Alice ha trovato un nuovo giocattolo

547Report
Alice ha trovato un nuovo giocattolo

Alice si rilassò senza fiato, guardando il suo ultimo bramoso Brent mentre giaceva accanto a lei sorridendo. Lei ricambiò il sorriso e ripensò beatamente a quando si erano incontrati per la prima volta e a come erano arrivati ​​a questa posizione ora.

Erano passati mesi da quando erano accaduti Alice e Drew. E da allora era andato avanti con la sua vita, lasciando Alice affamata alla ricerca di un altro uomo con cui giocare. Si sentiva come un lupo che insegue la sua preda perché era così attenta a scegliere il suo prossimo partner. Ha bloccato il suo obiettivo il giorno in cui ha incontrato Brent.

Brent era un vecchio manager del precedente lavoro dei suoi compagni di stanza del college prima di iniziare il college. Era un uomo abbastanza gentile, offrendo ad Alice da bere e posti dove dormire quando l'ha incontrato per la prima volta quella notte in cui lei e la sua coinquilina stavano cercando di ubriacarsi nella città natale dei suoi coinquilini un fine settimana. Alice era stata avvertita che sarebbe stato un po' pervertito, il che non la preoccupava poiché anche lei e la sua coinquilina erano piuttosto perverse. Quando è entrata nell'appartamento è rimasta piuttosto stupita. C'era un armadietto pieno di liquori a sinistra dell'ingresso, un bel schermo piatto a destra con divani posti davanti. Brent era corso al suo computer direttamente davanti all'ingresso spinto contro il muro, ha detto al microfono che doveva interrompere presto il gioco perché aveva compagnia. Alice sorrise quando notò che stava giocando a Dungeons and Dragons. Che anche Alice si è divertita a suonare. Ha messo una nota mentale che potrebbe essere potenziale se mai avesse scelto di inseguirlo sessualmente.

La mattina dopo, dopo un'enorme abbuffata di tutti e tre che bevevano, Alice e la sua coinquilina lasciarono l'appartamento di Brent per tornare nella loro città universitaria, ovviamente dopo aver salutato e ringraziato lui per il posto in cui si era schiantato. Dopo che entrambi sono andati a casa dei suoi coinquilini per prendere le loro cose e fare la doccia, Alice ha ricevuto un messaggio da un numero casuale che non riconosceva. Ha continuato presumendo che qualcuno avesse ottenuto il suo numero da un bambino nei dormitori in cui alloggiavano o qualcosa del genere dato che non era esattamente un'estranea ai numeri casuali.

“Ehi, mi sono divertito molto ieri sera. Spero di poterti rivedere! A proposito, questo è Brent”.

Alice sorrise e chiese come avesse avuto il suo numero. Era piuttosto martellata la scorsa notte, quindi sapeva praticamente che probabilmente gli aveva dato il suo numero ad un certo punto la notte scorsa. Ha risposto confermando la sua convinzione di avergli effettivamente dato il suo numero.

Dopo alcuni giorni di messaggi, Alice ha appreso il segreto di Brent. Che era un tossicodipendente e amava legare i suoi partner e fare a modo suo con lui. Alice sentì quell'agitazione familiare quando lesse la confessione. Ripensava a quel pomeriggio ea come avesse voluto di più. Si rese conto che questa era un'opportunità per riaverla ed era pronta a balzare. Alice ha confessato che si trovava in scenari simili ed è allora che lei e Brent hanno fatto un piano per incontrarsi.

Dopo mesi trascorsi a capire quando sarebbe stato un buon momento per incontrarsi, si stabilirono in un fine settimana in cui nessuno dei due doveva lavorare né Brent aveva alcuna possibilità che un qualsiasi tipo di compagnia andasse a capo. Alice salì in macchina e si diresse verso il basso, pensando a quanto stava promettendo di essere ruvido Brent e sentì la sua figa iniziare a bagnarsi. Ha impostato il controllo automatico della velocità di crociera e, dato che era un'autista fuori dallo stato, era praticamente parte dei suoi autisti ed imparare a guidare con il ginocchio. Si slacciò i jeans e li abbassò leggermente. Ha raggiunto l'interno e ha giocato con la lingerie di pizzo che aveva comprato per quel giorno. Era nero ed era un pezzo unico, che copriva a malapena i suoi seni DD e un perizoma come una corda che copriva la sua figa ora bagnata. Alice fece scorrere le dita su e giù per questa corda, sentendo che la sua presa desiderava avere qualcosa, qualsiasi cosa scivolare dentro di essa. Si morse il labbro e allungò una mano nella borsa che aveva preparato, e tirò fuori un piccolo vibratore a forma di coniglio, tirò la corda di lato e gemette mentre il suo vibratore scivolava facilmente dentro di lei. Lo accese al minimo e lo tenne lì, lasciando che lentamente la trascinasse verso l'orgasmo...

Dopo circa un'ora di guida e 3 orgasmi dopo, Alice si fermò all'appartamento di Brent, afferrando la sua borsa si avviò lungo il sentiero per essere accolta da Brent alla porta. Sorrise e la accolse all'interno, baciandole la tempia mentre entrava. Posò la borsa e si rivolse all'uomo biondo di 6'7 pollici con cui avrebbe trascorso il fine settimana. Sorrise, si chinò e gli posò un dolce bacio sulle labbra, e sentì il suo intero corpo illuminarsi per l'eccitazione.

Dopo essersi sistemata e aver fatto un giro un po' più approfondito dell'appartamento, ora Alice era sobria, lei e Brent sono finiti nella sua camera da letto. Alice si sdraiò sul letto e sprofondò dentro, era un materasso in memory foam, e Alice si rese conto che si sarebbe divertita un po' con questo. Brent si scusò per uscire e fare qualcosa in soggiorno. Alice si guardò intorno vedendo che era una bella stanzetta. Il letto era fatto e aveva una coperta pelosa nera che copriva le lenzuola, tende bianche sopra la finestra, un comò nero con una tv sopra. Alice ha deciso di sorprendere Brent quando è tornato dentro e si è tolta la maglietta e i jeans, sdraiandosi sul letto e posizionandosi in modo che il suo culo fosse sollevato e le labbra imbronciate...

Brent era in cucina a preparare da bere. Se ricordava bene, adorava i muli di Mosca che aveva realizzato il fine settimana che si erano incontrati. Guardò in basso per vedere che il suo cazzo era di nuovo duro. Sorrise perché il suo cazzo era stato duro più volte oggi pensando alla giovane ragazza che ora era nella sua camera da letto. Dopo aver infilato il cazzo nella cintura, raccolse le bevande e tornò nella stanza. Non aveva scopato da tre anni, quindi sperava di durare un po'. Aprì la porta e si fermò sulla soglia, con gli occhi spalancati mentre fissava Alice coperta dalla sua succinta lingerie. Sentì il suo cazzo contrarsi e camminò sul letto, offrendole da bere e guardandola muoversi, vedendo il suo grande petto ondeggiare e il suo culo completare il suo corpo. Dopo che lei ha bevuto il suo drink e ha bevuto un sorso, lui ha fatto lo stesso e ha offerto la sua mano per prendere il drink e lo ha messo sul supporto accanto al letto. Dopo si voltò e guardò Alice.

Alice sorrise e gli fece cenno di sedersi, lo fece e Alice iniziò una sorta di strip tease per lui. Ballando su di lui e premendo il petto contro di lui, poi premendo il culo contro di lui. Brent si alzò e la fece chinare, afferrandole l'anca e si avvicinò, posando un bacio gentile sul suo clitoride attraverso il tessuto, fece tremare Alice ma le piaceva. Infilò una mano sotto il cuscino e tirò fuori due paia di manette nere. Li mostrò ad Alice e alzò un sopracciglio, chiedendo se poteva usarli. Lei annuì e lui si chinò, ammanettandole i polsi alle caviglie. Ha riposizionato la schiena contro di lui e ha iniziato la sua tortura.

Prese due dita e le fece scorrere lungo il tessuto che copriva la figa di Alice. Poteva sentire che aveva sborrato almeno due volte con il modo in cui il tessuto era ancora umido e appiccicoso. Poteva sentire la sua chiusura, poi tirò da parte il tessuto e prese un dito, facendolo scivolare dentro e fuori lentamente da lei. Lei gemette e si mosse un po', ma lui la tirò indietro nella posizione e le schiaffeggiò il culo. Le ha detto di non muoversi e lei avrebbe ottenuto ciò che voleva. Tornò alla sua figa, facendo scivolare dentro due e poi tre dita e iniziò a giocare dentro di lei. Roteandoli intorno e facendoli scorrere dentro e fuori. Alice piagnucolò un po', ma lasciò che facesse le sue cose. Alzandosi con l'altra mano, Brent mette tre dita sul suo clitoride e inizia a strofinarlo con un movimento circolare. Alice gemette un po' più forte e iniziò a piagnucolare più forte. Poteva sentire il suo orgasmo arrivare. Brent riconobbe la tensione della sua figa, quindi si alzò semplicemente e si spostò di lato, mettendo una mano sul suo fianco e tirandola contro di sé mentre iniziava a strofinarle il clitoride. Alice gridò quando fu mandata oltre il limite e si sentì schizzare per la prima volta. Era intenso e le sue gambe tremavano. Quella era la prima volta che squirtava ed era un po' scossa da quanto fosse stata dura. Brent si chinò e iniziò a succhiare il suo clitoride gonfio, facendo scorrere la lingua intorno e facendo scorrere le dita dentro e fuori di lei. Lei gemette per la sensibilità e cercò di allontanarsi, ma lui la tenne contro di sé. Ha parlato nel suo clitoride prima di allontanarsi e ripetere la sua domanda.

"Ho il permesso di fare il gattino a modo mio"?

“Sì papà” riuscì Alice, guardandolo con occhi sottomessi.

"Ti comporterai bene?" chiese Brent sorridendo maliziosamente.

Alice annuì e lui si avvicinò al suo armadio, aprì le porte e aprì un cassetto che era stato incorporato.

Tirò fuori un dildo e un vibratore e si rivolse ad Alice.

"Li ho ordinati appositamente per usarli su di te" disse Brent sorridendo. "E ci sono molti altri giocattoli nel cassetto". Si sedette sul letto nella sua sborra e prese dieci dildo, usando la punta per scivolare su e giù per il suo clitoride e sorridendo mentre chiudeva le persiane. Ha preso il cazzo da 12 pollici e lo ha sbattuto più forte che poteva contro Alice. Lei guaì leggermente, ma si calmò. Iniziò lentamente a farlo scivolare dentro e fuori di lei, vedendo la sua figa afferrare bene il cazzo finto. Quindi ha preso il vibratore e l'ha acceso, mirando a una velocità media costante e l'ha posizionato sul suo clitoride. Alice gemette e cercò di muoversi, ma Brent le ordinò di rimanere in un profondo ringhio. Alice obbedì e piagnucolò più forte, praticamente urlando mentre un altro grande orgasmo colpiva. Il liquido si è riversato intorno al vibratore e al dildo e Brent ha iniziato a scoparla più forte con il dildo. Sbattendolo contro di lei facendo durare più a lungo il suo orgasmo. Dopo quelli che sono sembrati minuti in cui ha raggiunto l'orgasmo, ha tirato fuori il dildo e lo ha messo sul pavimento accanto a lei. Posò il vibratore sul letto e si chinò, slacciandole le manette.

Si alzò in piedi e la fece alzare, era ancora traballante per i suoi orgasmi ma era ancora affamata di più. Le ha ammanettato i polsi e le ha ordinato di scivolare giù sul dildo, lei ha obbedito mettendosi in ginocchio e scivolando sul cazzo, lo ha guardato in alto aspettando i suoi prossimi ordini. "Apri la bocca, sporca piccola troia" sorrise e aprì la bocca, lui tirò fuori il suo cazzo che era almeno delle stesse dimensioni di quello dentro Alice, almeno così giudicava. Le ha messo il cazzo in bocca e l'ha afferrata dietro la testa, facendole scivolare il cazzo in gola e scopandole brutalmente la faccia. Poteva sentire il suo bavaglio e sorrise, guardando in quegli occhi che erano paura al limite e desiderio al limite. Si lasciò andare un po' e lasciò che lei lo succhiasse al suo ritmo, ordinandole di cavalcare il dildo su cui l'aveva fatta scivolare mentre lo faceva. Si concentrò sulla sua testa mentre si dondolava sul dido, prima di scivolare su quella finta mentre la sua bocca scivolava su quella vera. Continuò così per un po', lasciando che il piacere si accumulasse per entrambi. Brent gemette che stava per venire e Alice lo tirò in fondo alla sua gola. Quando sentì il suo cazzo contrarsi, si tirò su e si concentrò sulla sua testa, ingoiando tutto ciò che aveva. Si appoggiò al comò a causa del fatto che le sue gambe ora erano traballanti. Sorrise e ordinò ad Alice di alzarsi. Lei obbedì e lui si chinò per baciarla profondamente. Si è allungato e si è tolto la lingerie di pizzo per rivelare le tette DD perfettamente rotonde. Si è inginocchiato e ha fatto stare Alice con le gambe divaricate, ha preso una tetta e ha iniziato a succhiarle il capezzolo, mentre allungava una mano per accarezzare l'altra e la sua mano rimanente per allungare e toccarle il clitoride. Inclinò la testa all'indietro e gemette forte, era sull'orlo di un altro orgasmo quando lui si fermò e si allontanò. Aveva pianificato di trascinare fuori la sua ora.

Brent ordinò ad Alice sul letto di sdraiarsi sulla schiena e di aprire le gambe. Lei obbedì e guarda Brent con occhi sottomessi, lui sorrise e si mise in ginocchio, piantando le labbra sul suo clitoride e iniziò a leccarle. La stava prendendo in giro e ha afferrato il vibratore sul suo fianco e l'ha acceso ancora una volta, facendolo scivolare dentro e fuori dalla sua figa contorta. Alice gemette e inarca la schiena mentre un altro orgasmo le attraversava il corpo, lottava per parlare mentre Brent continuava a succhiarla e a giocare con il suo sperma. Alla fine si arrese dopo averla mandata in un altro orgasmo attraverso la sensibilità.

Dopo essersi sentita come se ne avesse abbastanza, Brent si è alzato in piedi e l'ha presa in giro con il suo stesso cazzo. Facendo scorrere la testa su e giù per il clitoride gonfio prima di sbattere il suo cazzo dentro di lei. Sentì le sue ginocchia cedere mentre sentiva la figa di Alice stringere forte il suo cazzo, gemette e si tirò fuori lentamente, chiudendosi per quanto fosse bagnata Alice. Alzò lo sguardo e incontrò occhi affamati e continuò a spingersi dentro lentamente, sentendo il suo cazzo diventare più rigido. Afferrò la schiena di Alice e la inarcò, abbassando la testa e prendendo uno dei suoi seni in bocca, iniziò a toccarle il capezzolo e mordicchiandolo mentre si digrignava, la sentì rabbrividire e lei iniziò a contorcersi implorando Brent di scoparla più forte . Non obbedì mai, ma mantenne il ritmo lento, sentendo Alice irrigidirsi sotto di lui. Sentì il suo intero corpo iniziare a tremare mentre sentiva la sua figa stringersi ancora di più intorno a lui e sentì l'ondata di liquidi che seguì, alzò lo sguardo per vedere che i suoi occhi erano roteati dietro la sua testa ed era senza fiato per un altro orgasmo. Gemette quando sentì le sue palle stringersi e si tirò fuori non volendo sborrarle dentro per il momento. Lui le baciò il collo e piantò lentamente un bacio gentile sulle sue labbra, lei ricambiò il bacio dolcemente e lui la guardò negli occhi. Poteva vedere che aveva ancora fame, ma sapeva che non sarebbe potuta durare ancora a lungo. Si rilassò e la portò su per incontrarlo. Era traballante ma riuscì comunque a montarlo e lui iniziò a prenderla in giro con la testa. Ogni spazzola che la sua testa faceva con il suo clitoride poteva sentirlo tremare, e lo sperma che gocciolava dalla sua figa era caldo e celestiale, lui gli accarezzò il cazzo per un po' prima di farla scivolare giù di un pollice su di esso. Lei gemette e lui continuò ad accarezzarsi, ogni volta che si avvicinava al suo clitoride faceva scivolare indietro il pollice se e sentiva tutta la sua figa e il suo corpo rabbrividire, lui sorrise e senza preavviso si sbatté dentro di lei. Alice sussultò e inclinò la testa nera, era molto più bagnata e stretta mentre era in cima che Brent non poteva farne a meno. Alzò i fianchi e le afferrò la gola, tirandola verso di sé e iniziò a spingere. Gemeva sempre più forte, praticamente urlando mentre Brent la teneva su di sé per la gola con una mano e l'altra le pizzicava i capezzoli. Ha raggiunto l'orgasmo di nuovo e questa volta Brent non avrebbe potuto ritirarsi se ci avesse provato. Sentì il suo cazzo gonfiarsi e poi sollevarsi, non poteva dire di chi fosse lo sperma mentre lo guardava scivolare lungo il suo cazzo ogni volta che lei scivolava su, sorrideva e si rilassava, lasciandola andare e lei cadeva al suo fianco, sorridendo e si allungano giocando con il loro sperma misto. Era stanca e soddisfatta, sapeva che si sarebbe goduta questo fine settimana mentre si rilassava senza fiato e iniziava a immaginare come aveva incontrato Brent...

Storie simili

Fuori Limiti Compagno di Stanza Pt. 3

Vista. Il calzino rosa, che mi premeva quasi sugli occhi. Era buio, ma dopo questo pomeriggio, sapevo fin troppo bene che c'erano impronte sporche di dita dei piedi e suole in una leggera sfumatura di marrone. Tocco. L'arco della suola di Shiann, che mi tocca il naso. Le dita dei piedi contro la mia fronte, dimenando leggermente. Il tallone, che mi sbatteva il mento un paio di volte mentre si spostava leggermente verso di me lungo il divano. La sensazione di un tessuto leggermente consumato, qualche brandello di cotone che si era staccato dall'intreccio di cotone a maglia fitta dei suoi...

952 I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

884 I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

766 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

748 I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

664 I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

800 I più visti

Likes 0

Apparecchiare la prima tavola

Apparecchiare la prima tavola Darien Kingford sollevò la maniglia del telefono, premendo il pulsante lampeggiante della sua linea privata. L'ID chiamante mostrava un numero che non riconosceva. “Sì, ciao,” disse, quasi con un morso nella voce. «Salve, signor Kingford», salutò una ragazza. Bello parlare con te. Spero ti ricordi di me? Sono la ragazza il cui papà mi ha affittato a te tre settimane fa, e ti ho succhiato il cazzo e ingoiato tutto il tuo sperma. Hai detto che volevi stare di nuovo con me, quindi eccomi qui. Come sei stato? Di che diavolo stai parlando? “Vuoi che ti mandi...

576 I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

284 I più visti

Likes 0

Il padrone vuole, il padrone ottiene

Ero in piedi nel mio soggiorno, con indosso i vestiti che mi aveva mandato, calzini neri al ginocchio, perizoma nero, reggiseno nero e un vestito corto trasparente gettato, adorava vedere cosa sarebbe stato presto suo. Il mio Maestro sarebbe tornato in meno di dieci minuti. Dopo l'ultima ora di sms, mi aveva detto che stasera ci sarei stato dentro Ho aperto la porta e lui è entrato e si è voltato verso di me mentre chiudevo la porta, quando mi sono girato la sua mano è andata dritta ai miei capelli, afferrandone un grosso pezzo, mi ha tirato indietro il collo...

13 I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

893 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.