Twinfinity: Onyx Ravens (10)

48Report
Twinfinity: Onyx Ravens (10)

Capitolo 9

In seguito



Il silenzio, come piume fluttuanti dopo una battaglia di cuscini, aleggiava sulla radura. Lo sguardo di rabbia e determinazione negli occhi della ragazza si trasformò in uno sguardo di realizzazione e poi di preoccupazione. La realtà iniziò, la realtà di ciò che aveva fatto, la realtà del suo passato innocente perduto e la realtà che aveva tolto la vita a un altro, sembravano avvolgersi attorno al suo collo.

Anche la realtà di Decker è cambiata. La sua realtà, fino a quel momento, era che doveva essere un eroe. I suoi sogni glielo dicevano, ma la sua percezione di come sarebbe stato quell'eroe era stata diversa da quella che si stava rivelando. Aveva creduto che sarebbe finito per impugnare una spada e combattere creature simili a demoni in un mondo in cui la civiltà non era altro che una cosa del passato e un obiettivo da rivendicare. Il guerriero nei suoi sogni gli ha mostrato un mondo distopico di caos, distruzione e città in fiamme con bambini che urlano per le loro madri.

Non c'erano dubbi nella mente di Decker che la ragazza schizzata di sangue di fronte a lui fosse quel guerriero. I suoi preoccupati occhi d'argento, senza tatuaggi e cicatrici o no, glielo dicevano. E lei, in effetti, a quel punto aveva bisogno di un eroe, perché senza di lui era condannata a subire una vita circondata dalle sbarre della prigione. Poteva già sentire l'abbaiare dei cani del padre di Jacob che si avvicinava, il che significava che era già stato avvisato di ciò che stava accadendo.

"L'ho fatto!" Decker ha annunciato ai suoi compari. Il suo annuncio fu accolto da sguardi attoniti. "Mi senti?" chiese, guardando ogni membro della sua banda. “Tutto quello che hai visto fare alla ragazza, tutto quello che è successo, è venuto da me. Stavate tutti cercando di fermarmi. Avete visto tutti che ero impazzito e tutti avete cercato di fermarmi! Ha aggiunto.

I suoi compari hanno iniziato a tornare alla realtà. Facevano a turno a guardarsi l'un l'altro stupidamente, ma l'abbaiare dei cani si faceva più forte e tutti avvertivano il destino in arrivo.

“Non abbiamo molto tempo! Dimmi che capisci», implorò.

"Ma..." iniziò il fratello di Cree.

"Ma niente! Tutti voi avete ascoltato le mie invettive e siete d'accordo con quello che ho detto; Ti ho raccontato tutto dei miei sogni e di ciò che quei sogni dicevano che sarebbe arrivato. Vi ho raccontato tutto del guerriero che era nei miei sogni e tutti voi avete detto che mi credevate! Lei,” disse indicando Whitney, “è quella guerriera! Non sono più il capo degli Onyx Ravens. Lei è! D'ora in poi, se mai avesse bisogno di qualcuno di noi, verremo in suo aiuto! Capisci?"

All'inizio era come se i loro pensieri stessero guadando la linfa degli alberi. I loro movimenti e le loro risposte erano lenti e riluttanti, ma il messaggio di Decker stava tagliando il fango. Erano tutti abbastanza intelligenti da sapere che i guai erano all'orizzonte e Decker stava offrendo loro una via d'uscita. Stava dicendo loro che avrebbe preso la colpa e, per di più, che potevano anche dire che avevano cercato di fermarlo.

"Sì", iniziarono a dire tutti uno alla volta. "Certo Decker, qualunque cosa tu dica amico."

Decker si avvicinò a Whitney e le prese il bastone dalle mani. All'inizio la sua presa era implacabile, ma lei la lasciò andare. Decker si è assicurato che le impronte delle sue mani fossero dappertutto da cima a fondo. Poi è andato da Cree, ha cominciato a prelevare un po' del suo sangue dal petto e ad asciugarselo addosso. "Dopo averlo ucciso, l'ho fatto per celebrare la mia vittoria su di lui, capito?"

Hanno annuito.

Indicò il fratello di Cree. "Ho lanciato una collana laggiù", disse spostando il dito dove si trovava la collana. “Prendilo e daglielo. Ne avrà bisogno.

Il fratello di Cree si avvicinò, lo raccolse con cautela come se la collana fosse un serpente a sonagli anziché una pietra su una catena, e lo portò alla ragazza. Le prese dolcemente la mano e vi fece scivolare dentro la catena.

“Sei sicuro di voler fare questo Decker! Voglio dire, andrai sicuramente in prigione! esclamò il fratello di Cree.

Decker gli si avvicinò e si fermò davanti a lui. “Ho bisogno che tu e tutti gli altri vi impegniate in questo. Qualunque cosa accada. Non importa quante domande arrivino, non importa quanta pressione ti viene esercitata! L'ho fatto. Ho fatto tutto. Tutto quello che hai visto la ragazza dici che l'ho fatto. Fatto! Tuo fratello è morto per un motivo. Ricordalo sempre. Se viene bloccata per questo, tuo fratello è morto per niente! Avremo tutti bisogno di lei più tardi! Anche se non mi hai mai creduto prima, allora credimi adesso.

"Sì, ma Decker, non assomiglia per niente a quello che hai detto", fece notare suo cugino.

«Gli occhi d'argento, Ben! Li vedi, vero? Non ha le cicatrici o i tatuaggi, ma a parte questo sembra esattamente una versione più giovane della ragazza dei miei sogni. Dimmi che lo vedi, Ben. Dimmi che sei con me”.

«Sono con te, Decker. non mi piace. Ha ucciso il mio fottuto fratello, ma acconsentirò perché me lo stai chiedendo.

Il silenzio nella radura stava scomparendo. I cani in avvicinamento se ne accertarono e quando i cani colmarono l'ultimo varco verso la radura, il bastone di Decker iniziò a ronzare.

"STATE INDIETRO O VI AMMAZZO TUTTI!" Decker urlò a squarciagola. "GIURO SU DIO CHE VI UCCIDO TUTTI!"



Tommy sapeva di aver commesso un errore lasciando Whitney in quella radura. Lo capì non appena l'ebbe fatto, ma la sua mente era divisa. C'era una parte di lui che si rendeva conto che Whitney aveva bisogno di lui lì, come guida se non altro. Non c'erano dubbi nella sua mente che lei potesse cavarsela da sola quando si trattava di combattere. Glielo aveva dimostrato nell'arena, ei suoi sogni si aggiungevano alla sua comprensione, ma sapeva anche che era sua responsabilità assicurarsi che Whitney fosse al sicuro. Anche se poteva gestire Decker e la sua banda non significava che potesse gestire qualsiasi cosa accadesse.

Il padre di Jacob lo seguiva e i cani gli stavano davanti. Tommy non stava tornando alla radura a piedi, stava correndo, e stava correndo con tutto quello che aveva. La sua unica speranza era che il padre di Jacob non inciampasse in una roccia e gli sparasse accidentalmente con il fucile che aveva con sé.

Tommy sentì Decker urlare mentre i suoi piedi lo portavano più vicino a dove aveva lasciato Whitney. Lo sentì urlare e sentì che le sue urla erano minacce e anche se Tommy stava correndo con tutto quello che aveva prima di sentire le urla; lo trovò dentro di sé per correre ancora più veloce.

Non appena i cani ei suoi occhi entrarono nella radura, Whitney si unì a lui.

"Stai indietro Leighton!" gli urlò Decker quando Tommy si fermò. "Fai un altro passo e ti fisserò questa cosa proprio come ho fatto con Cree!" Decker era in piedi tra sé e il corpo di uno dei suoi stessi compari. Whitney era al suo fianco e il suo corpo era cosparso di sangue come se fosse una domenica di gelato invece di sua sorella.

Una nebbia si stabilì nella mente di Tommy, densa e fredda come un blocco di ghiaccio, trasparente eppure difficile da vedere attraverso, le sue percezioni lì, eppure così distanti dalla sua mente logica come se stesse cercando di leggere una lettera (scritta con caratteri minuscoli ) da dieci piedi di distanza.

Tutti erano ancora posizionati lontano da Decker, lontano dal cadavere e lontano da sua sorella, ma lo guardavano come se fosse lui quello che poteva fornire spiegazioni alla scena. Non poteva fornire tali risposte. In effetti, tutto ciò che poteva fornire erano domande e la sua mente lo pregava anche di fornire sicurezza a Whitney. Le tese la mano; fece scivolare entrambe le mani nelle tasche dei suoi jeans e lentamente si avvicinò a lui. Quando lo raggiunse, alzò le mani, le avvolse intorno a lui e lo abbracciò forte con le braccia tremanti. I suoi pensieri erano vuoti, come se le sue gelide percezioni fossero in qualche modo orecchiabili e influenzassero il suo pensiero, così come quello di lui.

Il padre di Jacob era rimasto indietro, ma alla fine raggiunse la radura, fucile in mano, un'espressione arrabbiata sul viso, come purè di patate schizzato su un piatto. I suoi cani non erano silenziosi. Abbaiarono le loro accuse, dirette a Decker, ma non solo a lui.

"Cosa diavolo hai fatto ragazzo!" chiese il padre di Jacob.

"Ha cercato di fermarmi!" urlò Decker, riposizionandosi, il bastone in entrambe le mani come se fosse il guardiano di una torre. "Avrebbe dovuto saperlo meglio", ha aggiunto in un tono sinistro, ma calmo.

«Metti giù quella cosa, Decker Albright. Metti giù quella dannata cosa subito prima che ti faccia saltare via quella maledetta testa!»

"Vai avanti, Jessup!" Decker ha risposto. "Vai avanti e sistema le cose se è quello che vuoi fare." Decker fece un passo avanti, il suo bastone cominciò a ronzare nell'aria, i suoi occhi si concentrarono su Jessup, i polsi si flettevano, spingendo il bastone a muoversi più velocemente ei suoi piedi lo portarono avanti.

La pistola di Jessup ruggì e Tommy si aspettava di vedere Decker cadere. Non l'ha fatto. Invece l'estremità del bastone di Decker esplose in schegge, cadendo dietro di lui come solide gocce di pioggia. In qualche modo, l'obiettivo di Jessup era stato abbastanza vero da distruggere la fine del bastone di Decker, e ha fermato Decker sulle sue tracce. Con la sua arma distrutta, improvvisamente sembrò più compiacente. Si abbassò sulle ginocchia, si mise le mani dietro la testa e si lasciò cadere in modo da trovarsi a faccia in giù tra l'erba. I suoni delle sirene iniziarono a squarciare il cielo della sera. Nessuno osava muoversi. Nemmeno Tommy, nemmeno Whitney, poiché tutti aspettavano di vedere cosa sarebbe successo dopo.

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

522 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

915 I più visti

Likes 0

Il giorno più bello

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio di come l'avrei mai potuto immaginare. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se voleva che usassi i soldi che avevo vinto nella partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto concedermi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa luccicante che si librava a pochi centimetri dalla mia faccia. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua figa era...

711 I più visti

Likes 0

ISTRUZIONE UNIVERSITARIA

Ho appena trovato questo sito l'altro giorno e finora lo adoro. Vorrei raccontarvi della mia prima volta con l'uomo sul sesso maschile, ma prima voglio parlarvi di me e di come sono arrivato al punto di fare sesso con un uomo. Sono un uomo di 53 anni divorziato da 30 anni. Vivo in una città che ha un college statale e possiedo un'azienda di autotrasporti. ma è successo tutto quando avevo 30 anni. Ero a Los Angeles a scaricare il mio camion e mentre lo scaricavano stavo pranzando dal carro del pranzo, dopo aver mangiato stavo buttando via la spazzatura e...

890 I più visti

Likes 0

Ragazzi adolescenti nudi che nuotano al liceo con hard-on

Ero una matricola in un liceo di una grande città negli anni '70 e non sono rimasto sorpreso quando nel mio primo semestre ho nuotato e per motivi di salute pubblica, tutti i ragazzi lo facevano nudi. Ero stato avvertito dai miei fratelli maggiori e provenendo da una famiglia di nove bambini, tra cui sorelle e una madre che allatta continuamente, non ero timido o estraneo al corpo nudo. Il primo giorno ci è stato detto che se avessimo sentito tre brevi raffiche di fischio, dovevamo uscire rapidamente dalla piscina, allinearci sul bordo e affrontare le gradinate, perché potrebbe esserci un'emergenza...

812 I più visti

Likes 0

Aiuto voluto parte 7

Mi chiedevo se avessi imparato la lezione mentre tornavamo a casa. Non solo, ho iniziato a calcolare quanto è costata la mia stupida avventura con Caitlyn. Tra il suo vestito, le scarpe e la roba, i miei vestiti nuovi, la cena e la mancia, il biglietto del taxi per cui le ho dato i soldi, e la benzina; doveva essere vicino a nove fatture. Inoltre la frikkin' pneumatico doveva essere riparato. Ho guardato Caitlyn. Stava dormendo. C'è stato qualcosa di positivo che è emerso da tutta questa disavventura? La sua figa è stata rasata. Ma stasera non vedrei niente di tutto...

967 I più visti

Likes 0

Un compleanno in incesto Capitolo 34

Manca un capitolo! La serie è quasi finita. Tutto si riduce a questo. Godere. È passato un mese intero da quando papà ha detto che ci avrebbe dato una possibilità e, francamente, è stato davvero un buon mese. Ci siamo assicurati di stare alla larga da papà quando ci sentivamo affettuosi, e lui ha fatto del suo meglio per accettare di sapere cosa stava davvero succedendo. Siamo tornati lentamente alla relazione che avevamo prima del giorno in cui ha trovato la foto, anche se ci è voluto un po' di tempo perché abbiamo deciso di essere chiari su tutto, da ogni...

939 I più visti

Likes 0

La mano amica di una madre Ch. 6

Capitolo sei: madri, figli e amanti Alla fine, le braccia di Jason Jackson sono rimaste intonacate per altre due settimane, per un totale di sei in tutto. La notizia della loro rimozione è stata accolta da un enorme sospiro di sollievo e poi da un'esultanza per il giovane. Ma l'euforia e il sollievo furono immediatamente sostituiti da un senso di sgomento e incredulità, perché quando i calchi furono effettivamente tolti Jason rimase scioccato nel vedere le sue braccia un tempo muscolose e abbronzate che sembravano di un giallo pallido slavato, raggrinzite e magre. Dov'erano finiti i suoi adorabili bicipiti tonici? Fu...

704 I più visti

Likes 0

Quello che desideri

Ho 25 anni, ho recentemente terminato la scuola di legge e lavoro a ore assurde come junior associate in uno studio di medie dimensioni specializzato in diritto assicurativo. La paga è abbastanza decente, ma il lavoro è noioso. Se non fosse stato per Kaitlyn, avrei smesso mesi fa, ma lei rallegra le mie serate e rende tollerabile la fatica settimanale. Ci siamo conosciuti al college, ci siamo innamorati e ci siamo sposati quando ci siamo laureati. Poi la scuola di legge per me e un Master in Pedagogia per lei. Ha 23 anni e gira la testa. La prendo in giro...

1K I più visti

Likes 0

Una fantastica vacanza

Cosa fa una donna di circa 30 anni divorziata di recente quando il suo posto di lavoro ha una vacanza di 2 settimane? Beh, vai in vacanza, naturalmente. Il mio ex marito era una persona controllante, aveva bisogno di fare le cose a modo suo nel suo programma. Ma mi aveva fatto sentire a mio agio, immagino che stare con qualcuno dai 20 ai 30 anni lo faccia. Ma sono contento che quel capitolo della mia vita sia finito. Ho potuto vedere i segni un paio di anni fa e penso che inconsciamente volevo comunque uscire dal matrimonio. Ma è stata...

988 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.