La sua ossessione Capitolo 2

755Report
La sua ossessione Capitolo 2

Miranda sorrise per quella che sembrò la centesima volta quel pomeriggio. Da quando la sua classe di laurea aveva lanciato i loro berretti in aria mentre applaudiva, era stata trascinata da un capo all'altro della scuola per le foto. Il suo viso stava iniziando a diventare insensibile. Non capiva perché i suoi amici fossero così entusiasti della laurea quando, in meno di due settimane, la metà di loro sarebbe stata spedita in diverse parti del paese per proseguire la propria carriera. Le sarebbe mancato terribilmente la maggior parte di loro.
"Ehi, Randy, i miei vogliono fare un paio di foto con me e Beth. Ti dispiace?" la sua amica, chiese Barney. Lui e sua sorella gemella Bethany non sarebbero andati da nessuna parte, il che è stato un sollievo. Erano i suoi amici più cari. Si affezionò anche molto ai loro genitori, che erano una coppia eccentrica; uno dovrebbe essere quello di nominare i loro figli Barney e Bethany.
Sorrise ai gemelli e li fece cenno di andarsene, accigliandosi quando lanciarono i suoi sguardi pietosi. La data di gravidanza di sua zia era nei prossimi giorni, e lei aveva ottenuto un congedo materno anticipato su consiglio del suo medico, e suo zio si era preso una settimana di ferie poiché non le era consigliato di stare da sola. Poiché il minimo movimento era una necessità, nessuno dei due riuscì ad arrivare alla sua laurea. Onestamente non le importava, ma era difficile convincere tutti gli altri. In un certo senso la infastidiva il fatto di essere sola mentre tutti gli altri si stavano divertendo con le foto di famiglia, ma pensava che sarebbe finito tutto quando lei e i suoi amici sarebbero usciti per un drink celebrativo.
Per quanto fosse immersa nei suoi pensieri, non sentì i passi pesanti che si avvicinavano sempre di più finché il proprietario non fu su di lei.
"Sig. Colonomos!» sussultò sorpresa. Chi si sarebbe aspettato che si presentasse alla sua laurea quando le aveva detto a malapena qualcosa negli ultimi tre mesi? Miranda pensava quasi di aver immaginato quella notte nel suo ufficio.
Il libertino disinvolto le sorrise, avvicinandosi, invadendo il suo spazio personale. "Suppongo che le congratulazioni siano d'obbligo", disse a bassa voce mentre le afferrava la mano in una stretta gentile ma ferma per posarle un leggero bacio all'interno del polso. Bisognerebbe essere stupidi per non vedere la pura possessività in quel semplice bacio. Fortunatamente per lei, non molte persone si sono accorte di lei. Il filo dei suoi pensieri si ritorse contro di lei quando vide la maggior parte degli occhi nel parcheggio puntati su di loro. Lei tirò indietro la mano leggermente, ma con insistenza.
"Cosa stai facendo qui?" chiese in un sussurro.
Sembrava divertito. “Non ti aspettavi che ti lasciassi trascorrere uno dei giorni più importanti della tua vita da solo, vero? Mi dispiace; Non sapevo se i fiori ti sarebbero stati bene o meno, quindi sono venuto a mani vuote.
Miranda non poteva fare a meno di essere commossa dalla premura dell'uomo. “Grazie, ma davvero non avresti dovuto. Non sono solo, ho solo...” Si interruppe quando notò l'incredulità nei suoi occhi.
Cosa diavolo avrebbe dovuto dire al ragazzo quando l'avesse trovata da sola in un parcheggio semiaffollato?
Lui sventolò la sua scusa e le prese il gomito. "Non importa, ho organizzato il pranzo in uno dei miei ristoranti."
“Alexander, non posso. Ho già fatto progetti con alcuni dei miei amici.
"Beh, duro", si accigliò. "Quando sono arrivato, nessuno di quegli amici era qui, quindi dovrai rimandare."
Il nervo dell'uomo! Lo disse come se fosse la cosa più semplice. Era ovviamente abituato al fatto che tutti lasciassero cadere tutto sui programmi per lui con uno schiocco delle dita. Beh, dura! Sicuramente non era una delle sue lacchè. Prima che potesse aprire bocca per discutere, comunque lui fece qualcosa che la sorprese. Chi avrebbe mai pensato che un uomo di trentatré anni potesse perfezionare la routine degli occhi da cucciolo? Lei sospirò. Un pasto non potrebbe far male, ora potrebbe?
“Lasciami andare a prendere la mia borsa. L'ho lasciato a un mio amico perché me lo tenesse.
Alexander osservava con gli occhi socchiusi il giovane a cui si avvicinava la sua Miranda. Era solo quattro pollici più alto di lei e non aveva alcuna possibilità se gli stava accanto. Tuttavia, non gli piaceva il modo facile in cui Miranda rideva con lui. Non gli piaceva la familiarità che i due condividevano in modo così evidente. Si accigliò quando lei lo indicò per mostrare all'amico con chi se ne stava andando. Negli occhi del ragazzo si accese un bagliore protettivo. Ovviamente non gli piaceva che 1miranda partisse con lui. Alexander sapeva che stava cercando di dissuaderla, ma dopo alcune parole di rassicurazione, il ragazzo annuì con riluttanza e le restituì la borsetta. Il ragazzo aprì le braccia per salutarla. Digrignò i denti per la rabbia per impedirsi di avventarsi contro i due per strapparla dalle sue braccia.
Quando Miranda è tornata al fianco di Alexander, è stato per trovare la familiare figura meditabonda piuttosto che la versione leggermente più allegra che si era lasciata alle spalle. Guardò nella direzione del suo sguardo per vedere Kenny, uno dei suoi compagni di classe. Ovviamente non gli piaceva il fatto che si fossero abbracciati. Lei gli afferrò la mano in una leggera presa e gli sorrise quando lui finalmente la guardò. "Dai, andiamo." Non ha protestato quando lui le ha messo un braccio intorno alla vita per condurla dove aveva parcheggiato la macchina. Si fermò di botto all'improvviso.
"Hai portato una limousine?" disse incredula. Le aprì la portiera, spingendola dentro mentre faceva cenno all'autista di allontanarsi. Scivolò accanto a lei, senza mai interrompere del tutto il contatto.
"Cosa c'è che non va?" sembrava confuso.
"Non potresti andare con qualcosa di meno appariscente?"
"Tesoro, questa è l'auto meno appariscente che possiedo."
Non era sicura di cosa dire dopo. Onestamente non aveva conosciuto nessuno così arrogante come quest'uomo. Il resto del viaggio fu completato in silenzio, ma per tutto il tempo lui non le aveva lasciato la mano né aveva distolto gli occhi da lei. Ogni volta che le capitava di guardarlo, si perdeva nello sguardo meditabondo e abbassava timidamente gli occhi. Ricordava le parole che le aveva detto mesi fa... sono ossessionato da te... pensava che fossero deliri pronunciati nella foga del momento. Adesso non ne era così sicura.
Alexander la condusse all'interno di un ristorante poco illuminato poco dopo. Era un po' curiosa di sapere perché qualcuno avrebbe dovuto mantenere l'illuminazione al minimo in pieno giorno, ma quando ha visto quante coppie occupavano il posto si è resa conto che doveva essere stato per aggiungere l'illusione dell'intimità. Il loro tavolo era in una parte appartata della stanza.
"Quali sono i tuoi piani, ora che ti sei laureato?" chiese a Miranda dopo che avevano ordinato. Era abbastanza brava a leggere le espressioni delle persone, ma quest'uomo era un enigma per lei. Non sapeva se fosse davvero interessato o se stesse solo facendo conversazione.
Ha visibilmente esitato prima di rispondere: “Potrei iscrivermi a qualche programma nel Regno Unito tra qualche mese. Dura quasi un anno, ma ha molta visibilità, quindi è una grande opportunità di carriera. Devo pensarci, ma sinceramente sono interessato”. Quando ebbe finito di parlare notò il cipiglio sulle sue labbra. Sembrava dominare tutto il suo viso.
"Vuoi lasciare il paese?" chiese con tono incredulo, anche se sommesso.
Miranda deglutì nervosamente. “So che è inaspettato, ma come ho detto è una grande opportunità. E so che mia zia sarà ancora in congedo di maternità, ma non sarà difficile...»
"Non si tratta del tuo lavoro, dannazione!" urlò inaspettatamente, sbattendo violentemente un pugno chiuso contro il piano del tavolo.
A suo merito, Miranda non ha nemmeno sussultato, nonostante non abbia mai perso la pazienza. Era grata di trovarsi in una parte isolata del ristorante, però. Dopo uno scomodo periodo di silenzio, lei lo sorprese afferrando la mano che aveva sbattuto e controllandola. Lei sfiorò con la punta delle dita la chiazza rosso chiaro contro il suo mignolo. “Non si ammacca; fa male?"
Lui scosse la testa. "NO."
"Forse dovremmo metterci del ghiaccio sopra, per ogni evenienza."
"Rilassati, era solo un tavolo." Esitò: “Mi dispiace per la mia reazione. È solo che non voglio vederti andare via.»
Miranda non sapeva cosa l'avesse scioccata di più, l'ammissione o le scuse. Lei sorrise e gli scostò dal viso una ciocca dei suoi capelli neri, dicendogli senza parole che non c'era niente da perdonare.

***

"È stato divertente", ha osservato Miranda mentre si allontanavano dal ristorante.
"Sembri sorpreso."
Sorrise ad Alessandro. "Non capita tutti i giorni che il tuo capo ragazzaccio ti porti fuori a pranzo."
"Non capita tutti i giorni di laurearsi tra i primi della classe." Cambiò rapidamente argomento. "Chi era quel ragazzo con cui eri?"
L'unica risposta di Miranda fu di sbattere le palpebre, un po' sorpresa che avesse scelto di parlarne ora. Sapeva che lo aveva infastidito, ma non aveva mai incontrato nessuno così aperto con la propria gelosia. “È un amico; abbiamo preso le stesse lezioni quindi non è un grosso problema. Non c'è bisogno di essere gelosi.
"Non sono geloso!" disse, offeso. "È solo che non voglio vedere nessun uomo che ti metta le mani addosso." Miranda sbatté le palpebre e distolse lo sguardo dal suo sguardo intenso, il grigio profondo dei suoi occhi ricordava molto le nuvole scure e tempestose. “Sono passati tre mesi, agapi mou. Credo di averti dato abbastanza tempo per riflettere su ciò che condividiamo.
“Pensavo avessi cambiato idea. Non l'hai mai tirato fuori", si strinse nelle spalle, provando e fallendo miseramente ad apparire disinvolta.
Alexander fece una risata profonda, rara e calorosa. "Sei stato tu a chiedere tempo, avresti dovuto dirmi qual era la tua decisione, ma ora quella scelta è fuori dalle tue mani."
"Cosa diavolo dovrebbe significare?"
"Significa, mia cara, che ora mi appartieni, e che tu lo voglia ammettere o meno, è qualcosa che desideri disperatamente quanto me."
“Che io lo voglia o no non è questo il problema qui. Voglio fare bungee jumping e immersioni in aereo quest'estate, questo non significa che sia la cosa giusta da fare, vero? La stessa cosa vale per te. Potrei volerti, ma onestamente non è la cosa migliore per me.
Emise un suono simile a un ringhio, e in un batter d'occhio lei si ritrovò nella stessa posizione in cui si trovava tre mesi prima, proprio sulle sue ginocchia. "Come ho detto prima, la decisione ora è fuori dalle tue mani" e con un sorriso sbarazzino, abbassò la testa e la baciò. Non solo un bacio normale, ma uno di possesso. Mentre il primo bacio era stato una promessa, mantenne quella promessa con questo. La sua lingua si infilò nella sua bocca per scivolare contro la sua, convincendola a rispondere. Gemette mentre si premeva completamente contro la figura muscolosa di Alexander. Doveva essere stordita perché ricordava vagamente di avergli detto pochi minuti prima che la loro chimica era una cattiva idea, e ora non poteva staccarsi dalla sua bocca perfetta per salvarsi la vita. Era come una droga, pensò Miranda mentre le toglieva l'abito da laurea dalle spalle per sbottonarsi avventatamente e separare la camicetta bianca di seta che aveva trovato sotto.
“Così bello,” mormorò, prendendo in bocca un capezzolo marrone sassoso prima di succhiarlo leggermente. "Tutto mio." Lui strinse freneticamente la sua erezione vestita di jeans contro il suo inguine, e fu felicissimo di sentirla tornare indietro. Il bacio si fece più profondo quando la sentì sbottonare i primi tre bottoni della camicia. Alexander emise un basso gemito quando sentì la sua lingua sfiorare la sua mentre lei allargava una delle sue piccole mani contro il suo petto massiccio, sentendo cautamente il suo battito cardiaco regolare. Staccò entrambe le mani e la bocca da quelle di lui quando sentì l'auto fermarsi.
Miranda si sistemò i vestiti meglio che poteva con i suoi intensi occhi grigi fissi su di lei. Quando finalmente guardò fuori dai vetri oscurati, si irrigidì. "Alexander... perché siamo fuori casa tua?"

***

Storie simili

Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. Brandon, sei qui? Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di...

728 I più visti

Likes 0

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

1.4K I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

1.3K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

1.8K I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.1K I più visti

Likes 0

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

821 I più visti

Likes 0

Orrori combinati - cap. 02 - La caccia

Orrori combinati. Se questo è il tuo primo capitolo da leggere, sarebbe meglio leggere prima il capitolo 1, per digerire questa storia, grazie per la tua preoccupazione.. http://www.sexstories.com/story/83926/ Capitolo 2: la caccia. Nella stessa notte (Mado) non era ancora sicuro di cosa intendesse la creatura dicendo ... AVRAI POTERI SULLE FEMMINE, NESSUNA FEMMINA SAREBBE MAI IN GRADO DI RESISTERE AL TUO FASCINO... Cosa diavolo significa? Aveva bisogno di provare prima di mettersi in viaggio con (Noga). Non riusciva a pensare a una vittima migliore della giovane cameriera che avevano in casa, e per giovane significa che era più giovane di (Noga)...

998 I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

831 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

196 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.