Abusare di Nadia - 5

474Report
Abusare di Nadia - 5

Alex entrò per primo nella stanza e Nadia la seguì da vicino, un'eccitazione nervosa che la percorreva, ansiosa ma spaventata di vedere cosa contenesse quella parte misteriosa della casa. La stanza, a parte la tenue luce che filtrava dalla porta, era immersa nell'oscurità. Sembrava che non ci fossero finestre e, se ce n'erano, erano ben chiuse e oscurate con grande successo. Nadia si fece avanti per mettersi accanto ad Alex, lui allungò la mano e chiuse la porta. Si chiuse con un clic e rimasero uno accanto all'altro nel buio più totale, respirando piano.

Le dita di Nadia si allungarono involontariamente verso quella di Alex. Trovandolo, le strinse leggermente la mano e la lasciò andare. Poi premette un interruttore dalla sua parte e la luce nella stanza aumentò, lentamente, quasi impercettibilmente all'inizio, ma poi nella tenue luce cremisi, Nadia poté vedere la forma circolare della stanza, i contorni delle forme all'interno, forse i mobili, gli oggetti pendevano dalle pareti, e la luce continuava a infondere nella stanza un erotismo che Nadia poteva quasi assaporare. Guardò Alex, che sorrideva, con le braccia tese, osservando tutto davanti a lui. Si voltò a guardarla.

“Benvenuta nella nostra stanza Nadia. Non la nostra camera da letto, non il nostro bagno, non la nostra cucina, non la nostra stanza dei giochi, né l'infermeria, né lo spogliatoio. Solo... la nostra stanza. Ti piace?"

Nadia era senza parole. Per la prima volta adesso poteva vedere chiaramente cosa conteneva la stanza. Panchine con ogni tipo di possibilità; cinghie, fibbie e viti, un set di calci, un paio di pali con dei falli all'estremità attaccati a una sorta di aggeggio metallico. Sulle pareti c'erano file di fruste, cinture, catene, manette e simili e molte cose che non riconosceva. Dio, riceverò un'istruzione, pensò, e poi fantasticava di essere cattiva nella loro stanza (aveva detto che era la nostra stanza!) e di essere punita per non aver imparato abbastanza velocemente e un sorriso si diffuse sul suo viso. Sul soffitto, ganci chiusi su binari tenevano delle corde legate al muro e tutt'intorno brillavano faretti di morbida luminescenza.

"È bellissimo!" lei sussurrò.

"Lascia che ti faccia fare un giro," disse Alex dolcemente e le prese la mano che lei teneva stretta mentre lo seguiva. Girarono attorno al muro e Alex, le indicò qualche oggetto di bondage o altro, descrivendone l'uso, facendola talvolta arrossire. Era molto ben informato sulla storia del suo mestiere e spiegava da dove provenivano alcuni manufatti o venivano utilizzati per la prima volta. Erano quasi esclusivamente europei, ma era difficile dire con certezza alcuni degli oggetti d’arte più antichi e riconoscibili.

Tirò fuori dal muro un collare, di spessa pelle nera opaca, largo quattro dita e dotato di fibbia. Si spostò dietro Nadia e, tenendole il collare con entrambe le mani davanti a lei, glielo tirò indietro contro la gola e tirò indietro le estremità finché non si incontrarono sulla nuca, dove lo allacciò rapidamente con dita abili. La larghezza era qualcosa a cui Nadia non era abituata. Aveva già indossato girocolli, ma niente del genere. Allungò il collo sotto la pelle e Alex le disse di girarsi e affrontarlo. Mentre lo faceva, lui tirò fuori dalla tasca un piccolo coltello affilato e allungò la mano per tenerlo perfettamente fermo davanti ai suoi occhi, uno dei riflettori si rifletteva nel suo metallo affilato. Nadia smise di respirare e, con la stessa rapidità con cui l'aveva notato, lui lo spostò verso il basso, all'altezza della scollatura. Spinse la punta appuntita contro la sua carne ma Nadia non si tirò indietro. Prese il tessuto di seta tra il pollice e l'indice della mano libera e lo afferrò saldamente, tirandolo verso l'alto per renderlo teso, quindi fece scivolare il lato affilato del coltello attraverso il tessuto con un movimento fluido e fluido, tagliando il vestito. a parte facendo attenzione a non tagliarla. Lo guardarono cadere a terra ondeggiando e increspandosi e lei rimase nuda davanti a lui, fatta eccezione per il collare con cui lui l'aveva adornata.

“Ora, mia piccola troia, è ora che tu faccia quello che ti è stato detto. Pensi di potercela fare?"
"Lo spero. Maestro." Ci fu una pausa tra le due frasi, dando enfasi al suo uso della parola "Maestro". I suoi seni si sollevarono mentre la sua eccitazione cresceva per il cambiamento nel suo comportamento. Lui annuì leggermente alla sua risposta e le afferrò il polso, trascinandola al centro della stanza. "Alzati", disse, senza preoccuparsi di guardarla. Si avvicinò al muro e sciolse una corda, lasciando cadere a terra i due capi. Le due estremità pendevano da uno dei tre ganci chiusi nel soffitto, come due lunghe gambe affusolate e mentre scendevano dal muro, il peso della corda trascinava il gancio lungo la ringhiera verso Nadia. Rallentò fino a fermarsi qualche metro alla sua sinistra e lei girò la testa per guardare. Le sue braccia incrociarono involontariamente il seno. Alex la guardò.

Le estremità della corda si avvolsero sul pavimento e Alex si mosse verso di lei, sollevandone un'estremità senza rallentare il passo e lasciandola scivolare attraverso la mano finché non fu dietro di lei. Fece passare l'estremità della corda attraverso un anello sul retro del colletto e la legò con abilità. “Piedi divaricati”, ha detto. Lei obbedì allargando i piedi e Alex le diede una pacca sul culo scherzosamente. Il gancio direttamente sopra di loro scattò in posizione, tenuto fermo da un elettromagnete. Tornò al muro, camminando all'indietro, osservandola, sollevando l'estremità rimanente della corda mentre passava, facendola passare tra le mani mentre si avvicinava al muro.

Nadia lo guardò nervosamente, poi guardò dritto davanti a sé, poi di nuovo verso il suo padrone. Stava tirando la corda, in modo costante ma deciso. Nadia sentì il collare stringersi intorno alla gola fino a sentirsi immobilizzata. Le sue piante erano ancora sul pavimento ma era paralizzata dalla paura. Le sue nocche diventarono bianche mentre si incrociavano davanti a lei e le afferravano le spalle. Alex, vedendo il suo evidente disagio, legò la corda al muro e si avvicinò rapidamente al suo carico. Rimase fermo di fronte a lei. I suoi occhi, spalancati e spaventati, fissavano il pavimento e lui le sollevò il viso con un dito sul mento. All'improvviso scoppiò in lacrime. Singhiozzando, spaventata, arrabbiata con se stessa, con la voglia di andarsene, con la voglia di compiacere. Alex attese e contò mentalmente fino a dieci. Poi le diede uno schiaffo sulla guancia; difficile. Le lacrime rallentarono ma i sussulti e gli scossoni dei singhiozzi continuarono e lui la colpì di nuovo con il palmo della stessa mano. Si fermò.

"Braccia giù, troia", disse, con l'ombra di un sorrisetto sulle labbra. Le sue braccia caddero immediatamente lungo i fianchi. Una goccia di sangue apparve sul suo labbro e lui alzò di nuovo la stessa mano. Nadia non si tirò indietro ma si limitò a passare l'indice sul labbro macchiato di sangue. Esaminò il sangue e poi, fissandola negli occhi di sfida, abbassò velocemente le dita e ne infilò due dentro. Nadia si preparò al dolore ma rimase stupita nel trovare il suo sesso gocciolante. Avrebbe abbassato lo sguardo se avesse potuto, per vedere la pozza di succo di fica sul pavimento, ma invece la sua testa si inclinò all'indietro, piangendo al cielo mentre le dita di lui la spingevano dentro e fuori brutalmente, senza cura o sentimento. Calda, dura e aggressiva, scopa dentro e fuori la sua fica. Arrivò quasi istantaneamente e mentre lui continuava il suo attacco, lei venne ancora e ancora. Le sue gambe si indebolirono e usò il collare per quanto osava reggersi su. Il percorso dell'ossigeno verso il suo cervello era limitato mentre il collare premeva contro la sua trachea e i suoi sensi si intensificavano, portando increspature di elettricità dalle profondità della sua fica, diffondendosi attraverso il suo nucleo e pulsando alle estremità esterne di ciascun arto e nel suo cervello. La metamorfosi dalla paura e disperazione assoluta alla devozione assoluta e all'estasi aveva richiesto solo trenta secondi.

Lui tirò via le dita da lei e gliele spinse in bocca, lei spinse la testa in avanti mentre lui le immergeva e le portava alla gola, fottendo la propria bocca sulla sua mano, succhiando la crema dalle sue dita, affamato di inghiottirlo, per farlo diventare tutt'uno con lei. Gli afferrò il polso con entrambe le mani e lui si allontanò. Capì subito di aver fatto qualcosa di sbagliato e lo supplicò con gli occhi. Si avvicinò al muro e scelse i polsini abbinati al colletto. La stessa pelle nera opaca e lo stesso spessore. L'unica differenza era la circonferenza quando era chiuso per rendere l'anello progettato per limitare chi lo indossa. Mise le mani dietro la schiena, i polsi uniti. Alex la ignorò e si spostò alla sua destra. Prese dal muro un frustino, di cuoio rigido e appena flessibile. Non era cavo e il suo peso era piacevole da tenere in mano. Nadia lo vide e inarcò la schiena e mosse i fianchi nell'aria rarefatta, piagnucolò mentre si scopava la figa avanti e indietro.

"Picchiami!" sibilò. Alex la ignorò. Lui si mosse dietro di lei e posando il frustino sul pavimento le legò i polsi. Lei voltò la testa verso di lui come meglio poteva. "Frustami, padrone!" implorò. Prese la frusta e si fermò di fronte a lei. Prese un'estremità del raccolto e mise l'altra estremità sul labbro tagliato.
"Shhh", disse piano. I suoi occhi brillavano mentre lo osservava, la lingua che guizzava fuori dalla punta del frustino. "Shhh", ripeté. Le passò la punta lungo la mascella, poi giù lungo il colletto fino alle spalle, prima l'una e poi l'altra. Giù tra i suoi seni pieni, stuzzicandola. Si fermò, segno. Poi tirò indietro con forza il frustino e le colpì il seno destro, con la puntura in alto, due pollici sopra il capezzolo. Nadia emise un lamento lamentoso e si tirò indietro per un momento, solo per spingersi indietro quasi istantaneamente. “Sìiiiiii!” gemette. “Sìììì, maestro. Per favore!"

Alex continuò a stuzzicarle, passandole la punta del frustino sulla pelle, prima di colpirla nuovamente sull'altro seno, evitando attentamente i capezzoli. Il dolore era indescrivibile per Nadia. Era come se il mondo intero si fosse concentrato sul darle piacere, ogni uomo e ogni donna sul pianeta volesse portarla all'orgasmo. La sua figa si strinse e si liberò, i succhi le colavano lungo le cosce aperte. Alex la colpì più forte, colpendole i capezzoli, deliberatamente, impassibile. Nadia gridò e venne mentre il cuoio duro sferzava i suoi teneri boccioli gonfi, un lungo orgasmo tremante e intenso. Le sue ginocchia cedettero e Alex si avvicinò rapidamente per sostenerla. Mentre la teneva tra le braccia, la sua mano si spostò dietro la sua schiena e le colpì le natiche. La sua mano davanti andò alla sua fica fradicia e si strofinò sul clitoride gonfio.

I successivi pensieri coscienti di Nadia furono che le luci erano così belle e la luce della stanza così calda. I suoi occhi si aprirono lentamente e lo vide accanto a lei, nudo.

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

1.4K I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

1.3K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

1.8K I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.1K I più visti

Likes 0

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

821 I più visti

Likes 0

Orrori combinati - cap. 02 - La caccia

Orrori combinati. Se questo è il tuo primo capitolo da leggere, sarebbe meglio leggere prima il capitolo 1, per digerire questa storia, grazie per la tua preoccupazione.. http://www.sexstories.com/story/83926/ Capitolo 2: la caccia. Nella stessa notte (Mado) non era ancora sicuro di cosa intendesse la creatura dicendo ... AVRAI POTERI SULLE FEMMINE, NESSUNA FEMMINA SAREBBE MAI IN GRADO DI RESISTERE AL TUO FASCINO... Cosa diavolo significa? Aveva bisogno di provare prima di mettersi in viaggio con (Noga). Non riusciva a pensare a una vittima migliore della giovane cameriera che avevano in casa, e per giovane significa che era più giovane di (Noga)...

998 I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

831 I più visti

Likes 0

Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. Brandon, sei qui? Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di...

731 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

196 I più visti

Likes 0

Mio marito non lo sa_(0)

Ciao a tutti, beh, questa è la mia prima storia che scrivo sulle mie esperienze sessuali e spero che vi piaccia. Mi chiamo Kristy, ho 29 anni, vivo sulla costa settentrionale del NSW, molto piccola solo circa 5 piedi 2, ho un seno estremamente grande per la mia taglia, una bella figa e un culo piccoli da abbinare, questa storia parla di un incontro sessuale che ho avuto con un ragazzo con cui sono diventato amico mentre lavoravo per una grande azienda di vendita al dettaglio. Era il nostro fattorino ed era molto più anziano, sulla cinquantina ma sembrava molto più...

642 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.