Dodici giorni schiavo 2 di 13

565Report
Dodici giorni schiavo 2 di 13

Vicki, una giovane donna che lavora per un grande magazzino, trova un modo per aggirare le etichette elettroniche di restituzione sugli abiti costosi venduti dal negozio in cui lavora. Ciò le consente di acquistare abiti il ​​venerdì, indossarli agli eventi durante il fine settimana e restituirli il lunedì.

Quando un vestito molto costoso che indossa viene rovinato a una festa, tutto va a rotoli. Le verrà addebitato il vestito e non potrà in alcun modo permettersi di pagarlo. Un giovane che ha conosciuto di recente le regala un programma che le permetterà di eliminare gli addebiti dal suo conto. Sfortunatamente, quel programma contiene un virus che infetta non solo i computer del negozio in cui lavora, ma anche molte altre attività.

Questa è la storia della sua condanna come terrorista e di cosa le succede quando viene condannata alla schiavitù penale. La schiavitù penale non è impossibile negli Stati Uniti d’America. Il tredicesimo e il quattordicesimo emendamento alla Costituzione NON vietano la schiavitù. LIMITANO solo la schiavitù alla punizione per i crimini. In altre parole, la Costituzione consente la schiavitù penale.

Questa storia tratta di punizioni non consensuali, dolore e schiavitù involontaria. Se tali argomenti ti offendono o ti turbano, consiglierei di saltare questo libro in particolare.

Ci sono tredici capitoli di questa storia. I capitoli possono essere letti da soli, ma la storia si comprende molto meglio se si sono lette le parti precedenti. La storia completa è tutta la lunghezza del libro. Ho pensato di pubblicarlo con alcuni dei miei altri libri su Fiction4all, ma ho deciso che avrei preferito serializzarlo e pubblicarlo qui.

Una descrizione dei tredici capitoli segue la fine di ogni capitolo. Questo capitolo racconta il "Giorno del pentimento" di Vicki e la sua umiliante discesa nella schiavitù, inclusa la sua ribattezzazione come signorina schiava. Il capitolo è incentrato principalmente sulla nudità pubblica e sulla pubblica umiliazione.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

AVVERTIMENTO! Tutti i miei scritti sono destinati SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono di fantasia e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.

Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in qualsiasi stato, provincia, nazione o territorio tribale che vieta la lettura degli atti descritti in queste storie, interrompi immediatamente la lettura e spostati da qualche parte che esiste nel ventunesimo secolo.

L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia sono consentite, ma solo se nell'articolo sono inclusi il riconoscimento del copyright e la dichiarazione di limitazione d'uso. Questa storia è protetta da copyright (c) 2016 di The Technician.

I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. È espressamente vietata la produzione di più copie di questa storia su carta, disco o altro formato fisso.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =
* * * * * * * * * * * *

Capitolo due: un giorno di pentimento

Due settimane dopo la sua condanna, alle nove del mattino, Vicki era sui gradini del tribunale dove era stata giudicata colpevole. Il giorno non era stato deciso dai tribunali, ma dai cicli pubblicitari. William aveva fissato la data in modo che si potesse generare il massimo scalpore sui social media e acquisire il maggior numero di visualizzazioni on-demand. Il tribunale si affacciava su una grande piazza aperta. Quella piazza e il percorso della sua umiliazione erano stati transennati.

I biglietti per la visione dall'interno dell'area transennata erano andati esauriti immediatamente. I biglietti in prima fila venivano rivenduti online per cifre esorbitanti. Dal tetto del tribunale era appeso un grande striscione che annunciava la data e l’ora di oggi sotto la scritta: “Un terrorista si pente e accetta la sua punizione”. Sullo striscione c'era anche una grande foto di Vicki con l'abito arancione della prigione, con le mani e le gambe incatenate.

Vicki aveva chiesto più volte cosa sarebbe successo esattamente, ma William aveva insistito affinché lei non sapesse in anticipo cosa le sarebbe successo. “Non puoi cambiarlo”, ha detto. “Perché costringerti a viverlo in anticipo nella tua mente. Accetta semplicemente ciò che accade mentre accade e lo supererai.

La prima sorpresa per il giorno del suo pentimento fu l'abito che le fu fatto indossare. Era una riproduzione esatta dell'abito da 32.000 dollari che era stato la sua rovina. Quel fatidico fine settimana, il suo piano era stato quello di indossare il costoso abito firmato a un gala di beneficenza per la comunità e rimetterlo in magazzino, ma non sarebbe andata così. Al gala era presente anche Samantha, la responsabile delle vendite del reparto abiti firmati. Quando vide Vicki si avvicinò e versò intenzionalmente del vino rosso sul davanti del vestito. Poi, avvicinandosi, aveva detto: "Mi sei costato un bonus di fine anno perché i rendimenti erano troppo alti nella mia sezione". Poi, quasi ringhiando, disse: "Prova a restituirlo adesso, stronza".

Non poteva restituire il vestito... e non avrebbe mai potuto permettersi di pagarlo. Ma Jarred, un ragazzo presente alla festa con cui Vicki era uscita, disse che le avrebbe dato un programma che le avrebbe permesso di accedere ai file corretti per detrarre i costi dal suo conto. Ha funzionato proprio come aveva detto, ma ha anche messo un virus sui computer dell'azienda... un virus che si è diffuso a fornitori, clienti e altre aziende. Un totale di 46 aziende erano state infettate nel momento in cui Jarred ha attivato il virus mandando in crash i sistemi informatici durante il Black Friday, il giorno di shopping più trafficato dell'anno.

Jarred ha poi pubblicato un video rivendicando il merito dell’attacco informatico a nome del People’s Economic Justice Front. Quel video è stato trasmesso su tutte le reti di notizie non appena è stato ricevuto.

Normalmente Vicki non prestava molta attenzione ai notiziari, ma era quasi impossibile evitare di vedere quel particolare video. E non appena ha visto l'inizio, ha riconosciuto Jarred.

Vicki guardò la TV. Potrebbe essere questo il giovane che l'ha aiutata? Alla fine del video, Jarred ha guardato direttamente nella telecamera e ha detto: “Vorrei ringraziare in particolare Vicki LeClaire. Senza il suo aiuto, nulla di tutto ciò sarebbe mai stato possibile”.

Vicki stava ancora fissando lo schermo televisivo due ore dopo quando una squadra speciale SWAT della Homeland Security irruppe dalla porta del suo appartamento. È stata trascinata su un furgone pesantemente blindato e trasportata in una prigione di sicurezza speciale. Contro il parere del suo avvocato, ha deciso di dire la verità, tutta la verità.

Avrebbe dovuto ascoltare il suo avvocato.

Quella verità era alla base degli undici capi d'accusa di furto di beni e servizi: i vestiti che aveva indossato e restituito. Questa verità è stata la base per l’accusa di appropriazione indebita – per aver alterato i documenti contabili. Quella verità fu letta come testimonianza contro di lei al processo come prova che era lei, effettivamente, la terrorista che aveva introdotto il virus nei sistemi informatici di così tanti negozi.

È stata condannata con tutte le accuse.

E ora si trovava in cima ai gradini del tribunale e indossava una riproduzione esatta dell'abito che l'aveva portata alla rovina. Era vestita come quella notte. Beh, non esattamente. Oggi indossava lingerie Aubade e scarpe Prada, capi che non avrebbe mai potuto permettersi con il suo stipendio. E i suoi capelli erano stati pettinati da uno dei migliori saloni della città – ancora una volta, qualcosa che non si sarebbe mai potuta permettere. Un professionista le aveva persino applicato il trucco. Non era mai stata così bella.

William aveva spiegato: “Tutto è simbolico. Ti inizieremo dall'alto in modo che la tua caduta verso il basso sia molto più drammatica. ... La gente paga per il dramma.

Quando lei fece una smorfia, aggiunse: “Quel piccolo trucco ha aggiunto il 10% al costo dei biglietti e il 25% ai diritti video. E per te il denaro è tempo.” Dopo un sorriso forzato, ha continuato: “Fidati di me. So cosa sto facendo.

Poteva vedere l'orologio nel campanile di una chiesa situato sul lato opposto della piazza. Qualunque cosa stesse per succedere, sarebbe iniziata tra cinque minuti o meno. Mentre le lancette dell'orologio si avvicinavano sempre più allo scoccare dell'ora, William si avvicinò a lei e disse: “Le cose inizieranno tra pochi istanti. Ricorda, non pensare a quello che sta succedendo. Pensa invece a tutte quelle fantasie che avevi quando frequentavi tutti quei siti BDSM."

Si era appena allontanato quando sei donne la circondarono. Sembravano molto familiari, ma le ci volle ancora un momento per riconoscerli. Erano Samantha e tutto il suo staff di vendita. "Abbiamo pagato molto per il privilegio di farlo", ha detto Samantha. "E ci divertiremo davvero", ha detto una delle commesse.

Tutti e sei brandirono ciascuno un paio di forbici. "Penso che questo vestito abbia bisogno di una piccola modifica", ha detto uno di loro. "Sono d'accordo", disse Samantha mentre iniziava a tagliare una manica.

Vicki si aspettava con timore che le tagliassero immediatamente il sontuoso vestito dal corpo, ma invece tagliarono solo sottili strisce di tessuto dall'orlo e dalle estremità delle maniche. Quando finirono, il vestito era intatto, ma più piccolo. "Non abbastanza", disse Martha. Vicki si ricordò di aver acquistato molti vestiti tramite lei.

Con una risata malvagia, Martha tagliò un altro centimetro dall'orlo del vestito. "Ancora non abbastanza troia", disse mentre faceva un passo indietro. Un'altra donna si fece avanti e tagliò via circa la metà delle maniche.

Vicki aveva voglia di urlare: "Tagliamelo!" ma sapeva che doveva rimanere assolutamente silenziosa. Perché questo giorno contasse, doveva rimanere in silenzio finché non avesse fatto la sua dichiarazione di pentimento all'altra estremità del percorso.

Le donne continuarono a tagliare lentamente il vestito finché non arrivò appena sotto le mutandine. Poteva sentire l'aria muoversi contro il fondo delle sue natiche. Samantha raccolse da terra una delle lunghe strisce di tessuto e disse: "Proviamo ad accessoriarla". Poi legò la striscia attorno alla vita di Vicki come una cintura.

“Non mi piace la linea che crea”, ha detto una delle donne.

"La parte superiore deve muoversi liberamente", ha detto un'altra mentre allungava la mano con le forbici e tagliava il vestito a metà appena sopra la cintura improvvisata.

"Così va meglio, ma dovrebbe comunque muoversi più liberamente", ha detto Samantha mentre tagliava 5 cm della parte superiore del vestito rivelando l'addome tremante di Vicki.

"Ora, le maniche non sembrano a posto", disse Martha. Ha tagliato quel poco che restava delle maniche del vestito.

"Penso che richieda il look di chi picchia la moglie", ha detto Samantha con un sogghigno mentre iniziava a tagliare la parte superiore in una forma che si abbinasse alla maglietta senza maniche comunemente chiamata "picchiamoglie".

"Ora si vede il reggiseno", ha detto un'altra delle donne. "Non possiamo permetterlo."

"Si corregge facilmente", disse Martha mentre infilava le forbici sotto la maglietta lacerata e tagliava i lati del reggiseno. Altri due tagli e anche le cinghie furono tagliate. Una delle donne infilò una mano sotto la maglietta e tirò via il reggiseno. Vicki sussultò quando le venne tolto bruscamente il seno.

"Abbiamo lo stesso problema con la sua biancheria intima", ridacchiò una delle donne. Si vedono sotto il vestito.

"Bene", rispose Samantha, ridacchiando anche lei, "sai come sistemarlo."

Due delle donne hanno lavorato insieme. Ciascuno spinge le forbici sotto il vestito per raggiungere i lati delle mutandine.

"Quelli dovrebbero cadere da soli", disse Samantha in tono derisorio. "...a meno che non si sia incazzata o non si stia eccitando per questo." Il ghigno era scomparso dal suo viso, ma non dalla sua voce.

Le sei donne indietreggiarono leggermente, fissando ciascuna le gambe di Vicki in attesa che cadessero le mutandine.

"Non vedo pipì per terra", ha detto Martha. "Ciò può significare solo una cosa."

"Oh", disse Samantha con una risata profonda, "sei una ragazzina cattiva, non è vero?" Allungò la mano sotto il corto resto del vestito e spinse da parte il cavallo fradicio delle mutandine. Fece scivolare il dito attraverso la fessura di Vicki e poi verso il basso, afferrando le mutandine mentre tirava fuori la mano da sotto il vestito.

"Se avessi saputo quanto eri perversa, tesoro", disse, "avremmo potuto trovare qualcosa sui vestiti."

Si portò le mutandine al naso per un secondo e disse: "Sicuramente l'odore di una fica perversa e accesa". Poi lasciò cadere le mutandine sui gradini ai piedi di Vicki.

Per qualche ragione, vedere le sue mutandine bagnate ai suoi piedi era più imbarazzante per Vicki di qualsiasi altra cosa fosse accaduta. Sentì la pelle arrossarsi per la vergogna, ma allo stesso tempo sentì che i suoi succhi cominciavano a filtrarle lungo la coscia. Il pensiero che presto la gente avrebbe potuto vedere la sua umidità portava ancora più vergogna, che a sua volta portava un'ulteriore inondazione che portava ulteriore vergogna. Ben presto non sarebbe più diventata più rossa. Forse anche la sua umidità aveva raggiunto il massimo.

Le donne tornarono alle modifiche del suo vestito. "Se è una tale troia", disse Martha, "allora dovrebbe davvero provare il look in topless."

Tre donne attaccarono quel poco che restava della parte superiore del vestito e presto si unì alle sue mutandine in un mucchio ai suoi piedi. Adesso era a seno nudo davanti a diverse migliaia di persone e chissà quante in tutto il mondo che guardavano la diretta video dell'evento. La sua umidità non aveva raggiunto il massimo.

"Il vestito è ancora troppo lungo per una troia come Vicki", ha detto Samantha.

Una delle donne ha risposto tagliando altri 5 cm dai micro-mini resti della parte inferiore del vestito. Ora le sue natiche erano decisamente in mostra da dietro. Da davanti, la sua fica non era del tutto visibile, ma ciuffi i suoi peli pubici scendevano quel tanto che bastava per farsi notare sotto il vestito.

Samantha ora si trovava direttamente di fronte a Vicki. Erano faccia a faccia. Samantha inclinò leggermente la testa come se stesse per baciare Vicki, ma invece infilò la mano sinistra sotto il vestito e afferrò il monticello zampillante di Vicki. "La vita è piena di opportunità mancate", disse dolcemente. "Avremmo davvero potuto passare dei bei momenti insieme."

Poi sorrise e disse allegramente. "Mi sono divertito qui oggi, però." Lei formò la bocca in un cipiglio imbronciato e disse: “Peccato che le cose diventeranno un po' più intense per te a questo punto. Penso che anche tu stessi iniziando a divertirti."

Poi allungò la mano destra e tagliò la parte anteriore del resto del vestito. Afferrando quel piccolo pezzo di stoffa con la mano sinistra, lo tenne in alto affinché tutta la folla potesse vederlo prima di lasciarlo cadere a terra con il resto dei vestiti di Vicki.

La folla ruggì in risposta mentre Samantha, Martha e le altre quattro donne salivano i gradini ed entravano nel tribunale, lasciando Vicki nuda dietro di loro.

***

Vicki era nuda, fatta eccezione per i tacchi alti, in cima ai gradini del tribunale. Non aveva idea di cosa sarebbe successo dopo, quindi non era sicura di cosa avrebbe dovuto fare. L'unica cosa che sapeva per certo era che avrebbe dovuto restare lì e tacere. Quindi questo è quello che ha fatto. Rimase in silenzio aspettando la prossima parte del suo pentimento.

Poteva sentire dei passi dietro di lei. Qualcuno con i tacchi stava camminando verso di lei. Riuscì a trattenersi dal voltarsi per vedere chi fosse, ma mentre i passi scendevano lungo i gradini, non poté fare a meno di girare leggermente la testa. Era lo stilista che le aveva fatto i capelli!

"Non penserai che ho fatto tutto quel lavoro stamattina per la bontà del mio cuore, vero?" disse con una leggera risata argentata. Vicki pensò che probabilmente era così che la donna parlava alla sua costosa clientela nel negozio del centro.

La stilista teneva qualcosa tra le mani. Vicki non era sicura di cosa fosse finché non cominciò a ronzare come una vespa arrabbiata. Era un set di tagliacapelli elettrici.

"Ho sempre desiderato farlo", ha detto la stilista mentre allungava la mano e posizionava le forbici al centro della fronte di Vicki. "Come lo vorresti abbinato oggi?" chiese allegramente mentre spingeva di nuovo lo strumento ronzante tra i capelli di Vicki. L'improvviso raffreddamento sulla sommità della testa disse a Vicki che c'era una striscia calva al centro della sua testa.

"Penso che dovremmo pareggiare un po' la situazione, non è vero?" chiese lo stilista. Quindi riportò le forbici sulla testa di Vicki e iniziò a fare un passaggio dopo l'altro sul cuoio capelluto.

Vicki si guardò i piedi. Le sue mutandine umide e i brandelli del vestito erano ora ricoperti da mucchi di capelli contorti. Iniziò a piangere piano.

"Oh, non preoccuparti, tesoro", ha detto lo stilista. "Ci assicureremo che tutto sia completato correttamente." Lei sorrise e chiese: "Non sarebbe carino?"

Vicki rimase in silenzio. Un attimo dopo, lo stilista le ha dato una pacca sulla testa ormai completamente calva.

"Colletto e polsini dovrebbero sempre abbinarsi", ha detto la stilista con la sua voce falsamente allegra. Quindi ha allungato la mano tra le gambe di Vicki con le forbici e ha iniziato a rimuoverle i peli pubici.

"Alcuni stilisti ne sarebbero soddisfatti", ha detto con fermezza, dopo che tutti i capelli erano spariti. “Ma non sono solo uno stilista. Ho una reputazione da mantenere”.

Batté le mani e un uomo le corse incontro portando un pesante vassoio di legno. Sul vassoio c'era una specie di macchina che Vicki non riconobbe. Lo stilista ha premuto un pulsante sulla parte superiore della macchina. Ronzava rumorosamente e una sorta di schiuma riempiva le mani dello stilista.

"Solo il meglio per i miei clienti", ha detto la stilista mentre iniziava ad applicare la schiuma sulla testa di Vicki. Faceva caldo, quasi caldo, e sembrava pizzicare leggermente.

"Ci sono erbe nella mia miscela speciale che fanno rizzare i capelli", ha spiegato lo stilista. "Pungono appena un po', ma ne vale la pena per la vicinanza della rasatura." Quindi prese un rasoio dal vassoio e iniziò a radere la testa di Vicki.

Il rasoio era molto simile a un normale rasoio da donna che potresti acquistare nella maggior parte dei negozi, ma in qualche modo sembrava... più costoso.

Lo stilista ha impiegato solo un momento per finire la testa di Vicki. Poi disse: “Apri di più le gambe”. Vicki obbedì.

La schiuma sembrava più calda sulla sua figa che sulla testa, ma d'altra parte era più sensibile tra le gambe che sulla testa. Anche il bruciore era peggiore, molto peggiore.

"Ho aggiunto erbe extra solo per oggi", ha detto lo stilista. "Sono sicuro che vuoi essere rasato molto da vicino."

Ancora una volta, lo stilista ha impiegato solo un momento per finire. L'uomo le porse un asciugamano bagnato e lei le asciugò la testa e poi la fica. I postumi delle erbe provocavano formicolio e sensazione di freddo sulla pelle.

"Normalmente ti garantisco che rimarrai tranquillo per almeno cinque giorni", ha detto. Poi inclinò leggermente la testa e disse: "È un peccato che tu non sappia quanto tempo sarebbe durata la mia rasatura per te".

Detto questo lei e il suo assistente scesero i gradini e si allontanarono tra la folla. Vicki si chiese cosa intendesse la stilista con il fatto che lei non sapesse quanto sarebbe durata la rasatura, ma non c'era nessuno a cui chiedere. E anche se ci fosse stato qualcuno a cui chiedere, avrebbe dovuto restare in silenzio.

Vicki rimase lì come l'aveva lasciata lo stilista. I suoi piedi erano poco più larghi delle spalle e le sue mani erano lungo i fianchi. Poteva sentire l'aria muoversi sulla sua testa calva e sul suo inguine ora liscio. Aveva spesso pensato di radersi completamente il sesso, ma non ne aveva mai avuto il coraggio. Dopotutto, solo quel tipo di ragazze si rasavano completamente.

"Immagino di essere uno di quel tipo di ragazze adesso", pensò tra sé. Poteva sentire le voci degli uomini dietro di lei, ma per qualche motivo sembravano ovattate. Una voce più chiara, quella di una donna, disse ad alta voce: “Potete iniziare non appena avremo ripulito l’area e avrò messo i cappucci protettivi”.

Vicki non aveva idea di cosa fossero i cappucci protettivi o dove sarebbero stati messi. La suspense era quasi troppa ed era molto tentata di voltarsi per vedere cosa stava succedendo dietro di lei. Fortunatamente, proprio mentre stava per voltarsi, una giovane donna sui vent'anni in una tuta bianca ignifuga uscì davanti a lei.

La donna rimase in silenzio mentre un uomo più anziano in tuta grigia e un giovane in blue jeans raccoglievano i brandelli dei suoi vestiti. L'uomo più anziano allora raccolse i capelli e i piccoli pezzi di stoffa che erano ancora sui gradini.

"Abbiamo bisogno anche delle scarpe", disse il giovane e Vicki si tolse le scarpe. Adesso era completamente nuda, ma in qualche modo si sentiva meno nuda a piedi nudi di quanto non si sentisse con i tacchi alti.

"Dovrai rimanere immobile mentre applico questi cappucci protettivi", disse ad alta voce la donna. "I sigilli devono essere perfetti altrimenti potresti perdere le ciglia... o addirittura la vista."

Poi tirò fuori da una borsa che le pendeva dalla spalla una cupola di plastica trasparente delle dimensioni di un bicchierino. Dopo aver controllato qualcosa sul cappuccio, infilò nuovamente la mano nella borsa e tirò fuori un tubetto di materiale spesso simile a un gel che applicò ai bordi del cappuccio.

"Chiudi l'occhio sinistro", gli ordinò.

Vicki lo fece e la donna le mise il berretto sull'occhio, premendo con decisione mentre contava ad alta voce fino a 25.

"Ora chiudi l'occhio destro", ordinò.

Di nuovo, Vicki lo fece e pochi istanti dopo sentì qualcosa che le premeva forte sull'occhio mentre la donna contava ancora una volta fino a 25.

"Adesso puoi aprire gli occhi", disse la donna.

Vicki lo fece e si rese conto che ora indossava quelli che sembravano degli occhialini abbronzanti, solo che erano totalmente trasparenti e non c'era nessuna fascia che li trattenesse perché erano incollati al suo viso.

"Pronto", disse la donna con la sua voce forte e chiara. Due uomini in tute protettive complete, compresi guanti nastrati e copricapo con cappuccio, uscirono davanti a lei. Queste dovevano essere le voci soffocate che aveva sentito alle sue spalle.

"Cerca di non muoverti troppo", ha detto un uomo. “Se ti strofini la pelle mentre il solvente è ancora attivo, puoi causare irritazione. Ci vorranno alcuni minuti affinché le sostanze chimiche uccidano le radici dei follicoli piliferi.

L'altro uomo, che era in piedi dietro di lui, si fece avanti con due spruzzatori da 3 galloni come quelli che useresti per i pesticidi in un giardino. Porgendone uno al primo uomo, disse: "Ricorda, dall'alto verso il basso e poi indietro finché entrambe le unità non saranno vuote".

Questo è quello che hanno fatto. Cominciando dalla testa di Vicki, hanno spruzzato uno strato di una sorta di liquido appiccicoso sulla sua pelle. Era verde-bluastro e puzzava di acqua stagnante. Pochi istanti dopo, la pelle di Vicki cominciò a bruciare.

"Non toccarti!" ordinò il secondo uomo.

"Mantieni le gambe ben divaricate e cerca di non stringere il sedere", ha aggiunto l'altro.

Ci volle tutta la forza di volontà di Vicki per impedirsi di ballare sul posto o cercare di strofinarsi il liquido disgustoso dalla pelle. Poco dopo sentì il sibilo dei due spruzzatori mentre si svuotavano completamente.

"Cinque minuti", disse il primo uomo.

"A partire da adesso", aggiunse la donna mettendosi nuovamente di fronte a Vicki. I due uomini non erano più visibili, ma del resto non lo era molto. I cappucci proteggevano gli occhi di Vicki, ma erano ricoperti di melma blu-verde e lei non riusciva a vedere niente molto bene.

"Mancano due minuti", disse la donna. Vicki si sentiva come se fosse stata sciolta nell'acido. Come avrebbe potuto sopportare altri due minuti di questa tortura?

"Un minuto", disse la donna. Poi “trenta secondi”. Dopo dieci secondi la donna cominciò il conto alla rovescia. Vicki si sentiva pulsare contando ogni secondo. Alla fine la donna disse: "Cinque minuti" e si spostò di nuovo.

I due uomini erano tornati. Ora avevano serbatoi molto più piccoli, ma irroratrici molto più grandi. Un tubo si snodava in lontananza da ciascun serbatoio, quindi evidentemente il serbatoio serviva solo a mescolare qualcosa nell'acqua che sarebbe fluita attraverso il tubo.

Vicki non era sicura di cosa fosse stato aggiunto all'acqua, ma sapeva per certo che l'acqua era fredda, estremamente fredda. Era più fredda di qualsiasi acqua avesse mai versato da un rubinetto.

Anche in questo caso gli uomini iniziarono dall'alto e proseguirono verso il basso. L’uomo girò lo spruzzatore in modo che spruzzasse direttamente tra le gambe di Vicki. Lei sussultò quando l'acqua gelida si fece strada leggermente nella sua fessura. Almeno il freddo, o le sostanze chimiche aggiunte all'acqua, hanno fermato il fuoco.

Il risciacquo sembrava durare all'infinito, ma in realtà durò solo dieci o quindici minuti. Alla fine, Vicki tremava violentemente e batteva i denti.

Entrambi gli uomini ora puntavano gli spruzzatori sul terreno, lavando via i residui della soluzione originale. Mentre tornavano dietro Vicki, la donna la guardò ancora una volta. "Allunga le braccia di lato e allarga i piedi il più lontano possibile." Vicki fece come le era stato detto, temendo ciò che sarebbe potuto accadere dopo.

All'improvviso ci fu un forte ruggito dietro di lei che sembrava un mix tra il motore rumoroso di un camion e un jet in decollo. Un vento forte e caldo cominciò a soffiare contro la schiena di Vicki.

"Girati lentamente", ordinò la donna.

Mentre si voltava, Vicki poteva vedere che il vento caldo proveniva da un grande riscaldatore, come quelli che normalmente venivano usati al nord per riscaldare i camion fermi in inverno. Cercò di girarsi il più lentamente possibile in modo da potersi crogiolare al caldo, ma la donna disse irritata: “Non abbiamo tutto il giorno. Continua a muoverlo."

Quando Vicki si rivolse ancora una volta verso la folla, la donna allungò una mano con un paio di pinze grandi e dall'aspetto strano e afferrò una delle coppe protettive. "Potrebbe pizzicare un po' quando viene via", disse mentre toglieva lentamente il cappuccio dall'occhio sinistro di Vicki. Un attimo dopo, si tolse il cappuccio dall'occhio destro.

"Ora non dovrai più raderti nulla... mai più", disse allegramente la donna. Vicki la guardò intorpidita quando si rese conto che "qualsiasi cosa" includeva non solo i suoi peli pubici, ma anche le sopracciglia e i capelli sulla sua testa.

"È ora di fare una passeggiata", disse la voce di un uomo mentre la donna si faceva da parte.

Due ufficiali giudiziari si fecero avanti e cominciarono ad attaccare le catene. Questi erano leggermente diversi da quelli usati prima. C'era un collare di metallo pesante con una catena collegata al punto centrale della catena per le manette dei polsi. Da lì scendeva anche al punto centrale della catena per i ceppi delle gambe.

Dopo che tutto fu a posto, uno degli ufficiali giudiziari attaccò una lunga catena al punto in cui la catena del collo si univa alle manette dei polsi. Mentre lo tirava, le sue mani furono costrette verso l'alto e in avanti. Gli ufficiali giudiziari la trascinarono lentamente giù per i gradini, permettendole di abituarsi a camminare in catene. Una volta raggiunta la strada, attaccarono l'altra estremità della catena al retro di un carro militare a cassone. Vicki si sentiva come se fosse un'antica prigioniera di guerra pronta per essere fatta sfilare nuda davanti alla gente. In molti sensi, era esattamente quello che era.

I cavalli iniziarono a muoversi. Vicki non ebbe altra scelta che seguire il cassone attraverso il centro città finché non arrivò al negozio dove lavorava. Una volta lì, avrebbe letto la dichiarazione di pentimento e accettazione preparata.

Vicki sapeva che sarebbe successo. Sapeva che sarebbe andata dal tribunale al negozio dove lavorava e lì avrebbe letto la sua dichiarazione di pentimento. Non sapeva che per quella passeggiata sarebbe stata incatenata al retro di un antico carro militare. Non sapeva che sarebbe stata più che nuda. E non sapeva che le persone tra la folla le avrebbero lanciato uova e verdure marce per tutti i quattordici isolati fino al negozio.

"William probabilmente ha venduto loro le uova", pensò tra sé. "O almeno ha fatto pagare un extra per il privilegio." Per un momento provò amarezza, quasi odio, nei confronti di William Wilson, ma poi si ricordò che la sua condanna era di dodici milioni di dollari. Tutto ciò che arrivava a quella cifra riduceva il suo tempo finale da schiava. Senza il suo negoziatore, sarebbe stata una schiava per sempre. Allora, stando dritta con le spalle indietro, si costrinse a completare il suo cammino della vergogna.

Mentre camminava, guardava la gente tra la folla. C'erano uomini e donne, vecchi e giovani. Sorprendentemente, tra la folla c'erano anche bambini piccoli. Ancora più sorprendente è che molti dei bambini tenevano in mano bambole nude. Alcuni di loro sollevavano le loro bambole mentre lei passava.

Fu solo al quinto isolato del suo cammino che Vicki improvvisamente si rese conto che le bambole erano lei. Un giovane aveva persino un cassone completo dietro il quale lei veniva trascinata nuda. Guardando attraverso alcune vetrine, poteva vedere l'esposizione di se stessa, esattamente come era adesso. C'era anche una bambola quasi a grandezza naturale che vegliava su una grande esposizione di bambole più piccole. La grande bambola nuda sembrava molto accurata. Ha provato a vedere se era preciso anche tra le sue gambe, ma è stata distratta da un cartellino del prezzo o da qualcosa che era stampato sulla parte anteriore della bambola.

Era sorprendente per lei vedere quante persone davano la spazzatura ai propri figli perché la buttassero. A lei sembrava in qualche modo sbagliato. Ma le sue opinioni non contavano più. Inoltre, non c'era niente che potesse fare al riguardo. Tutto quello che poteva fare era camminare dietro il cassone trainato da cavalli che la trascinava per le strade.

Quando finalmente raggiunse il negozio, altri due uomini in tute ignifughe erano pronti con i tubi per lavare via le uova e la spazzatura dal suo corpo. Non c'erano serbatoi aggiuntivi collegati ai tubi, quindi evidentemente si trattava solo di acqua. Era anche notevolmente più calda dell'acqua utilizzata per sciacquare via la sostanza appiccicosa blu-verde dal suo corpo.

Sfortunatamente, non c'era una stufa potente per riscaldarla e asciugarla una volta finito. I suoi capezzoli si indurirono in protuberanze strette per il freddo mentre saliva sulla piattaforma e affrontava la folla. La sua dichiarazione di pentimento preparata l'aspettava sul podio. È stato stampato in caratteri grandi. Dato che non l'aveva mai visto prima, cercò di scannerizzarlo rapidamente.

Accanto a lei c'era un ufficiale giudiziario. "Hai un minuto per iniziare, altrimenti l'accordo fallirà", disse in tono burbero.

Vicki prese il giornale e cominciò a leggere. “Sono sinceramente dispiaciuto di aver violato la legge, ma soprattutto sono profondamente dispiaciuto per qualsiasi danno che ho causato a qualsiasi persona o azienda. Ammetto prontamente la mia colpa e accetto la mia punizione, inclusa la mia... la mia... la mia...” Non riusciva a formulare le parole.

"Continua", disse severamente l'ufficiale giudiziario.

All'improvviso William era in piedi accanto a lei. "Puoi farlo", ha detto. “Questa è la parte più difficile. Puoi farlo."

Vicki fece un respiro profondo e riprese a leggere: "Ammetto prontamente la mia colpa e accetto la mia punizione, inclusa la marchiatura come schiava fino a quando non sarà stata pagata la completa restituzione ai tribunali".

Posò il foglio e cominciò a singhiozzare. Il signor Wilson la prese per le spalle e la condusse verso un'altra parte della piattaforma rialzata. “Non è un marchio vecchio stile”, ha detto. “Non esiste alcun ferro da marchiatura. È più simile a un tatuaggio.

Due ufficiali giudiziari la guidarono verso un grande tavolo curvo dalla forma strana. Sembrava quasi parte di un grande barile. Uno degli uomini la spinse con la schiena contro la superficie curva mentre l'altro cominciò a legarle le braccia e le gambe. Poi un terzo ufficiale giudiziario, una donna, si fece avanti con una grande torcia dall'aspetto strano.

La torcia era in realtà un dispositivo di marchiatura laser. The woman pressed it against Vicki’s pubic mound a few inches above her slit. Suddenly an excruciating pain flashed through Vicki’s body.

“That’s one,” said the woman as Vicki screamed.

She then moved the device so that it was pressed against Vicki’s skin just above her left breast. The woman pushed a button on the side of the device and once again excruciating pain flashed through Vicki’s body. It was there and then it was gone, but that quick flash of pain was enough to cause Vicki to scream and, this time, to lose control of her bladder. She sobbed in pain and shame as her piss puddled under her.

The two bailiffs released her from the restraints and helped her to her feet. They moved her back to the other section of the platform where the judge stood waiting. As she approached she could see that, for some reason, there was a large mirror next to the judge.

The purpose of the mirror became evident when the judge spoke. “Vicki LeClaire is no more,” he said solemnly pointing towards the mirror.

His words were true. The figure looking back at her from the mirror was not Vicki. “From now until your sentence is complete,” the judge continued, “you are slave missy, also known as prisoner PS382563.”

Slave missy looked at her reflection in the mirror. Reading the mirror image, she could see that just above her cunt it said “Penal Slave 382563.” Above her left breast it read, “Slave Missy.”

William was standing beside her. “The worst is over for today,” he said.

She looked at him with tears flowing from her eyes. She reached up with her right hand and lightly stroked the brand that proclaimed her to be slave missy.

“I used some of my commission to buy the naming rights,” he said softly. “It could have been something really terrible. Or if no one met the price, your default name would have been slutslave563. I thought you deserved more than that.”

Vicki... missy, gave him a crooked smile that said she understood. She then looked around trying to figure out what else was awaiting her on her day of repentance.

“Lower the cage,” one of the bailiffs cried out as he and two other bailiffs began moving people away from the center of the platform.

Missy looked up. A mechanism of some sort had been attached to the roof of the store. It looked like the winches that the window washers used to raise and lower their platform, but there was only one cable. And hanging at the bottom of that cable was a cage.

“You are to hang for one half hour at each floor level,” the bailiff announced. “Then you will hang just above the street until the sun has set.” He then took her by the arm and moved her into the cage.

The cage itself was circular, about three feet in diameter, and a little over six feet tall. Missy could stand in the cage, but couldn’t sit or kneel or otherwise rest. She grabbed hold of the bars as the cage rapidly began to rise up into the air.

She screamed all the way up as the cage swung wildly like a pendulum. When it reached the fourteenth floor, it stop rising, but still continued to swing wildly for several more minutes. When the cage finally stopped, missy could see that she was just outside the executive board room. There appeared to be a party going on. One of the men suddenly pointed out the window and everyone gathered to look at her.

One of the women raised her glass of champagne as if offering a toast. The rest of the room matched her action. Then someone taped a large piece of paper to the window. Written in large black letters were the words, “You’re Fired!” The person who had taped the paper to the window raised his glass toward the cage one final time, then laughed and closed the curtains.

Missy started to cry. The closing of the curtain did something to her that nothing else had done. It made her feel insignificant. People staring at her as her clothing was cut from her body was embarrassing. Being paraded through the town totally naked was humiliating. Being branded was torture. But through all that she was still a person. People were paying attention to her. She was still a part of their world.

The people in the streets below wondered what had caused the long, anguished scream they heard from the cage. As the curtain closed, missy was forced to accept that she was now nothing. She meant nothing to anyone. She was a slave... not even a person. She was a nothing hanging outside a closed window. As she screamed, her hands gripped the bars of the cage. Her head slowly sank down to rest against her arms. She was crying heavily... uncontrollably. Her body slid down so that it was partially crumpled with her ass against one side of the cage and her knees against the opposite side.

At the end of the half hour the cage began to move downward. The movement startled slave missy, but at least it didn’t start to swing.

The thirteenth floor was a mechanical floor, so the only personnel on that floor were maintenance workers and cleaning crews. Four maintenance men were watching through a window. The next window over was a break room. It looked like the entire cleaning staff was gathered watching. There was no evidence of a party in either room. And no one was laughing as they watched her. The top floor could laugh at her and close the curtains on her and forget her, but these people were the bottom rung of the employees. Not as much separated them from the naked woman who hung outside their window. They stared silently at missy for the entire thirty minutes she hung outside the thirteenth floor.

The reaction on the remaining floors was somewhere between the extremes of the upper floors. Two differences were at the ninth floor and the fifth floor. The ninth floor was the accounting floor where Vicki, now slave missy, had once worked. Everyone on the floor glanced up, but none of the men and women from accounting could bring themselves to come over to the window. They knew that Vicki wasn’t really a terrorist. All of them were thinking how easily it could be them hanging in that cage if they had accidentally introduced a virus into the computer system.

The fifth floor was the designer dress floor. Samantha and her sales people were waiting at the window when missy was lowered to their floor. They also raised a toast to her, but their drinks appeared to be soft drinks in plastic cups.

Missy remembered Samantha’s comment about what might have been. Pulling herself up and standing straight, she smiled at the faces in the window. Then she reached down and cupped her own sex, sliding her fingers deep within. She smiled at the shocked faces, except for Samantha who continued to smile at her. Missy lifted her glistening hand up to her mouth and blew across it, as if blowing a kiss. Samantha grabbed the blown pussy out of the air and held her hand under her own nose. She inhaled deeply and smiled back at slave missy. Neither of them was aware of what else happened for the rest of the half hour as they gazed into each other’s eyes. As the cage began to descend once again, Samantha mouthed clearly, “Life is full of lost opportunities.”

It was late afternoon by the time the cage finally stopped just below the first floor. Crowds gathered beneath her. Many were taking pictures with their phones. A few professionals in the crowd were using quality cameras with long lenses. Missy tried to turn herself so they couldn’t zoom in on her nakedness, but turning away from one photographer merely turned her toward another. Finally she gave up and stood passively as the cage itself slowly rotated back and forth on its cable, displaying her to the entire crowd.

As the sun began to set, the two bailiffs who had been with her on the platform began moving the crowd back. The caisson wagon was brought in so that the top of the ammunition box was directly beneath her. A few moments later, the cage again descended until it came to rest on the top of the caisson box itself. The bailiffs slipped some cargo ratchet straps through the bars and under the caisson box and locked it in place. Then one of the bailiffs climbed onto the caisson and reached above the cage to release the cable.

The driver climbed into the wagon seat and gathered up the reins which controlled the four horses pulling the caisson. With a loud “Hee-a-yup” he urged the horses to their task and they clip-clopped back up the path which missy had walked that morning. Their pace was significantly faster than it had been with missy walking behind them.

When they arrived at the jail, they didn’t go into the indoor prisoner transfer area. Instead the horse-drawn caisson was pulled up to the loading dock at the back of the jail. A winch arrangement on the docks was used to lift the cage and set it back down on a warehouse pallet. Then one of the bailiffs used a pallet jack to roll missy back to her cell.

When they arrived at her cell, the bailiff said, “Stick your foot through the bars.”

Vicki did and the bailiff unlocked one of the shackles.

“Other foot,” he said and the other shackle was removed. The procedure was repeated with each arm. Then the bailiff pulled on the neck chain as he said, “Back against the bars.”

Missy could hear a loud click and the metal collar was removed. The cage was then set inside missy’s cell. The bailiff unlocked the door to the cage and took the padlock with him. “Don’t attempt to open the cage until I have your cell door secure,” he ordered.

Once the cell door was securely shut, he said, “You can get out now.”

Missy opened the cage and stepped into her cell. The orange dress was nowhere to be seen, so she remained naked. A few minutes later a guard came with a food tray. It was standard prison food and didn’t look all that tasty, but missy hadn’t eaten all day and finished everything before sliding the tray back under the bars to the waiting guard.

“Where is my dress?” she asked.

“You’re a slave now,” the guard answered. “If the temperature is above 58 degrees, you’re not allowed clothing.” He laughed and then added, “It’s always above 70 in here. You do the math.”

Missy sat on her bed and cried. She wondered if she could actually run out of tears. She was a slave... a piece of property. They had even brought her back to her cell like she were a part of the heavy iron cage in which she was displayed.

“At least they let me have a pillow and a sheet,” she thought to herself as she sat down on the bed. A little while later, she cried herself to sleep. She had not yet run out of tears.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =
END CHAPTER TWO OF THIRTEEN
= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Chapter Summaries

Chapter One: Vicki LeClaire is convicted of all charges. A sentencing agreement is negotiated by William Wilson, a professional slave sentence negotiator. This chapter primarily sets the scene for the rest of the book. Once that is done, the action near the end centers around public nudity and public humiliation.

Chapter Two: Vicki’s “Day of Repentance” and her humiliating descent into slavery, including being renamed as slave missy. This chapter centers primarily on public nudity and public humiliation.

Chapter Three: The first of missy’s 11 days of public punishment. On this first day of punishment, Master Hiroya Takahashi demonstrates properly-trained pony girls, and instructs missy on the proper way to receive a punishment spanking. The focus of this chapter is pony girls and public spanking.

Chapter Four: The second day of punishment begins with a flogging contest by a company called Judicial Placements Incorporated. Her negotiator... and new Master, William Wilson, flogs missy the required forty-six times to fulfill the terms of her sentence. This chapter is totally focused on non-consensual flogging.

Chapter Five: Slave missy’s third day of punishment. She is once again subject to a spanking, this time by the head of a private girls’ reformatory. Before her spanking, several of the young women from the reformatory also receive public punishment. This is a spanking chapter with bare hand, slipper, paddle, and leather belt.

Chapter Six: The fourth day. On this day of punishment, she is caned... by a robot, or more accurately, by a computer-driven mechanical spanking machine. Before her caning, James Madison demonstrates his company’s machines. This chapter focuses on mechanical flogging, paddling, and caning. It also delves into self-bondage and pain-pleasure.

Chapter Seven: The fifth day. Slave missy is punished by water combined with heat, cold, and electricity. This chapter focuses on various types of water punishment.

Chapter Eight: On the sixth day of her punishment, missy is introduced to “The Whipmaster.” Before punishing her he provides a demonstration of his abilities. The chapter is focused on public nudity, public humiliation, and public flogging of one sort or another.

Chapter Nine: The seventh day for slave missy is a day for electro-punishment. Slave missy becomes part of the vidshow, “Wheel of Pleasure, Wheel of Pain.”

Chapter Ten: The eighth day introduces a unique punishment– punishment by combat. There is also an undercard of slave wrestling with humiliation and pain in store for the loser.

Chapter Eleven: The ninth day of punishment is a lottery. The public is given the chance to paddle the repentant terrorist. Eight lucky winners each get to give her five swats with a special paddle. One lucky winner gets to finish the forty-six required for her punishment by laying six swats of the paddle across missy’s ass. The undercard is also part of the lottery. Three slaves in need of punishment will each receive 20 swats, again with one lottery winner delivering 5 of those swats. In addition, there are two volunteers. One is a male member of the stage crew who is coming out as a pain slut. The other is a woman who has been at every performance so far and wants to experience public punishment and humiliation. Hers is a special case and her husband will deliver however many swats it takes to make her cum. Twenty-five winners were chosen to participate. Each was asked to write a short essay saying why they should be the one to deliver the final six to the repentant terrorist. The winner finishes off missy.

Chapter Twelve: This tenth day returns missy to old-school punishment as she receives an old-fashioned caning. There is also a contest between slaves to see who can withstand the most strokes of the cane.

Chapter Thirteen: (Last Chapter) Slave missy finally reaches her final day of punishment. After having been punished by hand, slipper, paddle, cane, water, and electricity, missy is punished with pleasure. She is strapped into a high-tech denial/teasing/edging device and taken to the very brink of orgasm 46 times.

Storie simili

Il Drago (S)Strati V. 1 cap. 02 (La Maga)

La maga * * * * Mia carissima Tessarie, So che i tempi ci stanno provando in questo momento, ma sappi che ho fatto del mio meglio per assicurarmi che tu finissi in un posto sicuro. Le terre umane sono accoglienti per la nostra specie e, sebbene non ci si possa fidare di loro, non ho dubbi che verrai trattato bene e accolto a braccia aperte. Da quello che sappiamo di loro, evitano la magia, quindi per favore fai attenzione se scegli di esercitare i tuoi poteri. . . L'incidente avrebbe potuto essere perdonato se non fosse stato così diffuso, ma...

2.4K I più visti

Likes 0

Una fantastica vacanza

Cosa fa una donna di circa 30 anni divorziata di recente quando il suo posto di lavoro ha una vacanza di 2 settimane? Beh, vai in vacanza, naturalmente. Il mio ex marito era una persona controllante, aveva bisogno di fare le cose a modo suo nel suo programma. Ma mi aveva fatto sentire a mio agio, immagino che stare con qualcuno dai 20 ai 30 anni lo faccia. Ma sono contento che quel capitolo della mia vita sia finito. Ho potuto vedere i segni un paio di anni fa e penso che inconsciamente volevo comunque uscire dal matrimonio. Ma è stata...

2.1K I più visti

Likes 0

Il mistero del ritiro parte 2_(0)

Il mistero del pickup parte 2 Cindy era stata un'accompagnatrice occasionale che era diventata un'avventura notturna per John, ma dopo che se ne era andata c'era un vero vuoto nella sua vita. Poi l'aveva vista di nuovo alla parata e aveva scoperto che era la figlia diciassettenne del capo della polizia e la sensazione di vuoto era stata sostituita dalla paura. Poi di punto in bianco si era presentata a casa sua e gli aveva detto che sarebbe tornata tra un paio di mesi quando avrebbe compiuto 18 anni. John non riusciva a togliersela dalla testa e in realtà è passato...

2.4K I più visti

Likes 0

Il padrone vuole, il padrone ottiene

Ero in piedi nel mio soggiorno, con indosso i vestiti che mi aveva mandato, calzini neri al ginocchio, perizoma nero, reggiseno nero e un vestito corto trasparente gettato, adorava vedere cosa sarebbe stato presto suo. Il mio Maestro sarebbe tornato in meno di dieci minuti. Dopo l'ultima ora di sms, mi aveva detto che stasera ci sarei stato dentro Ho aperto la porta e lui è entrato e si è voltato verso di me mentre chiudevo la porta, quando mi sono girato la sua mano è andata dritta ai miei capelli, afferrandone un grosso pezzo, mi ha tirato indietro il collo...

1.4K I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 18 - Jessica e Char

Mentre tornavamo a casa ho detto: Non posso credere che tu l'abbia fatto Mary Ann dopo tutto quello di cui abbiamo parlato oggi. “Nemmeno io, ma sembrava così carina ed era così bella che mi dispiaceva per lei. Prima essere stato tradito e poi passare sei mesi senza sesso mi ha fatto venire voglia che tu la aiutassi. “Va bene, ma voglio che tu sappia che passare del tempo con te è stata la parte migliore della mia giornata. Ci siamo fatti molte risate, siamo usciti insieme e abbiamo avuto una vera avventura. Sei d'accordo? Ha detto: “Ho adorato ogni minuto...

1.2K I più visti

Likes 0

Secondi sciatti_(10)

Finalmente ho i miei secondi sciatti, quindi ho Toni seduto sulla mia faccia che le dice di spingere fuori che viene mentre la mangio fuori. È così piena che il mio viso, il collo e il petto sono coperti da tutto il gocciolamento, non potevo credere a tutto il venire che aveva ancora immagazzinato in quella figa, ma poi di nuovo ha ricevuto almeno 4 carichi lì dentro. Lei si dimena su tutta la mia faccia mentre le succhio il clitoride e le lecco la figa finché non esplode e mi schizza, ora sono completamente fradicio e anche il letto, lei...

885 I più visti

Likes 0

Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. Brandon, sei qui? Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di...

925 I più visti

Likes 0

Mio marito non lo sa_(0)

Ciao a tutti, beh, questa è la mia prima storia che scrivo sulle mie esperienze sessuali e spero che vi piaccia. Mi chiamo Kristy, ho 29 anni, vivo sulla costa settentrionale del NSW, molto piccola solo circa 5 piedi 2, ho un seno estremamente grande per la mia taglia, una bella figa e un culo piccoli da abbinare, questa storia parla di un incontro sessuale che ho avuto con un ragazzo con cui sono diventato amico mentre lavoravo per una grande azienda di vendita al dettaglio. Era il nostro fattorino ed era molto più anziano, sulla cinquantina ma sembrava molto più...

835 I più visti

Likes 0

La compagnia di Tre, ma Quattro è una folla...

Aspettavo questa notte da un po'. Da ragazzo di 16 anni, ogni possibilità che hai di uscire con la pupilla dei tuoi occhi è sempre stata accolta con eccitazione e meraviglia. Sarà questa la notte in cui lo porteremo al livello successivo? Quanto durerò? Spero pienamente che non abbia le mestruazioni... tutti questi pensieri e domande mi sono passati per la testa mentre sedevo impaziente in attesa di un messaggio da Brittany. Poi il mio telefono ha squillato... Ehi... (Era Brittany) Che cosa succede? So di aver detto che saremmo usciti stasera, e spero che tu voglia ancora, ma la...

780 I più visti

Likes 0

Voglio solo guardare

Voglio solo guardare. ............................................. Mi sono seduto a pochi centimetri dalla coppia che scopava sul letto. Ho studiato il suo viso mentre veniva scopata da dietro. I suoi occhi socchiusi e, a volte, rotolavano all'indietro in totale godimento. Di tanto in tanto i nostri occhi si incontravano e ci abbracciavamo fissare, fino a quando non si sarebbe interrotta a causa del martellamento che stava ricevendo la sua figa. Si mordeva il labbro inferiore in estasi. Anche se il mio cazzo pulsava, non volevo partecipare. Volevo guardare, solo per guardare il meraviglioso cazzo. Volevo che durasse il più a lungo possibile. Vederla...

759 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.