Un favore per Danny Boy - Una storia di Halloween

1.2KReport
Un favore per Danny Boy - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia.

Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.

Tutti i personaggi coinvolti in attività sessuali in questa storia hanno più di 18 anni. Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in qualsiasi stato, provincia, nazione o territorio tribale che proibisce la lettura degli atti raffigurati in queste storie, per favore interrompi immediatamente la lettura e spostati in un luogo che esiste nel ventunesimo secolo.

L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia è consentita, ma solo se l'articolo include il riconoscimento del copyright e la dichiarazione di limitazione d'uso. Questa storia è protetta da copyright (c) 2021 di The Technician.

I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. La produzione di copie multiple di questa storia su carta, disco o altro formato fisso è espressamente vietata.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

* * * * * * * * * * * *

Ci vuole molto per sorprendermi, ma avere un folletto alto un metro e ottanta vestito con un cappello da baseball verde, scarpe da corsa verdi, pantaloni della tuta verdi e una felpa bianca di Notre Dame ha suonato il mio campanello. Non sembrava un folletto, ma sapevo che era quello. Riconoscerei Danny Boy ovunque. Tanto più che l'omino stilizzato con i pugni alzati sulla felpa di Notre Dame non era il vero logo di Notre Dame. Invece, era un ritratto abbastanza accurato del Danny Boy che mi aveva fatto visita nel cuore della notte qualche anno fa.

"Cosa vuoi?" chiesi cautamente mentre lui stava lì a sorridermi.

"Mi sono cacciato in un piccolissimo guaio", disse, chinando leggermente la testa, "e ho un piccolissimo favore da chiederti."

«Lascia perdere il finto accento, Danny», dissi seccamente mentre gli facevo cenno di entrare. "Sappiamo entrambi che sai parlare un inglese perfetto."

"E americano", ha detto mentre entrava nel mio soggiorno.

"Qual è il favore?" chiesi, cercando di nascondere la rabbia nella mia voce. Non è mai una buona idea far incazzare un folletto, anche se al momento sembra molto umano e vulnerabile.

"Mi sono vantato un po' con la nuova regina del Daoine Sidhe", disse, in piedi con le mani davanti a sé.

“E...” dissi fermamente.

"Quella è la regina del tumulo fatato", spiegò rapidamente e poi aggiunse, "Ho parlato di quello che hai fatto per quella povera ragazza che era intrappolata nel Connecticut qualche anno fa... come hai accettato di essere il suo donatore di potere."

“E...” ripetei.

“Bene, vedi,” disse tendendo entrambe le mani verso di me con i palmi verso l'alto come se stesse tenendo qualcosa, “lei è una nuova regina. Si potrebbe anche dire che è una regina vergine.

“E...” dissi ancora una volta. Non so se la mia esasperazione si manifestasse nella mia voce.

"E lei vuole che tu sia il suo datore di potere", disse ora tenendo le mani insieme con le dita giunte come se mi supplicasse. La sua voce suonò improvvisamente disperata mentre diceva: “Devi farlo per me. Mi ha una pentola d'oro.

"Pensavo che l'oro del folletto fosse falso", dissi cautamente.

"È", disse in tono derisorio, "... totalmente inutile... si trasforma in piombo o peggio una volta che viene tolto dal piatto."

"Quindi qual'è il problema?" Ho chiesto. Ora stavo iniziando a essere confuso. Danny Boy aveva mostrato il suo potere in molti modi diversi nei tempi in cui ci eravamo incontrati. Non riuscivo a capire perché fosse così preoccupato per una pentola d'oro finto che poteva ricreare con un cenno del capo.

"È la pentola stessa", disse, con la voce leggermente incrinata. “La pentola che la maggior parte delle persone vede è finta come l'oro che contiene. Ma questa era la mia vera pentola che è sempre nascosta nelle profondità della terra. È da quel vaso d'oro che traggo tutto il mio potere. L'ha preso e l'ha usato per augurarmi cento volte più grande e poi di nuovo la metà.

Fece cenno a se stesso. Dal momento che era circa tre pollici più alto di me e io sono anche un metro e ottanta. Questo lo rendeva alto sei e tre o 75 pollici.

"Quindi mezzo pollice è la tua vera altezza", dissi, cercando di non ridere.

"E se non riesco a riavere la mia pentola", gemette, ora sembrando spaventato... molto spaventato, "finirò per rimanere di queste dimensioni... e diventare mortale!!!"

«Essere mortali non è poi così male», risposi. "Sono mortale."

"Ma non ti sei fatto molti potenti nemici tra i piccoli e i fagiolo-sidhe... i cittadini del tumulo fatato." disse, aggrappandosi alla mia camicia. "Hai idea di cosa potrebbero farmi se scoprissero che ho perso i miei poteri?"

Ho fatto un profondo sospiro e ho detto: "Cosa vuoi che faccia?"

"Verrà da te tra pochi giorni ad Halloween", disse nervosamente. “Lascia che le cose... accadano... tra di voi. Ha promesso che dopo mi restituirà la mia pentola.

"Quindi possiederà qualcuno come la banshee che ha fatto Marie O'Callahan nel Connecticut?" Ho chiesto. Non mi piaceva davvero la direzione che tutto questo stava portando.

"No, no, niente del genere", ha detto Danny Boy quasi spingendomi indietro con le mani. "Deve essere se stessa affinché la magia funzioni correttamente."

"Quindi dovrei fare l'amore con una regina delle fate che è alta quanto... mezzo pollice?" Ho detto. Ora non riuscivo a controllare l'esasperazione nella mia voce.

«Be'», disse Danny Boy, «se avesse i suoi veri poteri, potrebbe diventare della taglia che vuole, ma in questo momento ha solo poteri da bambina, quindi è solo...» Tenne la mano ben al di sotto della vita.

"Fantastico", dissi, "non è alta nemmeno un metro!" Ho quasi urlato.

«Non esattamente», disse Danny Boy deglutendo rumorosamente. Ora stava sudando copiosamente. "Lei è quello per me quando sono della mia taglia normale."

"Allora quello che stai chiedendo è impossibile!" urlai, non cercando più di trattenere la mia esasperazione.

"Ma sarà Halloween", piagnucolò Danny Boy. "Ad Halloween accadono molte cose impossibili."

"Ma non sarà Dark Night", risposi bruscamente. «E se ricordo bene, il primo buio della luna dopo l'equinozio d'autunno è stato il 6 ottobre di quest'anno. È allora che sarebbe potuta accadere la vera magia e ci siamo già persi.

"Ma molta magia accade ancora ad Halloween perché la gente pensa che accadrà", ha detto Danny Boy. Non so se ora suonasse disperato o speranzoso.

“OK... OK...” dissi infine. "Se una regina delle fate tenta di sedurmi mentre sono alla festa di Halloween a cui sto programmando di andare, lascerò che accada." Ho alzato la mano con il pollice e l'indice leggermente distanziati e poi ho detto quasi con rabbia: "Ma sai che non succederà... perché non può".

"Forse mi darà credito per aver provato", ha detto Danny Boy. La sua testa era inclinata in avanti e c'erano lacrime che gli gocciolavano dal viso.

«Ti sei tirato fuori da guai peggiori», dissi, mettendo una mano sulla spalla di Danny. Mi guardò come se non mi credesse. Neanche io mi credevo.

“Dove starai nel frattempo?” Ho chiesto.

"Mi sono rimasti alcuni poteri, per ora", ha detto. "Finché rimango sotto terra posso tenermi nascosto da... tutti."

Mi fissò negli occhi a lungo. Alla fine ho fatto un profondo sospiro e ho detto: “OK, puoi restare nel mio seminterrato per pochi giorni fino ad Halloween. Ma se la Regina delle fate non ti dà credito per averci provato, sei da solo. Mi piaceva Danny Boy, ma non volevo davvero trovarmi nel bel mezzo di una guerra tra folletti.

"Grazie, grazie, grazie", disse Danny Boy e poi si sciolse sul pavimento come se stesse salendo su un ascensore.

I giorni successivi furono un po' tesi per me. Uno, non importa di cosa avessi bisogno, NON sono sceso nel seminterrato. E due, ogni volta che qualcosa scricchiolava in casa mi giravo aspettandomi di vedere dietro di me una regina delle fate o una schiera di ragazzini arrabbiati.

Finalmente è arrivato Halloween. Di solito Halloween è il momento clou dell'anno per me. Adoro le decorazioni e le feste e, sì, le dolci ragazze vestite in modo succinto che lasciano che la loro puttana interiore si scateni come infermiere cattive o altro. Ma quest'anno non sono riuscito a entrare nello spirito delle cose. Avrei saltato del tutto la festa se non fosse stato per il fatto che Danny Boy continuava a spuntare dal pavimento a intervalli regolari per ricordarmi che dovevo andare. Ero tentato di iniziare a giocare a colpisci la talpa con lui, ma il lato più ragionevole della mia mente continuava a ricordarmi che i folletti hanno una memoria molto lunga e un pessimo carattere e alla fine si vendicheranno se gli fai qualcosa di brutto.

Quasi non indossavo nemmeno un costume alla festa, ma Danny Boy ha insistito, quindi alla fine ho fatto un trucco casuale e ho indossato un vecchio smoking. Con i capelli pettinati all'indietro e una serie di zanne finte in bocca, ero pronto per essere un vampiro davvero cattivo e schlock.

Ho salutato tutti con "Gooood Ewening" e ho insistito per baciare ogni giovane... o vecchia signora sul dorso della mano. Dopo un po', tutti mi sorridevano, ma nessuno era vicino a me. Era come se lo zio pazzo della soffitta fosse sgattaiolato giù per unirsi alla festa e tutti stessero tenendo le distanze. Normalmente lo troverei molto deludente, ma questa volta ero molto soddisfatto di me stesso. Avevo intenzionalmente reso molto difficile per una regina delle fate o per chiunque altro avvicinarsi abbastanza da sedurmi.

Aggiungendo ulteriormente all'idea che ero solo un po 'fuori di testa, sono balzato in piedi e ho impedito al nostro ospite, James, di schiacciare una falena che era entrata e stava infastidendo tutti. L'ho catturato con cura tra le mani e poi l'ho portato fuori attraverso le porte del patio. "Non si sa mai", dissi con la mia migliore voce da Bela Lugosi, "nella notte di Halloween, qualcosa del genere potrebbe essere una principessa delle fate travestita".

Tutti risero e io tentai di sorridere loro, ma la realtà era che quello che dicevo era la verità. C'era una principessa delle fate, in realtà una regina delle fate immatura, che desiderava moltissimo partecipare a questa festa. Dopodiché, ogni volta che c'era una mosca o una falena o qualcosa del genere, la gente gridava: "Ehi Dracula, hai un'altra fata che cerca di rovinare la festa".

Penso di aver aiutato altre due falene e circa una dozzina di mosche a uscire dalla porta del patio. Fortunatamente non si sono presentate vespe o api. Non sono così gentile con i piccoli insetti che possono davvero farmi del male, ma poi di nuovo, se qualcuno di quei piccoli animaletti fosse in realtà la regina delle fate, probabilmente potrebbe davvero, davvero farmi del male. Ho visto - e sentito - cosa poteva fare la banshee ancor prima di ottenere i suoi pieni poteri.

Mi sono seduto nel mio angolo e ho osservato attentamente la folla. Ero particolarmente diffidente nei confronti di qualsiasi costume con le ali o che non esponesse la parte posteriore dove potrebbero esserci le ali. Forse la regina delle fate ha usato il vaso di Danny Boy per ingrandirsi anche se lui ha giurato che non poteva farlo. C'era una signorina minuta con un costume da farfalla di cui ero particolarmente diffidente perché era più piccola di chiunque altro alla festa. Il suo viso era dipinto di un verde nerastro mentre i suoi lunghi capelli castano chiaro le ricadevano sulla schiena. Aveva calze nere sulle gambe e qualcosa di simile sulle braccia. Diverse "gambe" più piccole sporgevano dalla parte anteriore del suo corpo e un enorme paio di ali molto decorate sporgevano dal costume sul retro. Le ali sbattevano lentamente quando c'era qualcuno in giro. Sembravano quasi reali, il che significava che o era un bel costume (e costoso) o era la regina delle fate. Non ero dell'umore giusto per scoprirlo.

Verso le dieci James ha annunciato: "È il momento del concorso di costumi per coppie più stravaganti".

Sua moglie, Trisha, che era in piedi accanto a lui in un costume da Lady Godiva estremamente convincente che consisteva in estensioni dei capelli posizionate in modo molto strategico, ha detto: “Ricorda, il giudizio non è solo sul costume. Devi recitare qualcosa nel personaggio.

"Abbiamo tre concorrenti", urlò James con la sua voce da presentatore televisivo. “Sono Han Solo e la principessa Leia; Maestro Leo e la sua schiava, Leona; e, ultimo ma non meno importante, Padrona Latisha e il suo schiavo, schiavo.

Trisha è entrata di nuovo e ha detto: "Ricorda di non prendere una decisione fino a quando l'ultima coppia non avrà terminato la presentazione".

James la guardò di sbieco con uno sguardo stanco, se non arrabbiato. Avevo la sensazione che Trisha tendesse a interromperlo regolarmente. Dopo un rapido respiro profondo urlò: "Vi presento, Han Solo e la Principessa Leia".

Ci fu un accenno di applauso quando Han entrò nel mezzo della stanza. Il suo costume era perfetto con pantaloni neri e gilet di pelle nera. Anche i suoi capelli erano tagliati e acconciati perfettamente. C'era persino un blaster dall'aspetto realistico in una fondina alla cintura. L'unica cosa non esatta era la ruvida camicia bianca. Per qualche motivo era abbottonato fin quasi al collo.

Estrasse il blaster dalla fondina e guardò la folla. Dopo aver fatto un perfetto sorriso alla Harrison Ford, ha detto: “Sì, ho sparato per primo. Non c'è un secondo colpo in una sparatoria con il blaster.» Poi è partita della musica e la schiava Principessa Leia è arrivata al centro della stanza con fare sashaying.

Anche il suo costume, quello che c'era, era perfetto. Il bikini di metallo sembrava vero metallo. La parte superiore era un po' più stretta di quanto mi aspettassi, ma aveva anche un aspetto pesante.

La musica era un tango, ed erano perfetti. Han fece girare Leia, la piegò e la baciò persino rudemente mentre la faceva piegare quasi a terra. La musica finalmente finì e la coppia si inchinò a tutti.

“È stato un bel ballo,” disse James con un tono di voce molto beffardo. "Ma non hai capito che questo era un concorso per coppie stravaganti?"

Han rise leggermente e disse: “A volte il nodo è nascosto. Mostra loro cosa intendo, tesoro.

Leia raggiunse i lati del bikini e aprì qualcosa. Lo slip del bikini e il sottile panno attaccato ad esso caddero a terra.

Ci fu un forte sussulto da parte di tutti. Sotto il bikini di metallo c'era un paio di cazzi e palle ben rasati.

Han rise di nuovo. Questa volta era una risata più acuta. "Non mi toglierò i pantaloni", ha detto. "Ma penso che questo dimostrerà il nodo."

Aprì rapidamente la camicia esponendo un reggiseno compressivo color carne. "Lascerei respirare i cuccioli", ha detto con un sorriso, "ma ci vuole molto tempo per rimettere insieme questo reggiseno senza pizzicare le cose".

La folla sbalordita iniziò ad applaudire. Ci furono diverse grida di "Bravo!" e "Cattivo".

James scosse leggermente la testa e disse. "Sì, è stato stravagante... e inaspettato." Il suo viso poi si illuminò mentre diceva: "Penso che il nodo per il Maestro Leo e la schiava Leona sarà un po' più evidente".

Fece un gesto con le mani e Mastro Leo uscì al centro della stanza portando una sedia di legno e una frusta. Il suo costume era lo stereotipo del domatore di leoni con pantaloni neri attillati e camicia bianca molto ampia. Le maniche si gonfiarono mentre faceva schioccare rumorosamente la frusta. Al suono della frusta, la schiava Leona uscì strisciando per raggiungerlo.

Il suo costume era molto più semplice e molto più complesso. L'unica cosa che indossava era una coda di leone completa di nodo peloso all'estremità. Era ovviamente collegato a un butt plug di qualche tipo. Il resto del suo costume era dipinto. Tutto il suo corpo era dipinto, o forse tatuato, per assomigliare alla pelliccia fulva di una leonessa. C'erano orecchie protesiche di qualche tipo che facevano sembrare le sue orecchie orecchie appuntite di leone, e c'era una specie di cosa simile a una maschera incollata sul suo viso per darle più mento e bocca di un leone. Ruggì contro mastro Leo con una voce piuttosto acuta e lui fece schioccare di nuovo la frusta, questa volta molto vicino al suo culo nudo.

"Su!" ordinò e lei si sollevò sulle ginocchia con le braccia davanti a sé. Si avvicinò a lei, tenendo la sedia davanti a sé, e lei ringhiò e colpì le gambe con le mani.

"In basso!" ordinò e lei cadde a terra e si girò sulla schiena. Si avvicinò e le accarezzò leggermente lo stomaco. "Bel gattino", disse dolcemente. Poi ha chiesto: "Vuoi un massaggio alla pancia?" In risposta, la schiava leona emise un ringhio basso che sembrava quasi una fusa.

"Questa è la mia ragazza", disse Mastro Leo. "Quando fai come ordinato, ottieni una ricompensa." Poi cominciò ad accarezzarle la pancia. Dopo un po' si avvicinò per accarezzarle e accarezzarle i seni. In risposta il suo ringhio divenne più profondo e iniziò ad ansimare.

"Ti serve di più, vero?" domandò mastro Leo. La risposta fu un ringhio piagnucoloso.

"Lo pensavo", rispose e fece scivolare la mano tra le gambe della schiava Leona. Le massaggiò dolcemente le labbra, facendo scivolare dolcemente il dito sulla sua clitoride. Il suo ringhio divenne più frenetico quando le sue dita cominciarono ad affondare nella sua fessura. Si stava sollevando per premere contro la sua mano mentre le sue dita sondavano sempre più in profondità dentro di lei.

Quando stava quasi per sollevarsi dal pavimento, Mastro Leo si alzò improvvisamente e fece schioccare la frusta. "Su!" Egli ordinò.

Il suo ringhio suonava molto ferito e bisognoso... quasi pietoso, ma si girò e si mise in ginocchio. Si inginocchiò lì tremando di bisogno.

Poi ha detto con fermezza: "Affronta queste brave persone e mostra a tutti che gattina perversa, troia, sei davvero schiava leona".

La ragazza-leone gemette sommessamente, ma si voltò verso tutti e allargò le ginocchia. Poi ha abbassato una mano e ha iniziato a spingerla in profondità nella sua fica. L'altra mano si alternava tra i suoi seni, stringendo e torcendo a turno ogni capezzolo. I suoi ringhi e ruggiti stavano diventando più forti e molto più acuti. Era quasi arrivata, ma non riusciva ancora a raggiungere il picco.

Poi Mastro Leo si avvicinò a lei. Aspettò, ascoltandola, finché lei grugnì e ringhiò rumorosamente, ma non raggiunse ancora l'orgasmo. Poi fece di nuovo schioccare la frusta, ma questa volta non era nell'aria. Era contro il culo della schiava Leona.

Immediatamente scattò in piedi sulle ginocchia e ringhiò in un ringhio molto acuto. Le sue mani erano furiose contro la sua fica mentre ricadeva sulla schiena con le gambe piegate all'altezza delle ginocchia. Il ringhio era ormai scomparso e lei urlò e gridò: “Grazie, Maestro. Grazie! Grazie! Grazie!"

In risposta, Mastro Leo la guardò e disse piano: “Ben fatto, mia piccola leonessa. Ora perché non esci nel cortile sul retro e ti occupi di tutti gli affari che devi fare?

La ragazza-leonessa si mise in ginocchio e iniziò a strisciare verso le porte del patio. Qualcuno l'ha aperto per lei e lei è strisciata fuori nel cortile sul retro. Mastro Leo guardò la folla e disse: "Deve pulirsi e, se necessario, svuotare la vescica". Si rivolse a James e disse: "Non preoccuparti, se fa qualcosa di più di questo, ho una grande borsa per il ritiro dei cani e me ne occuperò io".

Tornando alla folla, chiese ad alta voce: "Era abbastanza eccentrico per te?"

Tutti scoppiarono in un applauso. Questa volta, le grida di "Bravo!" e "Cattivo!" erano molto più rumorosi.

James entrò nel centro della stanza, aspettò che tutti si calmassero e poi annunciò: "La nostra ultima coppia è Mistress Latisha e il suo schiavo, schiavo".

Una donna alta e muscolosa entrò al centro della stanza indossando un costume intero attillato in vinile nero. I suoi guanti si abbinavano al costume da bagno e le arrivavano sulle braccia ben oltre i gomiti. Stivali abbinati al ginocchio e con tacco alto completavano l'ensemble. La sua pelle era nera quasi quanto il vinile.

"Questo è un po' imbarazzante", disse in tono piatto. "La mia schiava doveva incontrarmi qui alla festa, ma c'è stato un incidente sull'autostrada e lei è bloccata nel traffico." Rise leggermente: "Fortunatamente le ho dato il permesso di indossare qualcosa mentre veniva qui o potrebbe fare una piccola sorpresa agli altri automobilisti e alla polizia".

Si voltò per osservare la folla di persone nella stanza. "Ma lo spettacolo deve continuare", disse allegramente. “E il mio sottometro sta tremando. Penso che qui tra noi ci sia un piccolo subbie che sarebbe disposto a prendere il posto dello schiavo per la serata.

Indicò l'angolo di fronte a me e disse con fermezza: “Tu, Campanellino, sembri un sottomesso. Hai un Padrone o una Padrona?"

Una giovane donna che doveva essere alta più di un metro e ottanta balzò in piedi sorpresa e poi si fece avanti molto timidamente. Era vestita con un costume molto tipico di Tinkerbell composto da una calza bianco-verdastra molto pallida, un vestito verde molto corto tagliato a triangoli in fondo e, naturalmente, una serie di ali chiare che le spuntavano dalla schiena. Dopo molti sforzi, alla fine disse: "No".

"Questo è 'No, Padrona Latisha'... almeno per la sera", disse la Padrona. Poi aggiunse: "Lascia le tue ali e vieni qui".

La ragazza rimase lì tremante per un momento o due e poi allungò una mano sotto il braccio per staccare qualcosa. Le ali caddero sul pavimento dietro di lei e lei iniziò a uscire per raggiungere Mistress Latisha. Tuttavia si fermò, quando la Padrona disse ad alta voce: “Ripensandoci, lascia tutto alle spalle e vieni qui. Non preoccuparti, non ne avrai bisogno.

La ragazza si infilò il vestito verde corto sopra la testa e lo lasciò sul bracciolo di un divano. Non indossava il reggiseno, quindi tutto quello che aveva addosso erano le mutandine verdi e le calze. Infilò i pollici ai lati delle mutandine e spinse verso il basso portando con sé le calze. Forse erano un pezzo unico. In ogni caso furono ben presto sul pavimento tra le gambe della ragazza.

“Ora vieni qui e mettiti accanto a me,” ordinò Mistress Latisha. Tinkerbell obbedì immediatamente. Sembrava quasi di un bianco spettrale in piedi accanto a Mistress Latisha.

"Sei venuto qui di tua spontanea volontà?" domandò Padrona Latisha. Tinkerbell annuì con la testa.

"Devi dirlo ad alta voce, Tink." Disse con fermezza Padrona Latisha. Poi ha ripetuto la domanda. "Sei venuto qui di tua spontanea volontà?"

"Me l'hai ordinato tu", disse Tinkerbell con voce tremante.

«Ma hai scelto di obbedire, vero?» Comare Latisha insistette e Tinkerbell disse a bassa voce: "Sì, ho scelto di obbedire".

“Grazie,” disse enfaticamente Mistress Latisha. "Ora spiegherò cosa faremo io e te per queste brave persone." Ha raccolto un raccolto a manico lungo e ha detto: "Per dimostrare che tu ed io siamo una coppia perversa, mi permetterai di sculacciarti con questo raccolto". Ha usato il ritaglio per indicare due oggetti sul pavimento, ciascuno delle dimensioni di una palla da softball. “Ma per renderlo più interessante”, ha continuato, “lancerai questi dadi. uno dirà dove e uno dirà quanti colpi.

Entrambi i dadi erano dodecaedri pentagonali, nel senso che avevano dodici lati. Su un dado, ogni lato a forma di pentagono conteneva un numero. Padrona Latisha sollevò quel dado e disse: "Potrebbero esserci da uno a dodici colpi". Sollevò l'altro dado e disse: “Questo è per scegliere tette, culo o fica. Nota che ce ne sono otto che dicono culo, tre che dicono tette e uno che dice fica.

Si rivolse a Trilli e disse con fermezza: “Ciò significa che potresti ricevere anche solo uno schiaffo sul culo o fino a dodici sulla tua fica. Sei disposto a permettermi di punirti in questo modo?"

Tinkerbell annuì di nuovo con la testa.

"Non va bene, schiava Tinkerbell," urlò quasi Mistress Latisha. “Devi dirlo ad alta voce. Devi dire 'Sono disposto a prendere questa punizione da Mistress Latisha.'"

La ragazza nuda deglutì molto forte e poi disse con voce chiara "Sono disposta a prendere questa punizione da Mistress Latisha perché me lo merito."

Padrona Latisha porse entrambi i dadi a Campanellino e disse con fermezza: "Tira i dadi, schiavo, e guarda quale sarà la vera punizione".

Il Trilli nudo ha tirato il primo dado e l'intera folla ha gridato ad alta voce: "Figa!"

La faccia di Tinkerbell sbiancò e i suoi occhi si spalancarono. "Lancia il secondo dado!" comandò Padrona Latisha e Campanellino fece rotolare il dado fin quasi a dove ero seduto. Il grido della folla questa volta è stato "Dodici!"

Trilli nudo tremava visibilmente quando Mistress Latisha mise la mano sulla spalla di Campanellino e disse con un tono di voce normale. “Sai qual è la punizione adesso. Te lo chiederò ancora una volta, sei disposto?

Tinkerbell fece un respiro profondo e poi disse dolcemente: "Sono disposto a prendere questa punizione da Mistress Latisha perché me lo merito".

La sedia di legno dell'addomesticamento del leone di Master Leo era ancora al centro della stanza, quindi Mistress Latisha fece sedere Tink sulla sedia di fronte allo schienale. La Padrona ha iniziato a legare le caviglie di Campanellino alle gambe posteriori della sedia, ma poi si è fermata e ha detto: "Penso che tu sia abbastanza sottomesso da restare fermo senza essere legato". Fece un passo indietro e disse: "Sdraiati finché la tua testa non è sul pavimento e allunga la mano sotto la sedia per afferrarti le caviglie".

Campanellino seguì le istruzioni della Padrona. Le sue gambe erano ora tenute ben divaricate dallo schienale della sedia e la sua posizione quasi da contorsionista faceva sollevare la sua fica nuda e metterla in mostra.

Padrona Latisha si chinò su Tinkerbell e disse: "Te ne darò quattro morbide, quattro medie, tre dure, ... e una per ricordare la serata".

Fece un passo indietro e guardò le persone nella stanza. Ha testato il raccolto in aria diverse volte prima di iniziare. Poi ha dato gli schiaffi come aveva dichiarato. I primi quattro erano relativamente leggeri e Tinkerbell si limitò a trasalire leggermente quando colpirono. I successivi quattro erano più duri e Tink grugniva e diceva "Ow", ad ogni colpo. I successivi tre furono abbastanza difficili da essere ascoltati da tutti nella stanza. Così erano le grida di dolore di Campanellino. Padrona Latisha si fermò prima dell'ultimo schiaffo. Il raccolto aleggiava sopra la fica già punita della povera ragazza. Quindi, con un rapido scatto, il raccolto è salito e poi è sceso, direttamente sul clitoride di Campanellino. Questa volta lo splat del raccolto che colpisce è stato soffocato dall'urlo di dolore di Campanellino.

Mentre Tinkerbell era ancora al suo posto, piangendo e singhiozzando, Mistress Latisha fece un profondo inchino alla folla. L'applauso è stato il più forte di sempre. Così anche le grida di "Bravo!" e "Cattivo!"

Quando l'applauso si spense, Padrona Latisha si chinò per aiutare Campanellino a rimettersi in piedi. Doveva dirle di lasciar andare le caviglie. In qualche modo, nonostante il dolore, Campanellino era rimasto fermo come ordinato. Una volta che Campanellino fu di nuovo in piedi, Padrona Latisha disse quasi a bassa voce: “Puoi tornare al tuo posto ora, Campanellino. Se vuoi esplorare ulteriormente l'essere il mio schiavo, chiamami. Tirò fuori un biglietto dalla parte superiore del suo costume e lo porse alla ragazza che ancora piangeva.

Qualcuno ha lanciato il vestito e le mutandine di Campanellino dall'angolo in cui Trilli li aveva lasciati, ma hanno superato il centro della stanza e sono atterrati sul pavimento accanto alla mia sedia. Dal momento che le calze non erano volate in aria con loro, a quanto pare dopotutto non erano un pezzo unico.

Trilli, nuda e piangente, è tornata al mio tavolo per recuperare il vestitino verde e le mutandine verdi. Le sue ali e le calze erano ancora nell'angolo opposto. Prima si mise con molta cura le mutandine verdi, poi si infilò il vestito sopra la testa e si sedette.

Aveva smesso di piangere, ma sembrava essere ancora stordita, quindi le ho chiesto: "Vuoi che ti prenda qualcosa da bere? .. forse qualcosa di forte per attenuare il dolore?"

Mi ha guardato e ha detto: “Fai una coca cola e rum, e accendi il rum. Merito davvero il dolore.

Quella risposta mi ha preoccupato, ma le ho portato da bere come richiesto. Mi sono anche preso un'altra vodka e lime con acqua gassata... in realtà 7Up, ma non puoi sempre avere tutto quello che vuoi a una festa. Quando ho riportato le bevande al mio tavolo ho chiesto il suo nome. Mi ha sorriso e ha detto: "Per ora lasciamolo a Campanellino".

Ho detto OK e ho provato alcune normali chiacchiere. Non sembrava essere dell'umore giusto, quindi ho posto la domanda sull'elefante che probabilmente era nella mente di tutti. "Perché l'hai fatto?" chiesi dolcemente. Potevo vedere le tue labbra... Tutti potevano vedere le tue labbra. Erano completamente asciutti e i tuoi capezzoli non erano gonfi ed eretti. Non ne avresti ricavato nulla. Il dolore non ti ha dato piacere sessuale e non c'è stato rilascio. Non sembri un masochista. Questo non aveva senso, a meno che tu non stia cercando di farti del male o peggio.

Mi ha guardato e ha detto: "Sembra che tu sia veramente preoccupato per me".

“Lo sono”, risposi. “Le giovani ragazze – o ragazzi – come te che cercano il dolore per amore del dolore vengono spesso sfruttate. Potresti facilmente finire in una situazione davvero terribile o peggio.

"Ma merito il dolore", disse quasi con forza.

"Come mai?" Ho chiesto.

«Posso dirtelo domattina», rispose.

"Cosa posso fare per impedirti di cercare altro dolore fino ad allora?" Ho chiesto.

Mi ha guardato in modo molto assente e ha detto: "Potresti portarmi a casa e fare l'amore con me... dolcemente... dolcemente... come se non meritassi il dolore".

Ci fu un "Clunk!" nella parte posteriore della mia mente. La scatola in cui mi ero inserito si era appena chiusa. Potrei dire di no e semplicemente andarmene, ma se facessi questo piccolo Tinkerbell molto confuso potrebbe finire molto presto per morire. Ci sono abbastanza cadaveri sulla mia coscienza e non ho bisogno di un'altra faccia per infestare i miei sogni.

"OK", dissi, "ma ci perderemo il concorso di costumi più erotici".

Campanellino rise leggermente. Il suo viso era davvero bellissimo quando rideva. "Non devi preoccuparti", ha detto, "Trisha vincerà a mani basse... o forse dovrebbe essere a pelo corto". Rise di nuovo leggermente alla sua stessa battuta. Ho sorriso ampiamente, ma non è stato lo scherzo a farlo. Stava sorridendo. Forse poteva essere salvata da se stessa, dopo tutto.

Mentre ce ne stavamo andando, qualcuno le ha sollevato le ali e le calze. Scosse la testa e disse: “Lasciali. Li andrò a prendere più tardi".

Tinkerbell rimase in silenzio per il breve tragitto fino a casa mia. Quando siamo arrivati ​​ho parcheggiato l'auto nel vialetto invece di entrare nel garage. In realtà è più facile entrare in casa dalla porta all'interno del garage, ma non volevo che Trilli si sentisse in trappola quando abbassavo la porta del garage. Ho fatto il giro della macchina e le ho aperto la portiera.

"Potrei ancora portarti a casa, ovunque sia." dissi dolcemente. Mi ha guardato e ha detto: "No, non credo che potresti".

Mi sono chiesta che tipo di vita familiare avesse effettivamente... e con chi, ma non ho detto nient'altro. Invece ho camminato con cautela fino alla porta d'ingresso. L'ultima cosa di cui avevo bisogno in questo momento era Danny Boy che spuntava dal pavimento per vedere se la regina delle fate era con me.

Fortunatamente Danny Boy è rimasto tranquillo e al piano di sotto. Non sapevo cosa gli avrei detto la mattina. Forse la minuscola regina delle fate gli avrebbe riconosciuto il merito di averci provato. Ma quello era un problema per domani. Tonight I had a very large, wingless, Tinkerbell who felt that she was in need of punishment and wanted me to make gentle love to her. I should be thrilled. How many men can say that there are women lining up to make love to him... except it’s for all the wrong reasons.

I motioned towards the couch and said, “Have a seat. Gentle begins with conversation. Would you like another drink? I am going to get myself some anisette. That’s a licorice-flavored liqueur intended to be sipped slowly.”

She smiled at me and said, “Anisette sounds nice. Why don’t you get us both a glass?”

I went into the kitchen and came back with two tall, double shot glasses with about an inch of anisette in the bottom. “The tall glass holds the vapor and enhances the flavor,” I said as I handed her one of the glasses. As I did, I noticed something green tucked not quite all the way under the front of the couch. I wondered if I had interrupted her by coming back so quickly or if she had left the panties almost in sight so I would see them.

“So, Tinkerbell, may I know your real name or do I have to continue to call you Tink?” I said once I was seated.

“My real name is difficult to pronounce,” she said with a smile. “Why don’t you just call me Tie. It sounds a lot better than Tink.”

“OK, Tie,” I replied, “so why do you deserve to be punished?”

“I did something very wicked,” she said with a very strange smile. “I will tell you all about it in the morning. I will even tell you my name, or at least my name the way most people pronounce it.”

She then snuggled over and scrunched herself down so she could fit under my arm. In order to actually fit, she had to swing her legs up onto the couch and almost lie down. That action caused her short skirt to ride up exposing her naked slit. When she was being spanked, I thought she was clean shaven down there, but actually she had very fine blond, almost white hair covering things.

“You aren’t as bruised as I expected you to be,” I said, acknowledging that I could see everything.

“I heal very fast,” she said. “The bruises will be gone soon.”

I reached down and tentatively touched her labia, which brought a contented sigh from her.

“I’m just checking how tender you are down there,” I said softly. “I don’t want to try to make love to you if it causes you a lot of pain.”

“There’s no pain,” she replied, “and I can tell that you want to make love to me.” She reached down and slid her hand across the tent in my trousers.

“A man’s body always wants to have sex,” I replied. “It’s my mind that you have to convince that it is OK.”

“You are a really nice man,” she said as she snuggled more tightly into me almost burying her face.

“What makes you say that?” Ho risposto. A lot of the time I don’t consider myself a nice man.

“For one, you rescued me from whatever you thought might happen to me,” she said, looking up at me.

“Anyone who knows what is what would have done that,” I replied flatly. “There are too many people out there who would take advantage of someone like you.”

“What is someone like me?” she asked, arching her eyebrows.

“Someone who is addicted to pain or thinks they deserve to be punished,” I answered. “If you don’t have someone to control you, you will keep seeking pain and punishment until you destroy yourself.”

“I wouldn’t do that,” she said thoughtfully. “There is just one wicked thing for which I needed to be punished.”

“So you don’t need further punishment?” I asked, trying to keep the surprise out of my voice. If she had willingly subjected herself to what Mistress Latisha did, she was seriously seeking pain and you don’t just turn that off.

“What I need now,” she said, stroking my chest through my shirt, “is for someone to make gentle love to me like he promised.”

“Then I think we should move this into the bedroom,” I said as I stood up and picked her up off the couch. For her height, she was surprisingly light.

As we went into the bedroom, I said, “I have a friend who is going to be mad at me over this.”

“Why?” she asked as I set her on the bed.

“Because he wanted me to make love to someone else tonight,” I answered. “But it would have been impossible anyway. I hope I can find some other way to get him out of the trouble he’s in.”

“See,” she said, sitting up and sliding off her dress, “you are a nice man. You are worried about your friend. What kind of trouble is he in?”

I laughed and said, “It’s the type that is hard to explain and most people wouldn’t believe me anyway. And besides, we have something more pleasant to think about.”

Her only reply was an “mmmmm” as I slipped out of my clothes and slid into bed alongside her.

As I ran my hands down her body, I was surprised that she seemed to be covered all over by that fine, downy, whitish hair. It was most dense on her mound of Venus, but it was everywhere.

“You have a Marilyn Monroe body,” I said softly.

“I think I’m rather skinny,” she replied.

“No,” I said. “Marilyn Monroe always appeared to almost glow in her movies. Some people thought it was some special trick with the light, but the real reason was the fact that she had very fine hair almost all over her body and it caught the light and made her glow.”

“I’ll have to try that some time,” she said as she pressed herself against me. “Right now, I feel like I am on fire.”

“Let’s see if we can make that fire hotter,” I said as my hands trailed down her naked body. Her nipples were standing erect and she moaned loudly as I passed the palms of my hands over them, rubbing them in small circles in the cup of my hand.

She reached down and began stroking my penis. “You said slow and gentle,” I said firmly, “so that means that I have to control the throttle.”

She looked confused so I said, “A man reacts much faster than a woman. If I let you rub me the way I am rubbing you, it will cause things to go much faster and possibly less gently.”

“Oh,” she said. Then she raised her knees slightly and opened her legs wide before adding, “Then I am yours to command or control or whatever. Just be gentle and loving.”

“I will,” I said as a lay alongside her playing with her body. She was young and beautiful and eager and I was rock hard and ready, but I had promised her we would go slow and gentle.

Biology has its own speedometer and timer and it wasn’t too long before she was undulating on the bed and lifting herself up towards my hands whenever I was anywhere near her sex.

“I think it’s time,” she said through gritted teeth as she lifted herself high off the bed.

“Yes,” I answered, “I think it’s time.”

I shifted onto my knees and positioned myself between her legs. Unlike when she was being punished, her slit now glistened with her fluids. My fingers had found no trouble sliding inside of her and my prick also gained easy entry.

I pushed in slowly letting her adjust to my girth. Then I felt something blocking me. She was a virgin!

I tried to pull back and make sure she wanted this, but she rammed herself up against me breaking through her hymen and burying me balls deep within her.

“Slow and gentle,” she said as she undulated against me.

I tried to keep it slow and gentle, but the mind can only control so much. I eventually got to the fast short strokes and then drove myself hard into her, spurting my seed into her womb.

She wrapped her arms and legs around me and began keening in an almost melodious fashion as she experienced a series of orgasms.

It took her a while to finally settle down. I waited until she was breathing normally and started to shift my weight off of her.

“No, stay,” she said quickly.

“But I’m crushing you,” I replied.

“Ever the nice man,” she said, “but you’re not crushing me... as long as you are lying flat across most of my body.”

We lay like that for several minutes. Then I laughed and said, “This is where one of us says they have to go to the bathroom.” I laughed again, “Since you haven’t said it, I will.”

I finished pulling my flaccid prick out of her and stood up. When I came back from the bathroom she was curled up on her side. I curled up around her. In response she said, “mmmmm” and wiggled her ass against me.

“Be careful doing that,” I said, “you could start something all over again.”

“But you’re a nice man and will just cuddle me until morning,” she replied and closed her eyes.

I don’t know if I cuddled her all night or not, but the next thing I knew it was morning and the sun was shining in through the windows. I looked up at the morning sun and then gasped loudly. Danny Boy was standing on the window sill in all his half-inch glory, dressed in traditional leprechaun green. Next to him sat a pot of gold about the size of a pea.

“I knew you could do it,” he said loudly inside my head. Evidently he didn’t need to be six-foot tall to be loud.

“But I didn’t do it,” I said.

Tinkerbell sat up on the bed and turned to face me. “Do you know what the rule of three is in magic?” lei chiese.

“Uh... ... no,” I answered.

“Evil magic has to be pointed at someone,” she said, pointing at the door to the room. “But when you point that finger at someone, you have three fingers pointed back at you, so you receive three times the evil that you sent out.”

“I still don’t understand,” I said, shaking my head. “What does this have to do with Danny Boy getting his pot of gold back?”

“I stole his precious pot,” she said, “and used it to make him one hundred times taller and then half again.” Danny Boy nodded in agreement. “But three fingers were pointed back at me,” she said, “so I grew three times more than he did.”

She smiled at me and said, “I had to return what I had stolen and I had to be punished for what I did. Last night at the party provided the punishment. And after last night here I had the power to return Danny Boy’s golden pot.”

I stared down at her. “You are the Fairy Queen?” sussultai.

“Of course,” she said. “And you, nice man, are my power giver.”

“What is your name?” Ho chiesto. “You said you would tell me in the morning.”

“I also said that you would never be able to pronounce it,” she replied with a smile. “But I will tell you the name by which the Fairy Queen has been known through the ages. My name is Titania. You can still call me Tie for short.”

She laughed slightly and added, “And I will tell you a secret. Fairy Queens or even Fairy Princesses don’t need wings to fly. People who accidentally see us just assume that we have wings.”

After that she rose into the air above the bed. Her naked body seemed to glow with a golden light as she slowly shrank back to her normal tiny size.

“Thank you, mister nice man,” she said within my head and then disappeared.

“I thank you also,” Danny Boy said from the window sill. “And as a token of my thanks I left a little present for you on your kitchen table.” As he began to fade away he added, “That’s real gold from my personal magic pot.”

I looked around my bedroom. I was now alone... I think. Danny Boy was gone and Titania was also. But when the wee people gather around you, who knows who else might be tagging along.

I shrugged my shoulders and went into the kitchen to see what Danny Boy had left me. True to his word there were five golden coins from his magic pot. Each was about the size of a pencil point. I laughed and carefully scraped them into a small plastic bag. As I put the small bag containing the miniature treasure in my desk, I said aloud, “And that’s why I never get involved with leprechauns and fairies... well, almost never.”

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

END OF STORY

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Storie simili

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

2.6K I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

2.4K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

2.4K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2.1K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

2.3K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

2K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2.2K I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

2.9K I più visti

Likes 0

La guerra_(1)

Durante la guerra in passato, mi sono arruolato nell'esercito. Ero chiuso e circondato da uomini grossi e sexy, forti e coraggiosi. Il primo al comando del nostro squadrone era così sexy. Il suo nome era Rob. Un uomo molto mascolino e muscoloso con forti radici di campagna. Quando non stavamo litigando, era quasi nudo e sicuro di sé. Era sposato e aveva la moglie più bella di sempre. La invidiavo. Non ci sono mai state donne in guerra. Solo uomini grossi, sporchi, sudati e puzzolenti. Rob aveva foto di sua moglie nuda. Altri uomini si masturbavano con loro quando Rob non...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.