Aspirante attrice - La storia di Chelsea parte 4 Il dilemma di Robs

333Report
Aspirante attrice - La storia di Chelsea parte 4 Il dilemma di Robs

Chelsea aveva un disperato bisogno di cazzo adesso e Rob intuì la sua opportunità, spostò Keira di lato e andò ad allineare il suo cazzo quando Micheal lo interruppe,

"Hai fatto bene, ma questo è mio, avrai sempre e solo quello che ti passo. Ora guarda mentre scopo tua sorella davanti a te. Puoi usare il tuo giocattolino quando ti senti in forma."

Rob era devastato, aveva bisogno di scopare sua sorella in quel momento ma si ritrovò a obbedire, si mise di lato mentre il vecchio le si avvicinava alle spalle, allungandosi in avanti le tirò indietro i capelli con entrambe le mani, costringendole la testa verso l'alto e tirandola capezzoli fastidiosamente duri. Il suo cazzo duro si insinuò direttamente nella sua figa invitante, non c'era resistenza, nemmeno la sua mente resisteva, questo era il secondo cazzo in meno di 24 ore che il suo corpo aveva preso, questo era altrettanto lungo ma non così grasso, questo non lo faceva non importa però, la posizione in cui la teneva gli permetteva l'accesso a tutte le sue pareti interne, aveva iniziato a un ritmo costante prendendosi il tempo di dondolare i fianchi quando era dentro di lei o lasciandola muoversi su e giù sulla sua asta, era come se la stesse stuzzicando, tenendola sull'orlo dell'orgasmo senza lasciarla andare in quel luogo paradisiaco.

Rob poteva sentire sua sorella gemere perché era così duro, stava guardando il vecchio far scorrere il suo cazzo dentro e fuori, ogni volta che il rivestimento dei suoi succhi aumentava. Notò un movimento al suo fianco, ah sì, il suo piccolo giocattolo del sesso, come l'aveva chiamato. Keira era a forma di palla sul pavimento, con il culo rosso vivo, il viso e il corpo ricoperti di succo di fica. Le ha detto di mettersi in ginocchio di fronte alla coppia che scopava alla finestra, se non fosse riuscito a scopare Chelsea avrebbe sfogato la sua frustrazione su questo pezzo di culo.

Keira, però, non obbedì, invece si rivolse a Rob, con le lacrime agli occhi, sapendo che l'avrebbe presa se l'avesse fatto.

"Per favore," lo guardò, "Solo Joe mi ha mai avuta, ti succhierò il cazzo ma per favore non scoparmi"

Rob stava perdendo la pazienza, voleva scopare ma non voleva violentarla. Lui le ha risposto,

"Che strana bussola morale quella che hai lì, pensi che a Joe non dispiacerebbe che tu succhiassi il cazzo, ma non sarebbe disposto a farsi scopare."

Guardò il vecchio per chiedere aiuto, sapendo che non sarebbe venuto nessuno, a dire il vero sembrava troppo impegnato a strofinare i fianchi di Chelsea contro di lui per fregarsene. Lo fece ovviamente, stava ascoltando per vedere come il suo giovane protetto avrebbe reagito al rifiuto di Keira.

Rob aveva bisogno di una liberazione, considerò le sue opzioni, ricordò il caso dei giocattoli. Si avvicinò, scegliendo il dildo nero da 8 pollici aspirato, era il più grande lì.

"Ecco l'accordo, ti voglio in ginocchio mentre cavalchi questo vibratore e mi dai la miglior testa e spagnoletta che tu abbia mai fatto, potrai anche sorridere per la telecamera," prese il telefono di Keira. "Voglio sentire i tuoi gemiti più forti di quelli di tua sorella laggiù. Se lo fai non ti scoperò a meno che tu non mi implori. Che ne dici della tua bussola morale?"

Adesso era proprio di fronte a lei, la sua mano cadde, lei pensò che stesse per tirarle la catenella sul clitoride, ma con suo sollievo lui tolse il peso e si sedette sul divano, l'unico rumore nella stanza adesso era quello dei gemiti di Chelsea e dello schiaffo umido che la sua figa stava facendo mentre il cazzo di Micheal sbatteva dentro di lei.

Keira, soppesando le sue opzioni e rendendosi conto di avere poco, prese il vibratore con entrambe le mani, era enorme, non aveva mai avuto qualcosa di così grande, il suo giocattolo era un piccolo vibratore a proiettile e Joe era solo circa 5,5 pollici, aveva mai lamentato però.

Chelsea nel frattempo era stata tenuta al limite più a lungo di quanto il suo corpo potesse sopportare, la successiva spinta profonda che Micheal sferrò seguita dalla spinta verso il basso sui suoi fianchi facendole strofinare la testa sul punto G la mandò in delirio, il suo corpo si schiacciò, non per la prima volta, i suoi gemiti riempivano la stanza, i succhi rilasciati dalla sua figa già fradicia, gocciolavano, formando una zona bagnata sotto di lei, Micheal continuava a spingere, continuando a trattenerle i capelli, non la lasciava allentare, i succhi continuavano a fluiscono dalla sua figa mentre multipli mini orgasmi prendono il sopravvento sul suo corpo.

Keira ora aveva preso posizione, in ginocchio davanti al divano, per non bloccare la vista di Rob su Micheal e Chelsea. Aveva aspirato il giocattolo sul pavimento tra le gambe e ne teneva nervosamente la punta contro l'apertura, aveva sperato che il movimento della lingua su e giù per il cazzo di Rob, che doveva ammettere fosse molto carino, insieme al fatto di mantenere il contatto visivo con la fotocamera del suo telefono, che lui teneva in mano, avrebbe nascosto il fatto che non era dentro.

Rob era più che consapevole, tuttavia le permise di continuare la farsa, sapeva che dondolare il giocattolo l'avrebbe aiutata a lubrificarla e non voleva farle del male. Ha messo a fuoco la telecamera sul suo viso mentre lei prendeva il suo cazzo spingendosi fino a prenderne tutta la lunghezza in gola, i suoi occhi lacrimavano e mentre tornava su per prendere aria il suo cazzo gocciolava con la lubrificazione che aveva aggiunto. Si alzò facendo scivolare il suo cazzo fradicio tra i suoi seni, era stata la prima volta che si era reso conto di quanto fossero grandi rispetto al suo corpo. Il suo cazzo affondò nella sua scollatura, lei strinse con ciascuna delle sue mani circondando il suo cazzo gonfio. Il suo petto era appiccicoso per lo sperma di Chelsea ma il cazzo bagnato la stava rendendo di nuovo scivolosa, aprì la bocca per la telecamera poi abbassò la testa sbavando sulle sue tette e sulla testa del cazzo di Robs, stava cominciando a divertirsi.

"Ti piace il cazzo grosso, piccola troia?" Amava parlarle sporco per il potere che gli dava. Riuscì solo a emettere un suono soffocato ma annuì con la testa per segnalare di sì. Rob le prese la parte posteriore della testa con la mano sinistra, tenendo ferma la telecamera e la costrinse ad abbassare la sottoveste tenendola lì, le mani di lei che cercavano di allontanarsi dalle sue cosce, i suoi occhi che lo guardavano mentre lottava per respirare. Pensò che sarebbe svenuta, sentì svanire la forza nelle sue braccia, i suoi occhi iniziarono a ricadere all'indietro.

"È più grande della piccola troia di Joe?" Rob sorrise mentre le lasciava la testa, lei tirò indietro una corda di precum e saliva che ancora si univa alla sua bocca al suo cazzo che cadeva nel mezzo sul suo petto. Non del tutto consapevole di ciò che la circondava, rispose semplicemente.

"Molto più grande, signore", poi un bel sussulto d'aria e lei urlò,

"Oh cavolo sì!"

Rob aveva calcolato perfettamente il tempismo per la telecamera, dato che lei aveva appena finito di dire che era più grande e l'aveva spinto sul suo corpo indebolito, la figa di Kiera aveva risposto alla testa del giocattolo ma la pressione che aveva applicato le aveva aperto completamente le labbra, non visibile alla telecamera ma ormai tutti gli 8 pollici erano scomparsi dentro di lei, improvvisamente fu sopraffatta dal piacere, il suo corpo pulsava sul grosso cazzo di plastica. La sua bocca si alternava tra succhiare e ansimare in cerca d'aria mentre si alzava facendo scorrere il cazzo su e giù per le tette. Il suo petto ora brillava per l'umidità che aveva applicato. Rob la spinse di nuovo sul vibratore, tenendola lì. Aveva la testa quasi violacea, guardava Keira negli occhi.

"Vuoi che ti scopi già?"

Keira scuote la testa rifiutando l'offerta.

Rob sorrise, girò il telefono mostrandole il video delle sue urla mentre lei riconosceva quanto fosse grosso il suo cazzo rispetto a quello di Joe, poi casualmente mentre le schiaffeggiava il cazzo in faccia aprì un messaggio allegando il file video.

"Lo avevi promesso, bastardo" cercò di alzarsi e allontanarsi. Rob le tenne i capelli e la costrinse ad abbassarsi, colpendo di nuovo la sua guancia con il suo cazzo.

"Ho detto che non ti avrei scopato a meno che tu non mi implorassi di farlo, la tua scelta ora mi prega di venire nella tua piccola figa o no, sappi solo che ti manderò questo piccolo video che mostra la tua morale." Il piano di Rob aveva funzionato, pensò.

Micheal, che prima era stato insoddisfatto della clemenza di Rob, quando lei lo aveva negato, ora era impressionato, poteva vedere il potenziale in Rob, il suo lato sadico era molto più avanti della sua età. Il suo ritmo stava accelerando mentre Chelsea, ormai stanca, cominciava a diventare insensibile a causa di tutti i suoi orgasmi, allungò una mano facendole scorrere le dita sul clitoride, i succhi erano colati direttamente lì ed era un dolcetto sciatto e appiccicoso, il quel movimento fece sì che il suo corpo rispondesse per quella che era sicuramente l'ultima volta che riuscì a farlo, le dita e il pollice di lui si inzupparono velocemente mentre le massaggiavano il bocciolo, non riusciva a sentire cosa stava succedendo dietro di lui mentre i gemiti di Chelsea riempivano ancora una volta la stanza, tuttavia , non passò molto tempo prima che guardasse la giovane bionda passare davanti a lui con passo incerto tenendo il vibratore in profondità dentro di sé, lei si avvicinò alla finestra, appoggiandovi entrambe le mani, ora tenendo il giocattolo solo con i muscoli della figa bagnata, era una lotta per tienilo lì. Si voltò cogliendo lo sguardo di Chelsea mentre parlava dolcemente a Rob,

"Vaffanculo, per favore"

"Più forte" ha chiesto "supplicalo"

Già umiliata, fece un respiro profondo, guardò fuori dalla finestra e gridò

"HO BISOGNO CHE SCOPI LA MIA PICCOLA FIGA TROIA, RIEMPIMI CON LA TUA SPERMA, PER FAVORE, SIGNORE."

La sottomissione della sua preda ha eccitato tantissimo Rob. Dubitava che sarebbe durato a lungo ma le arrivò alle spalle, tirando fuori il giocattolo dalla sua figa provocando un flusso d'aria che entrava all'interno mentre la testa della plastica scivolosa lasciava il suo buco, non appena veniva fuori se veniva sostituita, questo volta che sentì il suo cazzo duro, caldo e scivoloso spingersi dentro, gettò di lato il vibratore scartato, che giaceva ai piedi di Micheal, le sue mani avvolte attorno al suo petto pizzicandole i capezzoli, martellava forte nel suo corpo, usandola per il suo piacere, i suoi sussulti e gemiti che si aggiungevano alla voce al suo fianco, il suo respiro rapido che fumava la finestra contro la quale si premeva, spingendosi di nuovo sul cazzo che la violava, non poteva negare che era fantastico, lei si sentiva piena, poteva sentire il suo cazzo pulsare dentro di lei e l'occasionale dose di sperma pre-eiaculazione che si aggiungeva ai suoi stessi succhi. Il suo ritmo si intensificò e il giovane la colpì come un martello pneumatico; ogni colpo si scontrava con un forte schiocco contro le sue natiche.

Chelsea era quasi gelosa, il suo clitoride, ora formicolio, iniziò a spingere il cazzo di Micheal, aveva fatto bene a durare così a lungo, soprattutto mantenendo un ritmo costante, eppure anche lui, ispirato dall'entusiasmo di Rob, ha anche aumentato il ritmo cercando di eguagliarlo. Con il giovane stallone accanto a lui, Chelsea lo implorò più forte e urlò per averne di più. Oppure stava dirigendo Rob, che forse conosceva entrambe le cose. Rob continuava a picchiare, urlando ad ogni sua spinta

"Ti piace, piccola troia", "esatto, prendi il mio cazzo, puttana"

Micheal fu il primo ad esplodere, il suo cazzo sparò colpi multipli nel profondo della figa di Chelsea, probabilmente fu una buona cosa che lo fece, il suo cuore non poteva sopportare molto di più a quel ritmo. Sentì il carico nel profondo della cervice mentre veniva anche lei un'ultima volta. Ritirò il suo cazzo coperto di sperma, che già cominciava a perdere la sua rigidità. Un forte cigolio dalle labbra della sua figa mentre se ne andava, non aveva finito anche se prese il vibratore dai suoi piedi, ancora inzuppato dalla figa di Keira, lo fece scorrere contro il suo buco una volta poi lo spinse, le sue labbra si aprirono, deglutendo con gratitudine e allungandosi. la spina ora trattiene il suo sperma dentro. Le ordinò di tenerlo lì, cosa che lei fece del suo meglio per fare contraendo i muscoli già stanchi. Lui si avvicinò al suo viso offrendole il suo cazzo ormai semisecco da pulire, che lei succhiò con gioia. Il mix di sudore e di sperma le lasciarono un sapore insolito ma lei lo divorò avidamente. Alla fine lui la liberò dalla catena permettendole di toccare il pavimento con i gomiti, ora solo con il culo in aria, guardando da un'angolazione che le permetteva un vista del cazzo di Rob che scompare dentro e fuori dalla figa della giovane bionda, con l'anello del clitoride che rimbalza per la forza.

Rob urlò tremando quando il primo carico colpì in profondità Keira, il secondo colpo potente quasi quanto il primo colpì più in profondità, tenendo conto del fatto che l'aveva trattenuta in profondità sulla sua asta. Keira, si voltò senza che nessuno glielo chiedesse e si inginocchiò per pulirgli il cazzo, poteva sentire lo sperma gocciolare lungo le labbra della sua figa. Alzò lo sguardo, Rob sorrideva, anche Micheal, ma aveva ancora delle idee.

Uscì di lato lasciando uno spazio tra la finestra e Chelsea. Keira sapeva cosa voleva e se era onesta lo voleva anche lei, allargò le gambe su entrambi i lati della testa sorpresa di Chelsea, appoggiandosi all'indietro mostrandole la sua figa piena di sperma. Michele ha parlato.

"Il tuo ultimo lavoro, lecca la sborra dei tuoi fratelli dalla sua figa, però non lasciarti scappare il tuo giocattolo"

Se non fosse stata così stanca ed esausta probabilmente avrebbe iniziato a leccare la figa di Keira prima che lui avesse finito, detto questo c'era ancora abbastanza in lei per eccitarsi, avrebbe ricambiato con gratitudine il favore che Keira le aveva fatto prima. Anche mangiare lo sperma di Rob non era un problema, non come se non avesse mai preso il suo cazzo prima, non che Micheal lo sapesse. Si sporse in avanti immediatamente inebriata dal profumo della figa appena scopata, la sua lingua saettava dritta nel suo buco dell'amore, succhiò le labbra di Keira mentre si ritirava per prendere aria, la sua unica lamentela era la mobilità ridotta nelle sue mani legate insieme, voleva per avvicinare Keira.

Percependo le frustrazioni di Chelsea e desiderosa di ricevere una leccata più profonda dalla splendida bruna, Keira sollevò il culo, spingendo i fianchi in avanti, permettendo a Chelsea di mettere le mani attorno al suo culo mentre si abbassava. Ora le sue dita possono afferrare il culetto sexy della bionda mentre usa i pollici per aprire la sua figa, esponendo ulteriormente il buco nero che ora trasuda fluido bianco. La lingua di Chelsea continuò il suo assalto, strappando il respiro corto a Keira. Spostò la miscela di fluidi più in alto e sopra il clitoride, girando intorno all'anello ancora allacciato, quando lo succhiò sentì il suo sperma, la sua figa pulsava facendo uscire altro sperma, che lei leccava allegramente. Lo sperma gocciolava lungo il canale fino al culo di Keira formando una pozza attorno al suo anello. Chelsea ricordava la sensazione provata quando prima le avevano leccato il culo e ricambiava il favore. Il mondo di Keira è esploso, la sensazione è stata sensazionale, ha tirato le gambe più in alto come per riflesso dando un maggiore accesso al suo buco vergine. Chelsea continuò a leccare lo sperma che gocciolava dalla figa di Keira, ascoltando per tutto il tempo i suoi gemiti, poteva sentire i suoi succhi accumularsi di nuovo, rendendo difficile tenere il dildo dentro di lei. Continuava a stuzzicare il piccolo buco del culo di Keira con la lingua, sentendola rispondere ad ogni tocco, ha deciso di andare oltre, spingendo la lingua contro la resistenza del suo buco, con il naso ormai praticamente inserito nella sua figa. Keira emise un sussulto, sentì il suo culo aprirsi e la resistenza del suo spinxhter agio, la lingua di Cheslea esplorata dentro di lei mentre dondolava il suo corpo contro di lei, il suo corpo esplose nell'orgasmo, la sua figa e il suo culo pulsavano entrambi, i succhi scorrevano dappertutto La faccia di Chelsea, poi ricadde all'indietro, era esausta.

Micheal e Rob avevano entrambi apprezzato lo spettacolo che avevano messo in scena, Rob era già di nuovo duro mentre Micheal stava lottando, gli effetti del suo Viagra ora stavano passando, anche se aveva ancora un semi di lunghezza relativamente buona, sapeva che non sarebbe stato in grado scopare di nuovo.

"Grande spettacolo" ha dichiarato.

Si rivolse a Rob,

"Sono impressionato da te figliolo, pensavo che avresti rinunciato all'opportunità di scopare la giovane Keira qui quando lei ha protestato, eppure alla fine hai davvero mantenuto il passo." Entrambi guardarono Keira che era troppo stanca per reagire, ma cominciava a rendersi conto di ciò che aveva fatto.

Michele continuò:

"Un paio di cose da sistemare però, figliolo, come sai non tollero il fallimento e come tale la giovane Keira qui aveva bisogno di dimostrarmi il suo valore per mantenere il suo lavoro. Per ora sono indecisa," Keira guardò Micheal in tono quasi supplichevole, non poteva essere stato per niente, pensò.

"Tu, comunque, mi hai impressionato al punto che potrei avere un lavoro per te. Vedo del potenziale nel modo in cui ti comporti, la mia unica preoccupazione è se sai eseguire gli ordini o se la tua lealtà fosse solo verso tua sorella."

Micheal fece il giro della stanza, prese il telefono di Keira che aveva abbandonato e diede una rapida pacca sul sedere di Cheslea. Ritornando alla finestra.

"Allora eccolo qui," si rivolse a Keira.

"Il tuo attuale lavoro se n'è andato, tuttavia, se vuoi mantenere la vita a cui sei abituato, la tua nuova offerta è la seguente. Sarai un piccolo giocattolo del cazzo sia per me che per qualsiasi assistente che assumerò. Ti vestirai come istruito sul lavoro e svolgere i tuoi compiti abituali. Non rifiuterai questi servizi a nessuno, né io né l'assistente ti comanderemo. Ovviamente io sono di grado, quindi quello che dico vale."

Keira è andata a protestare ma è stata interrotta.

"E prima che tu ne parli. Non me ne frega un cazzo di Joe, infatti voglio che tu gli mandi questo video in cui spieghi che ora lavori con lui, un piccolo giocattolo del cazzo. Se resta con te, bene, se se ne va, così sia Penso che sappiamo entrambi che la tua priorità è la piccola vita perfetta che hai grazie a me. Se accetti, mandami il video adesso e vieni qui a succhiarmi di nuovo il cazzo."

Detto questo le gettò il telefono. Si rivolse a Chelsea sollevandole il viso, ammirò quanto fosse carina ricoperta di sperma.

"Hai fatto bene, secondo il contratto che hai accettato sarai l'attrice non protagonista sul set. La tua unica condizione è che devi farlo di nuovo davanti alla telecamera per me."

Chelsea sorrise di essersi umiliata ma finalmente avrebbe realizzato il suo sogno.

"Grazie signore," rispose.

Alla fine si rivolse a Rob.

"Allora tua sorella ha quello che vuole e non c'è più bisogno che tu faccia, vorrei offrirti il ​​nuovo lavoro di assistente, mi aiuteresti in queste situazioni e farò riferire direttamente a te una ragazza, sia che sia Keira rimane da vedere."

Era ancora seduta lì, nuda, contro la finestra, con in mano il telefono.

"Devo vedere che tu possa seguire le istruzioni, però, se vuoi questo lavoro, fece una pausa, guardandolo direttamente negli occhi, rimuovi semplicemente quel vibratore dalla figa di tua sorella e puliscile da tutto lo sperma. Come ricompensa, e considerando che lei è ancora legata da quei adorabili pesi sui capezzoli, puoi prenderla, infatti figliolo, se preferisci prenderle il culo non è stato usato come oggi. Ricorda però che questa è una tua scelta Chelsea ha comunque il lavoro e tu no devi scoparti tua sorella per avere un lavoro a mio carico"

Gli occhi di Rob illuminarono l'opportunità offerta. Prendere di nuovo sua sorella e prenderle il culo mentre era indifesa, era più di quanto potesse mai immaginare.

Chelsea andò a supplicare ma Micheal le mise un dito sulla bocca.

"Ora, ora, questa è una decisione sua, non tua", poi si ritirò sul divano.

"Keira, tesoro, ora devi decidere o cambiarti e andare, oppure sistemare le cose e portare qui quel bel culetto"

Keira fu la prima a muoversi, iniziò ad avvicinarsi alla pila di vestiti, ammucchiandoli poi tra le mani vicino al petto, sperando di smascherare il bluff di Micheal, ma lui non si accorse nemmeno del suo movimento. Si fermò a contemplare la decisione che le avrebbe cambiato la vita, poi alla fine lasciò cadere la pila e premette "Invia" sul telefono.

"Ecco, bastardo," lanciò il telefono a Micheal mentre prendeva posizione tra le sue gambe, dirigendo il suo cazzo flaccido nella sua bocca. Michael semplicemente sorrise.

Chelsea tremava, sicuramente Rob non le avrebbe fatto niente, adesso aveva il lavoro, sarebbe diventata famosa, avrebbe potuto pagare Rob abbastanza da non dover mai lavorare. Diavolo, se questo lo rendeva felice, gli avrebbe anche permesso di scoparla ancora una volta quando non c'era nessun altro in giro, però non c'era modo che qualcuno le infilasse qualcosa nel culo. Le risposte alle sue domande però presto arrivarono, non poté fare a meno di sussultare quando sentì il dildo da 8 pollici ritirarsi, poi spingerlo in profondità ancora una volta, l'umidità dentro di lei ancora più evidente dai rumori che faceva la sua figa. Quando lasciò completamente il suo corpo sentì un'improvvisa ondata d'aria salire dentro di lei e la sensazione familiare di un fiume che scorreva dal suo buco verso il clitoride.

Rob si è posizionato dietro di lei, voleva scopare sua sorella da morire ma non gli piaceva l'idea dello sperma di un altro uomo in bocca, ancora adesso di fronte alla bella figa esposta in faccia ha chiuso gli occhi e ha lasciato che la sua lingua catturasse il composto. di succhi che uscivano, la sua lingua colpì il clitoride, provocando piccoli sussulti da parte della sorella, ingoiò il primo boccone, un misto di dolce e salato, scoprì presto che più Chelsea gemeva e più il suo sapore dolce prevaleva sulla consistenza salata e fibrosa del vecchio. La sua lingua esplorò, la sua figa era davvero gonfia, era stata usata così tanto nelle ultime 72 ore. Si permise di sfiorarle il sedere con la lingua. Chelsea tremava e sussultava involontariamente, la seconda volta che le era stato leccato il culo oggi e il suo corpo lo adorava! Era tutto l'incoraggiamento di cui Rob aveva bisogno e continuava a far scorrere la lingua dal clitoride fino al culo, che sentiva spingere contro di lui ogni volta. Non passò molto tempo prima che tutto ciò che Rob potesse assaggiare fossero i succhi di sua sorella, entrambi i suoi buchi erano fradici, scivolosi di sperma e saliva. Si alzò e si voltò per mostrare a Micheal che era ancora servito da Keira, il suo cazzo mostrava segni di vita ma non era ancora duro, lei stava facendo del suo meglio però.

Michele sorrise,

"Bel lavoro, hai finito allora?"

Questa era l'ultima possibilità per Rob di tirarsi indietro, guardò di nuovo il corpo di Chelsea, la sua figa e il suo culo che sembravano così invitanti. Tutto nella sua testa gli diceva di dire sì, aveva finito.

Invece cadde in ginocchio, sollevò la testa del suo cazzo sfiorando il clitoride di Chelsea e poi attraverso le sue labbra viscide, spinse l'ingresso del suo tunnel dell'amore, non c'era resistenza, fece 2 o 3 colpi, il suo cazzo luccicava dentro i suoi succhi.

Chelsea era completamente insensibile adesso, sapeva che lui la stava scopando di nuovo ma a parte la sensazione occasionale che sentiva poco, voleva solo che finisse, l'indomani sarebbe stata dolorante.

Frustrato dalla mancanza di risposta del suo amante, Rob decise che sarebbe andato oltre, si tirò fuori, senza alcun preavviso, si alzò per dare un'angolazione migliore, quindi diresse la sua scintillante testa di cazzo verso il suo culo. Era stretto, il suo cazzo gli scivolò mentre cercava di spingere dentro. Chelsea si dimenava sotto di lui, non voleva, Rob le tirò indietro i capelli ricordandole il peso sui capezzoli, il dolore la fece congelare per un bel po'. basta, ansimò quando sentì i muscoli del sedere rilassarsi, sentiva ogni millimetro che spingeva dentro, il suo sedere afferrava e tirava ora mentre lui entrava nel turno, per fortuna lui spingeva lentamente permettendole di adattarsi e accogliere l'intruso dentro di lei.

Rob poteva sentire il calore del culo di sua sorella mentre spingeva più in profondità, una sensazione diversa da quella della sua figa, non solo per la tensione ma per il calore e la consistenza delle sue viscere. Alla fine toccò il fondo dentro di lei, il suo osso pelvico appoggiato comodamente contro le sue guance compresse. Lo tenne lì per qualche secondo, osservando la scena davanti a lui e permettendo anche a Chelsea di godersi le sensazioni che provavano nel suo corpo. Si stava davvero godendo, sentimenti che non aveva mai provato la sopraffacevano. Lei gemette sempre di più mentre Rob cominciava a ritirarsi e rientrare in lei, il suo culo che reggeva e stringeva continuamente la sua spessa verga da 7 pollici. Era grata per la lubrificazione che la sua figa le aveva fornito. Tremò mentre il ritmo aumentava, un misto di dolore e piacere mentre suo fratello intensificava il suo ritmo. La resistenza nel suo culo ora sta svanendo e il suo culo è stato tenuto aperto da Rob mentre il suo cazzo scompariva ancora e ancora. Chelsea non aveva controllo sul suo corpo, iniziò a dondolarsi contro il suo cazzo incontrando le sue spinte, poteva sentire la sua figa spremere di nuovo il rivolo che le scorreva lungo la gamba. Poi all'improvviso, proprio mentre si stava abituando al ritmo, sentì Rob adattarsi, ora si accovacciò intorno a lei spingendo verso il basso con le sue spinte, sentì come se stesse cercando di strapparle la figa dal culo. Non poteva negare la sensazione però, mentre Rob aumentava la pressione sentiva il suo corpo crescere, sarebbe davvero venuta dal suo culo martellata? La risposta fu presto data a tutti a portata d'orecchio.

"Ohhhh sì, fuccccccckk! Oh Dio, sì, fottimi il culo" ansimò in cerca di aria tra le sue urla, senza dubbio il più grande orgasmo della giornata, forse anche della sua vita. Il suo culo ora era lubrificato, non sapeva bene da cosa, poteva anche produrre lubrificante? In tutta onestà, è stato soprattutto il precum di Rob dopo l'orgasmo di Chelsea che è dovuto tornare alla sua posizione in ginocchio dietro di lei, lo squat era buono ma gli ha tolto molto. Anche lui si stava avvicinando, Chelsea non era più davvero d'accordo, le sbatteva il culo ora più sciolto, sempre più forte, non gli importava se le faceva del male adesso, i suoi grugniti suggerivano che lo fosse, poteva sentire il proprio orgasmo crescere. Spinse forte e profondo, il suo gemito forte mentre il suo cazzo pulsava dentro di lei, la trattenne profondamente lasciando che ogni colpo riempisse il suo buco caldo e appiccicoso. Si voltò come per chiedere approvazione al vecchio, fece appena in tempo a sorprenderlo mentre tirava indietro i capelli della giovane bionda, accarezzando quello che sembrava ancora sembrare solo un cazzo semiduro, rilasciando quella che ora era una goccia di sperma sul suo viso mentre lui gemette, era davvero esausto. Rob sorrise mentre il vecchio gli schiaffeggiava i resti del suo sperma sulle guance.

Rob ha parlato, rivolgendosi al suo giocattolo del cazzo ufficiale.

"Troia, vieni e pulisci tutto," ritirando il cazzo dal culo di sua sorella. Keira, ora accettando il suo ruolo trasformato, ha preso il suo cazzo in bocca prima di far scorrere la lingua sul culo di Chelsea, alternando i 2.

Michael ora è quasi cambiato. Allacciandosi i pantaloni, si rivolse ai 3 corpi nudi di fronte a lui.

"Ci vediamo lunedì mattina alle 9" con questo li lasciò a riordinare.

Storie simili

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

329 I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Madeliene è solo deserti

Correndo verso la sua macchina con un vestito nero attillato e tacchi alti con cinturino alla caviglia, Madeliene non si accorse dell'uomo in piedi nell'ombra finché non si schiarì la voce. Voltandosi per affrontarlo, vide un uomo alto e muscoloso in pantaloni neri, maglietta e berretto da baseball. Prima che possa reagire, c'è uno scoppio del dispositivo nella sua mano e il suo mondo esplode mentre i dardi del taser la colpiscono nelle costole, erogando 10,00 volt. Crolla sul pavimento del garage, contorcendosi ma incapace di muovere un muscolo da sola. L'uomo la gira rapidamente e le ammanetta le mani dietro...

1.3K I più visti

Likes 0

Una notte sorprendente

I miei amici e io ci siamo sempre divertiti a sperimentare nuovi modi di intrattenerci a vicenda, ma fino a poco tempo fa eravamo a corto di vapore. Io e Dave abbiamo lavorato nella stessa azienda negli ultimi quattro anni, mentre le nostre rispettive amiche, Susan e Jenny, possiedono una piccola boutique di moda. Di solito dopo aver visitato un wine bar o un club, tornavamo a casa mia per un bicchierino o due. Dopo il viaggio di sabato scorso in un wine bar spagnolo locale, eravamo tutti abbastanza allegri e abbiamo deciso di comprare dell'altro vino e tornare a casa...

1.1K I più visti

Likes 0

Ora è la tua occasione, ragazzo

Storia di Fbailey numero 415 Ora è la tua occasione, ragazzo La nostra famiglia è piuttosto unita e abbiamo sempre compagnia nei fine settimana. Papà è vicepresidente in un'azienda manifatturiera qui in città, mamma è segretaria esecutiva in un'altra azienda manifatturiera in città, e io ho quattordici anni e andrò al liceo in autunno. La terza media è un po' spaventosa per me. Essere un nerd informatico, vergine, e avere una grande casa nella parte migliore della città mi renderà sicuramente un bersaglio per gli atleti. Non vedo l'ora di farlo. La nostra camera familiare era il luogo d'incontro generale. Aveva...

904 I più visti

Likes 0

Secondi sciatti_(10)

Finalmente ho i miei secondi sciatti, quindi ho Toni seduto sulla mia faccia che le dice di spingere fuori che viene mentre la mangio fuori. È così piena che il mio viso, il collo e il petto sono coperti da tutto il gocciolamento, non potevo credere a tutto il venire che aveva ancora immagazzinato in quella figa, ma poi di nuovo ha ricevuto almeno 4 carichi lì dentro. Lei si dimena su tutta la mia faccia mentre le succhio il clitoride e le lecco la figa finché non esplode e mi schizza, ora sono completamente fradicio e anche il letto, lei...

803 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.