandola con il più dolce dei sorrisi.

Era stata in un altro mondo, una terra da sogno di pace felice, ed era tornata con un sussulto. "Oh, scusa se stavo sognando ad occhi aperti, ho una rapina nella borsa." Andò a mettersi delle mutandine nuove e un corto accappatoio di spugna.

Indossò un paio di pantaloni della tuta e una maglietta. "Va bene, adesso qualcosa da mangiare." Poiché viveva da solo, la sua dispensa era rifornita di conseguenza.

Era in cucina al suo fianco a guardare la selezione del cibo. “Ragazzo, di certo hai dei gusti strani. C'è molta carne in scatola e peperoncino. Aprì il frigorifero e< "Wow, ti piace la pizza e beh, almeno hai frutta e verdura."

“Ehi, vivo da solo e cucino molti pasti in una pentola, la pizza è facile e veloce e cerco di essere sano ma poi non posso fare tutto. Quindi vuoi una pizza o che ne dici di uno dei miei piatti unici".

"Non ho fretta, quindi voglio vedere questo affare di un piatto unico", e con ciò lei gli urtò il fianco e sorrise. "Quindi è meglio che si metta a cucinare, signore." Poi allungò la mano tirandogli il viso verso di sé e lo baciò molto leggermente e velocemente.

Ha preparato il suo pollo veloce alla King con le verdure surgelate, la carne di pollo in scatola e una lattina di crema di zuppa di pollo. Questo è stato messo sopra il pane tostato. Aveva appena curiosato finché non aveva trovato l'argento ei piatti, poi aveva apparecchiato il tavolino sotto il portico schermato. Mangiarono e parlarono, soprattutto lei parlava della scuola, della sua macchina nuova e dei suoi piani per frequentare una scuola per infermiere nell'est. Sorrideva e ascoltava senza mai credere che solo ascoltare una donna potesse essere così piacevole.

Dopo il pasto hanno ripulito insieme e poi hanno guardato un film seduti sul divano. C'erano baci e stuzzicanti toccanti ma nessun gioco sessuale pesante, semplicemente si godevano l'un l'altro. Alle 9 è saltata in piedi ed è corsa in camera da letto, ha preso il suo telefono e ha chiuso la porta.

Quando è entrata nella stanza, le ha chiesto: "Allora, cos'era quella storia del tuo ragazzo che ti chiamava?"

Lo guardò con uno sguardo un po' ferito e un po' arrabbiato perché non capiva il commento.
"No sciocco, ho dovuto chiamare mio padre e fare il check-in e comunque non ho un FIDANZATO", e lei gli diede un pugno duro sul petto.

"Ehi, mi ha fatto male, scusa se stavo solo prendendo in giro". Non proprio perché era un po' geloso e aveva paura di perderla.
“Sì, lo volevo davvero. Ti farò sapere che non ho un ragazzo da diversi mesi e in questo momento sei il mio unico RAGAZZO AMICO, ma smettila di comportarmi da RAGAZZO, mi piaci di più come UOMO. Si ricordò della doccia e di lui che le faceva il bagno e provò una sensazione calda e sfocata dappertutto. Allungandosi, gli prese il viso tra le mani e lo baciò con sentimenti molto teneri.

Non fece nulla mentre lei lo baciava. Era un bacio dolce e gentile senza lingua o un caldo sesso appassionato solo un bacio molto speciale. Sentimenti percorsero alcuni di lui che non aveva mai provato prima.

Hanno finito il film e poi, "beh, penso che sia ora di andare a letto". Si alzò e tese la mano e lei la prese lasciando che lui la conducesse in camera da letto.
“Sto solo un paio di minuti”, e con ciò ha preso la borsa ed è andata in bagno chiudendo la porta.

Si spogliò e indossò un paio di boxer di raso che usava per dormire e poi si stese sul letto.

Entrò indossando un orsacchiotto di raso nero e boxer di raso. Lei lo guardò e sorrise, "come i tuoi boxer ora so dove prenderne un po' se ne ho bisogno."

"Già, scivolerebbero via da te perché sono molto più grande." Non riusciva ancora a superare quanto fosse bella e il pensiero che fosse qui con lui quella notte. Si mosse per afferrarla e lei lo spinse indietro.

"Tocca a me, tu sdraiati e stai zitto", e lei si mise a cavalcioni sui suoi fianchi e si chinò e baciò e morse la sua spalla poi il suo collo.
Ha iniziato dal collo e lo ha baciato e mordicchiato fino ai suoi capezzoli, che ha stuzzicato e succhiato facendolo gemere e cercando di afferrarle la testa, ma gentilmente gli ha bloccato le mani sul letto. Avrebbe potuto potenziarla in qualsiasi momento, ma non l'ha fatto, perché fermare qualcosa di così piacevole.

Le sue labbra si muovono sempre più in basso sul suo ventre provocando il desiderio in lui di aumentare a livelli quasi intollerabili. Le sue mani afferrarono i bordi dei suoi boxer e tirarono giù e le sue labbra lo seguirono. Una volta tolti i boxer, gli prese il cazzo in una mano e le palle nell'altra.

La sensazione di estasi sessuale percorse il suo corpo mentre lei prima baciava e poi leccava la punta del suo cazzo duro. Poi ha preso tutto in profondità nella sua bocca e lo ha succhiato con passione. Non passò molto tempo prima che fosse sull'orlo, "oh dio donna sto per venire voglio essere in te ora." Cercò di tirarla fuori ma lei lo spinse indietro e lo succhiò più velocemente.

Il suo corpo tremava di passione mentre veniva sparandole sperma in bocca. Ha ingoiato tutto ciò che poteva come voleva tutto ciò che il suo uomo poteva darle. Continuò a succhiare e poi mentre lui si ammorbidiva leccò l'asta morbida e baciò ciascuno i suoi testicoli guardandolo e sorridendo.

La tira a sé e la bacia profondamente e si rotola sopra di lei. Poi si toglie delicatamente il top e i boxer e guarda la donna nuda più bella che abbia mai visto. Chinandosi le baciò le labbra e poi si spostò lungo la mascella fino all'orecchio, che morse. Scendendo lungo il suo collo, le mordicchiò e baciò la spalla e poi la parte superiore dei suoi seni. La sua lingua stuzzicò i capezzoli e infine, quando lei gli afferrò la testa e se la costrinse al seno; ha succhiato un capezzolo forte e profondo facendola gemere rumorosamente.
Le sue labbra si abbassano baciandole e tracciando la lingua sul suo ventre e stuzzicando il piccolo piercing all'ombelico che aveva. Poi baciò e morse il suo monticello pubico muovendosi verso il basso attraverso l'area liscia della rasatura appena sopra la stretta fessura. Potevo sentirla gemere e le sue mani che si muovevano su tutto il corpo potevano sentire i muscoli tendersi. Lei emise un lungo e forte gemito quando la sua lingua le toccò la fessura e schiuse le labbra.
La sua lingua trovò il suo clitoride e la leccata frenetica la portò all'orgasmo. Poi, quando ha iniziato a succhiarle il clitoride, le ha lavorato il capezzolo con una mano e l'altra le ha stuzzicato la figa. Ha succhiato forte e poi ha stuzzicato il suo punto g con due dita facendola dibattere mentre un altro orgasmo le attraversava il corpo.
Tutta questa attività aveva risvegliato la sua libido abbastanza da non fargli tornare il cazzo duro. Aprendole le gambe lui entrò in lei con cura e delicatezza e poi si scatenò con passione facendoli raggiungere l'orgasmo insieme.

Si addormentarono l'uno nelle braccia dell'altro con un sorriso molto speciale sui loro volti.

La mattina ha trovato lui a letto e lei in cucina a preparare il caffè. Indossava una maglietta molto grande e lui è inciampato in cucina cercando di mettersi i boxer.
"Buongiorno dormiglione, ho fatto il caffè e sembra che tu possa usare una tazza". Rise alle sue buffonate e poi si sorprese a pensare a come sarebbe stato farlo ogni mattina.

"Beh, di sicuro potrei usare una tazza e ha un ottimo profumo, è bello alzarsi e trovarti in cucina e.." Si fermò, prese la tazza e sorseggiò velocemente perché non era sicuro di voler finire la frase. Stava pensando che sarebbe stato bello trovarla in cucina ogni mattina. Poi si rese conto che non sarebbe mai successo.

"Quindi stavo pensando quando mi sono svegliato visto che mi hai sorpreso che ne dici se ti faccio una sorpresa oggi e stasera?"

"Okay, penso che a seconda della sorpresa immagino, quindi cos'è?"

"Beh, in passato, sembra un'altra vita, io e mia moglie andavamo a ballare il sabato sera e pensavo che ti piacerebbe andare a ballare?"

"Moglie? Tu eri sposato? Non hai mai detto niente". Tutte le sue difese si alzarono e lei rimase di guardia.

Ha visto la sua reazione alla parola, moglie, "Donna facile, non sono sposata, è morta dopo un incidente d'auto 12 anni fa".
I suoi sentimenti sono passati dalla rabbia ferita alla gentile compassione e allungò la mano e gli toccò il viso in un tenero giullare. "Mi dispiace."

"Beh, è ​​nel passato, ma ci è voluto molto tempo per tornare, comunque, la sorpresa è che voglio portarti a ballare stasera, ballo da sala."

"Cosa, non so ballare da sala e poi è per le persone anziane". Si rese conto troppo tardi di quello che aveva detto e lo guardò con uno sguardo che supplicava perdono.

"Il tuo tipo di diritto di solito è considerato ballare per le persone anziane, ma aspetta di vederlo e credimi, ci sono alcuni davvero giovani lì."

Farebbe qualsiasi cosa ora per smussare il suo commento e quindi, "va bene, ma non ho che una gonna corta e una camicetta da indossare".

"Beh, questo farà parte della sorpresa mentre andiamo a fare shopping e ti darò ciò di cui hai bisogno."

Ora nessun uomo l'aveva mai portata a fare shopping, suo padre le ha semplicemente dato una carta di credito e l'ha lasciata andare. Questa sarebbe stata una nuova esperienza.

Il centro commerciale era abbastanza lontano che nessuno l'avrebbe conosciuta, quindi si sentiva al sicuro mentre camminavano. Lei lo teneva per un braccio e parlavano della sua scuola, del suo lavoro e lui raccontava della sua vita con sua moglie. Provò un'attrazione speciale per quest'uomo e mentre lo guardava in faccia gli strinse il braccio.

Non si sentiva così bene con qualcuno da molto tempo, ma la sua età continuava a dargli fastidio. Si sono fermati in un negozio di specialità femminili e stavano guardando abiti molto eleganti. L'impiegato come se la taglia fosse sua figlia e lei la informò rapidamente che non era sua figlia, poi si voltò e gli abbracciò il braccio L'impiegata, una donna sui 20 anni, lo guardò con le sopracciglia alzate.
Scelse un vestito di seta blu perfetto per il ballo da sala. Avevo una schiena bassa e un'apertura profonda davanti. C'era una sorta di reggiseno incorporato poiché il design non prevedeva un reggiseno. Hanno anche scelto calze, nere con un motivo e una sequenza, e un paio di tacchi a spillo da 4 pollici.
Mentre usciva dallo spogliatoio, lui fischiò. "Dannazione, donna sei bellissima e dovrò prendere una mazza da baseball per battere gli uomini stasera." Diavolo, dovrò sempre sconfiggere gli uomini.

Tornarono indietro e poi passarono un po' di tempo parlando e passeggiando per il quartiere.
Poi è arrivato il momento di prepararsi e ovviamente hanno dovuto fare una doccia insieme, ovviamente.
È entrata in bagno mentre lui entrava nella doccia. "Ehi, mi lavi la schiena, io lavo la tua."
"Beh, assicurati che sia solo il retro perché dobbiamo essere al ristorante alle 7."
"Oh, non vuoi che lavi nient'altro?" Come ha afferrato il suo cazzo e ha iniziato a insaponarlo.
Poteva certamente resuscitare i morti mentre il suo cazzo saltava e iniziava a diventare duro.
"Oh dio donna sarai la mia morte ancora", e lui l'afferrò e la tirò a sé baciandola con un caldo bacio appassionato. Le sue mani trovarono il suo culo e le strinsero le guance e la sollevarono.
Le sue gambe girarono intorno alla sua vita e il suo cazzo ora completamente duro trovò la sua figa in attesa. L'asta rigida scivolò facilmente nella sua figa mentre la abbassava. Poi la sollevò e la abbassò su e giù sul suo cazzo.
Gli stava mordendo e baciando il collo e intrecciando le dita tra i suoi capelli. La sensazione del cazzo duro in profondità dentro di lei e la sensazione causata dai suoi capezzoli che sfregano sui peli del suo petto la fanno gemere e poi stringere le chiappe e flettere i muscoli della figa.
Sentì i suoi muscoli stringersi e fu tutto ciò che ci volle e gemette e un carico di sperma fu sparato nella sua figa stretta.
"Ah, oh amico, continua a farlo e non avrò la forza per ballare."
"Oh, pensavo stessi ballando bene." Sorrise e prese il sapone per lavarsi.
Cenarono in uno dei ristoranti più carini e mentre entravano le teste si voltarono a guardare la signora in blu. Entrambi notarono l'effetto che aveva sui clienti.
C'è stato un po' di gioco di piedi e di scherzi al tavolo, ma solo per divertimento.
La sala da ballo era piena quando arrivarono e lei non poteva credere al gruppo. C'erano adolescenti con i capelli grigi, persone anziane che ballavano. Si sono divertiti e lui è stato paziente e l'ha condotta bene.
Parlarono poco mentre tornavano a casa e lei, con nonchalance, giocò con i suoi capelli e lo guardò.
La sensazione delle sue dita tra i suoi capelli e il pensiero che lei lo stesse guardando in quel modo lo faceva sentire così vivo.

Ero molto in ritardo quando arrivarono a casa sua e così il semplice cambiò e andò a letto.

Poi la mattina dopo toccava a lui alzarsi presto e preparare la colazione. Si sedettero a mangiare e bere caffè come una coppia normale. Ha spiegato che aveva dei compiti da svolgere online e quindi ha passato il resto della mattinata e la maggior parte del pomeriggio a fare i compiti. Si occupava dei lavori in giardino.

Per cena avevano grigliato degli hamburger e lei aveva preparato un'insalata di patate. Dopo cena guardarono un film.

Adesso erano entrambi riposati e così andarono a letto presto perché il sonno era ciò che avevano in mente. Il sesso era lento e morbido, selvaggio e folle e lui scoprì che lei avrebbe potuto avere solo un piccolo morso di un lato perverso.

La storia continuerà con un'altra parte. Se hai qualche suggerimento per favore lascia un commento o mandami un'e-mail direttamente [email protected] Grazie a tutti.

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

522 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

915 I più visti

Likes 0

ISTRUZIONE UNIVERSITARIA

Ho appena trovato questo sito l'altro giorno e finora lo adoro. Vorrei raccontarvi della mia prima volta con l'uomo sul sesso maschile, ma prima voglio parlarvi di me e di come sono arrivato al punto di fare sesso con un uomo. Sono un uomo di 53 anni divorziato da 30 anni. Vivo in una città che ha un college statale e possiedo un'azienda di autotrasporti. ma è successo tutto quando avevo 30 anni. Ero a Los Angeles a scaricare il mio camion e mentre lo scaricavano stavo pranzando dal carro del pranzo, dopo aver mangiato stavo buttando via la spazzatura e...

890 I più visti

Likes 0

Un compleanno in incesto Capitolo 34

Manca un capitolo! La serie è quasi finita. Tutto si riduce a questo. Godere. È passato un mese intero da quando papà ha detto che ci avrebbe dato una possibilità e, francamente, è stato davvero un buon mese. Ci siamo assicurati di stare alla larga da papà quando ci sentivamo affettuosi, e lui ha fatto del suo meglio per accettare di sapere cosa stava davvero succedendo. Siamo tornati lentamente alla relazione che avevamo prima del giorno in cui ha trovato la foto, anche se ci è voluto un po' di tempo perché abbiamo deciso di essere chiari su tutto, da ogni...

939 I più visti

Likes 0

Ragazzi adolescenti nudi che nuotano al liceo con hard-on

Ero una matricola in un liceo di una grande città negli anni '70 e non sono rimasto sorpreso quando nel mio primo semestre ho nuotato e per motivi di salute pubblica, tutti i ragazzi lo facevano nudi. Ero stato avvertito dai miei fratelli maggiori e provenendo da una famiglia di nove bambini, tra cui sorelle e una madre che allatta continuamente, non ero timido o estraneo al corpo nudo. Il primo giorno ci è stato detto che se avessimo sentito tre brevi raffiche di fischio, dovevamo uscire rapidamente dalla piscina, allinearci sul bordo e affrontare le gradinate, perché potrebbe esserci un'emergenza...

813 I più visti

Likes 0

Quello che desideri

Ho 25 anni, ho recentemente terminato la scuola di legge e lavoro a ore assurde come junior associate in uno studio di medie dimensioni specializzato in diritto assicurativo. La paga è abbastanza decente, ma il lavoro è noioso. Se non fosse stato per Kaitlyn, avrei smesso mesi fa, ma lei rallegra le mie serate e rende tollerabile la fatica settimanale. Ci siamo conosciuti al college, ci siamo innamorati e ci siamo sposati quando ci siamo laureati. Poi la scuola di legge per me e un Master in Pedagogia per lei. Ha 23 anni e gira la testa. La prendo in giro...

1K I più visti

Likes 0

Aiuto voluto parte 7

Mi chiedevo se avessi imparato la lezione mentre tornavamo a casa. Non solo, ho iniziato a calcolare quanto è costata la mia stupida avventura con Caitlyn. Tra il suo vestito, le scarpe e la roba, i miei vestiti nuovi, la cena e la mancia, il biglietto del taxi per cui le ho dato i soldi, e la benzina; doveva essere vicino a nove fatture. Inoltre la frikkin' pneumatico doveva essere riparato. Ho guardato Caitlyn. Stava dormendo. C'è stato qualcosa di positivo che è emerso da tutta questa disavventura? La sua figa è stata rasata. Ma stasera non vedrei niente di tutto...

968 I più visti

Likes 0

Nirvana celeste: parte 1

Come la maggior parte dei miei altri lavori, questa storia si concentra più sul dramma e sulla storia che sul sesso (ma c'è il sesso, non preoccuparti). Per una migliore esperienza di lettura, ti consiglio di sballarti prima di procedere. Capitolo 1 La giovane donna infilò per l'ennesima volta le sue dita tra le succose labbra gonfie della sua fessura, mordendosi il cuscino per attutire i suoi gemiti di piacere. Era sdraiata a letto, il sole si avvicinava all'orizzonte orientale mentre i minuti scorrevano sulla sua sveglia. L'ora era presto, prima del risveglio dei suoi genitori, ma era così che le...

1.2K I più visti

Likes 0

Il giorno più bello

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio di come l'avrei mai potuto immaginare. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se voleva che usassi i soldi che avevo vinto nella partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto concedermi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa luccicante che si librava a pochi centimetri dalla mia faccia. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua figa era...

713 I più visti

Likes 0

La mano amica di una madre Ch. 6

Capitolo sei: madri, figli e amanti Alla fine, le braccia di Jason Jackson sono rimaste intonacate per altre due settimane, per un totale di sei in tutto. La notizia della loro rimozione è stata accolta da un enorme sospiro di sollievo e poi da un'esultanza per il giovane. Ma l'euforia e il sollievo furono immediatamente sostituiti da un senso di sgomento e incredulità, perché quando i calchi furono effettivamente tolti Jason rimase scioccato nel vedere le sue braccia un tempo muscolose e abbronzate che sembravano di un giallo pallido slavato, raggrinzite e magre. Dov'erano finiti i suoi adorabili bicipiti tonici? Fu...

705 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.