La seconda vita diventa Lei

547Report
La seconda vita diventa Lei

Poiché il ronzio del computer mi interrompeva dai miei pensieri lontani, ho cercato l'icona di Second Life e ho fatto doppio clic su di essa. In pochi minuti sarei nel mondo virtuale che amavo così tanto.
Lì mi chiamo Emma. Lì potevo mettere in atto qualsiasi fantasia sessuale. Conoscere uomini in tutto il pianeta si era masturbato molte volte sulla mia mente e sul mio Avatar. Sembravo camminare e parlare come una troia ansimante in calore.

Il mio avatar veniva scopato più e più volte da centinaia di uomini mentre ero lì. Alcuni sono gentili e hanno come stile un morbido romanticismo. Ad altri è piaciuto più duro. con un tocco leggermente sadico. Altri ancora mi sorprenderebbero e si inginocchierebbero sotto di me aprendo la bocca per succhiarmi la figa in una discoteca o in un bar affollato. Tutto in me sembrava che fossi pronto per il sesso. Proprio come me nella vita reale, il mio Avatar non indossava mutandine. Quindi la mia figa era sempre in mostra.

Che si tratti di un abito trasparente o di un vestito che si tuffa fino al mio monte. Mostrando i ciuffi di capelli che spuntano fuori. Il mio avatar è stupendo, caldo, sbalorditivo. Tutte parole che avevo già sentito centinaia di volte. Il corpo di una top model con un seno di medie dimensioni. Potevo cambiare la mia acconciatura a piacimento. L'unica costante era la mia figa in mostra, non importa dove andassi.

Emma si distingue sempre e non era solo Avatar. In Second Life hai un profilo dove puoi raccontare un po' di te a tutti coloro che lo guardano. Nella mia sezione Pick ero aperto e raccontavo al mondo virtuale chi ero e cosa cercavo.

Ho spiegato che ero una vera troia, incapace di mostrarlo nel mondo reale. Ho mostrato a uomini anonimi quel lato di me. La mia figa Il mio avatar e la mia mente dovevano essere usati più e più volte come ritenevano opportuno.
Ho sempre amato l'attenzione. Quando gli uomini hanno scoperto che la mia mente era stupenda quanto il mio Avatar, mi hanno affollato quotidianamente e hanno fatto quello che potevano per incastonare saldamente il loro cazzo nella mia figa virtuale.
Questa era la vita di una donna dallo spirito libero che usava il suo Avatar per avere incontri sessualmente ed eroticamente carichi nella seconda vita con uomini di ogni ceto sociale nel mondo reale,

Fuori da una casa buia con la luce di un computer, l'unica luce proveniente dalla residenza sedeva Dan nella sua macchina..

Dan era conosciuto anche come Rocco in Second Life.
Rocco era l'alter ego di Dan. Rocco è stato uno stupratore nella seconda vita

Non c'era niente di meglio che piacesse a Dan che incasinare la testa delle donne e far loro sentire attraverso le parole e talvolta con il software vocale in Second Life, che venivano scopate da uno sconosciuto senza il loro consenso...

Di giorno era un contabile mite nello stesso edificio in cui lavorava Barbara.
Di notte saliva su Sl e trovava vittime disposte o meno a scopare e stuprare nel mondo virtuale.
Proprio per un incontro casuale aveva incontrato Emma durante i suoi viaggi.
Amava il modo in cui pensava, il modo in cui si comportava e vestiva nella seconda vita,
L'aveva violentata una volta, ma non aveva mai trovato il modo di convincerla a passare del tempo con lui in quel modo.

Era rimasto così incuriosito dalle sue reazioni allo stupro in Second Life, da parte di Emma. che voleva scoparla ancora e ancora.
Voleva che fosse di sua proprietà esclusiva.
Voleva incasinare così tanto la mente di quella donna che lei avrebbe implorato di essere sua nella vita reale.
Ma lei era un muro di mattoni.
Dopo che lui l'aveva violentata, lei aveva spiegato che non aveva relazioni nella seconda vita e saltava semplicemente da un cazzo all'altro. Aveva un paio di amici ma erano concentrati sulla vita reale, non sulla seconda vita nelle loro relazioni con lei nel mondo virtuale. Entrambi gli uomini erano grandi amici e si seguivano a vicenda nelle avventure della vita reale come farebbe qualsiasi amico.
Quindi Dan ha fatto un piano. Avrebbe trovato un modo per essere suo amico nella seconda vita. Ha creato un nuovo Avatar
Ha reso il suo avatar molto attraente e nel suo profilo aveva una storia che aveva lasciato sl ed era tornato dopo un anno di assenza.
La lotta che ha dovuto affrontare per superare il suo personaggio di puttana e troia per raggiungere la vera donna ha richiesto tempo e giochi mentali. Ma la sua perseveranza ha dato i suoi frutti.
Con il passare del tempo Emma si è lasciata sfuggire piccoli indizi su chi fosse e cosa facesse. Dove lavorasse in modo vago.

Ci sono voluti 3 mesi e quasi gli sono caduti gli occhi fuori dalla testa quando si è reso conto che c'era Barbra nell'ufficio di fronte al suo. Ricontrollò tutti i suoi appunti. Tutto quello che avevano mai detto in chat. Che aveva salvato sul suo computer.
Sembrava quasi impossibile che l'oggetto del suo desiderio si trovasse in un piccolo ufficio dall'altra parte dell'edificio di 3 piani in cui lavoravano entrambi.

Una volta che Dan si è reso conto che era coinvolto nel caso.
Ha fatto uscire Rocco dalla pensione.
Poi è iniziato l'assalto per convincere Emma a scoparlo di nuovo nella seconda vita,
Aveva una cosa dalla sua parte: il visualizzatore rlv in Second Life.
Lo sapeva se fosse riuscito a farla entrare in una simulazione con rlv abilitato. Sarebbe stato con il semplice tocco di un pulsante che avrebbe potuto far sì che il suo avatar la scopasse.

Non dovette aspettare a lungo. Con un avatar connesso come suo amico e l'altro in attesa nel limbo di andare alla stessa sim in cui si trovava lei. Era come rubare una caramella da una fica particolarmente bagnata e aperta.

Nel momento in cui la vide entrare nella simulazione, colpì velocemente. Facendo sì che gli script afferrassero il suo avatar e la incatenassero a una porta,
Indossava a malapena qualcosa a parte gli stivali, un vestito trasparente e il suo sempre presente cespuglio. Nella seconda vita il 99,9% delle donne erano rasate. Emma no.

"Ciao Emma", le scrisse in un messaggio istantaneo. "Sei pronto a farti sfondare la fica come la puttana che sei?
La risposta di Emma è stata quella di scomparire da Second Life in quel momento.

Rocco si disconnette e Dan aspetta pazientemente che Emma ritorni alla seconda vita. Ascoltare il racconto del suo calvario nel rivedere Rocco. Una volta gli aveva confidato che, delle poche volte in cui era stata violentata in Second Life, lui era stato l'unico a farla venire nella vita reale dopo. Questo l'aveva spaventata perché il suo erotismo era così crudo, così rude, che era preoccupata se avesse trascorso più tempo con lui avrebbe potuto fare l'impensabile. Innamoramento o almeno lussuria che crea dipendenza.

Emma era troppo intelligente per giocare in quel modo con il fuoco, quindi lo tenne a debita distanza. Alla fine non lo senti più.

Fino ad oggi
Il cuore di Barbra le si schiantò nel petto nel momento in cui vide Rocco.
Nel momento in cui è arrivato il suo messaggio istantaneo, ha sentito la sua fica inondarsi nella vita reale e il dito del suo mouse uscire dalla seconda vita,



Questo è successo 3 giorni fa.

Dan aveva il tablet acceso in macchina mentre sedeva a parlare con Emma in Second Life della sua giornata. Barbra chiacchierava allegramente con la sua amica, pur lamentandosi del caldo. Si alzò e aprì due finestre nella sua camera da letto. Sedendosi di nuovo sul letto con il portatile sulla coperta.

Dan è rimasto a parlarle finché lei non ha detto che aveva bisogno di dormire un po'.
Guardò fuori mentre le luci si spegnevano e lei andava a letto.

Un'ora dopo Dan scese dalla macchina e sgattaiolò nel buio verso la finestra aperta della camera da letto di Barbra.
Con grande agilità derivante da una vita di tennis, riuscì ad entrare nella sua stanza con il minimo assoluto rumore tranne che per un forte respiro mentre la trovò lì nuda e addormentata con un vibratore che ancora ronzava nella sua fica.

Sganciò la borsa dalla spalla e cominciò a prepararla.
Un braccio alla volta li sollevò fino alla testa della perlina e indossò le apposite manette per le mani. Morbido ed elastico. Con un trucco, più li tiri più diventano stretti. Quasi al punto da interrompere la circolazione alle mani.

Poi le manovrò la testa profondamente addormentata per mettersi una maschera sugli occhi.

Una volta ottenuta come la voleva, le soffiò sul viso e contemporaneamente si arrampicò sulle sue gambe per tenerla completamente immobilizzata.
Quando si svegliò e si rese conto che c'era qualcuno sopra di lei, aprì la bocca per lanciare un grido.
Dan è stato troppo veloce e le ha tappato la bocca con la mano

Con voce autoritaria Dan disse in modo che lei potesse sentirlo al di sopra delle sue urla soffocate.


"Ciao Emma, ​​sei pronta a farti sfondare la fica come la troia che sei?"
Barbra smise subito di urlare e con voce sorda disse:"Rocco?"

"Sì, Emma. Sono Rocco e dal tuo aspetto. Con questo vibratore infilato dentro di te, sono arrivato nel posto giusto."

Barbra fece un respiro profondo sotto la mano mentre girava il vibratore al massimo.
Ronzava e sibilava nella sua fica mentre ti sussurrava vicino all'orecchio "non urlare e ti userò come non hai mai sognato in Second Life"
Tastò il terreno allontanando lentamente la mano dalla sua bocca.
Barbara piagnucolò. Ma dalla sua bocca non usciva altro che il respiro pesante.

Rocco si alzò dalle gambe e le aprì. Il vibratore ronzando oscenamente al massimo le si inserì quasi completamente dentro.
Lo tirò fuori bruscamente e si tuffò a testa in giù tra le sue gambe e iniziò a succhiare la vita e i succhi dalle sue labbra piuttosto insensibili. Riusciva a malapena a credere al gusto e alla quantità di umidità che trangugiava come un marinaio ubriaco che martellava il rum.
Coprì ogni centimetro della sua fica. Le sue labbra toccarono il clitoride sulle pareti interne. La prosciugò come una diga lasciando fuoriuscire la spina.
Il suo volto era coperto da lei
Poteva sentire l'intensità della sua eccitazione attraverso le narici aperte.
Continuava a leccarlo ea sentirsi sballato dal potere e dal desiderio che scorrevano tra le sue gambe

Barbra riusciva a malapena a respirare per l'intrusione della lingua di quest'uomo.
Suo malgrado sentì un orgasmo dopo l'altro, l'edificio crollava e poi si staccava dal suo corpo
Voleva il suo cazzo dentro di sé perché ora era così eccitata nonostante l'umiliazione di mettersi in quella situazione
Dan poteva sentire la reazione di Barbara. Il flusso dei suoi orgasmi gli stava lentamente riempiendo la bocca. Avrebbe quasi voluto sputarlo in una tazza per conservarlo e mangiarlo più tardi. Sfortunatamente, nonostante tutti i suoi piani, non aveva mai considerato l'effetto che il suo gusto e il suo odore avrebbero avuto su di lui,
Poteva sentirla dimenarsi e sapeva che questa troia aveva bisogno di essere riempita. Prese 2 dita e le fece scivolare in profondità dentro di lei. Le dita furono afferrate immediatamente dalle sue pareti vaginali. Lui cominciò a scoparla lentamente. Le sue dita si muovevano dentro di lei mentre scivolava dentro e quasi fuori.

Continuò il passo con lenta pigrizia sapendo di avere tutto il tempo del mondo con la sua troia. Che le piacesse o no.
Dan continua a leccare con indulgente frenesia.

Barbra dovette trattenersi dal gridare mentre Rocco infilava le dita nel profondo del suo buco terribilmente bagnato ed eccitato.
Si sentiva solo un giocattolo per quest'uomo spregevole. Faceva sì che il suo corpo rispondesse ancora e ancora al suo tocco e alle sue intrusioni.

Dan si fermò per un momento e disse: "Emma, ​​infilerò il mio cazzo sulle tue labbra da troia. Hai una scelta. O posso continuare a scopare la tua dolce, dolce deliziosa vagina aperta ed eccitata e tu puoi succhiarmi finché non avrò detto basta. Oppure posso smettere di mettermi un dispositivo per aprire la bocca e scoparti la bocca e la gola per tutto il tempo che ritengo opportuno. Dipende completamente da te. Potrei violentarti, mia deliziosa puttana troia. Ma preferisco che tu sia bagnata e orgasmico che costretto a mangiare il mio cazzo senza modo di divertirti.
Barbra si elencò e suo malgrado spalancò la bocca per lui.
Barbra decise che avrebbe potuto compiere questo gesto come desiderava.

Dan guardò Barbra spalancare la bocca. Lui scese dal letto e si abbassò la patta.. Tirò fuori il suo cazzo già indurito e pulsante e si fermò sopra di lei sul letto. Lui lasciò cadere la testa viola sulle sue labbra e disse "Succhia troia"
Sentì il suo cazzo scomparire nella sua bocca. La troia sembrava quasi vorace nella sua volontà di obbedire. Fece roteare la lingua sull'asta e poi cominciò a succhiare. Oh, come lo ha succhiato. Si perse per un attimo la giusta pressione e volontà prima di rimettere le dita in profondità nella fica ora pulsante.

Voleva che sentisse ogni colpo, quindi l'ha scopata forte e veloce. Scivolando in un terzo dito mentre sentiva un orgasmo sul punto di scoppiare. In quel momento quasi lo inghiottì intero in una lunga inspirazione. Lei venne così forte sulle sue dita che quasi lo costrinse a uscire dal buco che ora possedeva. Il suo cazzo mandava segnali di avvertimento che stava per soffiare.
Lui strappò il cazzo dalla sua bocca bramosa e si fermò appena in tempo.
Dan ritirò le dita e asciugò lo sperma dal suo dolce buco appiccicoso e se lo strofinò su tutto il viso. Tra i capelli e lungo la parte posteriore del collo.
Quando se ne andò, voleva che la troia esca di stupro non si illudesse che ora fosse sua e lui si era segnato nel suo profumo,

Barbra era sopraffatta dal modo in cui il suo corpo e la sua mente l'hanno tradita con quest'uomo. Lei ingoiò il suo cazzo in bocca con facilità e quasi con un senso di gioia. Voleva disperatamente assaporare il suo stupratore. Sentire la dimensione di lui che la possiede. L'eccitazione sul suo cazzo duro che le pervadeva la bocca mentre era incatenata al letto. I suoi occhi rotearono all'indietro nel momento in cui lui ricominciò a scoparla con le dita. Ha inalato il suo cazzo fino alla base della gola e poi si è messa all'opera per succhiare la sua sborra in profondità dentro di sé. L'orgasmo si riversò a ondate e lei si sentì spingerlo fuori dalla pura forza di esso.
Poi non c'era più. Strappato dalla sua bocca e lei si sentiva vuota. Non riusciva a chiedere di più. Emise un piccolo gemito.

Dan rimase lì a osservare la sua reazione. Emise una risata fragorosa, afferrando il vibratore dal letto e accendendolo. Si mise tra le sue gambe aprendole completamente in modo da poter vedere l'osceno quadro della fica pelosa di una donna ricoperta nel più sexy dei melma. I suoi capelli ricci sono tutti bagnati dalle leccate e dallo sborro.
"Emma, ​​vuoi che ti scopi con questo vibratore o con il mio cazzo?" le chiese serio
Barbra emise un gemito primordiale e disse "cazzo" piuttosto forte. Non poteva credere con quanta facilità uscisse dalle sue labbra,
Dan rise di nuovo di lei,
"Oh Emma, ​​ho sempre saputo che eri la troia più incantevole che abbia mai incontrato in Second Life. È bello sentire il tuo Rocco in carne e ossa? Scoparti come la puttana che sei. Ti ho osservato dal giorno in cui ci siamo incontrati in Io e Rape Sim sapevamo che un giorno avrei potuto sperimentarlo nella vita reale. Ed eccoti qui, troia, che implora il mio cazzo. Poi ha posizionato il vibratore su 5 direttamente sul suo clitoride e l'ha sbattuta dentro. Prendendo ogni centimetro con sé in profondità all'interno del magnifico buco della gloria che era la sua fica bagnata e deliziosa.

Iniziò a dondolarsi contro il suo bacino. Scivolando dentro di lei e lentamente fuori di nuovo. Poteva sentire il suo clitoride reagire mentre il vibratore ronzava via. Il suo cazzo urla per il rilascio. Dan non avrebbe permesso a questa troia di mungerlo così facilmente.

Barbra cadde in un mondo quasi sicuro di piacere ed estasi mentre lui la penetrava profondamente con il suo cazzo. Il vibratore faceva sussultare il suo corpo ogni volta che le vibrazioni scivolavano su un certo punto del clitoride provocandole un piccolo orgasmo clitorideo dopo l'altro.

Barbra ansimava forte e veloce mentre parlava in modo quasi incoerente a Rocco.
Dan cominciò a scopare sempre più forte mentre la guardava contorcersi sotto di lui. Ritirò il vibratore e prese le dita per sollevare il cappuccio e allontanarlo dal clitoride. Gli venne in mente mentre guidava più in profondità. Cominciò dolcemente ad accarezzarle il clitoride trasformandosi lentamente in schiaffi duri. La schiaffeggiò poi la spinse dentro... si ritirò e sbatté contro di lei di nuovo schiaffeggiandola con spinte alternate.

Barbra ebbe un crollo orgasmico. Aveva perso ogni coesione e chiarezza con la situazione. Il piacere e il leggero dolore la portarono al limite.
Dan sentì il suo cazzo strizzato più forte di quanto non fosse mai stato spremuto in vita sua.

Dan era indifeso ed è esploso dentro di lei come un toro violentato in un negozio di porcellane. Il piacere scorreva attraverso il suo corpo e direttamente nella sua fica pulsante e troia.


Lui le cadde addosso e iniziò immediatamente a massaggiarle e succhiarle i seni e i capezzoli uno alla volta mentre continuava a scoparla mentre lo sperma filtrava fuori da lui e direttamente nel suo grembo.

Barbra urlò ad alta voce un grido gutturale di estasi orgamica mentre lui si svuotava in lei. Il suo corpo era tormentato da movimenti nervosi mentre cavalcava l'orgasmo più forte che avesse mai sperimentato in vita sua. All'improvviso Rocco la baciò sulle labbra. Senza fiato e ora troppo dispersa per pensare alle conseguenze del baciare il suo stupratore. Lo baciò con passione, lussuria e profondo desiderio di mostrare la sua gratitudine per l'esperienza

Dan sentì la risposta del bacio più oscuro provenire dalla sua troia.
La baciò più profondamente e riuscì anche ad alcune forti spinte nel mezzo, così lei si sentì posseduta. Nella mente di Dan non solo aveva violentato questa gloriosa troia online, ma l'aveva anche avviata a diventare la sua troia nella vita reale. Dan era molto felice.

Barbra era esausta e incapace di concentrarsi. Il suo corpo era stato preso con la forza. Anche se ha ammesso di essersi arresa a lui dopo che lui le ha detto chi era. Si è giustificata in quel momento per aiutarla a superare il calvario erotico dominante che aveva vissuto quest'uomo che la violentava online. In un certo senso può sembrare molto reale in un mondo virtuale le immagini e la comunicazione tramite messaggi istantanei o chat vocale. Quindi questo era solo il lato fisico. Come le aveva già violentato la mente nella seconda vita. Ciò che è accaduto a Barbara è stata la manifestazione dell'unione dei due.

Anche se non aveva idea del livello di erotismo che avrebbe effettivamente comportato lo stupro. Si sentiva sporca, sexy e troia nello stesso momento. La vergogna sarebbe arrivata più tardi, ma in quel momento Barbra si sentiva sessualmente più viva di quanto non lo fosse stata nei suoi 31 anni.
Dan si sentiva un po' lo stesso
Aveva finalmente smesso di gocciolare nella "sua Troia" e fece il gesto di alzarsi dal letto e pulirsi con un asciugamano.

Si fermò di colpo e si voltò verso Barbra Prostate sul letto e disse mentre si chinava per raggiungere le sue labbra: "succhia troia, assapora cosa vuol dire essere violentata".
La bocca di Barbra si spalancò e lei lo accettò in un lungo succhiare deliziosamente appassionato. La sua lingua lambì ancora una volta la sua asta

Quando Dan si ritirò, le accarezzò dolcemente i capelli. "Buona troia".
Barbra sentì il suo cazzo cadere dalle sue labbra e la tenerezza nella sua carezza sui suoi capelli. Non aveva avuto il tempo di essere terrorizzata, era successo troppo in fretta perché il suo cervello riuscisse a tenere il passo con le sue emozioni.
Ha sentito Rocco tirarsi su i pantaloni che in qualche modo si erano staccati durante lo stupro. Lo ha sentito fischiare mentre le allentava i polsini. Prese una mano dopo l'altra e le posò al suo fianco.

Dan aveva quasi finito, prese il portatile dal tavolo e lo aprì. Fai doppio clic sull'icona di Second Life e avvia il caricamento del mondo virtuale.
Sullo schermo è apparsa la bellissima Emma in piedi in una simulazione.
Le aprì le gambe e le mise il portatile in mezzo.

Dan poi ha infilato 2 dita nella sua vagina ancora bagnata e ha iniziato a scoparla di nuovo. "Troia, la seconda vita è iniziata. Apri una chat con me e fammi sapere se lo vuoi di nuovo." Le ha infilato le dita mentre era sul sull'orlo dell'orgasmo li tirò fuori rapidamente
Sai cosa voglio sentire, mia troia, quindi fallo bene."
E detto questo uscì dalla porta della sua camera da letto con la borsa in mano e si avvicinò alla sua macchina.

Si allontanò ma fermò l'auto in fondo alla strada e attese.
Dan ha aperto l'app sul suo tablet per Second Life.

Barbra rimase tremante dopo che Rocco ritirò le dita, lo ascoltò uscire dalla porta principale prima di sedersi ancora bendata.
Barbra si tolse la benda solo per essere accolta dalla luce brillante del suo schermo e da sua Emma in piedi lì con la finestra della chat di Rocco aperta
Fece un respiro e pensò di chiamare la polizia. Prove fisiche sufficienti per rinchiudere quest'uomo malato per anni. Invece ha scritto una riga nella finestra della chat.
." Sono pronto a farmi sfondare la fica come la puttana che sono."
L'icona per la digitazione di Rocco lampeggiò
e poi Barbra vide apparire sullo schermo "Buona troia. Tornerò presto". Rocco le offrì quindi la sua amicizia in modo che il suo nome ora comparisse nella sua lista di amici.
Barbara accettò.
"beh, troia mia, devo andare a letto. Anche tu dovresti farlo. Il tuo allenamento inizierà domani." Detto questo Dan si disconnesse e tornò a casa coperto dei deliziosi succhi della sua troia.
Barbra cadde all'indietro nel letto, chiuse il portatile, lo appoggiò sul tavolo accanto e mormorò ad alta voce "allenamento! Quale allenamento?"

Storie simili

Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

Il Cavalierato Dopo quella maledetta serata, Noah non aveva fretta di uscire dai bagni, e il fatto di avere la stanza tutta per sé era una gradita serenità. Inoltre presto sarebbe tornato a vivere per strada, dove i bagni caldi erano pochi e rari. Era bello assaporarlo finché poteva, così come la sensazione di un'uniforme fresca. Si fermò nella sala mensa e prese del pane e una mela, poi tornò al suo dormitorio, dopo aver trascorso le ultime ore bramando la morbidezza del suo letto come una vecchia fiamma. Sembrava che non appena chiudeva gli occhi, si aprivano al suono di...

500 I più visti

Likes 0

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

329 I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Madeliene è solo deserti

Correndo verso la sua macchina con un vestito nero attillato e tacchi alti con cinturino alla caviglia, Madeliene non si accorse dell'uomo in piedi nell'ombra finché non si schiarì la voce. Voltandosi per affrontarlo, vide un uomo alto e muscoloso in pantaloni neri, maglietta e berretto da baseball. Prima che possa reagire, c'è uno scoppio del dispositivo nella sua mano e il suo mondo esplode mentre i dardi del taser la colpiscono nelle costole, erogando 10,00 volt. Crolla sul pavimento del garage, contorcendosi ma incapace di muovere un muscolo da sola. L'uomo la gira rapidamente e le ammanetta le mani dietro...

1.3K I più visti

Likes 0

Una notte sorprendente

I miei amici e io ci siamo sempre divertiti a sperimentare nuovi modi di intrattenerci a vicenda, ma fino a poco tempo fa eravamo a corto di vapore. Io e Dave abbiamo lavorato nella stessa azienda negli ultimi quattro anni, mentre le nostre rispettive amiche, Susan e Jenny, possiedono una piccola boutique di moda. Di solito dopo aver visitato un wine bar o un club, tornavamo a casa mia per un bicchierino o due. Dopo il viaggio di sabato scorso in un wine bar spagnolo locale, eravamo tutti abbastanza allegri e abbiamo deciso di comprare dell'altro vino e tornare a casa...

1.1K I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

963 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.