Salvezza cap. 26 lezioni dolorose

605Report
Salvezza cap. 26 lezioni dolorose

Il vero capitolo 26.

La signorina Hilda Ashton sedeva alla sua scrivania a rivedere i rapporti del nuovo arrivato, il
il più recente è quello di Emily Ashby. Ricordava Emily dal
lezione speciale che le ha dato durante la sua intervista, un avvertimento se
nient'altro, ma comunque un'opportunità per godere del suo incantevole fascino.

Dal rapporto di Emily, la signorina Ashton ha potuto vedere che si era sistemata
bene e stava diventando un'abile e studiosa allieva, ma segretamente sperava
che il bambino si sarebbe ribellato. Sono state costruite diverse stanze insonorizzate
il seminterrato per correggere gli alunni ribelli.

Mentre la signorina Ashton lavorava, Sir Brian Melbourne era uno degli altri membri dell'Accademia
clienti abituali sedevano sul divano a leggere il Financial Times. È stato
modestamente ricco ma senza le connessioni sociali che farebbe suo
visite clandestine difficili.

"Vuole dell'altro caffè, Sir Brian," chiese la signorina Ashton.

Alzando lo sguardo dal foglio sorrise: "No grazie, ho tutto quello che ho
bisogno fino all'inizio della lezione", le disse.

Alzando lo sguardo verso l'orologio, annuì: "Per favore, vai e fatti da te
a mio agio nella sala di osservazione," disse lei risintonizzando il suo sorriso.

"Vorresti un po' di assistenza?" chiese educatamente.

"Sì, sarebbe molto gradito", rispose.

Suonando il campanello sulla sua scrivania mentre lasciava l'ufficio la signorina Ashton allora
tornò alle sue scartoffie, finché un leggero colpo non interruppe il suo treno di
Pensiero.

Una giovane ragazza fece capolino dalla porta, un sorriso sul viso e la signorina
Ashton le disse di entrare. Rebecca Allcot, appena sedicenne era una delle signorine
Gli allievi preferiti di Ashton.

"C'è qualcosa che posso fare per lei signorina?" chiese speranzosa con a
sorriso stuzzicante sul viso.

"Sei un terrore, e mi dispiace per il mondo in generale quando l'abbiamo fatto
per rilasciarti", disse la signorina Ashton.

"Ma signorina, non ho ancora intenzione di partire," le disse la ragazza, inginocchiandosi davanti a lei
i piedi della padrona e in attesa, uno sguardo di timida impazienza che inizia a manifestarsi
nei suoi bei lineamenti.

"Allora dovrai diventare più dominante", le disse la signorina Ashton,
cedendo agli occhi imbarazzati e sollevando il vestito lungo.

"Lo farò", promise Rebecca, il suo respiro affannoso come la sua padrona
scoprì le sue cosce sottili. Lasciò che i suoi occhi la percorressero
le cosce sottili della padrona, fino a dove il suo inguine era nudo.

"Ora, sii veloce ragazza! Sir Brian è in attesa di assistenza", signorina Ashton
mormorò, allargando le cosce e accorgendosi di essere bagnata e affamata
la ragazza per servirla.

Rebecca gemette nel profondo della gola e baciò la sua pelle liscia e calda
le cosce interne della padrona. Il suo naso si avvampò del profumo familiare di
eccitazione mentre la sua padrona si appoggiò allo schienale e si rilassò, un sospiro proveniente da
lei mentre leccava, meravigliandosi di quanto fosse liscia e gustosa.

La signorina Ashton allargò ulteriormente le cosce, spingendo il sedere verso il basso
molto bordo del sedile e sentendo l'aria fresca dispiegarsi attraverso la sua vulva.
Poi la bocca di Rebecca fu lì, premuta deliziosamente su di lei,
sondare e succhiare.

Rebecca si fermò un attimo, per inalare la fragranza. Amava il
aroma, poiché aveva molto più corpo e maturità rispetto alle ragazze che spesso
condivideva il suo letto con, e la fica stessa, avrebbe potuto guardare per sempre se
le era permesso.

Senza peli come le sue pupille, ma distintamente adulta con labbra interne rosa scuro
sporgenti all'esterno, pronte a dispiegarsi com'erano ora, come una rara
orchidea pronta a tentare gli uccelli impollinatori nella sua bocca.

Guardando il viso della sua padrona, allungò la lingua e la fece scorrere
verso l'alto dal suo ano, fino allo spesso cappuccio e al di là dove poteva
leccare il suo pube liscio mentre ansimava.

Rebecca la accarezzò di nuovo con la lingua, spingendo ogni diapositiva più in profondità
la fica della sua padrona, spingendola sempre più in disparte finché non si spalancò
con piacere, un succo denso e delizioso gocciola lentamente dalle pulsazioni
bocca. Infilò la lingua e ne attinse il succo, assaporandolo
e sorridendo mentre la sua padrona singhiozzava e si abbassava ulteriormente
aprirsi.

Premendo la bocca e agitando la lingua, pugnalando e svolazzando,
succhiando e leccando, tenendo le mani lontane mentre girava la testa
leggermente per permettere al suo naso di strofinare sul clitoride della sua padrona.

Il piacere ha costretto la signorina Ashton a sollevare il cavallo e tenerlo sospeso
l'aria mentre Rebecca continuava a leccarla. Testa gettata indietro a lungo
rantolando, si tirò le labbra, tremando quando il dolore si unì al piacere
nell'eccitarla.

"Sì! Ora, ora, ora!" implorò.

Rebecca guardò consapevolmente il corpo della sua padrona mentre la applicava
bocca aperta alla fica dal sapore dolce di fronte a lei. Ancora una volta lei
pugnalò la lingua verso l'interno, lasciando felicemente che la sua lingua premesse sul
clitoride bulboso.

"Oh Dio!" La signorina Ashton ansimò, i suoi occhi si spalancarono mentre veniva.

Le sue mani andarono alla ragazza in ginocchio, tenendo la testa contro di lei come
il suo bacino si alzava e si abbassava con il flusso del suo climax.

Afferrando e tirando la bocca del bambino che lavorava avidamente, l'abbassò
dove ne aveva bisogno, dove ha continuato a creare nuove ondate di
piacere finché, sazia, la respinse e sospirò.

"Ora, vai a cercare aiuto per Sir Brian," sussurrò mentre lo faceva
si accarezzava pigramente in un momento di indulgenza.

"Sì signorina," sorrise Rebecca.

Con il sapore della fica della sua signorina Ashton ancora sulle labbra ha lasciato il
ufficio. Rebecca conosceva tutte le ragazze di Avondale e sarebbe stata in grado di farlo facilmente
trovare una piccola crostata adatta per assistere il patron.

******

Sir Brian aprì una porta contrassegnata con "Sala di osservazione" e scese silenziosamente
quattro gradini ripidi in un corridoio stretto e poco illuminato. Diverse sedie avevano
stato posizionato di fronte al lungo muro e spioncini all'altezza degli occhi quando si è seduti
era stato ritagliato dal mattone.

Dall'altro lato di questi spioncini c'era una grande stanza molto illuminata, che
era circondato da specchi a parete. Alla maggioranza degli alunni le griglie
lungo il muro principale erano di scarso interesse mentre lottavano per farcela
con le loro lezioni.

Tuttavia, alcuni sapevano che avevano anche assistito gli avventori
dall'altra parte, ma sapevano che sarebbero stati severamente puniti se
hanno detto a nessuno.

All'improvviso ci fu un trambusto e diverse ragazze entrarono nella stanza
seguita da Miss Marshall che ha battuto le mani, e Sir Brian si è seduto
avanti sulla sedia in eccitata attesa.

"Ora Girl's! Spogliati, riscaldati e fai stretching", gridò, indicando il
lunga trave di legno che era stata posta parallela e vicina alla principale
parete.

Quindici ragazze, dai nove ai quattordici anni, si sono affrettate a comportarsi come loro
raccontato, tenendosi con una mano alla lunga trave mentre si chinavano, si accovacciavano,
allungato e attorcigliato.

All'improvviso, la porta della sala di osservazione si aprì e una graziosa bambina
stava lì, bassa ma snella, i suoi capelli castani legati indietro in modo familiare
maniera.

Sir Brian non l'aveva mai incontrata prima, ma poteva vedere una somiglianza con la sua
figlia, una somiglianza nel viso, nei colori e nel corpicino.

"Vieni qui!" sussurrò, la sua attenzione ora attratta dalla bambina
che obbediente gli si avvicinò, e la ragazza nuda è a pochi metri di distanza
dall'altra parte dello spioncino.

"Va bene, ora allungati davvero", disse l'insegnante.

La bambina era ora al suo fianco, gli occhi grandi e tondi come lei
guardò cosa stava succedendo attraverso lo spioncino.

"Svelta, spogliati!" le disse severamente Sir Brian.

Gemette mentre la ragazza si spogliava, rivelando i suoi seni in fiore, a
fica liscia e senza peli e un culetto deliziosamente rotondo.

"Come ti chiami tesoro?" chiese burbero.

"Molly, signore" rispose timidamente.

"Quanti anni hai Molly?" chiese Sir Brian eccitato.

"Dodici, signore" rispose nervosamente Molly.

Raggiungendola, la trascinò bruscamente a sé e le accarezzò la pelle chiara
e lucenti capelli castani, immaginando che fosse sua figlia.

"Davvero allungare!" Ha chiamato la signorina Marshall.

"Qui," ansimò Sir Brian, liberandosi velocemente.

La ragazza prese il suo grosso cazzo e lo accarezzò, con la bocca spalancata
fece meccanicamente come le era stato insegnato.

"Quella è la mia preziosa bambina, la mia principessa," ansimò.

La ragazza si leccò le labbra e fece scivolare la bocca sul suo cazzo, i suoi occhi
si presentò per segni di piacere mentre leccava cautamente il forte
sapore dalla sua carne.

Sir Brian gemette di nuovo e ansimò, immaginando che fosse sua figlia
lo stesso compito.

"È così che si comporta Molly," mormorò.

Le labbra giovani e timide di Molly scivolarono più in basso e lui ansimò quando la sua lingua scivolò
sulla tenera carne del suo cazzo.

La sua attenzione ora scivolava tra l'assistenza di Molly e la routine
avviene attraverso lo spioncino mentre la ragazza espone i loro corpi,
allungarsi e torcersi da una posizione all'altra, essere educati a
non pensare a esibirti nudo.

"Oltre la sedia! Oltre la sedia," disse in fretta a Molly, le mani verso di lei
la cintura, aprendola per far ricadere i calzoni intorno alle caviglie.

Non c'era nessuno lì a vedere quanto sembrasse stupido, trascinandosi verso il
bambina nuda che si era così premurosamente sdraiata sulla sedia con i piedi
e mani che sostengono il suo corpo per la sua presa.

Le ragazze nella stanza accanto obbedirono, le loro piccole fiche divaricate dal
stiramento delle loro cosce.

La sua attenzione vagò dalla fica rosa e gonfia di un bambino di nove anni al
labbra più curve ma meno pronunciate di una ragazzina di tredici anni, poi scese a
La deliziosa piccola fica di Molly.

Lui la separò lentamente, poi sprofondò nel suo calore, fermandosi di un centimetro
sentirla allungarsi lentamente mentre ansimava.

"No, no Juliet," le disse Miss Marshall.

Sir Brian osservò Miss Marshall aiutare Juliet a stirarsi, il suo lungo
dita che la toccano consapevolmente, la accarezzano e la accarezzano intimamente.
"Non ci stai provando, bambina!" sentì la signorina Marshall dirglielo.

Le sue mani ora scivolarono sul sedere di Molly, aprendo le guance davanti a lui
Abbassò lo sguardo per ammirare quanto fosse dolce e virginale la sua coccarda. Il suo cazzo
era ora mezzo sepolto nella sua fica dove lo accoglieva lentamente.

"Brava ragazza. Adori il cazzo di tuo padre, vero?" ansimò. Ha spinto
verso l'interno, portando un sussulto dalla ragazza, poi si allentò un po' solo per
spingere molto più forte di nuovo dentro di nuovo.

Ansimò di nuovo, le sue piccole mani si trascinarono sul pavimento per trattenerla
costante mentre il cazzo dell'uomo la allargava molto più di qualsiasi altro ragazzo
avuto in precedenza.

"Papà," piagnucolò, usando il termine che le era stato detto di usare sempre quando
con gli uomini.

"Giusto! Allora è la stanza delle punizioni," sir Brian sentì dire dalla signorina Marshall
una Giulietta in lacrime.

Sir Brian gemette quando la piccola fica di Molly si strinse attorno a lui, provando a farlo
espellerlo, cercando di spremerlo.

Spinse più duramente nella sua piccola fica stretta e tornò indietro e
avanti accelerando il suo ritmo fino a quando il suo climax scoppiò tendendo tutto il suo
muscoli.

******

La signorina Ashton scese la grande scalinata verso il retro del
edificio. Gli alunni si sono inchinati educatamente mentre passava, a capo chino come avevano fatto loro
stato insegnato.

Scese altre scale nel seminterrato raggiunse la porta aperta del
camera di punizione ed entrò, sorridendo alle sue due associate, la signorina Marshall
e Rebecca Allcot.

Nuda e in attesa del suo destino c'era la bella tredicenne Juliet, che è
grandi occhi castani guardavano nervosamente da un adulto all'altro mentre il
la punta di una piccola lingua sfrecciò sulle labbra sottili.

"Nessun miglioramento allora, suppongo?" chiese la signorina Ashton.

"Assolutamente no," convenne la signorina Marshall. "È abbastanza ovvio nella sua mente,
poiché non c'è motivo fisico per cui non dovrebbe essere in grado di allungarsi e
rilassati come tutti i suoi compagni di scuola", ha sostenuto la signorina Marshall.

"È stata punita?" chiese la signorina Ashton, andando dal bambino e
accarezzandole i capelli.

"Sì signorina, una dozzina con il martinet." le disse Rebecca.

"Ha fatto male?" chiese la signorina Ashton al bambino.

Juliet annuì e, a un cenno di Miss Marshall, si girò e si chinò, lei
mani che scivolavano intorno per separare il suo sedere in modo da poter ammirare il modo abile
in cui la piccola frusta era atterrata ripetutamente sul suo ano, facendolo
violentemente rosso ed estremamente dolente.

"E ora il tuo fronte! Juliet," disse la signorina Ashton.

Senza alcuna esitazione, Juliet si voltò strascicando i piedi e spinse
se stessa più in basso in modo che la sua tenera fica sarebbe in mostra.

"E ancora non collabora", si meravigliò la signorina Ashton, ammirandola
sottile vulva che era stata frustata fino a diventare riccamente rosa come
la sua carne interiore. Alcuni colpi di martinet le avevano sfiorato l'intimo
cosce, bruciando la pelle.

"Beh, sono d'accordo, ha bisogno di essere allungata con la forza", Miss Ashton
disse. Miss Marshall e Rebecca ignorarono il pianto di Juliet mentre uscivano
la sedia contenitiva dall'angolo e rimosse i braccioli.

"Dai, Juliet. Sii coraggiosa", la esortò Miss Ashton.

La signorina Ashton inspirò, calmandosi mentre la graziosa piccola Juliet si sedeva
con apprensione sulla sedia. Le cinghie sono state messe intorno al suo corpo per trattenerla
in posizione, e poi i suoi polsi sono stati legati in modo che non potesse interferire.

Nella mente della signorina Ashton non c'era niente di più eccitante che guardare un
bambino si fa strada per essere punito, tranne forse per vederli arrivare
a lei dopo e ringraziarla, strofinando i loro teneri, lividi e spesso
tagliare la pelle e inginocchiarsi davanti a lei implorando il suo perdono.

Se prima Juliet sembrava stralunata, ora sembrava terrorizzata mentre prendevano
afferrarle le gambe e metterle in rigidi tubi di cuoio per impedirle di farlo
piegandoli, poi mise le sue caviglie in imbracature che erano attaccate da
corde alle pulegge sopra e dietro la sua testa.

Quando la corda veniva tirata, le sue gambe venivano sollevate e separate da lei
caviglie e, con le gambe incapaci di piegarsi, sarebbe stata allungata con forza
a parte.

«Continua», ordinò la signorina Ashton.

La signorina Marshall e Rebecca tirarono le corde, osservando le gambe della ragazza
alzarsi verso l'esterno per assicurarsi che la loro attrazione fosse all'unisono. Giulietta, occhi spalancati e
spaventata, ansimò quando sentì le sue gambe raddrizzate sollevarsi e
verso l'esterno. Con gli occhi spalancati e la bocca aperta, fissò le imbracature che tiravano
alle sue caviglie e poi agli adulti che lo causano.

"Per favore, non farlo, mi stai facendo del male," disse Juliet, cominciando a piangere, come lei
le gambe venivano tirate un po' più ai suoi fianchi.

La signorina Ashton, osservando il processo, sorridendo alla bambina come lei
si fece avanti per inginocchiarsi davanti a lei, le sue mani che la accarezzavano lisce e morbide
pelle delicata.

"Non preoccuparti, posso ridurre il dolore", disse alla ragazza che piagnucolava.

Accarezzandole il pube, i suoi occhi guizzavano dalla sua espressione nervosa a
esamina attentamente la sua piccola fica per i segni di eventuali peli pubici. Era un
regola ad Avondale che tutti i peli pubici devono essere rimossi.

Adesso c'erano alcuni capelli biondi, quasi nascosti contro la pelle chiara di Juliet
iniziando a scurirsi, le loro punte sottili cominciano a colmare la cucitura di lei
fica giovane e preziosa.

Togliendosi un paio di pinzette dalla tasca, la signorina Ashton ne afferrò una singola
capelli e li tirò fuori.

Con gli occhi grandi e rotondi, Juliet sobbalzò come se fosse stata punto e
fissò la sua padrona, il suo respiro affannoso per l'ansia come le pinzette
aleggiava sulla sua fica in attesa di trovarne un'altra.

Juliet strillò quando ne trovò dell'altro, la sua attenzione ora distolta dal
lenta trazione sulle sue gambe da parte dei suoi aguzzini. Con le sue giovani gambe snelle
tirata su entrambi i lati, la sua tenera fica era separata, esponendola
cappuccio del clitoride.

Il suo clitoride era liscio e tenero, e sotto di esso, la piccola bocca di lei
l'uretra si tese mentre si sentiva osservata. Sotto di esso, la sua fica
bocca spalancata, insegnata a farlo dalle sue numerose dita e lingue
amici appena trovati ad Avondale.

Senza più peli da strappare, la signorina Ashton le restituì le pinzette
in tasca e ne estrasse una piuma e le solleticò il clitoride. La reazione è stata
Immediato, il bacino della ragazza si inarcò nei suoi legami, trattenuto lì mentre
ansimò e fissò ciò che stava accadendo. L'allargamento di lei
le gambe sembravano dimenticate mentre la punta suscitava nuove sensazioni dentro di lei.

Le gambe di Juliet erano ora quasi parallele, così come i suoi tendini
le cosce sporgevano nettamente, tirando la sua vulva in un broncio, la sua fica umida
piccolo buco per tutti da ammirare.

La punta della piuma era applicata su un'altra parte della pelle che costeggiava la sua fessura,
e di nuovo Juliet sussultò e sussultò, poi ansimò nello sforzo di riprendersi,
i suoi occhi spalancati sulla sua padrona mentre le sue gambe erano completamente divaricate
e tenuto lì.

"Hai bisogno di rilassarti," Miss Ashton mormorò a Juliet, sorridendo mentre lei
accarezzò la tenera pelle del bambino.

Juliet si inarcò ancora una volta, sforzandosi per il piacere che le cresceva dentro.
Il dolore delle sue gambe aperte fu dimenticato mentre cercava di spingere il suo piccolo
fica più saldamente alle dita accarezzando, spingendole a darle di più
piacere.

La sua padrona ridacchiò consapevolmente, rifiutandole la pressione di cui Juliet aveva bisogno
e la ragazza piagnucolò nel suo bisogno.

La signorina Marshall e Rebecca stavano ai lati, i volti arrossati
piacere mentre guardavano la signorina Ashton prendere in giro la piccola fica tenuta aperta da
le sue gambe tese.

Entrambi si leccarono le labbra mentre la signorina Ashton accarezzava la carne circostante,
viaggiando su ogni piccolo labium paffuto, segnandolo delicatamente con lei
le unghie mentre lo guardi iniziano a rimanere a bocca aperta.

Le sue dita poi scivolarono di nuovo verso l'interno, scivolando attorno al bulbo ora gonfio
del suo piccolo clitoride dove si ergeva orgogliosamente dal suo sesso allargato, allora
torna a strofinare la sua uretra prima di immergersi nella sua piccola fica imbronciata.

Con la fica di Juliet che sembrava carne cruda, era così arrossata, signorina
Ashton infilò abilmente un dito nella piccola fica e lo mosse rapidamente
avanti e indietro, ridacchiando mentre portava la ragazza a un orgasmo stridulo,
l'umidità calda le scorreva intorno al dito.

"Ecco. Lascia che sia una lezione, Juliet," sorrise; guardando come il
deliziosa bambina riprese rapidamente i sensi.

******

Fu con grande gioia che la signorina Ashton venne a sapere della piccola Wilma Brown
di Sophie Jenkins.

Quando Sophie ha invitato Wilma nella sua camera da letto, è arrossita. Tuttavia, lei
i rossori non erano una sorpresa, lo sapeva per esperienza
Wilma non avrebbe potuto capire le sue intenzioni saffiche, a meno che non lo fosse
aveva anche tendenze lesbiche.

Il dormitorio dove dormiva Wilma Brown aveva dei piccoli cubicoli circondati da un
tramezzo alto otto piedi, ogni cubicolo appena sufficiente per un letto,
una sedia e un armadio.

Tuttavia, al contrario, Sophie Jenkins e Rebecca Allcot che erano Miss
Le puttane preferite di Ashton condividevano entrambe una stanza. Scambiando piccole crostate con
Rebecca, Sophie era riuscita a organizzare un po' di privacy per la piccola Wilma
visita, che ora attendeva con impazienza.

Non dovette aspettare a lungo, pochi istanti dopo che Rebecca se n'era andata, timida
bussare alla porta segnalò l'arrivo di Wilma e lei fece schioccare la testa
intorno alla porta, entrando con un sorriso.

Sophie tirò indietro la coperta per rivelare il suo corpo nudo. A sedici anni lo era
snella e alta, i suoi seni erano piccoli ma sodi e il suo pube liscio
si alzò orgogliosamente tra le sue lunghe gambe snelle.

Quando vide gli occhi della ragazza scivolare lungo il suo corpo, Sophie la fece scivolare
gambe più larghe, accogliendo i giovani occhi sulla sua fica e leccandola
labbra mentre sentiva l'eccitazione, che l'esame di Wilma le portava.

Ancora più importante, qui c'era una ragazza che sapeva decisamente non essere una
vergine e certamente non estranea al sesso lesbico.

"Hai fatto l'amore con un'altra ragazza?" azzardò Sophie, facendo scivolare una mano verso il basso
per facilitare un dito su entrambi i lati del suo clitoride in aumento, attirando la ditta
carne indietro per aprirsi all'attenzione della ragazza.

Wilma annuì, il volto ardente per il suo rossore.

"Fammi vedere," sorrise, le gambe piegate per inarcare le ginocchia,
rendendola aperta e disponibile alla giovane ragazza.

Ancora bruciante, Wilma si affrettò ad abbassare la bocca verso il
fica liscia della ragazza più grande, facendo scorrere la lingua lungo l'articolazione della vulva,
la levigatezza vellutata delle labbra una piacevole sorpresa per lei.

La leccò con l'obiettivo di inumidire la fica che stava leccando
questo caso non è necessario; poiché Sophie si era bagnata abbastanza per impalare il
momento in cui Wilma l'aveva guardata direttamente. Wilma leccò la densa caramella
l'umidità della fica di Sophie, assaporando il sapore più dolce prima di deglutire
e continuando a leccare di nuovo.

"Oh sì, è carino," ansimò Sophie, amando l'azione del leccare.

Wilma non disse nulla, ma presto la punta della sua lingua cominciò a dimenarsi dentro di lei
fessura, aiutando a separare le sue labbra e dispiegare il suo tenero sesso.

"Si si!" Sophie sussultò sommessamente; cercando di ricordare quando aveva avuto l'ultima volta
una lingua così sapiente.

Le piccole dita si unirono, separandosi e tenendola separata, lasciando che il
la lingua si gonfia dentro e fuori dalla sua fica piangente. Di tanto in tanto si fermava a
correre verso l'alto, muovendo la punta del suo clitoride in un modo che ha fatto Sophie
sussulta di gioia e si alza dal letto.

"Sì, sì. Vengo, vengo!" ansimò, alzandosi
verso il ripido precipizio del suo piacere.

Wilma aveva già sentito quei suoni molte volte e ne aveva sentito la tensione
Le cosce di Sophie e il roteare del frutto maturo che era
leccata. Allungò consapevolmente due delle sue dita e, mentre la sollevava
bocca per concentrarsi sul suo clitoride, spinse le dita in profondità dentro di lei
fica.

Sophie si lamentò, il suo lungo corpo si inchinò verso l'alto mentre il piacere la attraversava
suo. Le sue mani corsero alla testa di Wilma e la strinsero forte a sé,
trattenendola mentre tirava la lingua, trattenendola finché non ci riuscì
resistere più a lungo al piacere acuto e dovette respingere la ragazza
prima di crollare, esausto, sul suo letto.

"È stato adorabile," sospirò Sophie desiderando che tutti i suoi orgasmi fossero così
torrido.

"Vado adesso?" chiese Wilma.

Sofia rise. "Certo che no," rimproverò il bambino.

"Spogliati," ordinò prima di girarsi e trascinarsi indietro per fare spazio
il letto per la piccola Wilma. Un po' confusa, un po' imbarazzata, Wilma
scivolò dai suoi vestiti, arrossendo graziosamente mentre si alzava e lasciava Sophie
goditi il ​​suo corpo giovane, appena ancora pubescente.

A undici anni, i suoi seni erano solo coni con la punta del rosa più tenero
capezzoli, e la sua piccola fica conteneva ancora parte dello spessore di
adolescenza, eventuali peli pubici che avrebbero dimostrato la sua venuta
adolescenza, rimosso.

Arrossì caldamente quando sentì gli occhi sui suoi minuscoli coni
seni, piegando consapevolmente le spalle prima che gli occhi di Sophie scivolassero
fino alla sua piccola fica.

«Dai, apri di più le gambe», lo esortò Sophie.

Con il viso ora in fiamme, Wilma allargò le gambe e sentì un'ondata di calore spazzare via
su di lei mentre Sophie ansimava. Si era vista abbastanza spesso allo specchio
sapere cosa stava vedendo ora Sophie; le labbra piatte che difficilmente servivano a
oscurare la lunga asta del suo clitoride.

"Che bello!" Sofia sussultò. Wilma si scosse e si leccò le labbra.

"Lo pensi davvero?" lei chiese.

"Oh sì. Vieni qui!" sollecitò Sophie.

Sophie guardò Wilma farsi avanti timidamente, poi sdraiarsi, la ragazzina
timida e tesa, il suo nervosismo visibile sul suo viso.

La accarezzò e la ragazza si sistemò, leccandosi le labbra e lentamente
assestandosi mentre le dita di Sophie continuavano ad accarezzarle dolcemente i seni, poi
il suo ventre e i suoi lombi, deviando intenzionalmente dal suo pube liscio
mentre la pelle della ragazza si colorava lentamente di crescente eccitazione.

Le sue mani si fermarono in modo che potesse chinarsi e iniziare a baciare dolcemente il
giovane ragazza. Le sue labbra sfiorarono un capezzolo mezzo raggrinzito e lei lo coprì
succhialo forte, sorridendo dentro mentre faceva sussultare Wilma e si alzava
contro le sue labbra.

Scivolò verso l'altro e fece lo stesso, cominciando dolcemente fino al bambino
si era quasi rilassato, poi succhiò ancora una volta con forza, facendola ansimare e
saltare mentre il capezzolo stesso si gonfiava di sangue per diventare ultra
sensibile.

Sophie elaborò il corpo di Wilma, mentre le sue labbra e la sua lingua assaporavano il
carne liscia, fino a quando; finalmente, è arrivata alla sua deliziosa piccola fica.

Il profumo di Wilma si alzava già dallo squarcio apparentemente semiformato che si era creato
dalle sue piccole labbra inferiori. Il suo clitoride, avvolto dal lungo cappuccio,
risaltava, la pelle sotto incredibilmente rosa, umida e tenera.

Sophie lo ammirava; confrontandolo con le tante giovani fiche che aveva visto da allora
venendo ad Avondale e, sebbene diverso dalla maggior parte, l'ha messo in alto su di lei
elenco di amabilità. La sua testa si abbassò e i suoi occhi si alzarono per guardare il
il viso della ragazza mentre la sua lingua guizzava fuori per leccare la protuberanza gonfia.

Wilma ansimò e cominciò a tremare, il respiro affannoso mentre aspettava
con ansia per il secondo tocco. È venuto, producendo lo stesso intenso
sensazioni che le sparavano come dardi nel ventre e lei gridava e
sussultato, arrivando all'orgasmo dolorosamente.

Sophie guardò e sorrise.

"Per favore, non dirlo a nessuno. Non lo farai?" implorò Wilma.

"Certo che no", le disse Sophie, baciandola e chiedendosi come farlo al meglio
fai sapere alla signorina Ashton di questa meravigliosa piccola crostata.

"Bene, di nuovo!" lei respirava; spingendo Wilma verso il basso verso la sua fica arcuata
e la piccola crostata obbedì.

******

Jeremy Brown era un uomo corpulento sulla quarantina ed era stato molto
successo negli affari. Si era sposato tardi e Wilma era la sua unica figlia.

Sua moglie lo aveva lasciato ed era scappata in America con un uomo molto più giovane e...
si scoprì così attratto da Wilma e dai suoi amichetti
iscriverla ad Avondale era la soluzione ideale al suo problema.

Quindi è stata una vera sorpresa quando ha ricevuto una lettera dalla signorina Ashton,
invitandolo a visitare l'Accademia.

Era un uomo preoccupato e agitato che camminava dietro a Sophie quel giorno come
ha visitato la scuola. È stato mostrato all'ufficio della direttrice dove
l'elegante signora si alzò e uscì da dietro la scrivania per porgerle la mano.

Era contenta che Sophie avesse portato Wilma alla sua attenzione e da
le informazioni che era riuscita a raccogliere suo padre le condividevano
passione per i bambini.
"Mi dispiace trascinarla lontano dal suo lavoro, signor Brown", gli disse.

"Spero che non sia niente di grave," disse, leccandosi nervosamente le labbra.

"Devo solo chiarire il motivo per cui hai iscritto Wilma ad Avondale", signorina
Ashton gli disse senza mezzi termini, osservando la sua reazione con interesse.

"Mi dispiace, non sono sicuro di cosa intendi", ha detto Jeremy.

"Bene, alcuni padri iscrivono le loro figlie a imparare il portamento,
buone maniere e obbedienza attraverso il nostro regime di rigida disciplina", ha detto
lui.

"Tuttavia, ci sono alcuni padri che mandano le loro figlie ad Avondale
per toglierli dalla loro tentazione", continuò, notando il
guizzo nei suoi occhi.

"Non sono ancora sicuro del motivo per cui sono qui", ha detto, preoccupato come Miss Ashton
ha scoperto la sua passione per i bambini.

"Mr Brown, la nostra scuola non è tutto ciò che sembra", gli disse la signorina Ashton
calmante. "Non pubblicizziamo l'altro lato del nostro curriculum, nessuno
più di quanto faresti con la tua passione. Tuttavia, a coloro che apprendiamo hanno
interessi simili, apriamo le braccia e li accettiamo come mecenati".

"Non so di cosa stai parlando," le disse candidamente Jeremy.

"Forse una piccola dimostrazione lo renderebbe più chiaro", signorina Ashton
offerto, già preparato a questa eventualità.

Suonò il campanello sulla sua scrivania, poi aspettò, sorridendole amabilmente
ospite. Passò meno di un minuto prima che bussassero alla porta e
entrarono quattro alunni, seguiti da Rebecca Allsop.

Jeremy guardava, affascinato, mentre i quattro bambini, apparentemente tutti insieme
diversa età, il più giovane un nove anni alto e magro mentre il
il maggiore sembrava essere un quattordicenne biondo e flessuoso, due maschi e due
ragazze, iniziarono a spogliarsi lentamente.

Rebecca batté le mani per attirare la loro attenzione e subito i bambini
nudo si voltò verso i due adulti seduti. Jeremy non poteva fare a meno
fissandolo, leccandosi le labbra e desiderando di aver visto Wilma nuda così
prima che la iscrivesse.

La signorina Ashton sorrise mentre guardava l'espressione scioccata sul volto del signor Brown.

"Non capisco", riuscì a dire.

La signorina Ashton fece un cenno a Rebecca e chiamò un ragazzo e una ragazza
inoltrare.

Lo fecero, e con un po' di entusiasmo, la ragazza si accovacciò
prendi il cazzo del ragazzo in bocca, le sue gambe rimangono divaricate per non farlo
oscurare la vista della sua piccola fica. Svegliandogli il cazzo, lei la fece scivolare
labbra lungo di esso, lasciando che gli adulti vedessero quanto era diventato eretto.

Jeremy ansimò, il suo cuore martellava. Deglutendo e arrossendo, cercò di farlo
coprire la propria erezione, che divenne ancora più dura quando vide sorridere la signorina Ashton
consapevolmente a lui.

Con il ragazzo ora eretto, una ragazza più grande si fece avanti e, come il
la più giovane tornò al suo posto, sollevò una gamba per appoggiarvi il polpaccio
spalla del ragazzo.

Jeremy li fissò con gli occhi spalancati mentre il suo corpo flessibile glielo permetteva
per spingere la figa sul suo cazzo. Il ragazzo sorrise e si spinse
completamente dentro di lei ei due iniziarono a scopare, ognuno ansimando caldamente come il
cazzo sottile guidato dentro e fuori della sua fica scivolosa che ora luccicava
la sua umidità scivolosa.

Cazzo non era la parola giusta, decise Jeremy, guardando dentro i bambini nudi
davanti a lui, che erano entrambi così chiaramente sull'orlo della pubertà.

Rebecca batté le mani e la coppia si separò, facendolo con grazia fluida
per poi girarsi e piegarsi, inginocchiarsi e piegarsi in avanti. Si muovevano in simmetria,
la ragazza che volta le spalle al ragazzo per girarsi e piegarsi, le gambe e la schiena
assolutamente dritto mentre spingeva il sedere.

Si muoveva con una magra grazia maschile, scivolando sulle ginocchia per poi,
con le mani sulle cosce, spingere in avanti la parte superiore del corpo. I loro movimenti
coincise e portò la bocca alle sue pudenda. Jeremy incantato,
guardò e ansimò mentre la lingua del ragazzo si estendeva e svolazzava tra le
labbra formose della vulva della ragazza.

Ora gli altri due si fecero avanti, il ragazzo in piedi con le braccia dietro
lui, offrendo alla ragazza curva il suo cazzo già duro. Le sue labbra arricciate
ha permesso al suo cazzo di scivolare dentro, e poi la parte superiore del suo corpo si stava dondolando e
giù sulla scintillante cicogna, un momento solo la punta tenuta da lei
labbra, la successiva per tutta la sua lunghezza immersa nella sua bocca e nella sua gola.

La ragazza più giovane si infilò tra le gambe del ragazzo inginocchiato e si allargò
le proprie gambe, permettendo al ragazzo in piedi di infilare il piede destro in mezzo
le sue gambe e inizia ad accarezzarla con l'alluce.

Ha tenuto il cazzo in piedi davanti a lei e da un lato mentre lei
le succhiò le palle in bocca, una alla volta.

"Hai bisogno di un po' di sollievo?" La signorina Ashton pungolava il suo ospite, i suoi occhi
sfrecciando verso quella che sembrava essere un'erezione dolorosa nei suoi calzoni.

Jeremy deglutì, incerto su cosa dire mentre la depravazione continuava
davanti a lui. La signorina Ashton annuì e Rebecca sorrise mentre si spogliava,
spingendo in fuori i seni con un dimenarsi inutile.

La signorina Ashton sorrise mentre Jeremy guardava l'adolescente snello che era così
spogliandosi avidamente davanti a lui, allargando le gambe e stringendola
giovani seni maturi mentre i quattro allievi continuavano lo speciale
performance che gli era stata insegnata, lavorando tutti insieme per arrivare al loro
piaceri insieme.

Sorridendo gli prese i calzoni. Le sue dita ben allenate facilmente
si slacciò la cintura da sotto l'attaccatura del suo ventre sovrappeso, e poi tirò
i suoi calzoni divaricati per estrarre il suo robusto, e piuttosto grosso, incirconciso
cazzo.

Rebecca sorrise mentre si metteva a cavalcioni sull'ampio grembo dell'uomo e si sistemava sul suo
cazzo. Gemette di gioia mentre il grosso cazzo la apriva,
allungandola amorevolmente, più di quanto avrebbero fatto i ragazzi dell'Accademia
mai fatto. Facendo le fusa deliziata, affondò fino in fondo, poi la usò
muscoli per stringerlo dentro di sé, tirandolo più a fondo.

Jeremy sussultò e fissò l'adorabile creatura seduta sulle sue ginocchia, la sua
cazzo incorporato nella sua piccola fica stretta. Qualche metro davanti a lui ragazze
tenevano i giovani galli in faccia e lasciavano schizzare il seme
attraverso i loro corpi. Era tutto troppo e, con un singhiozzo di angoscia, lui
si è sentito venire.

******

Nel giro di un'ora, la signorina Ashton aveva convinto il signor Brown ad accompagnarla a
una delle sale di osservazione nel seminterrato.

Nella stanza ben illuminata, l'altro lato dello spioncino era l'unico pezzo
dei mobili che Jeremy poteva vedere era una trave di legno con cui era stata imbottita
materiale ruvido lungo la sua superficie.

"Non potranno vederci", gli assicurò la signorina Ashton proprio come la porta
all'altra stanza aperta.

Una donna dall'aspetto severo fece entrare Wilma Brown nella stanza, la sua testolina
timidamente abbassato. Jeremy sussultò, quando vide sua figlia e due più grandi
girls enter the room before the door was closed and locked.

"Che cosa?" Jeremy mumbled confused as to what was going to happen, and yet
unable to concentrate as his eyes devoured his daughter.

"I am tired of having to repeat myself, Miss Brown. You have received a
number of warnings and I can see no improvement," The teacher told her.

"I do try. I do!" Wilma said, defending herself in a subdued voice.

"Do not interrupt me!" the teacher said indignantly.

Mr Brown licked his lips and shuffled forward eagerly to see what was
sta per succedere.

"You are going to be punished, and I hope this teaches you a lesson young
lady!" the teacher told her.

"Remove your uniform," she spat.

"We've had to exaggerate her waywardness in order to provide you with
this demonstration of what we offer parents," Miss Ashton murmured,
watching the man stare intently as his daughter undressed.

"You arrange this for other parents?" he breathed, studying Wilma's
nakedness and wishing he had taken a greater interest in her while she'd
been at home.

He could have pretended to need to investigate her health, could have
pretended to need to check on her development. As a last resource, he
could have used the same demanding tone that the teacher now used to get
her to grovel naked at her feet.

He could have just demanded that she undress, like she was now, his eyes
sliding towards the two other girls as they lowered the padded beam and
fastened it into position.

"Up you get," the teacher told Wilma sharply.

The assistants helped her, arranging her so she laid along the beam with
her bottom perched over the end nearest the spy hole.

Her legs were bent up under her, much like those of a jockey riding a
horse, but with the result of leaving her bottom widely parted and her
little cunt fully exposed to those watching. Finally her arms were drawn
forward and then fastened to cords that held her stretched along the
beam.

"Oh, you'll cry soon enough," the teacher told Wilma as she began to
softly weep. She lifted a solid looking rattan cane and tested it in her
hands, bending it right round to show how supple it was, then whistling
it through the air, aware that the child's father was now just the other
side of wall.

The teacher took up her position at the foot of the beam and tapped the
young girl's bottom with the cane. Wilma wept loudly, feeling the cold
rod slide along her bottom, parallel with her short, half parted anal
crease.

She lifted the cane high, bringing it down quickly so the girl would have
little time to prepare, then stood aside to let those beyond the spy hole
enjoy her exposed charm's as she struggled in her agony.

A bright line appeared close to her bottom crease, swelling upwards as
Wilma continued to cry. The teacher lifted the rattan cane again, and
brought it down sharply upon Wilma's little bottom smiling as the girl
screeched, and then bounced up and down on the beam.

Like many pupils before her, Wilma had learnt how best to absorb the
terrible pain of the cane was to thrust her young cunt against the rough
padding, trying to offset the burning agony in her bottom with the sharp
delight it brought her cunt.

The third stroke landed directly between her bottom cheeks, just as she
had lifted herself off the beam. Jeremy sobbed excitedly as he saw his
daughter squirm with fresh pain, her contortions bringing her little anus
into view now, reddened from the last strike of the cane.

Screaming, Wilma frantically rubbed herself against the padding, her
breath growing short with her efforts. To those watching, her slender
young form looked delightful, more so because of her position; her legs
bent outward under her, fully exposing her genitals.

"Would you like one of my girls to provide you relief?" Miss Ashton asked
Jeremy, watching his reactions intently.

"Unbelievable!" Jeremy gasped. The teacher now put aside the cane to pick
up a slender belt, which she doubled over in her fist, pressing it into
Wilma's little cunt.

Unblinking, his breath held, Jeremy watched the belt rise, then come down
in a short sharp arch that scored the tender flesh between her legs.
Wilma screamed afresh, once more jerking and squirming, madly trying to
relieve herself of the pain while held in he bonds.

Her cunt brightened with her struggling, burning brightly and yet
gleaming with wetness. The belt came down once more, scoring her tender
flesh and brightening it still further, making her screech, squirm and
frantically push her pelvis into the padding beam below her.

A little girl of twelve came into the viewing room and knelt before
Jeremy. She was blond and blue eyed, exactly the way he liked them.

As the belt landed yet again between Wilma's legs sending her into fresh
paroxysm, the girl released his cock and held it outward for her mouth to
cover the tip.

Pleasure and excitement soared in the old man, yet his eyes never drifted
from the sight of his daughter, legs spread, grinding her tenderised
vulva down onto the padded beam whilst crying loudly.

"Have you learnt your lesson yet?" her teacher asked.

"Yes Miss!" Wilma sobbed, nodding her head frantically.

The teacher put the belt aside and picked up two long feathers.

As the girl in his lap began sliding her lips along his cock, licking and
sucking on him, the teacher was sliding the feathers over Wilma's
tenderised flesh, the tip of one probing her little anus while the other
stroked her reddened labia and sawed softly along the edge of her swollen
clitoris hood.

Wilma arched as she came, a sweet cry breaking through as she was brought
on and satisfied. With the image of his daughter spending on the two
artfully positioned feathers, Jeremy arched, his head thrown back as the
girl tightened her lips around his cock, and drank his seed.

"You are most welcome to experience these things again, whenever you
wish, for a small fee of course," Miss Ashton said, watching intently as
he came back down to earth.

Storie simili

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

234 I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

1.9K I più visti

Likes 0

Innocenza Pt 1

Codici: D/s, NC, V, M/f Dichiarazione di non responsabilità: la storia seguente contiene menzione dello stato del Vermont. Questo può riportare immagini traumatiche per chiunque abbia mai vissuto quel tipo di esperienza. Se il Vermont è discutibile per te o per chiunque nella tua famiglia, ti consigliamo vivamente di non continuare a leggere. Se continui a leggere e sei offeso dalla presenza del Vermont, sei stato avvisato. Innocenza C'è solo qualcosa da dire sul rovinare l'innocenza. Molte persone glorificano lo stupro di una vergine, ma non si chiedono mai perché. È il fatto che sono in grado di fare qualcosa che...

1.2K I più visti

Likes 0

Fuori Limiti Compagno di Stanza Pt. 3

Vista. Il calzino rosa, che mi premeva quasi sugli occhi. Era buio, ma dopo questo pomeriggio, sapevo fin troppo bene che c'erano impronte sporche di dita dei piedi e suole in una leggera sfumatura di marrone. Tocco. L'arco della suola di Shiann, che mi tocca il naso. Le dita dei piedi contro la mia fronte, dimenando leggermente. Il tallone, che mi sbatteva il mento un paio di volte mentre si spostava leggermente verso di me lungo il divano. La sensazione di un tessuto leggermente consumato, qualche brandello di cotone che si era staccato dall'intreccio di cotone a maglia fitta dei suoi...

1.9K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

1.7K I più visti

Likes 0

Amico e figlia

Sono un uomo felicemente sposato, ma ho un lato perverso che mia moglie conosce in parte, ma non tutto, ho molto da condividere ma potrebbe non essere tutto in ordine cronologico. Questa è la prima esperienza che ho condiviso con il mio migliore amico Wayne, Wayne e io ci conosciamo da un po', infatti entrambi stavamo scopando la stessa donna prima di sposarci, anche se non nello stesso momento. infatti Wayne ha sposato mia cugina Cindy e hanno una bambina, Lil deb (Debbie), è una bambina molto carina e dolce, (suppongo di aver sempre avuto un debole per le ragazze giovani)...

980 I più visti

Likes 0

Un conto da regolare

Un conto da regolare Allora perché cazzo non mi lasci in pace? Fece una smorfia nonostante il tempo e la distanza che lo separavano dal ricordo. Era la sua sorellina, di undici mesi in tutto, ed erano passati due anni dall'ultima volta che le aveva parlato. O, più appropriatamente, due anni dall'ultima volta che gli aveva detto quelle parole. Robbie si scosse il ricordo dalla testa e si incamminò sotto il bancone. Fece tre respiri profondi e trattenne il terzo mentre si sollevava. Lo sollevò dagli appoggi e rientrò nella gabbia. Tre piatti per lato, si accovacciò finché le cosce non...

812 I più visti

Likes 0

Un favore per Danny Boy - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia. Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella...

697 I più visti

Likes 0

Essere la troia del signor Miller - Parte 3

L'autunno sarebbe arrivato presto. Mi sono reso conto che era passato quasi un anno da quando il signor Miller mi aveva violentata nel suo campo di grano e mi aveva trasformata nella sua troia del cazzo personale. In quel periodo, alla fine ero cresciuto ma solo di un centimetro, ora ero 4'9 nemmeno un metro e mezzo. I miei capelli castani mi ricadevano sulla schiena ora lunghi e folti, e le mie tette avevano finalmente superato la mia coppa B e indossavo un reggiseno 32C a soli quattordici anni. Avevo sentito mia madre dire, quando pensava che non potessi sentire, che...

409 I più visti

Likes 0

La vendetta del bullo, parte 3

Dopo aver accarezzato per un po', avevo un buon ritmo e ho notato che Jordynn lo stava davvero prendendo. Ma volevo che pagasse, quindi ho afferrato una guancia del culo in ciascuna mano e le ho separate brutalmente. Jordynn Perry era una di quelle donne che avevano le gambe magre, ma un culo PAWG totale. Voglio dire, era come uno scaffale, quindi aprirla in questo modo lasciami sbattere molto più a fondo e più forte. Potrei dire che stavo davvero toccando il fondo in lei, e Day-umm mi ha fatto sentire bene. Ah-Ah-Ah... Jordynn stava grugnendo. Ora i suoi grugniti erano...

349 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.