James e Sarah in The Booth

913Report
James e Sarah in The Booth

Ha scansionato la stanza...

Aveva passato le ultime due ore a fare proprio questo. Voleva essere sicuro di aver scelto la ragazza giusta e ora poteva vederla. Ironia della sorte, era la prima ragazza che vedeva mentre entrava nel club. Sorrise al pensiero del tempo perso.

Era sbalorditiva. I suoi lunghi dreadlock biondi le cadevano lungo la schiena, oscurando parzialmente un tatuaggio splendidamente disegnato di un drago che riempiva la tela bianca pallida che adornava. I suoi seni impertinenti erano coperti solo da un reggiseno di pizzo nero, mentre il monticello del suo culo perfettamente rotondo era nascosto sotto una gonna scozzese incredibilmente corta, a scacchi in rosa e nero. Indossava lunghi guanti senza dita dello stesso modello e calzini alti fino alla coscia abbinati, che rivelavano abbastanza pelle tra loro e il fondo della gonna da far impazzire la sua immaginazione.

La osservò per un momento, parlando e ridendo. Sapeva che lei era quella giusta per lui. L'unica ragazza a cui era interessato. Attraversò la stanza verso di lei e sorrise timidamente quando i suoi occhi incontrarono i suoi.

"Posso avere questo ballo?" chiese, con un leggero tremito nella voce. Era nervoso; sperava che non se ne fosse accorta con il frastuono della musica che li circondava.

Lei rise leggermente e sorrise ampiamente... "Certo", rispose, e gli prese la mano.

Lo condusse in un angolo buio del club dove tirò indietro una tenda per rivelare un corridoio lungo e sottile. Seguendola giù, vide che su entrambi i lati c'erano altre tende, che ovviamente conducevano in altre stanze. Si diressero verso l'estremità più lontana del corridoio fino a una tenda aperta, e lei lo guidò nel piccolo separé al di là. Era perfettamente quadrato, poco illuminato e coperto di specchi su tutti i lati tranne l'ingresso con la tenda. Lo chiuse dietro di loro.

"Siamo completamente soli", ha detto sorridendo. "Sei sempre così educato quando chiedi una lap dance?"

Arrossì. "È la mia prima volta", rispose lui, timidamente.

Il suo sorriso si fece ancora più ampio e si spostò in avanti finché il suo corpo non fu premuto contro il suo... Il suo cazzo si irrigidì immediatamente. Emise una piccola risata. Ovviamente aveva sentito il rigonfiamento nei suoi pantaloni pulsare contro il suo fianco.

"Allora sarò sicuro di renderlo davvero speciale tesoro", ha detto, con la massima calma che la musica gli avrebbe permesso. Respirò pesantemente sul suo collo e il suo profumo riempì le sue narici. Non poteva farne a meno, doveva chiudere gli occhi e riprendersi. Sapeva che il club aveva una politica di divieto di contatto molto severa.
Lo spinse all'indietro sul divanetto sepolto nell'angolo e si inginocchiò davanti a lui. Fissando i suoi occhi, allargò le sue gambe e si posizionò tra di loro. Si sporse in avanti, premendo i seni contro i suoi jeans palpitanti e strinse le labbra.

“Sono venti sterline per un ballo standard, quella è una canzone e completamente nuda. Quaranta per tre canzoni e settanta per otto canzoni", si avvicinò e gli sussurrò all'orecchio: "Più a lungo andiamo, più diventa eccitante". Poi gli baciò la guancia e si alzò.

Frugandosi in tasca estrasse il portafogli e tirò fuori i soldi. L'ha contato... Sessanta sterline. Dannazione, pensò.

"Beh", sospirò, "penso che siano quaranta... ne ho solo sessanta."

“Ti dico una cosa,” disse, togliendosi una delle sue scarpe, rivelandosi molto più bassa di quanto lui avesse inizialmente pensato, “Che ne dici se ti faccio uno sconto? Come sei tu la prima volta. Sessanta sterline per tutti i quaranta minuti.

Sorrise, un grande sorriso che metteva in mostra tutti i suoi denti: “Sarebbe fantastico! Il regalo di compleanno perfetto!”

“È anche il tuo compleanno!? Quanto vecchio?" chiese, felice.

"Ho venticinque anni oggi", rispose, sorridendo di rimando.

"Allora sei decisamente pronto per una sorpresa cara. Me ne assicurerò". Disse, diabolicamente.

Togliendosi l'ultima scarpa, le diede un calcio nell'altro angolo della stanza e si fermò di fronte a lui. Era minuscola. Aveva pensato che fosse alta un metro e ottanta, ma ora la vedeva senza i tacchi alti sapeva che non era alta nemmeno un metro e mezzo. Al massimo aveva quattro e dieci anni.

Ha iniziato a muoversi con la musica, quando è iniziata una nuova canzone. Aveva cronometrato perfettamente. Appoggiò una gamba sul sedile accanto a lui e si sporse in avanti finché non fu abbastanza vicina da baciarsi, poi si alzò e si fermò sul sedile. Un piede su entrambi i lati dei suoi fianchi, il suo inguine direttamente sopra il suo viso. Girando davanti a lui, aprì il lato della sua minigonna e gliela lasciò cadere in grembo. Mentre lo faceva, ha rivelato un paio di mutandine nere di pizzo che si abbinavano al suo reggiseno, e più di questo portavano un odore. Dolce, ma un po' muschiato, poteva sentire l'odore dei suoi succhi di figa che scorrevano. Aveva un buon odore da mangiare. Strinse i pugni per distogliere la mente da quel pensiero. Come se avesse realizzato il suo pensiero, gli spinse l'inguine direttamente in faccia, tirandogli allo stesso tempo il viso in avanti con la mano sulla parte posteriore della sua testa. Le sue mutandine bagnate erano premute proprio contro il suo naso. Fece un respiro profondo e sentì il suo cazzo pulsare. Era così duro che gli faceva male. Stava urlando di essere dentro di lei.

Lo lasciò andare e scivolò lungo la sua parte anteriore. Si accovacciò sulle sue ginocchia, ondeggiando, strofinandosi contro di lui al ritmo della musica. Gli prese la nuca tra le mani e si chinò su di lui, premendo le labbra contro il suo orecchio, sussurrò: "Mi chiamo Sarah, qual è la tua?"

Era tutto ciò che poteva fare per non gettarla a terra e scoparla proprio lì. Lo aveva già così eccitato.

“Ja... James,” balbettò.

Lei rise. "Bene James, ti stai godendo il mio regalo di compleanno per te?"

"Oh, buon Dio, sì!" Respirò, proprio nel suo orecchio.

Si appoggiò allo schienale, appoggiando la sua figa calda sul suo cazzo duro e allungò una mano dietro di lei. I suoi occhi non lasciarono mai i suoi mentre si sganciava il reggiseno. Rimuovendolo e lasciandolo cadere sul pavimento, sorrise mentre lui non poteva resistere a guardarle il petto nudo. I suoi seni erano manciate perfette. Voleva allungare la mano e afferrarli, succhiarli, sborrare su di loro, ma sapeva che era contro le regole. Si mosse di nuovo verso di lui, appoggiando la testa sulla sua spalla e respirando pesantemente sul suo collo. Inarcando la schiena, sollevò lentamente il culo in aria mentre faceva scorrere la mano sul suo petto, sul suo stomaco e sul suo cazzo duro e palpitante. Con delicatezza si sollevò su di essa, riportando i piedi a terra e togliendosi completamente la gonna come faceva, permise alla parte superiore del corpo di sporgersi dolcemente in avanti. I suoi piccoli capezzoli duri si avvicinarono così tanto al suo viso quando iniziò a stare in piedi dritta, che a malapena riuscì a scoprirlo.

Oscillando ritmicamente i fianchi, si girò lentamente fino a quando il suo culo fu in piena vista. Aprì le gambe e si chinò. Fissò direttamente il suo sedere perfetto, ei suoi occhi lentamente bevvero alla vista davanti a lui. Il suo culo, la chiazza bagnata nelle mutandine dove c'era la figa, e poi si è resa conto... Era piegata perfettamente a metà. Mentre guardava con desiderio la sua piccola fica bagnata, lei lo stava fissando da tra le gambe. Lei gli sorrise e poi lentamente si alzò di nuovo in piedi. Chiudendo le gambe, girando i fianchi a ritmo di musica, fece scivolare giù le mutandine nere bagnate, piegandosi all'indietro come faceva. Teneva le gambe chiuse e, con le mutandine intorno alle caviglie, fissava lo stronzo più perfetto che avesse mai visto. Minuscolo e liscio, era tutto ciò che poteva per non sporgersi in avanti e leccarlo. Quella piccola stella perfetta.

Si alzò di nuovo in piedi e si girò di nuovo. Sollevò un piede dalla biancheria intima sul pavimento e poi sollevò l'altro. Con perfetta precisione le sue mutandine bagnate volarono in aria e atterrarono sul suo viso. Lei rise mentre la respirava. Non sapeva davvero cos'altro fare, gli era stato detto mentre entrava nel club di non muoversi una volta che la ragazza stava ballando, questo includeva ora? Poteva vederla attraverso i buchi dove avrebbero dovuto andare le sue gambe, ma decise di essere coraggioso. Si alzò e se lo tolse dalla faccia. Le sorrise prese un ultimo respiro profondo dei suoi succhi e lasciò cadere le mutandine accanto a lui.

"Questo è tutto per te", disse, "Erano perfettamente puliti prima che entrassimo in questa stanza".

Il suo cazzo pulsava. Non sapeva se stesse dicendo la verità, ma non gli importava più. Era in piedi di fronte a lui con indosso nient'altro che guanti senza dita e calzettoni abbinati e si inginocchiò lentamente tra le sue gambe. I suoi occhi erano fissi sui suoi mentre gli accarezzava le gambe, verso il suo cazzo duro. Fermandosi di poco, sorrise e si sedette. Uno alla volta si tolse i guanti poi, sdraiata sulla schiena, spalancò le gambe. Li chiuse e si tolse i calzini. Ancora una volta, uno alla volta. Ora giaceva di fronte a lui completamente nuda, e allargò le gambe il più lontano possibile. Poteva farle brillare le labbra della figa nella luce fioca. Lui le sorrise e lei ricambiò. Spingendo il seno verso l'alto, si baciò e si succhiò i capezzoli, poi abbassò lentamente le mani. Li appoggiò sulle cosce e bloccò il contatto visivo con lui. Sorridendo, ha spostato le dita sulla sua figa esposta e ha iniziato a strofinarsi il clitoride. James era ipnotizzato; non aveva mai visto una ragazza giocare con se stessa davanti a lui prima. Emise un sospiro basso e fece scivolare un dito dentro di sé. Si contorceva, desiderando disperatamente unirsi a lei, desiderando disperatamente scoparla proprio lì, ma sapeva che non poteva.

Si tolse il dito e se lo portò alla bocca, asciugandosi i succhi intorno alle labbra, poi se lo mise in bocca e succhiò ciò che era rimasto. Si mosse rapidamente, e prima che lui se ne rendesse conto, era di nuovo a cavalcioni su di lui. Si chinò e lo baciò. Non si è allontanato. Sapeva che avrebbe dovuto, ma non poteva. La voleva così tanto. Il bacio all'inizio era leggero, ma la sua passione crebbe e il dolce profumo e il sapore della sua figa erano prepotenti. Lui avvolse le sue braccia intorno a lei, e lei avvolse le sue gambe intorno a lui.

“James,” disse, tra baci duri. “Voglio che mi scopi. Voglio che mi scopi proprio qui, proprio ora.

Non ha risposto. Era con il pilota automatico. Mentre parlava, gli stava slacciando i jeans. In pochi istanti aveva il suo membro grosso e palpitante nella sua piccola mano e lo accarezzava ad arte. Era quasi pronto per venire da quando aveva iniziato a ballare ed era preoccupato che non sarebbe durato. Come se gli leggesse la mente, Sarah strisciò di nuovo su di lui, di nuovo tra le sue gambe sul pavimento e fece scivolare il suo cazzo solido nella sua bocca. Faceva caldo e umido, e lei usò sapientemente la lingua attorno alla sua asta. Si muoveva su e giù velocemente intorno alla punta, mentre massaggiava la base con le mani, e lui osservava attentamente, cercando con tutte le sue forze di stare zitto ma emettendo grugniti qua e là. Poi si è fermata all'improvviso, il suo cazzo ancora in bocca, lui era preoccupato che avesse sentito un buttafuori venire a controllarli, ma altrettanto all'improvviso ha ingoiato tutta la sua lunghezza in bocca e in gola, stringendolo forte alla base . Sentì il suo orgasmo arrivare mentre lei si annidava il viso tra i suoi peli pubici ben curati, e lui le afferrò la nuca, costringendola ad abbassarsi su di lui mentre sobbalzava il bacino verso l'alto sparandole fili caldi di sperma cremoso nella parte posteriore della sua gola. La sentì soffocare e farfugliare un po', ma lei ingoiò fino all'ultima goccia mentre lui grugniva e si lanciava in estasi.

Quando ebbe finito, le lasciò la testa e lei cadde all'indietro sul pavimento. Le lacrimavano gli occhi, ma sorrideva ampiamente. Le era piaciuto soffocarlo. Le era piaciuto ingoiare il suo sperma.

Era diventato zoppicante dopo il suo orgasmo estremamente intenso e si sentiva un po' in colpa per non averla ancora scopata, come lei aveva chiesto. Sorrise ampiamente e si alzò. La aiutò ad alzarsi da terra e la guidò al sedile. Facendola sedere, si inginocchiò tra le sue gambe e le allargò. Le baciò dal ginocchio, fino in fondo alla sua coscia e nella sua fessura. Era bagnata gocciolante e aveva un odore e un sapore fantastico. Ha lasciato che la sua lingua si prendesse il tempo. Lentamente accarezzandole il clitoride, e ogni tanto facendo un giro completo delle labbra della sua figa e poi ruotandolo attorno alla piccola protuberanza del suo clitoride, prima di ripetere l'intero processo di nuovo. Mentre lo faceva, gemette di piacere. Il suo rumore fece contrarre il suo cazzo per l'eccitazione, quindi premette il viso più forte contro il suo bacino, succhiandola nella sua bocca e concentrando i colpi della sua lingua direttamente sul suo clitoride, facendola sgroppare di gioia.

Mentre continuava a lavorare la sua figa con la lingua, inserendo un dito per buona misura, poteva sentire il suo cazzo indurirsi ancora una volta, poi improvvisamente sentì qualcosa di nuovo. Aveva spostato i piedi tra le sue gambe e li aveva avvolti meglio che poteva, attorno all'asta rigida. Stava cercando di accarezzarlo, ma stava lottando nella sua attuale posizione e stato di eccitazione, quindi iniziò a spingere. I suoi piedi erano in perfetta proporzione con il suo corpo... Vale a dire, minuscoli. Erano perfetti e lisci e si sentivano così bene intorno al suo cazzo. Non aveva mai pensato ai piedi sessualmente prima, ma quelli di Sarah erano abili e belli. Poteva immaginare di baciarli e persino di succhiare le dita dei piedi. È stata fantastica. Inserì un altro dito e lei si strinse di nuovo. L'ha scopata con le dita, mentre le succhiava più forte il clitoride e le infilava il suo grosso cazzo tra i piedini, e sapeva che era ora...

Con un movimento fluido, si tirò indietro e si tuffò in avanti, atterrando senza sforzo con una mano di supporto su entrambi i lati di lei, il suo cazzo si fermò appena prima di penetrarla e così si spinse in avanti con i fianchi. Persino lui non riusciva a credere di averlo fatto, ma l'aveva fatto. Senza guidarsi dentro, ora era dentro, non solo la ragazza più bella che avesse mai incontrato, ma anche la ragazza da cui aveva ricevuto il più grande pompino di sempre. Aveva un sacco di soldi con l'idea che sarebbe stata una fottuta dannatamente brava, soprattutto dato che la sua fica era la più stretta che avesse mai sentito.

"Gesù, ragazza!" Ha detto: "Sei così fottutamente stretto!"

Si lamentò positivamente e rispose: "Non sei così piccolo, lo sai?"

Risero per un momento e il ritmo li fece iniziare a scopare lentamente. La figa di Sarah era stretta, ma molto, molto bagnata, e James amava ogni momento. Si fece scivolare fuori il più lontano possibile senza davvero lasciarla dentro, e poi di nuovo dentro finché la sua intera lunghezza non fu sepolta dentro di lei. Poche ripetizioni di questo e Sarah gemeva in modo incontrollabile. James ha completamente dimenticato che questo poteva avvisare le persone di quello che stava succedendo e lo ha preso come un incoraggiamento. La sua spinta più forte, più veloce e più profonda, ad ogni colpo, lasciando che la sua fica stretta ingoiasse tutta la sua lunghezza. Il suo corpo sussultò e il suo respiro divenne irregolare. Stava arrivando, e duramente. Per smettere di urlare, gli morse forte la spalla mentre veniva, lui poteva sentire e sentire il suo respiro caldo e grugnito sulla sua spalla attraverso la sua maglietta e il misto di dolore, rumore e sensazione delle pareti della sua figa che ondeggiavano intorno alla sua circonferenza lo fece venire per la seconda volta. Strinse i denti e martellava contro il suo buco sempre più stretto mentre la riempiva, ancora una volta, con i suoi succhi di uomo caldi e appiccicosi. Tremando di reciproca beatitudine, la coppia si accasciò, Sarah sul divanetto, James a terra. Respirando pesantemente si fissarono e risero.

"Oh!" Ha detto: "Penso che sia un certificato per il miglior regalo di compleanno di sempre!"

Sarah rise ancora una volta, ansimando per la stanchezza e l'estasi, e disse: «Tra cinque non me ne vado dal lavoro. Vuoi tornare da me per un secondo?"

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

522 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

915 I più visti

Likes 0

ISTRUZIONE UNIVERSITARIA

Ho appena trovato questo sito l'altro giorno e finora lo adoro. Vorrei raccontarvi della mia prima volta con l'uomo sul sesso maschile, ma prima voglio parlarvi di me e di come sono arrivato al punto di fare sesso con un uomo. Sono un uomo di 53 anni divorziato da 30 anni. Vivo in una città che ha un college statale e possiedo un'azienda di autotrasporti. ma è successo tutto quando avevo 30 anni. Ero a Los Angeles a scaricare il mio camion e mentre lo scaricavano stavo pranzando dal carro del pranzo, dopo aver mangiato stavo buttando via la spazzatura e...

890 I più visti

Likes 0

Aiuto voluto parte 7

Mi chiedevo se avessi imparato la lezione mentre tornavamo a casa. Non solo, ho iniziato a calcolare quanto è costata la mia stupida avventura con Caitlyn. Tra il suo vestito, le scarpe e la roba, i miei vestiti nuovi, la cena e la mancia, il biglietto del taxi per cui le ho dato i soldi, e la benzina; doveva essere vicino a nove fatture. Inoltre la frikkin' pneumatico doveva essere riparato. Ho guardato Caitlyn. Stava dormendo. C'è stato qualcosa di positivo che è emerso da tutta questa disavventura? La sua figa è stata rasata. Ma stasera non vedrei niente di tutto...

967 I più visti

Likes 0

Un compleanno in incesto Capitolo 34

Manca un capitolo! La serie è quasi finita. Tutto si riduce a questo. Godere. È passato un mese intero da quando papà ha detto che ci avrebbe dato una possibilità e, francamente, è stato davvero un buon mese. Ci siamo assicurati di stare alla larga da papà quando ci sentivamo affettuosi, e lui ha fatto del suo meglio per accettare di sapere cosa stava davvero succedendo. Siamo tornati lentamente alla relazione che avevamo prima del giorno in cui ha trovato la foto, anche se ci è voluto un po' di tempo perché abbiamo deciso di essere chiari su tutto, da ogni...

939 I più visti

Likes 0

Il giorno più bello

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio di come l'avrei mai potuto immaginare. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se voleva che usassi i soldi che avevo vinto nella partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto concedermi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa luccicante che si librava a pochi centimetri dalla mia faccia. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua figa era...

712 I più visti

Likes 0

Ragazzi adolescenti nudi che nuotano al liceo con hard-on

Ero una matricola in un liceo di una grande città negli anni '70 e non sono rimasto sorpreso quando nel mio primo semestre ho nuotato e per motivi di salute pubblica, tutti i ragazzi lo facevano nudi. Ero stato avvertito dai miei fratelli maggiori e provenendo da una famiglia di nove bambini, tra cui sorelle e una madre che allatta continuamente, non ero timido o estraneo al corpo nudo. Il primo giorno ci è stato detto che se avessimo sentito tre brevi raffiche di fischio, dovevamo uscire rapidamente dalla piscina, allinearci sul bordo e affrontare le gradinate, perché potrebbe esserci un'emergenza...

813 I più visti

Likes 0

Quello che desideri

Ho 25 anni, ho recentemente terminato la scuola di legge e lavoro a ore assurde come junior associate in uno studio di medie dimensioni specializzato in diritto assicurativo. La paga è abbastanza decente, ma il lavoro è noioso. Se non fosse stato per Kaitlyn, avrei smesso mesi fa, ma lei rallegra le mie serate e rende tollerabile la fatica settimanale. Ci siamo conosciuti al college, ci siamo innamorati e ci siamo sposati quando ci siamo laureati. Poi la scuola di legge per me e un Master in Pedagogia per lei. Ha 23 anni e gira la testa. La prendo in giro...

1K I più visti

Likes 0

Nirvana celeste: parte 1

Come la maggior parte dei miei altri lavori, questa storia si concentra più sul dramma e sulla storia che sul sesso (ma c'è il sesso, non preoccuparti). Per una migliore esperienza di lettura, ti consiglio di sballarti prima di procedere. Capitolo 1 La giovane donna infilò per l'ennesima volta le sue dita tra le succose labbra gonfie della sua fessura, mordendosi il cuscino per attutire i suoi gemiti di piacere. Era sdraiata a letto, il sole si avvicinava all'orizzonte orientale mentre i minuti scorrevano sulla sua sveglia. L'ora era presto, prima del risveglio dei suoi genitori, ma era così che le...

1.2K I più visti

Likes 0

La mano amica di una madre Ch. 6

Capitolo sei: madri, figli e amanti Alla fine, le braccia di Jason Jackson sono rimaste intonacate per altre due settimane, per un totale di sei in tutto. La notizia della loro rimozione è stata accolta da un enorme sospiro di sollievo e poi da un'esultanza per il giovane. Ma l'euforia e il sollievo furono immediatamente sostituiti da un senso di sgomento e incredulità, perché quando i calchi furono effettivamente tolti Jason rimase scioccato nel vedere le sue braccia un tempo muscolose e abbronzate che sembravano di un giallo pallido slavato, raggrinzite e magre. Dov'erano finiti i suoi adorabili bicipiti tonici? Fu...

705 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.