Bambina in fondo alla strada

624Report
Bambina in fondo alla strada

Tu la conosci

Vive a un isolato da te. Il suo nome è Kara e vive con il fratello e la sorella minori. Adesso deve avere circa 10 anni e sua sorella e suo fratello hanno 8 e 6 anni. La sua famiglia si è trasferita nel quartiere circa 5 anni fa. Suo padre è un venditore per un concessionario Dodge dall'altra parte del fiume e sua madre è un'infermiera in una casa di cura dall'altra parte della città.
Conoscevo i suoi genitori vedendoli mentre guido e ci salutiamo o quando porto a spasso il mio cane. Parliamo del tempo e di cosa sta succedendo con i vicini.
Kara è un po' timida quando la vedo giocare con gli altri bambini. Ci sono solo pochi bambini con cui può giocare e la maggior parte di loro sono maschi, ma ci sono un paio di ragazze più giovani. La vedo ogni tanto giocare con le bambine, ma loro vogliono sempre giocare con le bambole e lei pensa di essere troppo vecchia per questo.
Per gran parte dell'estate la vedo andare in bicicletta con un paio di ragazzi, uno ha 13 anni e si chiama Robbie e l'altro ha 9 anni e si chiama Joey. Alcune volte li ho catturati dietro casa mia che ha un piccolo bosco appena all'interno del confine della mia proprietà. La maggior parte delle volte sono nel loro forte che costruiscono utilizzando il legno della spazzatura dei vicini prima che lo spazzino possa raccoglierlo.
Un giorno ho visto del fumo uscire dal forte e ho detto loro di abbatterlo prima di dare fuoco al bosco. I ragazzi erano incazzati con me, ma sapevo che avrebbero trovato un altro posto dove uscire, cosa che fecero, ma senza che io lo sapessi. Avevo un capannone sul retro dove tengo tutti gli attrezzi da giardino e le cose che non uso mai. Era un grande capannone collegato al mio garage tramite una porta. Naturalmente il garage ha finestre su un lato.
Torniamo da Kara ora che conosci il mio cortile. È molto bassa per una bambina di 10 anni, circa 4'8" ed è magra ma non magra. Robbie ha un'altezza normale, così come Joey. I nonni di Kara dovevano essere in parte asiatici perché lo si vedeva dai suoi occhi e dal colore della sua pelle. Era una ragazza bellissima e stava appena iniziando a maturare con un seno piccolo e un bel sedere. Le sue gambe sembravano formate da un artista che lavorava l'argilla. Le piaceva indossare gonne corte e una camicia abbottonata con le code legate all'ombelico. Ha i capelli tagliati corti con la frangia. A volte sembra un ragazzo da lontano, ma da vicino ora è tutta una ragazza.
Certi giorni, quando lavoro in giardino, giuro che mi prende in giro passandomi accanto e alzandosi sui pedali e sporgendosi sul manubrio in modo che io possa guardare le sue mutandine o sedendosi sul sedile con i piedi sulle sbarre così Posso vedere le sue belle gambe.
Un giorno ho guardato fuori dal finestrino posteriore e ho potuto vedere lei e i ragazzi nel bosco e Robbie era seduto a terra con Kara in piedi davanti a lui con le mani sotto la gonna. Potevi vedere che stava giocando con la sua figa e lei stava cercando di scappare ma lui le teneva una mano sul sedere mentre giocava. Joey era lì a guardare cosa stava facendo Robbie con Kara. Quando mi hanno visto i ragazzi sono saltati in piedi e sono scappati, ma Kara è rimasta dov'era, troppo spaventata per muoversi. Le ho detto di tornare a casa e non avrei detto niente ai suoi genitori.
Sono passate due settimane dopo e li ho ripresi di nuovo, ma questa volta Kara era a terra e Robbie era in piedi. Robbie aveva i pantaloni abbassati e le teneva la mano sul cazzo. Lo fissava come se fosse un cane di cui non era sicura. Potevo vedere la sua mano e la sua muoversi avanti e indietro e lui le stava urlando di continuare così. Sono rimasto lì per vedere cosa è successo. L'ho visto togliere la mano e lei continuava a muoverla. Due minuti dopo Robbie muoveva il sedere avanti e indietro e le diceva più velocemente. Quando lo fece, lui le afferrò la mano mentre le spruzzava sperma su tutta la mano. Sembrava stupida e fondata ma non ha mai tolto la mano dal suo cazzo. Quando ebbe finito si tirò su i pantaloni e poi se ne andò seguito da Joey.
Kara rimase lì a guardarsi la mano grondante di sperma, si guardò intorno e mi vide lì a sorridere e lei sorrise di rimando ma se ne andò a casa come se il diavolo fosse dietro di lei. Quelle gambe corte correvano più veloci che potevano e la sua gonna corta era sollevata intorno alla vita. Rimasi semplicemente lì a desiderare che fosse il mio sperma quello che aveva sulla mano.
Il giorno dopo, mentre portavo a spasso il mio cane, lei era fuori in cortile con sua madre e le ho sorriso e ho fatto l'occhiolino mentre mi mettevo il dito sulle labbra. Lei sorrise, alzò la mano e si leccò le dita. Parli di essere sorpreso, i miei occhi devono essere fuori dalle orbite. Sono inciampato e ho quasi soffocato il mio cane e Kara è rimasta lì e ha ridacchiato come una bambina di 4 anni.
Il sabato successivo stavo tornando dalla passeggiata con il cane verso mezzogiorno quando ho sentito delle voci dal cortile sul retro. Ho fatto il giro della casa ma non c'era nessuno. Poi li ho sentiti di nuovo, venivano dal mio capannone. Ho sentito gemere e gemere, ma non era per il dolore, mi sembrava un suono di piacere. Mi sono avvicinato e ho guardato nella finestra aspettandomi di vedere Kara che massaggiava di nuovo il cazzo di Robbie, invece era in ginocchio con il cazzo di Robbie in bocca e quello di Joey in mano che lo prendeva come un matto. Robbie le teneva la testa tra le mani mentre pompava il suo piccolo uccello dentro e fuori dalla sua bocca. Kara indossava una gonna oggi e ho notato che aveva l'altra mano tra le gambe. Sono rimasto lì a guardare mentre i due ragazzi si divertivano come me. Devo aver fatto un piccolo rumore perché Kara ha guardato verso la finestra e mi ha visto guardare. Pensavo che sarebbe saltata su e sarebbe corsa, ma no, ha continuato a succhiare il cazzo di Robbie e ho potuto vedere dai suoi occhi che aveva un sorriso sul viso.
Il piccolo Peter di Joey deve essersi sentito dolorante perché le ha tolto la mano e si è voltato con un'espressione addolorata sul viso. Gli è capitato di alzare lo sguardo e di vedere la mia faccia nella finestra, ha dato una gomitata a Robbie e ha indicato la finestra. Lo sguardo sul volto di Robbie era di paura. Afferrò i capelli di Kara e le tirò fuori il cazzo dalla bocca così velocemente che lei stava ancora succhiando aria. Mentre Robbie faceva questo, Joey si era alzato i pantaloni e si dirigeva verso la porta più velocemente che poteva. Mentre Joey stava attraversando la porta, Robbie stava cercando di correre e tirarsi su i pantaloni allo stesso tempo, cosa difficile da fare, è arrivato alla porta e si è fermato per allacciarsi i pantaloni ma la testa del suo cazzo sporgeva ancora da dentro. cerniera. Lanciò un grido che tutti i vicini dovettero sentire. Mi sono afferrato l'inguine solo sapendo quanto dolore provava. Dopo l'urlo stava correndo così velocemente che era fuori dalla vista prima che Joey lo fosse.
Ho guardato indietro nella finestra immaginando che anche Kara sarebbe stata in fuga, ma no, era ancora in ginocchio con la mano ancora tra le gambe. Mentre la guardavo, guardò nella mia direzione e mi sorrise. Poi iniziò a muovere la mano più velocemente e a gemere più forte. L'ho guardata mentre si alzava la gonna così potevo vedere le sue dita che giocavano sulla sua figa. Urlava come una gatta in calore e continuava a sorridermi attraverso la finestra. Dopo circa 30 secondi si è leccata le dita, mi ha salutato ed è uscita senza fretta perché sapeva che non l'avrei detto a nessuno.
Sono entrato in casa e mi sono sdraiato sul divano con una bottiglia di olio per bambini e mi sono fatto una sega pensando che avrei dovuto essere io a succhiare. Dopo avermi sborrato sulla mano, desiderando che fosse il suo viso e la sua lingua, mi sono addormentato sognandola.
Un paio di giorni dopo, mentre ero seduto sulla veranda, ecco che Joey e Robbie camminavano per la mia strada con Robbie che camminava piegato come se stesse ancora soffrendo. Grido ciao e sorrido mentre mi metto la mano sul cavallo. Joey ha iniziato a ridere e Robbie mi ha mostrato il dito medio.
Il giorno dopo stavo falciando l'erba e quando ho guardato qui sono arrivate Kara e la sua amica, quando sono arrivate davanti a casa mia Kara ha sussurrato qualcosa alla sua amica e hanno smesso di camminare. Kara deve aver deciso che la sua scarpa aveva bisogno di essere allacciata, quindi si è girata dall'altra parte e si è piegata in vita per allacciarsi la scarpa. Indossava un abito da sole molto più corto di quanto le avessi mai visto indossare. Mentre si chinava potevo vedere fino al suo bellissimo culetto che era nudo come poteva essere, senza mutandine in mezzo e lei era piegata così tanto che la sua testa era quasi abbassata fino alle ginocchia, che posto per gli occhi irritati. Ancora una volta Kara ha sussurrato alla sua amica e la sua amica si è girata per vedere se stavo guardando le ho detto qualcosa. Doveva aver pensato che anche l'altra scarpa avesse bisogno di essere allacciata, così si sedette sull'erba, questa volta di fronte a me, e allargò le gambette in modo da poter allacciare quella scarpa. I miei occhi dovevano essere fuori dalle orbite perché lei sorrise ed entrambe le ragazze ridacchiarono e mi salutarono.
Il giorno dopo, presto, stavo guardando la TV quando ho sentito bussare alla porta sul retro. Sono andato a rispondere e c'era il fratellino di Kara lì con un biglietto in mano. Me lo porse, si voltò e se ne andò, ma noto che Kara era in piedi lungo la casa e ci guardava. Ho guardato il biglietto e c'era scritto (posso giocare nel tuo capannone più tardi nel corso della giornata, i ragazzi non saranno lì con me). Parla di essere sorpreso. Ho semplicemente guardato il biglietto senza credere a ciò che diceva. Dopo averlo letto per la terza volta ho alzato lo sguardo e ho visto che Kara stava ancora guardando. Ho annuito di sì e lei ha sorriso, mi ha salutato con la mano e è tornata a casa.
Ho corso e sono saltato sotto la doccia e ho finito in pochi minuti. Pensavo che l'orologio si fosse fermato perché il tempo sembrava andare al rallentatore. Ogni pochi minuti guardavo l'orologio o guardavo fuori dalla finestra per vedere se stava arrivando. Findley, dopo quelle che sembravano ore, la vidi attraversare l'angolo del mio cortile diretta al capannone.
Dopo circa dieci minuti sono uscito ed sono entrato nel garage utilizzando la porta basculante aperta che chiudo appena entrato. Vado verso la porta che va dal garage al capannone, non sapendo in cosa mi stavo cacciando, ho apri la porta. Kara era seduta lì sul pavimento ad aspettarmi con addosso il suo corto prendisole giallo. Che bel sito, mi è saltato il cuore in gola. Tremavo come una foglia durante una tempesta e il mio cazzo mi saltava nei pantaloncini come una rana toro che salta in uno stagno. Kara non ha mai staccato gli occhi da me mentre chiudevo la porta. Quando mi sono avvicinato a lei mi ha chiesto se dovevo coprire la finestra in modo che nessuno potesse sbirciare come avevo fatto io. Accidenti, non è stupida. Potevo semplicemente vedere i miei vicini guardare dentro e poi vedermi mentre venivo portato via in un'auto della polizia.
Ha preso l'iniziativa e mi ha chiesto se volevo che facesse quello che ha fatto per Robbie. Glielo dicevo solo se voleva e le chiedevo se le piaceva farlo. Lei sorrise e disse che le piaceva. Le ho chiesto se lei e Robbie lo facevano spesso e lei ha detto un paio di volte, ma lo ha fatto anche con sua cugina un paio di volte. Ha detto che aveva 16 anni ma era piccolo per la sua età. Ha detto che aveva visto la mia erezione quando mi aveva preso in giro mentre si allacciava le scarpe davanti a casa mia e voleva farlo con me.
Mi sono seduto su una panchina che avevo preparato per il capannone e le ho chiesto di sedersi sulle mie ginocchia. Non appena detto, lei era sulle mie ginocchia, di fronte a me, con le gambe una su ciascun lato delle mie. Le chiedo se le piace baciare e lei dice che bacia sua cugina solo poche volte, Robbie non l'ha mai baciata. Che stupida merda, ho pensato. Ha detto che le piaceva quando suo cugino la baciava usando la lingua mentre le passava le mani sui piccoli seni. Le chiedo se le è piaciuto quando i ragazzi la baciano tra le gambe. I suoi occhi raddoppiarono di grandezza e dissero che nessuno lo faceva. Le ho chiesto se mi avrebbe permesso di essere la prima a leccarle la figa, non riusciva a dire di sì abbastanza velocemente.
Mentre eravamo seduti lì, ho spostato le mie mani lungo la sua schiena mentre avvicinavo le mie labbra alle sue. Quando ho iniziato a baciarla, la mia lingua ha scoperto che le sue labbra si erano aperte e lei stava cercando la mia lingua con la sua. Sapeva di fragole. Dopo il secondo bacio gemeva tanto quanto me. Non ne ho mai abbastanza delle sue labbra e della sua lingua. Stava strofinando i suoi piccoli capezzoli contro il mio petto e mi faceva impazzire. Le ho tolto le mani dalla schiena e le ho spostate sul suo seno che era abbastanza grande da poterlo tenere nel palmo della mano. Si strofinò più forte tra le mie mani e gemette nella mia bocca.
Le ho chiesto se potevo sbottonarle il vestito davanti e lei si è limitata a sorridere e ad annuire di sì. Nel giro di pochi secondi le avevo aperto il vestito fino alla vita, con le mie labbra attorno a uno dei suoi capezzoli rosa e arrotolando l'altro capezzolo con le dita. Si stava dimenando sulle mie ginocchia, avevo paura di venire se non avesse smesso. Le ho chiesto di girarsi in modo che fosse rivolta lontano da me, avresti pensato che le avessi urlato contro, lei mi ha semplicemente guardato e mi ha chiesto perché. Le ho spiegato il motivo e lei ha sorriso mentre si voltava. Ho iniziato a baciarle il collo e, come la maggior parte delle donne, le è piaciuto molto. Ho spostato di nuovo le mani sul suo seno e ho iniziato a spremere entrambi i capezzoli contemporaneamente. Lei gemette, alzò la mano sotto il vestito e iniziò a giocare con se stessa. Le ho detto che quello era il mio lavoro. Mentre toglie le mani, faccio scorrere le mani sulle sue bellissime gambe sottili fino in cima. Quando sono arrivato alla V tra le sue gambe mi sono reso conto che non aveva le mutandine, era pronta.
Quando le ho afferrato la figa con la mano ho potuto sentire un po' di peluria color pesca in cima alla fessura. Mentre la strofinavo lei si dimenava, più la strofinavo più lei si dimenava e gemeva. Ho iniziato a far scorrere il dito su e giù per le sue piccole labbra esterne, stava diventando sempre più bagnata di minuto in minuto. Dopo qualche minuto ho premuto il mio dito sulla parte superiore della sua fessura e ho trovato il suo clitoride che era quasi troppo piccolo per essere palpato, ma ho capito quando l'ho trovato perché ha emesso un gemito stridulo e ha premuto la mia mano su di lei. Ho iniziato a massaggiarlo e lei non riusciva a smettere di dimenare i fianchi e gemere. Ho sentito che i suoi succhi iniziavano a fluire come alcune donne con cui sono stata. Il suo culo si stava strofinando sul mio cazzo così forte che ho dovuto tenerla ferma. Non potevo sopportare molto più sfregamento.
Dopo un po' si è raffreddata abbastanza da permettermi di far scivolare la punta del dito dentro di lei. Era così stretta che sapevo che non avrei mai infilato il mio cazzo nella sua fica senza fare male a lei e a me stesso. Le ho chiesto di alzarsi in modo da poterle togliere il vestito, perché volevo vedere il suo meraviglioso corpo in tutto il suo splendore. Si alzò, si allontanò di qualche metro e si voltò verso di me prima di sollevare il vestito sopra la testa. Rimase lì e poi mi chiese se mi piaceva il suo aspetto. Che corpo aveva per una bambina di 10 anni. La sua vita era così piccola e sembrava che si allargasse proprio nei punti giusti per formare i suoi fianchi e il suo culo. Pensavo che le sue gambe fossero sottili ma dopo averla vista lì in piedi si abbinavano perfettamente al resto del suo corpo. Solo un po' di grasso sulla pancia che ti diceva che non era ancora un'adolescente. Ero in soggezione nei suoi confronti. Dio ha creato la donna ma il diavolo aiuta a creare questa bambina. Aveva un corpo così bello da essere malvagio. Dio aiuti i ragazzi e gli uomini che la vedono nel modo in cui la vedo io lì adesso.
Kara poi allungò la mano e fece scorrere la mano sul mio cazzo che era rigido come un'asse sotto i pantaloncini e mi chiese se mi piaceva. Le ho detto che nessuna parola poteva descrivere quanto mi piacesse guardarla. Lei sorrise, poi si inginocchiò e mi appoggiò la testa in grembo. Quando ho sentito il suo viso posarsi sul mio cazzo sono quasi venuto in pantaloncini. Un vecchio non può sopportare molto di più, ho pensato. Lei sollevò la testa e mise una mano sotto ciascuna gamba dei miei pantaloncini e iniziò a massaggiarmi il cazzo. Le ho detto che per il momento doveva smettere perché volevo baciarle la fica e passarci sopra la lingua. Lei tirò fuori le mani e si alzò. Prendo una vecchia coperta dallo scaffale e le chiedo di sdraiarsi. Senza pensarci due volte si sdraiò e ridacchiò con un sorriso sulle labbra.
Mi sono caduti i pantaloncini mentre lei guardava. I suoi occhi diventarono grandi come piattini quando vide il mio cazzo che ondeggiava davanti ai suoi occhi. Non è grande ma con 5 pollici e una testa come una pallina da ping pong le sembrava davvero grande. Mi sono sdraiato con il cazzo vicino alla sua testa e con il viso a pochi centimetri dalla sua figa, potevo sentire l'odore della sua figa. Era come un profumo che nessuno poteva imbottigliare. Se potessero, vorrei acquisire la società che lo imbottiglia. Ho fatto scorrere le mani su e giù per le sue gambe e poi ho lasciato che la mia lingua facesse la stessa cosa. Niente mi eccita come le belle gambe di una giovane ragazza. Ho lasciato che la mia lingua scivolasse lungo la fessura della sua figa fino al clitoride, a questo punto gemeva così tanto che ho dovuto chiederle di mettersi le dita in bocca e succhiarle in modo da non costringere i vicini a chiamare la polizia. Presi i pollici, le allargai le labbra e feci scorrere la lingua fino al clitoride. Quando ho iniziato a leccarla ha iniziato a tremare e gemere così forte che ho dovuto fermarmi. Mi sono spostato per poterle attaccare la fica dal basso e mettere le sue gambe intorno alla mia testa. Era così bagnata che potevo fare la doccia nei suoi succhi. Mi sono lavato la faccia con loro. All'improvviso la sentii urlare attraverso le dita che succhiavano e lei si irrigidì e mi avvinghiò le gambe alla testa. Mi sentivo come se fossi in una morsa. Dopo qualche minuto staccai le sue gambe dalla mia testa e mi sedetti. Mi sono voltato e ho iniziato a baciarla con le labbra e la lingua che trattenevano ancora i succhi della sua figa. Aprì gli occhi e sorrise, poi iniziò a leccarmi la faccia bagnata. Le chiedo se le piace il sapore della sua figa e lei dice che mi piace di più il cazzo.
Si è seduta e mi ha spinto sulla schiena, poi si è seduta sul mio petto. Scivolò su e giù sul mio petto e poi mosse la sua figa sul mio viso in modo da potermi strofinare i suoi succhi addosso. Dopo che mi ha bagnato il più possibile, è scesa e mi ha leccato. Sono rimasto stupito che una bambina di 10 anni lo avrebbe fatto. Poi si è abbassata e si è seduta tra le mie gambe e si è abbassata per tenere il mio cazzo in mano. Lei si spostò su di esso e cominciò a strofinare la testa sulla fessura della sua figa. L'ho fermata dicendo che non era pronta per quello, lei mi ha sorriso e ha detto che sapeva che non sarebbe andato bene e che non lo voleva, voleva solo sentirlo sul clitoride. Dopo qualche massaggio ha appoggiato la testa sulla mia pancia e ha iniziato a far scivolare la mano su e giù sul mio cazzo. Ero in paradiso. Quando ha spostato la bocca sulla testa del mio cazzo non ero pronto per il calore della sua bocca. Ha iniziato leccando la testa e ha usato la mano per palparmi le palle. Ha poi detto che nessun ragazzo le aveva permesso di tenere le palle in mano. Le ho detto che ogni volta che voleva era più che benvenuta. Mentre prendeva il mio cazzo in bocca usava la sua piccola lingua per leccarmi la cresta della testa. Adesso gemevo carico come lo era stata lei mentre la mangiavo. Ho afferrato uno dei suoi piedini e ho iniziato a succhiarle le dita dei piedi in modo che i miei gemiti non allarmassero nessuno fuori dal garage. Ha provato a portarmi dentro fino in fondo, ma ha scoperto che non sarei stato adatto neanche lì. Dopo diversi tentativi e conati di vomito, ha succhiato il più possibile, cosa che ho trovato. Stava succhiando e facendo scorrere la mano su e giù per il mio cazzo e usando una mano per giocare con le mie palle, non potevo sopportare altro. Le ho detto che stavo per venire e che lo avrei tirato fuori, ma lei ha iniziato a succhiare più forte e ha alzato lo sguardo in modo che potessi vedere il mio cazzo nella sua bocca. È bastato questo, ho gemito e ho sparato il mio sperma nella sua bocca molto calda. Ha iniziato a canticchiare sulla punta del mio cazzo e mi ha fatto impazzire. Ho provato a ficcarglielo in gola ma lei mi ha trattenuto. Le ho tenuto la testa finché non ho potuto più tenere la sua lingua sul mio cazzo. Sono uscito e lei sorrideva come se avesse appena scoperto di aver preso tutti i 10 in pagella.
Dopo che ci siamo vestite mi ha chiesto quando potremmo rifarlo e la prossima volta proverei a scoparle la figa. L'ho fatta sedere sulle mie ginocchia e ho detto che sì, possiamo farlo di nuovo, ma no, non le scoperò la piccola figa e non voglio che nessun altro uomo o ragazzo lo faccia. Ha detto perché no e io ho detto che non è abbastanza grande. Le ho detto che quando sarà la scoperò volentieri. Le ho detto che la prossima volta possiamo fare di più se lei è disposta.
Ha un bel culo e scommetto che riesco a infilarci una pallina da ping pong con pochissimo dolore. Potrei provarlo qualche volta.

Storie simili

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

2.6K I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

2.4K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

2.4K I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

2.4K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2.1K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

2.3K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

2K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2.2K I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.