Madeliene è solo deserti

216Report
Madeliene è solo deserti

Correndo verso la sua macchina con un vestito nero attillato e tacchi alti con cinturino alla caviglia, Madeliene non si accorse dell'uomo in piedi nell'ombra finché non si schiarì la voce.
Voltandosi per affrontarlo, vide un uomo alto e muscoloso in pantaloni neri, maglietta e berretto da baseball. Prima che possa reagire, c'è uno scoppio del dispositivo nella sua mano e il suo mondo esplode mentre i dardi del taser la colpiscono nelle costole, erogando 10,00 volt.
Crolla sul pavimento del garage, contorcendosi ma incapace di muovere un muscolo da sola. L'uomo la gira rapidamente e le ammanetta le mani dietro la schiena. Poi le infila un bavaglio a palla in bocca e lo chiude saldamente.
In meno di due minuti Madeliene è al sicuro nel bagagliaio dell'auto dell'uomo e stanno uscendo dal [parcheggio. Venti minuti dopo sfonda le porte della baia di una segheria abbandonata fuori città, vicino al fiume.
Aprendo il baule vide che il suo giocattolo si era ripreso dal taser e si contorceva, la afferrò e la tirò fuori dal baule scalciando e dimenandola per sbatterla piegata su un grande banco da lavoro in legno al centro della stanza, guidando l'aria dai suoi polmoni.
Prima che potesse resistere ulteriormente, le aveva bloccato la caviglia destra in un polsino attaccato a una gamba del tavolo. Cerca di calciare l'altro piede per tenerlo libero, ma è inutile e presto quella caviglia viene ammanettata alla gamba opposta del tavolo, allungando le gambe a 3 piedi di distanza.
Quindi ha attaccato le manette a un gancio appeso a una puleggia su una trave sopraelevata e le ha tirato su le braccia dolorosamente. Con lei completamente immobilizzata, Leroy decise di divertirsi un po' prima di mettersi al lavoro.
Afferrando la schiena scollata del vestito di Madeliene, lo aprì, scoprendo il suo sedere pieno, rotondo e nudo. Aprendo la sua patta ha ritirato il suo cazzo duro come una roccia da 9 pollici e improvvisamente lo ha guidato fino all'elsa su per la sua piccola fica stretta con una spinta brutale.
Madeliene grugnì e strillò mentre la punizione del suo rapitore la scopava a lungo e duramente, poi lui tirò fuori e guidò la sua corona simile a una prugna verso il suo bocciolo di rosa increspato. Si strinse più forte che poteva, ma lui mantenne una pressione costante contro il suo ano fino a quando il suo muscolo non cedette e si allungò lasciandolo penetrare nel suo retto.
Con forti spinte si fece strada su per il culo fino all'elsa e si riposò per un momento mentre si chinava e le sussurrava all'orecchio "Sei una ragazza molto cattiva e stanotte tingerai una morte orribilmente dolorosa per questo, cagna" tirando fuori per la maggior parte del tempo, spinse dentro forte, ancora e ancora fino a raggiungere l'orgasmo, riempiendo le sue viscere abusate con il suo denso sperma.
Dopo aver tirato fuori, ha sostituito il suo cazzo nel suo culo con un vibratore di plastica dura lungo 10 pollici e spesso 3 pollici tempestato di piccole protuberanze affilate che le graffiavano e graffiavano il rivestimento rettale. facendo un passo indietro, Leroy raccolse una pagaia di legno con dozzine di piccoli fori nell'estremità degli affari e la fece oscillare contro il suo culo esposto come un battitore che cerca di un fuoricampo.
"MACCHIA!"
il legno schiaffeggiò contro le sue guance carnose, facendole diventare di un rosso brillante con un piccolo guardolo rotondo dove si trovava il buco.
"SMACK, SMACK, SMACK, SMACK, SMACK, SMACK, SMACK, SMACK, SMACK!"
Le batté la groppa fino a farla diventare nera, blu e rossa. Poi mise da parte la pagaia e raccolse un fustigatore perizoma di cuoio che fece oscillare tra le sue cosce più e più volte. Presto il suo cumulo di figa era rosso e striato di lividi gonfi.
Pronto a lavorare sulla sua parte anteriore per un po', ha sbloccato le manette e l'ha spinta all'indietro, lei è atterrata sul culo e lui l'ha rapidamente costretta a tornare indietro e ha tirato i polsi verso le manette incastonate nel pavimento a quattro piedi di distanza. Ora stesa l'aquila sul pavimento, Madeliene guardò con orrore mentre l'uomo rotolava su un braciere di carboni ardenti e inserisce un'asta di ferro lunga 2 piedi.
Tornando dalla sua vittima con un vassoio, si è messo a cavalcioni sui suoi fianchi provocandole il dolore nel culo e nella fica divampare. Afferrandole il seno destro con una mano, alzò in vista una grande siringa. Mentre Madeliene scuoteva follemente la testa avanti e indietro, lui allineò l'ago con il capezzolo, lo spinse in profondità nel tessuto mammario e premette lo stantuffo, riempiendo la sua tetta con perossido di idrogeno puro al 100%.
Madeliene si è tirata indietro e ha urlato attraverso il bavaglio mentre la sua tetta bruciava dall'interno. Leroy sorrise, guardando il suo seno gonfiarsi e diventare rosso ustionato. Improvvisamente un sottile flusso di sangue schiumoso schizzò dal foro dell'ago e il tessuto mammario iniziò a scurirsi con uno scolorimento fuso.
Dopo che la reazione chimica è rallentata e alla fine si è fermata, Leroy ha preso un'altra siringa e le ha afferrato l'altra tetta. Guidando l'ago in profondità ha chiesto "sei pronta, cagna?" Madeliene cercò di implorare, con le lacrime che le scorrevano dagli occhi, ma Leroy sorrise e premette lo stantuffo, distruggendo l'altro seno.
Mentre la lasciava riposare un minuto, Leroy spostò il paranco lungo la trave sopraelevata proprio sopra di lei e attaccò un paio di cappi per cavi d'acciaio da 1/8” al gancio. Abbassando l'argano, si mise di nuovo a cavalcioni su di lei e questa volta sistemò ciascun cappio attorno alla base dei suoi seni gonfi, neri e blu, stringendoli saldamente. Si alzò e iniziò a tirare il gancio e i cavi sempre più in alto fino a quando la sua schiena non fu inarcata dal pavimento e le sue tette erano un paio di palle viola e sporgenti attaccate a malapena al suo petto da masse di tessuto spesse 2 pollici.
Estraendo la bacchetta di ferro rovente dai carboni si avvicinò e gli spinse la punta proprio attraverso un lato della carne del petto ben tesa, appena dietro i cappi e fuori dall'altro. Madeliene si contrasse così forte che le sue tette si strapparono via e la sua schiena sbatté a terra mentre la canna fumante rimbalzava contro le sue costole ancora trafitte attraverso la pelle del suo petto.
Quando Madeliene ha ripreso conoscenza si è ritrovata supina attraverso il tavolo da lavoro con i polsi ammanettati agli angoli da un lato le braccia della barella dritte dalle spalle con la testa su uno sgabello da bar da un lato e le gambe tese in spaccate lungo l'altro bordo, con le caviglie ammanettate anche agli angoli.
Non riusciva a vedere cosa stesse facendo il suo rapitore, ma di certo lo ha sentito quando ha premuto un tubo di diametro di 2 pollici con un rasoio attorno al suo ano e ha spinto forte, liberando il buco del culo dal tessuto circostante. Con la semplice pressione di un interruttore accese l'aspiratore da 20 amp collegato al tubo.
Con orribili, osceni rigurgiti e gorgoglii, gli intestini di Madeliene furono risucchiati fuori dal suo corpo. Quando chiuse l'aspirapolvere e tirò fuori il tubo, c'era un filo di viscere raggrinzito che usciva dal buco in cui il suo buco del culo era stato nel tubo del vuoto. Con una lama a forma di mezzaluna nel palmo, spinse il gomito della mano in profondità nel suo buco posteriore e aprì l'intestino dove si collegava al suo stomaco ormai vuoto.
Quindi ha proceduto a riempire la sua cavità scavata con ripieno di fornelli, verdure tagliate e condimenti. Quando la sua pancia si gonfiava come se fosse incinta di 9 mesi, ha usato dello spago da cucina e un ago uncinato per cucirle il buco posteriore.
Producendo un catetere urinario, Leroy ha lubrificato la punta con salsa di peperoncino e l'ha forzata nel buco della pipì nella vescica. Prima le ha prosciugato la vescica, poi ha attaccato una bottiglia di vino rosso e l'ha appesa a testa in giù lasciando che il vino la riempisse quasi fino a scoppiare. con una mano estrasse il tubo del catetere mentre conficcava una grossa punta di viti di legno nel suo foro sgorgante per la pipì e lo avvitava saldamente. Raccogliendo uno spiedo da barbecue lungo 7 piedi e spesso 2 pollici, lo guidò nel suo buco della fica devastato e lo spinse fino alla cervice.
"ecco che arriva la tua ultima fica da corsa, presto sarai solo carne su un bastone." Le disse mentre le strappava la cervice, l'utero, il diaframma e le spingeva la punta tra i polmoni e attraverso la parte posteriore della gola soffocando e gorgogliando Madeliene sentì l'asta scivolarle su per la gola e spaccare il bavaglio dalla bocca in uno spruzzo di sangue. Poteva vedere il punto sanguinante dello sputo che si estendeva per 2 piedi oltre il suo stesso naso.
Leroy fece scivolare una staffa ad anello con due spiedini da 8 pollici ai piedi dello spiedo, liberò le gambe e impalò i polpacci sulle punte acuminate prima di legare le caviglie con altro spago da cucina. Spostandosi all'altra estremità prima che Madeliene potesse soffocare, prese un coltello e le fece un buco alla base della gola in cui incastrò un tubo di nylon ignifugo in modo che potesse ancora respirare.
Rilasciandole le braccia, aggiunse una seconda staffa ad anello, le impalò gli avambracci e legò insieme anche i polsi. Sollevandola, la portò in quella che era stata la fossa di un meccanico ma ora era piena di carbone imbevuto di gas. Fissò le estremità dello spiedo tra parentesi alle due estremità e attaccò un ingranaggio al piede dello spiedo che poi attaccò a una trasmissione a catena e accese, a bassa potenza.
Madeliene iniziò a ruotare lentamente, il suo peso le tirava le viscere provocando un dolore lancinante che non era niente in confronto a quello che sentiva mentre lanciava una scatola di fiammiferi accesa nella fossa. Il gas creò un lampo di calore che bruciò istantaneamente tutto il suo corpo e accese i carboni in un fuoco allegramente ardente. Leroy bevve una birra e osservò Madeliene cucinare come il lungo maiale che era nata per essere.
Le ultime cose che ha scoperto prima di scivolare via sono state la sensazione di una spazzola da barbecue che la imbastiva e l'odore di qualcosa di delizioso che cucinava.
La fine di Madeliene.

the_Butcher© [email protected]

Storie simili

Lo Studio xxx

Arthur era il proprietario di 20 anni di uno studio porno, sua madre Sonia era attualmente a carponi leccando la figa della sua ragazza di 19 anni Betty Rogers, amava girare film lesbici ed era il suo più grande produttore di soldi. Anche Arthur aveva un segreto: era un maestro ipnotizzatore. Quindi sia sua madre Sonia che la sua ragazza Betty erano sotto il controllo mentale (suo). La mamma ora era un'esperta lecca fica, quando è stata ipnotizzata 3 mesi fa ha dovuto essere addestrata, da allora è apparsa in oltre 15 film lez, inclusa una coppia in cui recitava con...

1.1K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

940 I più visti

Likes 0

L'ascesa e la caduta di un ragazzo chiamato Rave parte 6

Affrontare la frustrazione sessuale Avevo 13 anni e mi odiavo ma non odiavo la mia vita. Avevo una ragazza che mi amava, la rispettata della mia banda, la paura dei miei nemici e più soldi di quanti ne avessi mai visti. Erano passati più di sei mesi da quando avevo conosciuto la vera fame, avevo un gruppo di amici che sarebbero andati al muro per me, avrei potuto fare sesso con una dozzina di ragazze diverse se avessi voluto, e non vivevo più nella paura i miei impulsi violenti potevo assecondare alcuni e ora potevo reprimere gli altri. Tutta questa nuova...

1.6K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

934 I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

906 I più visti

Likes 0

Una lezione per Liz

Capitolo 1 Sam e sua sorella minore Liz si sono incontrati per un caffè un pomeriggio di quest'estate. Sam e Liz non erano mai stati molto legati, soprattutto perché Sam aveva 11 anni in più di sua sorella minore Elizabeth o Liz, come le piaceva essere chiamata. Non si vedevano da un paio di mesi eppure vivevano nella stessa città. Sam era il tipo che ha lasciato che la sua carriera guidasse la sua vita e non si era mai sposato o si era sistemato davvero. Avrebbe avuto una ragazza occasionale, ma non ne è mai venuto fuori nulla e gli...

1.1K I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

1.4K I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

1.1K I più visti

Likes 0

ISTRUZIONE UNIVERSITARIA

Ho appena trovato questo sito l'altro giorno e finora lo adoro. Vorrei raccontarvi della mia prima volta con l'uomo sul sesso maschile, ma prima voglio parlarvi di me e di come sono arrivato al punto di fare sesso con un uomo. Sono un uomo di 53 anni divorziato da 30 anni. Vivo in una città che ha un college statale e possiedo un'azienda di autotrasporti. ma è successo tutto quando avevo 30 anni. Ero a Los Angeles a scaricare il mio camion e mentre lo scaricavano stavo pranzando dal carro del pranzo, dopo aver mangiato stavo buttando via la spazzatura e...

912 I più visti

Likes 0

James e Sarah in The Booth

Ha scansionato la stanza... Aveva passato le ultime due ore a fare proprio questo. Voleva essere sicuro di aver scelto la ragazza giusta e ora poteva vederla. Ironia della sorte, era la prima ragazza che vedeva mentre entrava nel club. Sorrise al pensiero del tempo perso. Era sbalorditiva. I suoi lunghi dreadlock biondi le cadevano lungo la schiena, oscurando parzialmente un tatuaggio splendidamente disegnato di un drago che riempiva la tela bianca pallida che adornava. I suoi seni impertinenti erano coperti solo da un reggiseno di pizzo nero, mentre il monticello del suo culo perfettamente rotondo era nascosto sotto una gonna...

939 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.