Chiuso nel passato parte 5

868Report
Chiuso nel passato parte 5

Mentre entravo nel vialetto, fui sorpreso di vedere l'auto di Richard. Quando sono entrato dalla porta principale, era sul divano, a parlare con Pat. Sono stato accolto con i loro saluti, ma Pat non si è preoccupata di incontrarmi con il solito abbraccio e bacio, una svista che normalmente non avrei notato. Mi sono scusato per farmi una doccia.

In bagno, mi sono tolto i pantaloncini e mi sono chiesto come avrei potuto nascondere le macchie di sangue a Pat. Ho deciso di sbarazzarmene piuttosto che rischiare domande imbarazzanti. Il mio retto era gonfio. Ogni mossa che facevo portava nuovo dolore. Entrai nella doccia e cercai di lavare via gli eventi della giornata prima di vestirmi per il pasto.

Pat mi venne incontro mentre uscivo dalla porta della camera da letto. "Perché non mi hai detto che avevi invitato Richard a passare la notte?" domandò.

Era la prima volta che ci pensavo di nuovo. "Avevo altre cose per la testa e non sono riuscito a chiamarti," dissi onestamente. "Tesoro, mi dispiace davvero. Ha detto che può andare in un motel se ne ha bisogno," mi offrii debolmente.

"No, non andrà in un motel dopo che lo hai invitato a stare con noi," disse con rabbia. "Non so come tu possa essere così sconsiderato con me e i bambini. L'ho messo nella stanza di Roy e Roy andrà nel seminterrato stasera, proprio come avevamo programmato quando starà con noi la prossima settimana, ma mi avrebbe aiutato se mi fosse stato concesso un po' di tempo. Richard mi ha aiutato a cambiare le lenzuola e rifare l'altro letto. Era imbarazzato perché non lo sapevo."

"Non sapevo che sarebbe venuto così presto," dissi. "Avrei potuto aiutare a fare quelle cose dopo essere arrivato qui."

"Sì, se ci avessi pensato allora," sbottò lei. "È venuto presto per fare la doccia. Si è scusato molto quando ha capito che non sapevo che lo avevi invitato. Ora è fatto e tutto è stato sistemato, grazie alla sua disponibilità."

In quella nota, siamo andati a The Utopian per la nostra serata "speciale" in famiglia.

L'atmosfera nel club era sommessa e la folla più piccola del solito, ma il cibo era superbo. Nell'ambiente elegante tutti sembravano rilassati e sereni, un gradito cambiamento rispetto al lutto e alla tensione dell'11 settembre. In attesa della portata principale, Richard ha chiesto a Pat di ballare. Ha cercato di tirarsi indietro, ma su sollecitazione di Richard e dei bambini, lo ha accompagnato alla pista da ballo. La guardai scivolare tra le sue braccia e iniziare a seguire il suo esempio. Richard era un ballerino sorprendentemente aggraziato. Patty sembrò colpita dalla sua abilità e presto iniziarono a parlare e ridere mentre fluttuavano sul pavimento. Un ballo si è trasformato in due e poi in tre, prima che tornassero al tavolo.

Dopo aver ordinato il deserto, Richard ha chiesto a June di ballare. Lei lo prese immediatamente sottobraccio e si unì a diverse altre coppie sulla pista da ballo. "Hai davvero un buon odore," disse mentre si muoveva comodamente tra le sue braccia e cominciava a ondeggiare al ritmo della musica. Richard sorrise.

Dopo aver ballato per un paio di minuti, Richard le disse: "Dimmi qualcosa".

"Ok spara," sorrise June, "cosa vuoi sapere?"

"I tuoi sanno che sei sessualmente attivo?", ha chiesto.

Gli occhi di June si spalancarono per la sorpresa, "No, non lo fanno," ansimò. Quindi, cercando di nascondere la sua tacita ammissione, ha chiesto: "Perché pensi che fossi, ah..uh..attiva in quel modo?"

"Non so spiegare come, ma lo sento dopo che sono stato vicino a qualcuno per un po'. Non lo so davvero, ma è come se mancasse la fanciullezza e qualcosa sembra gridare, sono una donna e orgogliosa di esserlo. Il tuo comportamento totale dice che conosci la gloria di essere una donna. Non sei più una ragazzina, vero?" (Non è riuscito a dirle anche che aveva guardato nella sua borsa quando era andato a trovarla lunedì pomeriggio e aveva trovato le pillole anticoncezionali che sospettava stesse prendendo.)

Lei cercò i suoi occhi, cercando di capire se la stesse prendendo in giro o no, poi un sorriso le apparve agli angoli della bocca. Alla fine ha detto, spero solo che mio padre non abbia i tuoi sensi".

"Presumo che non lo sappia. E tua madre?" insistette.

"Non lo so. Non credo proprio. Un paio di volte ho pensato che potesse, ma non me ne ha mai parlato e penso che se lo sapesse, avrebbe molto da dire. Se papà pensasse che qualcosa era andando avanti, sarebbe impazzito," gli disse June onestamente, suonando quasi felice di aver trovato qualcuno con cui condividere questa parte della sua vita..

"Posso capire da dove viene Jim," le disse Richard. Ha riso come se si stesse godendo uno scherzo privato e poi ha detto: "Se tu fossi mia figlia, potrei sparare a chiunque venga in giro con l'aria di voler entrare nelle tue mutandine. Ma se Roy fosse mio figlio, cercherei di insegnare lui come entrare nei pantaloni di ogni ragazza a scuola e anche della metà dell'insegnante. È un doppio standard o cosa ", ha chiesto.

Fu il turno di June di ridere. "Penso che si qualifichi come un doppio standard. Quindi pensi che sia giusto che i ragazzi si divertano, ma è vietato alle ragazze eh." ha scherzato.

"No, non vietato a tutte le ragazze, solo alle mie figlie," le sorrise di rimando.

Mentre continuavano a ballare, June ebbe un'idea malvagia. Si avvicinò a lui finché i loro corpi non si sfregarono l'uno contro l'altro. Spinse forte il bacino contro di lui e lo guardò con un sorriso che prometteva una festa di piacere carnale. Inarcò un sopracciglio quando i loro occhi si incontrarono. "So di essere un vecchio per te, ma voglio che tu sappia che la mia pistola è completamente carica e sa come spegnere la luce. Faresti meglio a tirarti indietro se non lo pensi davvero, o potresti finire per essere utilizzato per il tiro al bersaglio", ha detto in tono leggero.

Erano dall'altra parte della pista da ballo rispetto al loro tavolo. Guardandolo negli occhi, fece scivolare la mano tra di loro per dare al suo cazzo indurito e una forte stretta. "Immagino che tu lo intenda", disse. "Quando pensi di consegnare?"

"Stai passando la notte. Conosci un momento migliore?" Quando non ha risposto, ha detto: "La mia stanza è accanto a quella in cui dormirai e mamma e papà sono dall'altra parte della casa. Ho intenzione di stare lì tutta la notte con la porta aperta", ha detto. strizzato l'occhio. Poi, in pura diavoleria, si staccò da lui e lo riportò al loro tavolo, sapendo benissimo che i suoi pantaloni con la tenda potevano essere visti da chiunque si prendesse la briga di notarlo.

Dopo il deserto, Richard ha consegnato le buste a Roy e June. Dentro c'era un buono regalo per il principale negozio di elettronica della loro città. June strillò mentre guardava l'importo. La faccia di Roy si aprì in un grande sorriso, mentre diceva "Accidenti, signor Holt, grazie mille".

Richard era ovviamente contento. "Puoi chiamarmi zio Richy. Ero così vicino a tuo padre quando siamo cresciuti che sembri mio. Spero che tu abbia qualcosa per ricordarmi." Poi, rivolgendosi a Pat, disse: "Andiamo a ballare ancora un po' prima di partire". Questa volta non ci furono proteste. Il viso di Pat si aprì in un sorriso felice, mentre gli prendeva il braccio.

Avevano appena iniziato a ballare quando quella danza finì e le luci si abbassarono. Riccardo era deluso. "Era quello l'ultimo ballo," chiese.

Pat ha sorriso e ha detto: "Oh no! Ci stiamo preparando a fare quello che Jim chiama "la danza dell'adulto" e ha fatto l'occhiolino a Richard. "La musica romantica inizia ora e tutti cercano di afferrare la moglie di qualcun altro", ha detto. Mentre la musica da ballo lenta iniziava, lei avvicinò il suo corpo a quello di lui e appoggiò la testa sulla sua spalla: "Adoro il tuo colonge" tubò mentre i loro corpi si fondevano insieme al suono della musica soft.

"Wow," pensò Richard. "Penso che voglia sedurmi." Sorrise. "Segnane un altro per i feromoni", notò mentre sentiva un'agitazione all'inguine.

Pat mosse leggermente la testa e iniziò a baciare e strofinare la lingua sul suo collo ben rasato. Le sue labbra si alternavano dolcemente succhiando e baciando mentre si godevano l'attrito sensuale dei loro corpi che si muovevano insieme. Mosse la mano più in basso finché non si posò sulla sua splendida natica. La spinse gentilmente più vicino e lei rispose strofinando la sua area pubica contro il suo corpo e succhiandogli più forte il collo. "Non andare a farmi un succhiotto ora. Potrebbe essere difficile spiegare come lo zio Richy abbia avuto un succhiotto mentre ballava con la mamma," lo avvertì.

"Oh, non mi rendevo nemmeno conto di quello che stavo facendo," sussurrò, mentre le sue labbra si staccavano. "Questo potrebbe causare qualche problema," acconsentì lei, e come per compensare la fine dei baci, premette tutto il suo corpo contro di lui in un abbraccio completo.

Guardò negli occhi la sua bellissima tentatrice e con voce soffocata dal desiderio disse: "Sei una donna meravigliosa. Hai il viso di una reginetta di bellezza e il corpo di una star del cinema. Jim ha guadagnato circa 50 o 60 chili dall'ultima volta che l'ho visto, ma tu sei davvero in forma e sexy. È un ragazzo fortunato".

"Sei un tale tesoro," rispose lei, abbassandogli la testa per un bacio appassionato. Mentre la lingua di lei si muoveva dentro di lui, il suo cazzo venne alla massima attenzione. Rompendo il bacio, sussurrò: "Ough oh, penso che qualcuno si sia appena svegliato".

Richard fece un cenno con la testa verso il tavolo per vedere cosa intendesse. Lei rise della sua confusione. "Non intendo laggiù. Voglio dire laggiù," ridacchiò.

"Oh, quello," grugnì. Era senza parole. Non riusciva a credere che fosse così audace. "Questa ragazza è una bella mamma", pensò tra sé. "Non avrò bisogno dell'aiuto di Jim per entrare nei suoi pantaloni, ma potrei averne bisogno per uscire. Sapeva che era suo e aveva intenzione di prenderlo.

Per la seconda volta quella notte, Richard lasciò la pista da ballo con un'erezione furiosa. Ha deciso lui stesso una mossa piuttosto audace. Camminando leggermente dietro Pat per proteggere l'ovvia tenda, la fece sedere e mentre si voltava per prendere posto, sfiorò il suo cazzo duro contro il braccio di June. La sua reazione era tutto ciò che sperava quando lei sobbalzò per la sorpresa. Ignorandola si sedette dall'altra parte fingendo di non notare il sorriso perplesso sul suo volto. Non appena si fu seduto, sentì la mano di June afferrare e stringere il suo cazzo ingrossato. "Dannazione, non riesco a credere quanto siano aggressivi questi due." "Tale madre, tale figlia", pensò tra sé

Mentre tornavano a casa, Richard notò quanto fosse stanco. "Non ho dormito che circa tre ore la scorsa notte, e sono sfinito. Sapevo che non ce l'avrei mai fatta a tornare a casa. Ecco perché stavo per prendere una stanza di motel per la notte." Poco dopo essere usciti dal parcheggio, ha appoggiato la testa sul finestrino della porta e ha finto di dormire. Una cosa era certa, sapeva che non avrebbe potuto far incontrare mamma e figlia nella sua stanza. Aveva promesso a giugno. La mamma avrebbe dovuto aspettare fino al prossimo venerdì sera

A casa, Richard annunciò che avrebbe visto tutti la mattina e si diresse verso la sua camera da letto presa in prestito, spense prontamente la luce e si rannicchiò sotto le coperte. La sveglia del suo cellulare impostata per due ore dopo era accanto a lui.

La vibrazione risvegliò immediatamente Richard, che disarmò il telefono prima che facesse rumore. Sentì solo silenzio. Scivolando verso la porta della camera da letto principale sentì il respiro profondo di Jim e Pat, poi tornò verso la camera da letto di June. Lasciandosi cadere i pantaloncini, chiuse la porta, sollevò le coperte e la raggiunse. Non si è svegliata. Studiò i lineamenti angelici del suo viso alla debole luce lunare che filtrava dalla finestra. Sollevando le coperte non fu sorpreso di trovarla vestita con un abito corto e succinto e senza mutandine. Sollevò la stoffa sottile per contemplare la bellezza dei suoi ampi seni. I suoi occhi percorsero la sua vita sottile fino alla svasatura dei suoi fianchi sinuosi e alle sue gambe forti e snelle. Era una bellissima giovane donna. Non era ancora all'altezza di sua madre, ma ha avuto un buon inizio. Gli piacerebbe vederla così tra altri cinque o sei anni e paragonarla alla figura voluttuosa di sua madre. Probabilmente non sarebbe mai successo, ma andava bene. Lei era certamente un pezzo di carne lucida per stasera e lui era pronto. Il cattivo Willie era stato nel piccolo santuario di Joan e nel profondo del buco del culo di Jim, ma non gli era mai stato permesso di sparare al suo carico. L'attesa sarebbe presto finita.

Le prese in mano un seno e lo strinse dolcemente. Si mosse ma non si svegliò. La sua bocca coprì il capezzolo dell'altra tetta e iniziò a succhiarlo e massaggiarlo con la lingua. Gemette e iniziò a respirare più rapidamente mentre il suo corpo rispondeva alle sue manipolazioni. All'improvviso si svegliò di soprassalto e riuscì a malapena a gridare. "Ohhhhh, sei qui. Avevo rinunciato a te," sussurrò dolcemente.

Si mosse per prendere l'altro capezzolo in bocca e quella mano si spostò sul suo pube. Rabbrividì di gioia. In pochi minuti il ​​suo respiro si fece irregolare ei suoi fianchi urtarono contro la sua mano mentre un fuoco liquido usciva dal suo ventre per consumarle il corpo. Sapeva che era sull'orlo di un climax sconvolgente. Improvvisamente si staccò. "Devo muovermi", le disse. "Il mio braccio mi sta uccidendo!"

Fletté il braccio diverse volte e si sdraiò per riprendere fiato mentre il quasi orgasmo si allontanava, lasciandola insoddisfatta e delusa. La attirò a sé e iniziò a baciarla sulle labbra. Le loro lingue duellavano tra loro. Le piaceva baciarlo, ma il suo corpo richiedeva più dei baci. Si tirò indietro fino a quando le loro labbra si toccarono appena e le chiese: "Qualcuno ti ha mai succhiato la figa?" Rabbrividì al pensiero.

"Nessun ragazzo l'ha mai succhiato," rispose lei.

La sua risposta lo sorprese. "Ma è stato risucchiato?", chiese.

Senza alcun imbarazzo ha detto: "A volte, quando noi ragazze ci riuniamo, ci diamo addosso e immaginiamo come sarebbe con un ragazzo. Non siamo gay o altro, ma ci piace sperimentare".

"Hai mai succhiato il cazzo di un ragazzo prima d'ora," ha sondato.

Rise mentre lottava per mantenersi sotto controllo. "Certo che l'ho fatto. Dopo Monica e il presidente Clinton, sappiamo tutti che i ragazzi se lo aspettano ogni volta che usciamo." Scherzosamente, gli chiese: "Le ragazze non l'hanno fatto per te quando eri a scuola?"

"Non appena," le rispose, "Ma se sei così brava sarei felice di farmi vedere come si fa," la sfidò.

La sua delusione per essere stata lasciata in sospeso pochi istanti prima svanì dal suo volto. Lei lo guardò con un sorriso stuzzicante. "Vuoi che ti mostri cosa ti sei perso?"

"Sono all'altezza se lo sei", le disse.

"Ok vecchio mio, se pensi di farcela," lo prese in giro mentre muoveva la testa tra le sue gambe. Afferrò il suo cazzo indurito e lo esaminò alla fioca luce della luna. "Sei abbastanza grande," disse e poi prese la testa in bocca.

Capì subito che lei sapeva il fatto suo. Aveva tutte le doti del suo vecchio, unite alla dolcezza della sua femminilità. Conosceva tutti i punti sensibili e li trovava con la sua lingua sapiente. Gli leccò il sacco e gli succhiò delicatamente le palle in bocca. Leccò l'asta, succhiò e saltellò su e giù sopra di essa. Ben presto fu sull'orlo di un climax importante. "No!, le disse. Non ancora. Smettila." Cercò di liberarsi dalla sua bocca, ma all'improvviso lei fece qualcosa che nessun altro aveva mai fatto. Ha inghiottito il suo intero organo in gola e lo ha munto a secco. Non riusciva a ricordare di aver mai avuto un climax simile a quel momento. Sembrava che enormi carichi del suo sugo sessuale sparassero dalle sue palle giù attraverso la sua gola e nel suo ventre. Tutto il suo corpo formicolava. Sentì la pelle d'oca sul cuoio capelluto, lungo la schiena e sotto le palle fino all'apertura dell'ano. Si arrese alle sensazioni che sembravano eccitare ogni nervo del suo corpo. Poi rimase lì completamente esausto, mentre le sue palle cercavano di trovare altro seme da espellere nella sua bocca.

Mentre il suo pene si raggrinziva e cercava di nascondersi tra i folti peli pubici, June lo liberò e si avvicinò alla sua bocca. Lì espelle il suo sperma e le sue bave nella sua bocca aperta. Quando ebbe prosciugato la bocca nella sua, si alzò e lo rimproverò: "Non è bello lasciare una ragazza in sospeso!"

Quando fu di nuovo in grado di parlare, le disse con voce tremante: "Non ho mai fatto un pompino come quello. Non avrei mai immaginato che una bocca potesse fare tutto questo. Sei sensazionale."

"I ragazzi dicono che sono uno dei primi tre della scuola", ha detto con orgoglio. "Allora... ha incontrato l'approvazione del vecchio?"

"L'ha mai fatto," disse con un sospiro. "Mi chiedo se potrei passare di nuovo per un liceale? Sono sicuramente tentato di provarci. Volevo che la smettessi in modo che potessimo scendere insieme, però."

"Allora immagino che dovrai restare ancora un po', vero?"

"Oh piccola, dopo quell'episodio, potrebbe volerci una settimana per riprenderlo di nuovo."

Ci è voluto più tempo del normale e hanno riempito quel tempo parlando di molte cose. Era un'eccellente conversatrice e sorprendentemente ben informata su molte cose per un'adolescente di 17 anni. Alla fine si sollevò sul braccio e lo guardò dritto negli occhi e fece un sorriso civettuolo. "Allora la mamma ti ha eccitato e infastidito stasera, vero? Hai in programma di scoparti anche lei?", chiese.

Non era sicuro di come rispondere, quindi ha rimandato la domanda a lei: "Non lo so. Cosa ne pensi?"

Si fermò per un momento, apparentemente con i fatti, pensando: "Non credo davvero che potresti. Penso che ci sia solo un lucchetto in quella scatola e che appartenga a papà. Ma si merita un po' di eccitazione che non credo stia ottenendo. . Amo papà e quando alcuni dei miei amici stavano per divorziare e si stavano separando dai loro genitori, sapevo che se fosse mai successo qualcosa, avrei voluto andare con papà. Ma a volte penso che probabilmente sia un papà migliore di quello che è un amante. Quindi, immagino, sarei felice se tu potessi, ma non credo che tu o chiunque altro abbiate molte possibilità."

"Beh," disse con un sorriso, "io sapevo come forzare una serratura. Potrei fare un tentativo."

Lei ricambiò il sorriso e disse: "Buona fortuna!" Il pensiero di sua madre tra le braccia di un altro uomo accanto a suo padre apparentemente la eccitava mentre il suo respiro diventava notevolmente più profondo. Sentì anche un'agitazione familiare all'inguine.


Rivolse di nuovo la sua attenzione al suo corpo, dopo il loro tempo di intervallo. Si baciarono senza fretta, prima che le sue dita cominciassero a giocare con i suoi seni. La sua passione è rapidamente ricomparsa, essendo stata negata la sua precedente liberazione. Alla fine le baciò i capezzoli ei seni pieni, fino all'ombelico che lavò via con la lingua e infine fino al suo tumulo peloso. "Sei pronto per un uomo a mangiare quella cosa adesso?", ha chiesto.

"Oh sì," squittì dolcemente e allargò le gambe. "Mangia il mio pranzo al sacco. Fammi crema come mai prima d'ora", implorò.

Si è preso il suo tempo. Le baciò la coscia finché i capelli non gli pizzicarono il naso, poi si spostò sull'altra coscia e la baciò fino al ginocchio. Ha preso in giro, ma ha evitato le labbra della sua figa. Ha persino succhiato e leccato la sua apertura anale. Tremava per l'anticipazione e l'eccitazione sessuale. Alla fine lui aprì le labbra della sua figa e fece scorrere la lingua per tutta la lunghezza del suo squarcio caldo e umido. La sua lingua si infilò nell'apertura e lei sobbalzò e cominciò a tremare. Spinse sempre più in profondità dentro mentre il suo dito si spostava verso la porta sul retro e spingeva delicatamente contro il buco stretto. Stava gemendo ora, cercando di essere abbastanza tranquilla da non svegliare nessuno.

I suoi succhi si mescolarono con il suo sputo mentre sondava e poi succhiava la carne della sua fica. Poi si spostò più in alto per trovare il suo clitoride che si ergeva come una sentinella, a guardia del suo ingresso. Lo leccò e tutto il suo corpo sussultò. Lo ha fatto ancora e ancora, evocando la stessa risposta. Poi se lo succhiò completamente in bocca e lo attaccò con la ruvidezza della lingua. Ansimò sonoramente e poi si infilò il pugno in bocca per attutire i suoni che provenivano dal profondo di lei. Uno spasmo dopo l'altro scosse il suo corpo. Il piacere stava devastando tutto il suo corpo mentre costruiva il suo primo orgasmo sotto la lingua di un uomo. All'improvviso esplose come un vulcano mentre i suoi succhi caldi venivano espulsi da lei. Un orgasmo cedette il passo all'altro finché il loro non sembrò essere né inizio né fine, solo un orgasmo totale che le rapì il corpo, la mente e lo spirito in una prigione di piacere. Il letto tremò mentre i suoi fianchi si muovevano su e giù come se avessero una mente propria.

Alla fine si staccò. Lei si aggrappò a lui, non volendo rinunciare a questa fonte di eccitazione erotica, lui la montò e il suo pene duro bussò alla sua porta. Poi è entrato.
Un'altra spinta e lui fu più profondo di qualsiasi cosa lei avesse mai conosciuto prima. Ancora una volta e lui era completamente dentro. Le allontanò la mano e le coprì la bocca con la propria, soffocando le urla che volevano esploderle dalla gola. La cavalcava forte, senza più preoccuparsi se entravano Jim o Pat. Poi era lì. Ha sobbalzato e lo sperma caldo è volato da lui in profondità nella sua figa. Lei gemette e presto incontrò il suo orgasmo con un altro dei suoi.

Richard era troppo svuotato dalla sua precedente mungitura per farle un'offerta degna e presto giacque esausto sopra il suo corpo. Desiderava che lo sconosciuto entrasse da dove si era interrotto e la riportasse alle vette che si stava godendo. Non voleva che finisse mai. Era stata fottuta duramente e si sentiva bene. Si aggrappò al suo corpo con tutte le sue forze finché finalmente le scosse di piacere cominciarono a placarsi lentamente. Poi, senza dirgli una parola, sembrò scivolare in una profonda oscurità e giacere inerte sotto di lui.

Dopo un momento, si alzò, prese i suoi pantaloncini da notte e si diresse verso il suo letto. Si sentiva la schiena irritata dove le unghie di lei gli avevano artigliato la schiena, ma al momento non gli importava nemmeno. Non era mai stato così totalmente prosciugato e soddisfatto sessualmente. Tre minuti dopo che la sua testa ha colpito il cuscino, era in un sonno profondo.

Storie simili

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

2.4K I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

2.2K I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Nirvana celeste: parte 1

Come la maggior parte dei miei altri lavori, questa storia si concentra più sul dramma e sulla storia che sul sesso (ma c'è il sesso, non preoccuparti). Per una migliore esperienza di lettura, ti consiglio di sballarti prima di procedere. Capitolo 1 La giovane donna infilò per l'ennesima volta le sue dita tra le succose labbra gonfie della sua fessura, mordendosi il cuscino per attutire i suoi gemiti di piacere. Era sdraiata a letto, il sole si avvicinava all'orizzonte orientale mentre i minuti scorrevano sulla sua sveglia. L'ora era presto, prima del risveglio dei suoi genitori, ma era così che le...

2.3K I più visti

Likes 0

Decoratore d'interni

Maria ha venticinque anni, single, giovane decoratrice d'interni e commessa nel negozio di mobili di famiglia. Aveva bisogno di un accordo stretto. Il compito, tuttavia, si stava rivelando più difficile di quanto avesse sperato. Vari ritardi stavano inducendo gli acquirenti a ripensarci. Oggi sperava che un acquirente entrasse e chiudesse un affare. Non essendo una che usa abitualmente il suo bell'aspetto naturale a proprio vantaggio quando ha a che fare con gli uomini, Maria ha tirato con riluttanza un maglione senza maniche attillato dal suo armadio e una gonna corta complementare. Con solo un piccolo paio di mutandine sotto, si sentiva...

2.5K I più visti

Likes 0

L'ascesa e la caduta di un ragazzo chiamato Rave parte 6

Affrontare la frustrazione sessuale Avevo 13 anni e mi odiavo ma non odiavo la mia vita. Avevo una ragazza che mi amava, la rispettata della mia banda, la paura dei miei nemici e più soldi di quanti ne avessi mai visti. Erano passati più di sei mesi da quando avevo conosciuto la vera fame, avevo un gruppo di amici che sarebbero andati al muro per me, avrei potuto fare sesso con una dozzina di ragazze diverse se avessi voluto, e non vivevo più nella paura i miei impulsi violenti potevo assecondare alcuni e ora potevo reprimere gli altri. Tutta questa nuova...

2.8K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2K I più visti

Likes 0

Una lezione per Liz

Capitolo 1 Sam e sua sorella minore Liz si sono incontrati per un caffè un pomeriggio di quest'estate. Sam e Liz non erano mai stati molto legati, soprattutto perché Sam aveva 11 anni in più di sua sorella minore Elizabeth o Liz, come le piaceva essere chiamata. Non si vedevano da un paio di mesi eppure vivevano nella stessa città. Sam era il tipo che ha lasciato che la sua carriera guidasse la sua vita e non si era mai sposato o si era sistemato davvero. Avrebbe avuto una ragazza occasionale, ma non ne è mai venuto fuori nulla e gli...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

1.8K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.