Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

500Report
Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

Il Cavalierato

Dopo quella maledetta serata, Noah non aveva fretta di uscire dai bagni, e il fatto di avere la stanza tutta per sé era una gradita serenità. Inoltre presto sarebbe tornato a vivere per strada, dove i bagni caldi erano pochi e rari. Era bello assaporarlo finché poteva, così come la sensazione di un'uniforme fresca. Si fermò nella sala mensa e prese del pane e una mela, poi tornò al suo dormitorio, dopo aver trascorso le ultime ore bramando la morbidezza del suo letto come una vecchia fiamma.

Sembrava che non appena chiudeva gli occhi, si aprivano al suono di bussare. "Noah, sei lì?" Era Alessio. Noah guardò alla finestra vicina e studiò le ombre; probabilmente era mezzogiorno.

“No, al momento sono altrove. Tornerò più tardi, dopo aver dormito ancora qualche ora."

“Hai dormito abbastanza. Apri la porta."

«Va bene, ma non ho vestiti addosso. Sei sicuro di voler vedere l'angolazione del pendente?"

Ci fu una pausa. "Un'ora." Lei disse. La sentì allontanarsi e chiuse gli occhi, solo per essere scosso ancora una volta dal bussare. Le ombre si erano spostate di nuovo. "Forza, è ora di svegliarsi", disse Alexis da fuori. "E faresti meglio ad avere dei vestiti addosso."

"Va bene, sto arrivando." Noah si vestì e aprì la porta, trovando Alexis e Sophia in piedi nel corridoio. "Cosa c'è di così importante che hai dovuto svegliarmi due volte?"

"Volevamo assicurarci che stavi bene dopo il tuo turno di ieri sera", ha detto Sophia. «Nessuno sapeva cosa ti è successo dopo che hai lasciato il castello con Sir Elyot.»

“Alcuni sciocchi mi hanno inseguito e io mi sono preso cura di loro. Nulla di cui preoccuparsi."

"Bene, perché è la fine dell'anno e hai una promessa da mantenere", disse Alexis, lanciandogli uno sguardo d'acciaio.

«Suppongo di sì. Lasciami prendere alcune cose e ne parleremo nella tua stanza.

Lo guardarono recuperare qualcosa dalla sua scrivania, e poi li seguì nella stanza di Alexis. Prima di fare qualsiasi cosa, ha tirato fuori il suo dispositivo insonorizzante e lo ha attivato, assicurandosi che la loro conversazione rimanesse segreta. Si guardò intorno nella stanza, trovandola pulita e ordinata come sempre, ma poteva ancora percepire un vago odore di sesso.

“Sono felice che voi due siate riusciti a sistemare le cose. Spero solo che svegliarmi non sia stato un atto di vendetta per aver interrotto il tuo saffico isolamento di ieri."

Un sorriso, Noah non aveva mai visto Sophia arrossire con un sorriso, distogliendo invece lo sguardo timidamente, ma le sue labbra sollevarono le sue guance rosee, e lei ridacchiò persino.

"Silenzio!" disse Alexis con le orecchie arrossate. "Contrariamente allo stile di vita che vivi, l'intimità non è qualcosa di cui si dovrebbe parlare con disinvoltura!"

Noah si rivolse a Sophia. "È così facile prenderla in giro, vero?"

"Ogni tanto le darò un piccolo colpetto, solo perché mi piace vederla imbronciata in quel modo", rispose Sophia continuando a ridacchiare.

“Possiamo già andare avanti? È ora di dirci chi sei veramente.”

"Molto bene, sedetevi tutti e due." Si sedettero ciascuno sul letto mentre Noah prese la sedia dalla scrivania di Alexis e si sedette davanti a loro. “Non credo molto nelle promesse, non importa da chi provengano. Tuttavia, ho bisogno che voi due giuriate che non lo condividerete mai con nessun altro, capito?"

"Hai la nostra parola", ha detto Alexis.

“Esatto”, aggiunse Sophia.

Noah fece un respiro profondo. “Non sono la persona che sembro. Sono molto più vecchio di quanto sembro e vengo da un mondo lontano da questo. Questo corpo umano è un vaso temporaneo in cui abito. Per migliaia di anni sono morto e rinato, ogni volta in un nuovo mondo, in una nuova realtà. Il tuo pianeta è solo una delle infinite tappe del mio viaggio attraverso il tempo e lo spazio.”

Alexis e Sophia lo fissarono come se le sue parole fossero rimbalzate sulle loro fronti. "Sei serio in questo momento, vero?" chiese Alexis.

“Completamente serio. Te l'ho detto prima, ero vivo molto prima che tu nascessi, e sarò vivo molto tempo dopo la tua morte. Se uccidi questo corpo, la mia coscienza e i miei ricordi si sposteranno in un nuovo corpo, quello di un bambino che sta nascendo. Sono venuto in questa accademia alla ricerca di risposte, non solo alla mia magia, ma a questa maledizione della reincarnazione."

"Puoi dimostrarlo?" chiese Sofia.

"Io posso. Di tutti i mondi in cui ho viaggiato finora, questo è l'unico dotato di magia e, per questo motivo, la mia attuale reincarnazione è stata diversa dal solito. Sono finito qui con lo stesso corpo in cui sono morto, così come i vestiti che indossavo e la roba che avevo in tasca”. Noah ha rivelato un rettangolo nero con una superficie di vetro. “Nei mondi senza magia, l’umanità avanza attraverso lo sviluppo di tecnologie e strumenti. Questo si chiama cellulare. È un dispositivo che ti consente di comunicare con qualcuno in un altro luogo e di concederti l'accesso a qualsiasi informazione tu voglia, oltre a molte altre cose interessanti, anche se ha perso quelle funzioni da quando sono venuto in questo mondo. Tutti ne avevano uno e lo usavano quasi senza sosta.

Ne rimosse il retro e mostrò loro un quadrato d'argento all'interno, dove era stata scritta una formula runica. “Questa qui si chiama batteria. Contiene l'energia necessaria per far funzionare il mio telefono. Quando sono arrivato qui, non avevo i mezzi per ripristinare quell’energia, quindi è stata per lo più inutile, ma grazie alla creazione delle rune ho trovato un modo”. Accese il telefono e puntò contro di loro la fotocamera. "Tutti e due, sorridete."

"Mi scusi?" chiese Alexis.

"Sorridi e basta."

Ognuno di loro fece un sorriso imbarazzato, e Noah scattò la loro foto e poi la mostrò con loro reciproco shock. "Cos'è questo?" chiese Sophia, fissando attentamente lo schermo.

“Il mio telefono ha un occhio di vetro in grado di registrare ciò che vede e sente. E a proposito di udito…” Aprì la cartella della musica e suonò “Could’ve Been” di Two Steps from Hell. "Contiene anche la musica del mio mondo."

Il suono degli archi riempì la stanza di Alexis, facendo perdere il fiato a lei e Sophia. I festosi rumori delle feste e le canzoni popolari degli avventurieri e dei contadini non potevano paragonarsi alla sinfonia di note che scorreva nelle loro orecchie.

"Quindi tutta la tua conoscenza sul corpo umano viene da un altro mondo?" chiese Sofia.

“Molti mondi, in realtà. In diverse vite sono stato quello che è noto come un “dottore”, qualcuno che guarisce i feriti e i malati. Tuttavia, poiché non esistevano pozioni magiche o incantesimi curativi, l’umanità ha dovuto imparare tutto quello che c’è da sapere sul corpo umano. Immagina di riattaccare un arto mozzato cucendo insieme tutte le vene e i muscoli recisi con ago e filo. Infatti…” Tirò fuori il portafoglio e mostrò loro la patente. “Questa è una carta d’identità che avevano tutti i miei coetanei. Vedi questo posto proprio qui? Vuol dire che mi sono offerto volontario per diventare donatore di organi”.

"Donatore di organi?" chiese Alexis.

“Nel mio vecchio mondo, le persone che soffrivano di insufficienza d’organo potevano farsi tagliare il corpo e sostituire l’organo malfunzionante con uno sano di un’altra persona. Le persone che si offrivano volontarie come donatrici, alla loro morte, avrebbero avuto i loro organi rimossi e trapiantati in altre persone che ne avevano bisogno. Il mio cuore, i miei polmoni, i miei reni e tutte le preziose parti del mio corpo verrebbero utilizzate per salvare la vita degli altri. Bene, dal momento che sono qui in questo corpo, non sono sicuro che qualcuno abbia effettivamente preso i miei organi.

"Questo... questo è tutto troppo", gemette Sophia.

“Per quanto strano possa sembrare, è la verità.”

Alexis si sporse in avanti "Allora quello che mi hai detto alla festa del Basilisco, riguardo ai mostri e agli esperimenti creati dall'uomo..."

“Ho migliaia di anni, un tempo sufficiente per aver fatto e sperimentato praticamente qualsiasi cosa, comprese, diciamo, pratiche “abominevoli”? Ci sono linee che presumibilmente l'uomo non dovrebbe oltrepassare, e io le ho superate tutte, solo per vedere cosa c'era dall'altra parte. Chiunque abbia creato quel basilisco, sta seguendo i sentieri che io ho percorso."

I tre sedettero tutti in silenzio, Alexis fissava Noah mentre Sophia fissava il pavimento. "Allora cosa succede adesso?" chiese infine Alexis. "Dato che non sei riuscito a ottenere le risposte qui all'Accademia, cosa farai dopo il Knight's Day?"

“Aiuterò Lady Zodiac a rintracciare suo fratello, scomparso dopo aver eseguito un esperimento psichico incredibilmente potente. Non posso darti tutti i dettagli, ma l’incidente è avvenuto la primavera scorsa, nello stesso periodo in cui sono arrivato qui. Anche se gli eventi non sono collegati, spero che la sua ricerca possa aiutarmi a spezzare questa maledizione”.

"Aspetta, ma se rompi la maledizione, morirai, vero?" chiese Sofia.

“Non lasciarti ingannare da questo giovane volto. Sono già morto più di cento volte e ho vissuto e sperimentato più di quanto tu possa immaginare. Sono pronto per la fine del mio viaggio.

"Lady Zodiac lo sa?" chiese Alexis, con la voce tremante.

“Certo, fa parte del nostro accordo. Io aiuto a trovare suo fratello e lei mi aiuterà a spezzare la mia maledizione. Partiremo dopodomani."

Sophia si alzò in piedi con le lacrime agli occhi. "Vuoi dire che ci lascerai indietro e non ti vedremo mai più!"

Noah sospirò. "Tu ed io abbiamo passato una notte meravigliosa insieme, vero?" La domanda inaspettata la fece girare le ruote. “Adesso capisci da dove viene tutta la mia esperienza in camera da letto, vero? Ho avuto centinaia di mogli e amanti, di molti dei quali ho dimenticato i nomi, e lo stesso vale per i miei figli. Giacevo sul letto di morte, circondato dalla mia amorevole famiglia, nessuno di loro sapeva chi fossi veramente. Li ho sentiti piangere mentre chiudo gli occhi ed emetto il mio ultimo respiro, solo per rinascere in un nuovo mondo. Vivo mentre tutti quelli della mia vita precedente muoiono uno dopo l'altro, ignaro di essere stati sostituiti.

Forse invece di viaggiare con Valia, tu ed io potremmo sposarci. Potremmo costruire una casa, crescere una famiglia e invecchiare insieme. Riesci a immaginarlo? Il bacio che ci scambiavamo il giorno del nostro matrimonio, noi due che discutevamo su chi fosse il turno di prendersi cura del nostro neonato che piangeva nel cuore della notte, le cene che avremmo fatto con i nostri amici, mentre scherzavamo sui nostri figli che cadevano amare, creare ricordi durante le vacanze, sia buoni che cattivi, trascorrere gli anni in una confortevole routine di lavoro e amore, guardare i nostri figli crescere e avere figli propri, e alla fine, per noi, arriva la fine. Posso immaginarlo, perché l’ho vissuto tante volte prima.

Ma sia che io me ne vada verso il tramonto dopo il Giorno del Cavaliere o che muoia di vecchiaia con te che mi tieni per mano, sarò inevitabilmente costretto a lasciare te e tutti gli altri alle spalle e a iniziare una nuova vita, e tu finirai per finire in un altro capitolo della mia vita. un libro che avrebbe dovuto finire molto tempo fa. Non voglio più vivere così”.

I tre sedettero in silenzio, rotto solo dal singhiozzo di Sophia mentre cercava di mantenere la compostezza.

“Noah, guardami negli occhi e dimmi che quello che dici è vero, che sei davvero chi dici di essere”, mormorò Alexis.

Noah guardò dritto nella sua anima. “Tutto quello che ti ho detto è vero. Il mio passato, la mia identità, il mio obiettivo, tutto. Voi due ora sapete di me più di quanto sapessero le mie famiglie precedenti.

"Allora dove andiamo da qui?" chiese Sofia.

“Beh, suppongo che abbiamo alcune opzioni. Possiamo lasciare questa conversazione con una nota amara, e le cose potrebbero essere imbarazzanti fino al nostro addio, oppure possiamo trascorrere questo tempo prezioso insieme creando ricordi. Si frugò in tasca e tirò fuori un sacchetto pieno di erbe. “Posso suggerire di fumare questo gonlief potenziato alchemicamente e di passare il resto del pomeriggio ad ascoltare musica dal mio mondo? Che ne dici?"

"Non fumo", ha detto Alexis.

“Nemmeno io”, aggiunse Sophia.

"Se c'è mai stato un momento per provarci, è adesso." Riempì una pipa con gonlief e THC in polvere, poi l'accese con un fiammifero e inspirò profondamente. Dopo aver rilasciato una fitta nuvola, la porse ad Alexis.

"Bene, immagino che dovrei vedere di cosa si tratta tutto questo trambusto."

Noah premette play sul suo telefono mentre lei e Sophia prendevano una boccata dalla pipa con un forte colpo di tosse. I tre sprofondarono nella beatitudine e per le ore successive la stanza fu piena di musica, fumo e risate.

----------

Il sole sarebbe presto tramontato e i cadetti si stavano preparando ancora una volta al combattimento. Era l'ultima notte prima del Knight's Day e, se la storia avesse avuto voce in capitolo, sarebbe stata una serata roboante. Noah era nella sua stanza e armeggiava con la sua armatura. Seduta sul suo letto c'era Valia, che si era intrufolata per poter parlare. Aveva appena finito di raccontarle della sua conversazione con Alexis e Sophia.

"Sono sorpresa che tu non li abbia invitati a venire con noi", ha detto. “Un guaritore e un arciere sarebbero stati utili durante il nostro viaggio.”

“Sono sorpreso che questa sia la tua reazione. Pensavo che mi volessi tutto per te", ha scherzato. "Per quanto sarebbe divertente viaggiare con tre bellissime donne, sento che è meglio che ci separiamo per ora."

"Non vuoi intrometterti nella loro felicità, vero?"

«Sapevi di loro due?»

"Con il modo in cui Alexis mi guardava sempre, era ovvio in quale direzione oscillava."

"Allora quell'abbraccio che le hai dato l'altro giorno, cos'era?"

“Attenzione genuina da insegnante a studente, così come il fatto che io le abbia lanciato una sorta di osso. Inoltre, è così carina quando si agita. Non ho potuto resistere alla tentazione di prenderla un po’ in giro”.

I due condivisero una risata.

“Se noi quattro viaggiassimo insieme, tu ed io saremmo solo una tentazione e il loro rapporto ne soffrirebbe. Meritano la possibilità di stare insieme senza che noi li affollamo e li portiamo fuori strada”.

"Divertente, ti dipingi come un nichilista, ma se davvero non ti importasse, li avresti invitati e li avresti usati come volevi."

“È vero che ci sono poche cose che contano per me, che sono importanti nella mia vita, ma ci sono molte cose che voglio che contino, di cui voglio prendermi cura, anche se devo sforzarmi di farlo. Voglio che significhino qualcosa per me, e se devo evitarli affinché ciò accada, allora così sia.

"Sei più dolce di quanto credi."

"Forse. Comunque, come valuteresti le nostre possibilità che Valon si presenti?» chiese.

"L'anno scorso ha rilasciato tutti i prigionieri nella prigione per usarli come distrazione in modo da poter razziare la tomba reale, quindi a meno che non ci sia qualcosa che non è riuscito a rubare l'ultima volta, ho poche speranze che venga."

“Per lo meno, ciò significa un piccolo pasticcio da ripulire. Siamo tutti pronti a partire?"

«Ho provviste e cavalli. Possiamo andare quando vogliamo. Tuttavia, quella taglia sulla tua testa renderà le cose difficili, e il regno probabilmente mi marcherà come traditore per aver lasciato. Potremmo ritrovarci con i manifesti dei ricercati corrispondenti. Dovremo evitare strade e città, quindi ottenere qualsiasi informazione su Valon sarà quasi impossibile.

“Allora forse la nostra prima destinazione dovrebbe essere la provincia di Thelmas. Possiamo rintracciare Fain Morgan e costringerlo a chiudere il contratto. Ciò dimezzerebbe almeno il numero dei nostri inseguitori. In ogni caso, una volta lasciato Uther, ci saranno molte meno persone a seguirci. Inoltre, sottovaluti quanto bene mi mimetizzo tra la folla.

"Beh, se la mia taglia è più alta della tua, devi offrirmi da bere, capito?"

"Accetto, ma probabilmente dovrei dirti adesso che ho intenzione di finire le cose con Seraph domani, quindi potremmo non essere in grado di lasciare Colbrand in silenzio."

“Noah, so cosa significava per te il Fodero del Cavaliere, ma dovresti lasciar perdere. Picchiarlo non farà altro che rendere le cose più difficili per noi”.

“Non posso. Continuo a ripetermi che non ne vale la pena, ma è come se il mio cervello fosse in fiamme. Non riesco a ricordare l'ultima volta che sono stato così arrabbiato. Inoltre, se l'aspettava da molto tempo. Prova a dirmi solo che non merita di avere la faccia schiacciata nel fango. Non importa se è un principe o un paladino; riceverà il giudizio”.

Valia si alzò. "Noah, guardami." Gli posò le mani sulle guance e si guardarono negli occhi. “Sai, una parte di me non è ancora sicura se sei chi dici di essere. Quella parte ti guarda e si preoccupa che tu sia solo un giovane con la lingua argentina.

"Dice l'elfo."

“Oh, stai zitto. Poi quando guardo nei tuoi occhi, vedo la verità. Vedo le età che hai vissuto, l'esperienza che hai accumulato e il vasto mare di ricordi, sia felici che dolorosi. Quello che non vedo è la ferita che sarà guarita dalla vendetta”.

"Hai ragione. Io so che hai ragione. So che questa faida giovanile è stupida, sconsiderata e miope. So che ci saranno conseguenze per le mie azioni, ma questa sensazione è incredibile. Questa appassionata irrazionalità, questa furia e follia, sono come una festa peccaminosa per l’anima. Posso finalmente abbandonarmi al desiderio e all'emozione e guidare verso qualcosa di inutile e significativo. La ricerca di Cyrilo avrebbe potuto portare alla realizzazione del mio ultimo desiderio, un desiderio che ho portato con me attraverso la vita e la morte, e sono stato derubato. Se questo non ha importanza, cosa conta? Quando mai proverò di nuovo qualcosa del genere?

"Lingua d'argento davvero", disse Valia.

Noah la attirò a sé, le sue braccia le avvolsero la vita snella e le sue labbra incontrarono quelle di lei. Lei lo accolse, con una mano ancora sulla sua guancia, mentre l'altra gli scostava i capelli. Si baciarono per diversi secondi prima di separarsi definitivamente.

"Che ne dici di una lingua argentata?"

Valia gli diede uno schiaffo scherzoso sulla guancia. "Stai al sicuro là fuori, cadetto Noah."

"Sì, Lady Zodiaco."

----------

Ancora una volta i cadetti si riunirono al palazzo reale. La notte precedente era stata relativamente facile, poiché tutti i piantagrane erano semplicemente diretti verso Noah. Era lo stesso piano e, si spera, lo stesso risultato. Noah fu inviato a gran voce a "custodire" la Cappella di Elswood mentre tutti gli altri cadetti pattugliavano la città. Erano armati e pronti al combattimento, ma non per ciò che li aspettava: strade vuote.

Era l'ultima notte delle Feste Rosse, eppure la città di Colbrand era silenziosa. C'erano ancora alcuni piantagrane in giro, e una manciata di festaioli andò a cercare Noah per la taglia, ma questo era tutto. La stragrande maggioranza dei drogati di battaglia e degli assassini erano già stati giustiziati la notte prima, quindi non c'era più nulla a cui dare la caccia ai cavalieri e ai cadetti. Esattamente un anno prima, la città era stata un mare di fuoco e violenza, ma stasera era tutto pacifico. A differenza delle sere precedenti, il turno terminava poche ore prima dell'alba. Dopotutto, i cadetti avevano altro lavoro da fare e avevano bisogno di riposarsi finché potevano.

I festeggiamenti per il Giorno del Cavaliere sono iniziati presto, le strade si sono riempite di cittadini e turisti con i suoni di conversazioni infinite e rumori. Gli artisti di strada hanno entusiasmato il pubblico con magie e acrobazie, mentre i venditori vendevano i loro prodotti del festival alle masse. Quest’anno la gente era di buon umore, soprattutto perché la città non era stata quasi distrutta come l’anno prima.

Eppure, nonostante la festa nelle strade, i cadetti non poterono partecipare, poiché erano impegnati a pulire l'accademia. Oggi si sarebbe iscritta un’intera nuova classe di cadetti, quindi tutto doveva essere pulito, lucidato e spolverato per esemplificare il prestigio dell’accademia. A Noah sarebbe sicuramente mancato il suo dormitorio, dato che era un raro livello di lusso in questo mondo. Dei suoi magri averi, tutto ciò di valore sarebbe stato portato nel suo zaino o anello, mentre tutto il resto, come vecchi quaderni e materiali per la creazione di rune, sarebbe stato lasciato a Cyrilo per custodia.

Non indossava l'uniforme dell'accademia né i suoi abiti civili. Indossava invece una camicia di cotta di maglia e una tunica rossa ricamata con lo stemma nazionale di Uther. Tutti i cadetti diplomati indossavano qualcosa di simile, a seconda della loro specialità. Quelli armati di spade, mazze e lance erano vestiti con una cotta di maglia e avrebbero ricevuto la loro armatura a piastre dopo la cerimonia di nomina a cavaliere, mentre arcieri e maghi indossavano vesti e armature di cuoio.

L'ultimo pezzo dell'ensemble era sulla sua scrivania, consegnato la mattina presto. Era la sua spada da cavaliere ufficiale, creata secondo le sue specifiche e con materiali da lui forniti utilizzando l'alchimia. Insieme a un livello preciso di carbonio, è stato infuso con un po' di silicio e tungsteno e alcuni altri elementi scelti. La lama era incisa con una lunga formula runica di sua progettazione, ogni simbolo era fisicamente inciso nell'acciaio e poi riempito con l'inchiostro più forte su cui Noè poteva mettere le mani, quindi trattato in modo che non venisse lavato via dall'acqua o dal sangue. Era un incantesimo alchemico per rinforzare tutti i legami molecolari e prevenirne la formazione di nuovi, quindi la lama aveva la massima durata e non si arrugginiva, non si smussava, non si scheggiava o si rompeva, rendendola più potente di qualsiasi altra spada da cavaliere. Ha incluso anche un paio di altri incantesimi per aiutarlo in varie situazioni.

Noah aveva gestito i fabbri fino alla morte per assicurarsi che il processo di forgiatura andasse alla perfezione, ma ne valeva la pena. Da quando è venuto in questo mondo, ogni spada che ha usato ha finito per rompersi o andare perduta, e nessuna di esse sembrava adattarsi perfettamente a lui. Questa spada era stata realizzata su misura proprio per lui e, tenendola in mano, si sentiva come un vero partner. Era un po' emozionato all'idea di riceverlo finalmente e si godeva il peso nella mano e sulla cintura.

Era quasi mezzogiorno e presto i nuovi iniziati avrebbero riempito i campi dell'accademia. Noah uscì dalla sua stanza, portando il suo zaino e indossando il suo anello con la sua nuova spada sul fianco, e chiuse a chiave la porta un'ultima volta. Ha incontrato Alexis e Sophia fuori. Alexis aveva rinunciato all'uniforme dell'accademia e indossava ancora una volta l'abito da battaglia di quando si erano incontrati per la prima volta, mentre portava un arco incantato fatto per lei come la spada di Noè. Accanto a lei, Sophia indossava i paramenti bianchi di una guaritrice e teneva una bacchetta che aveva realizzato lei stessa nella classe di Sir Elyot, una per aiutare la sua magia curativa. Portavano con sé anche delle spade, sebbene fossero lame cerimoniali.

“Mi mancava quel vestito. Ti sta bene", ha detto.

"Grazie, è bello indossarlo ancora una volta."

"Sei molto bello", disse Sophia con un sorriso.

"Grazie. Quelle vesti ti stanno benissimo. E allora, va bene?"

Loro e tutti gli altri diplomati lasciarono l'accademia e marciarono verso il palazzo reale, guidati da Valia. Per la maggior parte, questa era la prima volta che entravano e, camminando lungo i corridoi, osservavano a bocca aperta i grandi arazzi e i dipinti appesi alle pareti. Furono guidati nella sala del trono, una camera grandiosa ed espansiva quasi simile a una cattedrale. Le pareti e il pavimento erano decorati con piastrelle squisite e legno raccolto da fonti esotiche, con file di bandiere appese al soffitto rialzato, sorrette da grandi pilastri. I membri della corte reale, compresi nobili e subordinati reali, erano riuniti in gradinate lungo un lato della stanza, di fronte a una fila di grandi finestre e porte aperte che lasciavano entrare la brezza estiva.

Il re sedeva sul trono con una corona d'oro in testa e anelli su ciascun dito. Come tutti i veri governanti, era stato eroso dallo stress e l'età stava iniziando a prendere il sopravvento, ma sembrava ancora forte. Accanto a lui c'era Adwith Tarnas, che indossava come sempre la sua lucida armatura. I cadetti stavano sull'attenti su diverse file, aspettando i loro ordini. Il re diede un colpo del dito, oro e tutti si inginocchiarono.

"Uomini e donne di Uther, vi do il benvenuto", disse il re, alzandosi in piedi. “Vi riunite qui davanti a me perché il destino vi ha chiamati a essere sia la spada che lo scudo di questa nazione, a difenderla con ogni grammo di forza nei vostri corpi, e io sto qui davanti a voi per conferire il potere e l'autorità meritati da coloro che sono disposti a vivere e morire per una causa così giusta. Ora recita il giuramento del cavalierato e impegnati a proteggere il popolo, la terra e la corona di Uther!”

All'unisono, tutti i cadetti parlarono.

“Stai in piedi, per non cadere mai!

Combatti, così potresti non morire mai!

Carica, così non avrai mai paura!

Sulla terra cremisi e sotto il cielo annerito!

Con onore, viviamo!

Con integrità, combattiamo!

Possano cantare la nostra forza!

Come risplende dai nostri elmi la luce dell’alba!

Che si tratti di una foresta di lame o di una tempesta di frecce!

Abbiamo giurato di combattere per il nostro popolo!”

Il re annuì. “Vivi per quelle parole e che tu possa recitarle con il tuo ultimo respiro. Ora ti conferirò i tuoi titoli. Per prima cosa, figlio mio, fatti avanti”.

Serafino si alzò in piedi e si avvicinò al re, poi ancora una volta si inginocchiò. La sua arma preferita era un martello, ma come Alexis e molti altri, portava una spada cerimoniale, che ora porgeva a suo padre. Il re raccolse la lama.

"Serafino cadetto Yern Bravik Albion, giuri di rispettare le leggi del paese, di dedicarti alla protezione, alla ricchezza e alla prosperità della sua gente e di vivere e morire per il re e il paese?"

"Lo giuro."

Il re lo colpì su entrambe le spalle con la spada. “Allora, con l’autorità della corona e la benedizione degli dei, ti nomino Sir Albion, Cavaliere di Uther!” Restituì a Seraph la spada e un anello d'oro con lo stemma nazionale.

Seraph ricevette entrambi i doni tra gli applausi fragorosi degli spettatori, poi si alzò in piedi e ritornò al suo posto di prima tra i cadetti. La cerimonia è continuata, ogni cadetto ha annunciato il proprio nome e poi si è fatto avanti per ricevere il proprio nome e titolo. Alla fine, fu chiamato il nome di Noè, provocando un'ondata di sussurri sommessi tra gli spettatori, la maggior parte dei quali sorpresi che gli fosse stato permesso di entrare nel castello.

Aveva il sostegno di tutti gli insegnanti dell'accademia e aveva più che dimostrato la sua abilità durante le Feste Rosse, ma facendo un passo avanti, Noah notò la freddezza negli occhi del re. La sua colpevolezza per le ferite di Galvin non era mai stata provata, ma era ancora un sospettato, e il suo sesso pubblico con la duchessa aveva gravemente offuscato la reputazione del regno. Noah pensava che sarebbe stato nominato cavaliere solo con la premessa di tenere gli amici vicini e i nemici ancora più vicini.

Si inginocchiò e presentò la sua spada.

"Cadetto Noah, giuri di rispettare le leggi del paese, di dedicarti alla protezione, alla ricchezza e alla prosperità del suo popolo e di vivere e morire per il re e il paese?" La domanda è stata posta con un tono freddo e diffidente.

"Lo giuro."

Il re gli diede un colpetto su entrambe le spalle. "Allora, con l'autorità della corona e la benedizione degli dei, ti nomino Sir Noah, Cavaliere di Uther."

Noah ricevette la spada e l'anello, ma non ci furono applausi di alcun tipo, non che se lo aspettasse. Questa non era la prima volta che veniva nominato cavaliere, e aveva partecipato principalmente per curiosità, volendo vedere se il re sarebbe andato fino in fondo. Ma ora che era stato nominato cavaliere, aveva altre preoccupazioni.

----------

Era ormai metà pomeriggio e l'eccitazione della festa non era ancora svanita. La gente tifava per i cavalieri in sfilata e celebrava tutto ciò che di buono c'era nella loro vita. Tutto il rumore creato per la copertina perfetta. Nei bassifondi, vuoti di gente, Noah sedeva sul bordo di una fontana distrutta con la spada accanto a sé, osservando le ombre muoversi.

"Stavo cominciando a pensare che non ti saresti presentato", ha detto. Si stava rivolgendo a Seraph, che finalmente arrivava.

"Non me lo perderei per nulla al mondo", rispose il principe. Invece della sua spada cerimoniale, era armato con una mazza, incantata come tutte le armi dei cavalieri. “Prima di ucciderti, dimmi solo una cosa. Quelle ferite subite dal fratello, gli hai fatto questo, vero?"

«Pensavi davvero che fosse qualcun altro? Avresti dovuto sentire il modo in cui ha urlato quando gli ho cavato gli occhi.

"Bastardo!" sibilò, accendendosi di sacra energia.

"Lo ha portato su di sé e ha avuto modo di sperimentare una piccola frazione del dolore che mi ha causato." Noah si alzò in piedi e scambiò la sua tunica rossa con un soprabito nero. “Vi ho avvertiti ripetutamente che inimicarmi vi avrebbe portato solo alla sofferenza, ma nella vostra arroganza e stupidità, entrambi avete gettato al vento la cautela e vi credevate abbastanza potenti da essere miei rivali. La tua ricchezza, la tua magia, il tuo lignaggio, pensi che ti rendano padroni dell'universo, ma non sarai mai altro che barchette di carta che galleggiano sul mare, e ora devo agire come un uragano per insegnarti quanto sei veramente debole Sono."

Seraph emise un ruggito di furia e sfrecciò verso Noah come una cometa radiosa, facendo oscillare il suo martello con il pieno intento di uccidere. Noah parò il primo colpo, quello successivo e il terzo. I colpi di martello iniziarono a piovere su Noah, ognuno schivato o reindirizzato, ma non senza alcuni tentativi ravvicinati. Seraph stava combattendo con più furia di quanto avesse mostrato in nessuno dei suoi duelli, con le sue capacità fisiche che sembravano aumentare ogni secondo che passava.

Era disumanamente veloce, come se sperimentasse un diverso flusso di tempo, e fermò ogni tentativo di Noah di creare distanza. Quando veniva colpita con il suo martello, la terra si apriva in crateri, come se fosse stata colpita da colpi di mortaio, mentre gli edifici si sgretolavano come file di domino. La sua velocità e forza superavano quelle di Noah e la sua abilità e tecnica erano impressionanti. Sebbene arrogante, non era certo un fannullone.

Noah ha resistito e si è preso il tempo per analizzare gli schemi di Seraph. Bloccare era impossibile e schivare diventava sempre più difficile man mano che Seraph si agitava di più. Tuttavia, Noah aveva osservato i suoi scontri con Gideon e gli altri cadetti e aveva elaborato alcune strategie.

Noah tirò fuori una carta dalla manica. "Bomba nebbiosa."

Una raffica di sfere illusorie fu lanciata verso Seraph, esplodendo prima di raggiungerlo e immergendolo in una fitta nuvola di nebbia. Nonostante fosse circondato, ogni nebbia che si avvicinava a un metro e mezzo veniva bruciata dal suo velo di mana. Nascosto con la magia, Noah lo attaccò da dietro e non appena ebbe oltrepassato quel raggio di sei piedi, la sua invisibilità fu dimezzata e la sua presenza fu rivelata. Riuscì a colpire Seraph sulla parte posteriore della spalla, ma evitò per un pelo il contrattacco.

"Proprio come pensavo, non posso fare affidamento sulle mie illusioni in questa lotta."

La ferita sulla spalla di Seraph era superficiale e guarì da sola in pochi secondi, ma il dolore e il sangue spezzarono il suo ritmo. Noah approfittò di quel momentaneo intervallo e pronunciò altri tre tagli da diverse angolazioni, ognuno dei quali suscitava un grido straziante. Con il dolore arrivò la furia, e Seraph liberò un ululato di rabbia. "Anima scoppiata!" Un'esplosione di energia sacra venne rilasciata in tutte le direzioni, cancellando la nebbia e colpendo Noah come uno spruzzo di acqua bollente. Ora in grado di vederlo, Serafino puntò il palmo della mano verso Noè. “Splendore bruciante!” Un potente raggio di energia sacra fu rilasciato, colpendo Noah prima che potesse schivarlo e costringendolo a prenderlo sulla spalla mentre proteggeva la sua testa. “Brucia, figlio di puttana! Bruciare!"

Fu messo a tacere da un colpo di gomito in faccia, che arrivò più velocemente di quanto pensasse possibile e abbastanza forte da farlo volare. Fu un colpo a cui pochi poterono sopravvivere, e per Seraph fu dura rimettersi in piedi.

"Cosa... cosa hai fatto?" chiese, cercando di calmarsi.

“Simple, I came prepared,” said Noah, his coat now glowing. “What I’m wearing is more than a fashion statement; it’s an anti-paladin weapon. This special fabric absorbs holy energy and uses it to bestow a full-body monk enhancement, so the harder you hit me, the harder I can hit you. I couldn’t have made it without help from your brother’s ex-fiancée.”

“That’s a cowardly trick!”

“I warned you that there would be no rules in this fight, and once again, you display your incompetence and inability to listen. I was smart enough to prepare for this battle, and you weren’t. It’s as simple as that. This has nothing to do with pride or honor; this is about revenge.”

Noah zoomed forward and went on the attack. All of his physical abilities had been boosted, allowing him to slip past Seraph’s guard and slash his chest. Seraph roared in pain and tried to counter, but Noah was already on the opposite side from his hammer. The slashes kept coming from all directions, and though Seraph managed to block a few, blood was pouring freely. They were all shallow and avoided vital areas, as Noah didn’t want Seraph dying off too quickly. When he finally dropped to one knee, Noah backed off.

“Normally, I have rules against revenge. Every time I hurt or kill someone, it is to prevent them from wronging me in the future, never for wronging me in the past. I swat flies, not rip off your wings and legs for bothering me. I live this way because I don’t want to take joy in harming people, even in retribution. I don’t want to be that person. Sadism is a bad habit that I’ve worked hard to break, and then you four came along and broke my streak.”

“The four of us? You’re responsible for what happened to Henryk and Mark!”

“That’s right, you’re all guilty for the Knight’s Sheath fire. Do you know what’s happening to your brother and friends right now? Henryk’s brain is shrinking in his skull from lack of stimuli while his body wastes away. Mark is getting his ass turned inside-out atop a vomit-soaked mattress. Galvin is succumbing to dementia and screaming into everlasting darkness. And you? You’re going to die in a fucking gutter in the fucking slums, and you’ll only be remembered as trash. After what you did to me, the ecstasy I feel in making you suffer, the intensity of my pleasure, is nothing short of perverse.”

The way Noah spoke made every word cut into Seraph like blades of ice. He remembered experiencing this bloodlust before, after his duel with Alexis. His aura began to fade as fear crept into his mind like poison, only to be expunged by rage.

“You’re a goddamn fool, a heretic! So what if they burned down your whorehouse? You think you can hurt my brother and friends, and I’ll let you live?! I am Light’s Emissary, and for you to harm my allies in vanity is an act of sacrilege!” His aura skyrocketed in intensity while all his wounds closed. The prince got back to his feet, now looking like he was burning in a great bonfire, with his body just a faint silhouette. “This is no longer personal revenge; this is now divine punishment! You have made yourself an enemy of God’s messenger, so with God’s might, I will strike you down!”

“Perfect,” said Noah, reforming his stance. “I don’t want you to die while holding anything back. I want you to lament in your final moments that even your best just wasn’t good enough.”

----------

Befitting the holiday, a parade of knights roamed the city. Knights on foot or horseback walked the roads in between various floats while waving to festival-goers. Among them was the newest batch of bronze-rank knights, receiving a wish of good luck from the people. After an exhausting year in the academy, any kind of positive reinforcement and approval was welcome. Most smiled and waved, but others, like Alexis, were bothered by it all. ‘I haven’t earned this yet,’ they told themselves.

Noah’s absence wasn’t helping her feel any better. Had he already left the city and set off with Valia Zodiac? It pained her, the thought that she had lost her chance to say goodbye. It was when she noticed Seraph’s absence that despair turned into dread. Tarnas, watching the parade from atop his horse, came to the same unspoken conclusion.

----------

Again and again, Noah and Seraph’s weapons collided with an audible shockwave. Their storms of attacks were endless, and they never stayed in one place for more than a second, the two of them zooming around like gas molecules. Wherever they fought, there was utter destruction, with lines of derelict structures being smashed to dust in the crossfire. Seraph had now become a living sun, and all of his physical abilities had been further enhanced, but with Noah’s coat acting as a solar panel, he too wielded superhuman speed and strength.

The problem was that his coat only absorbed half of the energy Seraph was releasing. Though he dodged, blocked, and countered all of Seraph’s hammer swings, Noah was still getting irradiated with holy energy, and the pain was immense. He tasted blood, and it was getting hard to see. Still, he had not come this far to be stopped by something so small as pain. He and Seraph exchanged blows once more, and finally, Seraph’s hammer was destroyed. Noah had been aiming for the handle, and though it had the durability of a true knight’s weapon, his repeated strikes finally broke it.

With Seraph now unarmed, Noah closed in and began hacking away at the prince. Seraph’s skill and reaction speed were superb, and he managed to avoid most of the attacks as well as block with the shaft of his hammer, but every time Noah’s sword ripped through his flesh, the pain broke his focus. Blood splattered the surrounding surfaces and flew off Noah’s sword, and though every wound healed instantly, they’d be immediately replaced by two more.

In a move that would have been suicidal if performed by anyone else, Seraph went on the offensive and closed in. As Noah slashed him across the left shoulder with his sword, Seraph’s right fist pulverized three of his ribs. He didn’t let up, pursuing Noah and betting everything on his healing ability. He’d hurl punches and kicks while Noah would attack with his sword, aiming for simultaneous injury. Noah had protected himself with some plate armor under his clothes, but even a grazing blow was like a beanbag round from a shotgun. Seraph’s attacks were rapid-fire, and he could cross any distance, so simply dodging wasn’t an option.

Despite the dire situation, Noah wasn’t giving up. He was too driven by fury and bloodlust to feel any kind of hopelessness. Besides, Seraph was a sun now beginning to set. The roaring torrent of mana he had been burning with was weakening. As powerful as he was, not even he could maintain such a state for long, and every injury robbed him of strength. It was time to break him.

Seraph lunged forward for another strike, and Noah switched the grip of his sword, freeing up his hand. Before Seraph’s incoming punch could land, he was struck in the face with a round object. It was a glass orb, shattering upon impact and releasing its liquid payload. Seraph howled in agony and gripped his face as his flesh melted, one of his eyes almost dissolving.

“What the fuck is this?!” he screamed, now with his fingers disintegrating.

“That’s called acid, basically what slimes are made of,” Noah said as he conjured a healing potion from his ring and drank it in one gulp. “Brawn, meet Brains.”

Seraph’s healing ability was working to repair the damage, but the acid had to run its course before it would stop. Two more orbs struck Seraph, splashing his shoulder and leg with acid. He continued to scream, unable to do anything to stop the pain. Noah was without mercy, stepping forward and cutting through Seraph’s cheek with his blade. He staggered back, struggling to stand, and Noah calmly pursued him while slashing again and again. He avoided all the vital arteries so the prince wouldn’t bleed out, but he cut deep into the muscle and shredded his flesh, with each healing wound further weakening his aura.

Seraph eventually collapsed, stuck on his back like a flipped tortoise, with Noah standing over him and continuing to stab and slash until the holy flames were finally extinguished. The prince lay, bloody and struggling for breath. His wounds were still closing, but at a snail’s pace.

“So, do you admit defeat?” Noah asked.

“Eat shit and die,” Seraph cursed.

“Good, good, I don’t want your pride breaking just yet.”

“Noah, that’s enough!” Noah turned, spotting Alexis nearby. “You’ve beaten him; it’s time to stop.”

“How did you know I’d be here?”

“I had a feeling, and once I entered the slums, his screaming led me right to you both. Look, you know I despise Seraph, but I can’t stand by and watch his happen.”

“Well, unfortunately, that’s exactly what you’re going to do.”

“Not if I have anything to say about it,” said Tarnas, appearing from the opposite direction. He was wrapped in the same holy aura that Seraph used. “Drop the sword, or I’ll end you where you stand, boy.”

“Excuse me, but I’m a fuckmothering knight. I killed a LOT of people to earn this title, and I deserve to be called such.”

“Final warning,” Tarnas growled.

“Damn, I didn’t want to do this,” Noah muttered.

His sword disappeared into his ring and was replaced by a round disk object, much like his soundproofing device. He turned the two halves and dropped it on the ground. A red magic circle appeared, expanding to fifty feet in diameter and stopping at Alexis’s and Tarnas’s feet. A wall of scarlet flame emerged from the edge of the circle, and with it, a force field of red energy. Tarnas touched the barrier with his sword, and not only was it solid, it reacted, and instantly, his weapon and arm were burning as if they had been doused in gasoline. He stepped back, ripping the armor off his arm while using his energy to extinguish the flames. He narrowly avoided being burned.

“Bastard!” he hissed.

“This device can only be activated in the presence of two people,” said Noah. “Not only can the barrier resist physical impacts, but anything that touches it is incinerated.”

“You think I can’t break through something of this level?!”

“Oh, I know you can, which is why I wrote a trap into the formula. This barrier will operate for hours before the device disintegrates, and should the device or field be broken prematurely, all the remaining energy will turn into an explosion, killing everyone inside and outside. The only way to deactivate the spell is for the number of people inside to drop from two to one, meaning one of us has to die, and I’m sure you can guess who it will be.”

“Noah, don’t do this!” Alexis shouted.

“Oh, don’t worry, I’ll give him a fighting chance.” In Noah’s hand, a healing potion materialized, and he poured it onto Seraph’s face. “After all, his suffering has only just begun.” He stepped back while Seraph’s wounds healed. Some of his stamina was also restored, but not his mana. “On your feet, Princess. I’m not done with you yet.”

Seraph stood up, unsteady but regaining his clarity. “You should have killed me when you had the chance! That’ll be the last mistake of your life!”

“You can win this, Seraph! Beat him!” Tarnas shouted.

Noah removed his coat and conjured a pair of brass knuckles to protect his hands. “I’m waiting.”

Seraph released a roar of fury and charged towards Noah with a thrown punch, but now, he had lost his superhuman speed and strength. Noah caught his fist easily and struck his elbow, snapping the joint, and delivered a blow to Seraph’s chin. He was disoriented, leaving him open to two punches to the ribs. Noah then stepped back and let Seraph regain his clarity. With a grunt of pain, he reset his arm. His regeneration was still active, but slowed.

Seraph attacked again, hurling punches from his good arm and lashing out with kicks, trying to keep Noah on the defensive, but Noah countered with blows of his own, aiming not for Seraph’s face, but his limbs. Against the hardness of the brass knuckles, and with the repeated impacts, the bones in Seraph’s arms and legs began to fracture, and he was forced to stop. This time, Noah gave him no rest and beat him savagely, with each punch coming faster than Seraph could blink. Face, gut, ribs, he attacked them all, and Seraph could do nothing but try to guard. Any time he lost balance, Noah would grab him by his collar and pull him back, refusing to let him fall. Inevitably, Seraph blacked out and finally collapsed.

As Noah caught his breath, he conjured a potion and once more poured it on Seraph’s face to heal his wounds. He groaned in pain as he regained consciousness, and when he opened his eyes, he looked at Noah in fear.

“Stop, wait…”

“Look at yourself. You’ve based your entire existence on your power, looking down on everyone you considered weak, and now it has failed you. What do you have, Seraph? Niente. You’re just a fragile sack of meat, a worthless piece of human garbage, and today you are going to die. Now get back up.”

Seraph slowly got to his feet and put up his guard, but fear and despair were starting to sink in. He charged and tried to throw a punch, only to be dodged and countered with a solid uppercut. He staggered back, and Noah once more bombarded him with a storm of blows. Blood was now spraying with each punch, but Noah was careful to avoid robbing him of consciousness. Tarnas and Alexis could do nothing but watch, and as the beating continued, more and more knights were starting to show up. Seraph finally fell on his back, his face an unrecognizable mess of blood and tears.

“Can you picture it, Seraph? Your own death? No, non puoi. You can’t comprehend the complete and total loss of everything. Every sensation you can enjoy, every thought and feeling that makes you who you are, the hope of fulfilling your dreams and achieving significance in the eyes of history, I’m going to rob you of all of them. All your memories, everything you’ve experienced, they’ll have amounted to nothing. Think back to everything you’ve suffered, everything you’ve worked hard for; it’s all utterly meaningless now.”

Noah conjured another potion and once more emptied it to restore Seraph’s health.

“Please…”

“And when you die, no one will weep for you. No one will throw themselves atop your coffin and howl in grief. Your power, the only thing of any value to society, that will be missed, but you? Everyone will be happy, happy that you’re finally gone, happy that they’re rid of you. You’ve never been anything but a nuisance, and that’s how you’ll be remembered, at least until you’re finally forgotten.”

Seraph slowly stood up, and this time, Noah didn’t bother waiting for him to attack. He simply resumed the savage beating. Outside, all the knights that had gathered were shouting and cursing, ordering Noah to stop and spare the prince, but not even Alexis’s voice could stop him now. He only paused when Seraph once more collapsed.

“Why… why are you doing this?” Seraph wheezed with blood pouring from his mouth.

“Because you stole my hope. You prolonged my curse. You messed with something beyond your comprehension, and now you are suffering the consequences. I am no mere mortal, not like you. I am a spirit, transcending death and wandering across time and space. I was conquering and building nations when Enochians still walked these lands, and you made me your enemy.”

Noah revealed another healing potion, and Seraph tried to crawl away. “No! No more!”

Noah stomped on him to make him stop.

“Shut your mouth, you pathetic little wretch. You called yourself Light’s Emissary before, the messenger of God, but you’re nothing more than a sniveling piece of shit. Is this it? Is this the best that Lumendori can send? Where is your power, Seraph? Where is your protection?” He then grabbed Seraph by the back of the collar and pants, and to everyone’s shock, he hoisted him up, holding the prince high above his head. “Tell me, where’s your God now?!” He then slammed Seraph down onto his knee, shattering his spine and drawing a fresh howl of pain. Many of the knights watching turned away, a few even throwing up.

“Damn it! Stop this right now!” Tarnas roared.

“Noah, please! No more!” Alexis screamed.

Noah looked down at Seraph, only conscious because the pain was too intense for him to close his eyes. “Do you consider me cruel? Do you consider me evil? By your standards, I probably fit that definition, but I do not measure cruelty and evil as you do. When your planet is a scorched hellscape, never again able to support life, and you are surrounded by the corpses of everyone you hold dear, each one tortured and violated in the most sickening and profane ways imaginable, you will struggle to breathe, choking on the ashes of everything that gave your life meaning, and you will beg me for death. I will deny it to you, so that you may understand what it means when I decide to be cruel. Compared to that, this is just a slap on the wrist.”

Noah then flipped Seraph onto his back and force-fed him a healing potion. As it took effect, Noah resumed beating him, punch after punch disfiguring flesh and bone. He didn’t just aim for the face; he attacked Seraph anywhere that would hurt, from smashing his balls to breaking his fingers.

“Please… just kill me…” he pleaded, barely able to talk.

“What’s that? I couldn’t hear you.”

“Please, just let me die!” he sobbed, loud enough for everyone.

“I’ve been waiting for you to say those words. But I wonder, do you mean them? If you truly want to die, you’re going to have to prove it.” Noah stood up and walked to the other side of the magic circle. Instead of a healing potion, a black fruit appeared in his hand. “Do you know what this is? It’s called an osfry plum, very poisonous.” He then set it on the ground. “If you can crawl over here in ten seconds and eat this fruit, an agonizing death awaits you, but with the end of your life, so too will come the end of your suffering. But if you can’t reach it in time, well, I’ll just have to give you more incentive. Move fast.”

Noah began counting down, and Seraph stared at the fruit, his mind lost in a torrent of pain, despair, and terror. Likewise, all of the knights were staring, each of them with a lump in their throat they couldn’t swallow. Seraph ended up wasting all his time trying to decide what to do, and after ten seconds, Noah proceeded to give him another savage beating, splattering the ground with even more blood and showing no mercy, even with Seraph no longer trying to fight back. The bloodcurdling screams did not slow his fists at all. After he was done, he gave Seraph another healing potion, but they were having less and less of an effect.

“Ok, let’s try this again. You have ten seconds.”

Again, Noah began counting down, and this time, Seraph moved. His spine had yet to heal, and with his fingers broken, he couldn’t even crawl properly. He could only drag his limp legs while sobbing and howling in pain. Every inch felt like an agonizing mile, and once again, he failed to make it in time. Noah resumed the torture, this time smashing him all over his body with a brick. The knights were crying and vomiting, many of them now suffering from burns after trying to break through the barrier. After yet another potion, Seraph used all of his strength to get across the ground, finally reaching the plum, though he had to hold it with both hands.

“You understand now, don’t you? The arrogance you’ve carried all your life, your belief in your supremacy and your control over the world around you, it’s all in that little plum. Tell me, does it feel heavy in your hands? I imagine it feels like a lead weight. Go ahead, eat it. Kill yourself. You’re too weak and helpless to do anything else. It’s the only way this ends.”

“Prince Seraph, don’t do it!” the knights all pleaded, including Tarnas and Alexis.

With tears streaming down his face, Seraph bit into the plum like he was starving, forcing down the bitter flesh while the juice caused his mouth to foam. He began to cough and wheeze, clawing at his throat while spasming. After several seconds, he went still, and his eyes closed. Everyone was silent, unable to believe what they had just seen.

“Noah, what have you done?” Alexis gasped.

“He killed the prince! Prince Seraph is dead!” another knight exclaimed.

“No.” The voice of Tarnas drew everyone’s attention. “The barrier is still up.”

“That’s right,” said Noah, “he’ll wake up in a few hours. Osfry plums are poisonous, but they only knock you out, as well as cause horrible diarrhea. Your prince will live.”

“Even if he lives, you will die,” said Tarnas. “What you have done is inexcusable. I will see to it that you burn at the stake for this!”

“You should be thanking me.” Noah walked over and stood before Tarnas, the two of them separated by the barrier. “I’ve broken him down to nothing, erased the person who he once was. Now you have the chance to build something better in its place. It’s possible that his power can still be used to help others, if he is properly guided.”

The look of fury on Tarnas’s face eased slightly. “Is that your idea of mercy? Of helping?”

“No, because his final pain still awaits him. Do you know what it’s like to wake up after committing suicide? Take it from me, there are few experiences like it, and I don’t mean that in a good way. He killed himself, and now he has to live with himself. That will be his everlasting penance.”

“While yours has yet to even begin. Open this barrier and come quietly.”

“Sorry, but I have plans.” Noah walked over to his barrier device and conjured his sword. “I tell you this once, Adwith Tarnas, and all the other knights here: don’t come after me. You have just witnessed what happens to those who make the foolish decision of antagonizing me, and I implore you to learn from the prince’s mistake. I can either be your enemy or ally. The choice is yours.”

He thrust his sword into the device, breaking it and disrupting the spell. Instantly, the wall of flames surged up into a twisting maelstrom, a great fire tornado that rose into the sky. All the knights covered their eyes and jumped back to shield themselves, and then, as quickly as it came, it went out. In the center was Seraph, unsinged, with no sign of Noah.

Alexis, at a loss, fell to her knees. She felt an invisible hand clasp her shoulder. “Until we meet again,” a voice whispered in her ear before vanishing. She sat there, unable to move or think, while the knights scrambled to track Noah down and tend to Seraph.

----------

Valia stood at the city’s edge, where homes and buildings gave way to farmland. She was waiting beside two horses, each carrying supplies and gear for a journey. She was wearing a cloak to conceal her identity, needed less and less as the sun approached the horizon. “Finally, I was worried they had caught you,” she said as Noah arrived. “You look a little worse for wear.”

“Seraph put up a pretty decent fight, but I have my revenge.”

“Please tell me you didn’t kill him.”

“He’ll live. Anyway, he doesn’t matter. Now we can finally move on.”

“It’s about time.” She handed him a cloak like hers and climbed up onto her horse. She paused and looked back at the city and the castle. In all likelihood, she would never be able to return, but without her brother, it was no longer home. “We’ll track Valon down, no matter what it takes,” she said, both to herself and to Noah.

Noah adorned the cloak and took his own mount. “To the ends of the earth.”

They each gave their horse a kick and took off, riding west towards the setting sun.

Grazie per aver letto! Book 4 will be up same time next year! Please comment! What did you like? What were your favorite scenes? Tell me your thoughts! You can also follow me on patreon at patreon.c om/sageoftheforlornpath and twit ter @sageforlornpath! You can also buy the books on amazon at ht tps://ww w.ama zon.c om/dp/B09B5CTSZ8?binding=paperback&refbs_dp_rwt_sb_pc_tpbk

Storie simili

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

329 I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Madeliene è solo deserti

Correndo verso la sua macchina con un vestito nero attillato e tacchi alti con cinturino alla caviglia, Madeliene non si accorse dell'uomo in piedi nell'ombra finché non si schiarì la voce. Voltandosi per affrontarlo, vide un uomo alto e muscoloso in pantaloni neri, maglietta e berretto da baseball. Prima che possa reagire, c'è uno scoppio del dispositivo nella sua mano e il suo mondo esplode mentre i dardi del taser la colpiscono nelle costole, erogando 10,00 volt. Crolla sul pavimento del garage, contorcendosi ma incapace di muovere un muscolo da sola. L'uomo la gira rapidamente e le ammanetta le mani dietro...

1.3K I più visti

Likes 0

Una notte sorprendente

I miei amici e io ci siamo sempre divertiti a sperimentare nuovi modi di intrattenerci a vicenda, ma fino a poco tempo fa eravamo a corto di vapore. Io e Dave abbiamo lavorato nella stessa azienda negli ultimi quattro anni, mentre le nostre rispettive amiche, Susan e Jenny, possiedono una piccola boutique di moda. Di solito dopo aver visitato un wine bar o un club, tornavamo a casa mia per un bicchierino o due. Dopo il viaggio di sabato scorso in un wine bar spagnolo locale, eravamo tutti abbastanza allegri e abbiamo deciso di comprare dell'altro vino e tornare a casa...

1.1K I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

963 I più visti

Likes 0

Ora è la tua occasione, ragazzo

Storia di Fbailey numero 415 Ora è la tua occasione, ragazzo La nostra famiglia è piuttosto unita e abbiamo sempre compagnia nei fine settimana. Papà è vicepresidente in un'azienda manifatturiera qui in città, mamma è segretaria esecutiva in un'altra azienda manifatturiera in città, e io ho quattordici anni e andrò al liceo in autunno. La terza media è un po' spaventosa per me. Essere un nerd informatico, vergine, e avere una grande casa nella parte migliore della città mi renderà sicuramente un bersaglio per gli atleti. Non vedo l'ora di farlo. La nostra camera familiare era il luogo d'incontro generale. Aveva...

904 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.