Sarah incontra un pazzo

963Report
Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo

Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E quando il tuo cuore è pieno di pura oscurità come il mio, tende a darti un volto di cui le persone non si fidano. Ma quando lo copro con un po' di peli sul viso, mi considerano innocuo.

Come farebbe qualsiasi predatore intelligente, studio sia la mia preda che coloro che vogliono ostacolare i miei piaceri. Sono seduto in una stanza di un motel a guardare la storia di un poliziotto di cui ho dovuto sbarazzarmi due giorni fa. Semplicemente non faccio fermate al traffico. Ma uccidere velocemente non è divertente. Lo faccio solo quando è necessario. Sono disposto ad ammettere che il poliziotto, così come la moglie e i figli del poliziotto, potrebbero non essere d'accordo con me su ciò che è o non è necessario, ma ero io quello con la pistola.

Un lento omicidio è la mia forma d'arte. E come molti dei grandi artisti del passato, sono attratto dal nudo femminile. Grazie a una certa pillola blu, sono riuscito a soffocare (con un sacchetto di plastica) e rianimare la signorina qui a letto per più di tre ore. Ho avuto il mio cazzo dentro la fica mentre stava soffocando; proprio mentre stava per spirare il suo corpo andava in convulsioni che davano piacere al mio cazzo a non finire. Poi la riviverei e lo farei ancora e ancora. Quando mi sono sentito pronto per venire davvero, l'ho letteralmente fottuta a morte. I poliziotti hanno preso tutti i miei tesori quando mi hanno catturato, ma da quando sono stato rilasciato ho ricominciato la mia raccolta. Ho preso la sbarra dal piercing al capezzolo della mia ultima ragazza. Penso che vada bene per me chiamarle "le mie ragazze". Dopotutto, gli do il cazzo della vita.

Ne sto guardando uno nuovo da un po'. Indossa jeans molto attillati e non c'è la linea delle mutandine. Chiaramente non è altro che una troia. E so come trattare le troie. Seguendola ho appreso che vive da sola a casa sua in un quartiere di lusso; un'altra puttana fottutamente ricca che merita di essere abbattuta un piolo o due o tre. Anche immaginare il dolore sul suo viso quando l'ho ferita mi ha reso duro. Ero davvero pronto a godermi questa fica. Era giunto il momento per me di avere un nuovo compagno di giochi.

Mentre stava tirando fuori la sua nuova Audi dal parcheggio di un negozio, mi sono spostato davanti alla macchina e ho mostrato il distintivo che avevo preso dal poliziotto che avevo incontrato prima. Voglio dire, non ne aveva più bisogno e non si è opposto quando l'ho rimosso dal suo corpo, quindi immagino che avesse finito con esso. Si fermò.

«Per favore, scenda dall'auto, signora», ordinai.

"Qual è il problema, agente", ha chiesto mentre scendeva dalla macchina.

«Aprile», le ordinai mentre la spingevo contro la sua Audi. Lei obbedì e, dopo averla accarezzata con delicatezza, le tirai le braccia dietro la schiena e le bloccai i polsi con le manette del defunto poliziotto. L'ho portata sul lato passeggero della sua macchina e l'ho guidata sul sedile. Sono andato dall'altra parte, ho preso il posto di guida, ho avviato la macchina e siamo partiti.

"Non sei davvero un agente di polizia, vero", ha chiesto. In risposta, ho raggiunto la sua parte superiore e ho stretto uno dei suoi capezzoli. La fica era troppo troia per indossare un reggiseno. Strinsi più forte finché non ansimò per il dolore.

"Sei bagnato?"

"Cosa," fu tutto quello che riuscì a dire prima che le torcessi il capezzolo abbastanza da far venire le lacrime.

“Quando io chiedo, tu rispondi. Sei bagnato?"

"Sì", rispose lei con un po' di vergogna nella voce.

"Cifre", dissi, mentre entravo nel suo vialetto. "So che c'è un sistema di allarme", dissi, mostrandole le chiavi, "Qual è per la porta?"

Ha indicato la chiave e mi ha detto che c'era davvero un sistema di allarme, ma non era acceso. Dio, queste puttane possono essere così stupide.

Le ho chiesto se voleva vivere e lei ha risposto di sì. “Se fai qualcosa di ingannevole, ti ammazzo. Ho ucciso un poliziotto un paio di giorni fa, quindi non mi sei utile come ostaggio. Non mi lasceranno mai andare. Fottiti con me e ti ucciderò. Lascia che ti usi e potresti vivere. La tua scelta, dignità o schiavitù; quale scegli?”

"Schiavitù, obbedirò".

«Non si è mai scelto di morire. Cosa è successo alla morte prima del disonore? Togliti quei vestiti e fammi vedere cosa ho ottenuto per il divertimento e i giochi di oggi.

Ben presto fu davanti a me con le gambe divaricate e le mani dietro la testa. Mi piaceva la caduta delle sue tette. Gridavano per i maltrattamenti. Sono quasi venuto quando ho infilato per la prima volta le mie dita nella sua figa umida. Lei gridò. Adoro sentirli piangere e piagnucolare.

"Proprio quello che mi aspetterei da una puttana in calore", dissi, e mi costrinsi a portarmi nella sua camera da letto sulle mani e sulle ginocchia. Una volta lì, mi sono seduto sul bordo del letto e ho lasciato che mi succhiasse per un po'. Dopo alcuni colpi mi sono reso conto che stava andando bene! Non dovrebbe essere così. Sono qui per ferirli; non dare loro piacere. Mi sono tirato fuori da lei e le ho ordinato di sdraiarsi sul letto. Ho tagliato alcune federe da usare come corda e le ho legato le braccia ai pali della testata. Poi ho legato i suoi piedi agli stessi pali della testa. Mi spogliai, posai la pistola e il coltello, strisciai sul letto e la guardai. Mi stava guardando attraverso le gambe. Il suo buco del culo e la sua figa erano rivolti quasi verso l'alto. Mi chiedevo se potevo infilare tutta la mia mano nella sua vagina. Con un piccolo sforzo la stavo portando presto all'orgasmo. Era davvero qualcosa da guardare quando veniva e veniva e veniva.

“Sono contento che ti sia piaciuto, Slut. Quella è stata l'ultima volta che verrai in questa vita. Immagino che fosse ancora in attesa di venire, perché tutta la sua reazione fu un gentile sospiro. Ho iniziato ad avvolgerle un pezzo di federa tagliata attorno al collo, quando è successo qualcosa e io ero sul pavimento. Mi ci è voluto un attimo, ma mi sono ricordato di essere stato colpito da un taser quando ero rinchiuso. Un peso pesante era sulla mia schiena, inchiodandomi al pavimento, mentre le mie mani erano ammanettate dietro la schiena. Una corda era legata intorno alle mie caviglie e mi ha portato le gambe fino alle mani. Un uomo anziano era seduto nudo sul letto e mi guardava.

“Ti ho osservato per un po', figliolo. Non so da quanto tempo sei rinchiuso, ma quando il cartello davanti alla casa dice "Sicurezza", devi solo presumere che ci siano telecamere da qualche parte. Ti ho osservato sorvegliare questo posto nell'ultima settimana. E non appena ho capito che sei tu, ho deciso che tanto valeva divertirmi un po'. Ora Sarah, qui," l'uomo le diede uno schiaffo sulla fica, "non era molto contenta dell'idea di permetterti di controllarla anche solo per un secondo, ma ti avevo ancorato dal momento in cui hai acceso la macchina."

"Ma figliolo", continuò. “Non sprechi solo una bella figa in questo modo. Hai fatto un buon lavoro con le cravatte, te lo concedo, ma se ti guardassi intorno al piano di sotto avresti trovato la nostra stanza dei giochi. Stavo facendo il tifo per te lì. E dopo averla messa in buone condizioni, stavi per ucciderla? Figliolo, è decisamente di cattivo gusto ", ha detto mentre prendeva una frusta," Quando ti sei messo una figa tutta esposta in questo modo, quello che vuoi fare figliolo è ravvivare un po 'il colore. Vuoi che quelle labbra diventino di un vero rosso rosato. Ha fatto cadere il fustigatore e Sarah; ha detto che il suo nome era "Sarah" ha urlato. Ha poi schiaffeggiato la sua figa con la mano aperta. Non stava giocando, come dimostrò il colpo successivo del fustigatore. Il vecchio le schiaffeggiava le labbra della fica con la frusta. Ben presto fu ben abbronzata e mostrava un rosa roseo. Mostrava anche che il vecchio si stava godendo il suo lavoro. Stavo diventando duro guardandolo diventare duro abbronzarsi la figa con quel flogger. Il vecchio scese dal letto, mi allargò le gambe e mi colpì a tutta forza con la fustigatrice. Ha lavorato sull'interno delle mie gambe e sulle mie palle. Lo ammetto, stavo singhiozzando perché smettesse.
Tornò dalla donna. Le accarezzò la figa e la allargò. La figa della donna era cruda eppure lei gli stava rispondendo di nuovo. Cominciai a strofinarmi sul pavimento, ma il dolore era troppo. Mi ha davvero fatto male alle palle. L'ho sentita chiedergli di scoparla. Con quella figa punita? Si fermò sopra di lei ed entrò in lei accovacciandosi e scopandola dall'alto. Ha usato il mio coltello per liberarle i piedi mentre era ancora dentro di lei. Le lasciò le mani legate e cominciò a scoparla comodamente; anche se era duro, e ogni volta che le sbatteva contro la figa, potevo vedere le ondate di dolore attraversarla e uscire dalla sua bocca come suono. Ma lei stava macinando la figa dentro di lui. La guardai avvolgere le gambe intorno a lui mentre venivano. Ho pianto. Non doveva tornare. Doveva essere mia. Doveva essere morta! Fanculo! Semplicemente non era giusto.

L'ha liberata e lei è caduta sul suo cazzo leccandolo e baciandolo. Era abbastanza per far ammalare una persona perbene.
"La sua fica è piena del suo succo e del mio sperma", mi ha detto l'uomo mentre abbassava il taser e mi colpiva nelle mie palle gonfie. Mi afferrò per la nuca e spinse la mia faccia nella sua figa. "Succhia e ingoia", ordinò l'uomo, e dopo essere stato nuovamente incaricato, io obbedii e bevvi i loro succhi d'amore dalla lurida fica della puttana.

L'uomo mi ha fatto pulire la faccia e lavarmi la bocca mentre chiamava la polizia. Dopo avermi lavato, la donna mi ha liberato le gambe e mi ha condotto al piano di sotto e si è vestita. Sono rimasto nudo. Sono stato spinto da dietro dall'uomo e sono caduto di faccia.

"Non voglio che stia in piedi", disse alla donna.

La donna aveva appena finito di allacciarsi gli stivali. Si è avvicinata per essere e mi ha preso a calci nelle costole diverse volte. Potevo sentire le mie costole rompersi mentre urlavo. Dio mi aiuti, quando mi ha messo lo stivale davanti alla faccia, l'ho baciato.

“Hai commesso l'errore di pensare che la sensualità sia uguale alla debolezza. Questa particolare femmina sembra essere mia ed è una guerriera. Avrebbe potuto portarti fuori quando hai fermato la sua macchina, ma abbiamo deciso di divertirci un po' con te prima di consegnarti.»

Ho provato a dire alla polizia che ero stato rapito e aggredito sessualmente, ma sembravano prenderlo come uno scherzo. L'uomo ha ammesso di essersi lasciato prendere la mano quando ha trovato un noto assassino di poliziotti in procinto di violentare la sua donna.

I poliziotti hanno pensato che l'uomo avesse agito in modo ragionevole. Non credevano che l'avrebbe scopata davanti a me. Hanno riso quando ho raccontato come sono stato costretto a mangiarla. A nessuno importava che fossi violato!
Questa è la mia affermazione. Fallo scrivere a macchina e io lo firmerò. Promettimi solo che non lascerai che tutto questo torni ai ragazzi dell'istituto. Se tutti scoprissero come sono stato usato, non durerei una settimana.

Fine.

Storie simili

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

329 I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Madeliene è solo deserti

Correndo verso la sua macchina con un vestito nero attillato e tacchi alti con cinturino alla caviglia, Madeliene non si accorse dell'uomo in piedi nell'ombra finché non si schiarì la voce. Voltandosi per affrontarlo, vide un uomo alto e muscoloso in pantaloni neri, maglietta e berretto da baseball. Prima che possa reagire, c'è uno scoppio del dispositivo nella sua mano e il suo mondo esplode mentre i dardi del taser la colpiscono nelle costole, erogando 10,00 volt. Crolla sul pavimento del garage, contorcendosi ma incapace di muovere un muscolo da sola. L'uomo la gira rapidamente e le ammanetta le mani dietro...

1.3K I più visti

Likes 0

Una notte sorprendente

I miei amici e io ci siamo sempre divertiti a sperimentare nuovi modi di intrattenerci a vicenda, ma fino a poco tempo fa eravamo a corto di vapore. Io e Dave abbiamo lavorato nella stessa azienda negli ultimi quattro anni, mentre le nostre rispettive amiche, Susan e Jenny, possiedono una piccola boutique di moda. Di solito dopo aver visitato un wine bar o un club, tornavamo a casa mia per un bicchierino o due. Dopo il viaggio di sabato scorso in un wine bar spagnolo locale, eravamo tutti abbastanza allegri e abbiamo deciso di comprare dell'altro vino e tornare a casa...

1.1K I più visti

Likes 0

Ora è la tua occasione, ragazzo

Storia di Fbailey numero 415 Ora è la tua occasione, ragazzo La nostra famiglia è piuttosto unita e abbiamo sempre compagnia nei fine settimana. Papà è vicepresidente in un'azienda manifatturiera qui in città, mamma è segretaria esecutiva in un'altra azienda manifatturiera in città, e io ho quattordici anni e andrò al liceo in autunno. La terza media è un po' spaventosa per me. Essere un nerd informatico, vergine, e avere una grande casa nella parte migliore della città mi renderà sicuramente un bersaglio per gli atleti. Non vedo l'ora di farlo. La nostra camera familiare era il luogo d'incontro generale. Aveva...

904 I più visti

Likes 0

Secondi sciatti_(10)

Finalmente ho i miei secondi sciatti, quindi ho Toni seduto sulla mia faccia che le dice di spingere fuori che viene mentre la mangio fuori. È così piena che il mio viso, il collo e il petto sono coperti da tutto il gocciolamento, non potevo credere a tutto il venire che aveva ancora immagazzinato in quella figa, ma poi di nuovo ha ricevuto almeno 4 carichi lì dentro. Lei si dimena su tutta la mia faccia mentre le succhio il clitoride e le lecco la figa finché non esplode e mi schizza, ora sono completamente fradicio e anche il letto, lei...

803 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.