Insegnante, Insegnante capitolo 12

789Report
Insegnante, Insegnante capitolo 12

Questo è il capitolo finale dell'avventura dell'insegnante. Spero che la serie ti sia piaciuta. Mi interessano i tuoi commenti sul finale. Per favore fatemi sapere cosa ne pensate.

*****

Anita si avvicinò al punto in cui Cindy e Susan erano inginocchiate. "Allora Cindy, chi è la tua amica, e perché ficchi il naso nei nostri affari?"

Cindy guardò l'adolescente imponente. Era spaventata come sempre; da quando l'avevano dominata e spogliata a scuola, li aveva evitati a tutti i costi. Adesso era nuda e ammanettata, rannicchiata ai piedi di Anita.

"Anita, questa è Susan; è la mia coinquilina a scuola. La signorina Hauser è stata la sua insegnante l'anno scorso. Voleva solo farle visita."

Anita si accigliò e diede uno schiaffo a Cindy in faccia. "Stai mentendo, troia. Stai cercando di portarceli via tutti. E non ci chiami mai con i nostri nomi. Non sei niente. Ci chiamerai solo Padrona. HAI CAPITO SLUT?" Anita gridò e la schiaffeggiò di nuovo in faccia.

"Sì signora, mi dispiace."

Anita rivolse la sua attenzione a Susan, inginocchiata accanto a Cindy. "Susan eh, cosa ti fa pensare di poter fermare quello che stiamo facendo? Possediamo questa città e possediamo queste troie. Ora possediamo te. Quando avremo finito con te, ci adorerai e farai tutto ciò che vogliamo ."

Susan guardò i gemelli, la sua espressione era di disprezzo. "Hai finito. Solo che non lo sai ancora. Non mi spaventi. Vai avanti e fai il tuo tiro. Posso prendere qualsiasi cosa tu possa servire e altro." disse Susan mentre si inginocchiava con orgoglio davanti ai due adolescenti.

Anita si chinò e afferrò il mento di Susan, lo sollevò e la guardò direttamente negli occhi. "Non hai idea di cosa posso farti. Ma lo farai. La tua vita è appena cambiata e non è cambiata in meglio. Ti spezzerò puttana." Poi si è sputata in faccia, seguita da un duro colpo.

Susan sussultò quando il dolore le attraversò il cervello, ma non pianse. Lei ricambiò lo sguardo e sorrise.

Susanna si unì a sua sorella e loro due presero le braccia di Susan e la trascinarono in camera da letto. Susan cercò di resistere ma con le mani ammanettate dietro la schiena, non riuscì a fermarle. Una volta che l'hanno messa sul letto, Anita l'ha tenuta ferma mentre Susanna ha afferrato un fustigatore. Con Anita seduta sul petto e la testa di Susan tra le gambe, Susanna ha alzato il braccio e ha tirato un colpo violento proprio sulla figa esposta di Susan.

Susan ululava mentre il dolore le attraversava il corpo. Lottò per liberarsi ma con Anita seduta su di lei e le sue mani intrappolate sotto di lei poteva solo dimenarsi un po'. Susanna rise della donna indifesa e iniziò a piovere colpo dopo colpo. Susan urlò mentre il dolore aumentava mentre ogni colpo colpiva il suo corpo.

"Anita, prendi questo bavaglio e zitti la troia. Non voglio che i vicini chiamino la polizia. Anita afferrò il bavaglio e lo fissò rapidamente nella bocca di Susan. Susan respirava pesantemente intorno al bavaglio continuava a lottare, ma quando i colpi ricominciarono presto stava piangendo in modo incontrollabile.

L'intero corpo di Susan era in fiamme. Le braccia ei polsi le bruciavano per le manette. Dopo la lunga notte a casa di Julie, non aveva più l'energia per resistere e ora stava solo accettando la punizione. Anita fece un sorriso malvagio e schiaffeggiò la faccia di Susan, prima da un lato poi dall'altro. "Farai la brava troia? Farai quello che ti viene detto?"

Susan annuì rapidamente con la testa poiché il dolore era troppo per lei da sopportare ancora.

"Bene, ora allarga le gambe." Susan obbedì rapidamente e allargò le gambe. Erano macchiati con segni rosso scuro del fustigatore. Susanna legò velocemente le gambe agli angoli del letto. Anita si chinò sul comodino accanto al letto e afferrò un bavero. Se lo allacciava al collo e lo legò alla testiera. Susan era ora impotente trattenuta. Anita scivolò via da lei e afferrò il fustigatore dalla sorella.

"Vai a prendere Cindy troia e portala dentro. Voglio che guardi mentre sbatto le tette di questa troia." Anita ha detto a sua sorella.

Gli occhi di Susan si spalancarono quando sentì ciò che era stato detto. Ma non c'era niente che potesse fare. Proprio in quel momento tutto si oscurò mentre una benda gli copriva gli occhi. Susan iniziò a farsi prendere dal panico quando Anita si mise un auricolare sulle orecchie. Susan ora non poteva muoversi, vedere, sentire o parlare. Adesso era totalmente indifesa.

Susanna aveva trascinato Cindy nella stanza. Cindy guardò la sua amica e iniziò a farsi prendere dal panico. Susan giaceva inerme sul letto. Tutta la parte inferiore del suo corpo era ricoperta di brutte macchie rosse dal fustigatore, e ora Anita stava picchiando brutalmente le tette di Susan, facendo piovere colpo dopo colpo sulla donna indifesa.

Cindy piangeva e si rannicchiava sul pavimento. Sapeva di essere la prossima. "Per favore padrona, per favore smettila, non ne può più", implorò Cindy.

Anita si fermò momentaneamente e guardò Cindy che la supplicava. "Vuoi che la smetta? Va bene, mi fermo e tu puoi prendere il suo posto."

Cindy ha cercato di alzarsi e scappare ma Susanna le ha dato uno schiaffo in faccia. "Siediti schiavo e sali sul letto."

Cindy, esausta e ancora sotto l'effetto di droghe, si trascinò lentamente verso il letto. Susanna le afferrò la fica e le spinse il culo sul letto. Cindy giaceva accanto alla sua amica con uno sguardo di panico, sapendo che sarebbe stata picchiata.

Anita sorrise e iniziò ad legare le gambe alla pedana mentre Susanna si allacciava un colletto intorno al collo, assicurando la testa alla testiera. Cindy sentì i gemiti di Susan e si chiese se sarebbero sopravvissuti alla giornata.

Una volta che è stata legata in modo sicuro, i gemelli hanno iniziato a completare il processo con il bavaglio, la benda sugli occhi e le cuffie. Ora entrambi i soccorritori erano ora pronti per iniziare il loro addestramento.

Anita guardò sua sorella e sorrise: "Lo so, prendiamo ancora un po' dell'acqua speciale e assicuriamoci che siano eccitate prima di iniziare il programma".

Susanna sorrise e tirò fuori le gag dalle bocche della troia indifesa. Anita andò in cucina e prese due bottiglie d'acqua. Poi ha versato l'acqua drogata in ciascuna delle loro gole. Entrambe le ragazze hanno bevuto avidamente l'acqua, non sapendo che era intrisa di droghe. Susanna ha quindi sostituito le gag e ha detto: "Non passerà molto tempo prima che i loro corpi saranno completamente fuori controllo. Questo potrebbe farli uscire di testa. Pensi davvero che dovremmo farlo?"

"Come ho detto, non saranno mai più gli stessi. Li voglio totalmente sotto il mio controllo."

Anita si è quindi avvicinata al controller e ha iniziato a programmare i comandi vocali mentre Susanna attaccava le clip, le spine e i vibratori. Al termine del processo, Anita ha avviato la programmazione vocale. Non avrebbe iniziato il resto finché non avesse finito di battere Cindy. Voleva che il suo corpo si ammorbidisse prima di iniziare il resto del programma.

Entrambi i due corpi legati stavano rapidamente sperimentando gli effetti del farmaco. Entrambi si stavano eccitando molto e le loro fiche perdevano e vedevano il letto. Proprio mentre le droghe stavano iniziando a raggiungere il picco, Anita ha afferrato il fustigatore e ha iniziato a picchiare le tette e la fica di Cindy.

Cindy urlò nel suo bavaglio mentre ogni volta che un colpo colpiva il suo corpo inviava un'onda d'urto attraverso di lei direttamente al cervello.

Sono una schiava... sono una troia... servo la mia padrona... amo lo sperma... non posso venire senza permesso... amo il cazzo... l'umiliazione mi eccita... il dolore mi eccita... sono una schiava... sono una troia... servo la mia padrona...

Cindy ha ascoltato i comandi e li ha ignorati mentre Anita si copriva il corpo con i colpi del fustigatore. Dopo troppi colpi da contare, il cervello di Cindy ha iniziato a spegnersi. Il dolore era intenso, ma invece di eliminare l'eccitazione non faceva che aumentarla. Improvvisamente i colpi cessarono e iniziarono i vibratori. L'improvviso passaggio dal dolore al piacere la colse di sorpresa. La sua mente iniziò a sentire i comandi. Stava ancora resistendo loro, ma ora con tutti i suoi sensi iper vigili, ignorarli stava diventando difficile.

La mente di Susan era completamente confusa. Il dolore del pestaggio continuava a pulsare dentro di lei, ma ora i farmaci stavano portando i suoi livelli di eccitazione a nuovi livelli. I suoi sensi ora erano centrati sul piacere dei vibratori. Sentì la sua amica accanto a sé e sentì i colpi, ma invece di temerli stava iniziando a desiderare l'attenzione. Era esausta e lo stimolo costante la stava logorando, rendendo estremamente difficile resistere ai comandi che echeggiavano nel suo cervello.

Sono una schiava... sono una troia... servo la mia padrona... amo lo sperma... non posso venire senza permesso... amo il cazzo... l'umiliazione mi eccita... il dolore mi eccita... sono una schiava... sono una troia... servo la mia padrona...

Dolore, piacere, dolore, piacere ancora e ancora, il corpo e il cervello di Susan iniziarono a crollare. L'ultimo pensiero coerente che le è passato per il cervello è stato "Spero di sopravvivere".

Anita ha finalmente smesso di picchiare il corpo di Cindy. Era rosso scuro da appena sotto il collo ai piedi. Cindy aveva smesso da tempo di combattere e ora stava solo prendendo i colpi. La bava le usciva dalla bocca e le colava lungo il collo. Il programma ora aveva il pieno controllo dei suoi sensi. Anita sudava per lo sforzo. Guardò sua sorella e sorrise: "Andiamo a giocare con i nostri schiavi".

Quando Alex si è svegliato era tutto buio. Aveva la testa come se fosse stato preso a calci da un mulo. Ha provato a muoversi ma non ci è riuscito. Il panico si è diffuso rapidamente mentre lottava per muoversi ma non ci riusciva. Si rese conto di essere bendato e imbavagliato. Le sue braccia erano tese sopra la sua testa e le sue gambe erano larghe e legate a qualcosa. Quando la sua mente si schiarì, sentì un brivido e ora si accorse che era nudo. Non aveva idea di dove fosse o di come ci fosse arrivato. Quando all'improvviso scosse la testa, si sentì come se le sue noci stessero andando a fuoco. Urlò in agonia ma non poté fare nulla per fermare il dolore. Non appena il dolore è iniziato, è cessato. Alex stava respirando pesantemente intorno al bavaglio quando sentì una voce.

"Alex, sono felice di vedere che sei tornato. Spero di avere la tua attenzione. Lascia che ti dica come funzionerà. Il mio lavoro è addestrarti. Quando avrò finito con te, sarai un succhiacazzi , leccata di culo, femminuccia. L'unica donna che ti ecciterà sarà tua madre.

Alex ha provato a lottare di nuovo, ma altrettanto rapidamente il dolore è ricomparso nelle sue palle. Proprio in quel momento un'immagine apparve davanti ai suoi occhi. Non era una benda sugli occhi, ma una specie di auricolare. L'immagine era di un grosso cazzo. Sembrava che fosse proprio davanti alla sua faccia. Ma qualcosa non andava; la sensazione nelle sue noci era piacere. Suo malgrado si stava eccitando e il suo cazzo stava diventando duro. Mentre guardava il cazzo diventare sempre più grande, più era eccitato. Proprio mentre il cazzo schizzava sperma, era sparito ma l'erezione di Alex no. Voleva venire nel peggiore dei modi. Proprio quando il cazzo è scomparso, è stato sostituito da una donna sexy e nuda. Mentre guardava la donna avvicinarsi a lui, il dolore iniziò. Più si avvicinava, più intenso era il dolore. La sua erezione è scomparsa quasi istantaneamente.

Alex sentì una puntura sul braccio e sentì un caldo bagliore attraversare il suo corpo. Non era più stanco ma tutto il suo corpo era molto sensibile. Tutto ciò che toccava il suo corpo lo faceva gemere di eccitazione. Poi ha sentito le voci.

Ami il cazzo... Ami lo sperma... Ami essere inculata... Obbedirai al tuo padrone... Il sesso con le donne ti fa star male... Solo tua madre ti eccita... Tu ami succhiare il cazzo... brami l'umiliazione...

Più e più volte questo giocava nella sua testa, senza mai fermarsi. Per tutto il tempo le immagini di cazzi dominavano la sua visione. Dolore, piacere, voci, dolore, piacere, voci, implacabili, ancora e ancora.

Ami il cazzo... Ami lo sperma... Ami essere inculata... Obbedirai al tuo padrone... Il sesso con le donne ti fa star male... Solo tua madre ti eccita... Tu ami succhiare il cazzo... brami l'umiliazione...

All'improvviso tutto si fermò. Le voci, le immagini, il dolore e il piacere niente, Alex, ancora sotto l'effetto della droga, ora bramava lo stimolo. Sentì qualcuno che gli toglieva l'auricolare dagli occhi. Ora per la prima volta poteva guardarsi intorno. Quello che ha visto lo ha spaventato. Guardò il suo corpo e vide diversi fili che uscivano dai suoi capezzoli, cazzo, palle e piedi. I cavi portavano a una sorta di aggeggio seduto su un tavolo di fronte a lui. Intorno alle sue caviglie c'erano ceppi e catene che portavano ad anelli sul pavimento. Le sue gambe erano così larghe che era in piedi sulle punte dei piedi. Alex guardò le sue mani e anche loro erano incatenate e tese fino al soffitto. Cercò di muoversi ma tutto ciò che riuscì a realizzare fu rendersi conto che il suo culo era tappato e collegato a qualcosa dietro di lui. Il panico è iniziato dal profondo quando si è sentito improvvisamente più impotente che in qualsiasi momento della sua vita. Ha iniziato a iperventilare intorno al bavaglio quando il dolore è ricominciato nelle sue noci, seguito presto da capezzoli, culo, dita dei piedi e dita. Man mano che il dolore aumentava, smise di respirare tutto insieme. Proprio mentre il mondo stava diventando nero, si fermò e lui riprese a respirare.

Alex stava riprendendo i sensi quando fu messo in ginocchio. Proprio mentre le sue ginocchia toccavano il pavimento, qualcuno gli avvolse dei ceppi attaccandoli al pavimento. Guardò alla sua destra quando sentì un rumore, quando entrarono due uomini. Entrambi erano nudi e sfoggiavano cazzi molto grandi. Immediatamente Alex provò piacere all'inguine. Il suo cazzo reagì e fu subito duro come una roccia che fuoriusciva dal suo corpo. Più gli uomini si avvicinavano a lui, più la sua eccitazione aumentava. "Come sta succedendo? Non sono gay. Non può succedere." pensò. Ma proprio mentre il primo uomo è arrivato alla sua faccia e il cazzo gli ha toccato le labbra, Alex è esploso in un enorme orgasmo e ha vomitato la sua venuta sul pavimento. L'uomo ha quindi semplicemente rimosso il bavaglio e ha inserito il suo cazzo nella bocca di Alex. Nonostante volesse morderlo, semplicemente non riusciva a organizzare i suoi pensieri per farlo. Invece ha iniziato a succhiare e prodigare la sua lingua sul cazzo sempre più duro. Quello che lo sorprese fu che succhiare il cazzo lo eccitava. Più succhiava, più si eccitava. Il piacere pulsava in tutto il suo corpo a ondate. Il suo cazzo era più duro che mai nella sua vita. Sempre più in profondità il cazzo spingeva fino a raggiungere la soglia della sua gola. Ma invece di soffocare, la sua gola accolse l'intruso, finché non ebbe l'intero cazzo in profondità nella sua bocca. La mente di Alex era confusa mentre da qualche parte nel profondo del suo cervello gli diceva che avrebbe dovuto essere respinto, ma tutto il suo corpo si stava prodigando nel piacere di succhiare il suo primo cazzo.

Proprio mentre il suo corpo stava raggiungendo il picco, il cazzo si è tirato fuori dalla sua gola e gli ha pompato la bocca piena di venire. Allo stesso tempo il suo corpo tremava con un enorme orgasmo.

Durante tutto questo le voci continuavano: Tu ami il cazzo... Tu ami lo sperma... Tu ami essere fottuto nel culo... Obbedirai al tuo padrone... Il sesso con le donne ti fa star male... Solo tua madre ti eccita... ti piace succhiare il cazzo... brami l'umiliazione...

Non appena il cazzo ebbe finito di riempirgli la bocca, non c'era più. Proprio mentre Alex stava riprendendo i sensi, sentì una puntura sul braccio. Guardò alla sua destra e vide una bellissima giovane donna che gli dava una possibilità. "Cos'è quello?" gemette.

"Oh, non molto, è solo abbastanza Viagra per tenerti duro per il giorno successivo o giù di lì." Disse e sorrise.

Alex gemette e abbassò la testa. Poi ha sentito un rumore ed è entrata una bellissima giovane donna. Indossava solo un bikini perizoma e tacchi molto alti. Il corpo di Alex ha reagito istantaneamente e il suo cazzo ha iniziato a indurirsi, ma invece del piacere ha sentito dolore. Più si avvicinava a lui, l'intensità aumentava finché lui non riusciva a sopportarlo e gridava: "Vattene via da me". Ma lei ha continuato ad andare e venire finché non ha afferrato il suo cazzo morbido e ha iniziato ad accarezzarlo. Il dolore era paralizzante e scorreva attraverso ogni poro del suo corpo. Proprio mentre stava per svenire, si fermò, solo per essere sostituita con l'altro uomo. Non appena ha toccato il cazzo di Alex, il piacere ha sostituito il dolore e il suo cazzo si è indurito all'istante. Alex gemette mentre il suo corpo lo tradiva. Proprio in quel momento un gallo apparve davanti alla sua faccia. La bocca di Alex si aprì e scivolò dentro. I sensori del piacere nel suo cervello erano fuori controllo. Quello che Alex non sapeva era che mentre era privo di sensi, lo avevano riempito di droghe che rendevano molto facile manipolare il suo corpo. Con solo un po' di corrente elettrica nei punti giusti, potevano dargli piacere o dolore estremo.

Questa procedura è continuata per le due ore successive. Alessio era esausto. Quando ha iniziato a svenire, gli hanno sparato a tutta velocità, tenendolo ben sveglio e completamente vigile.

Al termine dell'allenamento iniziale, un paio di uomini lo hanno rilasciato e lo hanno legato ad una panchina. Alex ora era pienamente collaborativo. Non aveva più battaglia. Ora le sue mani erano legate alle gambe così come ai suoi piedi. I fili erano ancora collegati e un nuovo tipo di visiera è stato posizionato sui suoi occhi. Alex non poteva vedere nulla, ma il suo corpo era molto sensibile a qualsiasi cosa lo toccasse.

Alex giaceva in panchina spaventato perché non sapeva cosa aspettarsi. All'improvviso qualcuno lo stava toccando. Il suo corpo ha reagito all'istante e il suo cazzo si è alzato come un razzo. Proprio in quel momento la visiera si aprì e vide la stessa donna di prima. Alex urlò mentre il suo corpo reagiva immediatamente con un dolore estremo mentre il suo cazzo cadeva come un sasso. La visiera si chiuse e il tocco cessò. Poi è ricominciato e il suo corpo ha reagito allo stesso modo, eccitazione istantanea. Quando la visiera si aprì, tutto ciò che vide fu un grosso cazzo proprio davanti alla sua faccia. Alex gemette mentre il piacere esplodeva ovunque sul suo corpo. Il suo cazzo era come una roccia, ma prima che potesse raggiungere l'orgasmo la visiera si chiuse e il contatto cessò.

Più e più volte lo facevano, a volte era una donna ancora e ancora, ea volte era un cazzo. Ogni volta era piacere o dolore, piacere o dolore. Per tutto il tempo le voci continuavano a ripetersi: Tu ami il cazzo... Tu ami lo sperma... Tu ami essere fottuto nel culo... Obbedirai al tuo padrone... Il sesso con le donne ti fa star male... Solo il tuo la mamma ti eccita... Ti piace succhiare il cazzo... Brami l'umiliazione...

Ora dopo ora continuarono fino a quando il cervello e il corpo di Alex si arresero e lui perse conoscenza. Quindi lo portarono in una cella delle dimensioni di un armadio e lo incatenarono a una branda. I fili erano ancora collegati e le voci continuavano. Presto potevi vedere il suo cazzo indurirsi e ammorbidirsi ancora e ancora mentre continuavano a premere i suoi pulsanti più e più volte. Ogni volta che la voce era di donna era dolore, un piacere da uomo. Sempre gli stessi comandi: Tu ami il cazzo... Tu ami lo sperma... Ti piace essere inculata... Obbedirai al tuo padrone... Il sesso con le donne ti fa star male... Solo tua madre ti eccita ... Ti piace succhiare il cazzo... Brami l'umiliazione...

Erano trascorse più di sei ore dall'inizio della formazione. All'inizio era Alex che succhiava un cazzo dopo l'altro. Deve aver bevuto una pinta di come. Per le ultime due ore Alex è stato legato alla panchina con le gambe tirate su intorno alla testa, mostrando il sedere. Aveva la testa girata di lato e la bocca spalancata e sbavava. Aveva appena finito di succhiare un altro cazzo, quando sentì qualcosa staccargli la spina dal culo. Fu presto sostituito con un gallo. Il piacere è stato intenso quando ha accettato la sua prima scopata anale. Proprio mentre il suo orgasmo stava per raggiungere il picco, gli fu inserito un cazzo in bocca. Con entrambi i suoi orifizi pieni di cazzi, Alex esplose con un enorme orgasmo diverso da qualsiasi cosa avesse mai provato.

Ami il cazzo... Ami lo sperma... Ami essere inculata... Obbedirai al tuo padrone... Il sesso con le donne ti fa star male... Solo tua madre ti eccita... Tu ami succhiare il cazzo... brami l'umiliazione...

La mente di Alex non riusciva a elaborare tutti gli stimoli e tutto è diventato nero.

Alex si svegliò improvvisamente con un sussulto quando l'acqua ghiacciata gli scese a cascata lungo il corpo. Tremava per il freddo e gli effetti residui dell'orgasmo.

Con la visiera chiusa non sapeva più dov'era da quanto tempo era lì. Poi è ricominciato. Questa volta invece dell'apertura della visiera apparve una foto di sua madre nuda, che strisciava verso di lui implorandolo di darle il suo cazzo. Ma invece del dolore il suo cazzo iniziò a crescere. La confusione gli offuscava il cervello mentre si aspettava il dolore, ma era un piacere, un piacere intenso. Proprio quando sua madre è arrivata al suo cazzo, tutto è diventato nero. Ma la sua eccitazione non è diminuita, è solo aumentata. Sentì una mano sul suo cazzo e capì che era sua madre. Poi la visiera si aprì e in piedi di fronte a lui c'era una donna sexy. Immediatamente il dolore tornò con una tale intensità che tutto il suo corpo ebbe convulsioni. Più e più volte la formazione è continuata.

La mente di Alex era a pezzi. Non resistette più ai comandi. Gli piaceva vedere i cazzi e pregava di non vedere mai un'altra donna. La visiera si aprì di nuovo e davanti ai suoi occhi c'erano una dozzina di cazzi eretti. Senza alcuno stimolo dall'aggeggio raggiunse l'orgasmo, vomitando quel poco che rimaneva nelle sue noci abusate sullo stomaco.

Poco prima di svenire di nuovo, sentì un forte scoppio.

Anita e Susanna entrarono in soggiorno. Tutti e tre gli schiavi erano esattamente dove li avevano lasciati. Julie era inginocchiata in un angolo; Sandy e Dawn erano ancora inginocchiate vicino al divano proprio dove li avevano lasciati i teppisti.

Anita sorrise, sapeva che il loro controllo era completo. "Schiavi, alzatevi e state davanti a noi." Ha chiesto. Tutti e tre gli schiavi balzarono rapidamente in piedi e si precipitarono dove la loro padrona gli aveva indicato.

Susanna guardò le loro schiave, tutte nude e tremanti, Julie per la paura a causa di Cindy e Susan, Dawn e Sandy per l'eccitazione.

"Va bene, voglio che tu ti vesta, schiava Sandy ti metti i veli, voi altri due i vostri cappotti. Andiamo a fare un giro. Per il resto della giornata voi tre intratterrete alcuni nostri amici", ordinò Susanna .

Gli schiavi si affrettarono a obbedire e in pochi istanti furono vestiti secondo le istruzioni. Anita afferrò i guinzagli e li attaccò ai colletti di Julie e Dawn. "Apri la tua bocca puttana e tira fuori la lingua.

Sandy aprì velocemente la bocca e tirò fuori la lingua. Susanna fece passare il guinzaglio attraverso l'anello e tirò lo schiavo verso la porta. Anita afferrò i guinzagli degli altri due e seguì la sorella fino al parcheggio. Sandy avrebbe potuto anche essere nuda come i veli non facevano nulla per nascondere il corpo, e i braccialetti e le catene brillavano alla luce del sole. Il fatto che fosse guidata dalla sua lingua le mandò l'eccitazione alle stelle. La mente di Sandy desiderava ardentemente l'umiliazione, facendola arrossire fino alla punta dei piedi.

Cindy e Julie le seguivano da vicino, entrambe vestite da pioggia e cappotti lucidi allacciati liberamente intorno alla vita. Anita e Susanna adoravano la sensazione di guidare gli adulti schiave delle troie sapendo che avrebbero fatto tutto ciò che gli veniva detto. Non erano preoccupati per i vicini perché era dubbio che gli schiavi sarebbero tornati in questo appartamento. Quando avrebbero finito il giorno in cui il loro padre avrebbe preso il sopravvento e tutti e tre sarebbero stati venduti all'asta in un paio di giorni.

Non appena gli schiavi furono caricati sul sedile posteriore della BMW Anita si voltò e disse agli schiavi di aprire i loro cappotti e veli e di giocare con i loro clitoridi. "Voglio che tu sia pronto a scopare qualsiasi cosa quando arrivi dove stiamo andando."

Venti minuti dopo Susanna si fermò in uno squallido motel ai margini della città. "Puttana del culo, chiudi il cappotto e vai a pagare due stanze. Assicurati che siano adiacenti. Non dimenticare di mostrare l'addetto alla reception." Dawn aprì rapidamente la porta e si diresse verso l'ufficio del motel. All'improvviso si fermò e si rivolse ad Anita. "Signora, cosa devo usare per pagare le stanze?"

"Oh sì, ho dimenticato di darti la patente e la carta di credito." Anita sorrise e le porse le carte. Dieci minuti dopo Dawn tornò alla macchina. "Le stanze sono sul retro, stanze 10 e 11, qui ci sono le chiavi."

Presto tutti gli schiavi furono nudi e inginocchiati sul pavimento della stanza 10. Anita e Susanna andarono nella stanza attigua e guardarono come volevano posizionare gli schiavi. Le stanze erano immagini speculari con un letto matrimoniale e un comodino contro le pareti opposte e un comò con uno specchio sulla parete adiacente. Una TV a schermo piatto da 37 pollici seduta accanto allo specchio. Anita accese la tv e fece il numero al canale porno, Susanna fece lo stesso nella stanza undici. All'improvviso bussano alla porta. Anita aprì la porta ed entrò Cassie.

"Oh mio Dio, guardali!" Esclamò mentre guardava i tre schiavi nudi. "So cosa mi hai detto, ma non avrei mai creduto che fossero così!" Mentre allungava la mano e tirava le catene di Dawn e Sandy.

"Oh, non è tutto, schiavo apri la bocca e tira fuori la lingua." disse Anita guardando Sandy.

Sandy obbedì rapidamente e tirò fuori la lingua e guardò la sconvolta Cassie.

"Ok, tutti e tre, voglio che ognuno di voi dica a maestra Cassie esattamente cosa siete."

Dawn fu la prima a rispondere. "Padrona Cassie, sono un'insegnante schiava troia che vive solo per servire. Sono una schiava amante del culo che si eccita, umilia, lecca il culo e si fa riempire il culo. Posso venire solo quando ho il culo pieno. Il mio unico il desiderio è compiacere la mia padrona. Per favore padrona, usa il mio culo."

Sandy seguì velocemente Dawn. "Padrona Cassie, sono un'insegnante schiava troia che desidera solo servire. Prospero con l'umiliazione, il dolore e lo sperma. Sono dipendente dallo sperma; è la mia droga preferita. Farò di tutto per ottenere la mia soluzione. Per favore, padrona I ho bisogno di sperma, ho bisogno di una soluzione per soddisfare la mia dipendenza. Per favore, dammi un po' di sperma.

Julie fu l'ultima a rispondere. "Padrona Cassie, sono una madre schiava troia che ti servirà senza domande. Sono una troia fottuta che farà di tutto per avere i miei buchi riempiti. Desidero essere maltrattata e usata in qualsiasi modo per soddisfare chiunque desideri, specialmente il mio figlio."

Cassie è rimasta scioccata dalla risposta. "Wow, sarà divertente. C'è qualcosa che non posso fare loro?"

"Non proprio, solo non contrassegnarli in modo permanente. Puoi sculacciare, picchiare, farli scopare, succhiare, leccare, qualsiasi cosa tu voglia. Ti suggerirò di avere lo schiavo Reynolds in una stanza e la schiava Julie nel altro. Puoi quindi avere chiunque voglia scopare un culo visitare la porta accanto e la figa e la bocca scopano qui. Lo schiavo Hauser può essere il lanuginoso, usando la sua bocca per preparare i cazzi. Le farei leccare qualsiasi sborra fuori dal i buchi dell'altro schiavo dopo ogni scopata." Susanna ha suggerito: "Ma dipende da te. La cosa più importante è che siano riconosciuti da tutti quelli che entrano qui. Voglio che siano totalmente umiliati e fottuti. Voglio che siano completamente rotti quando hai finito. Capisci? ?"

"Nessun problema, quanti vi aspettate di passare?"

"Ho sparso la voce quando eravamo a scuola stamattina. Ormai immagino che tutti gli anziani della scuola lo sappiano e probabilmente una trentina di ragazzi si presenteranno. Se incontri qualche problema con le ragazze, chiedi loro di fare un giro ad umiliare gli schiavi».

"Ottimo, quando iniziamo?"

"Ogni volta che si presenta la prima persona puoi iniziare lo spettacolo. Torneremo più tardi, dobbiamo occuparci delle cose nell'appartamento. Ora sono circa le 10:30; torneremo verso le cinque o giù di lì. Chiamaci se hai bisogno di qualcosa", disse Anita mentre porgeva a Cassie una borsa di giocattoli insieme a guinzagli e catene.

Cassie era totalmente eccitata. Dopo che la scorsa notte la schiava Julie la leccava mentre veniva scopata da Alex, la sua figa sgorgava. Non è stata in grado di raggiungere l'orgasmo a causa della strana ragazza che si è presentata a casa e le ha impedito di divertirsi. Cassie si era arrabbiata per tutto il viaggio di ritorno a casa. Non riuscì a tenere la mano fuori dall'inguine per tutto il viaggio verso casa. Non appena ha colpito la sua stanza, si è strappata i vestiti e ha afferrato il suo giocattolo preferito per soddisfare i suoi bisogni. Sfortunatamente, anche se ha raggiunto l'orgasmo diverse volte, è impallidito a ciò che era certa stesse costruendo prima di essere interrotta.

Non appena i gemelli se ne andarono e chiusero la porta, Cassie prese il comando. Attaccò rapidamente i loro guinzagli e trascinò Dawn nella stanza adiacente. "Schiavo, devi fare tutto ciò che chiunque desideri. Non puoi rifiutare nulla. Ma probabilmente manderò qui chiunque voglia scopare il culo di un insegnante. Quando finisci con un cazzo chiama tua sorella insegnante schiava per ripulirti buco pieno di sborra. Capisci?"

"Sì, padrona, questa schiava troia farà come ordinato," rispose Dawn. Dawn sapeva che di lì a poco avrebbe scopato la maggior parte degli anziani a scuola. Il pensiero era così umiliante che il suo cervello si stava spegnendo, ma il suo corpo era eccitato al di là di qualsiasi cosa avesse mai sperimentato prima.

Cassie tornò nell'altra stanza e afferrò il guinzaglio di Julie. "Alzati sul letto schiavo. Devi scopare qualsiasi cosa con un cazzo. Devi lasciare che usino qualsiasi buco vogliono. Quando finisci con un cazzo, chiama Slave Hauser per ripulire i tuoi buchi. Non ti è permesso rifiuta qualsiasi comando. Capisci?"

"Sì, padrona, ho capito," disse Julie mentre una lacrima le scorreva lungo la guancia. La mente di Julie era ora in piena modalità schiava. Non le importava più chi sapesse cosa fosse. L'unica cosa che contava era obbedire alla sua padrona.

Cassie si rivolse quindi a Sandy. La catena ancora attaccata alla sua lingua. "Schiavo, starai vicino a me. Devi usare la bocca per preparare i cazzi a scopare gli altri schiavi. In questo modo non ci vorrà molto per sparare ai loro carichi e possiamo assicurarci che tutti abbiano un turno. Devi succhiare cazzi fino a quando non li porti dal loro schiavo, e poi ripulire lo sperma in modo che nessuno abbia secondi sciatti".

"Sì, padrona, questa schiava sborra capisce," disse Sandy mentre la sua mente aspettava con ansia di iniziare. Il suo allenamento nell'ultima settimana era completamente radicato nella sua mente e il suo desiderio era fuori controllo. Non solo si sarebbe riempita di sperma, ma l'umiliazione di servire i suoi studenti l'avrebbe soddisfatta.

Cassie sorrise mentre guardava le troie in attesa di servire. "Immagino che potrebbero anche iniziare con me." Pensò mentre si avvicinava a Dawn.

Cassie si tirò su la gonna fino alla vita e girò il culo verso Dawn. "Metti la tua lingua a lavorare troia e leccami il culo schiavo."

Gli occhi di Dawn si allargarono perché non vedeva l'ora di iniziare e le veniva l'acquolina in bocca. Quindi ha afferrato ciascuna delle guance di Cassie e le ha allargate. Guardando il bocciolo di rosa marrone di fronte a lei, si sporse in avanti e profuse la lingua su e giù per la fessura. Cassie non si era mai sentita così prima, avendo il controllo totale su tre donne adulte e averle totalmente sottomesse a ogni suo capriccio era inebriante. Non appena la lingua di Dawn iniziò a sondare il suo culo, gemette. Più la lingua spingeva nello sfintere, più vicino era il suo orgasmo.

"Schiavo Hauser, vieni qui e leccami la fica. Voglio venire prima che arrivi qualcun altro. Sandy si precipitò rapidamente e fece scivolare la testa tra le gambe aperte di Cassie. I suoi occhi ora stavano guardando la lingua di Dawn che sondava il culo di Cassie. Poi lei allungò la lingua e leccò l'intera lunghezza della sua fessura.Nei successivi dieci minuti entrambi gli schiavi usarono tutti i loro talenti appena acquisiti per portare la loro nuova padrona a un orgasmo travolgente.

Il corpo di Cassie tremava; era fuori controllo mentre i due schiavi lavoravano la loro magia con le loro lingue. Quando ha raggiunto l'orgasmo è quasi svenuta e l'unica cosa che la teneva in piedi era Sandy inginocchiata tra le sue gambe. Quando ha preso il controllo, ha spinto via gli schiavi dal suo tenero culo e dalla sua fica. Aveva bisogno di riunirsi per accogliere gli anziani che sarebbero arrivati ​​da un momento all'altro.

Anita e Susanna tornarono a casa verso le undici. Erano stati via poco più di un'ora. Nonostante il poco tempo, il posto odorava di sesso. Anita entrò in camera da letto e guardò i loro prigionieri. Sia Cindy che Susan si dimenavano sul letto. Their bodies covered in sweat and a large area between their legs soaked with fluids flowing out of their cunts. She smiled as she knew that by the time they would be released they would be slaves to their desires. Desires that they would not be able to control, control that only she and her sister had.

Susanna walked in and joined her sister. She looked over and noticed Anita's nipples poking thru her top. Susanna looked up at her sister's face. What she saw was an expression of lust. Anita was aroused and it showed throughout her body. She walked behind her sister and wrapped her arms around her and enveloped her with a hug. Anita's body was totally consumed with arousal and her sister's hug only increased it. Susanna slowly dropped her lips down Anita's neck and gently began to kiss up and down from just below her ear down to just above her shoulder. Anita shivered as she felt the light kisses and the occasional lick from her sister. She turned to face Susanna, closed her eyes and pressed her lips to her sister's and gave her a long sensual kiss. Both teens succumbed to their desires and started to caress the others bodies. In only a matter of seconds they were both naked and consumed with lust.

Anita was the first to break away and took her sister's hand and led her to the living room. Once there she pushed her down on the couch. Susanna looked up at her sister, no longer thinking of her as a person but an extension of herself, watched as Anita dropped down beside her and started to gently slide her hands down from her face to her chest. She massaged her shoulders as she moved closer and closer to her tits. Susanna closed her eyes and enjoyed the sensations anxiously waiting for the moment when her fingers touched her erect nipples.

Anita gently moved her hands around the sides of Susanna tits, but instead of touching her nips she dropped her head and sucked it into her mouth. Susanna gasped as the sensation flowed from her brain to her cunt.

Susanna grabbed Anita's head and pushed it down her body towards her cunt, no longer able to control her lust. She needed to feel her sister's tongue caress the center of the arousal. Anita no longer needing direction licked her way to her sister's center. Just as she arrived at the center of Susanna's universe, Anita turned her body and slid on top of her very excited sister. She ended up lying on top of her in a 69 position. Susanna feeling her sister's entire body opened her eyes and was treated to the sight of Anita's bare and excited pussy. Her mouth watered as she slowly extended her tongue and lightly licked Anita's labia, savoring her sister's flavor for the first time. Not knowing what to expect, she gasped as Anita started to lavish her own cunt with her tongue. All inhibitions we gone now as each sibling no longer cared that they were committing incest. All that mattered now was relishing the feeling and experience of their sister's gyrations. It was as if there was a single brain controlling each woman. Working with synchronized actions each knowing exactly what the other desired; they drove their arousal levels higher and higher. Each postponing the others orgasm as their bodies slowly lost all control and began to tremble with excitement. Each teen inserted first one, then two, and finally three fingers into the others body; stroking in and out pushing on that magic spot each and every time; until they were consumed with a massive orgasm. Each convulsing with pleasure as it sent waves emanating out from their cunts to all their extremities.

Anita rolled off her sister's body gasping for breath. Never had any slave given her such pleasure. Having the power to control another person enhanced their orgasms, however the orgasm given by her twin, knowing exactly what button to push and exactly when to do it was fantastic. She slowly regained her faculties and lightly caressed Susanna's body. With each touch she could feel her tremble with aftershocks from the orgasm.

Susanna opened her eyes and looked down as her sister lying beside her. "My god sis that was amazing. I'm not sure if I can move. My body has totally shut down," She whispered.

Anita smiled and closed her eyes and feel into a deep sleep. Susanna followed shortly and both teens slept with their heads lying on the others legs; their noses almost touching each others labia.

Anita woke first, her head still between her sister's legs. She stuck out her tongue and lightly licked Susanna's slit. Hearing her sister moan she pushed forward and worked her way up to her clit. Just as the tip of her tongue touched the tender nub, Susanna gasped and grabbed her sister's head.

"OHHH... GAWWD... Right there touch me right there. Harder, lick harder!" She cried as she pulled Anita's mouth tighter to her cunt.

Anita was having trouble breathing as all air was cut off by her sister. She quickly recovered and pulled her head out from between Susanna's legs.

"Oh please don't stop, I'm right there, please do it again Nita," She begged.

"Not yet you slut, I have plans for you." Anita said as she stood and walked into the bedroom.

Susanna quickly pushed her hands down to her cunt and started to rub her clit. She was very aroused again and wanted to get off in the worst way.

"Get your hands out of there slut." Anita shouted as she returned from the bedroom. She was carrying a large suitcase. Susanna quickly did as told looking at her suddenly dominate sister.

"Slide off the couch and lay on you back sis and put your hands above you head." Anita commanded.

Susanna smiled and said, "Yes Mistress, just what are you planning?" As she slid down to the floor and followed her sister's directions.

"Just do as you are told and you will find out slut." Anita answered.

"Hey I'm not a slut, except maybe to you." Susanna answered coyly.

Anita knelt by Susanna's head and opened the case. The first thing she pulled out was a blindfold. She quickly placed it around Susanna's head and covered her eyes.

"Ohhhh, I can't wait. What other surprises do you have in store for me?"

"Quiet slut or I'll gag you." Anita answered as she pulled out a set of cuffs which she quickly locked on Susanna's wrists. She then took out a length of rope and tied one end to the chain connecting the cuffs. She then took the other end and tied it to one of the couch legs, locking her sister's hands above her head.

"MMM... Tying me up, I always wanted to know what it would feel like to be helpless. You won't hurt me will you?" Susanna moaned.

"No, I won't hurt you." Anita said as she was securing her ankles to a spreader bar. "Not much anyway."

Susanna's body already aroused by Anita's tongue lashing a few minute before was now getting very aroused. After all the times she had tied up her slave she was now in the exact position and her body was enjoying every minute.

"Anita, please play with my cunt. I need to come. Please make me cum, Mistress," She said as she was getting into the role of slave to her sister.

"OK slut, I told you to be quiet now you have to suffer the consequences." Anita whispered into her sister's ear as she pulled a gag out of the case and shoved it into her mouth.

Susanna was taken by surprise by the gag and tried to tell her sister to stop, but as she was helplessly bound there was nothing she could do.

Anita then went down to the spreader bar and tied a length of rope from one cuff around a railing beside the door and back to the other cuff and pulled till her sister's body was tightly strung out on the floor. Susanna now could not move. She was blindfolded and gagged, totally helpless.

"Relax my little slut. You're going to love this. Trust me; I won't hurt you, much," Anita cooed to her bound sister.

Susanna was now extremely excited, she had no control over what was happening to her and had no idea what Anita had planned. Her cunt was oozing copious amounts of pre-cum and it was flowing down over her ass. Just then she felt a hand lightly touching her tits. Gently feeling her sister fingers circling her orbs gradually moving closer to her nipples. She groaned as Anita wouldn't touch her hardened nipples but driving her crazy coming oh so close.

Suddenly something clamped down on the excited nubs, sending a shock of pain to her brain and down to her cunt.

Anita smiled as she watched her sister squirm as the effects of the nipple clamps pushed her sister's body into hyper drive. She then slid her hand down and touched Susanna's clit, only just brushing it. Susanna's entire body went rigid as soon as her finger touched the extended nub.

Susanna was hyperventilating as all the sensations wracking her body were overwhelming. Just as she started to calm down, Anita grabbed a crop and smacked it down on Susanna's exposed cunt.

Susanna body again jumped and a scream escaped out around the gag only to be replaced with a moan from deep within her chest; as Anita followed the blow with another caress on her clit.

Back and forth Anita took her sister, pain followed by pleasure, followed by pain. Never giving her any break; always keeping her guessing what she was going to do next. Always keeping her at the brink of a massive orgasm but never providing enough stimuli to take her over the top.

Anita then grabbed a small anal plug and placed it at the entrance to Susanna's ass. Susanna had no idea of what she was doing, till she felt the pressure of it entering her rear passage. As she tried to close her sphincter to keep out the intruder, Anita again brought the crop down this time directly on her clit.

Susanna screamed and pushed her ass away from the crop, only to push the plug deep into her ass. She again screamed as the pain registered to her brain as her virgin ass was trying to accommodate the probe firmly seated in her ass.

Anita smiled and knelt down beside Susanna's torso. She stuck out her tongue and started to lick her way slowly down her stomach. Each lick sliding closer to Susanna's pussy. Susanna already overstimulated wanted nothing more than to have her sister to eat her and allow her to orgasm. But after being denied so many times could only moan and pray her mistress would finally give her relief.

Anita, sensing her sister's surrender slid her tongue down to the sloppy cunt in front of her and sucked the clit into her mouth.

Susanna screamed as a massive orgasm exploded out and consumed her body. Anita not stopping kept riding the bucking slut beneath her keeping her mouth firmly planted on the exposed clit, sucking, biting, and licking it till she felt her sister's body go limp. The stimuli had finally shut down her brain. The only thing moving were the shudders from the muscle contractions as the orgasm pulsed through her body.

Anita smiled as she started to release her comatose sister. Suddenly there was a loud bang at the door and in walked four large men. Anita jumped and tried to run but there was nowhere to go and the men quickly grabbed her and pulled a bag over her head. In a matter of seconds, Anita's hands were cuffed behind her back and her feet shackled together. She tried to struggle screaming for them to release her but then she felt a prick on her arm and everything went black.

"We have the twins boss and Susan and her friend." The leader said into the cell phone. "No the teachers aren't here."

"Hey boss, I don't know what they were doing here but Susan and her friend is tied to the bed, naked with all kinds of wire connected to them. What should we do?"

"OK, but what about the teachers?" "OK I'll call you back after we release the two. I don't know if they will be able to talk though. It looks like the twins are using some kind of mind altering contraption on them. It might be awhile before they are coherent."

"OK, I will keep you posted. Goodbye." He said as he hung up the cell.

"OK, Bill, help me release the two girls in the bed room. Be careful I don't know what to expect. We don't want to freak them out. Make sure we have something to cover them with." He said to the man standing over Susanna.

The two walked into the bed room and looked down at the two squirming naked young women bound to the bed. Jack, the leader walked to the night stand and looked at the controller. He quickly found the pause button and shut everything down.

Susan and Cindy collapsed on the bed as this was the first time in what seemed like hours there were no stimuli exciting their bodies or minds. The lack of anything pleasuring, causing pain, or bombarding their brains with instructions, left the young women totally lost. They could not hear, see, or speak. They were still bound tight to the bed and could not move. Both groaned and pushed their cunts out to try to find some kind of stimulus to allow them to finally orgasm.

As Jack and Bill started to remove the clips, vibrators, and plugs, Susan and Cindy started to hyperventilate, realizing that there would be no more vibrations and with that no orgasm. Jack looked over at Bill and said, "We have to be careful how we release them. I don't know how they are going to react. Go get another couple of needles ready. If they freak out we will knock them out so they don't hurt themselves. Just give them enough to put them under for a few minutes. Got it?

"OK Jack, give me a minute." Bill answered.

Bill returned a few minutes later with a small pouch. He readied the needles and stood ready as Jack started to release Susan.

Jack first grabbed the headset, as he removed it he spoke. "Susan, stay calm, we are here to get you out of here. Don't panic we won't hurt you."

Susan hearing the strange man's voice didn't understand what was going on and started to struggle. Jack then grabbed the gag and unhooked it from behind her head. When he pulled it from her mouth, Susan screamed.

"Oh God please let me come, Oh please let me serve my mistress."

"Susan, we were sent by Jason Marshall. We are here to get you and the teachers out before the FBI raids the Martinez's. Do you remember?" Jack said, trying to speak in a calm voice so as not to scare her.

Jack then removed the blindfold and Susan blinked trying to see who was speaking to her. When she saw the large men she immediately thought it was the thugs that captured them earlier. Her mind not comprehending what was said went into full panic mode and her whole body started to struggle against her bonds.

"Stick her Bill. We'll release her when she is out so she doesn't hurt herself." Jack said.

Bill quickly took the needle and pushed it into her arm. Susan stopped struggling and soon was fast asleep.

"You might as well stick the other one as well. Hopefully when they come too we can talk to them."

Bill grabbed another needle and did the same to Cindy. As soon as she was out, the two men set about to release the two co-eds and looked around for something to wrap them in.

"What's with this place? There are no clothes, sheets, nothing. What did they wear here? What in the world has been going on here?" Bill asked.

"I don't know, but from what Mr. Marshall told me, the twins captured two teachers in their school and turned them into sex slaves. Susan here knew one of the teachers and is trying to rescue them from these two. It looks like they are using some kind of brainwashing contraption to program them to submit to them. I guess their parents are involved with all kinds of illegal activities including white slavery. The whole family is about to be raided by the FBI and we are supposed to get the teachers away before the raids. We have to find out where the teachers are and grab them. We need one of these women to spill their location and wrap this up soon."

"Hey, the one tied up on the floor is still awake. Maybe she can help?" Bill suggested.

"OK, go out to the van and see if we have something for these two to wear. I'm going out and convince her to tell us what we want to know." Jack ordered.

"Yes sir," Bill answered.

Jack walked into the living room. He looked down at the helpless Susanna still recovering from her orgasm. He knelt down and pulled off the blindfold. Susanna blinked as her eyes adjusted to the light. As her eyes focused she saw a strange man kneeling over her. Panic was immediate and she started to struggle to get away, but her sister's binding would not give. Jack smacked her across the cheek and said, "Stop struggling and be quiet. I have some questions for you and if you know what is good for you, you will answer. If you lie to me it will only get worse. Do you understand?"

Cassie, coming down from her orgasm, gathered her senses and took control once again. She grabbed Dawn's leash and said, "Time to get started, stay here you will have company shortly." She then grabbed Sandy's leash and walked into the other room. Just as she arrived there was a knock at the door. Cassie walked to the door and opened it. Standing there were four guys Cassie recognized from school. She didn't know their names but had seen them in the halls.

"Hey guys, what can I do for you?"

"We heard there was a party here and wanted to partake." The first one said.

"Well you came to the right place. Here are the rules. There are three sluts here ready to make your dreams come true. The only rules are you have to be 18 and can't permanently mark them and you can't let anyone know about this unless you hear from me. These sluts want cocks. You can fuck them in any of their holes. You might even recognize them, which makes it all the more fun. Do you have a problem with any of this?" Cassie instructed.

All four boys quickly in unison said "NO"

"Good, come on end and get your cocks out."

As each of them entered they gasped as there kneeling beside Cassie was a naked Miss Hauser. Her body decorated with chains and bracelets. Kneeling on the bed was a naked Miss Julie the front office assistant. She too was wearing a collar and leash.

"OK, who's first?"

"I am," said the first teen to enter.

Alright, get your pants off and let slave Hauser get you ready. When you are hard enough let her know. Oh and let her know if you want a blowjob, pussy fuck or ass fuck. She will make your dream cum true. When she finishes with him, she'll do the same for the rest of you. Fatto?"

"Oh yeah, I got It." As he quickly pulled his pants off and tossed them in the corner of the room. The other teens quickly follow suit and soon all four were naked and sporting large erections.

"I guess it won't take much to get you ready." Cassie said as she looked at their cocks.

Sandy knew exactly what to do and crawled over and swallowed the first boys cock deep into her mouth. In just a couple of strokes he started to moan as Sandy fucked her own face with his cock. Sandy, after spending a few days at the glory hole knew just when to quit and pulled the cock from her mouth. She looked up at him and said, "Ass, mouth, or cunt?"

"Wow, I want a cunt." Sandy grabbed his cock and led him over to the bed with Julie kneeling. She smiled as she pulled him closer and lined his cock up with Julie's cunt. "Let me know when you are done and I will clean you up."

"God I can't believe this, I'm having a teacher blow me and help me fuck another woman. I could get used to this," He said and burst out laughing.

Sandy quickly crawled over to the next teen and enveloped his cock in her mouth. The teen looking down at his English teacher climaxed immediately and sprayed his cum into her mouth. Sandy savoring the taste knew it wouldn't be long before he recovered looked up at him. She hadn't really looked at any of the teens, but now she recognized that she had just sucked a student's cock from her second period class. The humiliation washed over her body and she blushed down to her tits.

"Relax for a second and I will come back to you." She then turned to the third teen and grabbed his cock. It was noticeably larger than the other two as she gently stroked it before sucking into her mouth. This teen had much better control and grabbed her hair. He quickly took control and started to fuck her face.

Cassie watched in amazement as the once respected teacher was humiliating herself and allowing each teen to do whatever they wanted. "Hey you might want to ease up. She is just to get you ready for the main course."

He looked over at Cassie and smiled. "You're right, where is the ass I can fuck?" He asked as he released Sandy's head.

"Right this way, sir," Sandy answered as she grabbed his cock and led him to the other room. When he finally saw who was on the bed he yelled, "Alright, its Miss Reynolds." Dawn heard the voice and recognized him as one of her problem kids from last year. It was Tim and he always gave her trouble. She had even had him suspended once. She dropped her head and wiggled her ass as Sandy lined his cock up with her rear passage.

Tim smiled as he looked down and the humiliated teacher kneeling on the bed in front of him. "Not so high and mighty now are you slut? I want you to beg me to pound your ass with my cock."

Dawn moaned, her body craving to have her ass filled, but her mind reeling from the humiliation of it being a past student. A student that was a problem for her, but her training would not let her refuse his command. "Please sir, pound my ass with your wonderful cock. Please make me scream with pleasure and fill my ass with your cum," She cried.

Tim smiled a wicked smile and shoved hard as his cock pushed past her sphincter and slid deep into her bowels. Dawn gasped as she didn't realize how large he was as the pain shot through her body. Tim pulled back and pushed forward hard, bottoming out as his ball bounced against her cunt. Not giving her a chance to recover he proceeded to pummel her ass again and again. Sandy watching was mesmerized by the scene as the large cock pushed in and out of her friend's ass.

Cassie, wondering where she was called out, "Slave, get back in here, you have work to do."

Sandy jumped at the command and quickly crawled back into the other room. There were now five students waiting in line and Cassie was looking angry. Sandy quickly grabbed the first cock and sucked it into her mouth and with each of her hands grabbed two other cocks. All the boys smiled as they each recognized the slutty teacher working on their excited units. In a matter of seconds they were each ready and called out their preferences. Sandy took the first two to Julie. The first teen had finished and turned towards the kneeling slave. Sandy took his soft cock into her mouth and cleaned it with her tongue. She then leaned over and licked Julie's dripping pussy. Licking up any fluids and sucking as much cum out of her hole as she could.

The two boys watched in amazement as the slut finished her job, slapping high fives and laughing. Sandy's humiliation was now off the charts. She knew that after today she would never be able to go back to any sort of normal life. She then turned and pushed one cock into Julie's cunt and the other into Julie's mouth.

Sandy crawled across the room to work on the next in line. Taking three at a time, her mouth and two hands, she soon worked up a rhythm. Soon both slaves on the beds had all three holes filled. Each slave sitting on a teen's lap with a cock filling her cunt, another teen fucking her ass, and a third standing beside her head, filling her mouth. Sandy was kept in constant motion going between the rooms. Cleaning whatever cock and hole as it became available, leading the next cock to take its place.

Both Dawn and Julie were no longer aware of what was going on. Their minds had shut down. The only thing was the constant feel of a cock penetrating their body. There was no pleasure only cocks and cum. Julie's knees were now raw from crawling from slave to slave. Her stomach was now full of cum and her mouth sore and aching. It seemed that an endless stream of young men entering the room. At the end of the first hour, the rush was over. As the last young man walked out the door each of the slaves collapsed. They were exhausted and it was only just after noon.

Cassie looked down at Sandy lying at her feet. She was a mess; her face covered in cum and drool. Her hair a mess as several of the boys had used her hair to fuck her face. Non aveva mai visto niente di simile prima. She almost felt sorry for the sluts as the thought of fucking and sucking so many boys was overwhelming. But that soon passed as there was a knock at the door. "I guess its round two sluts." She said as the slaves groaned.

When she opened the door, Cassie squealed. Standing in front of her were several of her girlfriends, and all of them were looking pissed.

"Hey girls, what's up?"

"You know what's up. Who are the sluts fucking our boyfriends." They asked.

Cassie smiled, "Anita said you would be by. Let me show you," Cassie answered as she swung the door open. All five girls gasped as in front of them was a naked and chained Miss Hauser kneeling on the floor.

"Oh My God, that's Miss Hauser. She's the slut?"

"Oh that's not all, check out the bed. Miss Julie from the office is there, and in the other room is Miss Reynolds!" Cassie exclaimed. The five senior girls walked into the room and looked at each of the three slaves.

"Cosa sta succedendo?"

"They are slaves of Anita and Susanna. They love being fucked, humiliated, and spanked. They will do whatever we want. Slave Hauser loves cum, pain, and humiliation. Slave Reynolds craves asses and humiliation, and slave Julie just loves it all."

"Anita figured you guys would stop by but don't worry. You won't see these three again. I guess they are going to be leaving after today. They just wanted to share them with the school. Hey want to have some fun? They will do anything you want." Cassie beamed as she told her friends.

The girls looked at each other and smiled. Each of them at one time or another had had trouble with a teacher. This would be a perfect time to get revenge, even if they had never had trouble with these particular teachers.

"Wow, I don't know what to say but let's have fun," Said Sally, to the others, "What should we do first?"

"I know," Said Patty from the back, "Let's make them lick our asses. I've always wanted to have a teacher kiss my ass."

"Wow that's hot and maybe piss all over them. They always pissed on me with all the homework," Said another girl in the group.

"Hey whatever you want just tell them what to do. They are slaves and have no rights," Cassie said.

Patty was the first to react. "OK slaves get in here on your knees now."

Dawn, Julie and Sandy quickly complied and were now kneeling naked before the six young women.

Cassie looked at the others and said, "Hey I got a suitcase full of toys if you want to use them." All of the girls rushed over to see what was in the case and each grabbed several things.

"First things first ladies, lets attach their tits together with these clips, so when one moves it hurts the others also." "Great idea, but I want to fill their asses with these giant plugs. Teachers are such a pain in the ass," Another girl said laughing.

"I want to spank their ass with this paddle. I got a paddling once and I want some payback."

"Great let's get started," Patty said.

In a matter of minutes, Dawn, Julie and Sandy were standing in front of the vindictive young women. Each had a clip attached to one of their nipples and on the other end of the chain attached to another slave's nipple. It didn't matter which slave moved, it pulled on all of their nipples. Another girl had taken clips and attached them the same way to their clits. All the slaves were writhing in pain as Patty pulled them around the room by Sandy's tongue ring. After a few minutes of this, they had the slaves bend over and spread their cheeks exposing their rear passage. Three of the girls, each had an enormous anal plug. Each of them had greased it liberally. Patty again took charge. "On the count of three, each of you push the plug into the ass in front of you. The one who gets their plug in first gets to choose what happens next. The slave that is last in getting the plug inserted is the one we start with. Everyone got that?"

"Yes," they all said in unison.

"OK, One... Two... Three!"

All three slaves screamed as the girls pushed the plugs past their sphincters. Dawn, being the ass slave, quickly accepted the plug and moaned with pleasure. Sandy was next and Julie bringing up the rear.

"Sally won, what do we do to slave Julie?" Patty asked.

"Sally thought for a moment, and then smiled, "I was so pissed off yesterday when my History teacher took my phone. Let's take them all into the shower and piss all over her. Then the other two can lick her off."

"Sally! You are evil and I love it. OK slaves you heard her, get into the shower, now!"

Sandy, Dawn, and Julie, having trouble standing up straight with the large plugs in their asses slowly moved in unison to the shower, with each slave's movements shooting pain out from their nipples and clits. Soon all three were kneeling in the shower with Julie's mouth open waiting on the first girl to pee.

Sally was the first as it was her idea. She quickly removed her panties and raised her skirt. "God I don't know if I can go in front of everyone," She said.

"Just get on with it. Stand on the tub over her head and let loose. I want to go next," Said Patty.

Sally climbed onto the tub and stood over Julie's face. Her cunt just inches from her nose. She closed her eyes and relaxed her body. At first it was just a couple of drops, then a small stream, then the dam burst as her bladder released its content onto Julie's face.

"Open your mouth slut," Patty commanded.

Julie for the second time that day was drinking piss. What surprised her was that instead of being disgusted, the warm liquid running down her face and into her mouth excited her. Julie's mind was now accepting the humiliation and embracing it.

Ten seconds later the flow stopped and another girl replaced Sally. But now the others not waiting to piss on Julie, jumped up on the tub and proceeded to soak the other two slaves with their urine.

Sandy, watching the spectacle beside her couldn't understand what was going through her mind. Instead of being repulsed by the obscene act, she wished it was her being sprayed. When a girl stepped in front of her, she quickly pushed out her tongue and leaned forward to capture every drop. She was relishing the taste and the humiliation.

Dawn on the other hand, had trouble handling everything. When she swallowed the first gulp it came right back up and she vomited all over her body.

"

Storie simili

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

1.1K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

1.1K I più visti

Likes 0

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

1.2K I più visti

Likes 0

Lo Studio xxx

Arthur era il proprietario di 20 anni di uno studio porno, sua madre Sonia era attualmente a carponi leccando la figa della sua ragazza di 19 anni Betty Rogers, amava girare film lesbici ed era il suo più grande produttore di soldi. Anche Arthur aveva un segreto: era un maestro ipnotizzatore. Quindi sia sua madre Sonia che la sua ragazza Betty erano sotto il controllo mentale (suo). La mamma ora era un'esperta lecca fica, quando è stata ipnotizzata 3 mesi fa ha dovuto essere addestrata, da allora è apparsa in oltre 15 film lez, inclusa una coppia in cui recitava con...

1.1K I più visti

Likes 0

Fare da babysitter con Tara pt.2

Quindi, eccomi qui, in piedi nella stanza della mia migliore amica, il mio cazzo semiduro ancora nella sua mano, un po' del mio sperma ancora sulle sue labbra e sulla sua lingua. Mi sentivo come se la mia stessa forza vitale si fosse trasformata in sperma e fosse stata risucchiata fuori dal mio cazzo tutto in una volta. Eppure, volevo di più. Mi aveva appena fatto il pompino più incredibile della mia vita e ora volevo ricambiare il favore. Si distese sul letto, scivolando fuori dalle sue mutandine che erano già impregnate di anticipazione, dandomi la prima visione completa di lei...

1K I più visti

Likes 0

Aiuto voluto parte 7

Mi chiedevo se avessi imparato la lezione mentre tornavamo a casa. Non solo, ho iniziato a calcolare quanto è costata la mia stupida avventura con Caitlyn. Tra il suo vestito, le scarpe e la roba, i miei vestiti nuovi, la cena e la mancia, il biglietto del taxi per cui le ho dato i soldi, e la benzina; doveva essere vicino a nove fatture. Inoltre la frikkin' pneumatico doveva essere riparato. Ho guardato Caitlyn. Stava dormendo. C'è stato qualcosa di positivo che è emerso da tutta questa disavventura? La sua figa è stata rasata. Ma stasera non vedrei niente di tutto...

987 I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

940 I più visti

Likes 0

Il mistero del ritiro parte 2_(0)

Il mistero del pickup parte 2 Cindy era stata un'accompagnatrice occasionale che era diventata un'avventura notturna per John, ma dopo che se ne era andata c'era un vero vuoto nella sua vita. Poi l'aveva vista di nuovo alla parata e aveva scoperto che era la figlia diciassettenne del capo della polizia e la sensazione di vuoto era stata sostituita dalla paura. Poi di punto in bianco si era presentata a casa sua e gli aveva detto che sarebbe tornata tra un paio di mesi quando avrebbe compiuto 18 anni. John non riusciva a togliersela dalla testa e in realtà è passato...

1.3K I più visti

Likes 0

Un compleanno in incesto Capitolo 34

Manca un capitolo! La serie è quasi finita. Tutto si riduce a questo. Godere. È passato un mese intero da quando papà ha detto che ci avrebbe dato una possibilità e, francamente, è stato davvero un buon mese. Ci siamo assicurati di stare alla larga da papà quando ci sentivamo affettuosi, e lui ha fatto del suo meglio per accettare di sapere cosa stava davvero succedendo. Siamo tornati lentamente alla relazione che avevamo prima del giorno in cui ha trovato la foto, anche se ci è voluto un po' di tempo perché abbiamo deciso di essere chiari su tutto, da ogni...

959 I più visti

Likes 0

Nirvana celeste: parte 1

Come la maggior parte dei miei altri lavori, questa storia si concentra più sul dramma e sulla storia che sul sesso (ma c'è il sesso, non preoccuparti). Per una migliore esperienza di lettura, ti consiglio di sballarti prima di procedere. Capitolo 1 La giovane donna infilò per l'ennesima volta le sue dita tra le succose labbra gonfie della sua fessura, mordendosi il cuscino per attutire i suoi gemiti di piacere. Era sdraiata a letto, il sole si avvicinava all'orizzonte orientale mentre i minuti scorrevano sulla sua sveglia. L'ora era presto, prima del risveglio dei suoi genitori, ma era così che le...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.