La seduzione di Amanda

401Report
La seduzione di Amanda

Solo un altro anno di questo inferno.

Rimasi seduto a fissare il mio riflesso confuso nel bagno, mentre il fumo mi usciva dai polmoni.

Sigarette economiche. Facile venire qui. Mia madre era una fumatrice accanita e non lavorava, ma aveva un sacco di uomini che entravano e uscivano di casa e lei dava loro la figa e loro in cambio le compravano le sigarette. Che ho rubato. Fottuta puttana. Chi vende la figa in cambio di sigarette e alcol?

Domanda retorica. Mia madre ovviamente. Non si è mai preoccupata di me o di mio fratello, ma non potevamo andarcene senza che lei mettesse le nostre foto sui cartoni del latte perché qualcuno doveva dare da mangiare al suo neonato che non smetteva mai di piangere, di cagare e di volere attenzioni. Ancora un anno e la cagna era sola.

Mi alzai e uscii dal bagno, l'unico posto con un po' di privacy. Stavo uscendo. Fanculo lei, i suoi uomini e il ragazzo che probabilmente non avrebbe mai conosciuto suo padre. Diavolo, probabilmente mia madre non conosceva suo padre.

Penseresti che sarei più comprensiva nei confronti della situazione di una ragazza che cresce senza papà ma viene picchiata dagli uomini per tutta la vita. Scopate malate.

"Mamma, vado da Becky"

"Non puoi andare da nessuna parte stasera! Ho degli ospiti che vengono a trovarmi e tu devi badare alla tua sorellina!"

"Domani ho un compito e devo studiare!"

Quella era una bugia. Beh, la parte relativa allo studio era una bugia. Sicuramente avevo un esame ma avevo di meglio da fare che studiare. In realtà stavo andando a studiare. Stavo per fissare il patrigno del mio migliore amico. Dio, quanto era sexy. Aveva i capelli e gli occhi scuri e, a giudicare dal rigonfiamento nei pantaloni, aveva un grosso cazzo da abbinare a quel bell'aspetto.

"Amanda! Non osare lasciare questa casa..." Quella fu l'ultima cosa che sentii mentre sbattevo la porta sul retro e mi facevo strada a calci tra le foglie secche attraverso la fila di prati della nostra strada. Qui è più sicuro andare dietro le case che camminare per strada.

Merda. Ho dimenticato le sigarette.

Pochi minuti dopo stavo bussando alla porta di Becky e sentivo la mia figa diventare calda. Sapevo che non sarebbe tornata a casa ancora per un po' perché aveva le prove con la band. Tipo strano. Comunque era carina e intelligente. Dovevo passare l'ultimo anno in qualche modo, quindi perché non avere un migliore amico intelligente con un patrigno sexy che avevo intenzione di scopare?

Il suo nome era Rick. Rick Schaeffer. Rick e Amanda Schaeffer. Sembrava carino quando l'ho detto ad alta voce.

Rick ha aperto la porta. Sembrava distratto.

"Ehi, Amanda... Becky non è ancora a casa."

"Davvero? Ha detto che sarebbe tornata direttamente a casa oggi, mi dispiace," mentii. "Ti va se resto insieme finché non torna a casa?"

"uhh... certo... sì.. entra. Scusate il disordine."

Sua moglie non puliva mai la casa. Vorrei pulire la casa. Mi chiedo se gli succhia il cazzo. Il cazzo di Rick. Dio, mi ha fatto bagnare il pensiero.

"Dov'è....la 'mogliettina'?"

"È andata in chiesa."

Dolce.

Allora Rick, che ne dici di andare a scopare nel tuo letto mentre tua moglie non c'è e prima che Becky torni a casa? Questo è quello che ho detto nella mia testa. Invece mi sono seduto e l'ho guardato pulire il suo fucile. Le sue mani si muovevano su e giù per la canna e non so perché questo mi eccitò, ma non avevo intenzione di sedermi qui a spaccare il capello in due quando avrei potuto fare la mia mossa.

"Hai bisogno di aiuto?"

"Nah... ho capito."

Peccato. Mi sono alzata, ho attraversato la stanza, ho preso lo straccio dalle sue mani e mi sono chinata verso il punto in cui le mie tette stavano praticamente cadendo dalla maglietta e ho iniziato a strofinare la canna, girandoci attorno il pugno e accarezzandola.

Rise nervosamente.

"Che cosa è divertente?"

"Niente...io...non lo so."

Ho riso e gli ho restituito lo straccio per pulire. Ho visto i suoi occhi scuri assorbirmi. Ho sfruttato quel momento per mettere la mia mano proprio sul suo inguine e sentire con fermezza il rigonfiamento che stavo sempre guardando. Si è indurito nella mia mano. Ha provato a indietreggiare, ma gli ho messo un dito sulle labbra e gliel'ho fatto scorrere lungo il mento, la gola e il petto, giocando con i peli del petto che erano visibili dal picchiatore che indossava.

Misi il dito in bocca, giocando con esso, lasciando che le labbra scivolassero su e giù, facendo roteare la lingua attorno alla punta del dito e poi rimettendo il dito sul suo labbro, facendogli sentire l'umidità.

Avevo un altro punto umido che aveva bisogno di sentire.

"Sai, Rick, non ho mai avuto un papà. Non ho mai avuto nessun papà che mi amasse o mi sculacciasse."

Ciò lo colse di sorpresa. Sapevo che sculacciava Becky un paio di volte quando tornava tardi a casa nei fine settimana. Si è incazzata per questo, ma io ne sono rimasto entusiasta e le ho fatto troppe domande a riguardo mettendola a disagio. Ha detto che ha usato la cintura su di lei e una volta le ha persino fatto abbassare i pantaloni. Mi ha fatto venire la pelle d'oca a pensarci. Non ho mai avuto un papà o un patrigno che si preoccupasse abbastanza di me da tenermi in riga. Tutto quello che avevo erano quei fottuti uomini che mia madre portava a casa che di solito erano ubriachi e volevano provarmi o rispolverarmi. Mi ha fatto male. Questo era diverso. Questo era un vero uomo. Non un ubriaco che pagava il sesso con sigarette a buon mercato e alcol.

"Non hai mai ricevuto una sculacciata?"

"No."

Ho preso la mano di Rick, l'ho messa sulla mia coscia e l'ho spinto verso il mio punto debole. Sembrava nervoso ma mi sono comportato come se fosse normale. Esitò ma non si fermò. Mi sono seduto sul tavolino di fronte a lui e ho aperto le gambe per invitarlo a toccarmi.

Egli fece.

Oh Dio. Il modo in cui sentivano le sue mani. La mia figa pulsava ed era bagnata fradicia. Sono sicuro che i miei jeans fossero umidi dei miei succhi che scorrevano. Mi sentivo vicino a venire solo al pensiero che lui mi penetrasse con un semplice dito. Lo sentii strattonarmi la cintura.

Santo cielo, stava per succedere.

Ho inclinato la testa all'indietro. Non volevo stabilire un contatto visivo. Paura che ciò avrebbe infranto la sua fiducia o lo avrebbe fatto sentire in colpa. Prendimi come se fossi il tuo, ho pensato.

Possiedimi. Questo è stato un altro pensiero caldo che ho avuto. Vorrei essere sotto il controllo di quest'uomo. Vorrei poter scambiare il posto con Becky. Aveva questo patrigno che era sexy e la sculacciava. Mi chiedo se lo eccitasse sculacciarla. Mi chiedo se l'abbia accesa segretamente.

Avevo la cintura sfilata e lui mi stava sbottonando i pantaloni e aprendo la cerniera. Mi sono alzato per farglieli sfilare.

"Amanda, non dovremmo..."

L'ho ignorato. Mi sono semplicemente sollevata più in alto e, come se avessi il pilota automatico, lui mi ha abbassato i jeans fino alle cosce. Ha infilato il dito nei lati delle mie mutandine e ha sentito le labbra della mia figa che avevo appena rasato.

"Dio, sei bagnato."

Accidenti, ero bagnato. Ero un fiume. Aveva rotto la diga ed ero pronto ad accoglierlo.

Ho semplicemente inspirato e ho spinto le sue dita più dentro. Ha trovato il mio clitoride e ha iniziato a colpirlo. Sapeva ciò che stava facendo. Adesso aveva entrambe le mani. Abbassandomi le mutandine. Ho osato guardarlo e lui stava fissando la mia fica. Lui spalancò le mie labbra e mi guardò. Mi sono appoggiato allo schienale per dargli un accesso più facile. Con una mano mi sono tolto una scarpa e poi l'altra. Mi ha abbassato i pantaloni e io ho alzato le ginocchia per aiutarli a spostarle. Poi mi sono tolte le mutandine e la sua bocca ha trovato la mia fica bagnata. Quelle sue bellissime labbra erano sulle mie labbra umide e lui mi stava succhiando il clitoride, facendolo roteare la lingua attorno e poi succhiandolo di nuovo. La sua bocca luccicava del succo della mia fica. Il suo dito entrò in me. Uno, poi due.

"La tua figa è così stretta e bagnata...."

E pronto. Volevo il suo cazzo dentro di me.

Mi sono alzato e mi sono girato con il sedere in faccia; le mie mani appoggiate sul tavolino davanti a me. Ha preso una mano e me l'ha fatta scorrere lungo la schiena, mi ha aperto le chiappe e ha messo la lingua tra le mie chiappe! Non avevo mai avuto nessuno che mi toccasse in questo modo. Stavo ansimando. La mia figa era bagnata e la mia bocca era secca. Non potevo deglutire. I rumori che mi uscivano dalla gola sembravano rauchi e la mia voce era rotta.

"Sculacciami."

"Sei stato cattivo?"

Sto male adesso, ho pensato.

"Sì. Ho bisogno di un papà che mi ami e mi sculacci. Sculacciami come hai sculacciato Becky.

Merda. Forse non è stata una buona idea allevare la sua figliastra. E se questo lo riportasse alla realtà di ciò che stava facendo? Merda. Merda. Merda. Merda. Merda.

Si era fermato. Stupido, così stupido, non so mai quando chiudere la bocca.

Mi ha preso la mano. Lo guardai. Indossava pantaloni da jogging e il suo uccello era duro come una roccia. Ci ho infilato la mano. Mi sono sentito portato via. Nella sua camera da letto.

Diavolo sì.

Raccolse la cintura dal pavimento e mi mise le mani sul letto, piegandomi leggermente in avanti nel processo. Ho sentito la pelle scivolarmi sul sedere. Il solo fatto di essere toccato con la pelle mi faceva battere forte il cuore. Ero un po' spaventato ma molto eccitato. Sentii le sue dita spaccarmi le labbra, entrando in me. Potevo sentire quanto ero bagnato. Mi ha fatto scorrere i succhi con due dita fino a farmi tremare. Ha allungato la mano e mi ha toccato le tette, lasciando una scia dei miei succhi. Il ventilatore nell'angolo della stanza mi colpiva la pelle e le zone umide davano una sensazione fresca ma io non ero altro che puro calore.

La pelle venne nuovamente picchiettata contro il mio sedere.

"Pronto?"

Potevo solo gemere.

Il primo colpo della cintura contro il mio sedere nudo fu forte e mi sconvolse. Non l'ho mai sentito prima. Faceva male ma allo stesso tempo mi sentivo bene. Ancora. Quella volta il bruciore aumentò e potevo sentire la mia figa diventare una pozza.

Ancora una volta la sua cintura entrò in contatto con il mio sedere, avvolgendomi. All'improvviso ho sentito uno schiocco sulle labbra della mia figa. Stava sculacciando la mia piccola figa con le mani. Quelle mani da uomo grosso. Il mio corpo tremava.

Rick mi fece voltare, mi spinse all'indietro sul letto e mi allargò le gambe. Fissava il mio punto debole mentre io fissavo il suo viso. Mi stava bevendo.

"Fanculo a me."

Non aveva bisogno di essere convinto. I suoi pantaloni erano sul pavimento e il suo grosso cazzo ballava davanti ai miei occhi. Ha schiaffeggiato la sua virilità sul mio clitoride. Potevo sentire i miei succhi schizzare. Lui è entrato in me, in profondità e tutto in una volta, seppellendo il suo cazzo fino in fondo. L'asta mi ha spinto la testa in profondità e mi ha fatto un male terribile. All'inizio lento ma poi più veloce.

Lui tirò fuori, mi fece girare e cominciò a sculacciarmi di nuovo, questa volta con la mano.

"Sei una cattiva ragazza, Amanda. Sono sposata. Lo sai che sono sposata. Sei una puttana come tua madre? Sei felice? Mi hai fatto tradire mia moglie, Amanda. Hai bisogno di essere punita. Una puttana viene punita."

Fanculo. Non mi importava. Non avevo bisogno di sigarette o alcol economici. Volevo solo il cazzo di quest'uomo. Se fossi una puttana, allora alleluia, questo sarebbe il paradiso.

E mi stava sculacciando forte. Ho piagnucolato. Mi ha sculacciato più e più volte, facendomi tremare il culo a ogni leccata. Ho gridato. Qualche lacrima mi è scesa agli occhi ma non potevo dire se fosse per il dolore intenso o per il piacere. Le due mani si sono fuse.

Ha sbattuto di nuovo il suo enorme cazzo nella mia figa e l'ha picchiato ancora e ancora. Grondava la mia essenza. Cazzo liscio. Il cazzo liscio di Rick. Era fuori dalla mia figa e nel mio culo.

Ho sussultato. Non me lo aspettavo. Stava usando tutto il mio corpo.

"Sei la mia puttanella, Amanda?"

"Dimmi che sei la mia puttana!"

"Sono la tua puttana"

Santo cielo, ero la sua puttana. Fanculo sì.

Mi sentivo come se il mio corpo si stesse dividendo. Mi stava facendo a pezzi con le sue spinte. Stava picchiando più forte, si è allungato per afferrarmi le tette e ha picchiato uno, due, tre, quattro, cinque... è scivolato fuori dal mio culo e ancora una volta nella mia figa... uno, due, tre, quattro, cinque , sei sette.

L'ho sentito tirarsi fuori. Mi fece voltare e mi spinse in ginocchio, il che fu facile da fare dato che mi sentivo come se le mie gambe fossero tagliatelle bagnate.

Un liquido caldo e appiccicoso mi colpì il viso. Uno, due, tre, quattro, cinque... tutta la mia faccia era ricoperta dal suo sperma.

Rick ha preso la punta del suo cazzo e ha spostato lo sperma dalla mia guancia alla mia bocca e io l'ho succhiato via dal suo cazzo ancora sodo. Mi ha spalmato lo sperma sul viso e nella bocca, facendomelo assaggiare.

"Hai il tuo sapore, Amanda?"

Non sapevo dove finisse il suo gusto e iniziasse il mio.

Ho aperto gli occhi. Ecco Becky.

Merda.

Storie simili

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

2.6K I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

2.4K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

2.4K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2.1K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

2.3K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

2K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2.2K I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

2.9K I più visti

Likes 0

La guerra_(1)

Durante la guerra in passato, mi sono arruolato nell'esercito. Ero chiuso e circondato da uomini grossi e sexy, forti e coraggiosi. Il primo al comando del nostro squadrone era così sexy. Il suo nome era Rob. Un uomo molto mascolino e muscoloso con forti radici di campagna. Quando non stavamo litigando, era quasi nudo e sicuro di sé. Era sposato e aveva la moglie più bella di sempre. La invidiavo. Non ci sono mai state donne in guerra. Solo uomini grossi, sporchi, sudati e puzzolenti. Rob aveva foto di sua moglie nuda. Altri uomini si masturbavano con loro quando Rob non...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.