Sarah ama essere al comando, parte terza - Redux

713Report
Sarah ama essere al comando, parte terza - Redux

Sarah ama essere in carica parte 3 (redux)

Ciao ragazzi, ero un po' ubriaco quando ho scritto la terza parte originale, ho fatto una serie di errori, penso che il più grande sia stato invertire il tono. Avere Sarah che lasciava che Adam prendesse le redini e che Sarah diventasse un po' sottomessa non era quello che volevo, quindi ho deciso di riprovare. Grazie per il feedback e ancora una volta sono ancora nuovo in tutto questo, quindi votare è fantastico e i commenti sono migliori.

Sarah ha aspettato in cucina pensando alla notte prima di vivere la sua ultima fantasia ancorando Adam. La risposta di Adam è stata inaspettata. Non solo le aveva permesso di farlo, ma si era davvero divertito. Erano chiaramente una partita con lui che era più sottomesso e lei dominante. Aveva delle riprese da fare oggi, ma Adam era in ritardo... niente di male, poteva punirlo per questo e questo stava diventando un po' eccitante per lei trovare nuove cose per cui punirlo e modi nuovi e interessanti con cui farlo punirlo. Tuttavia ha avuto un problema, come fa a rimanere dominante ma allo stesso tempo a permetterle di scoparsela. Era immersa nei suoi pensieri davanti al suo caffè quando Adam finalmente mostrò la sua faccia. Era sollevata, anche se pensava che la scorsa notte fosse stata un po' estrema e forse troppo per lui. Adam da parte sua si era svegliato libero per una volta, ma si sentiva un po' tenero giù per le scale. La scorsa notte è stata incredibile. Non aveva idea che gli uomini potessero ottenere quella sensazione profonda dall'essere fottuti in quel modo. Era, tuttavia, fisicamente molto stanco e dolorante.

Sara - Beh?

Adamo - eh?

Sarah - Ho detto alle 9 del mattino... dove diavolo sei stata? Abbiamo perso il meglio del sole mattutino.

Adam - Mi dispiace, sono solo un po' stanco...

Sara - Scuse! Sto aspettando da 2 ore. Dovrò punirti più tardi.

Adam - Oh... uh non credo di poterlo fare... è stato fantastico ma... sono un po' dolorante...

Sarah rise di questo, sapeva che lo sarebbe stato, ma sembrava così patetico quando lo disse.

Adam - ...No davvero.. non è divertente...

Sarah - oh ma lo è, pensi di potermi dire come punirti al meglio o no. Se voglio scoparti lo farò e mi ringrazierai per questo!

Adam - sì... padrona.

Sarah - Beh per oggi sei fuori dai guai, fuori piove e devo andare in città per comprare dei nuovi giocattoli. Domani, però, ti aspetto anche tu giù di un quarto alle 9:00 e preparo il caffè... Oh, quasi dimenticavo. È ora di ingabbiarti di nuovo! ti stai abituando troppo alla libertà, lasciali cadere.

Adam ha soddisfatto le sue richieste e presto ha avuto la familiare sensazione di essere in gabbia. Sarah uscì e lui tornò a letto per dormire ancora. Pensò alla sera prima ea come era arrivato a farsi scopare, amava quella sensazione ma gli ci volle un po' per superare la cosa "gay". Ai tempi del liceo, era stato importante essere etichettati come gay. Non era affatto omofobo, ma non gli piacevano ancora i ragazzi. Pensava che gran parte del motivo per cui lo amava era perché era stata Sarah a farglielo. Solo il ricordo dei suoi occhi mentre lo scopava con gioia. Chiaramente aveva un debole per essere al comando e quella era una parte importante del motivo per cui Adam si era innamorato così tanto di lei. Decise che avrebbe fatto qualsiasi cosa per lei, qualsiasi capriccio fintanto che era con lei era felice.

Quel pensiero sarebbe stato messo alla prova la mattina dopo, ma prima Sarah era tornata a casa la sera con cinese e un sacco di vestiti che Adam ovviamente aveva il compito di portare dentro e salire nella sua stanza. Mangiarono insieme e guardarono un film di kung fu e poi un disney. Hanno chiacchierato di film e questo, quello e niente prima che Sarah dichiarasse che era ora di andare a letto.

Sarah - Ok, non credo di riuscire a salire le scale, voglio che tu mi porti

Adamo - Certo...

La portò con cura e lentamente, assicurandosi di non urtarle la testa.

Sarah - Bravo ragazzo, ti meriti un regalo!

Adam - una delizia?

Sarah - Sì, sdraiati sul mio letto... no, non in quel modo... testa di lato. Giusto.

Lui non era sicuro di cosa avesse in mente ma lei si tolse la parte superiore rivelando i suoi bei seni grandi poi i suoi pantaloni rivelando la sua figa rasata e alcune calze. Adam non era sicuro che li stesse solo indossando da prima, ma la calza bianca e il reggicalze senza mutandine erano ipererotici ai suoi occhi.

Sarah - Ok per prima cosa, abbassati i pantaloni fino alle ginocchia, bravo ragazzo sei ancora in gabbia.

Adamo - Sì padrona

Sarah - ok prima ti lascio mangiare il mio buco del culo e poi se fai la brava ti cavalco la faccia ok?

Adamo - va bene.

Era diventata curiosa di farsi leccare il culo dal giorno prima, quando Adam si era lamentato per il rimjob che gli aveva fatto. Si voltò e voltò le spalle ad Adam che si guardava allo specchio mentre si metteva a cavalcioni e gli abbassava il culo sulla bocca. Adam non ne era sicuro, non aveva mai nemmeno pensato a questa posizione, il suo cazzo teso contro la gabbia anche se chiaramente non era spento dall'idea. Mentre si abbassava, poteva vedere il suo ano ed era davvero molto carino e rosa. Ha avuto il suo primo assaggio del buco del culo aspro mentre si raggrinziva e lo baciava. Si rese conto che lei stava guardando in uno specchio quando guardò in alto ed era un'immagine infernale. Eccolo lì con la sua lingua su per il culo e lei non stava solo guardando uno aveva una stretta presa di un seno e un altro si stava toccando la figa. Questo ha spinto Adam a mettere su uno spettacolo di leccate e poi a spingere la sua lingua dentro di lei. Sarah amava la sensazione ma non riusciva a raggiungere l'orgasmo mentre lui era così profondo nel suo culo. Voleva di più e per un momento pensò davvero di liberare la sua bestia e di ordinargli di scoparsela.

Quello che fece invece fu sollevarsi da Adam, allontanarsi di un paio di passi e ordinargli di sdraiarsi sul letto nella direzione opposta. Era così che poteva vedersi allo specchio. Si arrampicò sul letto e si accovacciò sulla sua faccia quel tanto che bastava perché Adam dovesse lottare per avvicinarsi a lei. Lo ha fatto ma con grande sforzo e l'effetto nell'immagine è stato super erotico per lei, ma la sua figa ha richiesto più attenzione.

Sarah - Il povero Adam non riesce a stare alzato abbastanza a lungo da soddisfarmi. Immagino di dover fare tutto eh?

La risposta di Adams fu soffocata mentre lei si inginocchiava strofinando la sua figa sulla sua bocca. La sua lingua era profonda dentro di lei e ancora una volta si sorprese allo specchio in posa che fece fluire ancora di più i suoi succhi. Poi ha sentito un dito sul suo buco del culo, inizialmente era sorpresa ma abbastanza curiosa da permetterlo. Adam si spostò sul suo clitoride e lei usò la mano sulla parte posteriore del suo collo per schiacciarlo contro di essa. Poi le sue dita ne entrarono una nella figa che lei amava e una nel culo a cui non era abituata. Pensò di nuovo di lasciarlo uscire, ma poi un'altra parte di lei le disse di mantenere il controllo. Lo guardò nella sua gabbia e sapeva cosa fare dopo. Adam sentì le sue dita dentro di lei e la tensione del suo culo. Non riusciva a credere che lei stesse lasciando che accadesse, ma aveva pensato che avesse voluto sperimentarlo prima, quindi perché no? Poi la sentì abbassarsi in avanti verso la sua gabbia. Gli venne in mente un ricordo del giorno prima in cui lei aveva detto che avrebbe potuto lasciarsi scopare da lui e lui si scagliò contro la gabbia con rinnovata eccitazione ma lei non lo fece lei iniziò a succhiargli le palle una alla volta e si sentì benissimo ma davvero frustrante. Poi lo leccò attraverso la gabbia con la punta del suo cazzo e lui stava perdendo la testa. Sentì un dito sul suo ano poi due... si girarono mentre lei gli stuzzicava il cazzo... poi entrarono entrambi Adam gemette attorno al clitoride di Sarah Era squisito e insopportabile allo stesso tempo. Poi Sarah si irrigidì e ad Adam fu ricordato il suo dovere, raddoppiò i suoi sforzi e fu ricompensato che lei ebbe le convulsioni e raggiunse un grande orgasmo. Sedendosi sulla sua faccia, le sue dita entrarono completamente dentro mentre lei lo faceva e per Sarah fu una strana sensazione sia del suo culo che della sua figa che si stringevano attorno a un dito ciascuno.

Sarah - Dio Adamo che bello...

Adamo - uff...

Sarah - Beh, si sta facendo tardi, immagino che sia meglio dormire un po', hai una punizione per avere ancora domani. Notte.

Quando la porta si chiuse alle spalle di Adam, si meravigliò della punizione. Pensava che quella fosse la punizione. Scuotendo la testa andò a letto.

La mattina dopo Adam si è alzato molto presto per assicurarsi di essere pronto per Sarah la mattina con il suo caffè come richiesto. Non aveva dormito facilmente la notte prima, ma si alzò, si fece la doccia, si vestì e le fece aspettare il caffè quando lei scese le scale. Aveva una scatola ma era vestita tutta di nero con un rossetto nero. Era quasi come un insegnante gotico o qualcosa del genere. Adam non aveva idea di cosa fosse il cosplay oggi, ma era abbastanza semplice. Era come una camicia che indossava e tutto in uno molto semplice.

Sarah - Ah il caffè grazie... prendi questo.

Porgendogli la scatola in cambio del caffè cercò di non sorridere a quello che stava arrivando. L'aveva programmato il giorno prima e sapeva che sarebbe rimasto scosso.

Sarah - Ok, preparo alcune cose, sei pronta per la tua punizione?

Adamo - Sì, padrona.

Sarah - Ok, oggi Adam io sarò il fotografo e tu sarai l'artista del cosplay, forse allora apprezzerai lo sforzo che ho fatto e sarai puntuale.

Adamo - Padrona?

Sarah - La scatola contiene vestiti da indossare.

Adam guardò la scatola, questo era nuovo per lui era un ragazzo timido che non era sicuro di vestirsi bene. Aprì lentamente la scatola e dentro c'era un vestito da scolaretta giapponese stile marinaio completo di parrucca, seni finti e biancheria intima. Per la prima volta Adam si chiese se poteva andare fino in fondo. Alzò lo sguardo su Sarah e quel luccichio era di nuovo nei suoi occhi. Sapeva che anche se non gli piaceva, lei ne avrebbe fatto valere la pena. Tirò lentamente fuori gli oggetti dalla scatola e li posò uno alla volta sul piano di lavoro della cucina. Sarah osservava tutto questo, aveva visto lo sguardo dubbioso mentre apriva la scatola, poi la rassegnazione quando la guardava. Sapeva che era riluttante con questo, ma lo avrebbe fatto per lei. Si spogliò in silenzio davanti a lei quando era nudo lei lo fermò e lo liberò.

Sarah - Probabilmente sarebbe troppo grande per la biancheria intima.. inoltre voglio che tu senta tutto.

Poi gli porse le mutandine di cotone che voleva che indossasse lui le indossò ma già le stava gonfiando. Poi gli spessi collant neri che sembravano davvero stranamente comodi e sensuali una volta indossati. Doveva mostrargli come andava la gonna. Poi rise mentre lottava con il reggiseno che alla fine lo aiutava. La camicetta e la cravatta sono andate bene e lei si è presa un po' di tempo con la parrucca che nascondeva i suoi capelli naturali. Pensava di aver finito ma poi lei ha tirato fuori la sua scatola dei trucchi, a questo punto Adam si era rassegnato e si stava davvero divertendo più di quanto pensasse. Era una mano esperta con il trucco ed è riuscita a nascondere i suoi lineamenti maschili con tocchi intelligenti che aveva imparato nel corso degli anni. Quando finalmente ebbe finito, lei lo condusse per mano a uno specchio.

Sarah - Beh, sei una bella donna... Un po' grossa di spalle ma non ci posso fare molto.

Adam - wow, sembro davvero una ragazza... non mi riconosco...

Sarah - Welp tempo per fare le riprese la luce del giorno sta bruciando.

Adam - Aspetta... non puoi essere serio

Sarah - Oh ma io sono Ad... aspetta non possiamo chiamarti così! Anna suona bene

Adam - Uh.. io... Sarah... sono preoccupato per... essere visto... è molto... sai...

Sarah - Sei una ragazza così carina Anna, Così timida... Prometto che ne varrà la pena!

Anna se lo chiedeva, era una cosa importante vestirsi da ragazza un'altra essere fuori dove la gente può vedere. Pensava che nessuno fosse mai salito sul sentiero del giardino e quando lei gli aveva promesso che ne valeva la pena sapeva che avrebbe mantenuto quella promessa. Sarah tese la mano e Anna la prese e la seguì in giardino. Era strano sentire la gonna e il vento che gli soffiava contro le calze e su per il cavallo. Non aveva notato né pensato alla macchina fotografica che aveva in mano. Lo condusse di lato e poi si allontanò scattando foto come faceva lei.

Anna- Aspetta... uh... cosa farai con le foto?

Sarah - Dipende, se sono abbastanza bravi potrei proporli... sembri davvero una bella asiatica..

Anna - Non voglio che tu li mostri....

Sarah - Sto scherzando, questo è solo tra noi... ora te ne starai lì tutto rigido o proverai a divertirti?

Dopo quel commento e quella rassicurazione Anna iniziò a buttarsi nel rullino posando come meglio credeva di poter ed effettivamente iniziò a godere dell'attenzione della telecamera. Sarah lo ha convinto in una o due pose che erano un po' rivelatrici ed è stata una grande risata. Poi il postino è arrivato nel giardino sul retro e Anna si è accorta che era vestito da donna davanti a un ragazzo.

Postino - Ho un pacco per te Sarah.

Sarah - Oh fantastico, passalo ad Anna *indicando anna con la mano*

Anna esitò; non riusciva a credere che Sarah gli avrebbe fatto questo. Si voltò e prese il pacco e con voce leggera ringraziò il postino mentre la guardava.

Postino - Sailor moon?

Anna - uh no, solo un completo da scolaretta.

Postino - Oh sì, voglio dire, indossavano lo stesso ma avevano le corone eh?

Sarah - Diademi

Postino - Immagino, comunque stai bene, spero che le riprese vadano bene. Ci vediamo dopo Sara?

Sara - ciao Joe

Dopo che se ne fu andato, Anna ricadde sul suo fondoschiena espirando mentre Sarah scoppiava a ridere prima di sparare altri colpi sulla sua gonna.

Sarah - Ora che è un custode!

Anna - Io... vorrei che la terra mi inghiottisse..

sarah - Cosa stai dicendo del modo in cui ti guardava pensavo ti avrebbe inghiottito

Anna - Sara! ... Non sono quel tipo di ragazza

Entrambi scoppiarono a ridere per qualche minuto mentre Sarah metteva via la macchina fotografica. Tornarono dentro con grande sollievo di Anna, anche se Sarah ha sistemato le telecamere in soggiorno dicendo che voleva qualche foto più osé. Ha iniziato catturandone alcuni con la gonna sollevata da dietro, poi la parte superiore slacciata e il reggiseno in mostra. Poi Sarah afferrò la sua camicia e se la tirò sopra la testa rivelando un set completo di corsetto di pizzo nero con bretelle e mutandine abbinate. Afferrò una frusta da bondage da dove l'aveva posata Anna che guardava mentre cresceva per l'eccitazione. Il suo cazzo ora si tende dentro le sue mutandine.

Sarah - Ok ora ascolterai quello che dico troia.

Anna - Sì padrona.

Sarah - Alza la gonna sul davanti. Bene, ora tienilo in bocca... sì, ora voglio che ti prenda una tetta mentre lo fai... ora strofina il tuo cazzo...

Anna ha soddisfatto ogni richiesta anche strappando i collant su sua richiesta.. Sara gli ha lanciato un piccolo vibratore dicendogli di usarlo prima su se stesso sul suo cazzo poi sulle palle poi infine per metterlo nel suo culo lo ha fatto ed è stato fantastico che poi ha preso tira fuori un dildo più grande con una ventosa all'estremità per tenerlo in posizione.

Sarah - Voglio che te lo metta dentro, troia lenta, voglio fare più colpi che posso mentre ti entra nel culo.. fermati alla base ok

Anna guardò dubbiosamente il cazzo ma fece come gli era stato detto lentamente, posando sopra di esso la punta contro il suo ano le sue mutandine attorno a una gamba, il suo stesso cazzo altrettanto rigido.

Sarah, alza la gonna, sai che ami essere ripreso

Pensò di essere registrato mentre faceva scivolare la punta tra le mani tenendo sollevata la gonna mentre gli occhi eccitati di Sarah guardavano. Era alla base prima che se ne rendesse conto e ha notato Sarah che si avvicinava..

Sarah - troia troppo veloce, so che hai fame di cazzo ma questa volta lo voglio più lento A metà strada voglio che ti inginocchi sopra.

Anna si concentrò sulla sensazione mentre si abbassava di nuovo sul cazzo lui si inginocchiava portandolo fino alla base. Sarah lo incoraggiò, frustandolo leggermente mentre scendeva. Poi si slacciò le mutandine di lato e le fece scivolare via. Si mise a cavalcioni sul suo cazzo e poi si abbassò sulla sua punta.

Sarah - Beh, immagino che ora verrai fottuto da entrambe le parti.

Ha preso il suo grosso cazzo dentro il suo porposley mettendolo a nudo con forza sul suo cazzo in modo che potesse sentire il cazzo all'altra estremità, lei si è mossa scopandolo mentre veniva scopato dal basso e lui lo sentiva sulla sua prostata.

Anna - Boh...

Sarah - Faresti meglio a resistere ancora un po' altrimenti....

Anna strinse i denti a questo, sapeva di essere vicino ma voleva anche farle piacere. Gli premette la testa contro i seni e lui li attaccò con la lingua mentre lei iniziava a gemere e lui si aggrappava a tutto ciò che aveva. Sentì il suo culmine e si preoccupò di non venire da solo.

Sarah - Wow Anna, sei una tale troia, immagino di doverti fottere.

Scese da lui e si allungò dietro il divano per prendere qualcosa. Era uno strap on più grande e invece di essere preoccupata Anna era giubilante alla vista mentre scendeva dal cazzo più piccolo sul pavimento, lo spinse sul divano e gli aprì le gambe. Lentamente è entrata chiedendo un paio di volte se la sua troietta stava bene. Alla fine lei era tutta dentro e cominciò a muoversi a un ritmo, fu allora che afferrò la sua asta e iniziò senza pietà ad accarezzarlo quando finalmente arrivò fu un orgasmo come mai prima d'ora sentì il suo culo stringersi in modo incontrollabile mentre lei scopava lo sperma fuori da lui che si rifiutava di mollare finché non fosse stato esaurito.

Alcune settimane dopo, dopo il ritorno dei genitori, Sarah aveva deciso di trasferirsi a casa sua e aveva chiesto ad Adam se si sarebbe trasferito da lei per aiutarla a pagare l'affitto. Ha colto al volo l'occasione e non si sono mai separati. In segreto erano sposati e nemmeno i loro genitori lo sapevano... Sarah ha sempre amato essere al comando e Anna/Adam l'ha adorato

Storie simili

Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

Il Cavalierato Dopo quella maledetta serata, Noah non aveva fretta di uscire dai bagni, e il fatto di avere la stanza tutta per sé era una gradita serenità. Inoltre presto sarebbe tornato a vivere per strada, dove i bagni caldi erano pochi e rari. Era bello assaporarlo finché poteva, così come la sensazione di un'uniforme fresca. Si fermò nella sala mensa e prese del pane e una mela, poi tornò al suo dormitorio, dopo aver trascorso le ultime ore bramando la morbidezza del suo letto come una vecchia fiamma. Sembrava che non appena chiudeva gli occhi, si aprivano al suono di...

500 I più visti

Likes 0

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

328 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Ora è la tua occasione, ragazzo

Storia di Fbailey numero 415 Ora è la tua occasione, ragazzo La nostra famiglia è piuttosto unita e abbiamo sempre compagnia nei fine settimana. Papà è vicepresidente in un'azienda manifatturiera qui in città, mamma è segretaria esecutiva in un'altra azienda manifatturiera in città, e io ho quattordici anni e andrò al liceo in autunno. La terza media è un po' spaventosa per me. Essere un nerd informatico, vergine, e avere una grande casa nella parte migliore della città mi renderà sicuramente un bersaglio per gli atleti. Non vedo l'ora di farlo. La nostra camera familiare era il luogo d'incontro generale. Aveva...

903 I più visti

Likes 0

Il Bar 3

Questo posto ti stava facendo impazzire. Ti girava la testa. Stai bene? Mio Dio quella voce. Uno dei motivi principali per cui ti girava la testa. Questa donna. Il barista. La guardi profondamente negli occhi. Perso in una mente piena di pensieri sporchi. Il suo sguardo non lasciava mai il tuo e per i brevi secondi prima che tu parlassi, sembravano ore. “Sto bene,” dissi severamente. Si è avvicinata a te. Puoi fermarti in qualsiasi momento, disse Mila. Le sue morbide labbra a pochi centimetri dalle tue. Perché stava facendo questo? Doveva sapere che ti stava facendo impazzire. Le scosti una...

646 I più visti

Likes 0

Intervista con il demone tentacolo Capitolo 10: Trio

CAPITOLO 10: TRIO Lauren si è lanciata nel ruolo di troia insaziabile, ed è andata da Gruthsorik per una scopata tentacolare ogni giorno, a volte anche due volte in un giorno. Non passò molto tempo prima che prendesse due tentacoli ciascuno sia nel culo che nella figa ora nuda, e ne amasse ogni momento. Le piaceva molto lo sperma del mostro, usando le mani per toglierselo dal corpo e portarlo in bocca, a volte anche leccandolo dal pavimento. Di notte Lauren dormiva rannicchiata vicino al demone, spesso in uno stretto abbraccio tentacolare. Hanno sperimentato nuove posizioni. Lauren trovava che farsi scopare...

637 I più visti

Likes 0

Catturato Parcheggio I

Ho limitato la sezione dei commenti ai soli membri a causa di spammer e altri idioti. Non esitate a mandarmi i vostri commenti in PM. Fortunato Mann Catturato Parcheggio I Mi chiamo Jim e sono un poliziotto notturno di 30 anni in un grande complesso di magazzini. Parte dei miei compiti include il pattugliamento di un grande lotto dove molti dei camionisti che vengono ai magazzini lasciano i loro rimorchi vuoti. Il parcheggio per roulotte è di proprietà privata della società di magazzini. Essendo al di fuori della recinzione di sicurezza del magazzino, vi si accede dalla strada provinciale che lo...

667 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.