Ciliegia (capitolo 2)

929Report
Ciliegia (capitolo 2)

Capitolo 2

Mi sentivo abbastanza bene con la mia vita mentre tornavo a casa; rivivendo la giornata nella mia testa. Non riuscivo a togliermi dalla testa Cherry e non era nemmeno tutto merito dell'incredibile pompino che mi aveva appena fatto. C'era una vera connessione con lei e mi piaceva stare con lei. Non ero sicuro se fosse amore o no; era ancora troppo presto per saperlo con certezza, ma sapevo che mi piaceva davvero tanto.

Stavo fermando davanti al mio appartamento quando mi sono reso conto che non riuscivo a ricordare un singolo dettaglio del viaggio verso casa. Ho passato semafori o segnali? Ho accelerato o guidato dieci miglia all'ora sotto il limite? Non saprei dirtelo e onestamente a quel punto non mi importava molto. Ero su un livello naturale da cui ero sicuro che non sarei mai sceso. Ma mi sbagliavo, ancora una volta.

Il giorno dopo, ero al lavoro e ancora al mio "massimo" dal mio appuntamento. Era una giornata normale sotto ogni altro aspetto. Ma poi abbiamo ricevuto una chiamata per un incidente stradale. Ci siamo imbullonati alla piattaforma, preparati come sempre, e siamo partiti con luci e sirene a tutto volume.

Mentre ci avvicinavamo alla scena, il capo si è voltato verso di noi e ha detto: “Sarà una brutta scena, ragazzi. Un DOS (Death On Scene) di sicuro. Chirurgo: sei in piedi. Abbiamo appena detto all'unisono "merda".

Il soprannome di Brian era Chirurgo; un nome che si è guadagnato grazie alle sue abilità con le fauci della vita: NESSUNO era migliore di Brian.

Quando la scena è entrata nella mia vista, ho capito improvvisamente di cosa stava parlando Chief. L'incrocio era brutto: un'autostrada che terminava e al semaforo diventava una strada locale. I viaggiatori che non hanno familiarità con la zona e che non prestano attenzione potrebbero facilmente perdere i segnali e i segnali e attraversarla. Ed è esattamente quello che è successo. Ma questa volta è stato un grosso autotreno che ha attraversato l'incrocio ed è stata una piccola macchina che è stata cremata. Non saprei nemmeno dire che tipo di macchina fosse: sembrava che un battaglione di carri armati Abrams ci fosse passato sopra e poi l'avesse usata per il tiro al bersaglio. La metà anteriore dell'auto non era altro che la parte inferiore del telaio: motore, trasmissione, ruote, porte, paraurti, tetto e sedili erano spariti. Non erano fracassati: erano ANDATI, sparpagliati in un campo di detriti che conduceva al punto in cui il camion si fermò finalmente a un centinaio di metri lungo la strada. Mentre il nostro impianto si stava fermando, dicevamo tutti cose come "Porca miseria", "Maledizione", "Fuck me", e persino il capo (che aveva visto tutto e niente lo ha turbato) ha detto: "Figlio di un fottuto figlio di puttana". Cagna!"

Chiunque fosse sul sedile anteriore era morto prima che il camion finisse di passare sopra l'auto. Ma non era quello che avrebbe reso questo brutto. C'erano non meno di una dozzina di automobilisti che artigliavano febbrilmente il resto del relitto e capii subito cosa significava. C'era un bambino sul sedile posteriore.

Siamo saltati fuori e siamo andati a lavorare. Il capo ha mandato l'automobilista a fare le valigie, ma non prima di aver visto come si erano tagliate le mani per aver cercato di staccare il metallo sminuzzato. Tutti i poliziotti in città sembravano essere sulla scena e sono passati dal soccorso alla messa in sicurezza della scena e alla deviazione del traffico. Il chirurgo ha iniziato a fare le sue cose e mi sono tolto la giacca in modo da poter provare a infilarmi più facilmente all'interno del relitto. Ho guardato dentro e, abbastanza sicuro, c'era una ragazza su un seggiolino nella parte posteriore. Era ricoperta di sangue e mostrava un volto di shock permanente: gli occhi spalancati, la bocca spalancata. Non aveva più di sette anni. Riuscivo appena a raggiungerla.

"Tesoro, mi senti?" chiesi alla ragazza toccandole la mano. La ragazza era in iperventilazione, ma il suo respiro era superficiale. Continuava a sussurrare: "Mamma?"

Ho detto: “Mi chiamo David e ti tirerò fuori di qui, ok? Come ti chiami?"

La ragazza guardò nella mia direzione, ma era come se mi stesse guardando attraverso. Riuscì a squittire il suo nome: "Katie".

“Va bene, Katie; Ho bisogno che tu stia immobile, ok, tesoro? Sentirai dei suoni forti, ma non aver paura! È solo un mio amico. Ha un grosso paio di forbici per tagliare il metallo. Quindi quel suono che senti ora è solo lui che mi aiuta a tirarti fuori dalla macchina, ok?

Lei ha risposto debolmente dicendo "ok". Il tetto si sollevò e io mi spinsi ulteriormente attraverso il relitto contorto. Avevo una torcia a penna e l'ho usata per controllare le pupille di Katie. O ha avuto una grave commozione cerebrale o aveva appena finito di assumere abbastanza metanfetamine da sballarsi come un elefante: la mia scommessa era sulla commozione cerebrale. Apparentemente dal nulla, mi è stato consegnato un piccolo tutore per il collo e l'ho messo su di lei. Ho continuato a valutarla e ho scoperto che la sua camicia stava diventando più insanguinata. Le ho tagliato la maglietta e, infatti, aveva una ferita da puntura sul petto. Una volta tolta la maglietta, ho visto che le bolle si stavano formando nel sangue ad ogni respiro che faceva e questo mi ha detto che aveva un polmone perforato. (succhiando la ferita al petto)!” In un attimo mi è stato consegnato un pacchetto di plastica, garza e nastro adesivo. Le ho asciugato la pelle intorno alla parte superiore e ai lati della ferita, ho applicato la plastica e l'ho fissata, lasciando aperta la parte inferiore in modo che il sangue venisse espulso mentre inalava invece di essere tirato nei suoi polmoni e annegarla.

"Portaci fuori di qui, chirurgo!" Ho urlato. "Flush (Garry), dì a Chief di chiamare Airwolf!" Ho detto. "Airwolf" era gergale per un volo di vita; non era possibile che andasse in ambulanza. Garry disse: «È già in arrivo, Lucky».

Ho chiesto a Katie come stava e lei ha detto che era spaventata. Le ho detto che avevo capito e che sarebbe andata in ospedale in modo che il dottore potesse "assicurarsi che stesse bene". Sapevo che Katie era tutt'altro che "bene", ma ovviamente non volevo spaventarla. Mi ha chiesto se sarei andato con lei e le ho promesso che l'avrei fatto.

Il tetto si è staccato e la luce del sole è entrata. Oltre alle ferite che avevo già riscontrato, Katie aveva una frattura composta della tibia sinistra che usciva dal muscolo del polpaccio, per non parlare di innumerevoli tagli e contusioni. Le ho tagliato la cintura di sicurezza quando gli EMT hanno iniziato a muoversi e l'ho messa su una tavola per il trasporto e ho potuto sentire i suoni di un elicottero che atterrava nelle vicinanze.

Il capo fungeva da LSO (addetto ai segnali di atterraggio) e, mentre ci dirigevamo verso l'elicottero, gli dissi che sarei rimasto con lei. Non c'era tempo per discutere, quindi si limitò ad annuire d'accordo.

Ho lasciato che gli EMT facessero il loro lavoro e le ho semplicemente tenuto la mano in modo che sapesse che ero lì. L'hanno assicurata durante il volo della vita e l'hanno collegata a flebo, plasma e cardiofrequenzimetro mentre l'elicottero decollava. Improvvisamente, Katie ha lasciato la sua debole presa sulla mia mano e si è appiattita.

La piccola squadra è andata in overdrive per riportarla indietro. Hanno lavorato su di lei finché non siamo atterrati in ospedale e un team di medici è subentrato. Ho solo fatto un passo indietro per dare loro spazio, ma sapevo già come sarebbe finita la giornata. Non c'era niente che qualcuno avrebbe potuto fare; il suo corpicino ha semplicemente subito troppi danni. Il dottore la pronunciò e chiamò l'ora. Volevo prenderlo a pugni anche se non era colpa sua.

Ho trascorso alcuni momenti con Katie; dicendole che mi dispiaceva. Prima di andarmene le diedi un piccolo bacio sulla fronte e mi voltai per andare.

Un'infermiera mi ha fermato e mi ha detto: "Perché non vieni qui e ci prenderemo cura di te..."

Ho detto: "Cosa vuoi dire?" L'infermiera ha detto: "Ti faremo suturare". Indicò la mia spalla sinistra e la nuca.

Allungai il collo per guardarmi alle spalle e solo allora mi resi conto di avere almeno uno squarcio di quattro pollici sulla scapola e il retro della mia maglietta era inzuppato di sangue. Ho sentito la parte posteriore della mia testa ed era anche bagnata.

"Oh, non l'avevo nemmeno notato..."
Si limitò a stringere le labbra in un "sorriso" comprensivo e disse: "Qui..."

Dopo aver sistemato i punti alla spalla e le graffette alla testa, sono uscito dal pronto soccorso chiedendomi come avrei fatto a tornare alla stazione. Non me lo sono chiesto a lungo: il capo era fuori ad aspettarmi. Uno sguardo alla mia faccia e capì che non c'era bisogno di chiedere come stava Katie.

"Sai che hai fatto bene."
«Non ne sono così sicuro», dissi.
Il capo disse: “Ascolta: sai che ci saranno giorni come questo. Non possiamo salvare il mondo, ma facciamo quello che possiamo. Prenditi qualche giorno e pensaci, supera la parte emotiva e vedrai che non avresti potuto fare altro. OK?"

Il capo non era tipo da discorsi lunghi, ma i suoi discorsi brevi avevano un modo per andare dritti al sodo e arrivare al punto. Ho annuito senza dire una parola e il capo mi ha accompagnato a casa.

La prima cosa che ho fatto è stata chiamare Cherry. Dovevo distrarmi dalla giornata e sapevo che Cherry sarebbe stata la risposta. Ha risposto subito dopo il primo squillo.

“Era ora che mi chiamassi! Stavo iniziando a pensare che mi avessi appena usato! Cherry ha scherzato con un sorriso alla sua voce.
Ho detto: “Mi dispiace: avrei chiamato prima, ma oggi ho avuto una giornata davvero brutta. Non vuoi conoscere i dettagli; fidati di me."
La voce di Cherry si fece più seria e preoccupata. "OH. Oh mi dispiace. Quello che è successo? Stai bene?"
Ho detto: “Sì e no: c'è stato un grave incidente e... è stato il peggiore che abbia mai visto, lasciamo perdere. Puoi venire?" Stavo cercando di non piangere e crollare e penso che lei potesse sentirlo nella mia voce.

Cherry rispose con incertezza: “Oh, accidenti, non lo so. Voglio dire che voglio, ovviamente! È solo che non so se riesco a trovare un passaggio.»
Ho detto: "Cosa c'è che non va nella tua macchina adesso?"
“Oh, um... la macchina va bene, ma ce l'ha mia madre. Fammi chiamare Olivia e ti richiamo subito.

Le ho detto "ok" e lei ha riattaccato. Passarono diversi minuti e il mio telefono squillò. Rispondendo al telefono, Cherry disse: «Sarò lì tra un po', ma ho bisogno che tu mi dia un passaggio domattina. È ok?"
"Sì va bene; Ho davvero bisogno di vederti stasera», dissi.

Le ho dato il mio indirizzo e le indicazioni e lei ha detto che sarebbe passata il prima possibile. Pochi minuti dopo, hanno bussato alla mia porta. Sapevo che non era Cherry; viveva troppo lontano perché fosse già lei. Ho aperto la porta e ho visto i miei amici Brian e Garry alla mia porta.

"Ehi ragazzi, come va?" ho chiesto. Non si erano mai fermati così senza preavviso.

Garry mi ha mostrato le chiavi della macchina e ho avuto un'improvvisa realizzazione del motivo per cui erano lì; mi hanno portato la macchina a casa. Li ho invitati a bere una birra per dire "grazie". Garry rifiutava dicendo che dovevano andare, ma allo stesso tempo Brian diceva "certo". Col senno di poi, offrire birra a un alcolizzato non è esattamente la migliore idea del mondo, ma in quel momento non avevo le idee chiare. Fortunatamente, non avevo molto e non sono rimasti a lungo. Abbiamo parlato dell'incidente e di Katie, ma nessuno di noi si è sentito molto meglio.

Alcuni momenti di silenziosa riflessione hanno preceduto la partenza di Brian e Garry e io mi sono preparato per l'arrivo di Cherry. Stavo finendo di sistemare il mio appartamento quando hanno bussato alla porta. L'ho aperto e ho visto Cherry e Olivia alla mia porta. Il solo vedere Cherry lì mi ha fatto sentire già meglio. Si rivolse a Olivia e la ringraziò per il passaggio. Olivia le ha chiesto se era sicura di restare qui e Cherry ha annuito e ha detto che stava "bene". Olivia ha detto alla sua amica di chiamarla se avesse avuto bisogno di lei per "qualsiasi motivo" mentre mi guardava con sospetto. Cherry ha abbracciato Olivia, l'ha baciata sulla guancia e le ha detto "grazie". Ho invitato Olivia a restare per qualche minuto ma lei ha rifiutato. Cherry è entrata e non appena la porta si è chiusa, ha posato la ventiquattrore e mi ha salutato con un bacio. Stavo iniziando a pensare che mi avesse sotto una sorta di incantesimo perché i suoi baci erano a dir poco magici. Se qualcuno sparasse con un fucile vicino al mio orecchio mentre la baciavo, sono certo che non me ne accorgerei.

"Non credo di piacere molto a Olivia", dissi quasi con una domanda.
"A volte si sente come se dovesse proteggermi, immagino", spiegò Cherry.
"È piuttosto carino, in realtà", ho risposto, "che LEI senta il bisogno di prendersi cura di TE".

Cherry sembrava pensare che quel pensiero fosse un po' strano, ma era comunque d'accordo. L'ho appena attribuito a una "cosa da ragazze" e ho lasciato cadere l'argomento.

“Grazie per essere venuto. Non posso dirti quanto avevo bisogno di vederti», dissi.
"Ho pensato a te tutto il giorno; cosa ti è successo oggi?" chiese Cherry.
Ho detto: "È stato uno di quei giorni da incubo, quelli che speri non accadano mai ma sai che un giorno accadrà".
"Oh mi dispiace. Dimmi cosa è successo?"
“Beh, non vuoi sapere quanto è stato brutto, ma c'è stato un incidente e ho finito per tirare fuori una bambina dal relitto. Sono andato con lei sul volo della vita verso l'ospedale, ma non ce l'ha fatta.
Cherry era rattristata e disse: “Oh, è terribile. Mi dispiace tanto…"
Ho detto: "Tutti mi dicono che 'ho fatto bene', ma lei se n'è andata ancora e fa schifo, sai?"
Cherry annuì comprensiva e chiese: "Cosa posso fare per aiutare?"

Le ho detto che solo il suo essere qui mi stava già aiutando. Sembrava sdolcinato dirlo, ma era vero. Mi sentivo meglio solo sapendo che lei era lì per me. Era come se la sua presenza mi facesse sentire più completo; come se la prematura scomparsa di Katie mi avesse strappato gran parte del cuore e Cherry l'avesse sostituito semplicemente presentandosi. Quando le ho detto come mi sentivo, si è limitata a sorridere da un orecchio all'altro e mi ha abbracciato forte, appoggiando la testa sul mio petto. Dopo esserci abbracciati per qualche istante, ho suggerito di andare a sederci sul divano per un po'. Volevo solo tenerla stretta a me.

Mi sono seduto sul divano e lei si è rannicchiata vicino a me, appoggiandosi a metà sulle mie ginocchia e appoggiando la testa sul mio petto. Le misi il braccio sopra, appoggiando la mia mano sulla sua e distrattamente passai le dita dell'altra mano tra i suoi capelli rosso chiaro. Non c'era nulla di apertamente sessuale nelle nostre coccole; era solo molto intimo e premuroso. Cherry era completamente a suo agio e chiuse gli occhi; ora appoggia la testa sul mio grembo.

Era una visione assoluta da ogni angolazione e non riuscivo a staccare gli occhi da lei. Cominciai a memorizzare ogni dettaglio del suo viso: ogni curva, ogni lentiggine, il modo in cui le sue ciglia si arricciavano, il modo in cui si formavano le fossette quando muoveva la bocca in un certo modo. Restammo seduti insieme per quelle che dovevano essere state alcune ore senza muoverci o parlare. Le mie palpebre iniziarono a diventare pesanti e stavo svanendo dentro e fuori dal sonno. Cherry dormiva da circa 20 minuti quando ha iniziato a "parlare" nel sonno. Solo che non stava davvero parlando: era più simile a una cadenza vocale. Stava canticchiando per lo più singole sillabe con voce monotona. Dopo aver cercato per alcuni secondi di capire cosa stesse facendo, mi sono ricordato che aveva detto di essere stata una cheerleader a scuola. "Deve ricordare quando era al liceo", pensai con un sorriso divertito.

Cherry ha intrecciato le sue dita con le mie e ha portato le nostre mani ad appoggiarsi saldamente contro il suo petto, proprio tra i suoi magnifici seni. Fino a quel momento, non c'era niente di sessuale nell'essere sul divano con lei. Ma ora non riuscivo a smettere di guardarle il petto e il mio cazzo stava prendendo delle idee, minacciando di colpirla dietro la testa. Stavo perdendo la battaglia con la mia crescente erezione quando Cherry sbadigliò e si svegliò.

"Che ore sono?" lei chiese.
Dissi: “Si sta facendo un po' tardi. Devi andare al lavoro la mattina, giusto?"
“Sì, qualcosa del genere. Dovremmo andare a letto.

Ho pensato di offrirmi di dormire sul divano dato che non ero sicuro di quali fossero i suoi pensieri sull'argomento di dormire insieme, ma prima che potessi dire qualcosa, si è alzata tenendomi ancora la mano e ha detto: "dai". Abbiamo camminato lungo il corridoio e lei si è scusata per entrare in bagno dicendomi che sarebbe stata "solo pochi minuti". Mi sono spogliato dei miei boxer e sono andato a letto all'improvviso desiderando di aver speso i soldi extra per un letto più grande e allo stesso tempo, contento di non averlo fatto!

Passarono alcuni minuti e Cherry apparve fuori dal bagno, pronta per andare a letto. Non indossava quello che mi aspettavo indossasse: mi aspettavo una specie di pantaloni da notte con una camicia oversize o un pigiama di qualche tipo. Invece, indossava una canotta rosa trasparente che si adattava come un reggiseno sul petto e poi scendeva come un vestito, finendo all'altezza dei fianchi. E aveva mutandine di pizzo rosa abbinate che erano come un bikini a stringhe con una gonna lunga solo da due a tre pollici. Con le luci ancora accese, i suoi indumenti da notte facevano ben poco per nascondere il suo corpo. La mia bocca era spalancata per la sorpresa e non riuscivo a costringere i miei occhi a battere le palpebre. Indossava rosso rubino con rossetto e una piccola quantità di eyeliner. Non riuscivo a capire se indossava il fard o se erano le sue guance che arrossivano naturalmente. Era senza dubbio la creatura più bella della Terra.

"Penso che a qualcuno piaccia il mio pigiama", ha detto Cherry con un sorriso e un tono canzonatorio.
Ho scosso la testa "no" e ho detto: "Si tratta più della bellezza radiosa che modella il 'pigiama'!"

A Cherry sembrava piacere quella risposta e fece una lenta svolta per mostrarmi tutti gli angoli. Non mi importava se i miei occhi si seccavano come sabbia nel deserto, non avrei battuto ciglio e non avrei perso niente di lei! Ero seduto sul letto, stupefatto, e lei si è divertita.

“Dov'è la tua macchina fotografica? Scatta una foto: durerà di più!” lei disse.

Ho strappato il telefono dal letto e ho iniziato a scattare foto. Non potevo credere alla mia fortuna: la mia nuova ragazza adorava posare per foto porno personali! Il mio cazzo era un'erezione furiosa e me ne sono accorto a malapena mentre scattavo foto e video di Cherry che modellava il suo incredibile corpo. Potevo vedere i suoi capezzoli orgogliosi mostrare attraverso il tessuto sottile; mi veniva l'acquolina in bocca ad assaggiarli. Cherry aveva i migliori addominali che avessi mai visto: perfettamente tonificati con solo un accenno di "otto pack". Erano muscolosi, ma ancora molto femminili. Proprio nel mezzo dei suoi addominali c'era l'ombelico più carino che avessi mai visto. Il lembo di pelle in cima sembrava imitare quello di un cappuccio clitorideo. E a proposito di questo, aveva una piccola ciocca di capelli ben tagliati solo poche sfumature più scure dei suoi capelli rossi nel punto più intimo. Mentre girava intorno, il suo incredibile culo è apparso in vista. Le sue mutandine non erano altro nella parte posteriore che un sottile laccio appena visibile che scompariva tra le sue guance. Anche la sua schiena era sexy con muscoli ben definiti. Nel mio libro, era perfettamente impeccabile!

Cherry si avvicinò al letto e chiese: "È per me?" mentre indica il mio inguine. Ho guardato e sono rimasto sorpreso di vedere che il mio cazzo aveva trovato la sua via d'uscita dalla mosca nei miei boxer.

Ho detto: “Certamente è A CAUSA tua, quindi sì! È tutto tuo!"

Con non poca seduzione nella sua voce, ha detto: "Allora metti la tua videocamera in video e registra questo ..."

Ho fatto come ha detto e ho iniziato a registrare. Cherry mi è strisciata in grembo e si è riposata tra le mie gambe mentre prendeva il mio cazzo in mano e guardava nella telecamera. Ha iniziato ad accarezzarlo delicatamente senza mai distogliere lo sguardo da me e dalla fotocamera.

Ha detto: “Farei qualsiasi cosa per mangiare qualcosa di salato in questo momento. Hai qualcosa di salato per me? Senza risponderle, disse: “Oh, lo fai? Mmm….”

Ha tirato fuori la punta della lingua e ha toccato la punta del mio cazzo dove si era già raccolta una grossa goccia di precum. Tirò un po' indietro la lingua e una striscia di sperma rimase attaccata a lei. Cherry succhiò il filo sottile e tornò a stuzzicare la punta del mio cazzo con la lingua; facendolo roteare intorno all'estremità a velocità e direzioni casuali. Il mio cazzo faceva male a sentire il calore della sua bocca che lo circondava, ma Cherry non aveva ancora finito di stuzzicarlo. Trascinò lentamente la punta della lingua lungo la mia asta prima di appiattirla per leccarla come un lecca-lecca durante la risalita.

Cherry ha girato i capelli da un lato per assicurarsi che io (e la telecamera) avessimo una visuale senza ostacoli del suo viso prima che finalmente aprisse la bocca e tirasse dentro solo la testa. Fece oscillare la punta per alcuni tratti prima di tirarla fuori di nuovo, lasciandomi una leggera macchia di rossetto. Poi ne prese in bocca solo la punta e cominciò a succhiarlo come se stesse allattando da un biberon; il tutto mantenendo il contatto visivo. La sua lingua saettava su e giù attraverso l'apertura della punta e, unita all'azione di suzione, al massaggio dell'asta e alla sua pura bellezza, è stata la sensazione più strabiliante della mia vita. Il mio orgasmo stava già crescendo e lei doveva averlo visto in faccia.

Ha inalato profondamente e mi ha preso in bocca il più lontano possibile. La sua testa ondeggiava mentre lottava per prendere più della mia lunghezza. Potevo sentire la mia testa oltrepassare la sua gola e lei lottava per non soffocare; i suoi occhi verdi diventano vitrei. Le ho detto che il mio orgasmo stava arrivando e lei si è tirata indietro un po' per poter respirare, ma ha stretto le labbra intorno al mio cazzo; formando un sigillo stretto. Cherry faceva ballare la lingua in quel punto sensibile alla base della testa nel tentativo di accelerare il mio orgasmo. Ha funzionato perfettamente.

Cherry continuò a guardare nella telecamera e rimase immobile mentre gli schizzi pulsanti le passavano in bocca. L'intero volume del mio carico è stato accumulato nella sua bocca e lei ha strofinato il mio cazzo verso la testa per assicurarsi di averlo tutto in bocca. Una volta soddisfatta di avere tutto, si staccò da me e si assicurò che la telecamera riprendesse nitidamente la grande pozza bianca che le bagnava lingua e denti. Ci fece rotolare sopra la lingua per alcuni istanti prima di chiudere le labbra e proclamare: "MMMM..."  Cherry deglutì a fatica, sorrise e disse: "Buonissimo! È stato così bello! Ha ripulito le poche gocce rimanenti che potrebbero essere state lasciate e ho deciso che era "il mio turno" dopo aver interrotto la registrazione del video.

Ho detto: "Se pensi che sia stato bello, aspetta finché non lo senti".

Cherry e io ci scambiammo di posto e lentamente le tirai su la canotta rosa sopra la testa. Le sue magnifiche tette osavano sfidare le leggi della fisica; erano così solidi che la gravità non poteva tirarli giù. I suoi capezzoli erano orgogliosi quanto i suoi seni e le areole circostanti erano irregolari come il Braille. Mi sono avvicinato a lei mentre si sdraiava e apriva le sue sexy gambe toniche. Mi sono alzato sopra di lei guardandola negli occhi e tutto il suo corpo si stava contorcendo in attesa del mio tocco.

Cherry mi passò le mani sul petto mentre il suo corpo continuava a ondeggiare sotto di me e io mi divertivo a guardarla contorcersi con passione. Ho fatto finta di avvicinarmi per un bacio e la sua bocca si è aperta, pronta a ricambiarlo. Ma poi ho fatto una "deviazione" e ho girato "a sud", attaccandomi al capezzolo di uno dei suoi seni ansimanti. Inspirò bruscamente e poi espirò con la combinazione di un sibilo e un gemito. Nel momento in cui la mia bocca è entrata in contatto con il suo capezzolo, la sua mano era sulla mia testa, tirandomi più forte. Ha usato la sua mano libera per posizionare la mia sull'altro seno e ho iniziato a pizzicare il capezzolo mentre iniziavo il mio assalto orale al primo.

La sua parte superiore del corpo si è calmata un po', ma i suoi fianchi hanno recuperato l'allentamento; aumentando nell'oscillazione su e giù e nei circoli. Cherry stava schiacciando il suo bacino contro il mio stomaco più forte che poteva e io stavo facendo del mio meglio per mantenere le distanze per impedire al suo inguine di ottenere QUALSIASI sollievo prima che fosse il momento. E mi stavo prendendo il mio tempo! Cherry iniziò a gemere per la frustrazione e mi avvolse le gambe intorno al culo nel tentativo di attirarmi dentro di sé. La sua forza mi colse di sorpresa e stavo facendo un grande sforzo per trattenermi. Non volendo stancarmi troppo presto, ho rilasciato il suo capezzolo e ho ricominciato a spostarmi "a nord". Ha rilasciato il blocco della gamba su di me e, ancora una volta, ho deviato e sono andato a sud. Baciai fino all'ombelico e afferrai il materiale sottile delle sue mutandine, tirandole giù il più lentamente possibile. Il corpo stretto di Cherry era in costante movimento con il livello di desiderio accumulato in lei. Alzò i fianchi mentre le mutandine scivolavano giù e poi unì le gambe in modo che potessero staccarsi; le sue gambe si sfregano insieme nello sforzo di aiutarle a spingerle verso il basso.

Ero seduto ai suoi piedi mentre finivo di toglierle le mutandine e lei aprì di nuovo le gambe, invitandomi a tornare senza una parola. Mi sono tolto i boxer senza cerimonie e ho baciato ogni centimetro di ogni gamba mentre tornavo su, prestando particolare attenzione all'interno coscia. Cherry si lamentava così tanto che sembrava che stesse davvero soffrendo fisicamente. La mia faccia ha raggiunto la sua figa fradicia ed è stata la cosa più bella che avessi mai visto. Dopo aver visto la mia giusta dose di porno, ne avevo visti più di pochi, ma quello di Cherry era l'immagine della perfezione. Sapendo di averla presa in giro abbastanza (e incapace di resistere a me stesso), mi sono avvicinato con la lingua e le ho trovato immediatamente la clitoride. Ha emesso un suono come se le avessi appena piantato un enorme dildo nel culo senza usare lubrificante e ha avvolto le gambe intorno alla mia testa in un lampo. Pensavo che il mio cranio sarebbe crollato! Cherry infilò i suoi fianchi nella mia bocca e io sapevo che era meglio che fermarmi. Feci schioccare la lingua il più velocemente e con forza che potevo, ma questo fece ben poco per rallentare i suoi fianchi dondolanti o la sua gamba che si bloccava sulla mia testa. Ho guardato la mia splendida amante e tutto quello che potevo vedere di lei erano le sue bellissime tette e la parte inferiore del suo mento; la sua testa era gettata all'indietro e aveva due mani piene dei suoi capelli chiari mentre urlava "Oh Dio" ancora e ancora.

Improvvisamente, le gambe di Cherry sono andate dritte e lei ha urlato quando il suo orgasmo l'ha colpita come un treno merci in corsa. Anche lei fu sorpresa e, incapace di fermarsi, afferrò un cuscino per finire di urlare. Quando il suo orgasmo passò, il corpo di Cherry si afflosciò e le gambe caddero su ogni lato, spalancandole la figa. Aveva le braccia tese lungo i fianchi e giaceva lì cercando di riprendere fiato.

Mi stavo prendendo qualche momento per riprendere fiato mentre ammiravo l'incredibile vista delle sue parti carine e rosa. Poi, ho notato qualcosa. Ero certo di non aver visto quello che sapevo di aver fatto, ma dovevo confermarlo. Avevo le braccia attorno ai suoi fianchi e ho usato le dita per aprire le sue labbra. A fissarmi dritto in faccia c'era il suo imene: intatto. C'erano diversi piccoli fori (il termine medico è chiamato imene cribriforme), il che è perfettamente normale, ma era chiaro che Cherry era vergine. Ho preso il mio telefono e ho scattato diverse foto, ovviamente!

Sapendo che probabilmente era sensibile dopo l'orgasmo, le ho leccato delicatamente i bordi esterni delle sue labbra, lungo le pieghe dove la sua vagina si trasforma nella parte superiore delle sue gambe. L'ho baciata sopra la parte superiore del suo clitoride e ho iniziato a risalire verso il suo viso splendidamente arrossato. Stava rotolando e stringendo le labbra e i suoi occhi erano ancora sognanti mentre scendeva dall'alto naturale. Baciai le sue morbide labbra rosse.

"Era buono?" Ho chiesto.
Cherry scosse la testa "no" e rispose: "No: è stato strabiliante!"
Ho detto: "Beh, se pensi che sia stato strabiliante, aspetta di fare sesso per la prima volta..."
Si è voltata scherzosamente sulla difensiva, mi ha puntato un dito sul petto e ha chiesto: "Ehi, cosa ti fa pensare che non ci abbia già provato prima?"
Ho detto: "Ho appena dato un'occhiata da vicino alle prove, ricordi?"
Cherry fece un sorriso imbarazzato e disse: “Oh, non sapevo che saresti stato in grado di dirlo. Spero non ti dispiaccia…”
Ho detto: “Mente? Ma stai scherzando? Sono onorato che tu abbia scelto me dopo aver aspettato così tanto!
Ha scherzato: “Chi ha detto che sto scegliendo te? Forse stiamo solo scherzando e voglio smetterla ora.

Sapevo meglio, naturalmente. Ho messo il mio cazzo infuriato alla sua apertura e l'ho tenuto lì; sfidandola a dire "basta". Cherry mi spinse di lato, facendomi rotolare e si avvicinò per sedersi sulle mie ginocchia; il mio cazzo bloccato sotto di lei. Abbassai lo sguardo e vidi il mio cazzo teso sporgere la testa da sotto la sua figa calda e bagnata mentre lei si dondolava leggermente avanti e indietro su di essa. Ho afferrato i fianchi di Cherry per sollevarla in modo che con il membro rigido potesse alzarsi in piedi: il piano era di metterla poi su di esso. Ma nel momento in cui ho iniziato a prenderla in braccio, ha anticipato la mia mossa e ha usato la mano per tenermi il cazzo nello stomaco.

"Oh, no, non lo fai," mi prese in giro mentre la rimettevo su di me. "Voglio che tu faccia qualcosa..."
Confuso, ho chiesto: "E che cos'è?"

Cherry si chinò fino a quando le sue labbra furono vicino al mio orecchio e continuò a dondolare i fianchi. La sua clitoride sembrava una perla ben lucidata che sfregava avanti e indietro sulla mia asta. Poi mi ha sussurrato all'orecchio. "Voglio che catturi il momento in cui perdo la verginità in video!"

Ho quasi avuto un orgasmo non appena l'ha detto! Ho preso il mio telefono, ma poi ho deciso che un momento come questo era troppo bello per i video di bassa qualità che fa un telefono con fotocamera, quindi mi sono alzato e ho tirato fuori la mia videocamera HD. La batteria aveva una buona carica (grazie a dio) e ho iniziato a filmare.

Cherry era inginocchiata sul letto ora e io ero in piedi accanto ad essa. Non riuscivo a credere quanto fosse viziosa Cherry e quanto fossi incredibilmente fortunata! Stava posando in varie pose sexy per la macchina fotografica (io) e facendo tutti i tipi di facce sexy.

Si è rivolta alla telecamera e io ho ingrandito il suo viso da bambola quando ha detto con una voce da "bambina" stuzzicante: "Mi chiamo Cherry Chastain e sono una vera vergine". Ho ingrandito per vedere che si stava strofinando la figa con i palmi aperti di entrambe le mani.

Dietro la telecamera ho detto: “Una vera vergine, eh? Puoi provarlo?
Cherry sorrise e disse: "Uh, eh: vieni qui".

Mi fece cenno di andare avanti con il dito indice mentre si sdraiava e apriva le gambe. Mi sono trasferito e lei ha usato le dita per tenersi aperta la figa. Sono stato in grado di ottenere una visione incredibilmente nitida del suo imene, luccicante alla luce della sua eccitazione. Cherry si è mossa leggermente, da una parte e dall'altra, fornendomi una buona documentazione del suo tessuto ancora intatto. Ho ingrandito indietro per riprenderla tutta.

Ho detto: “Beh, sembra che tu stia dicendo la verità. Sei davvero vergine. Cosa vuoi fare a riguardo?
Cherry indicò se stessa e disse: "Questa Cherry vuole dare QUESTA ciliegia (ora indicando la sua figa)... a te!"
Tornai alla sua figa pura e dissi: “Davvero? Vuoi darmi questo? Quando?"
"In questo momento", rispose lei.

Mi sono mosso per mettermi sopra di lei ma lei ha chiuso le gambe e ha incrociato i piedi prima che arrivassi a lei.

"No! Non come quello!" ha scherzato.
Ho chiesto: "Cosa c'è di sbagliato in quel modo?"
Lei rispose: "Non ho detto che voglio che tu me lo PRENDA: ho detto che voglio dartelo!"

Cherry si alzò e mi spinse di nuovo sul letto. Per una donna così piccola, era forte! Si è messa a cavalcioni sulle mie gambe e ha tenuto il mio cazzo rigido direttamente davanti alla sua figa. Stavo ancora girando sulla telecamera, concentrato sul suo viso. Cherry mi ha accarezzato il cazzo un paio di volte e sono stato abbastanza duro da frantumare diamanti con il mio cazzo.

Ha detto: "Dai un'occhiata da vicino, un'ultima volta!"

Ho ingrandito il punto in cui i nostri inguini si toccavano. Si è appoggiata molto indietro e ho intravisto un'ultima volta il suo imene prima che si mettesse a sedere sulle ginocchia e si spostasse in volo sopra il mio cazzo. Il mio cazzo era più eccitato di un bambino la mattina di Natale mentre si abbassava lentamente verso di me. The tip barely made contact with her lips and I thought I was going to explode! She asked once more to make sure I had a good shot and I just nodded—unable to speak.

Cherry sat down so slow it was almost unperceivable to see her move.  But her labia began to push out to the sides as my head disappeared.  Suddenly, she shot back up and grabbed my cock; rubbing herself back and forth with it for a few moments before lining it back up to her opening.  I thought I was going to die!  She again started lowering back down on me and took me in further.  Soon, I felt her hymen begin to stretch under her weight and my dick compressed slightly.

“Still a virgin…” she commentated.

Cherry’s breathing became slightly ragged as she continued her dissent.  Then she breathed in with a hiss as I felt her hymen begin to give up the fight.  I could feel the fibrous tissue slowly come apart as my cock slowly decompressed and vanished inside of her.  A very small trail of blood trickled down my shaft.

I panned the camera up to her face and Cherry had a concentrated look on her—eyes closed; sucking on her lower lip.  She wasn’t rocking her hips very much, but was still moving her some-what tense body up and down slightly.  So I just let her set her own pace to get used to the feeling.

I said, “Guess what…”
Cherry smiled and looked down at me.  “I’m not a virgin anymore!  How did you like your cherry?” she asked.
I focused on her beautiful, flushed face and said, “I loved it!  Almost as much as THIS Cherry…”

That took her by surprise and she forgot herself for a moment.  Her concentration gone, her body suddenly relaxed and she flopped all of the way down on me in an instant.  She had only been able to sit half way down until that moment and the shock of taking the rest of me in a flash nearly had her launching back up.  Cherry gasped at the sudden invasion but with eyes closed and a slow, labored exhale, she managed to settle back down on me after a few moments pause.

Cherry spent a few more moments getting used to having a cock inside of her before she moved again.  Her movements came slowly at first; testing the sensations.  Gradually her rocking and grinding on me increased in speed and motion.  Her body relaxed and before I knew it, she was using her entire back and abs to ride my cock.

Cherry finally opened her eyes and looked down at me.

“Did you mean that?” she asked.
“Did I mean what?” I asked not sure of what she was talking about.
“You said that you love me.”

I was a little confused because I was certain that I had not said the ‘three words’ to her yet.  I went back over the recent conversation in my head and realized that I had accidently implied it.  I started to panic a little—worried that I’d said too much too soon for her comfort (and maybe mine as well).  I really had not completely evaluated my feelings for Cherry to that point yet.  I knew I liked her a lot; and I couldn’t stop thinking about her.  But did I actually LOVE her?  Once the thought was in my head, it didn’t take long to figure it out: I was definitely in love with this girl!

Sensing hesitation to answer, Cherry said, “It’s ‘ok’ if you misspoke; I won’t be offended.  I just want you to be honest with me.”
Snapping back to reality I said, “It’s not that; that isn’t why I didn’t answer you.  I just didn’t realize that I do love you until you said that.

Cherry smiled and leaned down to kiss me; her red hair covering my head.  Her lips were the softest and sweetest things to ever touch mine.

She said she wanted to feel me on top of her so we changed positions; rolling over without ever becoming disjoined.  I was careful not to go too fast or too hard at first for obvious reasons, but also because slow and gentle was more intimate.  I kissed her lips again and then moved to kiss her on the neck just below her ear.  Cherry tilted her head back, baring her entire neck to me while I kissed my way around to the opposite side.  I held the side of her face in one hand while going back to kissing her lips; all while keeping my thrusting painfully slow.

I kissed my way back down to her breasts; taking one nipple in my mouth while playing with the other.  My free hand went further south to find her clit as a playmate—all while continually thrusting deep and slow into her.  I had my fingers vibrating her pink little clit just as fast as I could move them.  The slow movement of my cock in her combined with the fast stimulation of her clit was sending mixed signals to her brain and she began to coo and moan with pleasure.  It didn’t take long before she began to sound like the audio track from a high quality porno.  Cherry’s already tight pussy began to get even tighter on my cock and the volume of her voice multiplied significantly. I was doing my best to hold on to my building orgasm which was only being encouraged by her now screaming in ecstasy.  She declared at the top of her lungs that she was going to cum.  That was the last bit of stimulus I could take: I pushed hard into her as my orgasm erupted with incredible force. The first blast against her cervix triggered her own orgasm and she began a string of screams to god laced with swearing that she normally didn’t use.

As our climaxes subsided and we basked in the glow and each other’s sweat, it became apparent how thin the walls of my apartment were when my neighbor (whom I never met) said with his best impression of a famous country comedian, “Git ‘er done!”

That gave us both an unexpected chuckle at that moment; the effect on Cherry was her pussy squeezing my cock to unimaginable levels!  If I hadn’t been so hard, she would have pushed me out with her vaginal contractions.  Instead, all that came out was the mixture of our fluids and from the volume of it I would guess it was just about all of it.

Since it was getting late and we had to get up early in the morning, we decided to skip a ‘round two’ and opt for getting some sleep.  We spooned together and Cherry quickly fell asleep.  As I lay there holding her and listening to her breathe, I couldn’t think of a single thing wrong in the world.

We woke just before the sun came up to get a shower and get ready before I had to take Cherry to work.  Once in the car, I reminded her that I didn’t know where she worked and needed directions.  Cherry said, “Uhhhh… yeah.  Ok,” and told me what route to take first.  I sensed something wrong but said nothing.  I asked her where she worked but she seemed to be dodging the question so I let it go.

Cherry kept going on about how wonderful her first time was with me and I told her that she was so amazing it was like my first time, too.  That seemed to make her feel at ease a bit more.  She continued giving me directions to our destination; the turns coming more frequently as we got closer.

Finally, she said it was just ahead on the left and then told me to pull into a crowded parking lot to drop her off.  There were kids everywhere!  I was confused until I realized we were at Middletown High School; and that confused me even more.

“You work at Middletown High?” I asked.
She said, “Yeah…about that: I’ve been trying to find a way to tell you this.  Please promise you won’t be mad at me?”
I said, “I won’t be mad; what is it?”
Cherry confessed, “I don’t ‘work’ here; I go here.  I’m sorry I didn’t tell you before!  I didn’t want you to think I was stupid.”
I shook my head no and said, “You shouldn’t think like that!  There are a lot of people that are still in high school when they are 19!  Sometimes it’s because of when their birthday falls in the year and other times it’s because they were late starters in school.  There are many reasons why you could be 19 and still in school and it doesn’t mean you are not intelligent.  Ok?”
Cherry seemed to not take much comfort in my response but said, “Yeah, that’s true.  But there is more I have to tell you.  But it will have to wait until later: I have to get going.”

I assured her whatever it was that she didn’t need to worry about it: I loved her and it was going to be fine.  She gave me a quick kiss on the lips and thanked me before getting out of the car.  Before she closed the door, she had one more thing to say.

“David?” she asked.
“Yeah?”
She said, “I’ve never been in love before.  I…I think…”  She paused looking for words that wouldn’t come to her and finished by saying, “I’ll tell you later!”

With that, Cherry closed the car door and turned to rush inside.

Because of the thoughts swimming in my head, the drive back to my place was seemingly longer than the one to drop Cherry off.  What was it that she still needed to tell me?  Why was she embarrassed about still being in school?  Was she trying to say she loved me?  Was she afraid to admit it or did she even know if she was in love or not?  She said that she had never been in love ‘before’: does that mean before now?

I was lost in these thoughts as I got home and was walking up to the door of my apartment.  Of all things to snap me back into reality, it was a crazy woman screaming and pounding on my door like I just took her prized toy poodle.

“Can I help you?” I asked.

The crazed woman turned around and I knew who she was in an instant, even though I had never seen her before in my life.

“Do you live here?” she demanded.

I thought about saying ‘no’ and continuing to walk past my apartment to make a getaway.  But I was more than certain that this was not the last time I would see this woman: it was plain to see she was Cherry’s mother.

Storie simili

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

2.6K I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

2.4K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

2.4K I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

2.4K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2.1K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

2.3K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

2K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2.2K I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.