Compagni di stanza

153Report
Compagni di stanza

L'università è complicata indipendentemente dalle circostanze, ma per Nick Kotsopoulous è stato molto più difficile. Lasciando la sua famiglia e tutto ciò che aveva mai conosciuto, ha viaggiato per mezzo mondo per avere la possibilità di espandere i suoi orizzonti ottenendo il suo dottorato in inglese alla Yale University. La decisione è stata difficile da prendere, ma la sua famiglia sapeva bene quanto lei che per ottenere la migliore istruzione possibile e aprire molte porte di opportunità lungo la strada, doveva lasciare il suo paese d'origine e cercare una guida all'estero. Giovane e brillante, Nick è stato immediatamente accettato nel corso di laurea di Yale con varie offerte di borse di studio provenienti da tutte le direzioni. Ha accettato con entusiasmo la generosità della scuola e appena terminata la sua prima laurea, era sul primo aereo fuori dal paese.

Il suo primo anno di laurea è stato un po' difficile; doversi adattare al suo nuovo ambiente mentre cercava di reprimere i suoi desideri per la sua famiglia e i suoi amici. Il lavoro scolastico era comunque estremamente interessante e la teneva occupata e distratta per la maggior parte del tempo, soprattutto perché ne faceva la sua prima e più importante priorità. Era intenzionata a finire la laurea in quattro anni e sembrava che fosse sulla strada giusta. La aiutava a tenere la mente lontana da coloro che le mancavano, ma la teneva anche nascosta nella sua stanza del dormitorio, lontana da qualsiasi compagnia o vita sociale.

I docenti erano felicissimi di averla nel loro staff, sia come ricercatrice che come assistente, ma dopo il primo anno, quando l'hanno conosciuta meglio, si sono preoccupati. Sentivano che era troppo una reclusa e si dedicava al suo compito con troppa diligenza. Decidendo di offrire una mano amica, hanno fatto in modo che fosse sellata con un compagno di stanza. Gli studenti laureati avevano il privilegio di scegliere stanze singole e poiché Nick mostrava un'evidente preminenza, furono felici di accontentare la sua richiesta. Tuttavia, quando il tempo è passato e Nick non ha mostrato alcun interesse per nessun tipo di vita sociale, i suoi amici del dipartimento hanno deciso di immischiarsi.

"Perché sto trovando di nuovo un compagno di stanza?" chiese Nick irritato. Si stava godendo il suo spazio ed era irremovibile nel mantenerlo. Inoltre, si era abituata ad avere l'intera stanza tutta per sé ed era riluttante ad avere a che fare con qualsiasi estraneo.

"Beh, c'è carenza di stanze nel dormitorio e stiamo avendo dei problemi con un numero piuttosto elevato di nuovi studenti. Ti risarciremo per questo, puoi starne certo. E ti assicuro ancora, una volta che avremo trova una soluzione più adeguata, riavrai la tua camera singola." Ha detto Michael O'Brien, il consigliere laureato.

"Senti, capisco la carenza e tutto il resto, ma non ci sono altre camere singole che puoi invadere?"

Michael represse una risatina, "No, scusa. La tua è l'ultima e non possiamo mettere una studentessa con un maschio." Sperava che questo l'avrebbe soddisfatta nell'accettare il nuovo trasferimento.

Credevano che la nuova studentessa sarebbe stata in grado di scuotere Nick dal suo stoicismo autoimposto e portarla nel mondo dei vivi. Era nuova all'università, una studentessa di medicina del terzo anno, che aveva una mente acuta e uno spirito vivace; la giusta combinazione per far uscire chiunque dal proprio guscio.

"Perché non la incontri e vedi di persona? Potresti semplicemente andare d'accordo." Lui ha offerto.

Nick sospirò profondamente, "Bene, non è che io abbia altra scelta, giusto?"

Michael sorrise, "Giusto," e le diede una pacca sulla schiena.

Il giorno successivo a Nick è stato presentato Miss Perky. Era alta circa 5'4 con capelli biondi lunghi fino alle spalle e occhi verdi scintillanti. Esteriormente, sembrava abbastanza carina, ma ci sarebbe voluto molto di più per convincere Nick. Quando la porta si è spalancata e la ragazza ha iniziato a spalare i bagagli, Nick stava, ovviamente, studiando. Alzando la testa e sbattendo le palpebre alla luce intensa proveniente dall'esterno, socchiuse gli occhi verso la sua nuova compagna di stanza. Non era sicura che i suoi bagagli entrassero nella camera da letto un tempo singola. Il personale del dormitorio fece in modo che un secondo letto fosse portato dentro e sistemato contro la parete di fondo, davanti alla porta. Accanto hanno messo una piccola scrivania, una libreria in legno e un comò compatto. Dall'altra parte della stanza, dove si trovava la camera da letto di Nick, l'arredamento era più o meno lo stesso. Lo spazio che ora la ragazza avrebbe occupato era il soggiorno di Nick ed era triste vederlo andare via.

Dopo aver finito con i suoi bagagli, e aver riempito metà della stanza, la bionda si è avvicinata alla sua compagna di stanza dall'aria annoiata. "Ciao, sono Amy." Mi offrì la mano e sorrise in modo affascinante.

Nick la guardò sospettoso e si alzò dalla sedia. "Sono Nick. E prima che ti sistemi voglio chiarire alcune regole di base. Non mi piace molto il rumore, non mi piace essere disturbato mentre studio e in generale, non voglio feste, amici, musica ad alto volume o qualcosa di simile portato in questa stanza." Detto questo, prese la mano della ragazza sbalordita in una stretta decisa e si mosse per prendere una bibita dal piccolo minibar nell'angolo.

Amy si è lentamente orientata e ha detto bruscamente: "Nemmeno io tollero queste cose, ma soprattutto non mi piace che mi si parli con mancanza di rispetto o condiscendenza. Tienilo a mente". Voltandosi, andò a mettere in ordine le sue cose ea stare alla larga dalla donna prepotente.

È stato più di un anno fa. Ora, non c'era niente che potesse mettersi tra quei due. Nell'anno in cui avevano vissuto insieme sono diventati i migliori amici mentre imparavano le simpatie e le antipatie dell'altro. Entrarono in una routine che entrambi trovarono perfettamente comoda e adatta e nessuno ha mai menzionato di riportare le cose allo stato precedente. Sembrava, tuttavia, che il piano degli amici di Nick non avesse funzionato esattamente come avevano sperato. In effetti, Nick ha iniziato a vedere la luce del giorno di tanto in tanto, ma il destino ha voluto che Amy fosse studiosa quanto Nick. Era la prima della sua classe e intendeva rimanere in quel posto fino alla fine della laurea. Ha detto a Nick nelle loro numerose conversazioni come diventare un medico sarebbe stato un sogno diventato realtà per lei; come amava e ammirava coloro che lavoravano in quella professione e come sacrificava volentieri alcuni anni della sua giovane vita per raggiungere i suoi obiettivi. Erano entrambi studenti devoti e scoprirono di essere contenti del loro ruolo nella vita.

D'altra parte, Amy, con la sua personalità frizzante è riuscita a fare amicizia molto velocemente ed è stata presto sommersa da chiamate e inviti a feste e simili. Anche se era molto presa dai suoi studi, doveva ammettere che voleva sperimentare la vita di uno studente in modo più completo e desiderava uscire con i suoi amici e vedere le cose che le erano mancate. Ogni volta che veniva invitata a una festa, cercava di convincere Nick ad alzarsi dalla sedia e trascinarla nella direzione del mondo reale. Ma i suoi numerosi tentativi di solito finivano inutilmente. Nick era anche peggio di lei quando si trattava della sua determinazione.

Era mattina e il sole splendeva quando Amy entrò nella stanza. Era appena tornata dalla lezione e voleva fare due chiacchiere con la sua migliore amica. Entrando nella loro stanza, si fece strada nel regno di Nick, non sorpresa di trovarla appoggiata alla scrivania, intenta a leggere ea digitare al computer. Sgattaiolando da dietro, mise le mani sulle spalle larghe di Nick e iniziò a massaggiarle. Nick sobbalzò leggermente al tocco inaspettato, ma si rilassò rapidamente nelle mani rassicuranti mentre continuavano ad attaccare i suoi muscoli doloranti.

"Ehi, ci sei ancora?"

"Ehi Amy. Sì, devo scrivere questo articolo."

"Aww, andiamo. Voglio parlarti un po'. Dopo puoi tornare al tuo giornale."

Nick lanciò un'occhiata ad Amy, "Mi dispiace, piccola, ma devo davvero lavorare su questo. È dovuto tra due giorni e non sono in orario." Prese la mano di Amy tra le sue e la strinse in segno di scusa.

Amy si spostò di lato per vedere meglio Nick e girò la sedia. "Per favore?" Chiese e sbatté graziosamente le ciglia.

Nick ridacchiò e scosse la testa. "Sei incorreggibile, lo sai?"

Amy sorrise felice e tirò Nick per mano, conducendola nella sua parte della stanza. Sistemandosi sul letto, tirò Nick accanto a sé.

"Va bene, di cosa volevi parlare?" Nick incrociò le gambe e si sedette di fronte ad Amy.

"Niente di specifico." Amy scrollò le spalle.

Nick alzò gli occhi al cielo; sapeva che c'era qualcosa nella mente di Amy, ma sapeva anche che probabilmente avrebbe dovuto ripescarglielo. "Okay...umm, com'è andata la lezione?" Ha deciso di girare intorno al cespuglio per un po' con la speranza che Amy la spingesse nella giusta direzione.

Amy scrollò le spalle, "Va bene."

Nick si morse il labbro pensando: "Ehi, com'è andato il tuo appuntamento ieri sera?" Aveva dimenticato tutto. Ieri sera Amy è uscita per un appuntamento con un ragazzo di cui parlava da un po'. Non l'aveva sentita tornare ma sapeva che non era prima dell'una di notte.

Amy fece un respiro profondo e disse: "Non così eccezionale. Si è rivelato essere uno stronzo".

Nick si accigliò e la guardò preoccupato, "Perché? Cos'è successo?"

Questa volta Amy si prese il labbro inferiore tra i denti e se lo masticò pensierosa: "Prometti di non arrabbiarti?"

Nick si arrabbiò visibilmente con quell'osservazione, "Come posso non arrabbiarmi quando mi fai una domanda del genere? Cosa è successo?" Le sue viscere stavano iniziando a ribollire per le possibilità che le passavano per la testa.

"Dopo che siamo usciti dal ristorante, mi ha chiesto se volevo fare una passeggiata sulla spiaggia e gli ho detto che ero stanco e che avevo iniziato presto, quindi probabilmente sarebbe stato meglio se mi avesse portato a casa. Sembrava a posto con quello e siamo partiti. Ma poi a pochi chilometri da qui, ha fermato la macchina sul ciglio della strada e mi ha detto che si era divertito molto. Si è chinato e ha iniziato a baciarmi, il che è stato carino all'inizio ma poi è diventato più aggressivo e l'ho spinto via. Gli ho chiesto cosa stesse facendo e lui ha detto, 'ottenere ciò che merito', e ha ricominciato a picchiarmi. Mi sono arrabbiato e l'ho spinto forte, riuscendo ad aprire la porta nel processo e scendi dall'auto. Tremavo di rabbia e adrenalina e avevo voglia di urlargli contro a squarciagola. Ma prima che potessi fare qualcosa, chiuse la portiera e se ne andò".

Nick non poté evitare la sua reazione, saltò giù dal letto e iniziò a camminare avanti e indietro, gesticolando selvaggiamente con le mani. "Ha fatto cosa?! Quel pezzo di merda! Lo ucciderò dannatamente!"

Amy balzò in piedi e afferrò la mano di Nick, trascinandola di nuovo sul letto. "Nick, calmati, per favore. Avevi promesso che non ti saresti arrabbiato."

"No, in realtà non l'ho fatto. Come sei tornato a casa? Perché non mi hai chiamato?"

"Sono tornato a casa a piedi. Non era molto lontano, solo pochi chilometri. E non volevo disturbarti, sapevo che anche tu partivi presto." Abbassò la testa e annusò.

Nick si è subito sentito il più grande idiota; qui Amy le stava raccontando del suo orribile appuntamento e invece di confortare la sua amica, stava impazzendo. Prendendo fiato e calmandosi, sollevò delicatamente la testa di Amy all'altezza dei suoi occhi. Sorridendo dolcemente, si mise qualche ciocca di capelli sciolti dietro l'orecchio e le accarezzò dolcemente la guancia con le nocche. "Mi dispiace di essere diventata pazza di te. Vorrei solo poter uccidere il piccolo..." Strinse i denti e mormorò il resto della frase sottovoce. "Amy, sai che puoi sempre chiamarmi, qualunque cosa accada. Sarei stato lì in un secondo. Per favore, promettimi che se mai avessi bisogno di me, me lo farai sapere. Okay?"

Amy annuì leggermente, mentre le ciocche bionde le ricadevano sul viso, "Lo prometto."

"Bene." Nick sorrise e attirò la ragazza in un morbido abbraccio. Nascondendo la testa sotto il mento, accarezzò i capelli setosi mentre disegnava cerchi rilassanti sulla schiena. Mentre si sedevano sul letto di Amy, tenendosi stretti, Nick chiese: "Sai dove abita?"

Amy ridacchiò e si schiaffeggiò il fianco scherzosamente: "No, e basta. I suoi genitori possiedono metà dell'università. Credimi, non è il tipo di persona con cui vorresti scherzare. Non hai davvero bisogno di quel tipo di guai. Inoltre, io sto bene e tu sei così dolce per esserti offerto di fargli del male." Si allontanò leggermente e sorrise.

"Quando vuoi, ragazzo." Nick lanciò un sorriso sbilenco e le diede un leggero colpetto sul mento. Amy si limitò a scuotere la testa e a riabbracciarla.

Passarono il resto della giornata a studiare, poi la sera guardarono insieme un film sul piccolo televisore che avevano comprato per la loro stanza. La vita andava bene per i due studenti e nulla sembrava capace di sconvolgere quell'esistenza perfettamente ordinata.

Dopo il suo orrendo appuntamento, Amy ha smesso di uscire con gli appuntamenti e ha invece seguito le orme di Nick, impegnandosi nello studio e vedendo di tanto in tanto gli altri suoi amici. Durante quel periodo Amy e Nick divennero ancora migliori amici, se possibile. Dal momento che hanno trascorso così tanto tempo insieme, non potevano nemmeno immaginare di passare del tempo separati. Tutti gli amici di Amy erano sicuri che stesse succedendo qualcosa di più tra i due, ma rimasero in silenzio per paura che potessero sbagliarsi. Un giorno, Julia, una delle compagne di classe e compagne di studio di Amy, ha svelato il segreto. "Allora, vai a casa con Nick per le vacanze?"

Amy sembrò sorpresa per un minuto, ripensando alla domanda, "No. Non sono nemmeno sicura che tornerà a casa per le vacanze. Immagino che le chiederò se le piacerebbe venire a casa con me."

"Oh, è carino. I tuoi genitori sono d'accordo?" chiese Julia con nonchalance, sgranocchiando un pezzo di pizza fredda.

"Sì, certo. Perché non dovrebbero esserlo?" Amy la guardò con aria interrogativa.

Julia si strinse nelle spalle: "Oh, non lo so. Non a tutti va bene tutto questo."

Amy sapeva che stava succedendo qualcosa dato che Julia non era mai così evasiva. Di solito, non dovevi fare molto per ottenere una risposta diretta da lei. Posando la sua fetta di pizza, chiese: "Fantastico con cosa? Di cosa stai parlando?"

Julia deglutì a fatica, quasi soffocando con un pezzo masticato solo a metà. Cercando di nascondere il suo sguardo da cervo catturato dai fari, tentò di cambiare argomento. "Niente. Allora, come va la tua anatomia?"

Amy socchiuse gli occhi in tono accusatorio, "Liscio, Jules. Adesso sputalo. Che succede?"

Sudando, Julia si grattò nervosamente la nuca, "Beh... Ragazzi, sembrate terribilmente vicini, sapete? Quindi, naturalmente, pensavamo che foste... lo sapete."

Amy inclinò la testa di lato, "No, non lo so. Illuminami, per favore. Per essere un dottore, non sei molto eloquente o coerente."

"Dai, Amy. Sai di cosa sto parlando. Sembra che voi ragazzi siate... come se foste..." Sospirò rumorosamente prima di uscire direttamente, "come se foste più che amici. "

"Cosa vuoi dire? Cos'altro possiamo essere?" Amy era davvero perplessa; la sua ingenuità apparentemente ha avuto la meglio su di lei.

"Amy, non puoi essere così innocente, vero?" Vedendo lo sguardo vuoto sul volto di Amy, decise di spiegarglielo.

"Amanti, Amy. Pensavamo che foste amanti."

Amy quasi soffocò all'ammissione. "Cosa?! Perché diavolo lo pensi?"

Julia riprese a mangiare: "Beh, sono sorpresa che tu non l'abbia capito da sola. Voglio dire, nessuno di voi due esce mai, tranne che insieme, siete assolutamente inseparabili, ovviamente tenete molto l'uno all'altro; ci sono volte in cui mi sento un intruso quando sono vicino a voi due... le scintille volano così alte e luminose."

Amy stava fissando il vuoto, sbattendo le palpebre di tanto in tanto solo per mostrare che era ancora viva. "Ma...ma, io sono etero, e anche lei!"

Julia si strinse nelle spalle, "Non so come chiamarlo. Ma c'è ovviamente qualcosa di più in corso, e se questa è una novità per te, allora sei seriamente cieco. Mi dispiace se ci siamo sbagliati, ma davvero non l'abbiamo fatto significa qualcosa con questo. Abbiamo solo pensato... beh, non importa. Per favore, non essere arrabbiato con noi... con me." chiese docilmente.

Amy deglutì e scosse la testa, "No, no, non sono arrabbiata. Sono solo... sotto shock."

Julia si batté sul ginocchio e cambiò argomento, questa volta, con maggior successo.

Quando Amy è tornata nella sua stanza, era ancora stordita. Come al solito, Nick era sepolto nei suoi libri e alzò appena lo sguardo quando Amy entrò. "Ehi," disse da sopra la spalla. Amy si lasciò cadere sul letto e fissò il soffitto, non avendo sentito il saluto di Nick. I pensieri le correvano per la testa, scontrandosi l'uno con l'altro, sconvolgendo il suo cervello già confuso. Le parole di Julia continuavano a riecheggiarle nelle orecchie, portandola alla distrazione. 'Amanti... pensavamo che foste amanti... amanti... amanti...' Senza che lei se ne accorgesse, una lacrima le scese lungo la guancia. Ben presto, uno fu seguito da un altro e non riuscì più a fermarsi.

Nick, che fu sorpreso di non sentire un saluto in risposta, fece girare la sedia e la guardò con curiosità. La vista di Amy distesa sul letto non era niente di insolito, ma la sua curiosità ebbe la meglio su di lei e si alzò per indagare. Quando si avvicinò abbastanza e vide le lacrime rigare le belle guance della sua amica, pensò che il cuore le sarebbe uscito dal petto. Cadendo in ginocchio accanto al letto di Amy, tirò il corpo flessibile verso di sé in un abbraccio. "Amy? Tesoro, qual è il problema?" chiese freneticamente. Quando le lacrime non si fermavano, la teneva semplicemente tra le braccia e la cullava, sussurrandole parole di conforto nel suo orecchio dalla punta rossa.

Alla fine, le lacrime sembrarono placarsi e Amy singhiozzò piano. Tirandosi leggermente indietro, Nick cercò di catturare il suo sguardo. "Amy? Cosa c'è che non va, dolcezza?"

Allo sguardo amorevole che ha ricevuto dopo il suo piccolo crollo, Amy era sul punto di scoppiare in un altro attacco di lacrime. Alla fine vide ciò che i suoi amici avevano visto da sempre e si chiese come avesse potuto essere così cieca. Non era ancora sicura dei suoi sentimenti, o dei sentimenti di Nick, ma sapeva di amarla...profondamente. Non volendo pensarci su, ponderare le conseguenze o le implicazioni, Amy decise che per una volta nella vita avrebbe seguito il suo cuore, anche se ciò significava gettare al vento la prudenza. Alzando una mano sul viso preoccupato di Nick, le accarezzò dolcemente la guancia e l'attirò più vicino, unendo le loro labbra nel più dolce contatto.

Nick rimase sorpreso per un secondo, ma si riorientò rapidamente e si lasciò avvolgere dalla sensazione più dolce e più pura che si potesse trovare sulla terra. Il bacio finì troppo presto e si separarono. Amy stava fissando i grandi occhi azzurri di Nick, deglutendo a fatica e cercando di formulare un pensiero coerente. Non sapeva cosa l'avesse spinta a baciare Nick, ma sapeva che doveva semplicemente farlo, su questo non c'erano dubbi. Ed era stato così bello. Ancora scosso dalle intense sensazioni che la stavano attraversando, Nick sapeva che doveva dire qualcosa, spezzare la tensione, ma non aveva niente...la sua testa era completamente vuota.

"Mi dispiace..." cominciò Amy, ma poi si fermò. Si rese conto di non essere minimamente dispiaciuta. Era molto confusa ma per niente dispiaciuta. Non si pentì del bacio, era contenta che fosse successo ed era impegnata a picchiarsi per non essersi accorta prima di quello che stava succedendo. Tuttavia, aveva la sensazione che Nick fosse perso quanto lei, se l'espressione sul suo viso significava qualcosa. "Non mi dispiace per il bacio... mi dispiace solo di esserti saltato addosso in quel modo. Nick, per favore non odiarmi, dovevo solo scoprirlo... vedere se quello che dicevano è vero ."

Nick scosse la testa, "Aspetta, aspetta. Prima di tutto, non potrei mai odiarti, e secondo, chi ha detto cosa e cosa ha causato tutto questo?" Anche se Nick si era sempre considerata etero, doveva chiederselo. Amava teneramente Amy e avrebbe fatto qualsiasi cosa per lei, ma non ha mai pensato o addirittura considerato questa opzione di qualcosa di più. Forse non l'aveva mai considerato perché la loro relazione era così semplice, così pura e amorevole che nessuno dei due voleva contaminarla con qualcosa di più. Ma ancora una volta, quel bacio era incredibile, doveva ammettere Nick. Si era sentito come se il suo mondo fosse improvvisamente esploso nella vita e il suo cuore avesse iniziato a battere per la prima volta. Inoltre, le è sempre piaciuto stringere Amy e starle vicino, e sentiva di poter uccidere chiunque le facesse del male. Ha sempre rifiutato di essere eccessivamente protettiva. In fondo, se si prendeva un momento per considerare i suoi sentimenti, trovava un granello di desiderio ogni volta che pensava alla sua bellissima amica. Non poteva ignorare il fatto che la trovava estremamente attraente, ma la possibilità non le era mai venuta in mente. Come mai? Si chiese. Perché non l'abbiamo mai considerata una possibilità tra di noi, pensò piano; non abbiamo mai dato questa possibilità.

Amy fissò il viso di Nick, osservando le emozioni travolgere i suoi bei lineamenti. Fin dal primo giorno, ha pensato che la sua compagna di stanza fosse una delle donne più attraenti che avesse mai visto. Questo era il motivo per cui all'inizio si chiedeva perché Nick non fosse mai uscito con qualcuno o non fosse uscito. Col tempo, ha appreso della sua massima dedizione e l'ha conosciuta a molti livelli più profondi. Perché non ci abbiamo mai pensato? Forse l'abbiamo fatto e semplicemente non si è registrato nella nostra coscienza. Siamo perfetti l'uno per l'altro, ma cosa significa? Cosa dice di noi?

"Julia mi ha detto delle cose questo pomeriggio che mi hanno fatto pensare." Amy ha detto alla fine.

"Più che altro ti ha fatto piangere. Cos'è successo?"

"Mi ha colto di sorpresa. Abbiamo parlato delle vacanze imminenti e una cosa tira l'altra e lei ha detto che tutti pensavano che avremmo trascorso le vacanze insieme perché pensavano che fossimo insieme... come... più che amici. " Concluse in silenzio, ancora un po' timida nel discutere l'argomento.

Nick fece un respiro profondo e lo rilasciò lentamente, scostando inconsapevolmente i capelli biondi dagli occhi di Amy. "L'hanno fatto, eh? Beh, non posso dire di biasimarli davvero."

Amy sembrò sorpresa per un momento, "Lo sapevi? Ci hai pensato anche tu? Perché non hai detto qualcosa?"

Nick alzò le mani in difesa, "No, no...non intendevo questo. Non ci ho mai nemmeno pensato, a dirti la verità, ma ora, a sentirlo da te, ha molto senso. Immagino che avrei pensato la stessa cosa se non fossi stato coinvolto in tutto questo".

Amy abbassò lo sguardo, "Sì, immagino tu abbia ragione. Allora, cosa facciamo adesso?" Ha praticamente supplicato in un piccolo sussurro.

Nick si strinse nelle spalle, "Tutto quello che vuoi. Se non sbaglio, questa è una novità per entrambi e ovviamente ti ha colpito duramente. Penso che abbiamo solo bisogno di un po' di tempo per riflettere sulle cose e vedere dove andiamo da lì ."

Amy annuì, "Sì, sembra un piano. Parleremo però, giusto?"

Nick sorrise amorevolmente, "Certo che lo faremo. Questo non cambia nulla per me. Si aggiunge solo a quello che ho già provato."

Amy rispose con un suo brillante sorriso: "Anche per me".

Amy si tirò su e si sedette sul bordo del letto. Nick si fermò di fronte a lei e la prese in un forte abbraccio. Amy appoggiò la testa sulla pancia piatta di Nick, stringendo con tutto il suo valore. Nick si chinò e posò un bacio gentile sulla sommità della testa di Amy prima di uscire dall'abbraccio e tornare nella sua parte della stanza. "Starai bene?" chiese dopo un momento.

"Sì, non preoccuparti." Disse Amy e riprese la sua posizione prona.

Trascorse una settimana con entrambi piuttosto occupati con documenti e materiale di classe. Entrambi continuavano a pensare al cambiamento degli eventi ea rimuginare sulle proprie possibilità. Le vacanze sembravano più vicine che mai e bisognava prendere delle decisioni. La loro relazione non ne aveva risentito ma la loro consueta intimità sembrava mancare. I loro tocchi sembravano essere più brevi e rari che mai, e il lavoro scolastico li allontanava sempre di più l'uno dall'altro, facendoli sentire molto soli anche quando erano entrambi nella stanza. I loro amici hanno subito notato il cambiamento ma nessuno ha detto una parola. Julia si stava ancora picchiando per aver incasinato la relazione dei suoi amici aprendo la sua grande bocca. Di conseguenza, ha cercato di stare alla larga dai due il più possibile. In generale, la situazione stava lentamente diventando insopportabile e sapevano che era ora di parlare.

"Penso che dobbiamo parlare." Amy lo disse a Nick, che era nella sua solita posizione davanti alla sua scrivania.

"Lo penso anch'io." Nick si alzò e andò dal lato della stanza di Amy. Invece di sedersi al suo solito posto sul letto di Amy, afferrò una sedia e la avvicinò.

Amy fece un respiro tremante e si morse il labbro inferiore. "Cosa ci è successo? Abbiamo detto che non sarebbe successo niente, che semmai sarebbe stato meglio. E guardaci adesso. Non possiamo nemmeno sederci insieme come una volta. Nell'ultima settimana, abbiamo parlato a malapena due parole l'un l'altro e ti ho visto a malapena. Questo è quello che temevo sarebbe successo. Ci stiamo allontanando e lo odio! Gridò Amy, lacrime perlacee che scorrevano lungo le sue guance.

Nick non avrebbe mai sopportato di vedere qualcuno piangere, specialmente la sua migliore amica. Scendendo dalla sedia, si avvicinò al letto e si sedette sul bordo, attirando Amy verso di sé. "Mi dispiace tanto. Sono un tale idiota. Nemmeno io avrei mai voluto che succedesse, ma le cose sembravano sfuggire di mano. Siamo stati entrambi impegnati questa settimana e per di più, ho avuto un momento difficile in un paio delle mie lezioni e avere tutti questi pensieri che mi attraversano la testa di sicuro non ha aiutato nulla ". Nick passò dolcemente le dita tra i capelli di Amy, sfiorandole la guancia sulla sommità della testa.

"Mi dispiace, è stato difficile e ci ha provato entrambi. Non sei un idiota, sono solo troppo sensibile."

Nick sbuffò: "Nah, tu?"

Amy si schiaffeggiò scherzosamente lo stomaco. "Quindi cosa facciamo?"

Nick si schiarì la gola pensieroso. "Beh, penso che sarebbe meglio se provassimo e se non funziona, vorrei che rimanessimo amici."

Amy la guardò, "Come è successo questa settimana?"

Nick fece una leggera smorfia, "Guarda Amy, ti amo, lo sai. Sei la mia amica di gilet e farei qualsiasi cosa per te, e questo è qualcosa che non cambierebbe mai, qualunque cosa accada. Voglio fare un tentativo tra di noi perché credo che qualcosa di così bello non capiti molto spesso, e non vorrei pentirmene per il resto della mia vita. Se questo non funziona, ti giuro che questa settimana non è stata un modello per lo scenario 'e se'. Farà male, ne sono sicuro, ma non cambierà mai il modo in cui mi sento per te."

"Penso che tu abbia ragione. Non voglio rimpiangere nulla di questo, di noi. Voglio provare a vedere cosa succede. Per una volta, vorrei lasciare le cose al destino e fare un passo indietro per godermi qualunque cosa mi fa strada".

Nick sorrise e dopo una breve pausa, abbassò la testa per baciare le dolci labbra di Amy. Il bacio iniziò dolcemente, esplorando dolcemente le labbra dell'altro. Ben presto, non fu abbastanza e il bacio divenne più profondo; un movimento di lingue che cercano sensualmente il calore dell'altro. Si accarezzarono per qualche minuto, deliziandosi della dolce tortura che era il loro bacio. E poi, si sono separati. Cercando di riprendere fiato, si guardarono in silenzio.

"Vuoi uscire con me?" Chiese dolcemente Nick.

Amy si morse il labbro inferiore, assaporando ancora il sapore unico di Nick, "Come ad un appuntamento?"

Nick sorrise: "Sì, pantaloni intelligenti, come ad un appuntamento."

"Hmm... fammi pensare." Fece finta di pensare per un momento, ma poi iniziò a ridacchiare in modo incontrollabile quando Nick le saltò addosso e iniziò a farle il solletico. "Va bene, va bene, esco con te... ti prego... smettila... Oddio... vado a fare pipì... smettila..."

Era venerdì sera e le ragazze si stavano preparando per il loro primo appuntamento. Nessuno dei due voleva essere visto dall'altro, così si nascosero tutto il giorno, ciascuno dalla sua parte della stanza, separati da una tenda che fu montata come divisorio. Alle 20 in punto, erano entrambi pronti e ansiosi. Nick uscì dalla sua stanza, vestito con blue jeans attillati e un maglione blu che abbracciava le sue curve nei punti giusti. Rimase sbalordita per un secondo quando i suoi occhi catturarono Amy. Amy indossava una camicetta bianca con un paio di pantaloni chino beige e décolleté dorate. I suoi capelli erano raccolti permettendo ad alcune ciocche di arricciarsi attorno al suo viso. "Sei stupendo." disse infine Nick, trovando la sua voce.

Amy arrossì, "Grazie, anche tu."

"Andiamo, Milady?" Nick fece un inchino e le aprì la porta.

Hanno cenato in un tranquillo ristorante sulla spiaggia, poi sono andati a vedere l'ultimo spettacolo al cinema. Era mezzanotte passata quando tornarono. Nick aprì la porta della loro stanza e permise ad Amy di entrare per prima. In piedi con le spalle alla porta chiusa, Nick sorrise. "Grazie per la bella serata. Mi sono divertito molto."

Amy sorrise di rimando: "Anche a me. Ti va di entrare?" chiese scherzosamente.

Nick ridacchiò. "Certo, non importa se lo faccio."

Togliendosi le giacche, Amy andò a sedersi sul letto e Nick le afferrò la sedia. Si guardarono per qualche istante, entrambi rimasero in silenzio. C'era una sorta di tensione nell'aria che per loro era inspiegabile. L'avevano fatto un milione di volte eppure non si era mai nemmeno avvicinato.

Nick finalmente ruppe il silenzio. "Sei davvero mozzafiato stasera, anche più del solito. Sono contento che abbiamo deciso di farlo."

"Grazie. Sono contento che abbiamo deciso di fare anche questo. Di gran lunga, è stato il miglior appuntamento che abbia mai avuto."

Si sorrisero e Nick non riuscì a trattenersi, chinandosi in avanti e catturando le morbide labbra di Amy con le proprie. Il bacio divenne sempre più acceso, mentre le loro lingue chiedevano l'ingresso in territori proibiti non molto tempo fa. Qualcuno gemette, ma nessuno dei due era abbastanza curioso da fermarsi a indagare. Prima che sapessero cosa stava succedendo, Nick aveva Amy sulla schiena, accarezzando ogni centimetro di pelle esposta mentre cercava di scoprire di più. Nick fece scorrere i suoi caldi baci sulla gola tesa di Amy, leccando una goccia di sudore che si stava formando. Le sue mani cercavano alacremente di slacciare i bottoni della sua camicetta, le sue labbra presto le raggiunsero qualcosa di più di una seducente scollatura. Quando la sua lingua toccò il bordo del seno di Amy, Amy sussultò e si tirò indietro. "Aspetta, aspetta, per favore..."

Nick indietreggiò immediatamente, interrompendo le sue cure, ma mantenendo la sua posizione in cima. Respiravano entrambi a fatica e le parole uscivano con difficoltà. "Mi dispiace, mi dispiace tanto. Ti ho fatto male?"

Amy scosse la testa, "No, sono solo... sono solo un po' nervosa."

Nick scostò i capelli dalla fronte di Amy, "Mi dispiace per averti spaventata. Vuoi smetterla?" Nick non voleva smettere ma lei avrebbe fatto qualsiasi cosa Amy le avesse chiesto, anche se questo avesse incluso il dolore fisico da parte sua.

Deglutendo, Amy disse: "No, non voglio fermarmi. Andiamo piano, okay?"

Nick sorrise e le baciò la fronte luccicante, "Certo, piccola."

Tutto sembrava venire loro così naturale; era quasi come se l'avessero fatto mille volte. Le carezze continuarono con un ritmo più lento e questa volta Nick attese i segnali di Amy, permettendole di abituarsi alle nuove esperienze. Non si è avventurata in avanti fino a quando non è stata sicura che fosse esattamente come lo voleva Amy. I loro vestiti furono presto sparsi sul pavimento attorno al letto mentre giacevano insieme, pelle contro pelle, toccando e assaporando ogni parte del corpo dell'altro. Amy allargò le gambe per accogliere il corpo di Nick e gemette quando il suo nucleo incontrò la sua coscia setosa. Lentamente, sensualmente, iniziarono a muoversi in sincronia, dondolandosi l'una contro l'altra nell'antica danza. Il sudore faceva scivolare i loro corpi con facilità, l'attrito faceva salire un grande calore e li avvolgeva. Gli unici suoni nella stanza erano il respiro affannoso e l'occasionale gemito sensuale. Nick si sollevò sull'avambraccio, infilando di soppiatto la mano tra i loro corpi ondeggianti. Amy si afferrò i bicipiti quando la mano di Nick entrò in contatto. Quando ha scavato nel calore, Amy non è riuscita a trattenere un profondo gemito che cercava di scappare. Her nails dug into Nick's muscles when her thrusts became too intense. Raising her knee to make contact with Nick's center, they rocked against each other in a continued momentum. The pleasure was almost too great for them to hold. Amy's moans grew louder in pitch as Nick strained harder against her body. The bed shook with the strength of their thrusts. Finally, they fell over the precipice together; Amy arching her neck and biting into the skin of Nick's shoulder, and Nick groaning with pleasure and pain.

The room was silent again as they tried to catch their breaths, reveling in the sweet afterglow. Nick covered Amy's smaller body almost completely, and fearing she might be suffocating the girl, she rolled to the side. Leaning over, she placed a gentle kiss on her brow, then on her temple, and finally on her lips, until Amy opened her eyes. Amy licked her lips with the tip of her tongue, causing a shiver to run through Nick's frame. "That was...incredible."

"Yes, yes it was. You're incredible." Nick added. "You don't regret this, do you? Or think that it was a mistake?"

Amy shook her head slowly, still trying to snap out of her dreamy state, "Not one bit. If there is something I regret, it's not doing this beforehand."

Nick chuckled and pulled Amy's naked body closer. Nick's eyes fell shut and she was half asleep by the time Amy spoke her next words.

"You know, I don't usually do this...have sex on the first date. I hope you don't think I'm easy." Amy admonished jokingly, half asleep herself.

Nick's lips turned up into a lopsided smirk, "Don't worry, baby, I'll still respect you in the morning." She chuckled when her side was pinched. Kissing the still damp forehead once more, she pulled Amy's pliant body on top of her and they fell into a deep, contended sleep.

Storie simili

Una fantastica vacanza

Cosa fa una donna di circa 30 anni divorziata di recente quando il suo posto di lavoro ha una vacanza di 2 settimane? Beh, vai in vacanza, naturalmente. Il mio ex marito era una persona controllante, aveva bisogno di fare le cose a modo suo nel suo programma. Ma mi aveva fatto sentire a mio agio, immagino che stare con qualcuno dai 20 ai 30 anni lo faccia. Ma sono contento che quel capitolo della mia vita sia finito. Ho potuto vedere i segni un paio di anni fa e penso che inconsciamente volevo comunque uscire dal matrimonio. Ma è stata...

1.1K I più visti

Likes 0

Macinazione Nella Sabbia

Sono sdraiato sulla spiaggia a prendere il sole. La giornata non poteva andare meglio. Ero a migliaia di miglia dal lavoro, dal traffico dell'ora di punta, da chiunque conoscessi e non avevo niente in programma. Mentre guardavo le onde rotolare e tornare indietro, ho iniziato a pensare alla vita notturna qui. Non riesco a sedermi molto bene sulla spiaggia tutto il tempo. Voglio dire, l'ho adorato, ma avevo bisogno di farmi pompare il sangue. Un po' di eccitazione! Sono passato dalla reception del resort in cui alloggiavo e ho chiesto cosa facevano per passare il loro tempo. Non volevo andare in...

828 I più visti

Likes 0

Aiuto voluto parte 7

Mi chiedevo se avessi imparato la lezione mentre tornavamo a casa. Non solo, ho iniziato a calcolare quanto è costata la mia stupida avventura con Caitlyn. Tra il suo vestito, le scarpe e la roba, i miei vestiti nuovi, la cena e la mancia, il biglietto del taxi per cui le ho dato i soldi, e la benzina; doveva essere vicino a nove fatture. Inoltre la frikkin' pneumatico doveva essere riparato. Ho guardato Caitlyn. Stava dormendo. C'è stato qualcosa di positivo che è emerso da tutta questa disavventura? La sua figa è stata rasata. Ma stasera non vedrei niente di tutto...

1.1K I più visti

Likes 0

Il giorno più bello

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio di come l'avrei mai potuto immaginare. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se voleva che usassi i soldi che avevo vinto nella partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto concedermi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa luccicante che si librava a pochi centimetri dalla mia faccia. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua figa era...

843 I più visti

Likes 0

Nome di morte 3

Nome della morte 3 Se non leggi in sequenza potresti perderti La sveglia del cellulare mi ha svegliato alle 22:00. Odiavo il turno di notte, ma dovevo essere Rick per qualche giorno in più o fino a quando non riuscivo a trovare un piano migliore. Doccia e rasato e si è vestito prima ancora che Lisa sapesse che ero alzata. Stava sbrigando le scartoffie e guardando la tv. Maledizione delle mogli domestiche disperate, odiavo quello spettacolo. Per favore, stai attento stasera. Penso che ti saresti preso un'altra notte libera. Lei disse. Guardandomi caricare la cintura. Si alzò e si avvicinò a...

758 I più visti

Likes 0

Aggiornamento in ritardo- J è ancora premuroso!

Bel titolo? Ho pensato che fosse divertente, ma il mio stile di umorismo non è di altissimo livello, quindi divago. Mi siete mancati tutti, miei fedeli lettori. Vedere tutti i tuoi commenti sul non voler vedere la fine dell'ira di Gaia mi riempie il cuore di calore e gioia, quindi grazie per questo. Ora mettiamoci al lavoro....... Sono vivo! Prometto che non sono uno zombi, quindi non preoccuparti, ho appena trascorso un mese in purgatorio, ma ora che sono tornato, ho alcune cose di cui devo scriverti, miei fedeli lettori. Innanzitutto perché è ciò per cui siete qui tutti, l'ira di...

622 I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

572 I più visti

Likes 0

Lo spettacolo via webcam di Tasha

La trasmissione sexy della webcam della diciottenne Tasha viene interrotta dall'animale domestico di famiglia. Sono Tasha, ma tutti mi chiamano Ta-Ta. A causa dei miei seni al cioccolato 38 C. Ho 18 anni e sono piccola, alta 5'6 pollici, 115 libbre di cioccolato fondente. Faccio un taglio di capelli corto alla Halle Berry. Con un fondoschiena di mela che farebbe dire a J-Lo Dannazione Vivo ancora con i miei genitori e il mio stupido fratellino quindicenne Calvin Jr (soprannominato C.J) Inoltre, abbiamo un pitbull di 3 anni di nome Bullet. Di chi mi fissa costantemente con quei penetranti occhi azzurri, mentre...

1.2K I più visti

Likes 0

Fare da babysitter con Tara pt.2

Quindi, eccomi qui, in piedi nella stanza della mia migliore amica, il mio cazzo semiduro ancora nella sua mano, un po' del mio sperma ancora sulle sue labbra e sulla sua lingua. Mi sentivo come se la mia stessa forza vitale si fosse trasformata in sperma e fosse stata risucchiata fuori dal mio cazzo tutto in una volta. Eppure, volevo di più. Mi aveva appena fatto il pompino più incredibile della mia vita e ora volevo ricambiare il favore. Si distese sul letto, scivolando fuori dalle sue mutandine che erano già impregnate di anticipazione, dandomi la prima visione completa di lei...

1.1K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.