Ti piacerebbe quell'orgasmo con patatine fritte?

755Report
Ti piacerebbe quell'orgasmo con patatine fritte?

Ciao! Questa è la mia presentazione più recente e vuole essere una storia a sé stante.

Grazie ai tanti amici che mi hanno spinto a scrivere ancora. Mi viene l'idea che le persone si divertano quando leggono le storie che invio.

L'inglese è la mia seconda lingua, ma sto cercando di fare meglio facendo leggere le bozze agli altri e stando più attento io stesso.

Divertitevi e fatemi sapere cosa ne pensate!

Ti piacerebbe quell'orgasmo con patatine fritte?

Quando ero più giovane, come molte persone, avevo un lavoro in un fast food. Non proverò nemmeno a fingere che mi piaccia davvero il mio lavoro. Era solo un modo per guadagnare qualche soldo extra per cose che volevo davvero fare.

Le persone con cui ho lavorato non erano persone con cui normalmente uscivo. Il manager, Kevin, era un uomo di 25 anni che si è innamorato delle ragazze adolescenti che lavoravano per lui. Trovava sempre scuse per starci vicino e fare commenti allusivi ogni volta che pensava di farla franca. Era un completo pervertito. Non mi dispiace tanto che sia un pervertito, ma la sua personalità e le sue vibrazioni erano entrambe davvero pessime.

Stacey, una della troupe, era una troia. Questo è il modo più semplice per dirlo. Ho pensato spesso che, dato che era piuttosto pigra, probabilmente si stava succhiando Kevin per assicurarsi di avere ore.

La maggior parte degli altri erano adolescenti normali. L'unico ragazzo che mi rendeva nervoso, senza motivo su cui potessi mettere il dito, era un ragazzo geek di nome Rick. Ogni volta che ero da solo intorno a lui, mi sentivo sempre come se mi stesse guardando, ma non riuscivo mai a sorprenderlo. Non mi ha mai detto niente di sbagliato, né mi ha afferrato o altro, mi ha solo messo a disagio. Aveva un certo fattore carino ma raramente mi parlava.

A quel tempo ero alta solo circa 5'2 pollici, magra e avevo un seno con coppa "b" che mi cavalcava vivace e alto sul petto. Il mio corpo era ben tonico e sodo grazie allo sport e al nuoto. Portavo i miei lunghi capelli neri in una coda di cavallo e mi assicuravo sempre di truccarmi al lavoro. L'altra cosa che mi distingueva era che sono di origine giapponese.

Kevin ha capito abbastanza velocemente che non mi piace essere messo alle strette. Mi è bastato sembrare spaventato e chiedergli cosa stesse facendo per farlo indietreggiare. Tutti al lavoro pensano che io sia una brava ragazza innocente.

Sicuramente non sono quella persona. Vado bene a scuola e lavoro sodo, ma sono intelligente. In poche parole, amo il sesso e il porno. Usare la mia paga per comprare giocattoli sessuali e altre cose per farmi sentire sexy è praticamente un mio vizio. Non fumo, non bevo e non mi drogo. La masturbazione è la mia droga preferita e mi piace farlo.

Sotto la divisa da lavoro indosso sempre cose che mi fanno stare bene. I tanga sono la mia biancheria intima preferita e adoro indossare reggiseni sexy. Adoro come fanno sembrare i miei bei seni.

La mia immaginazione attiva di solito si rivolge al sesso con una frequenza che spaventerebbe uno psichiatra. Lo tengo per me, perché non voglio che nessuno conosca quel lato di me, ma è lì ed è un aspetto reale della mia vita quotidiana.

Se avessi pensato che avrei potuto cavarmela facendo la spogliarellista, probabilmente lo sarei diventata. I miei genitori mi avrebbero ucciso ma penso che mi sarebbe piaciuto il lavoro.

Una fatidica notte sono stato assegnato all'ultimo turno e ho dovuto chiudere con Rick e un vicedirettore. Il suo nome era Dave e stava praticamente inseguendo la gonna tutto il tempo. Tutto quello che gli importava era la sua vita sociale. Abbastanza sicuro quel sabato sera ha ricevuto una chiamata sul suo cellulare e se n'è andato con noi. Mi ha detto di mandargli un messaggio quando avessimo finito e lui sarebbe tornato e avrebbe chiuso a chiave.

Non appena se n'è andato, abbiamo chiuso a chiave le porte, spento le luci della sala da pranzo e siamo andati a pulire e fare i lavori di preparazione per l'apertura mattutina. Ero un po' incazzato per essere bloccato lì. Quello che volevo fare era andare a casa e rilassarmi con un buon porno. Avevo acquistato un nuovo vibratore e non vedevo l'ora di immergerlo dentro e fuori dalla mia piccola figa stretta.

Rick era il suo solito sé inquietante e mi sentivo come se fossi osservato ogni secondo che stavo lavorando. Ho continuato a guardarlo ma non l'ho mai sorpreso a fissarlo. Fu allora che mi resi conto che mi stava osservando guardando il mio riflesso sui vari elettrodomestici in acciaio inossidabile. Quando ero al bancone ero chinato a rifornire gli scaffali e l'ho visto guardarmi il culo. Dal riflesso ho potuto vedere che si stava toccando l'inguine attraverso i pantaloni.

Devo confessare che la mia mente sporca ha iniziato a turbinare e ho deciso che non mi dispiaceva che mi guardasse. Ho deliberatamente fatto cose per prenderlo in giro, godendomi per tutto il tempo il fatto che pensasse di farlo di nascosto. Piegarmi, allungarmi, allungarmi per le cose mentre lavoravo, sapendo che probabilmente il suo cazzo stava pulsando solo guardandomi mi ha reso la figa umida. In realtà ho iniziato a divertirmi con il lavoro.

Dopo aver finito con gli scaffali, ho fatto crollare le scatole che avevo svuotato e le ho portate nel retro del ristorante per metterle nella stanza del riciclaggio. Ha una porta, nessuna finestra ed è illuminata da una sola lampadina.

Stavo mettendo le scatole nei vari bidoni blu quando ho sentito un movimento dietro di me. Mi voltai velocemente e vidi Rick in piedi che mi fissava. Respirava affannosamente e sembrava che lo stesse perdendo. Rick era molto alto, circa 6'1” e magro. Stava guardando proprio le mie tette, nascoste dalla mia camicia da lavoro attillata. Mi sentivo in trappola e, a dire il vero, la mia figa era piena di succhi. La sua faccia era annebbiata dalla lussuria e sapevo che l'avrebbe fatto, mi avrebbe scopato e non gli importava delle conseguenze.

"Rick" dissi dolcemente "Stai bene?"

"Io... non ce la faccio più... non ce la faccio." disse con frustrazione. "Voglio te."

“Scusa” dissi dolcemente.

"Ti voglio Risa... ti voglio... ti voglio scopare." disse con voce lontana mentre improvvisamente avanzava verso di me, afferrandomi per le braccia. Mi ha attirato dentro di sé e ho potuto sentire il suo cazzo duro, tendersi sui suoi pantaloni, spingersi contro il mio stomaco. Si chinò e bloccò la sua bocca sul mio collo, leccandolo, mentre mi inchiodava contro il muro.

Ho urlato “Stai tranquillo! Lasciami andare!" Sapevo cosa stava facendo e che stavo semplicemente raccogliendo la ricompensa di una presa in giro ben eseguita. Avevo fatto perdere la testa a questo povero ragazzo. Ero abbastanza sicuro di essere stato nella sua mente per molto tempo. Ho deciso di seguirlo.

Rick mi passò una mano tra i capelli, tirandomi indietro la testa, permettendogli di continuare a leccarmi e mordermi il collo. L'altra sua mano si mosse verso l'alto, scivolando sotto la mia maglietta, e fissandosi sul mio seno sinistro con una presa salda, stringendolo quasi dolorosamente. Mi stava sbranando la tetta e mordendomi il collo. Due cose che amo.

Ho deciso di fargli sapere che non mi dispiaceva, che ero arrapato quanto lui. Modellai il mio corpo nel suo e gemetti mentre continuava a molestarmi. Quando l'ho fatto, giuro che il fattore di calore è aumentato in modo esponenziale.

Rick tirò indietro la testa e mi guardò negli occhi. "Brutta troia fottuta... oh Dio, ti fotterò." ringhiò, facendomi improvvisamente girare e piegandomi, le mie braccia contro il muro. Le sue mani si misero al lavoro sui miei pantaloni e iniziarono a slacciarli ea sfilarmeli. Non ero inattivo e mi sono tolto la camicia.

"Dai Rick... so quanto vuoi ficcarmelo dentro... dai, fottimi... fottimi la mia piccola fica stretta con quel tuo grosso cazzo, fottuto bastardo." gemetti in tono implorante.

Quando mi sono caduti i pantaloni, lui mi ha tirato giù anche il perizoma. Il mio culetto stretto e la figa rasata bagnata erano in bella mostra per lui.

"Porca miseria, sei bagnata, fottuta puttana." disse poco prima di seppellire la faccia nella mia figa da dietro. Ha iniziato a leccare e succhiare la mia figa come un pazzo. Ha spinto due lunghe dita nella mia figa mentre la sua lingua si muoveva verso il mio culo. Non ho potuto farne a meno e sono venuto duro, schizzandogli sulle dita e sul viso. "Oh cazzo sì!" urlò mentre gridavo il mio orgasmo.

Stavo ancora tremando quando mi allontanò le dita facendomi piagnucolare per la frustrazione. Non sono rimasto frustrato a lungo. Non sono riuscito a vedere il suo cazzo prima che lo immergesse nella mia fica bagnata e vulnerabile, ma l'ho mai sentito.

Si tuffò come un maniaco e mi afferrò la coda di cavallo con una mano, tirandomi indietro la testa, mentre con l'altra mano mi afferrava fermamente la vita. Il suo cazzo duro e martellante era il paradiso per me. Potevo sentire un altro enorme orgasmo avvicinarsi. Erano mesi che non avevo un vero cazzo dentro di me e il grosso cazzo con cui mi stava fottendo era proprio quello che volevo.

Rick mi stava fottendo sempre più forte, grugnendo per i suoi sforzi. Non c'era niente che potessi fare mentre sentivo il mio piccolo corpo essere strattonato dalla forza del suo ruvido cazzo. Ho urlato quando il mio orgasmo ha raggiunto e lui ha iniziato a sculacciarmi il culo.

"Fottuta stronza... è così... vieni per me, la tua brutta puttana del cazzo... sapevo che eri una sporca... fottuta... provocante... puttana!" urlò mentre punteggiava le sue parole con profondi colpi alla cervice.

"Oh... sì.. fottimi... fottimi Rick... oh ti prego... continua a fottermi." Gemetti come una cagna in calore. Stavo bruciando e non riuscivo a credere che stavo implorando Rick di scoparmi.

All'improvviso ha tirato fuori il suo cazzo da me, ma prima che potessi dire qualcosa, mi ha fatto girare e mi ha preso per il culo e mi ha abbassato sul suo cazzo. Sono stato impalato, i miei piedi non toccavano il pavimento. Gettai la testa all'indietro e gridai mentre lui cominciava a sollevarmi e lasciarmi cadere sul suo cazzo duro. Mi stava dando una gomitata alla cervice e mi faceva impazzire. Quando la punta di una delle sue dita iniziò a sondarmi il culo, impazzii e tornai.

Rick mi tirò su e chiuse le labbra con me, la nostra fame ci alimentava mentre mi succhiava la lingua. Mi portò in cucina e mi fece sdraiare sulla schiena sul ripiano di acciaio inossidabile. Il mio corpo accaldato sobbalzò quando colpì il freddo acciaio. Non mi importava però. Rick mi ha afferrato le gambe, piegandole verso l'alto, e ha iniziato a scopare la mia figa sfrenata con abbandono. Mi stava facendo impazzire. Potevo sentire le sue palle schiaffeggiarmi il culo mentre si spingeva dentro di me. Tutto il mio corpo era in fiamme ed ero delirante di piacere quando ho urlato e ho spruzzato il mio succo di fica calda su tutto il suo cazzo e stomaco.

Rick si è tirato fuori e ha iniziato a sculacciarmi il clitoride e le tette. Mi contorcevo mentre lo faceva. Il dolce dolore era così fottutamente caldo.

“Porca puttana Risa, sei una fottuta troia... non ho mai realizzato che fottuta selvaggia saresti stata” disse affascinato dalla lussuria mentre continuava a sculacciarmi le tette e la figa scoperte.

"Dimmi cosa vuoi baby... andiamo... imploralo... imploralo puttana." ringhiò.

"Per favore, fottimi... fottimi... rimettimi quel grosso cazzo dentro per favore... starò bene... farò quello che vuoi... per favore fottimi e basta." supplicai.

"Qualsiasi cosa io voglia?" disse scherzosamente mentre mi afferrava i capezzoli, pizzicandoli forte. Allungandoli.

"Sì... qualsiasi cosa... per favore Rick... per favore fottimi." Io ho supplicato.

Rick mi prese le caviglie con una mano e mi sollevò le gambe più in alto, spingendole sopra di me. Ho sentito il suo cazzo strofinarsi sulla mia figa e ho gemuto di piacere. Quando l'ha fatto scivolare sul mio culetto stretto e ha iniziato a spingerlo dentro ho urlato. È saltato dentro e ha seppellito tutta la sua lunghezza nel mio culo stretto. Sono diventato debole per il dolore e il piacere di ciò.

“Ti piace quella puttana del cazzo? Ti piace farti fottere il culo? chiese mentre la sua mano mi schiaffeggiava di nuovo la tetta.

"SÌ! Oh cazzo sì! Fanculo il mio culo! Ho urlato quando ha iniziato a martellarlo come una macchina. Mi ha girato su un fianco e mi ha sculacciato mentre tiravo su la gamba. Quando la sua mano si alzò e mi afferrò per la gola, non mi sentivo altro che fottuta carne. Non riuscivo a credere al modo in cui questo atto di resa da troia mi stava eccitando. Amavo il modo in cui mi batteva il culo e usava il mio corpo.

"Sto per venire... dimmi dove lo vuoi... dimmi dove vuoi il mio sperma." chiese.

"La mia bocca, vieni nella mia bocca!" gridai.

Si tirò bruscamente fuori dal mio culo e mi fece girare facilmente. Mi ha girato sulla schiena, la mia testa pendeva dal bancone. Mi ha afferrato la testa ed entrambe le mani e mi ha infilato il cazzo in bocca. Ha iniziato a fottermi in faccia, la mia bava mi scorreva fuori dalla bocca e sulle mie guance, naso e occhi.

"Sto per venire... ingoialo, dolce troia!" urlò mentre seppelliva il cazzo nella mia gola e mi teneva ferma la testa, le sue palle mi schiaffeggiavano la fronte.

Ha sparato getto caldo dopo getto del suo sperma in profondità nella mia gola. Quando ebbe finito di venire, si tirò fuori dalla mia bocca e si appoggiò contro il bancone opposto. Era lì in piedi ansimando e guardando il mio corpo. Eccomi lì .. disteso sulla schiena, la mia faccia coperta di bava e il seno ansante in piena mostra. Le mie gambe erano divaricate e la mia figa ben usata era ancora spalancata.

Scivolai su e mi asciugai il viso con le mani. L'ho guardato e non potevo crederci. Era ancora duro come una roccia e apparentemente non aveva chiuso con me.

Nell'ora successiva mi ha fottuto di nuovo la faccia, la fica e il culo. Ha lasciato cadere i suoi carichi in tutti e tre i buchi prima di crollare sul pavimento accanto a me. Adoravo leccare i nostri succhi combinati dal suo cazzo come una brava troietta.

Ci alzammo, ci vestimmo e finimmo di pulire. Dave si è fermato e ha detto che pensava che ci fossimo dimenticati di lui. Abbiamo detto di no. Dave è rimasto un po' scioccato quando ho accettato l'offerta di Rick di un passaggio a casa. Rick era un po' imbarazzato durante il viaggio e si è scusato per essere stato così aggressivo. Ho appena riso e ho detto che era esattamente ciò di cui avevo bisogno a quel punto. Mi ha chiesto se potevamo farlo di nuovo qualche volta e io ho detto di sì. Quando sono sceso dall'auto gli ho dato un dolce bacio e sono entrato.

Quando sono andato a lavorare il fine settimana successivo, Kevin mi ha chiamato nel suo ufficio e mi ha fatto chiudere la porta. Quando ha riprodotto il filmato della telecamera di sorveglianza del mio gioco con Rick, ho pensato "Oh merda". Aveva delle telecamere nascoste là fuori.

Kevin mi stava fissando come un uomo affamato e ha detto: "Se vuoi tacere, mi darai quello che gli hai dato". sorrideva felice e mi disse di venire a sedermi sulle sue ginocchia.

Ero incazzato. Ora questo bastardo puzzolente mi avrebbe ricattato? Non volevo scoparlo. Rick può essere stato un fanatico, ma almeno si è fatto la doccia, aveva un bel cazzo e voleva davvero che io venissi.

Alzandomi ho fatto il giro della scrivania. Sono rimasto lì per un secondo e lui ha detto "Siediti tesoro" accarezzandogli il grembo. Mi voltai e tornai indietro come se stessi per sedermi sulle sue ginocchia e sentissi le sue mani arrivare alla mia vita. Fottilo!

Afferrai la tastiera del suo computer e mi girai sbattendogliela contro il lato della testa. La sua testa volò di lato. Gli afferrai i piedi e li sollevai di scatto, facendo ribaltare la sedia e lui ricadde sul pavimento. Era sdraiato sulla schiena mentre gli davo un calcio nelle palle. Dopodiché rimase lì sdraiato a gemere.

Espellendo il nastro dalla macchina l'ho preso. Mi tolsi il cappello e glielo gettai sul petto. “Ho lasciato quel fottuto maiale! Non pensare che otterrai mai quello che ha avuto lui, stronzo.

"Fottuta stronza." gemette mentre si stringeva le palle.

"Non hai idea di faccia del cazzo." dissi mentre lo prendevo a calci di nuovo.

Guardando oltre ho visto che aveva otto nastri su uno scaffale nella cassaforte aperta. Mi sono avvicinato e li ho guardati. Erano etichettati "Fav's Stacey", "Fav's Erica" ​​e continuavano così nominando ragazze diverse. Li ho presi tutti.

L'ho guardato di nuovo e ho detto: “Spero che tu sappia che è meglio che riceva una fantastica referenza e un bell'assegno d'addio... o questi nastri vanno in un posto che non vuoi. Come forse la sede centrale e la polizia.

Guardando il suo viso ho visto la paura lì. Questo mi ha fatto piacere. “Faresti meglio a dare aumenti a tutte queste ragazze e se sento che hai toccato di nuovo qualcuna di loro... i nastri vanno in posti brutti. Se provi a licenziare Rick, ti ​​fotterò per sempre. Gli darai anche un bell'aumento. Ti tengo d'occhio, stronzo... non fare casini.

Sono uscito dall'ufficio con un grande sorriso stampato in faccia.

Le cose hanno funzionato e ho ottenuto tutto quello che chiedevo.

Che fine ha fatto Rick? È diventato Assistant Manager dopo che Dave è stato licenziato per essere stato via tutto il tempo. Ci siamo incontrati spesso e sono stato scopato da lui per l'anno successivo fino a quando non è andato a scuola fuori città.

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

1.4K I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

1.3K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

1.8K I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.1K I più visti

Likes 0

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

821 I più visti

Likes 0

Orrori combinati - cap. 02 - La caccia

Orrori combinati. Se questo è il tuo primo capitolo da leggere, sarebbe meglio leggere prima il capitolo 1, per digerire questa storia, grazie per la tua preoccupazione.. http://www.sexstories.com/story/83926/ Capitolo 2: la caccia. Nella stessa notte (Mado) non era ancora sicuro di cosa intendesse la creatura dicendo ... AVRAI POTERI SULLE FEMMINE, NESSUNA FEMMINA SAREBBE MAI IN GRADO DI RESISTERE AL TUO FASCINO... Cosa diavolo significa? Aveva bisogno di provare prima di mettersi in viaggio con (Noga). Non riusciva a pensare a una vittima migliore della giovane cameriera che avevano in casa, e per giovane significa che era più giovane di (Noga)...

998 I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

831 I più visti

Likes 0

Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. Brandon, sei qui? Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di...

731 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

196 I più visti

Likes 0

Twinfinity: Onyx Ravens (10)

Capitolo 9 In seguito ∞ Il silenzio, come piume fluttuanti dopo una battaglia di cuscini, aleggiava sulla radura. Lo sguardo di rabbia e determinazione negli occhi della ragazza si trasformò in uno sguardo di realizzazione e poi di preoccupazione. La realtà iniziò, la realtà di ciò che aveva fatto, la realtà del suo passato innocente perduto e la realtà che aveva tolto la vita a un altro, sembravano avvolgersi attorno al suo collo. Anche la realtà di Decker è cambiata. La sua realtà, fino a quel momento, era che doveva essere un eroe. I suoi sogni glielo dicevano, ma la sua...

937 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.