Silenzioso e senza fiato

392Report
Silenzioso e senza fiato

Silenzioso e senza fiato

È la casa di Tammy. Sta dando una festa. Quando arrivo lì, posso dire che è un po' alticcia... più rumorosa del solito. Ricevo il saluto regolare. Quando mi vede salta su e mi abbraccia con le gambe. Mi dice che le manca la mia "faccia stupida" poi mi offre da bere. Il resto della sua piccola squadra di Blow Out è lì. Sage e anche un paio di altri ballerini. So che è casa sua, ma non so come la paga. Davvero carino, troppo carino per uno della nostra età. Faccio il giro della casa, la maggior parte delle persone sono riunite in cucina e sento l'odore del vuoto Kush nella porta scorrevole sul retro mentre si apre e si chiude. Uso un coltello da burro per mescolare il mio Jack and Coke quando la vedo uscire barcollando dalla porta sul retro.

Faccio come al solito, rimango per lo più in silenzio e osservo. Mi vengono offerte un paio di sostanze diverse, ad alcune è più difficile dire di no rispetto ad altre. Tammy torna dentro e mi tira per il polso in una stanza dove dietro c'è solo un impressionante acquario che illumina la stanza. Mi dice ancora una volta quanto le manco e mi ORDINA di prendere FUBAR e che posso restare lì per la notte. Presumo che l'ospitalità sia solo un gesto educato e ubriaco, di solito è... grattalo, SEMPRE quando vengo invitato a passare la notte.

Man mano che la notte matura, faccio il contrario. Fortunatamente sono circa 2 ore indietro rispetto a tutti gli altri, quindi passa quasi completamente inosservato. La squadra del Kush esce di nuovo e questa volta la vedo parlare di me con i suoi amici. Le ho sparato una faccia sciocca e lei ridacchia come fa sempre. Sage si china davanti a lei e le solleva il vestito sottile. Tammy le fischia e le dà una pacca sul culo alcune volte.

Per l'ennesima volta. Trovo la strada per il lussuoso bagno con la toilette nera e il lavandino. È più o meno a quest'ora, proprio intorno all'ORA DEL DRAMMATICO 3:00, che affermo il mio odio per me stesso e la mia subordonanza. Come faccio abbastanza spesso, comincio a guardarmi profondamente negli occhi e a ricordare che sono REALE e che esisto VERAMENTE in QUESTO corpo in QUESTO momento. Di solito dura solo pochi secondi ma questa volta è più lungo. Abbastanza a lungo da quasi non sentire il fragile bussare alla porta. Entra prima che io possa rispondere, merda, è proprio casa sua. Senza dire una parola, scopre una bottiglia di coca cola di discrete dimensioni da dietro un fiocchetto sul busto del suo vestito esile. Mi paralizza con uno sguardo eccessivamente seducente e fruga nella tasca posteriore destra dei miei jeans. Rimuove il mio portafoglio e rimuove la mia carta d'identità. Mi siedo sul water chiuso e cerco di fissare nella mia mente quello sguardo che mi ha appena lanciato, nel profondo.

Nota che il mio portafoglio è Gucci e mi fa un sorrisetto impressionante. Mi porge la carta d'identità e la carta d'identità, poi si siede lei stessa sul water. Mentre faccio a pezzi questo mucchio di merda di qualità inaspettatamente alta, noto che lei esamina ulteriormente il mio portafoglio. In qualsiasi altro momento, qualunque altra persona e io l'avremmo strappato, ma non lei, non stasera.
Qualcosa di cui in realtà sono un po' orgoglioso è la mia capacità di tagliare la coca in binari puliti e stretti. Lecco il bordo della mia carta d'identità e le dico che è sveglia. Mi dice che sono il primo senza alzare lo sguardo dal suo nuovo giocattolo e quando alzo la testa, l'ha già appoggiata tra le dita. La mia MAGNUM. In realtà saremmo diventati ottimi amici. Era lì da più tempo di quanto potessi ricordare. Lei sorride e mi lancia un'occhiata alla riga successiva.

Questa volta, quando alzo lo sguardo, ha la confezione strappata a metà tra i denti, come se fosse una barretta SNICKERS. Il suo indice avvolto attorno al mio guinzaglio mi porta direttamente di fronte a lei. Mentre getta la gomma vergine nella spazzatura e pronuncia due parole: "Mostramelo". Sapeva come aprirmi la cintura e i pantaloni più velocemente di me. Non ci vuole molto per raggiungere la massa critica, anche se lei lo sta solo fissando. Ci sputa sopra e se lo strofina. Vedo le sue labbra lucide come una caramella aprirsi e chiudersi, così chiudo gli occhi e abbandono la testa. Solo che non c'è niente. Nient'altro che io che mi preoccupo perché la sua lingua forata, calda, simile alla seta, SCORREVOLE contro la parte inferiore. Abbasso lo sguardo e la vedo in piedi, mi tiene ancora chiuso in una mano. Ci avviciniamo alla porta e lei la chiude mentre mi chiede se ho mai preso uno SNOW BUNNIE prima.

Sento il cuore che cerca di uscire dal petto, ma faccio quello che posso per mantenere il controllo. Mi accompagna verso la vasca da bagno e mi dice di sdraiarmi. Mi siedo su un lato della vasca e mi sdraio sulla schiena. Per fortuna non ho svuotato la vil. Si inginocchia accanto a me e ci sputa sopra di nuovo. Questa volta lo strofina lentamente, i miei occhi sono chiusi ma sento che mi fissa. Butta via il resto della bottiglia e ne prende metà, tossisce, poi la seconda metà. Cerco di sedermi ma la sua mano mi colpisce al petto per farmi sdraiare, ed è allora che l'ho sentito. Quella lingua. Ampio le prime due volte, ma poi acuto, svolazzante nel punto giusto come se sapesse dov'era. Pensavo di aver perso la testa in quel momento, ma proprio in quel momento sono diventato insensibile. Abbastanza insensibile da durare quanto farei normalmente, ma non abbastanza da farmi fuori.

Mi ricordava la lingua di un serpente. Le passo le dita tra i capelli e lei intreccia le mie dita con le sue, poi le chiude a pugno. Abbasso la sua bocca sul mio stomaco e la sento canticchiare una piccola risatina. La guardo e vedo la sua mano libera che si agita tra le gambe. Le ragazze che amano fare pompini tanto quanto amano farsi leccare fuori succhiano un cazzo come vorrebbero averne uno.

Mi ha tirato giù stretto, poi ha dipinto la mia asta con la lingua come se fosse un fottuto palo di recinzione. Devo afferrare la tenda della doccia e morderla quando lei accelera verso la fine. Una delle sue mani mi gratta dal petto fino al petto mentre esplodo nel suo stomaco. Non sento un bavaglio mentre lo strizza come un tubetto di dentifricio. Con 3 sorsi solidi nasconde saldamente le prove.
Mi sono sdraiato per un momento sul bordo della vasca e proprio in quel momento ho iniziato a realizzare che era come sdraiarsi su una mazza da baseball di alluminio. Senza una parola apre la porta e se ne va. Mi lavo le mani e mi getto un po' d'acqua sul viso prima di fare lo stesso.

Quando torno in cucina vedo che non ha perso tempo a cercare una gomma da masticare in una delle tante borse sparse qua e là. Trovo il soggiorno e mi sdraio sul divano. Non faccio mai plop, i miei amici lo sanno, a meno che non ne abbia appena preso un po'. Nessuna parola, solo sguardi, da parte di tutti. Piccole alzate di spalle, le lancio un'occhiata, tutti guardano. Sono preso. Non le importa. A dire il vero, le piace. Lo so perché finge di avere la bocca stanca e si strofina gli angoli della mascella. Un'esplosione di risate COMPLIMENTI risuona dal pavimento di legno. Mi alzo e esco a fumare/pensare.

Immagino che abbia finito con me. Era curiosa, ha ucciso quella curiosità e ora sono una notizia vecchia. Potrebbe non essere nemmeno l'ultimo ad essere incastrato stasera. Qualunque cosa, chi se ne frega. Entrambi abbiamo ottenuto ciò che volevamo. Prima di accorgermi che sono alla terza sigaretta nello stesso BREAK. Funziona. La prima cosa che faccio è lo scroll dell'iPod.
Non ci vuole molto prima che faccia il trapianto dell'ipod, e l'intera casa è buia tranne lo schermo al plasma e quel maledetto acquario. Con il passare della notte, arriva il mattino e comincio a scendere. Tammy mi salva con un fucile di una ridicola merda viola. Finiamo per parlare di lavoro, di relazioni passate e, soprattutto, di sesso. Come ci piace. Come è meglio a volte SCOPARE piuttosto che FARE SESSO o FARE L'AMORE. In poco tempo mi rendo conto che questa è la stessa ragazza da cui ho fatto sesso un paio d'ore prima, e le sto ancora parlando.

Il sole inizia a raggiungere il suo picco e brucia i raggi attraverso tutto il vetro. La sento emettere un piccolo lamento e mi dice che "non ha ancora finito con stasera". Entra e torna fuori con un grazioso pigiamino e due Fraps alla vaniglia in bottiglia. Parliamo ancora un po' ma poi lei mi dice di seguirla in casa. Mentre percorro il corridoio, sento i suoi piedini delicati che tamponano il pavimento e noto quanto ha un culetto perfetto. Mi dice che c'è solo un posto in casa che rimane buio tutto il giorno, e che è per questo che ha scelto la più piccola delle tre camere da letto al piano superiore.
La sua stanza è grande. Non enorme, ma grande. Istantaneamente esploro potenziali fottute superfici, ma subito ricordo che siamo di nuovo solo amici. Afferra un cuscino e me lo lancia, poi ne prende uno per sé. La seguo fino alla porta della sua enorme cabina armadio, dopo aver insistito perché entrasse per prima. In uno degli angoli c'è un lettino fatto di vestiti. Lei si rannicchia mentre mi dice che questo è uno dei motivi per cui le piaccio, perché sono "UN GENTLEMAN". Le dico che è proprio il modo in cui sono stato cresciuto ma lei se ne scrolla di dosso.

Mi dice di spegnere la luce e diventa CAVE BLACK. Non riesco a vedere la tua mano davanti al viso NERA. Mi sdraio velocemente prima di imbattermi in qualcosa e le dico che anch'io avrei scelto questa stanza. C'è un silenzio mortale per la prima volta da quando sono arrivato qui, ma per un momento molto lungo. Dopo un po' la sento avvicinarsi a me. Si inginocchia dietro di me e mi solleva la maglietta sopra la testa. Una caviglia si fa strada attorno a entrambi i lati della mia vita e nel mio grembo. Sento le sue labbra lucide e tenere premere contro la mia schiena. Le sue piccole mani sorprendono le mie trappole con una presa irrazionalmente salda. Posso sentire quella lingua ad ogni bacio, ed è allora che ricomincio a pulsare. Lei lo sa. I suoi piedi lo sentono. Uno di loro si aggancia sotto e accarezza lentamente. Mi sdraio su di lei e posso sentire i suoi piccoli capezzoli solidi attraverso la sua maglietta. I suoi denti prendono in ostaggio uno dei miei lobi delle orecchie mentre i suoi piedi iniziano una pole dance sulle mie ginocchia.

Faccio scorrere le dita su e giù per entrambe le sue gambe ben rasate e lotate. Proprio in quel momento ci gira e mi monta sulla schiena. Posso sentire il calore delle sue LABBRA proprio sopra il mio sedere. Mi massaggia la schiena come se lo facesse da anni. Sento che l'olio gocciola sulla mia colonna vertebrale e viene premuto nei miei tessuti. Lei mi dice che è meglio non addormentarmi e io ridacchio che non posso fare promesse. Mi dà una forte pacca sulle spalle, proprio dove non riesco ad arrivare. Le dico che stava andando così bene fino a quel momento. Poi lo stridore si ferma e lei mi smonta. Rimango lì per un attimo finché non sento dall'altra parte dell'armadio che mi dice di accendere la luce. Accendo il dimmer quanto basta per vedere le ombre. Di più, dice. Un po' più in alto e la sento dire che va bene. Cammino intorno al lato posteriore dell'apparecchio al centro dell'armadio e la vedo che si strofina con l'olio.

Uno dei suoi piedi scivola sulla mia gamba e nei miei boxer. Una sola parola: OFF. Le mie mutande toccano il pavimento così come le mie ginocchia. Traccio il suo contorno lungo le gambe, oltre la vita e intorno alla schiena e la sollevo verso di me. Lei solleva le gambe sopra le mie spalle e mi tira per la nuca nel suo fiore quasi fumante. Le sue dita si intrecciano dietro il mio collo mentre porto la lingua su di lei. Lei perde il controllo. Le afferro entrambi i polsi e li stringo insieme sotto di lei. La parte inferiore del suo collo è tutto ciò che vedo quando provo a guardarla in faccia. La luce soffusa mette in risalto la sua giovane cassa toracica stretta. Provo a pizzicarle i capezzoli unti d'olio, ma è inutile. Lo fa da sola. Senza indugio premo il pollice sul suo piccolo bulbo tremante e immergo la lingua in profondità dentro di lei. Resta silenziosa e senza fiato per un attimo, poi inspira come se l'avessi tenuta sott'acqua. La mordicchio e ingoio una miscela di succo e olio. Le lascio le mani e una di loro afferra un'infradito accanto a lei. Ne rido e proprio in quel momento l'altra mano mi ha spinto via. Mi siedo sulle ginocchia mentre il mio cuore mi violenta lo sterno ancora una volta.

Proprio in quel momento le sfugge un filo sottile che mi spruzza nello stomaco. Prima che possa fermarmi, le stringo l'interno di entrambe le ginocchia con le mani e le fisso al pavimento su entrambi i lati. Ancora una volta, questa volta mi colpisce al petto. Danza le dita attorno al cappuccio finché non rilascia un terzo lancio quasi direttamente nel mio ombelico.
Non so perché mi piace così tanto. Non penso che abbia importanza. So che dovrei preoccuparmi per il tappeto bagnato, ma tutto quello che posso fare è fissare il fluido che gocciola dalla mia asta.
Rimase lì esausta per un minuto, ma poi si mise a sedere afferrandomi come una maniglia e non lasciandomi andare finché non fui completamente inghiottito da lei. Sembrava che ci fosse saltata sopra dall'altra parte della stanza.

Infilo le braccia sotto di lei e lego le mani sulla parte superiore delle sue spalle. I suoi capelli bagnati fradici si attaccano alla mia fronte mentre guardo quello che sembra l'interno di un cilindro di un pistone. Non posso fermarmi. Non mi fermerò. Sento che mi schiaffeggia forte, due volte. La butto a terra e senza guidarmi provo a rivoltare la mia fottuta schiena. Le mie mani riescono quasi a circondarle tutta la vita, e se stringo ancora di più, succederà. So che non riesce a respirare, non voglio che lo faccia. Vuole che io non lo voglia. Cerca di bloccare le caviglie dietro di me ma i suoi talloni sono troppo occupati a martellarmi la schiena. Sento la sua voce che inizia a cedere. La sfilo di dosso e le dico di girarsi. È troppo paralizzata per muoversi, e prima che possa fermarmi le afferro una manciata del cuoio capelluto e, a denti stretti, mi ripeto. Lei si gira lentamente con una risatina veloce e le do uno schiaffo forte su una guancia luccicante, l'olio mi si appanna la faccia. Vado a pulirmi la bocca quando vedo un calzino alto fino alla coscia a strisce rosa e nere drappeggiato su una gruccia. Mi asciugo la bocca e poi la faccio inginocchiare davanti a me. Per la prima volta le nostre labbra si incontrano. C'è di nuovo quella maledetta lingua. Mi tiene il viso con una mano da dietro. BACIA ESATTAMENTE COME SCOPA. Non ero mai stato così duro e lei lo sapeva. Manovra il culo e mi riposa nel canale gocciolante della sua fessura. Mi ha lavorato come un palo per tutto il tempo che ho potuto stare in piedi.

Le tiro entrambe le mani davanti a sé e le lego i polsi con il calzino: due volte intorno, una volta, una volta, ancora una volta. Mi appoggio allo schienale e lei cade sui gomiti davanti a me. Il fluido sacro gocciola via da lei e sul pavimento tra le sue ginocchia. Prendo due dita e le svolazzo lentamente, con il palmo rivolto verso il basso, per sentire le creste. Ha quei muscoli della parte bassa della schiena che adoro. Sapevo che l'avrebbe fatto. Brillante come il marmo se lo lucidassi per 3 giorni di fila. E quelle piccole fossette, proprio dove vanno i miei pollici. Allungo i miei fianchi attraverso di lei e provo a farmi sentire fino in gola. Questa volta emette un grido così forte che quasi mi spinse fuori. Vedo le sue dita ritrovarsi. Aveva la vita sollevata così in alto che il suo sedere mi fissava dritto. Le tolgo un po' d'olio dalla schiena e spingo il pollice verso il basso.

L'olio mi rendeva difficile afferrarle la vita, ma i suoi fianchi lavoravano tanto quanto i miei. Ho affondato le dita in profondità nei suoi obliqui. Ogni tuffo portava via da entrambi un olio fresco e nebulizzato. Lei si abbassò faccia a faccia e girò la testa di lato. Le sue mani si allungano, una per lei, una per me. La sua mano sinistra vibra da un lato all'altro in modo eccitato sul clitoride, la destra mi strattona e mi destreggia.

È allora che succede.

Mi sento diventare solido come una roccia dentro di lei e lei lo sa. Mi dice di cambiare e la transizione è avvenuta senza soluzione di continuità. Tiro indietro il pollice, lei è ancora più stretta di quanto lo sia davanti.
All'improvviso mi osservo, con lei chinata davanti a me. Le dita dei piedi si arricciano e le ginocchia si incurvano sotto di lei. Mi appoggio allo schienale e lei rimbalza su e giù dai miei quadricipiti. Sono proprio lì, poi la sento stringersi ma mi tiro indietro. Appena in tempo. La sollevo da terra e la faccio girare, ci voltiamo entrambi e la sua schiena scivolosa sbatte contro la porta. Alzo lo sguardo e vedo un appendiabiti e quasi lo perdo in quel momento.
Più velocemente che posso, lancio i suoi polsi legati sopra il gancio. Vedo quanto sia difficile per lei respirare. È all'altezza perfetta, quindi metto le sue gambe sulle mie braccia e trovo di nuovo quella porta sul retro. Lei si morde il labbro e mi dice che è proprio lì, io le dico che lo sono anch'io e ora niente può fermarmi. La porta oscilla avanti e indietro nella sua tacca. Lei diventa di nuovo silenziosa e senza fiato. Le sbatto le ginocchia contro la porta su entrambi i lati e sento che i miei polpacci iniziano ad avere crampi. I miei denti si stringono, le palpebre si agitano davanti ai miei occhi. Ho fatto uscire dal profondo della mia anima un suono che non avrei mai pensato di poter produrre. Gira la testa di lato e si irrigidisce così tanto che potrebbe aver congelato il tempo. Vedo i suoi addominali flettersi e le sue gambe contrarsi contro la porta.

All'ultimo momento, alzo le sue caviglie ai lati del mio collo e le stringo di nuovo la vita sottile con le mani. Lo lancio così forte che esplode di nuovo fuori e su tutte le mie gambe. Mi dibatto abbastanza forte da sentire la porta aprirsi. Vedo che della bava le esce dall'angolo della bocca. La raggiungo come se avessi un cazzo di pungolo per bestiame al posto del cazzo. È più che elettrizzante.

Mi guarda come se le avessi dato una coltellata al petto, la fronte tesa da rughe sessuali. Ha le mascelle serrate, ma respira abbastanza forte da far oscillare il labbro inferiore avanti e indietro, finché non lo intrappola tra i denti. Sento che la porta esce di nuovo. Rallento ma la lascio cadere su di me un paio di volte solo per vederla dimenarsi.

La tiro giù e crollo sul pavimento dietro di me, ancora dentro di lei. Lei smonta lentamente da me e si gira in retromarcia con i gomiti sul pavimento tra le mie ginocchia sollevate. Lascia che il resto di me colga sul petto e sullo stomaco e, per la seconda volta, mi lecca per pulirmi. Allarga le ginocchia e mi asciuga le labbra inzuppate, lasciando una scia di entrambi i nostri fluidi, sudore e olio. L'olio fa scivolare la crema dagli addominali sul pavimento. Non so perché non mi dà fastidio. Non avrebbe avuto importanza se fosse successo, ero troppo dannatamente esausto per parlare, figuriamoci per muovermi. Una volta che l'ultimo gocciolò via, si voltò di nuovo verso di me e si sdraiò sul mio petto. Le slaccio i polsini e lei mi avvolge lentamente con le braccia, i suoi capezzoli ancora affilati come rasoi.
Le metto un braccio intorno alla schiena e faccio scivolare il suo viso verso il mio. Si toglie i capelli dal viso e mi bacia. La bacio a mia volta. Questa volta sono baci diversi, lenti, sensuali e morbidi. Il tipo di baci che...

mettiti...

dormire...

Storie simili

Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

Il Cavalierato Dopo quella maledetta serata, Noah non aveva fretta di uscire dai bagni, e il fatto di avere la stanza tutta per sé era una gradita serenità. Inoltre presto sarebbe tornato a vivere per strada, dove i bagni caldi erano pochi e rari. Era bello assaporarlo finché poteva, così come la sensazione di un'uniforme fresca. Si fermò nella sala mensa e prese del pane e una mela, poi tornò al suo dormitorio, dopo aver trascorso le ultime ore bramando la morbidezza del suo letto come una vecchia fiamma. Sembrava che non appena chiudeva gli occhi, si aprivano al suono di...

500 I più visti

Likes 0

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

329 I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Madeliene è solo deserti

Correndo verso la sua macchina con un vestito nero attillato e tacchi alti con cinturino alla caviglia, Madeliene non si accorse dell'uomo in piedi nell'ombra finché non si schiarì la voce. Voltandosi per affrontarlo, vide un uomo alto e muscoloso in pantaloni neri, maglietta e berretto da baseball. Prima che possa reagire, c'è uno scoppio del dispositivo nella sua mano e il suo mondo esplode mentre i dardi del taser la colpiscono nelle costole, erogando 10,00 volt. Crolla sul pavimento del garage, contorcendosi ma incapace di muovere un muscolo da sola. L'uomo la gira rapidamente e le ammanetta le mani dietro...

1.3K I più visti

Likes 0

Una notte sorprendente

I miei amici e io ci siamo sempre divertiti a sperimentare nuovi modi di intrattenerci a vicenda, ma fino a poco tempo fa eravamo a corto di vapore. Io e Dave abbiamo lavorato nella stessa azienda negli ultimi quattro anni, mentre le nostre rispettive amiche, Susan e Jenny, possiedono una piccola boutique di moda. Di solito dopo aver visitato un wine bar o un club, tornavamo a casa mia per un bicchierino o due. Dopo il viaggio di sabato scorso in un wine bar spagnolo locale, eravamo tutti abbastanza allegri e abbiamo deciso di comprare dell'altro vino e tornare a casa...

1.1K I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

963 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.