HOBO capitoli 12 e 13

664Report
HOBO capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI

Mi sono svegliato presto la mattina dopo e sono riuscito ad alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho acceso una caffettiera. Poi ho cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina stropicciandosi gli occhi.

“Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando.

“Ci prepariamo la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello.”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette.

Le sistemai un piatto e glielo posai davanti, poi le versai una tazza di caffè. Allora aggiustai il mio piatto e mi sedetti accanto a lei. Non appena fui al mio posto, si allungò e mi afferrò la testa tirandola verso di sé. Mi baciò appassionatamente come la scorsa notte, facendomi rivoltare ancora una volta lo stomaco.

"Quindi sei bravissima a letto, hai un buon lavoro, hai l'aria di te e cucini anche tu?", Michelle ridacchiò.

“Beh, non sono una brava cuoca ma me la cavo.”, risposi.

"Che importa……. Mi fai venire come se non sapessi cosa", ha riso.

Abbiamo riso e fatto colazione, poi Michelle ha chiamato suo padre per fargli sapere che stava bene. Ha risposto rapidamente e hanno avuto una breve conversazione e l'ho sentita menzionare che ha dormito a casa mia la scorsa notte, il che mi ha sorpreso. Non ho detto una parola al riguardo sapendo che Michelle ha detto che odiava i bugiardi.

Quella sera in qualche modo, l'idea che Michelle fosse una chef si è ripresentata. Ho deciso di vedere quanto fosse seria riguardo all'idea.

“Michelle, vuoi davvero fare lo chef in una cucina?”, ho chiesto.

"Onestamente, voglio fare lo chef nel mio piccolo ristorante", ha risposto.

“Va bene allora, vieni a vivere con me. Non devi lavorare e puoi andare alla scuola di cucina a tempo pieno.”, suggerii.

"Dici sul serio?", chiese Michelle.

“Non te lo chiederei se non fossi serio……. Faccio un sacco di soldi. Trasferisciti da me, rinuncia all'appartamento e vai a scuola. Fai il tuo lavoro di lato, se vuoi.”, suggerii.

"Proprio così... capovolgere il mio mondo?", Rispose.

"Tesoro, non ti sto chiedendo di fare nulla... sto solo dicendo che se è quello che vuoi, allora prendilo.", ho esortato.

“Non lo so Tim. È così generoso da parte tua, ma non sono sicura che potrei sentirmi a mio agio a vivere qui senza fare nulla", sospirò.

“Capisco Michelle, ma se cambi idea….. sono qui per te.”, risposi.

Mi ci è voluto quasi un mese per convincere Michelle a trasferirsi da me e un appuntamento a pranzo con suo padre. Finito il pranzo con Michelle e suo padre, mi sono sentito a mio agio con lui. Immagino che debba essere difficile per un padre guardare dall'altra parte del tavolo un uomo che sa che si sta scopando la sua bambina.

Abbiamo trasferito le cose di Michelle a casa mia in un solo fine settimana. I mobili che teneva li abbiamo avvolti nella plastica e li abbiamo messi nel mio garage. Dato che si era allenata con me ogni giorno in palestra, aveva perso la maggior parte dei suoi vestiti. Fondamentalmente aveva bisogno di un guardaroba completamente nuovo.

Michelle è stata molto fortunata ed è stata subito accettata al Le Cordon Bleu Culinary Institute. Ha lavorato tanto in classe quanto in palestra completando il corso in diciotto mesi. Non posso iniziare a descrivere quanto siano stati duri quei diciotto mesi per noi due. L'azienda aveva quasi raddoppiato i suoi clienti con probabilmente il quaranta per cento che cadeva sul mio piano. Avevo assunto tre nuove ragazze per aiutare con tutte le ricerche e l'archiviazione che venivano fatte quotidianamente. La giornata di Michelle iniziava alle nove del mattino fino quasi alle sette di sera prima che tornasse a casa. Faceva la doccia, poi si sedeva al bancone della cucina e faceva ricerche su cibi, spezie e ricette che aveva trovato. Molte volte trovavo Michelle profondamente addormentata con la testa sul bancone profondamente addormentata. Ma sapevo che questo era ciò che voleva e l'ho aiutata in ogni modo possibile.

Quando Michelle si diplomò, l'executive chef della scuola chiamò un suo amico che possedeva un ristorante a New Orleans. Ha menzionato Michelle e quanto duramente aveva lavorato e gli ha chiesto se poteva offrirle un apprendistato nel suo ristorante. Ha accettato e prima che avessimo il tempo di respirare, Michelle era a New Orleans a cucinare sei giorni alla settimana al Batreaux's Bistro, un ristorante di fama mondiale. Doveva fare un apprendistato di tre mesi e poi tornare a casa. Avevo affittato per lei un piccolo appartamento a un isolato dal ristorante, il che le rendeva le cose molto facili.

Mentre Michelle era a New Orleans, un cliente di lunga data di Richard Butler è morto di demenza. Sidney Wilton aveva accumulato una fortuna nel settore immobiliare durante i suoi novant'anni sulla terra. Dal mio incontro con Richard, ho appreso che Sidney aveva tre figli naturali e un figlio adottivo, una figlia. A quanto pare, negli ultimi dieci anni della sua vita ha vissuto a casa sua con la figlia adottiva. Gli ultimi quattro anni sono stati difficili, lo ha servito mani e piedi ventiquattro ore al giorno.

Richard Butler conosceva bene i suoi figli naturali. Il signor Wilton li aveva viziati a morte e l'unica volta che andavano a trovarlo era quando volevano soldi. Richard ha dichiarato di averlo trattato in modo orribile così come la figlia adottiva che si è presa cura di lui. Tuttavia, ciò che i bambini nati naturali non sapevano era che Sydney Wilton aveva chiesto a Richard Butler di redigere un nuovo testamento circa tre anni fa.

La mattina seguente, il fascicolo completo su Sydney Wilton è stato consegnato al mio ufficio in otto grandi scatole di cartone. Richard Butler aveva procura ed era l'esecutore testamentario. Dopo una settimana passata a sistemare tutte le proprietà che il signor Wilton possedeva e le sue finanze personali, ero sopraffatto.

A partire dall'ultima perizia, solo le sue proprietà erano valutate a settantuno milioni di dollari. La sua casa personale è stata valutata tre milioni e centomila dollari. La sua casa per le vacanze in Florida è stata valutata poco più di due milioni di dollari. Possedeva diverse automobili d'epoca che avrebbero dovuto essere valutate e vendute.

Il suo conto corrente personale conteneva più di due milioni di dollari e aveva un conto secondario di novecentomila dollari per le spese domestiche. Inoltre, le sue partecipazioni in borsa erano valutate a circa sessanta milioni di dollari. Senza contare nulla di cui non ero a conoscenza, la proprietà era valutata quasi centoquaranta milioni di dollari.

Richard ha organizzato un incontro con i quattro bambini un venerdì mattina in modo da poter eseguire il testamento. Quando sono arrivato nella sala conferenze, Robin Woods era già lì. Insieme a Richard Butler e Bill Thompson, che era il nostro avvocato fiduciario e testamentario, e Linda, una delle nostre stenografe.

La mia relazione con Robin era a dir poco tesa. Abbiamo parlato raramente e lei ha incolpato Michelle per essere stata coinvolta con me. Ha affermato di volersi riconciliare con me, ma Michelle ha rovinato tutto. L'unica cosa che ha trascurato è stato il fatto che non avevo intenzione di avere mai più una relazione con lei.

Tutti sono arrivati ​​dalla famiglia Wilton ed è diventato subito evidente chi era reale e genuino. I tre figli naturali, Sydney Wilton Jr., Marvin Wilton e Vanessa Wilton erano tutti adornati con abiti costosi e gioielli di alta gamma.

La figlia adottiva, Mary Stein, era la figlia della governante di lunga data del signor Wilton, Margaret Stein. La signora Stein ha avuto un grave ictus molti anni fa ed è morta quasi all'istante. Sua figlia, Mary, è rimasta sola senza tutore. Poiché non c'erano parenti stretti, Sydney Wilton ha intrapreso il processo di adozione formale di Mary Stein.

Mary sembrava completamente fuori posto in una stanza piena di avvoltoi che sbavavano nel raccogliere fino all'osso la vasta fortuna di Sydney Wilton. L'espressione compiaciuta che avevano sul viso mi fece venir voglia di prendere a pugni quei tre. Alla fine, il signor Butler ha preso in carico la stanza e ha dato inizio alla riunione.

«Come forse saprai o meno, tuo padre ha eseguito un nuovo testamento nel duemilaquindici. Quindi, qualsiasi testamento datato prima del quattro dicembre duemilaquindici è nullo.”, iniziò.

Lo sguardo sui volti dei suoi figli naturali era impagabile. Senza dubbio, hanno subito pensato al peggio, come avrebbero dovuto.

“Ai miei figli naturali, Sydney Wilton Jr, Marvin Wilton e Vanessa Wilton, lascio la somma di dodici milioni di dollari ciascuno. Questa somma sarà pagata dalle mie partecipazioni di mercato in contanti. Pagherò anche tutte le tasse relative a questa eredità per ognuno dei miei figli.”, iniziò Richard.

“Ehi, che schifezza è questa?”, ha affermato Vanessa Wilton, alzando la voce.

“Mi lascerai leggere questo testamento nella sua interezza senza commenti. Sono stato l'avvocato di tuo padre per oltre trentacinque anni e un caro amico personale. Non gli mancherai di rispetto in ogni caso o ti farò allontanare da questo edificio.”, disse Richard, severamente.

«Ora torniamo al testamento. Alla mia figlia adottiva, Mary Ann Stein, vi lascio con questo. Ti ho visto crescere da bambina spaventata a donna giovane, generosa e premurosa. Non una volta nella tua vita ti sei avvicinato a me per qualcosa di valore monetario. Niente vestiti, niente macchina e niente casa. Negli ultimi anni della mia vita, quando la mia salute è peggiorata, non mi hai mai lasciato. Non mi hai chiesto niente, ma mi hai dato tutto in cambio. I miei stessi figli non verrebbero a trovarmi a meno che non avessero bisogno che firmassi un assegno per loro", ha continuato Richard.

“Pertanto, lascio la mia casa personale, la mia casa per le vacanze, tutte le proprietà elencate in SMI Properties Inc., tutto il denaro nei miei conti personali e il portafoglio rimanente dei miei investimenti di mercato a mia figlia adottiva, Mary Stein. Non posso dirti molto che ti amo, ma in qualche modo spero che questo lo faccia. ", ha continuato Richard.

Mary Stein singhiozzava sommessamente con la testa tra le mani. D'altra parte, i tre figli naturali erano assolutamente indignati. Apparentemente, Vanessa era la leader del ring dei tre e ha parlato rapidamente.

"Allora, quanto guadagna esattamente?", chiese Vanessa, indicando Mary che stava ancora piangendo sommessamente.

"Bene, Tim, il nostro CPA, ha effettuato una revisione preliminare delle risorse, quindi gli ho lasciato rispondere a questa domanda", ha risposto Richard.

“Poiché ognuno di voi riceverà dodici milioni di dollari ei fondi per le tasse su quel dono, stimo che il saldo dell'eredità sia di circa novanta milioni di dollari.”, dissi.

"Quindi, noi prendiamo dodici milioni ciascuno e lei ottiene novanta milioni, assolutamente no.", ha urlato Vanessa.

Questo sarebbe diventato rapidamente uno spettacolo di merda e potevo vedere Richard Butler arrabbiarsi con i bambini Wilton. Dopotutto, dodici milioni di dollari non sono niente da starnutire. Prima che Richard potesse rispondere, Mary Stein parlò.

"Sig. Richard, non mi interessano i soldi. Possono avere tutto ciò di cui ho bisogno è una piccola casa in cui vivere. Sono disposto a uscire e mantenermi. Mio padre mi ha accolto quando non avevo nessuno. Semmai, glielo devo. ", disse dolcemente, le lacrime le rigavano le guance."

“Fantastico, le compreremo una casa e poi noi tre divideremo il resto per tre.”, Vanessa sorrise, appoggiandosi allo schienale della sedia.

"Mio Dio bambino, mi stupisci semplicemente.", Rispose Richard, asciugandosi le lacrime dagli occhi.

"Allora, quanto velocemente possiamo farlo?", ha chiesto Marvin Wilton.

"Figliolo, questo è già fatto.", Rispose Richard, poi sporgendosi verso Mary Stein.

“Mary, non puoi semplicemente rinunciare verbalmente alla tua eredità e darla via. Per legge, ora controlli tutti i soldi del tuo defunto padre. Qualunque cosa. Dovrei andare in tribunale e farti rimuovere come erede principale, quindi fare un controllo finanziario completo di tutti gli investimenti", iniziò Richard.

“Mary, tuo padre voleva che tu avessi questa eredità. Questo era il suo ultimo desiderio e mi ha fatto giurare che lo avrei fatto. Quindi, prima che questo sfugga di mano, tutti devono andare a casa e riposarsi un po'. Mary, voglio che fissi un appuntamento con Tim tra una settimana circa e ti lasci consigliare su come procedere. Se alla fine vorrai darlo via, onorerò i tuoi desideri e prenderò accordi", ha detto.

Tutti iniziarono ad alzarsi per andarsene spingendo le sedie sotto il tavolo delle riunioni. Ho iniziato a fare il giro del tavolo verso Mary Stein per darle uno dei miei biglietti da visita in modo che potesse fissare l'appuntamento. Prima che potessi aggirare il tavolo, Marvin Wilton le si avvicinò afferrandola per un braccio.

“Faresti meglio a firmare quei documenti, Mary. Quei soldi appartengono a noi, non a te.”, ringhiò.

Sono arrivato circa un secondo dopo afferrando il suo braccio che teneva quello di Mary. Si voltò e mi guardò immediatamente rendendosi conto di essere gravemente sconfitto.

“Lasciala andare.”, dissi, con calma.

"Toglimi le mani di dosso", urlò.

"Se non la lasci andare, ti spezzo il braccio.", l'ho avvertito, con calma.

Marvin l'ha lasciata andare velocemente e, a sua volta, l'ho rilasciato. Borbottò qualcosa a Richard Butler, poi i tre se ne andarono. Ho chiesto a Mary se stava bene e lei ha annuito. Le ho consegnato la carta e le ho detto di chiamarmi in qualsiasi momento. Ha promesso che l'avrebbe fatto e ha lasciato anche lei la stanza. Robin è stato fino a lì così come lo stenografo.

"Richard, mi dispiace per quello che è appena successo ma è una brava signora.", dissi a bassa voce.

“Diavolo, avresti dovuto metterlo fuori combattimento. Ti avrei salvato volentieri.”, Richard rise.

Siamo usciti tutti in fila e siamo tornati ai rispettivi piani. Robin salì in ascensore con me e le porte si chiusero. È stata una sensazione a dir poco imbarazzante finché Robin non è scesa sul pavimento. Non odiavo Robin, tutt'altro. Era una donna giovane, vibrante e bella di cui forse ero innamorato diversi anni fa. Ma ultimamente, non sapevo proprio come comunicare con lei.

Michelle mi ha chiamato quella notte e in pratica ha ammesso di essere svuotata fisicamente ed emotivamente. Si stava ancora allenando in una palestra vicina, ma ha ammesso di essere colpita quasi ogni notte da ragazzi diversi. Ha ammesso quanto le mancassi e non vedeva l'ora di essere di nuovo tra le mie braccia.

Il lato positivo è che ha imparato da Brad Batreaux a cucinare in stile cajun. Ha ammesso che se mai avesse aperto un ristorante, avrebbe caratterizzato un bel po' di cucina di New Orleans. Poi ha ammesso che Brad le aveva chiesto di rimanere per altri sessanta giorni. C'era ancora qualcosa che doveva imparare. Non ho preso bene la notizia, ma non potevo lasciare che Michelle sentisse la mia delusione. Ho risposto che da quando c'era già c'erano altri due mesi quando si trattava della sua carriera. Quando ha riattaccato, è sembrata sollevata dal fatto che l'avessi presa così bene.

I fine settimana erano sempre i più difficili, semplicemente non era una casa senza Michelle lì. Quel pomeriggio ero seduto sul divano quando ho chiamato Stan Woods per informarlo che Michelle potrebbe rimanere a New Orleans per altri due mesi. Sembrava deluso quanto me, ma dopo tutto questo era quello che voleva fare. Ha ammesso che lei lo chiamava più volte alla settimana e parlava. Gli diceva sempre quanto apprezzava il mio sostegno e il mio amore.

Più tardi quella notte, ero quasi addormentato nel letto quando squillò il mio cellulare. Ho guardato il comodino per vedere che era Michelle che chiamava. Ho preso il telefono e ho risposto.

“Cosa stai facendo, piccola?”, chiese.

“Sono a letto?”, risposi piano.

“Con chi?”, ridacchiò.

"Lo sai meglio di così, piccola.", risposi.

"Lo so, guarda riaggancia e tornerò su FaceTime.", ridacchiò, riattaccando.

Penso che mi siano mancate soprattutto le risatine di Michelle. Era così adorabile quando rideva, volevo solo mangiarla viva. Fedele alla sua parola, il mio telefono squillò di nuovo meno di un minuto dopo. Ho risposto al telefono per vedere il bel viso della donna che avevo imparato ad amare e rispettare così tanto.

"Ehi piccola.", rise.

"Ciao dolcezza…. È così bello vederti.”, risposi.

"Sono scesa presto stasera, quindi volevo parlarti", ha detto.

Era sdraiata sul lettino dell'appartamento con le coperte tirate su fino alle spalle. Darei qualsiasi cosa per stare in quel letto con lei, ma essere di supporto era ciò di cui aveva bisogno ora. Prima che potessi dire qualcosa, ha gettato le coperte alla sua destra dandomi una visione chiara di tutto il suo corpo. Indossava una maglietta bianca con un paio di mutandine di pizzo bianco.

"Vedi tutto quello che ti piace.", ridacchiò.

“Oh cavolo sì…..”, risposi subito.

Allungò la mano e tirò le mutandine di lato rivelando una figa bagnata luccicante. Spinse un dito dentro di sé poi lo tirò fuori mettendolo in bocca, poi succhiandolo. Tirò fuori il dito dalla bocca, poi allungò una mano tra le gambe e cominciò a massaggiarsi delicatamente.

"Ti piace, piccola?", disse, dolcemente.

"Oh mio Dio, sì.", ho risposto.

"Fammi vedere il tuo cazzo, tiralo fuori", implorò.

Gettai da parte velocemente le coperte e infilai la mano nei miei boxer tirando fuori velocemente il mio cazzo duro. L'ho avvolto con la mano destra e ho cominciato ad accarezzarmi su e giù regolando il telefono in modo che Michelle potesse vedermi mentre mi masturbavo.

"Oh sì piccola, accarezza quel fottuto cazzo.", ha esortato.

Michelle ha posizionato il suo telefono in modo che potessi vedere le sue dita che si tuffavano dentro e fuori dalla sua figa fradicia. Il solo vedere Michelle masterbate di fronte a me mi ha mandato rapidamente oltre il limite.

"Cazzo piccola, sto venendo.", ho urlato, mentre la sborra sparava dritta in aria atterrando sul mio stomaco.

"Oh babyyyyy.", gridò Michelle, il suo corpo tremava sul letto.

CAPITOLO TREDICESIMO

Diverse settimane dopo, incontrai Mary Stein da sola nel mio ufficio. Mary mi ha ammesso che era sopra la sua testa con la posizione in cui si trovava. Non aveva idea di come gestire la vasta ricchezza che le era stata lasciata. Ha detto ancora una volta che sarebbe disposta a dare via tutto in cambio di una vita semplice. Dopo quello a cui avevo assistito dalla famiglia Wilton, non sarei andato giù senza combattere.

“Mary, lascia che Butler, Land e Reyes gestiscano tutto per te. Assumerò un agente immobiliare per gestire gli immobili, mi occuperò dei tuoi investimenti e delle tasse. Non dovrai mai più lavorare per il resto della tua vita, goditela Mary. Ho esortato.

Abbiamo passato le quattro ore successive a mettere insieme un pacchetto con cui Mary si sentiva a suo agio. Metterei da qualche parte circa venti milioni di dollari in buoni del Tesoro. Avrebbe ricevuto poco più di centomila dollari al mese depositati direttamente sul suo conto corrente. Avrebbe più di un milione di dollari di liquidità ogni anno per vivere.

Assumerei un agente immobiliare per gestire le proprietà che ora ha acquisito e trasferiremmo i profitti in una nuova società immobiliare che avremmo formato. Ho preso il certificato di morte e il testamento insieme alla procura che Mary mi aveva consegnato. Andammo alla banca accanto che usavamo in azienda e trasferimmo un milione novecentosettantacinquemila dollari su un nuovo conto corrente intestato a Mary Anne Stein. Le hanno rilasciato immediatamente una carta di debito e una carta di credito. Era incredibile come le persone che avevano un sacco di soldi non aspettassero mai niente.

Due settimane dopo, abbiamo avuto un ultimo incontro con Mary Stein e la famiglia Wilton. Ogni bambino ha ricevuto un assegno bancario per un importo di dodici milioni di dollari. Mary Stein aveva deciso di lasciare la casa in cui era morto il signor Wilton. Ha generosamente donato quella casa e la casa per le vacanze in Florida ai tre bambini. Ai bambini ha donato anche gli arredi, le sette automobili d'epoca e lo yacht.

Richard Butler ha messo Mary in contatto con sua sorella in modo che potesse trovare un'altra casa che le piacesse. Mi ci è voluto poco più di un mese per finalizzare tutto per Mary. Butler, Land e Reyes erano ora il suo agente esclusivo e procuratore legale per le sue questioni finanziarie. Era un giovedì sera, diversi giorni dopo, quando non riuscivo a smettere di guardare l'orologio. Michelle sarebbe arrivata verso le sei e sarebbe finalmente tornata a casa. Sono partito il giorno dopo, venerdì, così ho potuto trascorrere tre giorni ininterrotti con lei a casa.

Ero seduto accanto all'atrio cinque minuti dopo le cinque aspettando con impazienza l'arrivo di Michelle. Verso le sei e un quarto, hanno annunciato che il volo di Michelle era atterrato e mi sono trasferito al gate degli arrivi. Ci sono voluti diversi minuti ma alla fine l'ho vista correre su per la rampa trascinandosi dietro i bagagli. Saltò tra le mie braccia e premette la sua bocca contro la mia in un urgente bacio appassionato. Non importava chi c'era o cosa pensavano, avevo aspettato questo momento per più di cinque mesi. Alla fine la misi tra le mie braccia ancora attorno a lei abbracciandola forte. Non sono sicuro per quanto tempo l'ho tenuta, ma non è stato abbastanza. L'ho lasciata andare, mi sono chinato e ho afferrato la maniglia della sua valigetta e siamo usciti mano nella mano dall'aeroporto.

Era così entusiasta di dirmi cosa aveva imparato a New Orleans e quanto le aveva insegnato Brad. Ha continuato per quasi trenta minuti a raccontarmi tutta la cucina cajun che voleva presentare nel suo ristorante.

Entrammo nel vialetto pochi minuti dopo le sette. Michelle andò dritta al grande divano nel soggiorno e vi si lasciò cadere.

"Dio, è così bello essere di nuovo a casa", sospirò.

Tirò fuori il cellulare dalla tasca posteriore e chiamò Stan Woods per fargli sapere che era arrivata sana e salva ed era con me. Hanno parlato per diversi minuti e lei ha promesso di vederlo il giorno dopo. Michelle ha detto che voleva riempire la grande vasca nel bagno principale con bagnoschiuma e immergersi per circa un'ora. Sono andato in fondo al corridoio e ho aperto l'acqua per lei, poi ho afferrato i suoi asciugamani e li ho appoggiati sul lavabo.

Tornai in cucina, mi versai un bel bicchiere di tè freddo e mi sedetti sul divano a guardare la televisione per un po'. Circa trenta minuti dopo, sono tornato nella camera da letto principale proprio mentre Michelle usciva dal bagno con un asciugamano avvolto intorno a lei. Ho preso una maglietta e un paio di boxer e poi mi sono fatta una doccia. Quando sono uscito dal bagno, Michelle era già a letto sotto le coperte. Mi avvicinai e tirai su le coperte scivolando nel letto accanto a lei.

Immediatamente si arrampicò su di me chinandosi e baciandomi. I seni sodi di Michelle premevano contro il mio petto mentre mi spingeva la lingua in bocca. Si sollevò leggermente e afferrò il mio cazzo eretto e spinse la testa nella sua apertura bagnata. Pochi secondi dopo ha toccato il fondo su di me che si muoveva lentamente avanti e indietro.

“Cazzo, sono mesi ormai che voglio sentire il tuo cazzo dentro di me.”, disse dolcemente.

"Dio, sei così bagnata e stretta piccola.", ho risposto.

Si chinò e si fermò a pochi centimetri dal mio viso con gli occhi pieni di passione. Allungò la lingua e mi leccò le labbra, qualcosa che sapeva che la amavo fare. Era passato troppo tempo per Michelle e solo il leggero movimento avanti e indietro sul mio cazzo l'ha mandata in un violento orgasmo.

"Figlio di puttana, sto venendo... cazzo...", urlò, il suo corpo si contorceva sul mio.

Ci vollero quasi venti secondi prima che Michelle aprisse gli occhi e si riprendesse dall'orgasmo che l'aveva appena colta di sorpresa. Si chinò e mi baciò dolcemente con la lingua all'interno della mia bocca. Mi baciò per un paio di minuti poi si sollevò dal mio cazzo eretto. Si è spostata lentamente lungo il letto fino a trovarsi tra le mie gambe accarezzandomi dolcemente il cazzo su e giù. Si chinò e prese la testa del mio cazzo nella sua calda bocca bagnata. Ha usato la lingua sulla parte inferiore sensibile del mio cazzo mentre usava dolcemente la punta delle dita sulle mie palle.

"Oh cazzo piccola, è così bello.", gemetti.

Cominciò a muovere lentamente la bocca su e giù sulla mia asta eretta, la sua lingua mi leccava dolcemente. Si è spostata lungo la mia asta fino a quando la testa del mio cazzo era nella sua bocca. Ancora una volta, la sua lingua scivolò lungo la parte inferiore del mio cazzo mandandomi oltre il limite.

"Sto per venire piccola.", ho avvertito.

"Uh-huh.", mormorò, la sua bocca ancora su di me.

"Tesoro, vado a... scopare", ho urlato.

La prima esplosione ha sorpreso Michelle mentre lo sperma scorreva dalle sue labbra. Il mio cazzo continuava a saltare dentro la sua bocca calda vomitando un denso sperma bianco nella sua bocca. Ha staccato la bocca da me e corde di sperma sono cadute dalle sue labbra sul mio cazzo. Allungò la lingua e leccò la testa del mio cazzo spalmando lo sperma su e giù per la mia asta dura. Poi mi ha preso in bocca di nuovo succhiando ciò che restava del mio orgasmo dal mio cazzo. Mi ha tenuto in bocca finché non sono stato molle e sfinito. Si è spostata e ha appoggiato la testa sul mio petto, continuando ad accarezzare il mio cazzo morbido.

"Spero che tu riesca a far alzare di nuovo questo stronzo.", ridacchiò, stringendo forte il mio cazzo.

“Dammi solo qualche minuto bello.”, dissi, baciandole le labbra alzandomi e saltando sotto la doccia.

Mentre stavo uscendo dalla doccia, Michelle entrò. Presi tutti i vestiti e gli asciugamani sporchi e andai in lavanderia a gettarli nella cesta. Sono andato in cucina e mi sono versato un bicchiere di tè freddo quando è entrata Michelle. Anche lei ha chiesto un bicchiere che ho versato subito. Girai intorno al bancone della cucina fino allo sgabello su cui era seduta e le porsi il bicchiere. Mi sono seduto accanto a lei così grato che fosse tornata di nuovo a casa. Si girò leggermente sullo sgabello, quindi era di fronte a me.

"Come sta quel cazzone?", Ridacchiò.

"Come sta la tua figa?", ribattei subito.

"Non so, perché non dai un'occhiata?", disse, dolcemente.

Allungai una mano mentre apriva le gambe facendo scivolare la mia mano dentro la cintura delle sue mutandine. Ho facilitato la mia mano nel trovare rapidamente la sua apertura calda e umida. Chiuse gli occhi e sospirò mentre il mio dito penetrava nelle pieghe della sua figa. Era bagnata come al solito quando il mio dito trovò la sua clitoride strofinandola dolcemente con un movimento circolare. Si sporse in avanti mettendomi le braccia al collo.

"Dannazione piccola, mi fai sentire così fottutamente bene.", mi sussurrò all'orecchio.

Cominciai a baciarle dolcemente il collo e la spalla mentre aumentavo la velocità del mio dito sulla sua clitoride. Strinse il suo abbraccio attorno al mio collo mentre mi prendeva il lobo dell'orecchio tra le labbra facendo scorrere la punta della lingua dentro il mio orecchio. Ho iniziato a strofinarla il più velocemente possibile con la mano nelle sue mutandine. È durata diversi secondi prima di raggiungere l'orgasmo sul mio dito, il suo corpo teso e rigido per diversi secondi.

Non sono sicuro di quanti orgasmi abbia avuto Michelle quel fine settimana, ma ha confermato che domenica sera la sua figa era dolorante e aveva bisogno di una pausa. Sono tornata al lavoro lunedì e Michelle è andata a fare la spesa per comprare del cibo così da poter iniziare a cucinare per me la sera, chiedendomi la mia opinione sui piatti che voleva servire.

Il mio primo piatto quella sera era una bistecca di hamburger con purè di patate all'aglio con pezzetti di pancetta e mais bollente. Michelle mi ha servito al bar come se fossi il suo primo cliente. Il piatto consisteva in un chilo e un quarto di bistecca di hamburger con funghi e cipolle, tre cucchiai colmi di purè di patate all'aglio con un grosso cucchiaio di mais in una salsa leggermente rossa.

Dopo tre morsi di bistecca e un cucchiaio di ciascuno dei contorni, ero convinto che Michelle fosse nata per essere una chef. Michelle mi ha informato che la bistecca dell'hamburger era un mix 80/20 di carne macinata con una miscela di carne di maiale macinata. Tutto il condimento è stato messo nella carne di maiale macinata per non sovraccaricare il mix di carne macinata. Si capiva che c'era qualcosa di aggiunto all'hamburger, ma finché Michelle non me l'ha detto non sono riuscito a capirlo. Le purè di patate sono state montate fino a renderle morbide e cremose. Potresti sentire un leggero sentore di aglio e cipolle bianche tagliate finemente nelle patate. Il mais era fuori dal mondo essendo molto piccante. Michelle aveva preparato una pentola d'acqua e vi aveva aggiunto del liquido per far bollire il granchio. Ha poi fatto bollire il mais nella miscela di granchio bollente per diversi minuti.

Michelle ha subito chiamato il suo primo piatto Viande Por Williams poiché sono stato il primo ad assaggiarlo. Nel corso del mese successivo, Michelle ha presentato a Stan, Beverly Woods e me una moltitudine di piatti diversi. Stan si fermava a casa mia almeno tre volte alla settimana dove noi tre mangiavamo un altro piatto che Michelle aveva preparato. Stan portava sempre un piatto a Beverly quando tornava a casa.

Michelle aveva completato un menu composto da hamburger, fagioli rossi e riso con salsiccia affumicata o calda, fagioli bianchi con braciole di maiale, gumbo di pollo e salsiccia, Couche-Couche che era un incrocio tra budino e granella di mais che era fantastico, Mirliton ripieno, pasta di pollo cajun, piselli dagli occhi neri cajun, casseruola di riso sporco, braciole di maiale cajun in padella e gamberetti e grana del sud.

Mentre l'anno stava finendo, l'unica cosa che avevo in mente era capire come avrei potuto trovare un modo per aprire un ristorante per Michelle. Non c'era dubbio che avrebbe avuto successo. Tutti quelli che hanno mangiato uno dei suoi piatti sono semplicemente rimasti entusiasti del cibo.

Sapevo che stavo guardando un bonus natalizio vicino a centomila dollari in circa due settimane. Avevo fatto abbastanza bene negli ultimi due anni per qualcuno di appena ventotto anni. Il mio conto di risparmio ammontava a quattrocentoquattromila dollari, il mio conto corrente conteneva poco più di trecentomila dollari. Avevo ancora i quindicimila dollari in cima al mio armadio in contanti e il mio 401K era di circa centonovantacinquemila dollari. Il mio patrimonio netto era di un milione di dollari e non avevo ancora raggiunto l'età di trent'anni.

Alla fine dell'anno, lavoravo sempre io stesso alle tasse e agli investimenti di Mary Stein. Avevamo assunto un altro CPA, Chris Martin e altri due assistenti per il carico di lavoro che avevamo acquisito. Ma avevo convinto personalmente Mary Stein a fidarsi di Butler, Land e Reyes per la sua vita finanziaria. Il giorno prima avevo incontrato l'agente di Corporate Realty, Marty Goodson, che si occupava di tutte le proprietà di Mary. Tutto andava bene con le proprietà e lei mostrava buoni rendimenti su ogni proprietà ogni anno, meno due che erano sfitti.

Le tasse e la manutenzione che stavamo pagando sugli edifici sono state utilizzate come perdita per compensare i profitti realizzati in altre aree. Mary Stein aveva fatto bene negli ultimi anni. Aveva comprato una bella casa in una zona esclusiva di Dallas. Ha viaggiato molto in tutto il mondo visitando diverse città che ha sempre voluto vedere. Mary non sarebbe mai rimasta senza soldi, infatti pagava enormi tasse ogni anno delle entrate che le proprietà avrebbero guadagnato.

Marty Goodson mi aveva mostrato i portafogli sui due edifici in questione. Entrambi erano nei confini della città di Dallas ed entrambi vacanti negli ultimi quattro anni. Una proprietà era piuttosto piccola e poteva essere usata come un piccolo negozio o qualcosa del genere. L'altra proprietà era in un angolo, abbastanza grande con enormi finestre di vetro sui lati della strada. Accanto c'era un parcheggio piuttosto grande che probabilmente poteva gestire settantacinque veicoli contemporaneamente. L'esterno della proprietà era in ottime condizioni ma da quello che ho visto delle foto, l'interno aveva bisogno di molto lavoro.

Ho incontrato Mary Stein quattro giorni prima della nostra festa di Natale annuale, cosa che facevo ogni anno. Ancora una volta, era stata molto redditizia e doveva affrontare un onere fiscale a sei cifre.

"Sai Tim, a volte mi stanco così tanto dei soldi", ha consigliato.

"Capisco Mary, il denaro è quello che faccio per vivere", ho risposto.

“A proposito, ho queste due proprietà qui con cui penso dovremmo fare qualcosa.”, ho offerto, porgendole le cartelle.

Guardò entrambi ma onestamente, non sapeva davvero cosa stesse guardando. Li guardò entrambi e poi me li restituì.

“Tim, fai quello che pensi sia giusto con questi. It’s not like I need the money.”, she laughed.

“I have two ideas for both actually. We could lease out the smaller building to a non-profit for a dollar a year. It would give you a nice write off at the end of the year and you would help a good cause. On the larger building, I would like to work out a deal with you and rent the building for my wife.”, I offered.

“What would your wife use the building for ?”, Mary asked.

“She wants to open a restaurant here locally. She went to culinary school and just recently did a six month apprenticeship at a restaurant in New Orleans.”, I answered.

“Oh that’s wonderful….. hell Tim, for what you did for me, you can have the damn building.”, Mary offered.

“I can’t do that Mary, but maybe we could work out a rental deal.”, I offered.

“Tim, you’re going to have to spend a lot of money renovating the building. Take the damn building, I don’t need it. But the deal is, one table is to be reserved for me for life.”, she said smiling.

“I don’t think I can pass up a deal like that.”, I replied.

Two days later, I owned a fifteen thousand square foot building in the heart of Dallas. I put a picture of the building and the deed in a box and wrapped it as a Christmas present and dropped it off at Michelle’s parent’s house for the Christmas Eve party.

The annual Christmas party at the firm went off well and once again, we had broken the previous year’s revenue. My Christmas bonus was one hundred and four thousand dollars, my biggest thus far. It would come in handy now not knowing what it would cost to make Michelle’s dream come true.

I had spoken to Richard Butler and he had given me a card from a local contractor who had in fact built several food establishments in the city for different people. It was a good place to start and try to get a clear picture of what Michelle’s dream was going to cost. The gift of the building by Mary Stein was huge though.

Michelle and I attended the annual Christmas Eve party at her parent’s house as usual. In fact, Michelle cooked a good deal of the food there that night changing up the menu from the last few years. She had bought a new short red dress that looked amazing and once again was turning heads at the party.

Of course, Robin was there with Jeff, but it appears I notice some tension between the two of them. I noticed Robin looking at me several times during the night. I had noticed lately whenever I saw Robin at work or personally, she always looked unhappy. Jeff seemed like a nice guy, but I had no clue as to how their relationship was.

At about ten o’clock, I slipped the Christmas present to Stan Woods and he snuck it outside when I distracted Michelle in conversation. He got to the table where the disc jockey had set up and grabbed the microphone. This was a traditional where Stan thanked everyone for coming and wished everyone Happy Holidays.

“A little out of tradition this year, it seems that Santa has left one present under my tree early. Let’s see this is for….. Michelle Woods.”, he stated acting surprised.

I nudged Michelle forward in the direction of the table that her father was standing next to. She arrived and Stan handed her the package as he shrugged his shoulders. Michelle looked really confused but began to gently tear away at the wrapping paper. She pulled the top off the box and removed the eight by ten black and white photo of the building. She looked at Stan then back at the picture completely confused. She set the picture back in the box and picked up the white envelope with her name typed on the front.

She handed her father the box and opened the envelope and took the deed out for the building reading it carefully. The deed read MSI Properties Incorporated to Michelle Stacey Woods all property and improvement at 1617 Main State Street inclusive for the sum of four hundred fifty- five thousand dollars and zero cents. When she read the deed, she was still confused and handed it to her father. He scanned it quickly already knowing what was up.

“I think Santa just brought you a restaurant for Christmas.”, Stan advised.

“What……. You didn’t ?” Michelle screamed.

“Nope, I didn’t. He did.” …… Stan replied, pointing at me.

Michelle looked in my direction with the most amazed look on her face. She took off running across the yard and jumped into my arms kissing my entire face. I set her down as she looked up at me, her eyes sparkling in the night lights.

“How…. Where did you find the money….. this can’t be true.?, she babbled.

She listened earnestly as I explained to her what happened and how the building and the parking lot now belonged to her. She looked like a little girl who was about to pee on herself as she jumped around. I told her I had arranged a contractor to meet with her after the first of the year and put a plan together to make her dream a reality. She kissed me over and over then ran back to her parents to tell them everything. I was sitting at one of the tables drinking orange juice when Robin walked up to me.

“You bought my sister a building for Christmas ?”, she asked.

“It’s her dream Robin, she wants a restaurant.”, I replied.

“How did you manage a four hundred thousand dollar building ?”, Robin laughed.

“It’s complicated but let’s say I got a really good deal.”, I answered.

Storie simili

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

2.4K I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

2.2K I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Decoratore d'interni

Maria ha venticinque anni, single, giovane decoratrice d'interni e commessa nel negozio di mobili di famiglia. Aveva bisogno di un accordo stretto. Il compito, tuttavia, si stava rivelando più difficile di quanto avesse sperato. Vari ritardi stavano inducendo gli acquirenti a ripensarci. Oggi sperava che un acquirente entrasse e chiudesse un affare. Non essendo una che usa abitualmente il suo bell'aspetto naturale a proprio vantaggio quando ha a che fare con gli uomini, Maria ha tirato con riluttanza un maglione senza maniche attillato dal suo armadio e una gonna corta complementare. Con solo un piccolo paio di mutandine sotto, si sentiva...

2.5K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

1.8K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2K I più visti

Likes 0

Indottrinamento Capitolo 2_(1)

Questa è la seconda parte dell'Indottrinamento. I commenti sono apprezzati. Quando tornò al suo dormitorio, lo stomaco di Ryan era così teso che si chiese se sarebbe stato in grado di nuotare. L'escalation degli scambi tra lui e Alex gli aveva fatto girare la testa ei suoi pensieri non erano in grado di tenere il passo con le manifestazioni fisiche che continuavano a colpirlo dopo ogni interazione. In questo momento, ad esempio, era difficile pensare a cosa avrebbe potuto intendere Alex quando il suo corpo non riusciva a decidere se voleva vomitare, scopare o semplicemente crollare. Continuava a cercare di ragionare...

3.2K I più visti

Likes 0

Il giorno più bello

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio di come l'avrei mai potuto immaginare. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se voleva che usassi i soldi che avevo vinto nella partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto concedermi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa luccicante che si librava a pochi centimetri dalla mia faccia. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua figa era...

1.7K I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.