Papà e Megan-La conclusione

1KReport
Papà e Megan-La conclusione

La mattina dopo, quando sono tornato al lavoro, ho ricevuto alcune notizie sconvolgenti. Sembrava che il mio ultimo progetto che ho completato due settimane fa, il cliente avesse dei problemi nell'implementare i protocolli che avevo preparato per lui e aveva richiesto i miei regali per guidarlo attraverso di loro. Ciò significava che dovevo volare a Los Angeles il prima possibile. Ha pagato un sacco di soldi alla nostra azienda per produrre questi protocolli, quindi il mio capo voleva che fossi lì per assisterlo in ogni modo possibile, "Non importa quanto tempo ci vuole".

I bambini sarebbero partiti tra una settimana e mezza, quindi ho dovuto fare in fretta. Quando gliel'ho detto, c'erano lacrime e angoscia tutt'intorno. "Mi spiace devo andare." Non c'era altra scelta. Ho preso Megan da parte e l'ho avvertita: “Sai che non sei più al sicuro. Non credo che tu e Bobby dovreste avere più rapporti fino a dopo il vostro prossimo ciclo.»

“Conosco papà. Questo vale anche per te", disse con un sorriso malizioso sul viso.

"Beh, ho un'immaginazione davvero vivida, lo sai", lo stuzzicai di rimando.

"Oh, credimi, lo so", disse ridendo.

"Bene, dovremo solo vedere quando torno."

«Sbrigati a casa, papà», disse, seppellendo il viso contro il mio petto.

«A presto, tesoro», dissi a Marty, abbracciandola e baciandola. "Non fare nulla per cui mi pentirò di non essere qui."

"Sbrigati a casa", è tutto ciò che riuscì a dire.

«Abbi cura di te, campione», dissi a Bobby. «Sei l'unico uomo di casa, ora, cane fortunato. Con queste due volpi in giro, l'unico consiglio che posso darti è di calmarti, ragazzo.»

Lui sorrise e mi diede un grande abbraccio, e poi li salutai tutti, presi le valigie e andai al taxi in attesa.

Quando sono arrivato a Los Angeles e mi sono recato presso l'ufficio del cliente, ho scoperto che erano state apportate alcune modifiche alle applicazioni dei protocolli che avevo scritto e quindi ho dovuto riscriverne diversi e apportare piccole modifiche alla maggior parte del resto. Avrei potuto apportare le riscritture e le modifiche da casa, ma il mio capo ha deciso che, dato che ero comunque là fuori, potevo solo apportare le modifiche necessarie e supervisionarne l'implementazione. Così ho rispettato i miei ordini e sono rimasto fermo per otto giorni.

Chiamavo a casa tutte le sere per parlare con Marty e i nipoti. Avrei sentito chi ha fatto cosa a chi e come ci si sentiva. Dopo aver ascoltato tutti i dettagli ogni notte, dovevo trovare sollievo, quindi ho incontrato Rosy Palm e ho soffiato il mio batuffolo in un Kleenex. Entro la fine della settimana, non ero mai stato così felice di salire di nuovo su un aereo e tornare a casa dalla mia famiglia.

Il mio cuore batteva all'impazzata mentre giravo l'angolo della nostra strada. Riuscii a malapena a ringraziare il tassista perché gli diedi decisamente troppo per una mancia e mi affrettai verso casa con la mia borsa al seguito. Mentre armeggiavo con le chiavi della porta d'ingresso, questa si aprì magicamente e io entrai. Era Megan, in piedi pudicamente, tenendomi aperta la porta. Chiusi la porta dietro di me, lasciai cadere le borse e mi avvicinai a lei con una lussuria selvaggia. Dopo averla schiacciata contro il mio petto, mi sono tirato indietro e ho festeggiato i miei occhi su di lei. Il pensiero di questo momento mi aveva fatto andare avanti durante la scorsa settimana a Los Angeles e ora volevo apprezzarlo.

Mio Dio, era bellissima. I lunghi capelli biondi che le ricadevano sulle spalle, e cosa indossava? Santo cielo, deve essere andata a fare shopping, perché non le avevo mai visto questo vestito prima. Era un prendisole, una cosa di seta bianca, con fiori pastello pallidi nel tessuto. Si aggrappava al suo corpicino mentre si modellava attorno alle sue curve. Aveva dei laccetti sottili che sostenevano il corpetto e il tessuto era così sottile che potevi distinguere i suoi capezzoli che sporgevano dal davanti. Il vestito era abbastanza sottile da poter quasi distinguere la forma delle sue gambe mentre camminava davanti a me portando la mia valigia.

"Dove sono la nonna e Bobby?" chiesi.

“Ho giocato con lei a “Carta, forbici, sasso” per vedere chi ti salutava da solo, per circa due ore, tutto da solo. Indovina chi ha vinto? rispose, molto orgogliosa.

"Oh, sei tu il premio?"

"Solo se vuoi che lo sia", disse lei in tono scherzoso. “Ora, entra e fatti una doccia e togliti di dosso tutta la grinta di Los Angeles. Ti preparo da bere. Era assertiva, come se sapesse cosa voleva e non avrebbe accettato un no come risposta. Così ho fatto quello che mi era stato detto e mi sono diretto verso la camera da letto.

Quando sono uscito dalla doccia, accanto all'asciugamano c'erano un paio di pantaloncini da ginnastica puliti e basta. Sotto i pantaloncini c'era una nota scritta a mano che diceva: "Esci solo con questi pantaloncini e preparati a essere soddisfatto da me per un cambiamento". Cosa significava, "... sii soddisfatto di me per un cambiamento". Mi ha sempre fatto tanto piacere. Non capii, ma infilai i pantaloncini e andai in soggiorno, seguendo le sue istruzioni. Un JD on rocks era seduto sul tavolo accanto alla sedia imbottita. Mi sono guardato intorno ma non ho visto Megan. "Ehi tesoro, faccio rapporto come ordinato", dissi a voce piuttosto alta. In quel momento uscì dalla cucina e camminò lentamente verso di me. Lo sguardo nei suoi occhi era di seduzione.

Mentre stavo lì, lei mi si avvicinò, proprio di fronte, mi guardò negli occhi e mi mise lentamente le mani sul petto. Poi, altrettanto lentamente, mi ha baciato il petto e ha iniziato a far scorrere la lingua lungo il mio petto fino all'ombelico. Quando raggiunse la parte superiore dei miei pantaloncini, mi guardò di nuovo negli occhi e lasciò cadere le mani sulle mie cosce. Istintivamente raggiungo la sua testa con entrambe le mani. Mi fermò, con il comando: “Non farlo! Muovi le mani lungo i fianchi. Non voglio che tu faccia niente. Tutto quello che voglio che tu faccia è divertirti, non muoverti, divertiti e basta.

"Wow", ho pensato. È assertiva. Ma ho obbedito al suo comando e mi sono abbassato con le mani al mio fianco. Poi ho sentito le sue mani scivolare su entrambe le mie cosce finché non hanno raggiunto l'obiettivo prefissato. Balbettai per la sensazione di anticipazione, stimolazione e pura eccitazione quando le sue tenere manine trovarono il mio cazzo, le mie palle e due pugni pieni di peli pubici. Inspirai a denti stretti e le mie ginocchia iniziarono a cedere. I suoi occhi non hanno mai lasciato i miei finché non ha guardato direttamente il mio cazzo gonfio a pochi centimetri dal suo viso. Poi, teneramente, ci mise entrambe le mani attorno, lo tirò un po' in avanti finché non si ritrovò nei miei pantaloncini e gli baciò delicatamente la testa. Ancora una volta ho chiuso, così mi ha detto di sedermi sulla sedia e bere qualcosa. Acconsentii volentieri e mentre riportavo il bicchiere sul tavolo, lei si inginocchiò e mise i gomiti su ciascuna delle mie cosce con il suo essere profondo tra le mie gambe aperte. Le mie mani si afflosciarono di nuovo lungo i fianchi mentre lei mi guardava amorevolmente negli occhi. Senza distogliere lo sguardo dai miei, fece scorrere ancora una volta le mani sui miei pantaloncini e iniziò a massaggiarmi l'inguine.

«Scendi un po'», ordinò. Come ho fatto quello che mi è stato detto, ha esteso la sua portata sotto i miei pantaloncini fino alla vita e ha allungato le dita dall'elastico sui muscoli dello stomaco. Si è affondata le unghie, solo un po', poi ha rastrellato e poi è tornata sull'addome fino all'inguine. Un sussulto mi sfuggì dalla bocca a questa sensazione inaspettata. Poi i suoi pollici sono passati sotto le mie gambe e hanno sondato la mia fessura. Ancora una volta, un sussulto involontario uscì dalle mie labbra mentre chiudevo gli occhi. Le sue mani salirono di nuovo sulla mia pancia e procedettero a rastrellare il mio inguine come prima, ma questa volta tirò fuori il mio cazzo dall'apertura della gamba e lo accarezzò per tutta la lunghezza.

Si è avvicinata al mio petto e ha iniziato a mordicchiarmi i capezzoli, uno alla volta, e poi ha continuato a mordicchiare con i denti fino al mio inguine e infine alla testa del mio cazzo gonfio. Sussultai alla sensazione del mio cazzo che veniva morso. All'improvviso mi ha dato un altro comando: "Papà, guardami". Quando ho aperto gli occhi, tutto quello che potevo vedere era lei che guardava nei miei. Poi, senza distogliere lo sguardo dai miei, si è infilata in bocca la testa del mio cazzo e lentamente ha iniziato a prenderlo in profondità nella sua bocca. Mentre i miei occhi si spalancavano, se lo portò fino alla gola e poi lo spinse ulteriormente. Mentre le sue labbra si aprivano un po' e mi sfioravano i peli pubici, potevo sentirlo giù per la sua gola mentre iniziava a soffocare appena un po'. I suoi occhi non lasciarono mai i miei mentre si ritirava, poi ricominciò a scendere finché la sua bocca non fu completamente sul mio addome. Ne è venuta fuori poco e un filo di saliva ha collegato la sua bocca al mio cazzo. Aveva gli occhi lacrimanti e fece un sorriso soddisfacente, e poi strofinando la saliva sul mio cazzo con la mano, si tuffò di nuovo su di me, questa volta con gli occhi sul suo lavoro. Lo prese sempre più a fondo e, con una grande spinta, se lo spinse in gola ancora una volta.

Dopo aver visto mia nipote "gola profonda", provando l'incredibile sensazione di ricevere il miglior "pompino" che avessi mai provato, il mio controllo è stato colpito. “Oh, Megan tesoro, è così meraviglioso, tesoro. Sono pronto a venire. Si tuffò su di me più forte mentre inghiottiva ancora una volta la sua gola. “Sto per venire! Oddio, Megan, sto venendo!!!”

Mentre le rilasciavo litri di sperma in gola, i miei fianchi si stavano bloccando contro il suo viso e non riuscivo più a trattenere le mani. Ognuno di loro ha trovato un pugno pieno di capelli e io stavo spingendo la sua bocca sul mio inguine peloso con il mio cazzo che le impalava la gola. Più e più volte ho infilato spietatamente il mio cazzo zampillante nella sua giovane gola e più e più volte lei l'ha accettato. Alla fine, ho ricominciato a respirare, quando mi sono reso conto che la povera Megan non riusciva a respirare perché aveva un cazzo incastrato in gola. L'ho rapidamente sollevata da me quando ha iniziato a boccheggiare per respirare.

Ho tirato il suo corpo sul mio e l'ho abbracciata e abbracciata. “Mi dispiace tanto Megan, la mia meravigliosa Megan. Stai bene? Ero così eccitato. Non ho nemmeno pensato che non riuscissi a respirare. Oh, Megan, potrai mai perdonarmi?

“Papà, sto bene, davvero. Ti è piaciuto? Ci ho lavorato e lavorato finché non sono riuscito a farlo abbastanza bene. Ti ha fatto bene, papà?

“Mio Dio, Megan, dove hai imparato a prendertelo fino in gola in quel modo? Voglio dire, hai detto che ci hai lavorato e ci hai lavorato. Con chi? Voglio dire, chi ti ha insegnato?

“Nonna! Ha detto che non avrebbe mai potuto farlo con te perché avrebbe sempre il bavaglio. Ho detto che volevo provare così mi ha insegnato a rilassarmi e finalmente potevo prendere una fetta di salsiccia da sette pollici in gola e non vomitare. La nonna ha detto che saresti stato diverso dalla salsiccia, ma volevo provare. L'ho fatto bene?"

“Oh Dio, Megan, sì, hai fatto bene. In effetti, hai fatto in modo incredibile. Sei incredibile. Ti amo, Megan Adams.

"Oh papà, ti amo anch'io."

Con ciò ha posato la testa sul mio petto e si è riposata lì per molto tempo. Le mie mani stavano inconsciamente strofinando la parte posteriore delle sue cosce. Si alzò improvvisamente e chiese: "Cosa ne pensi del mio nuovo prendisole?"

All'improvviso era in piedi a fare la modella per me. Si voltò, allontanandosi il vestito dalle gambe. Mi stava mostrando il vestito proprio davanti al cursore del patio. Con il sole che entrava dalla porta, potevo vedere chiaramente le sue gambe e la loro giuntura. Si voltò in modo che il suo piccolo culetto sporgesse verso di me. Si guardò alle spalle, sporse un fianco e sollevò l'orlo del vestito fino alla schiena. Istintivamente mi allungo e le do uno schiaffo sul sedere. "Ahia!" gridò, poi si voltò e mi tese l'altro fianco. Ho schiaffeggiato di nuovo mentre gridava e fingeva la sua indegnità. Poi si è voltata verso di me e ha iniziato a giocare al gioco "prendimi se puoi".

“Vuoi giocare, eh. Bene, vediamo se riesci a imparare a non giocare con il toro, perché otterrai il corno.

Ho fatto un salto selvaggio per lei e l'ho presa al primo tentativo. L'ho afferrata per le braccia, l'ho avvicinata al divano e mi sono seduta. Stava lottando all'impazzata, ridendo per tutto il tempo, mentre le tiravo la faccia sulle mie ginocchia. Tenendo con una mano, ho liberato l'altra in modo che potesse portare uno schiaffo deciso sul suo piccolo posteriore ignaro. "Schiaffo!" Risuonò forte, seguito da un grido di Megan. "Vuoi essere sculacciato, eh?" Ho chiesto. "Schiaffo!" Un altro l'ha trovato bersaglio. “Nooo, papà, non voglio essere sculacciato. Ma lo fai! Stava cercando di infliggere un po' di dolore da sola, ma l'ho bloccato con facilità. "Schiaffo!" Questa volta la mia mira è stata perfetta e la gonna le è volata fino alla schiena. "Ahia!" lei pianse. "Schiaffo! Schiaffo!" La mia mano stava atterrando sul suo culetto coperto dalle mutandine ma alcuni dei colpi stavano trovando la pelle nuda. "Oh, papà!" esclamò, ora non combattendo così selvaggiamente. "Schiaffo! Schiaffo! Schiaffo!" Le mie mani ora stavano cercando i punti nudi. "Schiaffo!"

"Ti piace, Megan, essere sculacciata mio tuo papà?" chiesi con voce rauca. All'improvviso mi sono reso conto che il gioco era finito da tempo. Ora stavamo giocando a un nuovo gioco, era un gioco di dare e ricevere dolore.

"Sì" è tutto ciò che è riuscita a rispondere ed è uscito quasi in un piagnucolio. "Perché mi piace essere sculacciato, papà?"

«Lo stesso motivo per cui ti piace prendertelo in gola o ficcartelo nel culo. Ti piace sentire l'emozione di un po' di dolore. Ti eccita e ti piace essere eccitato ', ho spiegato. Che fosse vero o no, non ne avevo la più pallida idea, ma la mia spiegazione mi sembrava abbastanza buona.

«Mi sculacceresti ancora un po'», chiese, con la testa ancora abbassata e il didietro sopra il mio grembo.

"Mi supplicherai?" Ho detto.

"Per favore, papà, mi sculacceresti ancora?"

“Dove vuoi che ti sculacci? Sai che sei stato molto cattivo.

“Lo so, papà, mi dispiace. Voglio che tu mi sculacci sul culo.

"Schiaffo!" “Proprio qui sul tuo culetto. "Schiaffo!" E qui?"

"Oh sì, papà, proprio qui sul mio culetto e anche sull'altra guancia."

"Schiaffo! Schiaffo!" “Che ne dici di lì? Ora allarga le gambe. "Schiaffo! Schiaffo!" E che ne dici di laggiù tra le tue gambe? Ho mosso la mia mano in modo che ora le stesse schiaffeggiando il culo invece che attraverso di esso.

«Oh, sì, papà. Ne ho davvero bisogno laggiù. Sono stato così male. Fagli male laggiù.

"Schiaffo! Schiaffo! Schiaffo!"

“Oh papà, sì, sculacciami il buco del culo e la fica. Fallo rosso. Oh, per favore, papà, sculaccialo di nuovo.

"Schiaffo! Schiaffo!"

“Papà, è così bello. Sculacciami ancora un po'. Per favore papà, sono stato così cattivo.

“Alzati, cattiva ragazzina. Alzati e stuzzicami togliendomi quel vestito. Se mi prendi in giro per bene, ti sculaccio davvero forte sulla tua piccola fica cattiva», le sputai addosso. "Ora alzati e prendimi in giro!"

Rotolò lentamente giù dal mio grembo e, alzandosi di fronte a me, sul suo viso apparve uno sguardo che quasi mi spaventò. Era uno sguardo di pura lussuria animale. Era uno sguardo selvaggio che all'improvviso avrei voluto non aver scatenato. La sua bocca era spalancata, le sue narici erano dilatate, i suoi occhi spalancati e selvaggi. Cominciò lentamente a muoversi a un ritmo inaudito, le sue mani si passavano tra i capelli e le scivolavano lungo il busto. Più e più volte si strofinò il corpo mentre continuava a ondeggiare. All'improvviso si piegò in avanti, sollevò la testa e mi guardò dritto negli occhi. “Sto facendo bene, papà. Ricevo la mia sculacciata?

"Stai andando bene, tesoro, forse non così sensuale, però, più simile a Megan." Non volevo scoraggiarla, in fondo ero io a far emergere questo in lei, ma volevo riportarla poco sulla terra. Sii un po' più simile alla mia dolce piccola Megan.

Immediatamente, la sua espressione cambiò. Era sparita la donna dall'aspetto selvaggio e affamata di sesso che avevo contribuito a creare. Al suo posto c'era la mia bellissima bambina, in piedi timidamente, insicura di se stessa o di cosa fare. Quindi portò lentamente le mani ai lacci e li tirò delicatamente, rompendo il nodo che li teneva insieme. Non li lasciò finché con l'altra mano non le tenne fermo il vestito intorno alla linea del seno. Gradualmente tirò via i lacci e questi le pendevano separatamente sul petto. La sua mano libera unita all'altra regge il vestito. Lo sguardo nei suoi occhi mi diceva che si stava divertendo a prendermi in giro e che avrebbe continuato a farlo il più a lungo possibile. Molto lentamente, le sue mani si fecero strada lungo il petto, fino ai seni e poi, con solo le dita che tenevano l'ultimo pezzo del vestito che le copriva i monticelli fino alla pancia. Esponendo i suoi seni solo per un secondo, il suo braccio è tornato su per oscurare la mia vista dei suoi adorabili seni mentre l'altra mano lasciava che il vestito le si raccogliesse in vita. Fece quel sorriso dolce, piccolo e innocente, poi spostò la mano libera sulla cerniera posteriore e la tirò giù. Non lasciando andare del tutto il vestito, ma tenendolo fermo, si portò la mano alla pancia e di nuovo mi sorrise pudicamente.

Poi, molto lentamente, liberò il vestito mentre si toglieva il braccio dal petto. Il vestito ha toccato terra proprio mentre i suoi seni sono entrati in vista. C'era troppo da accettare. Proprio in quel momento, stavo fissando i suoi piccoli seni impertinenti, in piedi con i loro capezzoli duri che spuntavano dritti. Allo stesso tempo, ho avuto una visione delle gambe tornite della mia dolce piccola Megan. Ho notato il movimento del vestito che cade e, naturalmente, le sue mutandine ricoperte di pizzo che, a un esame più attento, ho potuto vedere attraverso e rilevare la sua fessura che era coperta dal suo letto di peli pubici biondi corti e ricci. Ho assorbito tutto questo durante quell'istante nel tempo.

non riuscivo più a trattenermi. Le ho teso le braccia e prendendola tra di loro, lei si è fatta avanti e mi ha sussurrato all'orecchio: "Mi sculaccerai ancora un po'?"

"Se è quello che vuoi", dissi. Raggiungendo le sue mutandine, le ho tirate su in una linea sottile e le ho fatte passare attraverso la fessura. All'improvviso ebbe delle convulsioni e inspirò profondamente a denti stretti. L'ho strofinato avanti e indietro attraverso la sua fessura, stringendolo in modo che le graffiasse la clitoride e la fessura del culo. Questo la rese di nuovo selvaggia.

"Oh, sì, ficcamelo su per il clitoride, papà!" è esplosa. "Sì, più forte, oh per favore, PIÙ FORTE!"

Le ho tirato forte un lato delle mutandine e l'ho fatta girare, poi le ho tirato giù fino alle caviglie.

«Apri le gambe», ordinai. Mentre si toglieva le mutandine, mise il piede a sei pollici di distanza dall'altro. "Spargili, ho detto!"

Li ha allargati molto di più. "Piegati e afferra le caviglie!" abbaiai.

Se n'è andata lasciando la sua piccola fica fumante a pochi centimetri dalla mia faccia. «Andiamo avanti», urlai. Ancora una volta ha rispettato. Mi alzai lentamente e mi girai accanto a lei sul lato sinistro. Far scorrere la mia mano tra le sue gambe la fece scattare. "Ti piace?"

“Sì, papà. Mi sculaccerai adesso?"

"Schiaffo!" attraverso le sue labbra figa. "Come ci si sente?" chiesi, ridicolizzando la domanda.

"Oh, sì papà, sculacciami ancora un po'."

"Piccola puttana", ringhiai. "Schiaffo! Schiaffo! Schiaffo!" La mia mano è scesa con forza proprio sulle labbra della sua figa. Poi, con l'altra mano, le ho separato le labbra e le ho schiaffeggiato il piccolo clitoride allargato.

“Ahi, oh papà, è così bello! Sculacciami ancora un po', per favore più forte!

"Schiaffo! Schiaffo! Schiaffo!"

"Oh Dio, sto venendo, oh papà, per favore ancora, ancora!"

"Schiaffo! Schiaffo! Schiaffo! Schiaffo!" Con l'ultimo schiaffo, ha iniziato ad avere convulsioni e roteare i fianchi in un organismo incontrollabile. Stava scuotendo la testa, artigliandosi le caviglie e urlando a squarciagola. Era fuori controllo. Si voltò e venne verso di me con vendetta. Spingendomi indietro sulla sedia, cadde in ginocchio e si infilò il cazzo in bocca. Ha subito cercato di prenderlo in gola e ha imbavagliato. Questo non l'ha fermata. Ancora una volta ha cercato di ingoiare il mio cazzo e di nuovo ha imbavagliato.

Ho iniziato a preoccuparmi. L'ho respinta dal mio cazzo e lei è atterrata sul suo sedere. Perse l'equilibrio e nel tentativo di ritrovarlo allargò le gambe larghe e dritte. Non riuscendo a ritrovare l'equilibrio, cadde all'indietro. Approfittando di questa opportunità, le fui sopra in un secondo. Il mio peso era troppo per lei e ha iniziato a piangere per la frustrazione.

“Megan, tesoro, mi dispiace. Sapevo che era meglio che giocare a quel gioco con te. Ora non so cosa fare con te per abbatterti.

“Sbatti la tua cosa in me, papà, per favore, mettila in me. Voglio sentire il tuo cazzo dentro di me!

“Non posso, tesoro, ti ricordi, potresti rimanere incinta. Non vuoi rimanere incinta, vero?

"Non mi interessa, papà, devo sentirti su di me!"

Sapevo che era meglio che stimolarla di più, ma dovevo provare qualcosa. Quindi mi sono innamorato di lei. Le divaricai brutalmente le gambe e seppellii la lingua più in profondità che potevo nella sua vagina gocciolante. Alzai le mani e le pizzicai forte i capezzoli.

"SÌ, papà, più forte, per favore!"

Ho rilasciato il suo capezzolo sinistro con la mano destra e ho infilato tre dita nella sua figa gocciolante, mentre iniziavo a succhiare forte il suo clitoride eretto. Questo sembrava funzionare perché ha inarcato la schiena in alto da terra e ha spinto la sua figa proprio nella mia mano e faccia. Ha iniziato a urlare.

“OOOHHH, GGOOODDD, YYEESSS!!! SI!!! OH, PAPÀ, YYEESSS!!!"

Poi rimase in silenzio. Per molto tempo non si è mossa.

"Wow, questo è un orgasmo!" disse Marty. "Perché non mi porti a un orgasmo del genere?"

"Oh Dio, Marty, da quanto tempo voi due state lì", dissi nonostante la mia stanchezza.

“L'abbiamo sentita nel garage, George, mio ​​dio, cosa le hai fatto? Siamo entrati e voi due eravate lì, lei con la sua figa a due piedi dal pavimento e tu con la tua mano nella sua fica e la tua faccia sulla sua clitoride. Mio Dio, George, cosa hai fatto al povero bambino?

«Oh, mio ​​Dio, Marty, non chiedere. Vieni qui. Devo avere un po' di sollievo, per favore.

"Hai bisogno di sollievo, dopo aver visto quell'orgasmo, anch'io ho bisogno di sollievo."

L'ho afferrata per i fianchi e l'ho portata vicino al mio corpo inginocchiato. Le mie mani risalirono immediatamente la sua gonna. Si fermarono alle sue mutandine e con uno strattone le arrivarono alle caviglie.

"Sei arrapato, vero?"

"Se solo tu sapessi." Con ciò le separai le gambe con le braccia e la attirai nella mia bocca in attesa. Ho subito annusato i suoi succhi, quindi ho capito che i preliminari non erano necessari. Quindi, dopo alcune rapide leccate del clitoride, l'ho costretta a sdraiarsi sul pavimento e le ho sollevato il vestito sulle spalle. Ho brutalmente tolto il reggiseno dalle sue tette e ho iniziato a succhiarmele in bocca. Li mordicchiai e li masticai mentre facevo scivolare il mio cazzo eretto lungo la sua fessura. Sentendolo pompare contro il suo clitoride e la sua reazione, le sollevai le gambe fino al petto e le piantai le braccia all'esterno delle ginocchia. Poi alzandomi, ho portato il mio cazzo alla sua apertura e l'ho infilzata fino all'elsa. Il fiato uscì da lei veloce come ho speronato il mio cazzo nella sua vagina in attesa.

«Oh, Dio, George, è facile, okay.»

"Mi dispiace, piccola, devo solo scendere e presto."

"Vieni qui, fratello", ordinò Megan a suo fratello. «Adesso spogliati e sdraiati. Ti farò un favore e ti lascerò ficcarmelo su per il culo.

Sentendo ciò, Bobby, si strappò di dosso i vestiti e si sdraiò in fretta sulla schiena. Megan era in piedi sopra di lui con le gambe a cavalcioni su di lui. Poi ha proceduto ad accovacciarsi sul suo piccolo cazzo eretto e impalare il suo tenero giovane culo su di esso. Era così bagnata che non aveva bisogno di lubrificazione. L'ha appena fatto scivolare dentro e fuori, mentre Bobby giaceva lì a scoparle il culo.

Guardarli mentre ci provavano mi ha fatto desiderare di raggiungere l'orgasmo ancora più che mai. L'ho tirato fuori da Marty e l'ho lasciato cadere nel buco successivo. "Posso?" Ho chiesto.

«Non so se posso sopportarlo o no, tesoro. Ma se vuoi provare, posso sempre dire di no se fa troppo male.

Con la sua approvazione, ho iniziato la mia intrusione. All'inizio lentamente, spingendo, centimetro dopo centimetro. Iniziò a rilassarsi e poi i suoi muscoli lo lasciarono penetrare completamente. "Hai ragione?" Ho chiesto.

"Sì, lo sono", disse, un po' sorpresa.

«Ti amo, Marty» dissi.

"Anch'io ti amo. Ora rilassati, ma ti fa sentire bene.

Detto questo, ho iniziato il movimento lento dentro e fuori. Sentendo la tensione del suo culo e il movimento di compressione dei suoi muscoli, ero pronto a sborrare in breve tempo. Quando ho iniziato a scattare, Marty ha iniziato a gemere e ad agitare i fianchi. Dentro e fuori, il mio cazzo ha tenuto il ritmo. Su e giù, Marty muoveva i fianchi. Poi non riuscii più a trattenermi ed esplosi in un travolgente attacco orgasmico. Gridando forte, "OH MARTY, STO CUMMING! OH DIO, SÌ, OH MARTY! Ho sparato il mio batuffolo in profondità nelle sue viscere. Potevo sentire la morbidezza del colon mentre si contraeva attorno al mio cazzo che vomitava, mungendo fino all'ultima oncia di sperma dalle mie palle. Mi sono sdraiato lì a riposare per un momento quando ho sentito Megan sheik a squarciagola: "Dio, Bobby, sto venendo, sto venendo!"

Ho ritirato il mio cazzo dal culo di Marty e sono subito sceso sulla sua figa in attesa. Prenderlo nel culo non l'ha portata via, quindi sapevo che dovevo stimolarla oralmente per soddisfarla. Doveva essere vicina perché è bastato pochissimo movimento della lingua per farla gemere e sbattere contro la mia faccia in un orgasmo a ruota libera. Mentre scendeva, mi rannicchiai vicino a lei e la presi tra le mie braccia. L'ho cullata dolcemente e le ho sussurrato all'orecchio: «Ti amo, Marty. Grazie per essere così comprensivo”.

Lei sorrise in risposta e si accoccolò tra le mie braccia. Ho guardato i nipoti e per ora li ho trovati fuori. Entrambi ci siamo addormentati nei nostri pensieri e abbiamo lasciato che i nostri corpi si riprendessero.

Bobby fu il primo a svegliarsi, seguito da Marty, poi da me e infine da Megan. Megan ha avuto difficoltà a riprendersi dal suo calvario. Ma dopo quasi un'ora, ha iniziato a comportarsi come una volta, tranne quando ha scoperto che tutti avevano sentito le sue richieste, beh, è ​​diventata piuttosto rossa in faccia.

Ci siamo bagnati. Bobby ha ricevuto una sorpresa quando Megan gli ha chiesto di unirsi a lei sotto la doccia. Marty e io ci pulimmo a vicenda sotto una lenta e rilassante doccia piena di vapore. Ho provato una gratitudine così travolgente per avere una moglie così avventurosa e comprensiva. Non molte mogli non solo permetterebbero consapevolmente ai loro mariti di scherzare con una ragazza di quattordici anni, ma di giocare con lei a "carta, forbici, sasso" per vedere chi diventa il suo schiavo d'amore dopo una settimana di assenza, beh, lei è semplicemente incredibile.

Stavamo preparando la cena quando i bambini sono usciti dalla loro stanza dopo la doccia insieme. Immagino che Bobby si sia laureato per stare nella stanza di Megan per stanotte, essendo questa la loro ultima notte di vacanza. Devo parlare con loro delle nostre esperienze quest'estate.

"Ragazzi, sedetevi qui al bar e parliamo un po'", ho iniziato la conversazione. “Ragazzi, quest'estate siete stati esposti a cose, sentimenti e circostanze che sono molto al di sopra del vostro livello di maturità. Probabilmente sono molto al di sopra del livello della maggior parte degli adulti. Erano meravigliosi, per quanto mi riguarda, e non li scambierei per niente al mondo. Ma il lato negativo è che queste esperienze che hai avuto sono per te e solo per te. In altre parole, non puoi condividerli o la tua conoscenza che hai acquisito avendoli, con nessuno. Bobby, se uno dei tuoi amici si vanta di fare una ragazza e te lo descrive in dettaglio e sai, dalle tue esperienze di quest'estate, che ti sta solo soffiando fumo addosso, non puoi correggerlo o ammettere di sapere qualcosa diverso. Megan, se le tue amiche vogliono parlare di stare con questo ragazzo e lui ha iniziato a toccarla e lei voleva sapere da cosa era causata quella strana sensazione tra le sue gambe, devi fare l'ignorante. Abbiamo parlato di ragazzi e di cosa vogliono. Se glielo dai, si vanteranno con i loro amici e la tua reputazione se ne andrà. Questo non copre nemmeno quanti problemi potresti causare a tutti noi se ti lasciassi sfuggire qualcosa che è successo qui quest'estate. Non voglio soffermarmi molto su questo, ma non voglio che tu venga sorpreso a dire qualcosa in modo ostentato che potrebbe rovinare quello che è successo qui quest'estate. Voglio che voi due godiate di ciò che avete imparato, ma non abusate di questa conoscenza.

Megan guardò Bobby e vice contro, poi sorrise. “Conosciamo papà. Ne abbiamo parlato e sappiamo cosa non possiamo fare e dire. Ci siamo impegnati l'un l'altro a non dire a nessuno quello che abbiamo imparato quest'estate e so che manterremo questo impegno".

Detto questo, si sono avvicinati e hanno dato a ciascuno di noi un abbraccio e un bacio. "Vogliamo ringraziarvi entrambi per tutto quello che ci avete insegnato e per favore non preoccupatevi, abbiamo la bocca sigillata".

Li abbiamo portati all'aeroporto per il loro ritorno a Chicago la mattina dopo. Salutandoli mentre scomparivano lungo la passerella, dissi a Marty: “Bene, è un'estate che non dimenticheremo mai. Stai bene?"

"SÌ. Sì, penso di stare bene. Qualunque cosa accada, ne è valsa la pena, non credi?

"Sì, ne è valsa la pena."

"Ora, portami a casa e facciamolo per il resto della giornata."

"Mi sembra fantastico", dissi, prendendole la mano mentre tornavamo indietro nell'atrio. "Mi sembra fantastico."

Storie simili

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

1.1K I più visti

Likes 0

Il Bar 3

Questo posto ti stava facendo impazzire. Ti girava la testa. Stai bene? Mio Dio quella voce. Uno dei motivi principali per cui ti girava la testa. Questa donna. Il barista. La guardi profondamente negli occhi. Perso in una mente piena di pensieri sporchi. Il suo sguardo non lasciava mai il tuo e per i brevi secondi prima che tu parlassi, sembravano ore. “Sto bene,” dissi severamente. Si è avvicinata a te. Puoi fermarti in qualsiasi momento, disse Mila. Le sue morbide labbra a pochi centimetri dalle tue. Perché stava facendo questo? Doveva sapere che ti stava facendo impazzire. Le scosti una...

811 I più visti

Likes 0

Vile - Capitolo 1 - Il mucchio

La calda spalmatura di nettare sanguigno sulla tua pelle di porcellana ringiovanirà il vuoto dell'oscurità all'interno del quale la tua anima dovrebbe ma non risiede, perché se il vuoto dello spirito è privo di tutto tranne il gelo amaro del nulla che sfida irascibilmente i propri desideri dovrebbe essere gettato da parte e riempito fino all'orlo dal sangue appena travasato.A te lascerò la servitù non del mio legittimo governo, ma al loro stesso lascito di eterna lealtà al trono d'avorio della Guglia Bianca su cui il Signore ti parla ora; i tuoi non servono al trono se dovessi appassire fino a...

749 I più visti

Likes 0

Una ragazza impara la lezione

Tornando faticosamente verso le stalle, Katy si chiese se questo lavoro valesse davvero tutta la fatica. Aveva fatto una lunga passeggiata e ora cominciava a piovere. Si sarebbe inzuppata nell'ultimo miglio. Tirò il guinzaglio del cane e iniziò a correre verso la fattoria e il rifugio. Lavorava al maneggio ormai da sei settimane e le vacanze estive erano quasi finite. Questo è stato l'inizio della sua settimana scorsa. Il lavoro non era molto ben pagato, ma poi la signora Johnson, la proprietaria della scuola di equitazione, permise a Katy di stallare lì il suo cavallo gratuitamente e lei poté cavalcare tutti...

495 I più visti

Likes 0

Melina della WWE

Era la mattina di mercoledì 28 dicembre mentre mi dirigevo verso gli uffici della WWE a Stamford alle 8:30. Due notti fa ho passato la notte con Trish Stratus, poi ieri sera ho passato la notte con l'ex diva Debra Marshall, anche se alla fine ero di umore acido perché ho scoperto che aveva cospirato con Stephanie per incasinarmi la testa. Abbiamo fatto sesso nella limousine, poi me ne sono andato verso le 22:00 e, per quanto ne sapevo, lei sarebbe tornata in Texas per fare qualunque cosa avesse fatto lì. Il sesso era fantastico, forse il migliore della mia vita...

540 I più visti

Likes 0

Silenzioso e senza fiato

Silenzioso e senza fiato È la casa di Tammy. Sta dando una festa. Quando arrivo lì, posso dire che è un po' alticcia... più rumorosa del solito. Ricevo il saluto regolare. Quando mi vede salta su e mi abbraccia con le gambe. Mi dice che le manca la mia faccia stupida poi mi offre da bere. Il resto della sua piccola squadra di Blow Out è lì. Sage e anche un paio di altri ballerini. So che è casa sua, ma non so come la paga. Davvero carino, troppo carino per uno della nostra età. Faccio il giro della casa, la...

579 I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.4K I più visti

Likes 0

Gokkun Bazooka

Barbara fece i gargarismi con i sei carichi di succo di noci salato e amaro caldo e ingoiò. Il signor Johnny numero sette si è fatto avanti e ha scaricato uno schizzo che ha colpito il palato di Barbara con un tonfo udibile. Il nome del ragazzo non era proprio Mr. Johnny numero sette, ovviamente. Barbara non conosceva il suo nome. Era un ragazzo in sovrappeso con capelli castano rossiccio, forse 35 o 40 anni e aveva un pene di 3 pollici. Barbara non l'aveva mai incontrato e non l'avrebbe mai fatto. Era il tipo di ragazzo che non avrebbe guardato...

1.5K I più visti

Likes 0

Piano vizioso

Il piano vizioso- FF7 limone di MISTER BIG T Questa storia accade dopo che il buon limone è stato posato. Vi avverto ragazzi! Se provate a fare qualsiasi cosa, qualsiasi cosa vi rompo le palle! Tifa urlò ai soldati che la circondavano. Aveva un po' di sudore sulla fronte ed era spaventata da morire. Highwind MK II ha girato a destra, verso il nuovo quartier generale di Shinra. Quando il vento forte è atterrato, sono stati accolti da un piccolo esercito di Perfect Clouds. Tutto perfettamente operativo. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ----------------- Al campo dei nostri eroi, Yuffie dormiva in tenda. Sognava Cloud...

1.2K I più visti

Likes 0

Essere la troia del signor Miller - Parte 3

L'autunno sarebbe arrivato presto. Mi sono reso conto che era passato quasi un anno da quando il signor Miller mi aveva violentata nel suo campo di grano e mi aveva trasformata nella sua troia del cazzo personale. In quel periodo, alla fine ero cresciuto ma solo di un centimetro, ora ero 4'9 nemmeno un metro e mezzo. I miei capelli castani mi ricadevano sulla schiena ora lunghi e folti, e le mie tette avevano finalmente superato la mia coppa B e indossavo un reggiseno 32C a soli quattordici anni. Avevo sentito mia madre dire, quando pensava che non potessi sentire, che...

879 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.