Apparecchiare la prima tavola

212Report
Apparecchiare la prima tavola

Apparecchiare la prima tavola



Darien Kingford sollevò la maniglia del telefono, premendo il pulsante lampeggiante della sua linea privata. L'ID chiamante mostrava un numero che non riconosceva. “Sì, ciao,” disse, quasi con un morso nella voce.

«Salve, signor Kingford», salutò una ragazza. "Bello parlare con te. Spero ti ricordi di me? Sono la ragazza il cui papà mi ha affittato a te tre settimane fa, e ti ho succhiato il cazzo e ingoiato tutto il tuo sperma. Hai detto che volevi stare di nuovo con me, quindi eccomi qui. Come sei stato?"

"Di che diavolo stai parlando?"

“Vuoi che ti mandi il video che ha fatto mio padre, per rinfrescarti la memoria? Magari con copie a tua moglie e al procuratore distrettuale? Mi è piaciuto prendere tutto il tuo sperma, ma altre persone importanti non ne saranno felici come lo sono ancora io. Hai davvero un buon sapore".

Kingford respinse il panico. Se avesse sbagliato e in qualche modo avesse perso cinquanta milioni di dollari della sua azienda, avrebbe potuto comunque scappare con un pacchetto pensionistico garantito a nove cifre. La prova che ha fatto sesso con una ragazza minorenne avrebbe distrutto tutto per sempre; nessuna somma di denaro potrebbe salvarlo. "Supponendo che sia vero", ha combattuto, distorcendo significati e idee come è il suo forte, "cosa vuoi dalle tue bugie?"

«Qui sta il problema», disse il giovane interlocutore, «come disse Shakespeare. Hai detto che volevi farmi piacere se c'è una prossima volta, e ti sto offrendo quella "prossima volta". Ma sono bloccato a indossare una cintura d'acciaio che ti tiene lontano dalla mia figa. Conosco l'azienda che produce la serratura e la serie. Se riesci a prendere una chiave maestra, più duemila dollari, possiamo scopare tutto il giorno finché mio padre non torna a casa. Tengo la chiave e ovviamente i contanti. Più tutto lo sperma che posso ottenere da te. Ricevi il disco quando te ne vai.

“Non faccio ricatti”.

“Questo non è un ricatto. Voglio semplicemente di nuovo il tuo cazzo, ma ho bisogno del tuo aiuto per giocare di più e meglio. Se non ti interessa, vado altrove. Ma, davvero, un uomo come te vorrebbe perdere perché hai licenziato categoricamente un undicenne che ti vuole?

«Dammi i dettagli», sospirò Kingford dopo una pausa prolungata, la penna in mano.

******

Gina riattaccò e si strinse le braccia intorno. Tremava dappertutto, sia per la violenta fame sessuale che per aver fatto la sua chiamata. Gina sapeva il futuro che avrebbe potuto avere, come ha mostrato papà senza rendersi conto di cosa aveva fatto. Ma questo primo passo è stato difficile. Forse tutto da seguire sarebbe più facile.

“Stupido idiota papà,” ringhiò la ragazza mentre tornava alle sue faccende. "Non avresti mai dovuto lasciarmi Internet."

Papà era stato ulteriormente negligente, a lasciare la sua telecamera spia nascosta sullo scaffale quando sapeva che Gina puliva la casa a fondo come le era stato richiesto. La scoperta di quella piccola cosa dimenticata era inevitabile e rintracciare i fili nascosti fino al computer "di famiglia" non richiedeva la scienza missilistica. Papà aveva accuratamente bloccato siti Web come chat room, connessioni di amici e porno, quindi Gina non poteva stare seduta a farsi agitare. Inoltre non voleva il rischio che lei potesse dire di essere il suo giocattolo sessuale preadolescente. Ma Daddy-dumbfuck non ha password i suoi file personali, inclusi i video segreti di ciò che ha fatto fare a Gina con il signor Kingford e la sua stessa fidanzata puttana Toni Ann. Papà era stato pigro, preferendo guardare gli episodi dopo mezzanotte senza il "fastidio" di inserire codici per aprirli. E, inoltre, Gina ha trovato più dei suoi nodi domestici. Un giorno avrebbe usato tutto questo a suo vantaggio, così come altre cose che aveva imparato dall'inizio della loro vita sessuale l'anno scorso, quando Gina aveva dieci anni.

"Stupido idiota", ridacchiò Gina. Ovviamente papà non ha pianificato il ricatto; aveva una serie troppo onesta per quello. Ma sembrava un altro tradimento che avrebbe guardato il suo porno fatto in casa e si sarebbe masturbato; Gina scese di soppiatto al piano di sotto una notte e lo vide in azione. Alla fine, papà non aveva bisogno di battere. Aveva Gina e anche la sua fidanzata puttana che, negli ultimi tempi, sembrava stesse scopando più del suo leale e volenteroso giocattolo. Niente sembrava a posto con tutto questo, quando anche Gina aveva bisogno dei suoi orgasmi.

Buono per Gina che papà avesse, nonostante i recenti lapsus, un'ossessione generale e meticolosa per i dettagli e la protezione personale. Per il backup, teneva un'agenda giornaliera diversa dal computer. Quindi Gina doveva solo trovarlo.

Cinque giorni dopo i suoi incontri forzati con il signor Kingford e Toni Ann, Gina ha trovato il libro mastro nascosto all'interno di una scorta fatta per sembrare un libro, una di quelle cose che le case di vendita per corrispondenza a buon mercato vendono a $ 9,99, più tasse e spese di spedizione. Papà era sempre stato un avido lettore, ma il titolo "Breaths of Summer" non si adattava alla sua collezione. In nessun modo avrebbe un libro intitolato come una raccolta di sdolcinate poesie d'amore hippy.

Una voce nell'agenda che cattura l'avviso speciale di Gina sarebbe indecifrabile per qualcuno che non conosceva suo padre e come usava il proprio sistema di abbreviazione. Insegnò a Gina come fare anche questo: un avanzo dei suoi giorni al college in cui codificava i suoi appunti di classe in modo che, se potevano essere rubati, nessun pigro compagno di classe avrebbe potuto dare un senso al suo scrupoloso lavoro. Non c'è da stupirsi che il bastardo traditore si sia laureato con lode.

Così Gina apprese dall'agenda di papà il nome e il numero privato del ricco sconosciuto che aveva succhiato. Una ricerca in rete di Who's Who ha fornito ulteriori dettagli su Mr. Kingford e una fotografia di conferma. Voleva stare di nuovo con lei, disse quella sera, e aveva soldi da bruciare. Ma la dannata cintura di castità che Gina doveva indossare rappresentava un grosso problema.

Avendo un altro germoglio di intuizione, Gina ha gocciolato la cera di candela calda su un foglio di carta in uno spesso strato. Quando divenne appiccicoso, lo premette alla base del lucchetto tenendo ferma la cintura crudele. Con sua soddisfazione, ha ottenuto il numero della serie di lucchetti impresso nella cera. Girandosi con uno specchio a mano davanti a quello in piedi nella sua stanza, vide il nome del produttore inciso sul corpo della serratura. Il giorno successivo, ha ripetuto il suo trucco con la cera per essere sicura di avere il numero di serie giusto la prima volta; leggere le immagini negative, con tutto al contrario, era complicato.

Poi sono arrivate due settimane di nervi per fare la sua chiamata. Se qualcuno poteva entrare in possesso di una chiave maestra per liberarla, Kingford doveva essere quello giusto. Poi potrebbe averlo per intero, per godersi il suo cazzo enorme e infilare segretamente duemila dollari. Gina ha anche deciso di addolcire di più l'affare, di addebitare mille colpi dopo la loro prima esuberante volta insieme. Temeva che lui volesse scoparle il culo con la sua asta troppo grande, quindi avrebbe scoraggiato quel sicuro rischio di dolore e possibili lesioni facendo pagare cinquemila in più per quella parte di lei. Ma sarebbe un enorme "oh-merda" se fosse disposto a pagare.

Gina decise di non preoccuparsene, perché Kingford potrebbe non rispondere affatto con favore. Era stato a lungo un uomo influente, qualcuno da non prendere alla leggera. Solo il tempo direbbe se Gina potesse far dispetto a papà e godersi segretamente un cazzo così grosso in tutta la sua invitante gloria.

******

Kingford si fermò sul marciapiede oltre la casa dove ha passato un'ora una notte, un mese fa. La sua macchina, una Hyundai noleggiata di tutte le cose umilianti, non sarebbe fuori posto in un quartiere come questo. Un abito ampio fuori dagli schemi, con una camicia e una cravatta di serie, non è stato all'altezza dei suoi decenni come capo di una società e capitano dell'industria. La valigetta vuota, un oggetto di scena ricoperto di vinile e non di pelle italiana come normalmente portava, sembrava un peso per il suo rispetto di sé. Ma doveva apparire comune e mediocre, innocuo. Kingford si sentiva quasi nudo senza tutti i suoi anelli tempestati di gemme che mostravano anche il suo successo nella vita. Per quel giorno indossava solo una fede nuziale da quattordici carati comprata a un banco dei pegni per cinquanta dollari, e un orologio Timex.

Prima di salire i gradini del campanello, Kingford si guardò intorno per assicurarsi che nessun vicino ficcanaso sbirciasse da dietro le tende chiuse.

******

"Benvenuto, signor Kingford!" salutò Gina, facendosi da parte. Indossava una vestaglia di raso rosa che scendeva a metà coscia. "Per favore, entri, signore."

Kingford entrò e la ragazza chiuse la porta, che conduceva in cucina. Si appoggiò con una mano al tavolo da pranzo, l'altra appoggiata sui fianchi piegati. Gina aveva legato i suoi capelli biondi ricci lunghi fino alla vita in una coda di cavallo da un lato come la prima notte, e il colletto d'acciaio che le avvolgeva il collo brillava alla luce del sole di metà mattina che brillava attraverso la finestra panoramica.

«Posso offrirle un caffè, signore? Non ci sono telecamere o altri registratori. Puoi guardare."

"Facciamo finire queste sciocchezze", scattò Kingford dopo aver perquisito la cucina come potrebbe fare l'agente più paranoico della CIA. Data la sua posizione, probabilmente sapeva molto su come trovare e sconfiggere gli strumenti nascosti dello spionaggio aziendale. “Vuoi soldi, quindi ho quello che chiedi. Prendo il disco".

"Anche tu hai la chiave?" chiese Gina.

"Sì."

"Mostramelo per piacere?"

Kingford posò la chiave e una busta sul tavolo. "Devi odiare quella cosa", ha osservato.

"Rende la vita difficile, sì", confermò Gina con un sorriso. “Ma mi aiuta a rimanere eccitato come il colletto. Mi piace essere una donna mantenuta".

"Come fai a fare pipì indossando quell'aggeggio?"

“Una grata mi lascia andare senza fare casino. Poi schizzo acqua dentro da una bottiglia di lavaggio da laboratorio per pulirmi”.

“Mi sembra un'eccessiva creatività. Normalmente licenzio le persone che complicano inutilmente ciò che è meglio lasciare semplice e basilare. Sprecano troppo tempo e denaro”.

Sorridendo, Gina contò i soldi prima di provare la chiave. Il lucchetto che teneva in posizione la sua cintura d'acciaio si aprì, permettendole di liberare la sua figa liscia. Il suo clitoride pulsante pulsava più forte. "Ora puoi darmi piacere come volevi", tubò la ragazza. Si avvicinò per avvolgere le braccia attorno al collo dell'adulto, baciandogli la bocca con una lingua insistente come un trapano in un pozzo petrolifero di acque profonde.

Kingford spinse contro le spalle della ragazza per rompere l'intimità. Ma non così determinato come la maggior parte di uomini così raffinati presi in trappole di loro invenzione.

"Andiamo, forza!" implorò la ragazza raucamente eccitata. “Voglio che mi scopi e non ci sono telecamere. Sei così sexy e il tuo sperma ha un sapore così buono. Voglio che il tuo grosso cazzo venga anche nella mia figa, ora che puoi averlo. Andiamo, forza!"

"Io non..." iniziò Kingford.

"Si. Ho il disco per dimostrarlo. E il tuo sperma rimbomba ancora nella mia pancia.

Kingford sembrava teso.

Raccogliendo la chiave, la cintura e la busta di contanti, Gina gli prese la mano per condurre di sopra, dicendogli di guardare tutto ciò che voleva lungo la strada e di cercare nella sua stanza le telecamere. Non voleva estorsioni, aveva promesso, ma farsi fottere da lui. Dopotutto, sta spendendo i suoi soldi, quindi ottiene ciò per cui sta pagando: un buon affare in tutto e per tutto.

Gina si lasciò cadere sul letto, sdraiandosi su un lato con la testa appoggiata in una mano mentre Kingford esplorava. Si prese il suo tempo e, quando non scoprì nulla dopo un'accurata ricerca, si appoggiò allo schienale del comò.

"Soddisfatto?" chiese Gina, arricciando il naso un secondo per una presa in giro. Sorridendo, si slacciò la cintura della vestaglia corta per rivelare il suo corpo.

"Tuo padre ha commesso un errore cercando di ricattarmi", minacciò Kingford. "Ho schiacciato uomini più grandi."

“Ho mentito sulla faccenda del ricatto. Papà si masturba al video solo poche volte a settimana. Immagino che voglia che torni, dato che gli piace guardare. I soldi che gli dai vanno ai miei risparmi del college.

"Perché dovrebbe masturbarsi quando è ovvio che sta dormendo con te?"

“Papà è un voyeur completo e a volte sono troppo stanco per essere completamente soddisfatto. Altre sere è troppo stanco per investire il tempo per farmi bagnare".

"Cosa succede quando scopre che il video è scomparso?" chiese Kingford.

"Ho creato un nuovo file con lo stesso nome", ha mentito Gina, "che sostituisce l'originale con uno schermo nero. Ho anche modificato il calendario del computer per far combaciare tutto. Papà penserà che il video si è in qualche modo corrotto e non saprà mai la differenza. Garantito per farlo incazzare!

“Sei una ragazzina intelligente, esperta e un po' spietata. Se fossi più grande, ti metterei sul mio libro paga.

“Oh, ma sto ancora lavorando per te! Devi solo venire qui e prendere quello per cui stai pagando.

Kingford si sedette sul letto. Gina gli prese la mano per guidarle una carezza sull'anca, lungo una coscia, poi su per la parte posteriore fino al culo. La preadolescente lasciò andare quando Kingford iniziò a impastare la sua carne soda e formosa. Gina si girò sulla pancia, guardando sopra la sua spalla con un luminoso sorriso di approvazione mentre il ricco uomo adulto giocava con il suo corpo a suo piacimento.

La mano sicura che le massaggiava la schiena e le spalle alleviò la tensione residua che Gina provava per la prima volta che si era presa in affitto. L'altra mano di Kingford che occupava il suo piccolo sedere la eccitava più in alto, cosa che l'adulto notò subito. Con un sorriso malizioso, fece scivolare un dito tra le sue natiche per stuzzicare l'apertura lì, poi si spostò più in basso fino alla fessura di Gina. Si mordicchiò il labbro per trovarla umida.

"Ti piace il gioco del culo, vero?" chiese Kingford.

"Quello che hai fatto quella notte con la tua lingua mi ha eccitato!" Gina respirò. "Non l'avevo mai fatto prima."

"Bene allora…"

Kingford si arrampicò sul letto, allargando le gambe della bambina prima di sistemarsi. Allargandole il culo con mani determinate, abbassò il viso per iniziare a girare intorno alla punta della sua lingua calda e bagnata nel suo posto inferiore. Gina sussultò quando, presto, raggiunse un po' l'interno.

"Mmmm!" Gina gemette. Si alzò sulle braccia rigide e inarcò la schiena, chiedendosi se il delizioso sondaggio, di per sé, potesse farla venire.

"Hai un sapore così dolce!" Kingford sussultò. “Molto dolce!”

Gina crollò quando l'uomo più anziano le pizzicò il clitoride tra due dita, la sua lingua esploratrice implacabile. Alzò il sedere per chiedere di più, tenendo le guance più larghe. Se Kingford dovesse penetrare in una delle due aperture, la ragazza bisognosa verrebbe istantaneamente abbastanza forte da inzupparlo di nettare.

Invece, Kingford iniziò a baciare una scia lungo la schiena di Gina. Poteva solo sdraiarsi lì aggrappata alle lenzuola del suo letto, percependo da dietro le palpebre serrate che Kingford aveva cominciato a spogliarsi senza perderle un solo tocco. Baciò un'altra traccia, per mordicchiare con i denti attenti ma fermi tutta la figa di Gina. Indugiando lì per un periodo che sembrò troppo breve, iniziò un'altra odissea verso l'alto.

Alla fine completamente spogliato, Kingford aggiunse tutta l'attenzione delle sue mani alla sua avventura. Baciò, mordicchiò e accarezzò la schiena di Gina, e presto la ragazza poté sentire il proprio profumo di donna nell'aria. Kingford si tolse la vestaglia di Gina e slacciò il fiocco che le legava le ciocche lussureggianti, per giocare con le dita sui ricci mentre le mordicchiava il collo e le spalle. Gina si è poi resa conto che questo vecchio ricco stava facendo l'amore con lei! Gina e papà scopavano sempre; non hanno mai fatto l'amore vero... il prezzo di essere un giocattolo volenteroso, si diceva sempre Gina.

Kingford rotolò al suo fianco, portando con sé Gina. Girò il suo viso verso il suo per un bacio profondo e profondo. Il suo cazzo duro premette contro il suo clitoride da bambina da dietro le sue cosce strettamente chiuse, facendo lottare Gina per trattenersi dal guidare il lungo albero allettante dove ne aveva così disperatamente bisogno.

Gina strillò quando il suo amante adulto la fece rotolare sulla schiena e iniziò a succhiare i suoi piccoli capezzoli rosa. "Oh, più difficile!" lei implorò. "Mordisci!"

Ridacchiando, Kingford fece come gli era stato chiesto. Gina inarcò la schiena e tenne per sé il viso del suo nuovo uomo, ruotando la testa da una parte all'altra in un'estasi che nemmeno papà aveva mai portato. I capezzoli di Gina erano stati più sensibili negli ultimi tempi, e il profondo morso celestiale le guidava quasi dritto al clitoride come attraverso cavi elettrici. La dolcezza della sua figa da bambina scorreva fino all'apertura inferiore.

La ragazza tremante e selvaggiamente reattiva sussultava a ogni tocco delle morbide labbra di Kingford mentre lui le piantava baci leggeri sulla pancia. "Ti piace fare il solletico?" chiese l'adulto con un sorriso ironico, le sue abili dita che pizzicavano, tiravano e torcevano i capezzoli da dieci centesimi di Gina con misurata ruvidità.

"No!" Gina strillò, la sua mente vacillante in sovraccarico per così tante nuove sensazioni con un nuovo amante.

"Si. A tutte le bambine piace essere solleticate".

Stringendo una delle gambe del preadolescente tra le sue con un ginocchio contro il suo clitoride, Kingford afferrò entrambi i polsi di Gina con una mano e li tenne al materasso in cima alla sua testa. Le fece il solletico alla pancia per un po', poi le ascelle per un incantesimo, poi le costole. La nuova tortura sensuale sembrava più intollerabile della più decisa sculacciata erotica di papà o delle ore di negazione dell'orgasmo. Contorcendosi e implorando, e suo malgrado, la figa di Gina ha continuato a creare desiderio come un palloncino gonfio.

Il climax ha colpito con tale improvvisa e forza che la ragazza ha smesso di respirare. Bloccata indifesa con il ginocchio del suo amante adulto stretto al suo clitoride, il corpo minuto di Gina sembrava rimbalzare il rilascio di espansione mentale avanti e indietro tra la testa e le dita dei piedi, e tutto attraverso di lei. La sua figa sbatteva di piacere, mentre tutti i suoi nervi formicolavano e ogni muscolo si increspava.

"Oh Dio!" Gina sussultò quando riuscì a respirare, in qualche modo cosciente dopo la breve esplosione consumante di quello che poteva essere descritto solo come un orgasmo di tutto il corpo. "Oh Dio! Oh Dio!"

Senza concedere riposo, Kingford si trasferì in un sessantanove con il suo amante preadolescente. Non ha fatto altro che rosicchiare il suo tumulo, mentre Gina si è goduta il suo delizioso cazzo in bocca. Papà le aveva insegnato per settimane a fare la gola profonda, ma questo enorme organo poteva essere troppo grande. Dopo aver stuzzicato la testa del grosso albero e aver pompato i suoi otto meravigliosi pollici con alcuni colpi con le mani, Gina è andata in rovina.

In poco tempo, ebbe Kingford fino all'elsa e vicino all'orgasmo. Gina indietreggiò, usando la lingua e le labbra con cura, prima di riprendere la sua meravigliosa virilità. Kingford gemette, ma Gina voleva un maggiore controllo su di lui. Il suo mordicchiare il suo tumulo non l'avrebbe mai fatta venire, e lei voleva venire. "Vaffanculo, signore," ansimò, un malizioso promemoria che non aveva mai avuto quella parte di lei. “La mia figa è tua, come ti avevo promesso. Per favore, fottimi, signore.

Inutile ora, ma troppo dignitoso per apparire di fretta, Kingford si voltò per sistemarsi tra le gambe lunghe e snelle distese per lui. Afferrò il culo della piccola Gina con entrambe le mani per sollevarla, e iniziò a entrare nella sua invitante calda umidità. Il lento, quasi gentile allargamento del suo tunnel un centimetro alla volta fece rabbrividire Gina, finché non riuscì più a controllarsi.

Stridendo per l'orgasmo, Gina sbatté i fianchi verso l'alto per essere finalmente completamente impalata sul cazzo che aveva sognato per un mese. Indietreggiò selvaggiamente, dibattendo la testa, il dolore di avere un'asta oltre la cervice che si aggiungeva alla sua baldoria selvaggia. Kingford sembrava contento di lasciarla divertire, ma le mani esigenti di Gina sul suo culo alla fine lo persuasero a seguire il suo ritmo.

Scopavano come bestie rabbiose, baciandosi duramente e profondamente tra i loro gemiti e grugniti. Kingford sembrava trattenersi, mentre Gina era elettrizzata all'orgasmo dopo l'orgasmo, il riflusso di un climax che correva per trasformarsi in un altro.

"Sborrami dentro!" chiese Gina.

Abbracciandosi forte e tenendosi a fondo, Kingford si bloccò sul posto. Con un drone come quello di una flotta di vecchi bombardieri B-17, l'uomo adulto alla fine ha rovesciato il suo carico nelle profondità carenti del suo giovane amante. Gina gettò indietro la testa e roteò i fianchi, superata da un altro climax che diventava più forte ad ogni esplosione di sperma che le si riversava dentro. Con il suo cazzo così profondo, ogni scatto di Kingford ha colpito il muro dell'utero di Gina per un'altra nuova esperienza di piacere.

Crollarono insieme, sudati e senza fiato. Il cazzo di Kingford rimase al suo posto, appena ammorbidito. Aveva sparato così tanto sperma in Gina che lei ne sentì un po' scappare giù tra le guance del suo culo e sul letto.

"Era troppo breve", si lamentò Gina a malincuore.

"Chi dice che abbiamo finito?" Kingford ribatté.

"Eh?"

Kingford si ritirò e, a cavallo della ragazzina ancora eccitata, le offrì il suo cazzo alle labbra. Si irrigidì subito a tutta durezza, mentre Gina assaporava la morbidezza della sua pelle. Lo scintillante mantello di essenza virile e il nettare di Gina avevano un sapore meraviglioso sulla sua lingua.

Innamorata, Gina ha soddisfatto quel meraviglioso cazzo con tutto ciò che aveva da usare. Lavorando lentamente, mescolò le mani, la lingua, le labbra e la gola per aumentare la passione di Kingford in fasi controllate, calmandosi quando sembrava che potesse venire troppo presto. Gina gli accarezzò il ventre e gli pizzicò i capezzoli, facendo scivolare i polpastrelli delicati lungo le sue costole. Ha giocato con le grandi palle del suo nuovo uomo. Canticchiava e gemeva, esagerando la sua lussuria più della sua reale, indisciplinata intensità. Kingford ha risposto come previsto, per diventare più bisognoso di rilascio. Ma non si era arreso abbastanza come voleva Gina.

"Fammi venire di nuovo, signore" sussurrò la ragazza senza perdere un colpo. "Mi hai così eccitato!"

Kingford allungò una mano e fece scivolare un dito nel tunnel dell'amore bagnato di sborra di Gina. La ragazza rabbrividì di piacere accresciuto, gemendo per il vero desiderio quando il suo amante scivolò fuori e le fece entrare il dito nel culo. Ha spinto in parte dentro alcuni colpi, poi ha guidato fino in fondo. Allo stesso tempo, il suo pollice ha sbattuto nella figa di Gina.

La ragazza urlò per il piacere di un altro orgasmo improvviso, contraendo i fianchi per farlo durare. Intrappolata in un altro calderone di calore sessuale, Gina non ha potuto fare a meno di lavorare il cazzo del suo amante più velocemente e più duramente.

"Prendi il mio sperma, piccola", sussurrò Kingford. "Ingoiami mentre stai venendo. Avrà un sapore molto migliore!"

Gina non aveva bisogno di crederci per volere che la sua sborra le lavasse la lingua prima che lei prendesse tutto. Con tutto l'abbandono e l'insistenza, si avvicinò al cazzo del suo uomo come se fosse l'ultimo della sua vita. Quando almeno ha rilasciato, l'orgasmo persistente di Gina ha raggiunto un finale di concessione che le ha fatto sentire il cervello come se in qualche modo avesse preso fuoco.

Gina non ha avuto altra scelta che ingoiare la prima fuoriuscita per evitare di perderne, così tanto ha dato Kingford. Ha assaporato il successivo enorme sbuffo per un secondo o due prima di ingoiare ogni goccia. Il resto ebbe il tempo di assaporare più a lungo, finché alla fine lo prosciugò. In qualche modo, sembrava che questa volta avesse concesso più del suo dono di quelli prima.

Giacevano fianco a fianco esausti, sonnecchiando per un'ora. Quando Gina si svegliò, trovò il suo ricco amante adulto completamente vestito. Il sole era tornato a splendere attraverso la finestra della sua camera da letto, indicando che l'ora era primo pomeriggio. "Spero che tu abbia i tuoi soldi," disse Gina, la sua voce che suonava sognante alle sue stesse orecchie.

Kingford salì sul letto per baciare la tempia di Gina. "Sei un amante bellissimo ed eccitante", ha assicurato. “Vale ogni centesimo speso.”

“Se c'è una prossima volta, è metà prezzo. Anche tu vali un millesimo".

"Abbastanza giusto. Spero che pulirai le prove? Abbiamo fatto un bel pasticcio".

"Ho tutto coperto e il tempo per farlo. Papà non saprà mai niente."

«Bene», disse Kingford. "E come mi aspettavo, dopo aver visto che sei intelligente e piuttosto connivente."

Gina sorrise.

"E quel disco?"

"Cassetto in alto a destra, dove tengo le mie mutandine", disse Gina. "Papà non va mai lì dentro".

"Come faccio a sapere che questa è la cosa reale", ha chiesto Kingford dopo aver trovato il disco, "e l'unica copia?"

“Voglio che mi scopi di nuovo per il tuo stesso desiderio. Nemmeno papà mi fa uscire come hai fatto tu oggi, ed è bravo quando mi prende. Fotterti ti impedirà di essere l'amante che desidero così tanto, anche se devo risparmiare anche per il college. Ho detto che ho mentito sul ricatto; Papà non è disonesto".

"Molto bene, allora. È difficile diffidare di una ragazza che vuole lavorare a modo suo durante la scuola."

"Vorresti anche un paio delle mie mutandine," si offrì Gina, "per aiutarti a continuare a pensare a me? Come ho detto, papà non va mai in quel cassetto. Gli piaccio nuda, con solo il colletto e la cintura."

Kingford ne scelse un paio, che Gina si strofinò sulla figa per raccogliere l'odore. Lo baciò e infilò l'indumento in una tasca della sua giacca. Il ricco uomo anziano ricambiò la duratura passione, per poi partire per altri affari della sua giornata.

Gina si sdraiò sul letto, raccontando i suoi soldi. Ha anche testato la chiave principale nella serratura del colletto, per scoprire che funzionava anche lì. Un vantaggio più grande, perché poteva finalmente vagare per questo nuovo quartiere dopo un anno qui, senza prove evidenti che viveva una vita diversa da quella di una normale undicenne. Gina potrebbe incontrare segretamente ragazzi e ragazze più della sua età, per ampliare le opportunità di sesso. Forse potrebbe sedurre anche alcuni degli adulti per soldi extra e piacere aggiunto.

Papà farebbe una cazzata se scoprisse tutto ciò che Gina è riuscita a farla franca oggi, e Dio solo sa che tipo di punizione potrebbe infliggere. Potrebbe non lasciare mai più l'orgasmo di Gina, o potrebbe usare una frusta su di lei per davvero. Gina aveva trovato altri video di sesso sul computer, molti dei quali riguardavano fustigazioni, piercing temporanei e altre forme di dolore genuino. Si spera che papà non voglia mai indulgere ben oltre le lievi torture erotiche che già infligge. Ma se avesse saputo che la sua ragazza ha venduto il suo corpo senza permesso, Gina potrebbe essere in guai seri.

Un giorno, però, tra molto tempo, avrebbe espresso il suo ultimo disprezzo per tutti i soldi, il sesso e il potere che aveva multato proprio sotto il naso di papà. Aveva fatto un torto a sua figlia, il suo giocattolo, che gli era stato leale per un anno intero. Ha preso una ragazza, ha affittato Gina a un altro uomo, ha girato video segreti e si è masturbato con loro piuttosto che prendersi cura dei bisogni sessuali di sua figlia. Papà ha tradito Gina troppe volte e il tradimento ha un prezzo.

Dopo aver nascosto i suoi soldi e la chiave principale, e aver avviato la lavatrice, Gina si è fatta una doccia per pulire gli ultimi resti della sua giornata di sesso caldo e gratificante con un uomo nuovo. Ha sostituito la cintura d'acciaio dopo essersi masturbata brutalmente fino all'orgasmo diverse volte, trovando un nuovo odio per l'aggeggio. Ma grazie al suo amante ricco, ora poteva toglierselo senza che papà lo sapesse.

Tutto sembrava meravigliosamente in mano. Gina ha mentito sul fatto di cancellare il video del suo pompino al signor Kingford, in modo che papà non sapesse mai la sua subdola. Gina ha anche fatto una seconda copia, e uno di quello che ha fatto con Toni Ann mentre papà guardava. Papà potrebbe non pianificare mai il ricatto, ma Gina potrebbe essere disposta, in futuro. Sebbene papà abbia insegnato a pianificare in anticipo, ha lasciato cadere la palla lasciando i suoi file più segreti e schiaccianti non protetti. Peccato per lui, il bastardo traditore.

Sì, tutto tenuto bene in mano. E sembrava oh-così-dolce!

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

114 I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

542 I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

438 I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

465 I più visti

Likes 0

The Greatwar 3033 Parte 5: Jack scopre qualcosa

Era passato poco più di un mese da quando Jack riceveva la visita del suo vecchio amico e dato che erano a più di qualche anno luce dalla Terra, fecero qualche visita in più solo per salutare amici e parenti, come sarebbero stati scomparsi per un po' dopo di che furono lasciati completamente soli, ma la vita sull'enorme nave continuò come al solito. Avevano già superato due sistemi che inviavano messaggi a chiunque nel sistema sperando in una risposta che non arrivava mai, all'inizio pensavano fosse perché erano di razza preelettronica e non potevano ricevere i messaggi ma dopo aver scansionato...

358 I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

661 I più visti

Likes 0

Lo Studio xxx

Arthur era il proprietario di 20 anni di uno studio porno, sua madre Sonia era attualmente a carponi leccando la figa della sua ragazza di 19 anni Betty Rogers, amava girare film lesbici ed era il suo più grande produttore di soldi. Anche Arthur aveva un segreto: era un maestro ipnotizzatore. Quindi sia sua madre Sonia che la sua ragazza Betty erano sotto il controllo mentale (suo). La mamma ora era un'esperta lecca fica, quando è stata ipnotizzata 3 mesi fa ha dovuto essere addestrata, da allora è apparsa in oltre 15 film lez, inclusa una coppia in cui recitava con...

629 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

527 I più visti

Likes 0

Ragazzi adolescenti nudi che nuotano al liceo con hard-on

Ero una matricola in un liceo di una grande città negli anni '70 e non sono rimasto sorpreso quando nel mio primo semestre ho nuotato e per motivi di salute pubblica, tutti i ragazzi lo facevano nudi. Ero stato avvertito dai miei fratelli maggiori e provenendo da una famiglia di nove bambini, tra cui sorelle e una madre che allatta continuamente, non ero timido o estraneo al corpo nudo. Il primo giorno ci è stato detto che se avessimo sentito tre brevi raffiche di fischio, dovevamo uscire rapidamente dalla piscina, allinearci sul bordo e affrontare le gradinate, perché potrebbe esserci un'emergenza...

259 I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

586 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.