La mano amica di una madre Ch. 6

541Report
La mano amica di una madre Ch. 6

Capitolo sei: madri, figli e amanti

Alla fine, le braccia di Jason Jackson sono rimaste intonacate per altre due settimane, per un totale di sei in tutto. La notizia della loro rimozione è stata accolta da un enorme sospiro di sollievo e poi da un'esultanza per il giovane. Ma l'euforia e il sollievo furono immediatamente sostituiti da un senso di sgomento e incredulità, perché quando i calchi furono effettivamente tolti Jason rimase scioccato nel vedere le sue braccia un tempo muscolose e abbronzate che sembravano di un giallo pallido slavato, raggrinzite e magre. Dov'erano finiti i suoi adorabili bicipiti tonici? Fu uno spettacolo brutto e miserabile, e dopo l'esultanza della sua ritrovata libertà, divenne risentito e piagnucolone, quasi suicida.

"Sì, lo so, a volte è uno shock quando i cerotti vengono tolti per la prima volta", disse l'infermiera, percependo l'improvviso cambiamento di umore di Jason. "Ti aspetti che tutto sia come prima... e come possiamo vedere..." Stava strofinando di nuovo la sensazione tra le sue braccia. "Ci vorrà ancora un po' prima di ritrovare la forza e il tono muscolare. Avrai bisogno di esercitare le braccia ogni giorno, ma non affrettare le cose. All'inizio rimarrai sorpreso di quanto si sentano deboli, infatti non sembreranno affatto le tue braccia per i primi due giorni. Ma non preoccuparti... presto torneranno come nuove".

L'infermiera si avvicinò a una stampante accanto al PC sulla sua scrivania.

"Ho eseguito un corso di esercizi per te. Se li segui in modo ragionevole, non dovresti avere problemi a tornare alla normalità. Non pensare di poter ricominciare subito a fare tutte le cose che eri in grado di fare prima dell'incidente... va bene? E vorrò vederti tra una settimana."

La signora Jackson ha accompagnato a casa suo figlio. Era tranquillo in macchina. Cercò di fare conversazione ed era perplessa dal suo umore, ma percepì la sua delusione e decise che era meglio guidare e restare per sé.

"Le mie cazzo di braccia sembrano merda, mamma!" disse alla fine, mentre svoltavano nella loro strada di casa.

"Oh, mi stai parlando, allora?"

"E sono ancora inutili."

"Cosa vuoi dire, inutile?"

"Cosa pensi che io intenda? Inutile è fottutamente inutile, vero?"

"Cosa stai dicendo allora.. che devo ancora assisterti? Ti masturbo ancora?"

Carol soffocò un sorriso. Immediatamente, si morse la lingua e si pentì della sua leggerezza. Ma Jason aveva già cominciato a ridere e all'improvviso stavano ridendo insieme come se fosse tutto un grande scherzo, e in un certo senso lo era. Almeno la tensione soffocante era stata spezzata.

Carol ha fermato l'auto fuori casa e sono scesi. L'umore cupo di Jason sembrava essersi alleggerito e sua madre respirava un po' più facilmente.

"Voglio dire, dai un'occhiata, mamma... Non sono solo fottutamente orribili? Ho le braccia di un novantenne adesso." Li stava flettendo, cercando di sollevarli mentre camminavano lungo il sentiero del giardino, ma l'infermiera aveva ragione... si sentivano come se non gli appartenessero. Fanno male da morire e non c'era forza in loro. "Voglio dire, per anni non sono stato in grado di fare un cazzo con loro. E ora..."

"Non riesci ancora a fare tutto, vero?" Sua madre sorrise. "Ma c'è un vantaggio, Jay..."

"Sì, cosa sarebbe allora, mamma?"

Carol stava mettendo la chiave nella porta, girando la serratura. Entrarono e lei chiuse la porta dietro di loro. Si girò verso di lui e gli mise le braccia intorno al collo. "Allora dovrò occuparmi di te per un po', vero? Solo finché non avrai recuperato le forze."

"Suppongo che lo farai, madre."

"Ora dai alla mamma un grosso bacio molliccio. È così bello riaverti alla normalità."

"Difficilmente normale, mamma."

"Beh, finché sei ancora troppo debole per respingermi, non mi interessa. Dammi un bacio."

E all'improvviso le labbra di sua madre erano sulle sue in un abbraccio come non avevano mai condiviso prima. Non sembrava naturale farlo. Jason riuscì solo a metterle le braccia intorno alla vita mentre lei continuava a tenerlo stretto a sé. Sentì i suoi seni premergli contro l'ombelico mentre stringeva la presa su di lui. E poi accadde qualcosa che quasi lo fece indietreggiare per la sorpresa, ma non era del tutto inaspettato.

La sua lingua scivolò tra le sue labbra, spingendo con forza tra i suoi denti e si insinuò nella sua bocca. Lo stomaco di Jason fece un flip-flop, la lingua di sua madre scivolò e vorticava contro la sua. Dopo tutte le cose che erano successe tra di loro – l'aiuto con il suo gabinetto, il baccano, il fantastico pompino – in qualche modo questo atto, un bacio speciale con sua madre, sembrava superare tutto quello che era successo prima. Era molto più audace, eccitante ed erotico per la sua natura di intimità e intimità, di quanto lo fossero stati anche gli atti sessuali. Era come se nella loro relazione fosse avvenuto un significativo passo avanti, un cambiamento di enfasi e di status, un impegno simbolico di vero amore tra madre e figlio. E mentre cedeva e ricambiava i baci di sua madre, così le silenziose lacrime di commozione salirono ai suoi occhi e il suo corpo cominciò a tremare.

"Andiamo. Dovremmo essere entrambi felici", disse, lasciandolo finalmente libero e tirandosi indietro in modo da potersi concentrare sul suo viso. Gli tolse le braccia dal collo e gli asciugò, prima le lacrime, poi la macchia di rossetto dalla bocca. Poi si aggrappò alla carne stranamente morbida dei suoi avambracci e sorrise amorevolmente nei suoi occhi liquidi.

"Allora perché non ci preparo una bella tazza di tè? Ho anche dei digestivi al cioccolato... i tuoi preferiti. Stasera festeggeremo non solo la tua libertà, ma anche la nostra. Ci incazzeremo insieme con una bottiglia di vino e delle birre. Che ne dici, tigre?"

"Penso che sarà semplicemente fantastico, mamma."

Si abbracciarono di nuovo e Carol appoggiò suo figlio contro la porta d'ingresso. Si sentì attorno all'inguine sporgente di Jason con una fame e un'urgenza che sorpresero anche loro.

La signora Jackson fece scivolare giù la cerniera di suo figlio con un movimento fluido e liberò il suo cazzo, già semi-eretto con la marea mutevole del sangue caldo. Lo baciò teneramente prima di dire. "Penso che sappiamo entrambi dove sta portando questo, Jay... e parlando per me stesso... non posso più combatterlo."

E lei scivolò lungo il suo corpo finché non fu in ginocchio e negli occhi con il suo cazzo dondolante. Alzò lo sguardo sul suo viso, incontrando i suoi occhi marroni che erano quasi neri di lussuria. "Ti farò un tale pompino, giovanotto."

"Oh cazzo, mamma! Succhiami forte, piccola puttana. Ti amo."

"Ti amo anche io tesoro." E lei lo ha portato a un climax superbamente intenso in 60 secondi che le ha riempito la bocca con la bella sborra di suo figlio.

Le gambe di Jason cedettero e lui scivolò contro la porta d'ingresso finché anche lui fu in ginocchio e faccia a faccia con sua madre. E insieme si scambiarono un bacio con lo champagne, sua madre trasferì metà del carico sulla bocca di Jason in modo che anche lui potesse goderne il gusto. Temporaneamente esausto, Jason si accasciò in avanti e sua madre gli cullò la testa contro il suo seno caldo e dolorante e fece scorrere le dita tra i suoi capelli arruffati di sudore.

"Stasera, mio ​​caro ragazzo," disse dopo un momento. "Mi scoperai. È giunto il momento che io e te ci conosciamo bene!"

***

Quella notte, davanti alla televisione, Jason e sua madre si rannicchiarono sul divano. Carol aveva appena iniziato con la sua seconda bottiglia di vino. Jason era alla sua quinta bottiglia di mini-bud che stava bevendo con due cannucce. Era più comodo così. Stavano guardando Mamma Mia in DVD.

Jason indossava le sue marmellate, pantaloncini neri e maglietta grigia perché si sentiva più a suo agio che in jeans e mutande. Sua madre aveva scelto di indossare una gonna scozzese rossa molto sexy che lasciava poco all'immaginazione. In alto indossava un succinto maglione bianco che mostrava magnificamente la forma dei suoi seni superbi. Un paio di calzini bianchi e scarpe da ginnastica bianche le davano un bell'aspetto "innocente ma cattivo". Si sentivano entrambi a proprio agio ea proprio agio, e piacevolmente ubriachi.

Carol mise da parte il suo drink e prese il bocciolo di Jason da lui e mise anche quello da parte. Gli strinse la mano destra tra la sua e gliela accarezzò, amorevolmente oltre che maternamente. Era seduta alla sua sinistra e si accasciò contro la sua spalla mentre una sensazione di stordimento prendeva piede.

"Allora, com'è essere risucchiato da tua madre?"

Jason rise della sua audacia. "Fa davvero caldo, mamma. Sei semplicemente fantastica e ancora non riesco a crederci."

"Ti piaci, vero, Jay?"

"Certo, sì. Sei davvero fantastica, mamma. Mi dai duro ogni volta che mi sei vicino."

"Davvero?"

"Sì, vero! Tutti i miei amici ti chiamano una MILF, una scrummy-mummy. E adoro il tuo odore, mamma."

"Cosa, il mio profumo?"

"Sì... anche quello."

"Cosa vuoi dire anche questo?"

"Beh, mi piacciono anche gli altri tuoi odori."

"Fai?"

"Sì, sai... il tuo odore naturale?"

Carol rise. "Profumo naturale? Cosa sarebbe allora?"

"Beh, sai... il tuo... odore naturale."

"Bene, allora andiamo, dimmelo."

"Ti sto dicendo."

"Che odore allora?"

"Non riesco a spiegarlo. Solo buoni odori. Ti annusavo le mutandine quando ero a scuola." Jason arrossì.

"Cosa... in classe, vuoi dire?"

"No, non essere sciocco. Voglio dire quando avevo quell'età."

"Cosa..? Vuoi dire che li tiravi fuori dal mio cassetto, ragazzo cattivo?"

"A volte, sì. Ma per lo più fuori dal cestello. Quelli che avevi indossato quel giorno."

"Sporco maiale."

"Oh, non dire così, mamma?"

"Beh, cosa dovrei dire? Ti stanno bene?" Carol rise, e mise la mano di Jason a metà all'interno della sua coscia, ma ancora sotto l'orlo. Guardò le loro mani, piatte insieme, contro la sua gamba nuda e abbronzata.

"Non li ho indossati."

"Scommetto che l'hai fatto."

"Non l'ho fatto... beh, forse una o due volte." Jason ridacchiò. "Solo per avere la sensazione, sai."

"Sì, vedi? Lo sapevo. All'epoca lo sospettavo, ma non ho mai detto niente. Cos'altro hai fatto?"

"Li annusavo solo."

"Cosa, mettili sopra la tua testa?"

"No, annusali e basta, sai... il tassello."

"Ooh-er!" Carol rise.

"E' stato adorabile, mamma. Mi faceva venire una vera erezione."

"Non ti sei masturbato anche con loro, vero?"

"A volte."

"Err! Che cucciolo di fango eri."

"Lo sono ancora, mamma."

Carol stava incoraggiando la mano di suo figlio a salire più in alto della sua gamba. Si sentiva sicura ora che quando avesse tolto la sua mano, quella di Jason sarebbe rimasta per esplorarla ulteriormente. Lei aveva ragione.

"Vorresti annusarli di nuovo? Quelli che ho addosso?"

"Cosa, vuoi dire adesso?"

"Quando sei pronto. Perché no? Riporta dei bei ricordi per te."

"Oh mamma, mi piacerebbe davvero. Sarebbe una tale eccitazione. A proposito, che sapore ha il mio sperma?"

"Dovresti saperlo. Ti ho fatto assaggiare... ricordi?"

"Non so come puoi ingoiare tutta quella roba."

"Non l'ho fatto. Ne avevi metà."

"Oh sì, ecco cos'era. Pensavo che il tuo bacio avesse un sapore strano."

La mano di Jason era ora sotto la gonna scozzese di sua madre, quasi in cima alla sua coscia. La sua pelle era meravigliosamente morbida e flessibile. Notò come, più la sua mano saliva su per la gonna, più umida diventava l'atmosfera. Era come se la sua mano avanzasse verso una fossa ribollente di serpenti.

"Ho fatto un sogno davvero strano l'altro giorno, mamma?"

"Che dire?"

"E' stato un fottuto incubo, te lo dico io. Non potevo dirlo in quel momento. Ho sognato di essere tornato in ospedale e... beh, per farla breve, un dottore e due infermiere mi stavano mungendo per il mio sperma. Ricordo la vecchia grande infermiera che diceva che si sarebbero assicurati che non ne fosse rimasto nessuno per mia madre.

"Beh, penso che possiamo provare che si sbaglia, no?"

All'improvviso si rese conto che la sua mano ora giaceva quasi sulla sua fica e si sentiva stranamente imbarazzato, come se avesse improvvisamente realizzato quanto lontano era arrivato e c'erano paura e dubbio nella sua mente.

C'erano state alcune volte con ragazze della sua età in cui era arrivato così lontano solo perché loro lo fermavano, schiaffeggiandogli i polsi, ammonendo e sminuendo lui, non permettendogli di avventurarsi oltre. Si sarebbe sentito frustrato e arrabbiato e si sarebbe risentito per loro. La natura era così crudele. Tenete fuori la carota e poi strappatela via; quello era il suo gioco nella vita. Per un momento temette che la storia potesse ripetersi.

Ma questa era sua madre, una donna pienamente matura negli anni migliori e più belli della sua vita, non un'immatura svampita con progetti su come farsi un anello al dito in cambio di una cuccetta. Non lo avrebbe contrastato o umiliato.

Cosa potrebbe esserci di meglio del sesso con tua madre, specialmente una attraente come la sua? E non dovevi nemmeno preoccuparti di mettere incinta una mamma. Una mamma potrebbe prendersi cura di se stessa; una mamma conoscerebbe tutte le piccole rughe e le schivate per tenerla fuori dai guai. Una mamma sa meglio, e soprattutto cosa è meglio per suo figlio. I bisogni devono, signora Jackson. L'intuizione di una madre. Viene sempre alla ribalta nei momenti di avversità.

La sua mano era ora stesa sul caldo inguine di sua madre. Il suo cuore batteva come un tam-tam. Non ha fatto alcun tentativo per fermarlo. Si limitò a gemere dentro di sé e a ciondolare pesantemente contro di lui.

Gli sospirò nell'orecchio: "Vorrei che tu fossi davvero cattivo con mamma, Jay."

"In quale modo?"

"Vorrei che tu... Vorrei che tu mi leccassi, brutto, maleducato ragazzo." Ridacchiò. "Vorresti accontentare la mamma in quel modo? Puoi prima annusare bene le mie mutandine per metterti dell'umore giusto."

Il cuore di Jason quasi sussultò per lo stupore. Sua madre aveva davvero detto quello che pensava di averle sentito dire?

La sua gonna si era alzata abbastanza da mostrare un lampo delle sue mutandine di puro cotone bianco, erotiche nella loro semplicità, provocatorie nella loro pulizia e invitanti dall'oscurità interiore come una tentatrice nell'ombra. Premette il materiale leggero contro di lei, sentendo l'elasticità del suo cespuglio lussureggiante sotto di lei. Ecco la sua amante, la sua nemesi, la cosa che lo aveva messo al mondo e ora lo avrebbe umiliato fino alla sottomissione, consumato e molto probabilmente consegnato per sempre all'inferno.

Carol si posizionò in modo che le sue gambe fossero a cavalcioni su di lui e fosse sdraiata sul bracciolo del divano. Jason continuò a far scorrere le dita sul suo caldo inguine in mutandine, sondando delicatamente le morbide pieghe e le fessure, familiarizzando con la geografia e la fisiologia del sacro dominio di sua madre. La sua gonna era ora su intorno alla vita, la 'V' oscurata del suo pube visibile attraverso il cotone bianco brillante. Il suo inguine era umido, umido come l'atmosfera di una serra. Un forte profumo aleggiava da lei, un fetore di aspettativa ed eccitazione che segnalava il suo desiderio, il desiderio di essere posseduto dalla propria carne e sangue.

Jason sentì le mani di sua madre sulla nuca, spingendolo verso di lei. Per un momento il suo profumo gli ricordò quei giorni in cui lui aveva avvicinato al naso le sue mutandine sporche e aveva divorato l'essenza di sua madre. Ma questo profumo ora era, oggi, era reale, vivo e stucchevole, e lo attirava in modo che ora il suo naso si posasse sulla sua fica. La inspirò profondamente, permettendo al suo odore di permeare il suo essere. Lui la strofinò il naso con la punta del naso e sentì le sue gambe flettersi in risposta. Notò che a seconda di dove la toccava, c'era una variazione nelle risposte che per lui fungeva da tabella di marcia. Il suo odore era caldo e divino, un'essenza muschiata, talcata, vagamente di pesce che rendeva il suo cazzo come roccia palpitante.

Tra la bocca e il naso e la fica di sua madre c'era solo un millimetro di tessuto di cotone. Si tratterebbe solo ora di farli scivolare verso il basso. Fu facile perché sollevò le gambe in aria in modo che potesse farle scivolare via. Annusò le mutandine prima di gettarle sul pavimento. Sua madre si è resa comoda e disponibile alle attenzioni della bocca, delle labbra e della lingua del figlio. Rimase con le gambe sollevate, le mani dietro le ginocchia, a sostenere il peso. Questo ha avuto l'effetto di mostrare tutto il suo fascino nudo in modo osceno e provocatorio. La sua fica e persino il suo buco del culo gli erano stati presentati in un modo che era allo stesso tempo spudorato e vergognoso. Il cocktail di profumi, odori di donna, emanava dai suoi orifizi gemelli e lo impregnava di lussuria e passione.

Usò le dita per aprirla, aprendole le labbra come i petali di una bellissima rosa rosa e si meravigliò della carne luccicante all'interno. C'era un debole odore di pipì secca sul pube. Fu irresistibile e presto la sua lingua scivolò lungo il suo squarcio rosa lussureggiante, correndo su e giù per l'intera lunghezza mentre sua madre emetteva piccoli sospiri e gemiti interiori.

Mentre faceva scorrere le labbra e la lingua su e giù per tutta la lunghezza della fessura di sua madre, succhiandola qua e là, sentì la sua voce ansimante che lo implorava: "Fai anche il mio sedere, tesoro".

E Jason obbedì senza fare domande, la sua libido e la sua lussuria erano aumentate. La sua lingua localizzò il buco più piccolo di sua madre. Aveva una sensazione e un sapore asciutti, piuttosto aspri. Ma l'ha leccato, usando le mani per separarle le natiche ed esporne di più. Presto la sua lingua scivolò dentro il buco stretto e lui lo fece girare, aprendola e rilassandola. Il sapore del suo buco del culo era in netto contrasto con la sua fica. Questo piccolo orifizio era secco e amaro, eppure in qualche modo così cattivo ed eccitante: il buco proibito. Qualunque cosa fosse, sua madre non lo lasciava in dubbio sul piacere che ne stava ricevendo.

"Ora fai il mio clitoride, tesoro." E guardò mentre il suo dito tracciava lungo la sua fessura e lo localizzava per lui da qualche parte vicino alla parte superiore della sua vagina, liberandolo dal velo protettivo di carne. Spiccava, esposto come un boccone di carne imbarazzato e infiammato. Quando lo assisteva con labbra morbide e lingua vorticosa, il corpo di sua madre si muoveva in armonia, guidandolo a darle sensazioni appetitose, quasi elettriche. Il suo respiro divenne rapido, quasi irregolare, ei suoi sospiri dolci più frequenti e incalzanti. Il suo sciroppo e miele gli leccarono la lingua, circondarono la sua bocca. Bevve il liquido inebriante dalla tazza pelosa di sua madre. Ogni pugnalata della lingua era accolta da una corrispondente flessione delle gambe, un inarcamento della schiena o un triste sospiro. Ma all'improvviso gli stava strappando i capelli.

"No, no!" Sentì la sua voce dire. E lei gli tirava via la testa per una manciata di capelli con una mano, e con l'altra i suoi pantaloncini, strappandoli via come se ci fosse un'urgenza che doveva essere affrontata immediatamente. "Ho bisogno del tuo cazzo dentro di me ora, tesoro. Per favore, sii veloce. Devi fottermi ora e verremo insieme."

E poi era dentro di lei. Sembrava che fosse successo. Così perfettamente naturale. Nessun problema o armeggiare. Era incredibile. Come un adorabile sogno divorante. Il suo cazzo si mosse dentro di lei, attraverso il viscido e il viscoso, il suo pube che urtava con il suo. Le strappò la parte superiore e aprì febbrilmente le mani sui seni ancora protetti all'interno del reggiseno di Janet Raeger. Ma non gli si sarebbe negato e anche questo si è spinto su e via senza sganciarsi. I suoi seni caddero fuori come gelatine dallo stampo, scoppiando e cadendo di fronte a lui. Jason si è immerso nelle tette di sua madre, succhiando i capezzoli appuntiti e soffocandosi nella loro femminilità e conforto materno mentre il suo cazzo spingeva duro nella sua fica fradicia con una ferocia che faceva grugnire Carol al culmine di ogni spinta pungente. Era molto bravo. Era anche meglio.

E poi il graffio della sua schiena da parte delle lunghe unghie smaltate di rosso segnò che il momento era alle porte. Le sue gambe avvolte intorno alla sua vita stringendo il suo corpo a lui, assicurandosi che non ci sarebbe stata scampo dall'obiettivo prefissato. L'urlo penetrante gli fece male all'orecchio, ma ogni doloroso effetto collaterale era intorpidito dall'intenso orgasmo che devastava il suo corpo. Il suo sperma gettò nel suo grembo con una forza che minacciò di lasciare le sue palle sul pavimento. Il suo sperma scorreva da lui in uno zampillo fuso apparentemente senza fine. Le gambe di sua madre lo strinsero, così come i suoi muscoli vaginali che trattenevano e contraevano il suo cazzo, come se gli strappassero fino all'ultima goccia di sperma.

E poi è stato fatto. Si sono fusi l'uno nell'altro, diventando integri. Rimasero senza parole, respirando affannosamente per alcuni istanti mentre galleggiavano di nuovo a terra su letti di piume dove si addormentavano l'uno nelle braccia dell'altro. Il loro amore era stato consumato, ma era con la benedizione di Dio o con il Diavolo?

Storie simili

Fuori Limiti Compagno di Stanza Pt. 3

Vista. Il calzino rosa, che mi premeva quasi sugli occhi. Era buio, ma dopo questo pomeriggio, sapevo fin troppo bene che c'erano impronte sporche di dita dei piedi e suole in una leggera sfumatura di marrone. Tocco. L'arco della suola di Shiann, che mi tocca il naso. Le dita dei piedi contro la mia fronte, dimenando leggermente. Il tallone, che mi sbatteva il mento un paio di volte mentre si spostava leggermente verso di me lungo il divano. La sensazione di un tessuto leggermente consumato, qualche brandello di cotone che si era staccato dall'intreccio di cotone a maglia fitta dei suoi...

952 I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

884 I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

766 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

748 I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

664 I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

800 I più visti

Likes 0

Apparecchiare la prima tavola

Apparecchiare la prima tavola Darien Kingford sollevò la maniglia del telefono, premendo il pulsante lampeggiante della sua linea privata. L'ID chiamante mostrava un numero che non riconosceva. “Sì, ciao,” disse, quasi con un morso nella voce. «Salve, signor Kingford», salutò una ragazza. Bello parlare con te. Spero ti ricordi di me? Sono la ragazza il cui papà mi ha affittato a te tre settimane fa, e ti ho succhiato il cazzo e ingoiato tutto il tuo sperma. Hai detto che volevi stare di nuovo con me, quindi eccomi qui. Come sei stato? Di che diavolo stai parlando? “Vuoi che ti mandi...

576 I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

284 I più visti

Likes 0

Il padrone vuole, il padrone ottiene

Ero in piedi nel mio soggiorno, con indosso i vestiti che mi aveva mandato, calzini neri al ginocchio, perizoma nero, reggiseno nero e un vestito corto trasparente gettato, adorava vedere cosa sarebbe stato presto suo. Il mio Maestro sarebbe tornato in meno di dieci minuti. Dopo l'ultima ora di sms, mi aveva detto che stasera ci sarei stato dentro Ho aperto la porta e lui è entrato e si è voltato verso di me mentre chiudevo la porta, quando mi sono girato la sua mano è andata dritta ai miei capelli, afferrandone un grosso pezzo, mi ha tirato indietro il collo...

13 I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

893 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.