Winning A Genie Harem Capitolo 4: La lezione di sottomissione della studentessa

137Report
Winning A Genie Harem Capitolo 4: La lezione di sottomissione della studentessa

Vincere un genio harem

Capitolo quattro: lezione di sottomissione della studentessa

Di miopenname3000

Diritto d'autore 2019

Nota: grazie ad Alex per la beta che legge questo!

Personaggi

Personaggi principali

Corey Derrickson: anziano del college, amico di Kyle Unmei, ha avuto la possibilità di sposare uno dei quattro geni, ciascuno di una tribù diversa, se riesce a trovarli alla St. Maria Theodora Catholic School!

Aleah Buckley: la prima schiava sessuale di Corey. Senior del college. L'ha reclamata dopo che Kyle ha suggerito che sarebbe stata una buona candidata per avviare l'harem di Corey.

Tania Buckley: la sorella minore di Aleah. La seconda schiava sessuale di Corey. Secondo anno universitario. Sedotto nell'harem da Aleah.

Studenti

Asra Duff: Senior presso St. Maria Theodora, in Corey's Philosophy and PE.

Bettie Black: Senior al St. Maria Theodora, nelle lezioni di inglese e storia di Corey. Una principessa viziata che gocciola perché un uomo la prenda in mano.

Briana Hamilton: Senior al St. Maria Theodora, nelle classi di inglese e educazione fisica di Corey.

Brenda Nevada: un'anziana al St. Maria Theodora, nelle classi di matematica e chimica di Corey.

Debbie Goffe: Sophomore al St. Maria Theodora.

Franny Keighley: Junior al St. Maria Theodora.

Jennifer Nielson: Junior al St. Maria Theodora.

Hallie Hunt: Senior al St. Maria Theodora, nelle classi di inglese e chimica di Corey.

Havva Najjar: Senior al St. Maria Theodora, nella classe di matematica di Corey. Dopo aver mangiato la sua figa e aver visto la sua natura sottomessa, Corey sospetta che sia la Jann.

In'am Alfarsi: Junior a S. Maria Teodora.

Lisa Comstock: Senior al St. Maria Theodora, nella classe di matematica di Corey.

Megan Scrivenor: Junior al St. Maria Theodora.

Nadia Rivers: Senior al St. Maria Theodora, nella classe PE di Corey.

Natiqua Osbourne: Senior al St. Maria Theodora, nella classe di matematica di Corey.

Regina Florence: ragazza che si è trasferita nella porta accanto a Corey, studente del secondo anno a St. Maria Theodora. Nella classe di matematica di Tania.

Pita Reyes: Senior al St. Maria Theodora, nel corso di Filosofia e Chimica di Corey.

Ritsuko Takayama: Sophmore a Santa Maria Teodora.

Rita Pickle: Junior a Santa Maria Teodora.

Sheila Thorne: Senior al St. Maria Theodora, nella classe di storia e educazione fisica di Corey.

Tammy Fredrick: un anziano al St. Maria Theodora, nella classe di matematica ed educazione fisica di Corey

Ursula Bannister: Senior al St. Maria Theodora, nel corso di Chimica di Corey.

Vanessa Shearer: un anziano al St. Maria Theodora, nelle lezioni di matematica e chimica di Corey. Vuole una sessione di studio privata con Corey.

Zahia Qadir: A Junior a Santa Maria Teodora.

Facoltà

Sig.ra Abigail Reynolds: professoressa al St. Maria Theodora.

Ms. Allie Reid: professoressa di inglese di Corey e bibliotecaria al St. Maria Theodora. Un professore cattivo che fa cose malvagie con Corey.

Allenatore Denise Bennett: allenatore di educazione fisica di Corey al St. Maria Theodora.

Mrs. Donna Blackwood: professoressa di filosofia a St. Maria Theodora.

Suor Anna Petra: una suora e professoressa di chimica di Corey a St. Maria Theodora.

Suor Doris Suzette: suora e professoressa a Santa Maria Teodora.

Suor Ester Sarah: una suora e professoressa di matematica di Corey a St. Maria Theodora.

Suor Francis Jean: una suora e professoressa di storia di Corey a St. Maria Theodora. Sospetta che Corey abbia fatto sesso a scuola. Non ne sono felice.

Suor Nova Victoria: una suora e nuova direttrice a Santa Maria Teodora. Corey sospetta di essere l'Ifrit dopo aver iniziato una relazione sessuale con lui.

Ms. Valerie Terrence: Professore a St. Maria Theodora.

Corey Derrickson – Martedì 8 settembre

Dove mi stava portando suor Francis Jean?

La suora era incazzata con me per essermi presentata in ritardo alla sua classe il primo giorno di lezione al St. Maria Theodora. Sospettava chiaramente che mi fossi scopato una ragazza sottomessa e troia di nome Bettie Black. Ero. Ho fatto un caldo trio con la ragazza civettuola e una delle mie schiave del sesso in bagno. Era stato un periodo caldo.

Stavo lasciando che tutta questa attenzione andasse alla mia testa. Tutte le ragazze che erano arrapate per me lo stavano facendo sapere. Ero l'unico ragazzo del campus e le cattive studentesse cattoliche ansimavano per me. Alcuni erano audaci, facendomi scivolare le mutandine, mentre altri mi chiedevano di "studiare" o "prendere un caffè". Bettie era la più aggressiva e la più sottomessa. Voleva essere la mia schiava del sesso, quindi le ho dato un assaggio.

Non aveva deluso.

La suora mi precedeva avvolta nel suo saio nero. L'ho seguito con la mia uniforme scolastica. La cravatta scozzese rossa e verde mi era stretta intorno al collo. Non ero abituato a indossarlo. Il colore corrispondeva alle gonne delle ragazze. Sembravano tutti così deliziosi in loro.

Il mio amico Kyle era l'uomo migliore del mondo per aver usato la magia del suo genio per mandarmi qui.

Avevo due candidati per i quattro geni che ero qui per trovare e corteggiare. Potrei sceglierne uno per mia moglie, e sarebbe difficile. Già i due che avevo incontrato erano deliziosi in modi diversi. L'innocente e sottomessa Havva mi stava implorando di far scoppiare la sua ciliegia da me. Innocente, fingendo di provenire da una casa protetta, il "Jann" era pronto per essere spennato. L'altra era la nuova direttrice, una suora di nome suor Nova Victoria. La donna mediorientale era focosa e passionale, aggressiva e di una bellezza matura, la "Ifrit".

Era lì che mi stava portando suor Francis.

Ho sorriso, sapendo che la donna araba avrebbe voluto più del mio cazzo. O era una suora arrapata che aveva trascorso quindici anni senza scopare e aveva così tanto bisogno di un cazzo, oppure era l'Ifrit e voleva fare una buona impressione. Speravo fosse quest'ultimo.

Suor Francis Jean ci condusse dietro l'angolo verso l'ufficio amministrativo. Aprì la porta dell'ufficio. Il college sembrava rinunciare a usare una vera e propria segretaria e invece usava studenti. Per una settimana, durante un periodo al giorno, uno studente dovrebbe lavorare come segretario.

L'ultima volta era stata questa ragazza di nome Jennifer. Questa volta era una ragazza araba. Il foulard che indossava avvolto attorno al viso scuro aveva lo stesso motivo scozzese della gonna. Indossava la stessa camicetta bianca delle altre ragazze, le code del suo papillon le cadevano sul petto. Aveva gli occhiali appollaiati sul viso. Avevano la montatura scura, il che la faceva sembrare intelligente e carina allo stesso tempo.

Alzò lo sguardo e sbatté le palpebre. Mi fissò, l'interesse nei suoi occhi. Non ho potuto fare a meno di ricambiare il sorriso. Si mosse sulla sedia e distolse lo sguardo. Era questa la ragazza Marid? Lo speravo. Sarebbe meraviglioso anche trovarla.

«Ho bisogno di vedere la direttrice», sbottò suor Francis, la voce tesa per la rabbia.

"Oh, uh, sì, sorella", disse la potenziale Marid. Ha preso un telefono e ha premuto un pulsante. Mi guardò di nuovo e poi distolse lo sguardo mentre portava il ricevitore all'orecchio. Dopo un momento, disse: «Suor Francis ha bisogno di vederti subito. Lei, uh, ha il nuovo studente con sé. La ragazza araba si morse il labbro inferiore. "Va bene, sorella." Appoggiò il telefono e annuì con la testa.

Sorella Francis è tornata indietro e io l'ho seguita. Percorse un corridoio, raggiunse la porta della direttrice e bussò forte prima di spalancare la porta. Sorella Nova Victoria si alzò in piedi, il soggolo che incorniciava il suo volto scuro non dissimile dal velo che indossava la ragazza alla scrivania. Si lisciò il saio nero, una divertita perplessità sul volto.

«Il signor Derrickson si è già messo nei guai?» chiese, il seno grande che gonfiava la parte anteriore dell'abito. "Sono sorpreso. Sembrava un così bravo ragazzo quando gli ho parlato.

«È arrivato in ritardo alla mia lezione», disse suor Francis. "Quindici minuti. È arrivato con un altro studente.

«Bettie aveva bisogno di aiuto», dissi con disinvoltura. “Stava avendo dei problemi personali e aveva bisogno di qualcuno che la guidasse. L'ho fatta sentire meglio che portarla in classe. Ho scrollato le spalle. "Scusate per il ritardo."

"Hmm", disse la direttrice. "Mi sembra abbastanza ragionevole."

«So che sei nuova, ma non puoi essere ingenua», disse suor Francis. “Entrambi erano arrossati. Incandescente.

"È stata una liberazione emotiva per Bettie", ho detto. "Ne aveva bisogno."

“Parlerò con lui”, disse Sorella Nova.

"Deve essere punito", ha detto la suora. «Non dovrebbe nemmeno essere qui. So che è una prova avere un ragazzo qui, ma sta già portando fuori strada uno dei nostri studenti”.

"Hai la prova che fossero coinvolti in comportamenti inappropriati?"

"Ho i miei occhi e un decennio intorno alle ragazze ormonali", ha detto, guardandomi.

«Me ne occuperò io», disse suor Nova Victoria, con gli occhi sempre più duri. «Lo interrogherò e deciderò cosa fare. Puoi tornare in classe e riprendere a insegnare ai tuoi studenti”.

Suor Francis si gonfiò per un momento. Sembrò sul punto di obiettare, ma negli occhi di Sorella Nova c'era una fiamma dura. Il professore sospirò e annuì. Poi si girò di scatto e spalancò la porta. Lei se n'è andata.

Il divertimento passò sul volto di Sorella Nova. La direttrice scosse la testa, il velo che le frusciava intorno alle spalle. "Scopa già altre ragazze?"

"Sì." Le feci un sorriso audace. «E questo ti fa eccitare, vero? Fa bagnare la fica di quella suora cattiva.

Un sorriso civettuolo le aleggiò sulle labbra. "Bene, hai confessato di aver corrotto uno dei miei dolci e innocenti agnellini."

Risi. «Credimi, non c'era niente di innocente in Bettie. Stava gocciolando per questo. Come eri tu.»

"Mmm," fece le fusa. "Quindi ora devo disciplinarti?"

«Non lo sei», dissi. Avere due schiave sessuali per sei mesi mi aveva insegnato a sentirmi a mio agio nel dominare le ragazze. “Perché preferiresti chinarti e farmi fottere quel culo. Non vedi l'ora che il mio cazzo sodomizzi le tue viscere malvagie.

"Dio mi perdoni, lo voglio", gemette. “Sono una suora così birichina e perversa. Sono io quello che dovrebbe essere punito. Conducendo il mio agnello in tali atti peccaminosi”.

"Mi stavi trascinando a malapena", dissi, il mio cazzo duro. "Piegarsi. Hai del lubrificante.»

"Lozione", gemette mentre si chinava sulla scrivania. "Ultimo cassetto. Colpiscimi forte. Non abbiamo molto tempo. Ho bisogno di quel cazzo dentro di me. Ho pensato a te, che diventi sempre più eccitante.

"Semplicemente fiammeggiante, vero?" dissi, muovendomi intorno alla sua scrivania. Il suo sedere si dimenava, il suo abito nero le ricadeva sul sedere. “Ti piace caldo, vero? Ti piace giocare con il fuoco?

"Mmm, rende le cose molto più divertenti se c'è una possibilità che tu possa scottarti," gemette. «Ho una riunione con il consiglio. Se ci prendono, saremo in un mare di guai.

"Ma ne hai bisogno", dissi, chinandomi e aprendo il suo cassetto. Aveva una bottiglia di lozione, Jergens in una bottiglia d'avorio. L'ho messo accanto a lei. Ho afferrato il suo abito e l'ho tirato su, rivelando sempre di più le sue calze alte fino alla coscia che le rivestono le gambe. Erano meravigliosi. "Hai bisogno del mio grosso cazzo per saccheggiare il tuo buco del culo."

Ho capovolto la gonna sopra la sua groppa. Il suo culo era coperto da quelle mutandine birichine, la sua groppa sembrava così deliziosa. L'inguine era un disastro, fradicio e macchiato del mio sperma che le usciva dalla figa. Le ho agganciato le mutandine e le ho abbassate quanto basta per esporre il suo culo sinuoso. Tra quelle belle chiappe, in quella fessura stretta, il suo buco del culo aspettava.

Mi slacciai la cintura e mi slacciai i pantaloni. I pantaloni grigi mi caddero intorno alle caviglie. Il mio cazzo pulsava nei miei boxer. Li ho spinti giù, il mio cazzo è saltato fuori e le ha schioccato il sedere nudo. La sua pelle scura sembrava così deliziosa contro il mio cazzo beige chiaro.

"Oh, dio, ho bisogno del tuo cazzo nel mio peccaminoso buco del culo", gemette. “Inculami! Rendimi malvagio come quei depravati abitanti di Sodoma”.

Premetti la pompa del flacone di lozione, coprendomi la mano con la crema color avorio. L'ho spalmato sul mio cazzo, bagnandomi l'asta. L'ho pompato su e giù, ungendomi. Le fissavo il culo, volevo leccarla, ma non aveva tempo.

Questo ha reso questo caldo.

«Prego», le dissi, facendo scivolare il mio cazzo unto sulla fessura del suo culo, sentendo la grazia liscia come la seta del suo sedere. Si sentiva fantastica contro di me. "Prega che il mio cazzo ti scivoli nel buco del culo."

"Per favore, per favore, Corey!" gemette. “Sono una puttana così malvagia e sfrenata. Ho bisogno che il tuo cazzo scivoli nel mio buco del culo e mi fotta forte!

Sorrisi alla sua passione. Ho premuto la punta del mio cazzo nella sua fessura. Sono scivolato verso il suo sfintere. Ho premuto contro di esso. “Vuoi che il mio cazzo ti scivoli nel buco del culo? Che tipo di suora lo fa?

"Una suora sporca, sporca e viziosa!" gemette, stringendo le natiche intorno al mio cazzo. «Una stanca della sua castità. Voglio il tuo cazzo dentro di me. Fai scivolare quel grosso cazzo giovane dentro di me e fottimi forte!

spingo.

La testa unta del mio cazzo premette sul suo buco del culo. Era tesa. Potrei dire che le stavo rompendo lo sfintere. Le sue viscere strette si allungavano e si allungavano attorno alle mie viscere. Gemetti alla sensazione del suo anello stretto che scivolava sul mio cazzo. Il piacere è salito intorno al mio cazzo. È stato stupefacente. Questo calore meraviglioso e vellutato che scivolava sulla mia punta.

Sono saltato nelle sue viscere. Lei ansimò. La sua carne vergine si aggrappava a me. Ho spinto la suora, amando come gemeva. La sua schiena si inarcò mentre scivolavo sempre più in profondità nel suo buco del culo. Ho premuto in quel paradiso meraviglioso, centimetro dopo centimetro del mio cazzo svanendo nella sua guaina anale.

"Oh, Signore, sono una tale peccatrice", gemette. "È incredibile. Ho sempre voluto farlo”.

"Farai ogni sorta di cose peccaminose quest'anno", gemetti, sporgendomi dalla scrivania. “Scommetto che vuoi leccare la fica di una ragazza. Una delle tue studentesse innocenti e pure.

"Oh, mio ​​signore, è malvagio," gemette, le sue viscere si strinsero intorno al mio cazzo. Ho toccato il fondo in lei. "Non ho mai voluto farlo."

«Ma lo farai», dissi e tirai indietro il cazzo. “Premerete il viso tra le sue giovani cosce e annuserete la sua deliziosa figa. Te la mangerai mentre io ti scopo da dietro. Potrebbe avere il mio sperma dentro. Dovrai leccarla per pulirla.

"Questo farebbe di me una suora così malvagia", gemette mentre tiravo indietro il mio cazzo. Rabbrividì. “Signore, salvami, voglio farlo. Fammi mangiare le loro fiche! Costringimi a divorarli!

Le sue viscere calde massaggiavano il mio cazzo mentre le sue parole riecheggiavano nella stanza. Ho spinto di nuovo nel suo buco del culo. Ho seppellito fino in fondo nelle sue viscere. Il mio inguine ha colpito le sue natiche. Lo schiaffo riecheggiò nella stanza. Il piacere è salito attraverso di me. gemetti. Mi si sono strette le palle. L'ho urtata forte.

L'ho sbattuta forte. Mi seppellii nelle sue viscere e gemetti, schiaffeggiandole il culo ancora e ancora. Le mie palle schiaffeggiarono la sua contaminazione. Si strinse attorno al mio cazzo, la sua carne vellutata mi afferrò. La suora matura e birichina mi ha massaggiato il cazzo ad ogni spinta nel suo buco del culo.

La sua calda guaina ha alimentato il calore nelle mie palle. Le fiamme crescenti portarono le mie nocciole sempre più vicine all'ebollizione. Sbattei contro le sue viscere, la sua lozione lubrificava la strada. Ansimò e gemette, le mani aggrappate al bordo della scrivania. Il suo velo nero frusciava intorno alla sua testa.

"Sì sì sì!" sibilò. "Mi stai fottendo il culo così forte."

"Continui a fare rumore," gemetti, seppellendo il mio cazzo in profondità nelle sue viscere prima di ritirarmi, "quella ragazza là fuori ci sentirà."

«Signorina Qadir?» ansimò lei, il suo buco del culo che si stringeva vellutato attorno al mio cazzo. Il piacere mi pervase.

"Se lo fa, potrebbe diventare curiosa", gemetti. «Potrebbe controllarti.» Le ho martellato il buco del culo, il mio inguine che sbatteva contro le sue natiche. «Potrebbe trovarci, e poi cosa? Dovrò sedurla. Dovrò farti leccare la figa per tenerla tranquilla?

"Oh, mio ​​Signore Dio, lo faresti!" gemette, gettando indietro la testa. "Sì, sì, dovremmo sedurla per mantenere il nostro sporco, cattivo segreto."

Il suo buco del culo è diventato più caldo intorno al mio cazzo. I suoi gemiti echeggiavano nel suo ufficio mentre la scopavo. Le mie palle hanno colpito la sua contaminazione più e più volte. Il calore mi si gonfiava nelle palle. Il dolore cresceva sulla punta del mio cazzo, ogni tuffo nella sua guaina stretta ci avvicinava sempre di più all'esplosione.

"Dovrei leccare la sua figa da scolaretta!" gemette. “Dovrei mangiarla fuori! Oh, mio ​​Dio, sì!

Il suo buco del culo si increspò attorno al mio cazzo che si tuffava. Ho assaporato la sensazione delle sue viscere increspate. Il calore danzava intorno a me. Mi sono sepolto nella sua guaina anale mentre veniva. Il suo buco del culo ha succhiato il mio cazzo. Quella carne meravigliosa e convulsiva mi ha portato sempre più vicino a venire dentro di lei.

L'ho picchiata. Mi facevano male le palle. Ho seppellito fino in fondo nel suo buco del culo spasmo ancora e ancora. Il sangue pompava caldo nelle mie vene. Fissai la porta, sperando che la signorina Qadir entrasse nella stanza. Fare una cosa a tre con due dei geni candidati sarebbe così eccitante.

"Pregami di venire nel tuo buco del culo!" ringhiai, volendo fare più rumore, sul punto di scoppiare.

"Sì, sì, vieni nel mio culo da troia, peccaminoso e sporco!" gemette la monaca Ifrit. “Spara quello sperma dentro di me! Sono una suora così malvagia! Signore, aiutami. Dammi il tuo sperma, signor Derrickson!

L'ho urtata e sono esplosa.

Il mio sperma è schizzato caldo e duro nelle sue viscere. Le potenti esplosioni di sperma spararono dentro di lei. Il piacere mi ha colpito la mente. Scintille esplosero nei miei pensieri. Gemetti mentre il mio cazzo esplodeva ancora e ancora. L'estasi attraversò il mio corpo.

"Dannazione, sei incredibile!" Ringhiai mentre la sua carne calda massaggiava il mio cazzo in eruzione.

Ogni scatto mi ha rapito la mente. Rabbrividii mentre le mie palle si scaricavano su di lei. Lei gemette, le sue viscere mi strizzarono il cazzo. Ho raggiunto l'apice dell'estasi e sono rimasto lì per un meraviglioso battito cardiaco. Poi ho ansimato, il mio orgasmo è passato.

"Sig. Derrickson», piagnucolò. Respirava pesantemente, il suo buco del culo si increspava rallentando intorno al mio cazzo. “Oh, Signore, ne avevo bisogno. Era meglio di quanto avessi immaginato.

"Di tutte quelle fantasie depravate che hai avuto mentre giacevi da solo nel tuo letto", sussurrai, "masturbando quella calda e perversa fica da suora".

"Sì", gemette, la potenziale Ifrit impegnata in questa finzione di essere una suora. “Oh, Signore, renderai l'anno scolastico malvagio. Vorrei poter tenervi."

"Vedremo", dissi tirando fuori il cazzo. “Forse sceglierò te.”

Rimase senza fiato quando il mio cazzo le uscì dal buco del culo. Il suo sfintere si è chiuso, intrappolando il mio sperma dentro di lei. Le tirai su le mutandine e sorrisi. Poi mi sono tirato su i boxer ei pantaloni, raddrizzandomi mentre lei si alzava e si lisciava l'abito.

«Be', non siamo stati beccati», disse, prendendomi per un braccio e conducendomi alla porta.

«Questa volta», le dissi. "Forse la signorina Qadir ha sentito tutto e si sta toccando la figa in questo momento."

"Ooh, scopriamolo." Afferrò la porta e la spalancò, guardando in fondo al corridoio.

Sbirciando dietro l'angolo, la reception fuori dalla vista, apparve il viso della signorina Qadir, avvolto nel suo velo. Sbatté le palpebre dietro gli occhiali quando ci vide. «Qualche istruzione, direttrice?»

«Sì, riaccompagna il signor Derrickson alla sua classe», disse la direttrice, facendo scivolare la mano lungo la mia schiena per stringermi il sedere. “Assicuriamoci che il nostro unico studente maschio non si perda. Dobbiamo prenderci cura di lui. È speciale.

"Certo, direttrice", disse, le sue guance scure sembravano un po' più scure. Una sfumatura scarlatta sul viso. Si tirò su gli occhiali e uscì, le gonne che le scendevano intorno alle ginocchia. Sotto indossava collant neri. "Sig. Derrickson, se vuoi...»

Mi staccai dalla suora e mi avvicinai alla studentessa araba. Le ho teso il braccio. «Signorina Qadir.»

Si morse il labbro e mi prese il braccio. Le sue guance erano ancora più luminose. L'ho accompagnata alla porta, tenendola aperta per lei, e poi siamo stati nel corridoio. Aveva un profumo gradevole intorno a lei, qualcosa di fresco e rinfrescante. Puro anche.

«Lei, ehm, sta causando molto scalpore, signor Derrickson», disse.

«Corey» dissi. «Chiamami Corey, signorina Qadir.»

"Zahia". Mi lanciò un'occhiata e poi distolse lo sguardo, gli occhiali che le scivolavano sul naso. "Questo è il mio nome."

«Bel nome», dissi. "Ti sta bene. Arabo."

Lei annuì.

“E come è finita in una scuola cattolica una ragazza musulmana carina? A meno che tu non voglia solo indossare quella gonna scozzese. Abbassai lo sguardo sulle sue gambe. "Ci stai benissimo."

«Corey», disse, scuotendo la testa, «dovresti comportarti con decoro. Lo ha detto la direttrice».

"Quindi non dovrei dire che quegli occhiali mettono in risalto i tuoi occhi scuri e il rossore sulle tue guance ti fa sembrare incantevole?" Ho chiesto. "O che il tuo velo ti dia questa grazia seducente?"

Le sue guance diventarono più scure.

«Non hai risposto alla mia domanda, ma hai cercato di distrarmi con i tuoi rossori femminili», dissi.

"Hmm?" Sbatté le palpebre. “Oh, sì, non sono musulmano. Non tutti gli arabi lo sono. Alcuni di noi sono cristiani. Dopotutto, le Terre Sante erano cristiane prima della conquista musulmana. Non tutti si sono convertiti”. Alzò la testa con orgoglio.

«È fantastico», dissi. “Non lo sapevo. Sei bravo ad aiutare le persone".

"Tutoraggio?" Lei annuì. "Sono abile in questo."

“Sì, una ragazza intelligente. Sempre fuori anche per imparare cose nuove, vero? Una spugna carina che assorbe tutta la conoscenza che puoi.

«Suppongo», disse. "Hai bisogno di aiuto?"

"Io faccio." Se fosse lei la Marid, non ci sarebbe modo che non voglia farmi piacere. I quattro erano in competizione per essere quello che ho scelto. Faceva parte del gioco che Kyle aveva organizzato. "Vedi, ho scopato la direttrice nel culo e ho bisogno che tu mi pulisca il cazzo per me."

Si è scoperto che poteva arrossire più luminosa. Le sue guance si accesero di rosso, mettendo in risalto il colore scuro della sua pelle. Lei si contorse. Congiunse le mani e poi le strofinò come se le stesse lavando. Le sue spalle si contorcevano da un lato all'altro.

“Non stai suggerendo...” Il suo naso si contrasse. “Tu e la direttrice...”

«Sì», dissi, slacciandomi la cintura proprio qui. Il corridoio era sgombro. Avevamo tempo prima che le lezioni finissero. "Hai mai succhiato un cazzo prima?"

Lei scosse la testa, contorcendosi ancora di più. Sembrava così carina. Così affascinante. La sua lingua guizzò sulle sue labbra rosso scuro. Aveva un naso delicato e quegli occhiali erano così attraenti.

"Ma tu vuoi imparare, vero?" Le sorrisi e le presi il mento. Alzai la sua testa per incontrare i suoi occhi scuri. "Ti piace imparare, vero?"

“Io... io...” disse, la voce tesa.

Il mio pollice passò sulle sue labbra. Ho premuto nella sua bocca. Le sue labbra si fissarono su di esso per un momento. I suoi occhi si spalancarono. L'ho tirato fuori e ho detto: “Questa è la tua occasione per acquisire nuove conoscenze e per aiutarmi. Per prendersi cura di me, proprio come ha ordinato la direttrice.»

«Non intendeva questo», piagnucolò.

«L'ho fottuta nel culo» dissi. “Stava facendo rumore sperando che ci avresti beccati così avrebbe potuto imparare a leccare la figa. La tua figa.

La ragazza tremò.

La mia mano sinistra scese sui pantaloni. Li ho spinti giù insieme ai miei boxer. Il mio cazzo duro è saltato fuori. I corridoi vuoti echeggiavano del fruscio dei miei vestiti. Con il suo respiro pesante. I suoi occhi erano bagnati di rugiada dietro gli occhiali, bagnati e lucenti. La passione traboccava nelle sue oscure profondità.

"È ora che tu impari non solo a succhiare un cazzo, ma anche a pulirlo." Le ho sorriso. "Devi essere in grado di prenderti cura di me proprio come ha detto la direttrice."

Abbassò lo sguardo sul mio cazzo. Il suo respiro accelerò. Lei strinse più forte le mani davanti a sé. Emise un piagnucolio. Questo suono carino e adorabile. Poi mi guardò. "Qui?"

Ho sorriso. L'ho avuta.

«Ecco», dissi.

«C'è un bagno. È proprio lì.

«Proprio qui», dissi. Ho fatto scivolare la mano dal suo mento. Le ho afferrato la parte superiore della testa. L'ho spinta giù.

Lei non mi ha combattuto. Cadde in ginocchio. Mi sono crogiolato in questo potere. Questo è stato incredibile. Kyle e Aaliyah avevano creato qualcosa di speciale qui. Qualcosa di straordinario. Mi divertirei in questo. Mi godrei ogni momento in questo college per sole ragazze.

Allungò una mano tremante e mi afferrò il cazzo. Mi ha tenuto. La sua lingua guizzò sulle sue labbra. Lei si sporse in avanti. Il suo naso delicato si contrasse mentre inspirava. Alzò lo sguardo su di me, con gli occhi spalancati.

"L'hai davvero... fatto alla direttrice," gemette lei, con gli occhi spalancati. C'era qualcosa di quasi soggezione in loro.

"Sì, l'ho fottuta nel culo", dissi, sorridendole. “Ora, fai scorrere quella lingua su e giù per la mia asta. Pulisci quel sapore aspro. Lo adorerai. La mia mano sulla sua testa si strinse, il velo sembrava morbido sotto la mia mano. “Sei fatta per questo, Zahia. Ti piacerà imparare questa abilità.

Deglutì e poi si chinò. Chiuse gli occhi mentre si avvicinava.

"Hai bisogno che siano aperti per vedere", dissi. “Guarda il mio cazzo mentre lo pulisci. Leccalo su e giù e goditi quello che stai facendo. Sii orgoglioso del tuo compito. Nell'apprendere la tua nuova abilità.

"Sì, Corey", disse, la sua voce dolce come un ruscello che scorre.

La sua lingua rosa sporgeva. Ha sfiorato il fondo del mio cazzo. Ha leccato. Non molto, solo un rapido scatto. Rabbrividì e si lasciò sfuggire un piccolo gemito. Quella troia nascosta in ogni ragazza, quel desiderio sfrenato che poteva prenderle dappertutto, si gonfiò in lei. Ha leccato di nuovo. La sua lingua calda ha trascinato il mio cazzo, lucidando il mio palo.

È stato incredibile sentire. Proprio qui, in mezzo al corridoio, mi ha leccato il cazzo sporco. I suoi occhiali si spostarono sul suo naso mentre leccava. Vedere il suo viso incorniciato dal modesto velo ha solo reso tutto più eccitante. Il mio cazzo pulsava e faceva male in punta. Ha bagnato la mia asta con la sua saliva calda.

"Così, Corey?" chiese con quella voce dolce.

"Sì, proprio così", dissi. “Non aver paura di mordicchiare con le labbra. Anche succhiare un po', ma non ingoiare la punta. Non finché non avrai leccato dappertutto. Poi ti finirò in bocca.

"Vuoi dire... stai per eiaculare?"

“Zahia, riempirò quella tua bella bocca del mio sperma. Inghiottirai ogni goccia e lo adorerai.

"Sì, Corey," gemette, la sua voce più gutturale, la sua eccitazione crescente.

La sua lingua ha leccato e leccato su e giù il mio cazzo. Vi trascinò la lingua. Il suo calore umido mi bagnò. Lei mi ha purificato. Lo amavo. Spostò la presa per leccare la radice. Lei gemette mentre lo faceva, assaporando il sapore del mio cazzo.

Era bellissima, forse vent'anni. Zahia è sbocciata in quella troia davanti ai miei occhi. È stato incredibile assistere. Fluiva con la mia lussuria, lasciando che la guidassi. Ora un torrente di passione sgorgava in lei. Fissai nel profondo dei suoi occhi scuri mentre faceva scorrere quella lingua bagnata su e giù per il mio cazzo.

"Ti piace quel sapore, vero?" Ho chiesto. "Il culo di un'altra donna sul mio cazzo?"

"Lo voglio", gemette. Lei girò la testa. Ha leccato e leccato la punta del mio cazzo. Sigillò le labbra sull'asta e succhiò il bordo.

Gemetti mentre mordicchiava il mio cazzo, lucidandomi con quelle labbra morbide. Si avvicinò sempre di più alla punta. Il mio precum è gorgogliato. Il dolore alle mie palle cresceva e cresceva con tutto quello che mi faceva.

Ha raggiunto la mia mancia.

Fece schioccare la lingua sulla corona spugnosa del mio cazzo. Accarezzò la punta rosa. Il mio precum si è versato sulla sua bocca. Ci passò sopra la lingua. il piacere mi ha abbattuto il cazzo. Ha succhiato i lati, pulendo tutto il culo maturo e focoso della direttrice.

"Corey", gemette. Ha succhiato dall'altra parte. “Il tuo cazzo è pulito. Dovrei succhiarti adesso? Ti soffio?"

"Fai scivolare quelle labbra sul mio cazzo", gemetti. “Attento ai tuoi denti. Non mordere. Chiudi le labbra e succhia.

Lei annuì, gli occhi vitrei come la superficie di un lago scuro e profondo. Fece scivolare le labbra sul mio cazzo, spostando gli occhiali. Ha inghiottito il mio cazzo dalla fame. Le sue labbra scivolarono sul mio cazzo. Il piacere mi è salito giù per il cazzo. La beatitudine bagnata e meravigliosa ha inghiottito la mia mancia. La sua lingua si strofinò lungo la parte inferiore della mia corona.

Le sue labbra rosa sigillate attorno al mio albero. Ha succhiato forte. Il mio cazzo pulsava nella sua bocca. Le mie palle si contrassero, lo sperma voleva schizzare nella sua bocca. Gemetti, la mia passione riecheggiava lungo il corridoio verso di noi.

«Ecco fatto», ansimai. Passai la mano sul suo velo. “Adesso succhiami il cazzo. Mmm, così.

La pressione era incredibile. Lo accarezzò, emettendo suoni carini e gorgoglianti. I suoi occhi mi fissarono in cerca di approvazione. Le sorrisi mentre imparava la sua nuova abilità. Era naturale. Le mie palle si strinsero nella sua bocca affamata.

"Stai andando alla grande", dissi.

Ha succhiato più forte. Il piacere ha colpito la mia asta fino alle palle.

"Ora vuoi muovere la testa", ansimai. "Vuoi far scivolare le tue labbra su e giù per la mia asta."

Lei mosse la testa, le sue labbra morbide e umide accarezzarono il mio cazzo. La sua lingua si strofinò calda lungo il fondo della mia asta. Ho raggiunto la parte posteriore della sua gola e lei è tornata indietro. Il suo velo frusciava mentre succhiava, le sue guance arrossate si incavavano.

"Sì," ansimai, il piacere che cresceva dentro di me. “E non essere timido con la tua lingua. Spostalo. Danzalo intorno al mio cazzo.

Zahia piagnucolò e succhiò. Ha ballato la sua lingua intorno al mio cazzo. Mi accarezzò mentre dondolava e succhiava. Era una persona che imparava velocemente. Il mio cazzo pulsava e si gonfiava, avvicinandosi sempre di più a esplodere nella sua bocca affamata.

Le scaricherei così tanto sperma in bocca. La allagherei. Immergila nel mio sperma. Avrebbe inghiottito tutto. Sarebbe incredibile. Il mio petto si alzava e si abbassava mentre lei mi amava. La sua lingua danzava intorno alla corona del mio cazzo. Il piacere percorse il mio corpo.

Le mie palle si irrigidirono. La sua testa oscillava sempre più velocemente. Ha succhiato forte con la sua bocca birichina. La sua lingua danzava attorno al mio cazzo. Il piacere è salito attraverso il mio corpo. Gemetti, amando ogni momento della sua bocca affamata che lavorava sul mio cazzo.

«Ecco fatto», dissi. “Ora le tue mani. Si dovrebbe accarezzare la base del cazzo. L'altro dovrebbe giocare con le mie palle. Leggermente. Vuoi massaggiare lo sperma da loro. Vuoi ingoiare il mio sperma.

Gemette intorno al mio cazzo, succhiandolo forte. Mi ha bevuto addosso, prendendomi in giro. La sua bocca ondeggiava sempre più velocemente mentre la sua mano afferrava il mio cazzo. Ha pugno la base del mio cazzo, aggiungendo una piccola delizia. Poi mi ha preso le palle. Mi ha massaggiato. Le sue dita erano gentili.

gemetti.

Mi prendeva in giro con quelle dita morbide. Le mie palle si irrigidirono mentre scosse di piacere mi arrivavano alla punta del cazzo. Mi ha portato sempre più vicino all'esplosione. Spruzzerei tutto il mio sperma. Basta inondarle la bocca con ogni goccia del mio sperma.

"Dannazione," gemetti, la pressione aumentava. "Preparati. Ci sono quasi."

Gemette intorno al mio cazzo. La sua lingua danzava, le sue dita si massaggiavano e lei succhiava. Difficile. Le sensazioni si abbatterono sul fondo del mio cazzo. Ho gemito e poi sono esploso. La mia testa si gettò all'indietro mentre il mio sperma le sparava in bocca.

Ogni esplosione di sperma ha inviato quella meravigliosa estasi che sbatteva nella mia mente. Le afferrai la parte superiore della testa mentre la riempivo del mio sperma. Le ho sparato fino all'ultima goccia di succo in bocca, riempiendola della mia passione. Il mio petto si alzava e si abbassava. Il mio cuore batteva forte mentre il piacere mi travolgeva.

"Dannazione!" gemetti.

Lei deglutì. Ho sentito la sua gola lavorare mentre sparavo il mio sperma nella sua bocca calda. Le dita di Zahia mi hanno massaggiato le palle. Hanno versato l'ultimo del mio sperma nella sua bocca. Il piacere scese a quella ronzante beatitudine. Ha continuato ad allattare, affamata di più.

«Ecco quello di cui avevo bisogno», gemetti, il cuore che batteva all'impazzata. “È stato fantastico, Zahia. Hai fatto un bel pompino.

Le sue labbra scivolarono via e lei aveva questo sorriso compiaciuto eppure imbarazzato sulle labbra. "L'ho fatto davvero."

"Sì, l'hai fatto", dissi, annuendo con la testa. "Mmm, sei decisamente in corsa."

"Per?" lei chiese.

"Sai cosa," dissi. «Quello che sceglierò. Dannazione, era buono. Peccato che devo andare a lezione, ma ti darò più lezioni. Ho teso la mano. Lei lo prese e io l'aiutai ad alzarsi. Aveva un po' di sperma in bocca, quindi le ho baciato la fronte. "Mmm, imparerai cose più incredibili."

“Io... non vedo l'ora, Corey,” sussurrò.

“La mia classe è proprio lì, quindi fai rapporto alla direttrice e raccontale tutto quello che hai fatto per me. Falle sapere che hai eseguito i suoi ordini.

“Yes, Corey,” she breathed, her voice full of the awakened, liquid passion.

She scurried down the hall, her black-clad legs flashing beneath her red-and-green tartan skirt. It fell over her cute rump. Ho sorriso. Zahia, Havva, and Sister Nova. I had one more genie to find. I think I'd seen her. Another Arab girl who must be the Si'lat. The flirty and vivacious and whorish one.

I spun around and wrenched open the door to the classroom. Sister Francis glanced at me. I smiled at her, giving her a bold nod. “So I can sit anywhere?”

She glared at me. “What did the headmistress say?”

“I told her about Bettie's problem and she understood,” I said, heading to the desk. “I don't think it's appropriate to share the details before the others.”

Bettie fixed me with her hazel eyes. She had a fertile smile on her regal lips. The submissive rich girl squirmed in her seat, clearly impressed by me. I winked at her and took a free seat beside the athletic girl with the glossy flow of black hair. She glanced at me, an amused smile on her lips. As she looked ahead, she moved with that liquid grace of an athlete, someone who knew her body fully.

I admired her toned legs beneath her desk. What would those feel like wrapped around my body?

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Tania Buckley

“Tania!”

My new friend Regina darted up to me, her blonde pigtails dancing around her shoulders. She was a sophomore like me, nineteen and in her second year. I grinned and gave her a friendly hug. She felt a little stiff in my arms, her fair cheeks blushing with her embarrassment. Her airy perfume filled my nose.

“I see you found the cafeteria,” I said as I broke the embrace and hooked her arm.

She breathed in and said, “I just followed the scents wafting on the breeze.”

It did smell good. Maybe a private college had better quality food then the public university I had been attending with my sister and our Master, Corey. Regina was so adorable. Her virginal innocence made my pussy wet, my thighs getting soaked with my excitement.

Like a good sex slave, I wasn't wearing panties beneath my skirt.

We got in line to get our food, a bustle of girls around us all in the same skirts and blouses and bow ties. Despite the uniforms, there was a great deal of originality in socks—some girls had knee-high ones like me, others ankle socks with lace, or they wore black or white tights—and the shoes were a range of black flats from saddle buckles to polished dress shoes to cute Mary Janes like mine. Hair was the other great divide. Some girls had theirs shoulder lengthen, others long. Braids and ponytails, curly or flat. Some had bangs, others had barrettes to hold back their hair. One girl even had a headscarf on, a Muslim girl with glasses and this dazed look on her face.

There were so many cuties. As we moved through the line, I saw them everywhere. This athletic girl flowed by, her hair black and regal. A girl with dark-brown hair and a winsome smile swept past, another with sandy-blonde hair gathered in a braid, or the Asian girl with the blue-black hair falling sleek down her back.

So many cuties.

I chatted with Regina as we made our way to the food. I wanted to seduce her so badly. She would be my first gift to my Master. The first of the schoolgirls I would bring to his bed. I wanted him to fuck as many as he could in his search for the four genies.

It made me so wet. I was such a wicked girl.

Aleah had texted me about her romp with Corey and this new submissive girl Bettie. She sounded delicious. A virgin slut. Well, in the pussy. She was a pro at taking cocks in her mouth and asshole, but she was Catholic, so she'd saved her cherry for the right guy.

I hoped Master put his collar around her neck like he'd done with Aleah and me.

And maybe Regina.

“Where should we sit?” Regina asked once we had our food. It was an Asian theme with soba noodles in a rich broth and pork cutlets on a bed of brown rice. It was definitely a step up in the food department.

“There's my Master,” I said and led her to Corey. He had his food. He sat between Aleah and this Arabic girl I didn't know. She had the same innocence about her as Regina. The girl with the burnished-brown hair sitting across from Corey must be this Bettie. “I have to sit with him.”

“Oh, sure,” said Regina. Lei tremò. “He won't mind if I'm there.”

“A cutie like you,” I said. “Of course not.”

We rushed over and I sat down beside the girl I thought was Bettie. It put me across from the Arab girl. She had a delicate, dusky face and her braid of plaited, black hair draped over her right shoulder, falling down her crisp, white blouse. Her round eyes flicked to me.

“Master,” I said. “Having fun at school?”

“Oh, I'm keeping myself amused,” he said. He was such a handsome, young man. Twenty and confident. His red hair was cut short and combed, his chin chiseled. His brown eyes flicked to Regina. “You making friends?”

“We're going to study math after classes,” I said. “Is that okay, Master?”

“That sounds perfect,” he said.

“So the second one's arrived,” the girl beside me said. She had a rich, fertile timber to her voice. There was something imperial in her gaze. The way she looked at me was almost dismissive like I was a servant or something. “The other sex slave.”

Regina choked on her food.

“Mmm, and you're the potential third,” I said. “Bettie, right?”

“We'll see,” she said. “Corey's certainly interested, but I might want more than to wear a choker.”

“You should be honored to wear it.”

Aleah smiled across from me. My sister had her auburn hair gathered in identical pigtails to mine, tied with tartan ribbons. She had a more modest bosom than me, her breasts hardly making an impression on her blouse. Mine were obvious, nice and round.

“This is Havva,” added Corey, nodding to the Arab girl. “She's also interested.”

Havva blushed and pushed around the soba noodles with her chopsticks.

“I bet you'll be amazing,” I told her and winked.

Regina squirmed beside me. She then started eating her food, her shoulders hunched. Her embarrassment was so cute. I would have so much fun “studying” with her. I was glad to have her at the table with me.

“Can I join you?” a quiet voice asked, her words like the soft babble of a brook.

“Of course, Zahia,” said Corey.

Another Arab girl, the one with glasses and the headscarf, took the seat on the other side of Bettie. She sank down with grace. I shuddered. Were two of the genies here at our table? The virginal Jann and the intelligent Marid? This was incredible. My Master was a stud.

“I taught Zahia something new today,” said Corey. “She was a quick learner. Very enthusiastic.”

“I was,” the girl said, her voice breaking. “I, uh, look forward to more lessons.”

Aleah beamed in delight. I looked around and smiled. This was the start of his expanded harem. The girls he was interested in. He'd have to choose between Havva, Zahia, and the remaining two genies, but he could have Bettie and Regina without any issues. They would both look hot with his collar on.

I felt mine tight about my throat beneath my blouse's collar and bow tie.

“What's it like being a sex slave with your sister?” Bettie asked me. She nudged my shoulder.

Regina stiffened beside me while Zahia peered around Bettie to glance at me. Havva's eyes flicked to me for a moment before she took a bite of her grilled chicken covered in the soy sauce. She was having the kosher/halal.

“Oh, it's the best thing in the world,” I said, stretching my back. “I mean, the things Aleah and I do for each other to please Corey are amazing.”

“How did this happen?” Zahia asked, her voice quiet. “I thought monogamy was the rule in Western countries. But you share your man with your sister?”

“Right, Arab guys can have what, four wives.”

Havva nodded.

“Muslim guys can,” said Zahia. “But not Christian men. Are you not Christian, Corey?”

“I'm agnostic,” he said and shrugged. “My friend Kyle pointed out Aleah to me. He thought she would be perfect. He was getting his own harem of girls at our college.”

“I was soooo perfect,” Aleah said. “I had these feelings in me awakened by what Kyle was doing. They must have always been simmering inside, then Corey came up and unleashed them. It was like...” She bit her lip. “I was a tea kettle full of water. The pressure had no way to get out of me. Not until Corey lit the fires beneath me. Then I steamed for him. I became his sex slave.”

“She made a gift out of me,” I said brightly, an incestuous rush shooting through me. “She told me all about her first time serving her Master. Not her boyfriend, but her Master. How she sucked his cock and then he tied her to the bed and ate her pussy before popping her cherry. I guess I was a tea kettle, too, because her words lit that fire. She saw me steaming, and knew I needed a hotter flame. She asked if I could help her out. If I could be a gift to her Master and I melted through my panties. I'd seen him at school, and I wanted to share. We'd always been close, but now we're united.”

Bettie nodded her head, smiling. “That's hot. Sisters. What a treat for you, Corey.”

“I'm a lucky guy,” he said and glanced around the table. “I hope to get luckier.”

Havva had this shy, excited smile on her lips for a moment. Then it vanished as she snagged another piece of chicken with her chopsticks. I couldn't wait for more girls to join the harem. I wanted my Master to be happy.

That was the best part of being a submissive. In giving yourself to another and taking joy in their pleasure. No different than a mother delighting in making a sandwich for her son.

We ate lunch and talked about classes. Regina and Havva were silent while Bettie enjoyed drinking in all the attention, soaking it up like rain landing on dry soil. She kept a flirty eye on Corey, clearly wet to be his. Zahia chimed in from time to time, making a comment, and Aleah laughed a lot. I just had fun, enjoying my noodles, and the pork cutlets were just delicious with soy sauce on them.

“Best school lunch ever,” I declared at the end of the meal.

“It's fine,” Bettie said. She pulled out her compact and stared at her reflection. She pursed her lips.

I ignored her and glanced at my sister. “Why did we ever stick in public college for so long?”

“Our parents couldn't afford it,” said Aleah.

“Right,” I said and grimaced. “Money.” I glanced at Bettie. She clearly came from money. A rich girl wanting to play at being a sex slave.

Corey wouldn't put up with a poser. She would be his submissive in truth or kick her bitchy ass to the curb.

“Hey, Corey,” a girl with brown hair said. She looked twenty or so. A junior. “We still on with the coffee?”

Corey grinned at her. “Hey, Jennifer. Think I forgot about you?”

She glanced around at the girls and then at Havva. “Well, you are growing a little clique here.”

“After school, you're going to show me this coffee place. I'm expecting it to be amazing.”

She blushed and nodded. “I'll meet you out front then.”

“It's a date.”

Jennifer beamed and then she darted away to a group of girls. They were all whispering and giggling. Bettie snapped her compact close and arched an eyebrow at Corey, an amused smile on her lips.

She didn't say a word though.

“Have fun on your date, Master,” I said. “She looks yummy. Could you eat her out for me?”

“I'll do more than that,” he said.

Regina swallowed beside me. Was that too far. I glanced at her and gave her a reassuring smile. She was blushing so prettily. Ooh, I was going to have so much fun with her at her house. Our study sessions would turn so naughty.

I was glad she moved in next door yesterday. How lucky for us.

“Havva, I want you to meet up with Aleah after school,” Corey said as pushed his tray to Aleah. She put hers atop it. “She'll get you ready for me once I'm done with Jennifer.”

“Yes, Sir,” Havva whispered, her voice soft and beautiful.

I beamed at my Master. He was having so much fun at the all-girls' college. I was so happy for him. It made me so wet. I would make sure that he had the best experience at this school. That he got the most girls and had the most amount of sex he could in his hunt for the four genies.

I would make sure he had the biggest harem of hot girls all eager to please him. A harem to rival Kyle's. And that guy had so many beauties with him when he showed up a few months back.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Corey Derrickson

Aleah took my tray to the collection place by the garbage cans while I nursed the last of my Pepsi. I glanced at my growing harem. Zahia showing up was promising. She wanted to win me as much as Havva.

My dick was hard. I had my date with Jennifer, my fun with Havva planned, and I still had the number of Natiqua in my pocket, written on her panties in lipstick. Plus, Vanessa wanted math tutoring of her own.

Maybe I could arrange a double “study date” with Tania, Regina, and Vanessa. A nice foursome. That would be a hot way to bring the virgin blonde into the fun while having fun with flirty Vanessa and my younger sex slave.

Tania stood up with Regina. My sex slave winked a green eye at me, excitement brimming in her smile. She was eager to seduce Regina for me. The little minx would be working on the girl this afternoon.

I couldn't wait.

The bell rang, lunch over. Everyone was standing up to head to fourth period. I sauntered to the restroom to piss before heading to my next class, Philosophy with Mrs. Blackwood. As I headed through the throng of admiring girls, one turned on the bench at her table. She wore fishnet stockings. The sight arrested my gaze. She had pale skin, lips painted a glossy black, her mascara heavy. Of course, her fingernails were also black and long. She crossed her legs, wearing combat boots instead of normal shoes. They were black and polished to a gleam. I could see my reflection in them.

“You're not going to get away with it,” she said, her eyes narrowing at me.

“With what?” I asked, confused by this goth girl's hostility. I felt the deep, simmering rage from her.

“Being the only boy here.” She stood up. She was almost my height. “This is a girl's only place. You're polluting it.”

I shrugged. “Someone wants me here. The rest of the girls don't seem to mind.”

Her black lips curled back in a sneer. “They don't know what they want. They're just bottled hormones reacting to the only outlet they think they have.”

I leaned in. “I won't take them all. There'll be a few for you to play with.”

She hissed and then shouldered past me. I didn't flinch, forcing her to twist her body to pass. Then she stomped off, her black hair swaying down her back. She wore her skirt as short as possible, her pale legs looking delicious in the fishnet stockings.

Shame she was some sort of man-hating lesbian. I'd be more than happy to share with her if she wasn't being a bitch.

The other girls were friendly. Smiling, blushing, and giggling with each other. I loved the attention. I had that giddy glee you could only get when you were surrounded by everything you wanted and could indulge.

God, I wanted to.

Pissing was hard with my erection, but I managed. Aleah was waiting for me. We had the same class next. She took my arm and held me tight, smiling at all the girls we passed. She was having so much fun being mine.

I reached Mrs. Blackwood's class with Aleah. We sauntered in. The professor, the African-American woman who was returning from her sabbatical, gave me an inquiring look. She was a mature woman, her bronze blouse hugging her large breasts while her skirt gave her hips a bell shape. It flared around her knees.

The goth girl was here. She glared at me as I sauntered by with Aleah.

“She's not a fan,” Aleah whispered and shivered.

“No, but the rest are.”

I grinned at them as I took my seat. I was a good boy for philosophy. It actually sounded interesting. What was the morality of being the only guy at an all-girls' school where most of them wanted to fuck me? Was it right to make them into my sex slaves? I had no idea. I wouldn't care if it was wrong, but the class intrigued me.

The professor was attractive, her wedding ring glinting on her dark hand.

Aleah and I had Chemistry next together. I was glad we had some of the same classes. The goth girl stalked off in the other direction. I hoped we only had one class together. She had a negativity about her that could kill the mood. She needed to get her cunt licked.

Maybe I should set her up with a girl to distract her.

Halfway to chemistry, Zahia appeared. She hurried over to me and pressed against me. “Can I suck your cock again?”

Aleah arched an eyebrow. “I see your lesson made an impression.”

“It did,” Zahia whispered. She shuddered. “Please, we have a few minutes before class.”

“Do you want to be more than my student?” Le ho chiesto. I leaned down to her ear. My tongue flicked over her earlobe. “Huh?”

“I don't know,” she whispered. “I just... You have me so turned on. I want to learn about these feelings. Study them. With you.”

I grinned then glanced at Aleah and said, “I'll catch up.”

“Yes, Master,” she said and broke away. “Have fun with your private tutoring.”

I hooked Zahia's arm, looked into her liquid eyes and asked, “Are you a virgin?”

To be continued...

Storie simili

Una fantastica vacanza

Cosa fa una donna di circa 30 anni divorziata di recente quando il suo posto di lavoro ha una vacanza di 2 settimane? Beh, vai in vacanza, naturalmente. Il mio ex marito era una persona controllante, aveva bisogno di fare le cose a modo suo nel suo programma. Ma mi aveva fatto sentire a mio agio, immagino che stare con qualcuno dai 20 ai 30 anni lo faccia. Ma sono contento che quel capitolo della mia vita sia finito. Ho potuto vedere i segni un paio di anni fa e penso che inconsciamente volevo comunque uscire dal matrimonio. Ma è stata...

1.1K I più visti

Likes 0

Macinazione Nella Sabbia

Sono sdraiato sulla spiaggia a prendere il sole. La giornata non poteva andare meglio. Ero a migliaia di miglia dal lavoro, dal traffico dell'ora di punta, da chiunque conoscessi e non avevo niente in programma. Mentre guardavo le onde rotolare e tornare indietro, ho iniziato a pensare alla vita notturna qui. Non riesco a sedermi molto bene sulla spiaggia tutto il tempo. Voglio dire, l'ho adorato, ma avevo bisogno di farmi pompare il sangue. Un po' di eccitazione! Sono passato dalla reception del resort in cui alloggiavo e ho chiesto cosa facevano per passare il loro tempo. Non volevo andare in...

827 I più visti

Likes 0

Il giorno più bello

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio di come l'avrei mai potuto immaginare. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se voleva che usassi i soldi che avevo vinto nella partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto concedermi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa luccicante che si librava a pochi centimetri dalla mia faccia. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua figa era...

842 I più visti

Likes 0

Aiuto voluto parte 7

Mi chiedevo se avessi imparato la lezione mentre tornavamo a casa. Non solo, ho iniziato a calcolare quanto è costata la mia stupida avventura con Caitlyn. Tra il suo vestito, le scarpe e la roba, i miei vestiti nuovi, la cena e la mancia, il biglietto del taxi per cui le ho dato i soldi, e la benzina; doveva essere vicino a nove fatture. Inoltre la frikkin' pneumatico doveva essere riparato. Ho guardato Caitlyn. Stava dormendo. C'è stato qualcosa di positivo che è emerso da tutta questa disavventura? La sua figa è stata rasata. Ma stasera non vedrei niente di tutto...

1.1K I più visti

Likes 0

Nome di morte 3

Nome della morte 3 Se non leggi in sequenza potresti perderti La sveglia del cellulare mi ha svegliato alle 22:00. Odiavo il turno di notte, ma dovevo essere Rick per qualche giorno in più o fino a quando non riuscivo a trovare un piano migliore. Doccia e rasato e si è vestito prima ancora che Lisa sapesse che ero alzata. Stava sbrigando le scartoffie e guardando la tv. Maledizione delle mogli domestiche disperate, odiavo quello spettacolo. Per favore, stai attento stasera. Penso che ti saresti preso un'altra notte libera. Lei disse. Guardandomi caricare la cintura. Si alzò e si avvicinò a...

758 I più visti

Likes 0

Aggiornamento in ritardo- J è ancora premuroso!

Bel titolo? Ho pensato che fosse divertente, ma il mio stile di umorismo non è di altissimo livello, quindi divago. Mi siete mancati tutti, miei fedeli lettori. Vedere tutti i tuoi commenti sul non voler vedere la fine dell'ira di Gaia mi riempie il cuore di calore e gioia, quindi grazie per questo. Ora mettiamoci al lavoro....... Sono vivo! Prometto che non sono uno zombi, quindi non preoccuparti, ho appena trascorso un mese in purgatorio, ma ora che sono tornato, ho alcune cose di cui devo scriverti, miei fedeli lettori. Innanzitutto perché è ciò per cui siete qui tutti, l'ira di...

622 I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

572 I più visti

Likes 0

Lo spettacolo via webcam di Tasha

La trasmissione sexy della webcam della diciottenne Tasha viene interrotta dall'animale domestico di famiglia. Sono Tasha, ma tutti mi chiamano Ta-Ta. A causa dei miei seni al cioccolato 38 C. Ho 18 anni e sono piccola, alta 5'6 pollici, 115 libbre di cioccolato fondente. Faccio un taglio di capelli corto alla Halle Berry. Con un fondoschiena di mela che farebbe dire a J-Lo Dannazione Vivo ancora con i miei genitori e il mio stupido fratellino quindicenne Calvin Jr (soprannominato C.J) Inoltre, abbiamo un pitbull di 3 anni di nome Bullet. Di chi mi fissa costantemente con quei penetranti occhi azzurri, mentre...

1.2K I più visti

Likes 0

Fare da babysitter con Tara pt.2

Quindi, eccomi qui, in piedi nella stanza della mia migliore amica, il mio cazzo semiduro ancora nella sua mano, un po' del mio sperma ancora sulle sue labbra e sulla sua lingua. Mi sentivo come se la mia stessa forza vitale si fosse trasformata in sperma e fosse stata risucchiata fuori dal mio cazzo tutto in una volta. Eppure, volevo di più. Mi aveva appena fatto il pompino più incredibile della mia vita e ora volevo ricambiare il favore. Si distese sul letto, scivolando fuori dalle sue mutandine che erano già impregnate di anticipazione, dandomi la prima visione completa di lei...

1.1K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.