Confortante cugina Claire

1.1KReport
Confortante cugina Claire

Mentre mi rilassavo durante il viaggio in treno, fissando fuori dal finestrino lo scenario che passava, ho lasciato che la mia mente vagasse pensando proprio alla persona che stavo per vedere: mia cugina Claire. Io e lei eravamo molto legati da anni, e lei adesso era al suo primo anno di università, io al secondo. Ovviamente ci conoscevamo da molto tempo, ma è stato negli ultimi anni che ci siamo avvicinati molto, molto di più.

Avevo attraversato una rottura particolarmente dura e Claire era lì per tirarmi su il morale e accompagnarmi nelle serate in cui non avrei dovuto avere a che fare con gli amici che mi avevano tradito per il mio ex. Non ci è voluto molto perché le nostre serate fuori o le nostre serate dentro diventassero a tutti gli effetti, appuntamenti. Andavamo al cinema, o restavamo a casa a guardare un film, ma mentre era esteriormente platonico, stavo decisamente sviluppando altri sentimenti per lei. Una cosa che abbiamo fatto è stata parlare molto di sesso: con chi eravamo stati, in quali posizioni, ecc.

Completamente nel mio sogno ad occhi aperti, i ricordi di un barbecue sulla spiaggia hanno iniziato a inondarsi. Non ricordo come sia nata la situazione, ma sembrava che tutti i ragazzi stessero giocando a una sorta di gioco a nascondino. Nel buio della spiaggia quasi deserta, mi ero ritrovato nascosto tra due piccole barche da pesca, adagiato sulla sabbia fresca. Claire ha trovato il mio posticino e aveva bisogno di nascondersi, quindi si è infilata accanto a me. Non c'era molto spazio, quindi la sua pelle morbida e liscia entrò in contatto con la mia. Le sue tette piene e rotonde premute contro il mio petto, con solo il suo succinto bikini a separarci. Potevo sentire un'agitazione nei miei pantaloncini da bagno e ho cercato di nasconderlo. Ricordo che all'improvviso volevo solo una cosa e fui tentato di baciarla, ma se non fosse stata disposta? Mi sono trattenuto e da allora quel momento ha perseguitato i miei pensieri.

Il trambusto del treno che arrivava a destinazione mi strappò dal mio sogno ad occhi aperti. Claire mi stava aspettando sul binario. Sembrava sbalorditiva. I suoi penetranti occhi azzurri e il suo ampio sorriso; le sue curve si mettono in mostra in abiti attillati; i suoi capelli naturalmente biondi tinti di nero; tutto le dava un aspetto esotico e fresco. Ho cercato di non tradire la mia lussuria per lei, ci siamo salutati con "Hey Cuz", come faremmo normalmente.

Ero da lei per il fine settimana del suo compleanno. Il primo giorno è stato più o meno come previsto. Mi ha mostrato la sua piccola stanza del dormitorio, con un letto singolo cigolante in cui avrei dormito, e si sarebbe accampata sul pavimento. Non posso dire di non aver notato alcuna tensione sessuale extra in quel periodo. In effetti stavo quasi perdendo la speranza che potesse mai succedere qualcosa. Potrei semplicemente dover tenere per me i miei pensieri proibiti per sempre.

Quella che segue è stata la sua festa. Stavamo mantenendo le cose abbastanza informali. Indossavo jeans e una camicia. Indossava jeans che mettevano in mostra il suo sedere color pesca e un top a tubino blu con stampa floreale. Non indossava un reggiseno, quindi le sue succose coppe a C rimbalzavano mentre si muoveva. Non era pesantemente truccata, ma l'ombretto blu completava la sua parte superiore. Eravamo solo noi due e due sue amiche. Ho pensato che forse stesse cercando di incastrarmi, ma si è scoperto che erano lesbiche che si stavano incastrando l'una con l'altra. “Oh beh, non importa. Mi godrò la serata e vedrò come va", pensai.

Così ho fatto. La maggior parte della notte è stata insignificante, ma a tarda notte, nella discoteca in cui siamo finiti, è stato dove le cose sono cambiate per sempre. Stavo ballando con le nostre nuove amiche lesbiche e ho notato Claire avvicinarsi a un ragazzo vicino al bar. Ho iniziato a provare un pizzico di gelosia, ma non ho osato intromettermi. Avevamo litigato in passato quando l'avevo interrotta con un ragazzo. Tuttavia, pochi istanti dopo l'ho vista in una conversazione animata con questo ragazzo, e ho visto mentre si scaldava abbastanza da farla scappare. Ho pensato di vedere cosa c'era che non andava.

Sul lato della pista da ballo, mi sono avvicinato a lei. Senza alcuna parola, né alcun avvertimento, mi prese le mani tra le sue e le premette contro le sue tette, sopra il tessuto sottile della sua parte superiore. Ero sbalordito e senza parole.

"Ti piacciono?" lei chiese. "Sono solidi, vero?"

Potevo solo raccogliere un semplice "Sì, sono fantastici".

Mi ha incoraggiato ad accarezzare le sue tette sode e rotonde ancora per un momento, poi ha abbassato le mani e mi ha fatto l'occhiolino. La mia mente correva. Si sentiva davvero allo stesso modo per me come io provavo per lei. Stava davvero accadendo? L'ho seguita al bar, abbiamo bevuto insieme, trovato le sue amiche e ballato, civettuola, fino alla chiusura.

Quando abbiamo lasciato il club, le ho messo una mano sulla guancia del culo.

“Pazienza, Cuz,” sussurrò.

Non oso fare nulla una volta che i suoi amici hanno lasciato il taxi alla loro fermata. Feci come mi era stato detto e aspettai finché non tornammo al suo dormitorio. Quando è scesa in bagno per rinfrescarsi, ho capito: avrei scopato Claire per stasera. Ho aspettato nel suo letto e quando è tornata nella stanza ha spento la luce e mi ha invitato a scendere nel suo piccolo nido sul pavimento.

«Il letto è troppo rumoroso», sussurrò.

Mi sdraiai accanto a lei, la mia mano corse lungo il suo stomaco, sulla pelle morbida e liscia finché trovai uno dei suoi seni, ora niente separava il mio tocco da esso. Mentre lo facevo, lei chinò la testa. Ci siamo baciati, dapprima dolcemente, poi più profondamente, mentre le mie dita le accarezzavano il capezzolo e lo rendevano duro. Le nostre lingue danzarono e il bacio divenne ancora più appassionato.

La mia mano si è abbassata verso il premio finale. Mi sono goduta la meravigliosa sorpresa della sua figa completamente glabra. Le mie dita cominciarono ad esplorare le pieghe delle sue labbra, aprendole, cercando la calda umidità.

«Ecco», sussurrò, e con la mano libera mi guidò sulla sua clitoride. "Strofinami lì."

Obbedii, la punta delle mie dita trovò la delicata protuberanza del suo clitoride. Potevo percepire la sua eccitazione mentre il suo respiro si intensificava, la sua figa si bagnava. Allungò la mano e iniziò ad accarezzarmi il cazzo. Mi strofinò lentamente su e giù per assicurarsi che stavo diventando duro. Mi sentivo diventare più grande nella sua piccola mano, che accarezzava la lunghezza della mia asta e tirava indietro il mio prepuzio per esporre la punta sensibile sottostante.

Prese un preservativo dal comodino. Ha aperto la confezione e ha usato la bocca per applicarla al mio cazzo eretto. Nella luce scarsa riuscivo solo a vedere la sagoma della sua testa che ondeggiava su e giù. Era di fianco a me, quindi potevo ancora raggiungere la sua figa bagnata fradicia. Poi si è messa a cavalcioni su di me, mi ha guardato negli occhi e si è abbassata sul mio cazzo palpitante.

Adesso ero in paradiso. Questa figa che avevo immaginato per anni era avvolta strettamente attorno al mio cazzo rigido, mungendolo per tutto il suo sperma. All'inizio Claire mi ha cavalcato lentamente.

“Muoviti con me, Cuz” sussurrò.

Cominciai ad alzare i fianchi per seguire i suoi movimenti. Ogni spinta si tuffa più in profondità nella sua accogliente fica bagnata. I suoi respiri pesanti si trasformarono in soffici gemiti.

“Sì, proprio così. Succhiami le tette adesso.

Si è allungata in modo che le sue tette fossero ora sulla mia faccia. Le mie mani li afferrarono e mi misi in bocca un fiero capezzolo. Ha continuato a rimbalzare sul mio grosso cazzo. Cominciai a controllare il ritmo adesso, avvicinandomi a lei. I suoi gemiti si fecero più forti. Non le importava chi sapeva cosa stava succedendo. Voleva solo che qualcuno nelle vicinanze sapesse che bel cazzo le stavo dando. Quindi…

AFFRETTATO

"Merda!"

Il preservativo si è rotto. Potremmo essere stati appassionati, ma non osiamo continuare così.

"Merda, Cuz", disse. "Quello è stato il mio ultimo."

"Bene, cosa possiamo fare?"

"Lo so…"

Si sdraiò sul letto e allargò le gambe. Nella luce fioca che filtrava dalla strada potevo vedere la sua umidità luccicare.

«Usa quelle dita», suggerì.

Mi sono seduto accanto a lei e ho cominciato a toccarle la figa. Un dito sembrava fin troppo facile a questo punto, così come due. Ci ho infilato un terzo dito.

"Di più", implorò.

"Non ti sto facendo del male, vero?" Ho controllato cortesemente per assicurarmene, anche se in un certo senso sapevo che era già un po 'più grande della regina e poteva accettare qualsiasi cosa le offrissi.

"No. Continuare."

Ho spostato fino a quattro dita. Cominciai a sentire la tensione delle labbra della sua figa, la pressione esercitata dalle pareti della sua fica che ora si stringeva. Infilai anche il pollice e cominciai a spingere. I suoi gemiti divennero staccati, interrotti a ogni spinta della mia mano. Ho continuato, sapendo che mi avrebbe fermato se fossi andato troppo oltre. Potevo sentirla allungarsi al limite, quando all'improvviso cedette. Il mio intero pugno era ora dentro di lei, e continuavano ad arrivare suoni di piacere.

Cominciai a fotterla più forte con il mio pugno, i suoi gemiti acuti ora si unirono ai suoni bagnati e sciatti della mia mano che abusava della sua figa.

“Sì, proprio così! Sto arrivando, sto arrivando!”

Improvvisamente il suo corpo si sollevò mentre inarcava la schiena, il suo gemito soffocato le si fermò in gola. Si è trattenuta lì per un momento e ho sentito la sua figa contrarsi e pulsare intorno al mio polso. Poi è crollata in estasi. Feci scivolare la mia mano ora fradicia fuori dalla sua figa ora cruda, gocciolando e bagnando le lenzuola sotto di essa. Mi ha tirato giù accanto a lei.

"Lascia che ti finisca ora."

Rotolò su un fianco e mi scaraventò via. Ero già in grado di esplodere comunque per la pura eccitazione per quello che era successo fino a quel momento. Quindi non ci è voluto molto prima che avessi le convulsioni e sparassi un enorme carico sul mio stesso stomaco.

Ci siamo abbracciati e abbiamo dormito insieme in quel letto singolo stretto. Al mattino mi alzavo e mi lavavo nel piccolo lavabo in fondo alla stanza, giusto per sentirmi pulito prima di andare a fare la doccia. Si alzò, anche lei ancora nuda, si avvicinò a me, premendo le sue tette contro di me e mi sussurrò all'orecchio: "Grazie".

Storie simili

Il Drago (S)Strati V. 1 cap. 02 (La Maga)

La maga * * * * Mia carissima Tessarie, So che i tempi ci stanno provando in questo momento, ma sappi che ho fatto del mio meglio per assicurarmi che tu finissi in un posto sicuro. Le terre umane sono accoglienti per la nostra specie e, sebbene non ci si possa fidare di loro, non ho dubbi che verrai trattato bene e accolto a braccia aperte. Da quello che sappiamo di loro, evitano la magia, quindi per favore fai attenzione se scegli di esercitare i tuoi poteri. . . L'incidente avrebbe potuto essere perdonato se non fosse stato così diffuso, ma...

2.5K I più visti

Likes 0

Fuori Limiti Compagno di Stanza Pt. 3

Vista. Il calzino rosa, che mi premeva quasi sugli occhi. Era buio, ma dopo questo pomeriggio, sapevo fin troppo bene che c'erano impronte sporche di dita dei piedi e suole in una leggera sfumatura di marrone. Tocco. L'arco della suola di Shiann, che mi tocca il naso. Le dita dei piedi contro la mia fronte, dimenando leggermente. Il tallone, che mi sbatteva il mento un paio di volte mentre si spostava leggermente verso di me lungo il divano. La sensazione di un tessuto leggermente consumato, qualche brandello di cotone che si era staccato dall'intreccio di cotone a maglia fitta dei suoi...

2.4K I più visti

Likes 0

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

2.6K I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

2.4K I più visti

Likes 0

RUNAWAY Capitolo 19

Si svegliò quando lo sentì fermare il camion, felice di non essere ancora nel suo incubo e dopo aver guardato attraverso il parabrezza vide che erano di nuovo in un'altra area di sosta. Vedo che sei sveglia Bella addormentata. Tempo per una sosta, fumo e un paio d'ore di sonno non credi Senorita chiese? Certo concordò lei con uno sbadiglio. Entrambi scesero dal camion e lei si diresse al bagno delle donne per una pausa vasino. Quando è tornata aveva le due sedie fuori ed era seduto a fumare una canna e aveva anche un refrigeratore fuori e una birra in...

2.9K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

2.4K I più visti

Likes 0

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

2.6K I più visti

Likes 0

Quello che desideri

Ho 25 anni, ho recentemente terminato la scuola di legge e lavoro a ore assurde come junior associate in uno studio di medie dimensioni specializzato in diritto assicurativo. La paga è abbastanza decente, ma il lavoro è noioso. Se non fosse stato per Kaitlyn, avrei smesso mesi fa, ma lei rallegra le mie serate e rende tollerabile la fatica settimanale. Ci siamo conosciuti al college, ci siamo innamorati e ci siamo sposati quando ci siamo laureati. Poi la scuola di legge per me e un Master in Pedagogia per lei. Ha 23 anni e gira la testa. La prendo in giro...

2.4K I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

2.4K I più visti

Likes 0

Lo Studio xxx

Arthur era il proprietario di 20 anni di uno studio porno, sua madre Sonia era attualmente a carponi leccando la figa della sua ragazza di 19 anni Betty Rogers, amava girare film lesbici ed era il suo più grande produttore di soldi. Anche Arthur aveva un segreto: era un maestro ipnotizzatore. Quindi sia sua madre Sonia che la sua ragazza Betty erano sotto il controllo mentale (suo). La mamma ora era un'esperta lecca fica, quando è stata ipnotizzata 3 mesi fa ha dovuto essere addestrata, da allora è apparsa in oltre 15 film lez, inclusa una coppia in cui recitava con...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.