HOBO - Capitolo 15

460Report
HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI

Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni.

Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa. Era un venerdì sera e ho sempre aspettato il venerdì e il sabato sera. Di tanto in tanto mi addormentavo sul divano, cosa che è successa questa notte. Mi sono svegliato con il mio cellulare che squillava forte sul pouf. Guardo lo schermo erano le due e cinquantasei del mattino. Mi sono seduto e ho risposto al telefono senza riconoscere il numero.

“Con chi sto parlando?”, chiese la voce maschile.

"Tim Williams.", ho risposto.

"Sig. Williams, sto chiamando per una Michelle Woods che attualmente risiede nella tua residenza", ha dichiarato.

“Sì signore, è la mia fidanzata. C'è qualcosa che non va?", ho chiesto.

«Sì signore, è stata coinvolta in un grave incidente in autostrada. È stata portata al Baylor University Medical Center in Gaston Ave”, ha riferito.

“Oh dio, sta bene?”, risposi.

“Signore, in questo momento è tutto ciò che so. Ti suggerisco di andare in ospedale il prima possibile", suggerì.

Corsi in camera da letto e infilai un paio di jeans, una maglia e delle scarpe da ginnastica. Ho preso portafoglio, chiavi e telefono e sono corso fuori dalla porta. Uscendo dalla suddivisione ho chiamato Stan Woods e gli ho riferito le poche informazioni che avevo in quel momento. Mi ha detto che mi avrebbe incontrato lì subito. Sono arrivato in ospedale verso le tre e mezza e sono corso al pronto soccorso. Sono stato subito accolto da due agenti di polizia e da un amministratore dell'ospedale.

Mentre mi conducevano nella sala d'attesa del centro traumatologico, sono stato informato che Michelle è stata investita da un SUV sul lato del conducente del veicolo. Il conducente del SUV non è rimasto gravemente ferito, ma è rimasto gravemente ubriaco soffiando una .21 sull'etilometro. Tutto quello che mi è stato detto in quel momento è che Michelle era in sala operatoria e che doveva sedersi.

Ero completamente insensibile e per la prima volta nella mia vita completamente impotente. Circa dieci minuti dopo, Stan e Beverly Woods entrarono di corsa nella sala d'attesa. Le ho ripetuto tutto quello che sapevo all'epoca e le ho spiegato che era in sala operatoria. Erano circa le quattro di quella mattina quando un chirurgo entrò nella stanza e si avvicinò a noi.

"Sei qui per la signora Woods?", chiese.

"Si signore. Lei è il mio fidanzato e questi sono i suoi genitori", ho risposto.

“Sono il dottor Mikler, sono un neurochirurgo e ho lavorato sulla signora Woods. Non ho intenzione di mentire, è in condizioni critiche. Ha subito più ossa rotte, ma in questo momento il trauma cranico mi preoccupa di più. Ha un grave gonfiore al cervello e devo portarla di nuovo in chirurgia rapidamente. La mia unica possibilità è rimuovere la pressione sul suo cervello drenando il cranio e poi metterla in coma chimico. Ho la tua approvazione?”, chiese.

Ho guardato Stan e Beverly Woods per assicurarmi che avessero voce in capitolo. Rimasero semplicemente lì con gli occhi vitrei a guardare il chirurgo.

"Dottore, questa è l'unica possibilità che ha... di fare questa operazione?", ho chiesto.

"Temo che lo sia.", disse, piano.

"Fallo allora.", ho chiesto.

Il chirurgo se ne andò e io tornai alla sedia su cui ero seduto. Circa venti minuti dopo, Robin Woods è entrata di corsa nella stanza cadendo tra le braccia dei suoi genitori. Dopo una breve conversazione, si avvicinò a me e mi baciò dolcemente sulle labbra, cosa che trovai strana. Si sedette accanto a me e mi prese la mano tra le sue.

“Tim, mi dispiace tanto. Cosa stanno facendo?”, chiese.

Le ho spiegato cosa mi aveva spiegato il neurochirurgo e le ho detto che Michelle era ancora in sala operatoria. Tutto quello che potevamo fare era sederci qui e aspettare. Circa trenta minuti dopo, il dottor Mikler entrò dalla doppia porta con il camice macchiato di rosso. Feci per alzarmi ma lui mi fece cenno di restare seduto. Mi si avvicinò e si inginocchiò davanti a me appoggiandomi una mano sul ginocchio. Non doveva dirlo, lo sapevo.

“Mi dispiace signore, ho fatto tutto quello che potevo pensare. È morta circa dieci minuti fa. Mi dispiace tanto per la tua perdita", disse alzandosi e dandomi una pacca sulla spalla.

Beverly Woods singhiozzava istericamente mentre Stan cercava di consolarla. Robin mi avvolse tra le braccia e mi attirò a sé. In quel momento ho capito che la cosa più importante della mia vita era sparita per sempre. Circa trenta minuti dopo, ero ancora seduto sulla stessa sedia senza sapere cosa fare o dove andare. Proprio in quel momento, un uomo vestito con un completo si avvicinò a me e si sedette.

"Sig. Williams, sono il detective Guthrie del dipartimento di polizia di Dallas, lavoro nella omicidi. Posso farti qualche domanda?”, chiese.

“Sissignore.”, risposi debolmente.

"Michelle Woods era il tuo fidanzato, esatto", ha chiesto.

“Sì signore.”, risposi.

“Abitava con te a questo indirizzo?”, mi chiese, mostrandomi la patente.

"Sì signore.", ho risposto.

"Cosa ci faceva fuori a tarda notte?", chiese.

“Noi possediamo il ristorante Mon Armor in città. Tornava a casa dal lavoro”, risposi.

“Per ora è abbastanza buono, signor Williams. Al momento, l'altro conducente sarà accusato di omicidio stradale. L'addebito può aumentare o diminuire leggermente dopo essere passato al procuratore distrettuale. Il mio ufficio si metterà in contatto con te”, ha dichiarato, porgendomi il suo biglietto da visita.

Mi sono alzato sentendomi insensibile e ho detto a Stan e Beverly Woods che li avrei contattati più tardi. Ho fatto alcuni passi e sono quasi caduto afferrando una sedia per sostenermi. Stan corse dietro di me e mi aiutò a rimettermi sulla sedia.

“Papà, porterò Tim a casa, tu riporti la mamma a casa. Ti chiamo tra un'ora o giù di lì", ordinò Robin.

Non ricordo di essere salito in macchina o di Robin che mi ha accompagnato a casa. Mi sono svegliato con la luce del sole che filtrava dalla finestra della mia camera da letto. Mi ci è voluto un minuto per capire che questo non era un sogno. Mi sono seduto sul letto e ho cominciato a singhiozzare in modo incontrollabile. Come può tutto andare così terribilmente storto in un caso. Mi sono seduto lì per qualche minuto, poi mi sono alzato e ho camminato lungo il corridoio. Robin era seduto al bancone della cucina su uno degli sgabelli a bere una tazza di caffè.

“Lascia che ti prepari una tazza…. siediti, Tim", ha esortato.

Mi versò una tazza e la sedette davanti a me. Mi avvolse tra le braccia e mi attirò vicino a lei. Ancora una volta, ho pianto in modo incontrollabile e mi sono aggrappato a Robin per tutta la vita.

Lunedì mattina, il detective ci ha autorizzato a iniziare i preparativi per il funerale di Michelle. Era stata fatta l'autopsia e l'altro conducente accusato di omicidio stradale. Questa era la sua settima carica DUI, ma solo la prima volta che si era tolto una vita. Ho detto a Stan e Beverly Woods che mi sarei occupato io di tutti gli arrangiamenti. Sono andato all'impresa di pompe funebri e ho scelto tutto sentendo di sapere cosa avrebbe voluto Michelle.

Il funerale si tenne quel sabato mattina dalle nove alle dodici presso l'impresa di pompe funebri con una messa in seguito. Con poi guidato al cimitero in forti temporali che proprio non si sono fermati. Tutti erano stipati sotto tre grandi tettoie verdi cercando di evitare il più possibile la pioggia. Quando il ministro ha concluso il servizio, sono uscito sotto la pioggia battente. La bara di Michelle ha una finitura lucida bianca pura con finiture dorate abbinate. Mi sono avvicinato lentamente alla bara e ho messo un'unica rosa rossa sopra il coperchio.

"Baby, non so spiegare come mi sento... Mi sono perso. Tutto il mio mondo mi è stato portato via. Non so come continuare a vivere senza di te. Tutto era perfetto. Non sono sicuro di volerlo fare senza di te. So cosa vorresti che facessi, ma non sono sicuro di essere abbastanza forte per farlo. Dio, piccola, ti amo. Ora e sempre,” sussurrai, chinandomi a baciare la bara.

Quando sono tornato sotto la tenda, ero fradicio. Mi hanno dato un paio di asciugamani mentre mi sedevo sulla sedia. Uno per uno, tutti sono passati e hanno espresso le loro condoglianze un'ultima volta. Alla fine c'eravamo solo Stan, Beverly, Robin e io. Stan e Beverly stavano portando le persone del funerale a casa loro. Gliel'avevo già detto che non avrei partecipato, sarei andato dritto a casa.

Sono stato l'ultimo a partire guidando dritto a casa. Quando sono tornato a casa stavo tremando per la pioggia fredda. Feci subito una doccia calda e andai a letto stringendo tra le braccia il cuscino di Michelle.

Con l'arrivo di dicembre, ho davvero capito cosa significasse il termine "semplicemente facendo i movimenti". Stavo semplicemente mettendo un piede davanti all'altro giorno dopo giorno. Mi presentavo presto al lavoro, partivo alle cinque e andavo in palestra. Torna a casa verso le sette e mezza, fai la doccia e cadi nel letto.

L'altro conducente era un uomo di trentatré anni il cui padre era un importante agente di cambio della zona. Avevano cercato di ridurre le accuse a omicidio colposo, ma il procuratore distrettuale ha rifiutato. Carlos Reyes mi ha promesso di portare la famiglia al tribunale civile poiché il maschio più giovane era sulla polizza assicurativa di suo padre. La polizza era una polizza da cinque milioni di dollari, ma non mi importava. Darei cinque milioni di dollari solo per riavere Michelle.

Alla fine William Walker Jr. fu condannato a dodici anni di carcere. Dodici fottuti anni per avermi portato via Michelle. Ho appreso più tardi che potrebbe essere fuori già tra sette anni. Come promesso, Carlos Reyes ha inseguito William Walker Sr. con una vendetta. Dopo un mese di processo, la giuria mi ha assegnato tutti i cinque milioni di dollari che ho cercato di dividere con Stan e Beverly Woods. Entrambi hanno rifiutato categoricamente affermando che erano entrambi finanziariamente sicuri.

A questo punto, anch'io potrei essere considerato finanziariamente sicuro, qualcosa che poche persone di trent'anni potrebbero dire. Avevo seicentomila dollari nel mio conto di risparmio, quattrocentodiecimila nel mio conto corrente, quattrocentocinquantacinque nel mio 401K, duecentotrentacinquemila in contanti nella mia cassaforte in ufficio che erano rimasti dai soldi che aveva Mary Stein ci ha dato. Avevo pagato la mia casa un anno prima, quindi oltre ai soldi che avevo, ero libero da debiti. E stavo aspettando un assegno da Fidelity Insurance da cinque milioni di dollari.

Quindi, tutto sommato, la vita di Michelle valeva cinque milioni di dollari e dodici anni di prigione. È incredibile come i tribunali possano dare valore alla persona amata. I soldi non significavano niente per me. Puoi sempre guadagnare denaro, ma non puoi mai riportare indietro qualcuno dopo che se ne è andato.

Diverse settimane dopo, il mio banchiere mi chiamò per dirmi che aveva ricevuto un assegno da cinque milioni di dollari dalla compagnia di assicurazioni. Ha messo i soldi in un conto corrente finché non sono riuscito a capire come distribuirli.

Ero nel mio ufficio a finire una recensione di fine anno su uno dei miei clienti quando Terri è entrata e mi ha detto che Cindy Butler, la sorella di Richard, era fuori nella sala d'attesa. Ho detto a Terri di portarla dentro immediatamente. Pochi secondi dopo, Cindy varcò la porta. Si avvicinò a me mentre mi alzavo e mi abbracciavo brevemente.

“Tim, mi dispiace tanto per la tua perdita. Semplicemente non riesco a credere a ciò che la vita ci lancia addosso a volte”, sospirò.

“Grazie, Cindy. Cosa posso fare per te?”, risposi.

“In primo luogo, voglio chiederti se hai tempo per fare le mie tasse quest'anno. Non mi fido più del mio commercialista e Richard ha detto che sei il migliore", ha chiesto.

«Certo, Cindy. Nessun problema", risposi.

“Grazie, sei una bambola. Ora un'altra cosa e so che questo è un brutto tempismo, ma... Richard mi ha detto che presto riceverai un grosso assegno. Ho una proprietà che è appena arrivata sul mercato, mi piacerebbe che tu la guardassi. Se questo è un brutto momento, lo capisco perfettamente. Questa è solo una proprietà davvero bella che penso sarebbe adatta per te", ha affermato.

Le offrii un posto, tornai dietro la mia scrivania e mi sedetti. Aprì una lima manilla e se la posò in grembo. Sfogliò le carte e trovò quella che stava cercando.

“Questa è una gated community chiamata Oakdale a North Dallas. Questa è una casa moderna e contemporanea con ottomilanovecentotrentuno piedi quadrati su un lotto di tre quarti di acro. La casa dispone di quattro camere da letto, quattro bagni, una biblioteca/ufficio abbastanza grande, soggiorno, sala da pranzo, cantina, lavanderia e home theatre. All'esterno c'è una piscina davvero unica con una cascata, una veranda climatizzata e un grande gazebo coperto accanto alla piscina con un pozzo del fuoco", ha affermato.

“Suona carino Cindy, cosa stanno chiedendo. ?", Ho risposto.

«È quotato per due milioni seicentomilacinquanta dollari. Ho visto alcune foto e non durerà a lungo. Sarà sul mercato tra pochi giorni. Conosco l'agente immobiliare che lo gestisce e possiamo vederlo ogni volta che lo desideri ", ha offerto.

"Non c'è niente di male a guardare, prepara qualcosa per domani sera", ho chiesto.

"Certo, Tim.", commentò.

Il pomeriggio seguente, lasciai il lavoro un po' presto e andai all'indirizzo in cui Cindy Butler aveva accettato di incontrarmi. Sono arrivato all'indirizzo di Briar Oaks Circle e ho trovato Cindy Butler già lì. La maggior parte delle case che avevo incontrato erano architetture tradizionali, di influenza mediterranea o spagnola. Questa casa era decisamente più moderna, cosa che mi piaceva. Era un po' arretrato rispetto alla strada e aveva un enorme vialetto in cui mi sono fermato. Scesi e andai alla porta d'ingresso che era già aperta. Ho chiamato Cindy Butler e lei mi ha gridato di entrare.

Attraversai l'atrio e la prima stanza a sinistra era la sala da pranzo formale. Ho continuato a camminare lungo l'atrio e sono arrivato nel soggiorno/cucina che era completamente aperto. La cucina aveva tutti gli elettrodomestici commerciali relativamente nuovi insieme a un frigorifero Sub Zero pieno e accanto un congelatore Sub Zero. Questa era una cucina che Michelle avrebbe amato.

Dall'altra parte della stanza c'era il soggiorno, anch'esso molto grande. Aveva un televisore a schermo piatto da sessantacinque pollici montato al muro che sarebbe rimasto con la casa. Poi mi ha portato lungo il corridoio alle quattro camere da letto. Due delle camere erano enormi e potrebbero facilmente essere una master suite. Il bagno della suite principale era incredibile con un'enorme vasca da bagno e una doccia con nove soffioni installati. Un grande soffione doccia a pioggia e quattro soffioni per ogni corpo in uno schema verticale su ciascun lato. Il secondo grande bagno aveva la stessa grande vasca da bagno ma una piccola doccia indipendente.

Ci siamo quindi spostati sul retro della casa, dove sulla destra si trovava la sala dell'home theater. Aveva un televisore a schermo piatto da otto e cinque pollici appeso al muro. C'erano sei sedie da teatro in file di tre da cui vedere lo schermo. La stanza era cablata per il suono surround e aveva luci soffuse che potevano essere controllate da un telecomando.

Mi ha subito mostrato la lavanderia, poi siamo usciti dalla doppia porta sul retro e siamo entrati in una veranda climatizzata. Aveva piastrelle di ceramica sul pavimento con un tavolo e quattro sedie a un'estremità. All'altra estremità c'era un grande divano e due grandi sedie tutte affacciate sulla piscina.

Abbiamo varcato la grande porta della veranda su un'enorme terrazza di cemento che circondava la migliore piscina che avessi mai visto personalmente. La vasca era grande e su un'estremità c'erano enormi rocce e massi che formavano una parete rocciosa alta forse sei metri. Le pompe erano state disposte in modo da creare un effetto cascata che scendeva lungo la parete rocciosa e tornava nella piscina. C'era anche una piccola grotta o grotta a destra in cui potevi infilarti per isolarti. Questa era una casa meravigliosa, non c'era dubbio.

Dato che questo era giovedì e la casa sarebbe ufficialmente arrivata sul mercato il martedì successivo, ho chiesto a Cindy Butler di pensarci durante il fine settimana. Mentre me ne andavo, non potevo fare a meno di sentirmi dispiaciuto che Michelle non fosse qui per vedere la casa.

Mentre pensavo alla nuova casa durante il fine settimana, dovevo ancora decidere come utilizzare i soldi dell'assicurazione. Potrei pagare in contanti per la casa, poi vendere la mia e depositare quella e il resto dei soldi dell'assicurazione in uno dei miei conti. Entro domenica sera, ho deciso di acquistare la casa per diversi motivi. Innanzitutto è stato un ottimo acquisto e non avrei mai dovuto trasferirmi di nuovo in vita mia. Secondo, ogni volta che mi spostavo da una stanza all'altra della mia casa attuale, mi ritrovavo a ricordare qualcosa che io e Michelle avevamo fatto in quella stanza.

Ho chiamato Cindy Butler lunedì mattina presto e le ho detto di fare una proposta per la casa. Ha detto che questa zona era ciò che chiamano casa calda. Le case raramente duravano una settimana in questa zona. Ci ha consigliato di offrire il prezzo richiesto che ho accettato. Mi chiamò più tardi quella sera e mi disse che il proprietario aveva accettato la mia offerta e aveva ritirato la casa dal mercato. Poiché si trattava di una vendita in contanti, avremmo chiuso in trenta giorni.

Non appena mi fossi sistemato nella mia nuova casa, avrei dovuto capire cosa fare con il ristorante. Eddie Sampson, il manager assunto da Michelle, gestiva il posto per il momento, ma bisognava fare qualcosa per il futuro.

Storie simili

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

1.1K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

1.1K I più visti

Likes 0

Lo Studio xxx

Arthur era il proprietario di 20 anni di uno studio porno, sua madre Sonia era attualmente a carponi leccando la figa della sua ragazza di 19 anni Betty Rogers, amava girare film lesbici ed era il suo più grande produttore di soldi. Anche Arthur aveva un segreto: era un maestro ipnotizzatore. Quindi sia sua madre Sonia che la sua ragazza Betty erano sotto il controllo mentale (suo). La mamma ora era un'esperta lecca fica, quando è stata ipnotizzata 3 mesi fa ha dovuto essere addestrata, da allora è apparsa in oltre 15 film lez, inclusa una coppia in cui recitava con...

1.1K I più visti

Likes 0

Aiuto voluto parte 7

Mi chiedevo se avessi imparato la lezione mentre tornavamo a casa. Non solo, ho iniziato a calcolare quanto è costata la mia stupida avventura con Caitlyn. Tra il suo vestito, le scarpe e la roba, i miei vestiti nuovi, la cena e la mancia, il biglietto del taxi per cui le ho dato i soldi, e la benzina; doveva essere vicino a nove fatture. Inoltre la frikkin' pneumatico doveva essere riparato. Ho guardato Caitlyn. Stava dormendo. C'è stato qualcosa di positivo che è emerso da tutta questa disavventura? La sua figa è stata rasata. Ma stasera non vedrei niente di tutto...

987 I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

940 I più visti

Likes 0

Un compleanno in incesto Capitolo 34

Manca un capitolo! La serie è quasi finita. Tutto si riduce a questo. Godere. È passato un mese intero da quando papà ha detto che ci avrebbe dato una possibilità e, francamente, è stato davvero un buon mese. Ci siamo assicurati di stare alla larga da papà quando ci sentivamo affettuosi, e lui ha fatto del suo meglio per accettare di sapere cosa stava davvero succedendo. Siamo tornati lentamente alla relazione che avevamo prima del giorno in cui ha trovato la foto, anche se ci è voluto un po' di tempo perché abbiamo deciso di essere chiari su tutto, da ogni...

959 I più visti

Likes 0

L'ascesa e la caduta di un ragazzo chiamato Rave parte 6

Affrontare la frustrazione sessuale Avevo 13 anni e mi odiavo ma non odiavo la mia vita. Avevo una ragazza che mi amava, la rispettata della mia banda, la paura dei miei nemici e più soldi di quanti ne avessi mai visti. Erano passati più di sei mesi da quando avevo conosciuto la vera fame, avevo un gruppo di amici che sarebbero andati al muro per me, avrei potuto fare sesso con una dozzina di ragazze diverse se avessi voluto, e non vivevo più nella paura i miei impulsi violenti potevo assecondare alcuni e ora potevo reprimere gli altri. Tutta questa nuova...

1.6K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

934 I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

906 I più visti

Likes 0

Una lezione per Liz

Capitolo 1 Sam e sua sorella minore Liz si sono incontrati per un caffè un pomeriggio di quest'estate. Sam e Liz non erano mai stati molto legati, soprattutto perché Sam aveva 11 anni in più di sua sorella minore Elizabeth o Liz, come le piaceva essere chiamata. Non si vedevano da un paio di mesi eppure vivevano nella stessa città. Sam era il tipo che ha lasciato che la sua carriera guidasse la sua vita e non si era mai sposato o si era sistemato davvero. Avrebbe avuto una ragazza occasionale, ma non ne è mai venuto fuori nulla e gli...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.