Fuori Limiti Compagno di Stanza Pt. 3

2.1KReport
Fuori Limiti Compagno di Stanza Pt. 3

Vista. Il calzino rosa, che mi premeva quasi sugli occhi. Era buio, ma dopo questo pomeriggio, sapevo fin troppo bene che c'erano impronte sporche di dita dei piedi e suole in una leggera sfumatura di marrone.

Tocco. L'arco della suola di Shiann, che mi tocca il naso. Le dita dei piedi contro la mia fronte, dimenando leggermente. Il tallone, che mi sbatteva il mento un paio di volte mentre si spostava leggermente verso di me lungo il divano. La sensazione di un tessuto leggermente consumato, qualche brandello di cotone che si era staccato dall'intreccio di cotone a maglia fitta dei suoi calzini.

Suono. "Dimostralo. Dimostra che non sei un ragazzino... Ho alcune cose di cui voglio parlarti, Samuel." Il mio stesso cuore, che batte fuori dal petto. Il suono di qualunque programma di infermiere fosse in TV. Ho sentito un fruscio dalla nostra camera da letto? No, non lo pensavo. Forse - no, sicuramente - una risatina da parte di Shiann.

Gusto. Un uomo deve respirare, giusto? Potevo sentire il calore irradiarsi dal suo piede ed era come se ci fossero fumi che penetravano nelle mie labbra. Il tallone di Shiann aveva toccato le mie labbra solo per un secondo e, come per istinto, la mia lingua si asciugò il labbro inferiore - che cazzo c'è che non va in me? La mia fidanzata era nella stanza accanto! Il sapore salato mi colpì la punta della lingua.

Odore. Qui è dove tutti i miei altri sensi sono crollati. Il profumo dei suoi piedi era... be', era paradisiaco. Avevo annusato le scarpe di Emili dopo una giornata di lavoro, di nascosto, e non si avvicinavano a questo. Avevo annusato il suo piede nudo, dopo la supplica, fresco dopo il lavoro. Quello non si avvicinava ancora all'odore inebriante di Shiann, l'odore delle patatine fritte mescolato al muschio del sudore vecchio di giorni, che mi esplodeva nelle narici. Ha preso tutto in me per non inalare. Pensai di trattenere il respiro, cercando di ignorare ogni impulso del mio corpo ad annusare. Ho annusato, però. A voce alta.

"Giusto." Ha iniziato Shian. Non potevo muovermi, non potevo pensare. Ero paralizzato. Avevo un buco nello stomaco che mi ricordava costantemente che Emili, la mia fidanzata, era in fondo al corridoio. Ed eccomi qui, immersa nel profumo dei meravigliosi piedini della sua sorellina. "Non puoi provarlo perché sei un maniaco del piede, e ti piace questo. Ti sento annusare laggiù, mostro." Mi spinse indietro la testa con il piede finché non fui spinta nell'angolo centrale del divano componibile.

Tirò indietro il piede e si sedette a gambe incrociate. "Ora, Samuel, sappiamo entrambi che devo accettare questo lavoro di cameriera. Emili non mi permetterà di continuare a vivere qui se non lo faccio. Ma, ecco la cosa, ho accettato solo un turno part-time. Non sarò schiavo, 40 ore alla settimana per soldi." Normalmente, è qui che prenderei un tono severo da fratello maggiore. Le direi che questo è il mondo degli adulti, le persone devono lavorare per quello che vogliono. Le direi, gentilmente, di abbandonare l'atto e di smettere di sentirsi dispiaciuto per se stessa e di smettere di provare a farmi sentire in colpa per consentirle di farlo. Invece, fissavo il calzino rosa, sperando che la TV si accendesse di nuovo per vedere le impronte sporche sulle suole.

La vergogna non si è nemmeno registrata a me, né il senso di colpa. Solo i calzini di questa piccola dea davanti a me. Anche la mia erezione durissima non ha aiutato. "Quindi, invece, dirò a Emili che do ottimi consigli, ma sto provando davvero tanto a ottenere una posizione a tempo pieno. E tu mi finanzierai." I miei occhi si alzarono su di lei scioccati.

"F-finanziarti?" Si mise a sedere, velocemente, e premette le dita dei piedi nella mia bocca.

"Ora, ora, Samuel. Sto parlando. Ti occuperai della mia parte di affitto e dirai a Emili che ho pagato per intero." Non potrei parlare per me stesso anche se lo volessi. Il breve assaggio che avevo avuto quando il suo calzino mi sfiorò il labbro non era niente in confronto al sapore del suo calzino sporco nella mia bocca. Correzione, nemmeno il suo calzino in bagno prima aveva la possibilità di batterlo. "Ora, non sono una stronza completa. So che hai delle cose per cui pagare. Come un matrimonio." Lei ridacchiò. Questa era una leva. Ricatto. "Non prenderò tutto il tuo stipendio, anche se potrei, perché sei un tale fottuto incapace. Ti lascerò tenere pezzi e pezzi. Qualunque scarto ti sia rimasto. Sarai come un cucciolo con quei frammenti, vero?"

Ho sussultato. In qualche modo conosceva le parole esatte che mi avrebbero colpito. pushover. Piccoli scarti. Mi sentivo piccola anche se la triplicavo facilmente. "E tu leccherai quegli avanzi, vero Samuel?" Ho guardato la sua gamba, i suoi occhi in attesa. Ho visto il sorriso subdolo. Non avrebbe accettato un no come risposta. Ho annuito. Ha tirato fuori le dita dei piedi dalla mia bocca. "Mi dispiace, non ti ho sentito."

"Va bene, Shi, qualunque cosa tu dica. Per favore, smettila. Se Emili uscisse adesso.."

"No, non 'qualunque cosa io dica.' Voglio che tu lo dica, che leccherai i miei avanzi come un patetico cucciolo di cane". Ha messo il broncio come un marmocchio viziato.

"Io... non sto dicendo questo."

Lei mi guardò, uno sguardo di sfida nei suoi occhi. Spostò di nuovo il sedere sul divano e mi spinse il piede in faccia. "Bene, non dirlo. Mostramelo."

I miei occhi vagarono per incontrare i suoi. Lo spettacolo era finito e lo schermo di anteprima era, ovviamente, un'infermiera, il che significava che lo schermo era quasi completamente bianco. La stanza era quasi interamente illuminata da quella luce bianca e brillante. La vedevo chiaramente. Il che significava che poteva vedermi chiaramente. I suoi occhi guardarono la mia erezione, che stava causando una tenda nei miei pantaloni della tuta. Lei ridacchiò. L'altra sua gamba si mosse all'improvviso e tenne le dita dei piedi con i calzini rosa a pochi centimetri dalla punta del mio cazzo. Un leggero guizzo delle sue dita dei piedi e le sue dita entrarono in contatto. Un brivido percorse il mio corpo e cercai di nasconderlo alla sorella minore della mia fidanzata. Ho sentito il mio cazzo sobbalzare mentre lei trascinava l'alluce lungo il mio cazzo, e poi lo tirava via.

La fece passare e spinse la punta dell'altro piede contro il mio naso. L'odore di nuovo inghiottì completamente i miei sensi e il mio cazzo sussultò di nuovo. Avrei giurato di aver emesso un gemito, ma non potevo dirlo a causa del suono impetuoso nelle mie orecchie e del fatto che potevo concentrarmi solo sull'assicurarmi che non ci fossero rumori provenienti dalla mia camera da letto. Sapevo che non potevo farla aspettare; Potevo sentire il senso di autorità nel suo tono. Ho tirato fuori lentamente la lingua e l'ho fatta scorrere sul fondo della sua suola. La peluria del calzino mi solleticava la lingua, ma ancora una volta, quel senso si registrava a malapena mentre il sapore del suo calzino sporco mi avvolgeva la lingua. Abbassai la testa e leccai di nuovo dal tallone alla punta, assaporandone il sapore.

"Toglilo. Voglio vedere se ti divertiresti di più con il calzino come facevi prima, o con il mio piede vero."

Come un indemoniato, le mie braccia agiscono indipendentemente dalla mia mente, le raggiunsi la caviglia. Il senso di colpa mi artigliava mentre le mie dita accarezzavano la caviglia del suo calzino e lo tiravo, lentamente, lungo il suo piccolo piede. Ho fissato le sue dita dei piedi. Dipinto blu navy, il mio colore preferito per dipingere le dita dei piedi. Un colore strano per lei, a meno che... non abbia usato quello di Emili? Mi sono subito ricordato della mia colpa e della mia fidanzata nella stanza accanto, ma si è placato quando il pensiero ha attraversato la mia mente che questo fosse premeditato?

"Non ho detto che potevi fermarti. Aspetta, cucciolo." Ero tutto quello che potevo fare per non gemere, ho messo la mia lingua sul suo tallone e l'ho trascinata su per le sue piccole suole sottili e sudate. Mentre la mia lingua si muoveva attraverso l'arco liscio della sua suola, lei arricciò le dita dei piedi e la suola si increspò dappertutto. "Che solletico! Non c'è da stupirsi che tu sia stato così veloce a leccarmi le piante dei piedi, Emili probabilmente non te lo permette mai, lei odia che le sue piante vengano solleticate!" Anche sentirla pronunciare il nome di sua sorella non mi ha fermato. La mia lingua fece scorrere ogni scanalatura della sua suola rugosa, alla base delle sue dita dei piedi. Ho girato la testa in modo che la mia lingua potesse inclinarsi sotto ogni dito in un colpo solo.

La puzza della sua suola nuda alla fine mi colpì quando la mia lingua fu sotto il suo mignolo, perché significava che il mio naso era premuto tra il suo alluce e quello accanto. Ha teso le dita dei piedi, pizzicandomi il naso. La mia lingua era congelata sul suo dito mignolo. L'odore di formaggio dei suoi piedi sudati, ora sputati, era più di quanto potessi sopportare. Potevo sentire il mio cazzo pulsare ad ogni inspirazione. Shiann lasciò andare il mio naso e io ripresi a leccare, questa volta sotto le dita dei piedi. La mia lingua stava raccogliendo frammenti di pelucchi di calzini mentre andava, così come ogni pezzo salato di sudore secco.

Quando sembrava che fosse soddisfatta, e io pensavo di sicuro all'estenuante tortura di dover adorare le suole di questo piccolo moccioso (ok, non era poi così male) mi spinse entrambi i talloni nel petto. Poi ha usato il mio petto come piattaforma per togliersi il calzino sinistro con la punta del piede destro, a pochi centimetri dal mio viso. Quando quel calzino fu tolto, lo raccolse con un piede, per le dita dei piedi e mi guardò. "Apri. Voglio che te lo metta in bocca come sono sicuro che hai fatto prima..." Feci come mi era stato detto. Inutile reagire adesso. A meno che Emili non entrasse e mi vedesse fare tutto questo così volentieri...

Una volta che le mie labbra si sono aperte, ha iniziato a infilarmi il calzino in bocca usando solo le dita del piede destro. Con il piede sinistro spinse contro il mio petto, più forte di prima, facendomi sprofondare ancora di più nel divano. Divenne così scomodo che dovetti spingere il sedere sul divano, più vicino a lei. Ero praticamente sdraiato ora, i suoi piedi appoggiati sul mio petto, il suo calzino disgustoso premuto nella mia bocca, che penzolava di un paio di centimetri. La mia testa era sollevata quel tanto che bastava per vedere cosa avrebbe fatto dopo.

Shiann, la cagna mocciosa diciannovenne i cui piedini mi avevano segretamente tormentato per l'ultimo anno o giù di lì, mi aveva portato in bagno con un calzino infilato in tasca così tante volte per masturbarmi, ha raggiunto e tirato il mio pantaloni della tuta giù quel tanto che basta che il mio cazzo saltò fuori. Mi sorrise, lo afferrò con le sue mani sottili e cominciò ad accarezzarlo. Poi, i suoi piccoli piedi premuti contro il mio viso.

Ero completamente avvolto da loro. L'odore del sudore della giornata, che si era infettato negli stessi calzini per almeno due giorni, mi invase le narici. L'intensità con cui quell'odore mi dava piacere, unita alla rapidità con cui stava accarezzando su e giù il mio cazzo nudo, mi aveva già portato a pochi centimetri dall'orgasmo. Ha fatto scivolare rudemente le sue dita lungo la base del mio cazzo e ha stretto forte. L'ho sentito arrivare, mi sono sentito pronto a scoppiare, aspettando solo che lei alzasse la mano e mi desse una dolce liberazione...

Ma all'improvviso si è lasciata andare. La luce bianca della TV sostituì la visione delle sue suole rugose. Rotolò giù dal divano, lasciandomi con il mio cazzo in piedi sull'attenti, all'aperto. Si avvicinò alla mia testa e si chinò, le sue labbra a pochi centimetri dal mio orecchio.

"Non vedo l'ora che arrivi il nostro accordo. Non vedo l'ora di spendere tutti i tuoi soldi, e poi tornare a casa dal lavoro e farti pulire di nuovo i piedi." Mi baciò la fronte e mi tolse il calzino dalla bocca. "Oh, e non ti è permesso masturbarti stasera. Se scopro che l'hai fatto, dirò a Emili che ti ho beccato ad annusare i miei calzini sporchi fuori dal bucato. Chissà cosa ne penserebbe. .."

Poi, Shiann si ritirò nella sua stanza, lasciandomi sdraiato sul divano con il mio cazzo e le mie palle blu appese. Rimasi sul divano per quasi un'ora, aspettando che la mia vergogna e il mio senso di colpa diminuissero, prima di tornare a letto con la mia fidanzata.

Storie simili

Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. Brandon, sei qui? Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di...

728 I più visti

Likes 0

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

1.4K I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

1.3K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

1.8K I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.1K I più visti

Likes 0

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

821 I più visti

Likes 0

Orrori combinati - cap. 02 - La caccia

Orrori combinati. Se questo è il tuo primo capitolo da leggere, sarebbe meglio leggere prima il capitolo 1, per digerire questa storia, grazie per la tua preoccupazione.. http://www.sexstories.com/story/83926/ Capitolo 2: la caccia. Nella stessa notte (Mado) non era ancora sicuro di cosa intendesse la creatura dicendo ... AVRAI POTERI SULLE FEMMINE, NESSUNA FEMMINA SAREBBE MAI IN GRADO DI RESISTERE AL TUO FASCINO... Cosa diavolo significa? Aveva bisogno di provare prima di mettersi in viaggio con (Noga). Non riusciva a pensare a una vittima migliore della giovane cameriera che avevano in casa, e per giovane significa che era più giovane di (Noga)...

998 I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

831 I più visti

Likes 0

Il Bar_(0)

Sono entrato nel bar circa un'ora prima dell'orario di chiusura. Mi ero avvicinato al bar per prendere un drink quando la cameriera del bar fu chiamata dall'altra parte del bar mentre iniziava a mescolare il mio Jack e Coca-Cola. Ho guardato il suo culetto stretto ondeggiare lontano da me sotto i suoi lunghi capelli biondi e ho pensato che essere stata chiamata via prima che prendessi il mio drink non fosse una brutta cosa, il suo vestito nero attillato le aderiva così bene al culo che potevo vedere il suo perizoma. Quando la cameriera del bar è tornata ho visto che...

318 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

196 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.