Bozza finale: l'autobiografia

920Report
Bozza finale: l'autobiografia

Bozza finale:

L'autobiografia

=================================================== =============

La stagione del tennis stava finalmente volgendo al termine.


Sono inciampato fuori dal campo dopo la mia ultima partita, togliendomi la maglietta inzuppata di sudore, dirigendomi verso la mia borsa. Amber era seduta accanto ad esso, guardandomi camminare verso di lei, un ampio sorriso che si allargava sul suo viso.
"Buon lavoro."
"Grazie." Ansimai, afferrando la mia acqua, lasciando cadere la mia camicia sul suo grembo.
"Ugh, non ti amo così tanto." Gettò lo straccio sudato sul tavolo e poi, voltandosi di nuovo verso di me, mi accarezzò la pancia scoperta.

"Sembra buono."
Ero diventato più forte, più muscoloso, nelle ultime settimane. Ho permesso un sorriso sottile. "Sì? Mostrami i tuoi."
Lei ridacchiò. "Forse più tardi."
Ho preso l'altro mio set di vestiti e un po' di sapone dalla mia borsa.
«Usciremo dopo che mi sarò cambiato. Tieni duro.

Lascio che l'acqua bollente mi scenda lungo il corpo, purificandomi dal sudore e dalla sporcizia della giornata. Tuttavia, non mi ha fatto davvero sentire più pulito.
Non ho perso tempo. Ho lavato il mio corpo stanco e sono uscito dalla doccia, incontrando di nuovo Amber e poi di nuovo alla mia macchina.
“Vuoi fare un pisolino prima del film? Abbiamo ancora molto tempo”.
"Suona alla grande." Annuii, uscendo dai tribunali cittadini, verso casa mia.

Ridacchiò mentre crollavo, esausto, sul mio letto e mi arrampicavo tra le mie braccia mentre gliele tendevo.
Il suo corpo era sempre freddo, come il mio. Ben presto mi ritrovai a tremare, così mi arrampicai sotto le coperte, sorridendo maliziosamente mentre le sbarravo di nuovo l'accesso tra le mie braccia, rannicchiandomi sotto la coperta. Lei rise e salì con me, e ci rotolammo in un ammasso aggrovigliato di membra e coperte, baciandoci affettuosamente.

Le sue mani scivolarono tra di noi e io sobbalzai per la sorpresa mentre mi afferrava il cazzo attraverso i pantaloncini.
“Ehm…”
L'ho tenuta per le braccia e l'ho fatta girare sul letto in modo che tornassimo a cucchiaiare. Lei piagnucolò.
"Scusa bella. Non sono proprio dell'umore giusto.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------

L'anno scolastico volgeva finalmente al termine.


Mentre camminavo verso il parcheggio della scuola, trovai Emily che mi aspettava alla mia macchina.
"Questa è una sorpresa." Mi avvicinai a lei, avvolgendole le braccia intorno alla vita e aiutandomi a baciarla. "Hai lasciato la lezione prima?"
Lei ridacchiò. «Ritieniti fortunato, Ben.»
"Io faccio."

Siamo saliti in macchina e l'ho accompagnata a casa. Avevo programmato di lasciarla solo, ma aveva un nuovo animale domestico. Siamo entrati in casa sua. Nella sua stanza. Sul suo letto.

Mi aveva tolto la maglietta prima che me ne rendessi conto, e le sue mani erano morbide mentre mi accarezzavano le braccia muscolose, il petto e lo stomaco definito prima di continuare verso il basso. Le sorrisi mentre mi sbottonava i jeans, facendo scivolare le dita curiosamente dentro, i suoi occhi che guardavano innocenti, distendendo il mio grosso cazzo dai pantaloni e accarezzandolo teneramente.
Potrei dire che l'aveva già fatto prima.
Le mie stesse mani erano preoccupate di far scivolare la sua maglietta per prenderle i seni, impastarli e modellarli a mio piacimento.

Emily mi guardò accigliata. «Non abbastanza, eh?» Abbassai lo sguardo confuso. stavo pensando ad altro....
Ho visto le sue labbra carnose baciare la mia testa; ma non ero nemmeno duro.

Ho sentito il rombo della porta del suo garage, che segnalava l'arrivo dei suoi genitori.
"Merda."
Sono immediatamente sceso da lei, mi sono infilato di nuovo il cazzo nei pantaloni, ho recuperato la maglietta, l'ho salutata con un bacio e sono uscito.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------

L'estate stava finalmente volgendo al termine.

"Shelly". Le mie mani la tenevano saldamente in posizione per le spalle. "Non funzionerà."

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------
---La parte era finalmente finita.
«Jessica. Ho bisogno di un po' di tempo lontano da questa relazione".

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------

---La canzone stava finalmente finendo.
"Non mi sento allo stesso modo per te, Ashley."

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------

Era assolutamente bellissima, Danielle. Le sue labbra rosse e carnose erano a pochi centimetri dalle mie mentre mi libravo sopra di lei, il mio corpo sudato si spingeva in modo stridente contro il suo, ma non riuscivo ad aprire gli occhi per berlo.
Sapevo che anche lei stava sudando. I suoi occhi mi avevano sempre ricordato il cielo che si schianta sull'oceano: immenso, blu e incredibilmente bello. Sapevo che la sua bocca era leggermente aperta come se cercasse di formare parole, ma tutto ciò che ne uscì furono gemiti gutturali mentre facevo scivolare il mio cazzo dentro e fuori di lei; scopandola lentamente, con calma...

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------

Ero un po' senza speranza quando se n'è andata. Non avevo nient'altro da fare.
Ho guardato dal mio letto alla mia scrivania, che, di solito impilata con fogli e bozze e bottiglie di Gatorade mezze ubriache, era pulita e organizzata. Non ho più scritto così tanto.

Non ho più scritto niente.
Aveva perso il suo fascino.

Tutto aveva perso il suo fascino.


Sospirai, girandomi e sollevando il telefono.
5 messaggi persi.
Li ho letti tutti, ma non ho risposto a nessuno.
Una era mia madre, che mi chiedeva dove fossi. Due erano inviti a una festa. Uno era il mio allenatore, che ricordava a tutti di mantenersi in forma per la prossima stagione. Una era Danielle, che diceva di aver lasciato la borsetta da qualche parte.

Ho districato le lenzuola macchiate di sperma. Sì. La sua borsa.
L'ho messo sul comodino per non dimenticarlo.
Perché ha portato la borsa a letto mentre facevamo sesso?
Mi girai di nuovo, chiudendo gli occhi e cercando di costringermi a fare un pisolino.


Il mio telefono stava squillando. Grrr.

"Ciao?"
“Ben? Perché non hai risposto?
"Scusa, ho appena guardato il tuo messaggio."
"Bene, puoi portarlo?"
"Ora?"
"SÌ! Ovviamente! Tutta la mia roba è lì dentro!”
"Va bene, arrivo tra un attimo."

Stavo per riattaccare, ma mi sono reso conto che stava ancora parlando.

«Ah, Ben?»
"Sì?"
«Hai ricevuto il messaggio sulla festa di Hammond?»
"Sì."
"Beh, so che non ti piace davvero, ma sua sorella ha preso in prestito il mio maglione, di cui ho bisogno, quindi possiamo fermarci un minuto così posso riaverlo?"
“Non puoi andare da solo? Sono impegnato questo mercoledì.
"NO! Non posso andare a una festa da solo! L'ha detto come se fossi stupido. "Non devi parlare con nessuno, basta unirti."

Sospirai.
"Ok ciao."
"Va bene, ti amo piccola, ciao!"
"Ok ciao."


Grrr….

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -----

La casa di Leslie Hammond era più una tenuta. Era viziata, una sgualdrina e una stronza. Ma tutti venivano alle sue feste. Anche io, a quanto pare.

Potevo sentire il battito pulsare dalla casa non appena varcammo il cancello principale. E il volume raddoppiò quando entrammo nella porta, infilandoci nel caos di corpi che si contorcevano e si dimenavano insieme.
Tutti sembravano bagnati. Si sono versati la birra addosso?
Non appena arrivammo, mi allontanai da Danielle e mi diressi verso la cucina. Il fratello di Leslie, Todd, era un mio caro amico. Di solito si aggirava vicino al cibo.

«Ben.»
"Hey amico. Che cosa succede?"
Mi sono seduto al bar accanto a lui e abbiamo visto una coppia scopare sul divano del soggiorno. Disgustoso.
"Dov'è la tua ragazza?"
«Cerco tua sorella.»
Ha riso. «Ti ha trascinato qui?»
"Sì."

Todd si alzò per prendere del pollo dal tavolo del cibo e tornò con un piatto anche per me.

«Ho sentito che non esci più molto con Ryan. Hai litigato?
Ho scrollato le spalle. "Oh no. È solo che non ci siamo visti di recente.
«Be', è qui, da qualche parte.» Mi afferrò per la spalla, portandomi fuori dalla cucina. «Lo troverò per te.»
"NO! Quello... va bene, tu non...»

Ma le mie parole furono inghiottite dal battito pulsante della musica.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------

Era nel corridoio al piano di sopra, appena uscito dalla camera da letto di Leslie con una ragazza. Sapevo che il mio cuore stava tremando, ma non riuscivo a sentirlo. Ero freddo e insensibile e le mie labbra erano serrate saldamente.

Restammo in piedi e ci fissammo a lungo.

"EHI."

Sbattei le palpebre, quasi sorpreso.


"EHI."


"Che cosa succede?"

"Non tanto."


La ragazza accanto a Ryan ci superò, uscendo dal corridoio, e Todd mi diede una pacca sulla spalla. “Ho di nuovo fame. Dopo."
E all'improvviso eravamo soli.
Non riuscivo nemmeno più a sentire quella musica esasperante.


"COSÌ…"

"Sei stato bene?"

"Sì, abbastanza bene."




"È passato un po 'di tempo."

"SÌ. Esso ha."



………



"Era la tua ragazza?"

"NO."


"Vedo."



………?




"Stai uscendo con Danielle, vero?"
"Si ma…"

"Che cosa?"

"Lei è un po'..."
"Fastidioso?" ha finito per me.

ridacchiai. "Sì. Sa che odio Hammond, ma mi trascina ancora qui!»
Ryan ridacchiò. "Sì, avrei sicuramente dovuto avvertirti in cosa ti stavi cacciando con lei."
"Però è brava a letto."
"Ah ah, sì?"

Eravamo seduti sul pavimento nel corridoio, ora, comodamente uno di fronte all'altro.

«Così ho sentito che l'anno prossimo non giocherai a tennis.»
"Che cosa? Certo che lo sono."
"Così ho pensato. L'ho sentito da Danny Mac.»
ho deriso. "Beh, sono abbastanza sicuro che fosse per gelosia."
"Oh, l'hai battuto quest'anno?"
"Sì, sono diventato molto più forte." Tirai indietro la manica della camicia per sfoggiare i miei bicipiti. Fischiò.
"Ahh, una volta una bomba, sempre una bomba."
Ho riso. "Sono io, va bene."

Gli occhi di Ryan si illuminarono meravigliosamente. "A proposito," si alzò, "la sorella di Kevin."
"Che mi dici di lei?"

"Freddy mi ha appena mandato un messaggio dicendo che era nuda a casa di Mario, parlando di voler scopare qualcuno."
"È così strana."
"Ma è sexy!"
“Ah. VERO."
"COSÌ? Andiamo."

Mi alzai anch'io, incapace di trattenere quel sorriso sciocco che avevo sempre.
«Però ti prendi la colpa quando Danielle scopre che l'ho scaricata.»
"Affare."


Era come se mi fossi ripreso da qualcosa.
Essere solo amici era abbastanza per me.

-------------------------------------------------- --------------------------------------------------

Danielle ha rotto con me per averla scaricata alla festa. Ma non me ne sono reso conto fino al lunedì successivo, quando un amico l'ha portato in una conversazione. Ma non mi dispiaceva affatto. Ero di nuovo single. Aperto a chiunque.


Ryan aveva portato la sua Xbox a casa mia e la stava giocando sul mio letto. Ero alla mia scrivania ad ascoltarlo frustrato. Ogni volta che veniva ucciso, si arrabbiava sempre di più fino a quando non urlava e prendeva a calci i miei vestiti per terra.

"Li stai piegando di nuovo." l'ho rimproverato.
“Hai visto cosa ha fatto quel succhiacazzi? C'è un problema tecnico! Non è possibile che ciò accada!

L'ho osservato per un po'. Non ho mai veramente capito Halo... no... ero solo cattivo, tutto qui.
Prima avevo portato una pila di posta e ci stavo arrivando solo ora. Ne ho notato uno con sopra un timbro dell'Università.

"Santo cielo."
Ryan alzò lo sguardo dal suo gioco. "Che cosa? Già servizio di giuria?»
Mi sono rivolto a lui. «La regina Mary e Westfield!»
"Che cosa?"

Ho alzato il foglio. "Sono stato accettato al college a Londra."
Ha fatto una faccia cattiva. "Pensavo che odiassi l'Inghilterra."
Gli ho sparato una faccia altrettanto cattiva. "NO. È solo che sono abituato a vivere qui... Mia madre è andata lì.

"COSÌ?"

"Quindi ha promesso di pagare le tasse scolastiche se ci vado."

Il cipiglio di Ryan crebbe improvvisamente. Lasciò cadere il controller sul pavimento e si avvicinò alle mie spalle, guardandomi scrivere una risposta.

«È molto lontano da casa.» Mi ha ricordato.
"Tutta la mia famiglia vive laggiù, idiota."
"E lì è tutto più costoso."
«Ma non pago la retta.»
"E... il clima è terribile!"

Lo fissai. “Qual è il tuo affare? Non posso fare quello che voglio?
"NO!"
"Che cosa?"
"Voglio dire... sì che puoi, ma abbiamo deciso di andare al college insieme!"

Sbuffai, sigillando la risposta nella busta che avevano allegato.
«Era alle medie, Ryan.»
"COSÌ?"
“Quindi, non voglio più essere un genio del computer! Da allora sono cresciuto, e anche tu.

Mi sono infilato la giacca e ho preso la busta. "Tieni duro." dissi uscendo dalla porta.

"NO!" Ryan è saltato giù dal letto, inciampando nel cavo del gioco, ed è caduto su di me, cadendo entrambi a terra. Lui afferrò la busta, ma io la tenni lontana, infilandomela in tasca. La faccia di Ryan era arrossata ora, mentre lottavamo. Ero più forte di prima, e ci siamo aggrappati come due titani che si lanciano tuoni l'uno contro l'altro; tutta la terra trema a ogni ruggito. Ho urlato per la frustrazione quando mi ha superato, immobilizzandomi le braccia e sedendomi sul petto. Ero inchiodato e lo fissai furiosamente.

Ryan, tuttavia, stava assumendo questo aspetto strano. Come se stesse discutendo se fare qualcosa.
Poi,….

?

!

Che cos 'era questo!?


Ryan si chinò e premette le sue labbra sulle mie. Era energico e appassionato. Ma il modo in cui mi ha toccato è stato così gentile, che i miei occhi si sono chiusi e sono rimasto congelato sul pavimento, anche se aveva tolto le mani per potermi tenere il viso.

Interruppe il bacio e fece il broncio come un bambino viziato.
«Non voglio che tu vada.» Lui mi ha detto. "Non ho chiuso con te."

Non ho idea di che tipo di espressione avessi mentre lo guardavo.
"Cosa intendi?"

Il suo sguardo paralizzava i miei sensi.
«Sono ancora innamorato di te, Ben.»

Questa volta, sono stato io a allungare la mano e a trascinarlo verso di me. L'ho baciato con tutta la rabbia e l'apatia che avevo accumulato negli ultimi mesi. Ci siamo rotolati l'uno sull'altro, andando a sbattere contro muri e mobili e senza sentirne nulla. Solo le nostre mani sui corpi l'uno dell'altro mentre gli sollevavo la camicia e lui mi sbottonava i pantaloni.
Mi arrampicai sul suo petto e mi chinai per succhiargli un capezzolo. Avevo dimenticato quanto fosse caldo il suo corpo, quasi insopportabile. Le sue mani erano ruvide contro la mia pelle mentre mi esploravano, e io rabbrividivo e ridevo mentre mi solleticava i punti più sensibili. Ricambiai il favore tenendogli le mani sul petto e facendo scivolare la lingua lungo il suo stomaco fino in cima ai suoi pantaloni, e facendomi strada con il muso dentro. Inarcò la schiena e gemette impazientemente mentre lo prendevo in giro. Potevo già vedere il profilo del suo cazzo rigido contro il materiale sottile dei suoi pantaloncini da basket. Mi sono tuffato in loro.

Era passato molto tempo.
Molto tempo da quando avevo afferrato il suo cazzo, facendolo uscire dai suoi pantaloncini e facendo scivolare avidamente la mia lingua ruvida dalle sue palle alla sua testa. Ho sentito grosse mani passarmi tra i capelli, incitandomi.
Accarezzando la sua asta, ho preso la testa nella mia bocca e ho fatto roteare il suo precum, ricordando il sapore di lui, facendolo dimenare sotto di me.

Facendo perno sul pavimento, Ryan ha trovato il mio cazzo e l'ha ingoiato, facendomi battere il cuore per la sorpresa e il piacere mentre gli scivolavo giù per la gola. In questa posizione, ci succhiavamo l'un l'altro i cazzi, lì sulla soglia della mia stanza, gemendo e contorcendosi sul pavimento come serpenti, i corpi intrecciati in una danza viscida di sudore.

All'improvviso si è alzato da me, il mio cazzo gli è uscito dalla bocca, lasciandolo senza fiato.

«Ehi, Ben.»
"EHI."
"Stendersi."

Scesi dal suo petto e mi sdraiai sulla schiena, guardando quel bellissimo ragazzo, chiedendomi cosa stesse facendo.

Si è messo a cavalcioni sul mio grembo e ha messo a terra il culo sul mio cazzo bagnato, costringendolo all'istante sull'attenti.

«Cazzo, Ryan. Sei pazzo."
"Eh." Grugnì, sorridendomi. "Pazzo per te."

Sedendosi, si allungò sotto di lui e afferrò il mio cazzo, puntandolo dritto verso il suo culo.
"Pronto?"
"Sì."
Lasciò uscire le gambe da sotto di sé e lasciò che la gravità facesse il suo corso.

DIO era stretto!
Si è impalato sul mio cazzo, gli occhi spalancati, la bocca serrata, il culo che si spalancava mentre invadevo il suo corpo.
Pollice dopo centimetro, sono scivolato dentro di lui mentre lui premeva su di me, finché ancora una volta era seduto sulle mie ginocchia, con il mio cazzo lungo e spesso che gli tappava il buco.

Il calore uscì dal suo corpo mentre mi tiravo fuori un po', costringendo Ryan a squittire. E ancora, mentre mi spingevo indietro, fottendolo dolcemente.

"Fermare."
I miei fianchi si congelarono a mezz'aria.
Mi ha guardato. "Farò il lavoro necessario."

Schiacciò il bacino avanti e indietro sul mio grembo, facendo massaggiare le pareti del suo retto con il mio cazzo. Mi ha fatto impazzire.
Gli tenni i fianchi mentre iniziava a cavalcare il mio cazzo, incapace di trattenere i gemiti di piacere che mi pervasero mentre affondava più e più volte sul mio cazzo. Si fottò avidamente sulla mia grossa verga, sempre più veloce mentre il suo dolore si trasformava in piacere; incapace di fermarsi; il desiderio del suo corpo prende completamente il sopravvento.

E io ero solo per il viaggio.
Lo strinsi saldamente mentre contrastavamo e spingevamo i nostri corpi insieme... la pelle liscia che schiaffeggiava... le mie mani esploravano i suoi lineamenti muscolosi e il bel viso... lui si chinava per catturarmi con un bacio; la nuova posizione provocava una nuova ondata di piacere sul mio cazzo.

Non aveva toccato affatto il suo cazzo, eppure la sua durezza premeva contro il mio stomaco mentre scopavamo, lubrificato con sudore, saliva e precum, e strofinando contro le creste della mia confezione da sei serrata.
I nostri occhi si erano chiusi mentre ci baciavamo e lasciavamo che le nostre mani cercassero i punti dolci dell'altro. Lo stavo spingendo dentro, ora, fottendolo come si deve. Duro, veloce e senza paura.

Faceva caldo.
Così caldo, e non riuscivo affatto a pensare bene.
Avrei dovuto rallentare, ma sentivo le mie palle ribollire e i miei fianchi agivano da soli mentre si muovevano avanti e indietro; costringendo il mio cazzo nel corpo di Ryan.
Staccando le labbra dalle sue, cercai di mettere insieme le parole giuste.

"Ah, Ryan."
"S-sì?"
“Non credo di riuscire a fermarmi in tempo…”
"Va bene. Voglio che tu venga dentro di me.

Annuii, facendolo girare sulla schiena e premendo forte, verso il basso, nel suo sedere spalancato.
"Cazzo, Ben!"
"Fanculo!"

Sono esploso, sparando spessi flussi di sperma nel suo buco. Solo allora mi sono reso conto che anche lui era venuto, sentendolo schizzare nauseabondo contro la mia gola e il mio petto. Il suo retto si strinse forte contro il mio cazzo, mungendomi; e presto, il suo culo era pieno fino all'orlo, e il mio sperma traboccò sulle mie palle e sul mio culo.

Il mio cazzo rammollito è saltato fuori, e sono rimasto lì per un po', guardando lo sperma rimanente fuoriuscire da lui.

Eravamo sdraiati l'uno nelle braccia dell'altro, ancora sul pavimento, come degli sciocchi.
Sciocchi felici.
Assolutamente gioiosi, completamente ridicoli, pazzi sciocchi.

"Non ho mai smesso di amarti, Ryan." Gli ho baciato la fronte sudata.

"Grazie a Dio." fu tutto ciò che riuscì a rispondere.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------

Mi ero rimesso i pantaloncini e mi ero seduto alla mia scrivania, circondato dalle gloriose possibilità dell'inchiostro e della carta.

Ryan è venuto dietro di me, avvolgendomi in un abbraccio e appoggiando la sua testa sopra la mia.

"EHI." Egli ha detto.
"EHI."
"Cosa scriverai?"
ridacchiai. "La storia della mia vita."

Ryan si è seduto accanto a me, sul mio letto.
"Buona idea! Dovresti scrivere di noi!” Lui mi ha detto. "Avresti un'esperienza di prima mano per tutte le scene di sesso piene di vapore!"

Abbiamo riso e riso, come non facevamo da molto tempo.

"Certo" ridacchiai, alzando gli occhi al cielo.
«Sarebbe appropriato per un'autobiografia.»



=================================================== =============
Fine
=================================================== =============


NOTA DELL'AUTORE:

Ah, questo è tutto per la serie "Autobiography", spero ti sia piaciuta!
Se non li hai letti tutti, per favore fallo! Se clicchi sul mio nome, puoi vedere tutte le storie che ho scritto, solo per il tuo piacere.

Inoltre, continua a supportarmi con voti e commenti e attendo con ansia le mie storie future!
Puoi contattarmi su myspace.com/lostdreamsinger, per parlare di me, di te, della vita, qualunque cosa; o parlare del mio prossimo progetto: "Running Barefoot".

PS: ancora una volta, spero che ti sia piaciuto!!!!!

Tuo amico,
il giovane autore

Storie simili

Il Drago (S)Strati V. 1 cap. 02 (La Maga)

La maga * * * * Mia carissima Tessarie, So che i tempi ci stanno provando in questo momento, ma sappi che ho fatto del mio meglio per assicurarmi che tu finissi in un posto sicuro. Le terre umane sono accoglienti per la nostra specie e, sebbene non ci si possa fidare di loro, non ho dubbi che verrai trattato bene e accolto a braccia aperte. Da quello che sappiamo di loro, evitano la magia, quindi per favore fai attenzione se scegli di esercitare i tuoi poteri. . . L'incidente avrebbe potuto essere perdonato se non fosse stato così diffuso, ma...

2.4K I più visti

Likes 0

Una fantastica vacanza

Cosa fa una donna di circa 30 anni divorziata di recente quando il suo posto di lavoro ha una vacanza di 2 settimane? Beh, vai in vacanza, naturalmente. Il mio ex marito era una persona controllante, aveva bisogno di fare le cose a modo suo nel suo programma. Ma mi aveva fatto sentire a mio agio, immagino che stare con qualcuno dai 20 ai 30 anni lo faccia. Ma sono contento che quel capitolo della mia vita sia finito. Ho potuto vedere i segni un paio di anni fa e penso che inconsciamente volevo comunque uscire dal matrimonio. Ma è stata...

2.1K I più visti

Likes 0

Il mistero del ritiro parte 2_(0)

Il mistero del pickup parte 2 Cindy era stata un'accompagnatrice occasionale che era diventata un'avventura notturna per John, ma dopo che se ne era andata c'era un vero vuoto nella sua vita. Poi l'aveva vista di nuovo alla parata e aveva scoperto che era la figlia diciassettenne del capo della polizia e la sensazione di vuoto era stata sostituita dalla paura. Poi di punto in bianco si era presentata a casa sua e gli aveva detto che sarebbe tornata tra un paio di mesi quando avrebbe compiuto 18 anni. John non riusciva a togliersela dalla testa e in realtà è passato...

2.4K I più visti

Likes 0

Il padrone vuole, il padrone ottiene

Ero in piedi nel mio soggiorno, con indosso i vestiti che mi aveva mandato, calzini neri al ginocchio, perizoma nero, reggiseno nero e un vestito corto trasparente gettato, adorava vedere cosa sarebbe stato presto suo. Il mio Maestro sarebbe tornato in meno di dieci minuti. Dopo l'ultima ora di sms, mi aveva detto che stasera ci sarei stato dentro Ho aperto la porta e lui è entrato e si è voltato verso di me mentre chiudevo la porta, quando mi sono girato la sua mano è andata dritta ai miei capelli, afferrandone un grosso pezzo, mi ha tirato indietro il collo...

1.4K I più visti

Likes 0

Secondi sciatti_(10)

Finalmente ho i miei secondi sciatti, quindi ho Toni seduto sulla mia faccia che le dice di spingere fuori che viene mentre la mangio fuori. È così piena che il mio viso, il collo e il petto sono coperti da tutto il gocciolamento, non potevo credere a tutto il venire che aveva ancora immagazzinato in quella figa, ma poi di nuovo ha ricevuto almeno 4 carichi lì dentro. Lei si dimena su tutta la mia faccia mentre le succhio il clitoride e le lecco la figa finché non esplode e mi schizza, ora sono completamente fradicio e anche il letto, lei...

885 I più visti

Likes 0

Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. Brandon, sei qui? Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di...

925 I più visti

Likes 0

Mio marito non lo sa_(0)

Ciao a tutti, beh, questa è la mia prima storia che scrivo sulle mie esperienze sessuali e spero che vi piaccia. Mi chiamo Kristy, ho 29 anni, vivo sulla costa settentrionale del NSW, molto piccola solo circa 5 piedi 2, ho un seno estremamente grande per la mia taglia, una bella figa e un culo piccoli da abbinare, questa storia parla di un incontro sessuale che ho avuto con un ragazzo con cui sono diventato amico mentre lavoravo per una grande azienda di vendita al dettaglio. Era il nostro fattorino ed era molto più anziano, sulla cinquantina ma sembrava molto più...

835 I più visti

Likes 0

La compagnia di Tre, ma Quattro è una folla...

Aspettavo questa notte da un po'. Da ragazzo di 16 anni, ogni possibilità che hai di uscire con la pupilla dei tuoi occhi è sempre stata accolta con eccitazione e meraviglia. Sarà questa la notte in cui lo porteremo al livello successivo? Quanto durerò? Spero pienamente che non abbia le mestruazioni... tutti questi pensieri e domande mi sono passati per la testa mentre sedevo impaziente in attesa di un messaggio da Brittany. Poi il mio telefono ha squillato... Ehi... (Era Brittany) Che cosa succede? So di aver detto che saremmo usciti stasera, e spero che tu voglia ancora, ma la...

780 I più visti

Likes 0

Voglio solo guardare

Voglio solo guardare. ............................................. Mi sono seduto a pochi centimetri dalla coppia che scopava sul letto. Ho studiato il suo viso mentre veniva scopata da dietro. I suoi occhi socchiusi e, a volte, rotolavano all'indietro in totale godimento. Di tanto in tanto i nostri occhi si incontravano e ci abbracciavamo fissare, fino a quando non si sarebbe interrotta a causa del martellamento che stava ricevendo la sua figa. Si mordeva il labbro inferiore in estasi. Anche se il mio cazzo pulsava, non volevo partecipare. Volevo guardare, solo per guardare il meraviglioso cazzo. Volevo che durasse il più a lungo possibile. Vederla...

759 I più visti

Likes 0

Sarah ama essere al comando, parte terza - Redux

Sarah ama essere in carica parte 3 (redux) Ciao ragazzi, ero un po' ubriaco quando ho scritto la terza parte originale, ho fatto una serie di errori, penso che il più grande sia stato invertire il tono. Avere Sarah che lasciava che Adam prendesse le redini e che Sarah diventasse un po' sottomessa non era quello che volevo, quindi ho deciso di riprovare. Grazie per il feedback e ancora una volta sono ancora nuovo in tutto questo, quindi votare è fantastico e i commenti sono migliori. Sarah ha aspettato in cucina pensando alla notte prima di vivere la sua ultima fantasia...

799 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.