Mark mi porta.

566Report
Mark mi porta.

Ho sospirato, è stata una giornata dura, avevo appena vinto una causa importante e ho deciso di andare al club locale, il Cherry, per festeggiare. Lavoro presso Sterling Law, uno dei migliori avvocati di New York City, e sono uno dei loro migliori soci, il che è insolito perché sono così giovane. Ho sciolto i miei capelli biondo scuro, lunghi fino alle spalle, e li ho lasciati cadere; Avevo ancora addosso il mio vestitino nero sexy del lavoro.
Ho varcato l'ingresso del club lanciando un'occhiata al buttafuori, sfidandolo a fermarmi. Ho quella cosa da stronza fredda e superiore, e che lo odi o no, devi ammettere che sono un knockout.
Sono andato direttamente al bar, avevo appena finito il caso con Mark, un sexy socio del primo anno, avevo bisogno di un drink. La tensione sessuale era insopportabile e avevo bisogno di sfogarmi. Grazie a Dio per Cherry, era pieno di giovani che cercavano con impazienza avventure di una notte. Ho sorseggiato il mio drink guardando la folla, per ora niente di mio gusto, ho deciso di ballare per ammazzare il tempo.
Mi sono mosso sul pavimento, dondolando i fianchi al ritmo della musica, le mani mi afferravano il sedere ma ero troppo stanco per preoccuparmene. La sensazione di carne contro carne, l'odore di muffa dell'acqua di colonia, mi stavo eccitando, Gesù, avevo bisogno di scopare.
"Sento l'odore del tuo sesso dall'altra parte della stanza, tesoro."
Rimasi senza fiato, potevo sentirlo dietro di me, il suo respiro sul mio collo esposto. Mi sono rivolto: "Il mio sesso? Davvero tranquillo, usi spesso quella battuta?"
Con mia sorpresa era Mark. Mi guardò distrattamente e cominciò a passarmi il dito sul collo.
"Levami di dosso, cazzo." Balbettavo, non fraintendetemi, ero eccitato, ma questo ragazzo era solo un socio del primo anno. Ero un professionista e avevo una reputazione da difendere.
Lui si limitò a sorridere, Dio quanto era attraente con i suoi capelli neri e ricci e gli occhi straordinariamente taglienti. “Dai un taglio alle stronzate, tesoro, ho notato che mi fissavi oggi; spogliarmi con lo sguardo, davvero inappropriato non sei d'accordo? Mi viene in mente il termine molestie sessuali”. Mi stava sussurrando all'orecchio, giocando con me. Le sue mani erano intorno alla mia vita. Ho fatto un timido tentativo di liberarmi.
"Dio, era davvero così ovvio?" mormorai. Questo ragazzo era arrogante; nessuno mi ha parlato in questo modo.
"Si lo è. Non che mi dispiaccia.» Le sue mani erano sulle mie spalle e mi sfilavano le spalline nere del vestito.
"EHI! Smettila, e se..."
"Non fare finta di niente all'improvviso, in più è buio e sono così fottutamente eccitato in questo momento." Ha quasi gemuto nell'ultima parte, la sua mano destra mi ha afferrato una manciata di tette, l'altra mano mi ha afferrato il culo, spingendosi più vicino a me, massaggiando un notevole rigonfiamento contro il mio inguine. "Dannazione, la tua figa è in fiamme, quando è stata l'ultima volta che le hai dato da mangiare?"
Smettila, mi dissi, spingendolo via. Sono uscito con rabbia dal club, lui si è limitato a sorridere e ha rinunciato, dicendo ciao ciao. Boner in bella vista.
Ero seduto in macchina; Non potevo credere di aver lasciato che mi toccasse in quel modo. L'immagine del suo rigonfiamento contro il mio inguine, la mia figa ha iniziato a pulsare. "Dio, non arrabbiarti per questo." Mi sono detto, ma era troppo bello. Ho infilato un cercatore sotto il vestito e ho iniziato a masturbarmi, piccoli gemiti mi sono sfuggiti dalle labbra. Quasi dimenticavo di essere ancora nel parcheggio finché non ho sentito bussare alla finestra.
I miei occhi si spalancarono; Mark mi guardò ridendo. "Se questo ti eccita, non hai idea di cosa il mio cazzo può fare per te." Disse attraverso il vetro. Potevo sentirmi diventare rosso; Non mi ero mai trovato in una posizione così compromettente prima. Aprì la portiera della macchina, facendomi cenno di scivolare oltre.
"Ma è la mia macchina." dissi pateticamente.
«Guido sempre, tesoro. A casa mia o a casa tua?" Aveva avviato la macchina e mi stava guardando.
"Mio." alla fine ho detto. Stavo davvero lasciando che ciò accadesse, lasciando che lui prendesse il controllo di me in questo modo?
Si è fermato davanti al condominio stridendo, consegnando le mie chiavi al portiere, mi ha fatto cenno di condurlo fino al mio appartamento. Ci stavo ripensando, ho premuto docilmente il pulsante dell'ascensore e siamo saliti. Ha iniziato ad abbassarmi il vestito, esponendo entrambe le tette e poi massaggiandole.
"N-non penso che dovremmo farlo." Alla fine sbottai tra lui e lui, facendo roteare sapientemente la sua lingua attorno ai miei capezzoli.
"Sì, beh non hai scelta, dopo tutto quello che hai fatto accadere, ora devi affrontarlo." Stava indicando la sua erezione. Ha continuato a palpeggiarmi: "Sono stanco delle ragazze che non si assumono la responsabilità delle loro azioni".
'Che cosa? Non è colpa mia se hai avuto un'erezione." dissi con rabbia, cercando di spingerlo via.
"Oh veramente?" sussurrò, mettendo la mano sulla mia figa. “Sei tu quella che si è vestita come una troia, sporgendosi di proposito, dandomi una visione perfetta della tua scollatura. Non sei altro che un T.E.A.S.E."
"Non sono una presa in giro." Ho detto a denti stretti che mi stava portando vicino all'orgasmo.
L'ascensore suonò e lui uscì, aspettando con impazienza che lo seguissi, io uscii barcollante, aggiustandomi il vestito. Sorrise del suo lavoro, vedendo la mia frustrazione per non essere autorizzato a venire.
Aprii la porta e lo condussi nel mio lussuoso appartamento; a malapena mi lasciò chiudere la porta e accendere la luce prima di afferrarmi la mano e portarmi in camera da letto.
Cominciò a baciarmi rudemente, fermandosi solo per togliermi il vestito. Sorrise guardando il mio reggiseno di pizzo nero e le mutandine abbinate. Distolsi lo sguardo imbarazzato sotto il suo sguardo.
Si era tolto la maglietta e rimasi stupito nel vedere il petto e le braccia tonici, si tolse rapidamente i pantaloni e c'era il notevole rigonfiamento nei suoi boxer, che implorava di essere liberato.
Scivolò sopra di me, allargandomi le gambe e baciandomi. Di solito ero io a prendere le decisioni in camera da letto; l'improvvisa inversione di ruolo era snervante. Si è fatto strada fino alla mia figa, leccando tutto quello che c'era in mezzo.
"Oh, fanculo già!" Mi sono lamentato, l'unica volta che incontro un ragazzo che fa i preliminari sono già troppo sexy per preoccuparmene.
"Turnover. Se sei arrapato come una puttana, ti scoperò come tale."
Non ho avuto il tempo di offendermi mentre mi girava; aveva tirato fuori il cazzo e aveva iniziato a tracciare la mia fessura attraverso le mutandine. gemevo. Mi ha strappato la biancheria intima e ha inserito lentamente il pezzo di carne caldo e pulsante nella mia figa scivolosa. Grugnì mentre le mie labbra denutrite lo stringevano forte. "Dannazione", fu tutto ciò che aveva da dire.
Cominciò a cavalcarmi brutalmente, ad ogni spinta il mio clitoride e i capezzoli duri come la roccia sfregavano contro le lenzuola di cotone. L'effetto era puro orgasmico. Ho urlato mentre ondate di piacere attraversavano il mio corpo, mi è rimasta una sensazione di formicolio dappertutto, il mio corpo tremava. Si stava ancora allontanando, grugnendo, mi afferrò una manciata di capelli facendomi sussultare dolorosamente.
Ha ignorato le mie proteste e ha iniziato a sbattere più forte; Potevo sentire un altro orgasmo crescere. Mi ha sollevato dal letto, facendomi girare e spingendomi contro il muro, continuando a pomparmi la fica. Dio sarebbe mai venuto. Ansimavo di nuovo, artigliandogli la schiena in pura estasi. Alla fine emise un forte gemito e crollò, facendomi cadere su di lui. Il suo pene ha iniziato a contrarsi e a sprizzare sperma, mi è scivolato fuori dalla figa e mi è schizzato sullo stomaco. Era già morbido e non avevo raggiunto il secondo orgasmo, mi prese in braccio e mi gettò sul letto. Non potevo credere che avesse ancora l’energia. Ero esausto e riuscivo a malapena a dire: "Porca miseria", prima di svenire, lui si è rannicchiato più vicino a me ed entrambi siamo caduti in un meritato sonno. Domani non avrei nemmeno pensato al lavoro.

Storie simili

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

2.6K I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

2.4K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

2.4K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2.1K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

2.3K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

2K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2.2K I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

2.9K I più visti

Likes 0

La guerra_(1)

Durante la guerra in passato, mi sono arruolato nell'esercito. Ero chiuso e circondato da uomini grossi e sexy, forti e coraggiosi. Il primo al comando del nostro squadrone era così sexy. Il suo nome era Rob. Un uomo molto mascolino e muscoloso con forti radici di campagna. Quando non stavamo litigando, era quasi nudo e sicuro di sé. Era sposato e aveva la moglie più bella di sempre. La invidiavo. Non ci sono mai state donne in guerra. Solo uomini grossi, sporchi, sudati e puzzolenti. Rob aveva foto di sua moglie nuda. Altri uomini si masturbavano con loro quando Rob non...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.