Il risveglio di Lisa Capitolo 5

469Report
Il risveglio di Lisa Capitolo 5

Lisa fa fatica durante le lezioni del venerdì in previsione del fine settimana in cui non dovrà indossare vestiti per due giorni interi. Gran parte dei suoi pensieri sono anche su come ci si sente ad essere osservata senza i suoi vestiti e soprattutto con le gambe aperte, esponendo la sua giovane figa a tutti gli occhi. Mentre guardare suo padre è un'enorme svolta, a volte si ritrova a desiderare che anche altri la guardino. Le sue recenti fantasie la vedono persino sul palco di un concerto, completamente nuda e che si masturba per un'enorme folla di strani uomini. Questi pensieri riempiono così tanto la sua mente che alla fine della giornata, le sue mutandine sembrano come se ci avesse pisciato dentro.

Quando scende dall'autobus alla fine del suo lungo vialetto, è molto eccitata. Dopo che l'autobus si è allontanato e lei ha percorso solo pochi metri, si ferma e si guarda intorno. La proprietà è molto boscosa con un po' di sottobosco e lei esce dal vialetto e cammina un po' nel bosco, osservando l'area mentre le macchine passano sulla strada. Da dove si trova, potrebbe essere vista se qualcuno guardasse attentamente nel bosco, ma guidare in un veicolo in movimento minimizzerebbe questo rischio. Sentendo che le sue mutandine continuano a bagnarsi, decide di fare un rapido test.

Inginocchiandosi un po', si toglie tutti i vestiti. Le sue mani tremano mentre si spoglia alla luce del sole a non più di 30 piedi dalla strada principale. Una volta nuda si alza lentamente e comincia ad allontanarsi dai suoi vestiti. Più si allontana, più diventa eccitata. Poi nota una roccia che le permetterà di sedersi. Mentre lo fa, vede un percorso libero verso la strada, ma con fitti cespugli a sinistra ea destra. Ciò significa che un'auto che passa sulla strada, se si guardasse direttamente fuori dal finestrino, per un istante potrebbe vedere la sua figura nuda, ma avvicinarsi da entrambe le direzioni sarebbe oscurata.

Eccitata, Lisa si appoggia allo schienale e allarga le gambe. Guarda passare le macchine. Nota che la maggior parte di loro è occupata solo da un autista. Si allunga tra le gambe e inizia ad accarezzarsi la figa molto bagnata e allo stesso tempo guarda indietro dove sono ancora i suoi vestiti - ad almeno 50 piedi di distanza. Sentendosi così nuda e così esposta, eppure con una protezione appena sufficiente, le sue dita danzano sulla sua clitoride sempre più velocemente. Pizzica e stringe le sue tette in erba con l'altra mano. Presto è distesa sulla roccia, le dita che si strofinano la figa e geme piuttosto forte. Comincia a immaginare gli uomini che la vedono mentre passano sulla strada mentre, nella sua mente, tutti i cespugli scompaiono e lei si immagina in un campo aperto proprio lungo la strada in mostra agli occhi di tutti. Ci vogliono solo circa 5 minuti prima che esploda in un orgasmo molto potente, schizzando il suo sperma ad almeno 5 piedi da lei.

Le ci vogliono altri 10 minuti per riprendersi dall'orgasmo, mantenendo le gambe ben divaricate. Alla fine, su gambe leggermente traballanti, si alza e torna ai suoi vestiti e alla borsa dei libri e li raccoglie insieme. Decide di tornare a casa attraverso il bosco, rimanendo nuda per tutto il percorso e uscendo dal bosco solo per attraversare il prato. C'è un'area di circa 15 piedi che è completamente esposta alla strada, ma è abbastanza lontana, nessuno se ne accorgerebbe o noterebbe molto. Entrando in casa, sale direttamente per depositare vestiti e libri nella sua stanza e torna al piano di sotto mentre suo padre, altrimenti preoccupato, esce dal suo ufficio.

"Lisa, sei a casa" Tom sorride brillantemente. Si avvicina per abbracciare sua figlia nuda. «Ti ho sentito entrare, ma ero al telefono. Com'era la scuola?" chiede allegramente.

Lisa e suo padre entrano in cucina, abbracciati mentre Lisa racconta la sua giornata. Non c'è molto da dire, ma conclude con quanto sia contenta di essere a casa e di essere senza vestiti. Tom, ovviamente, ridacchia perché è stato così felice di non indossare vestiti per tutta la settimana. Prepara a sua figlia uno spuntino leggero e salutare dopo la scuola mentre Lisa si siede sulla sedia, le gambe divaricate.

"Papà?" chiede Lisa.

"Si dolcezza?" Tom risponde.

“Posso parlarti di una cosa?”

Voltandosi a sorriderle, "Certo, tesoro, sai che puoi."

"Beh, non sono sicura di come dirlo, ma sai come ci guardiamo masturbarci a vicenda" chiede, leggermente nervosa.

"Sì, lo so" risponde Tom, ancora incerto su dove stia andando.

“Beh, è ​​davvero eccitante quando mi guardi, ma devo dirti una cosa. A volte immagino che, uhm, beh, ci siano più persone di te che mi guardano. Lisa finalmente esce e si morde il labbro inferiore in previsione della reazione di suo padre.

Tom le porta lo spuntino che ha appena preparato e glielo posa davanti, poi si siede. “Quindi ti ecciti ancora di più immaginando che ci sono molte persone che ti guardano mentre ti diverti.
Lisa annuisce con uno sguardo nervoso sul viso.

Tom ci pensa un momento. “Lisa, quello che ti entusiasma è quello che è noto come esibizionismo. Questo è quando a qualcuno piace mettersi in mostra in modo sessuale per un pubblico da uno a molti. “È un feticcio, ma non insolito. A volte ce l'ho anche io, quindi immagino che tu ci arrivi naturalmente.

“Papà, uhm, beh, quando sono sceso dall'autobus, sono andato nel bosco e mi sono tolto tutti i vestiti. Ho trovato questa roccia che aveva una visuale chiara della strada, ma sollevava cespugli su entrambi i lati. Non ho potuto trattenermi, papà. Mi sono masturbato immaginando che tutti nelle macchine potessero vedermi come se fossi in un campo. Sono venuto così duramente quando l'ho fatto. Lisa confessa nervosamente.

Tom era consapevole della roccia a cui si riferiva. Era lungo il confine della proprietà ed è per questo che aveva un corridoio libero sulla strada per scopi di rilevamento. Sapeva che era abbastanza al sicuro a farlo lì, ma non era impossibile essere visti, ma qualsiasi incidente del genere sarebbe stato molto fugace per chi passava di lì. Tuttavia, era preoccupato.

“Lisa, tesoro, capisco perfettamente come ti fa sentire quell'esposizione. Quanto puoi essere eccitato, ma, beh, tesoro, devi stare attento. Esporsi in quel modo potrebbe non solo metterti nei guai con la legge, ma potrebbe anche farti molestare. Cerca di spiegarle. “Se mi prometti che non farai mai più niente del genere, cercherò di fare in modo che tu abbia la tua 'esposizione' senza tutti i rischi e sarò anche lì per proteggerti. È un affare?" lui chiede.

Lisa lo guarda, un po' di sollievo sul viso. "Quindi non sei arrabbiato?"

«Be', sono un po' arrabbiato. Più come spaventato, ma capisco anche. Tesoro, per favore, se hai delle fantasie, per favore portamele così posso proteggerti. Per favore, capisci, non ti metterai mai nei guai per avermi portato queste cose e farò tutto il possibile per aiutarti.

Lisa si alza e abbraccia suo padre. “Mi dispiace, papà. Prometto che lo farò"

«Be', tesoro, non è stato poi così male. Almeno non l'hai fatto davvero in un campo” ride Tom.

Lisa torna alla sua sedia per finire il suo spuntino, sentendosi molto meglio ora. “Allora papà? Cosa faresti per aiutarmi, espormi senza correre rischi?" chiede curiosa.

Tom guarda qui, non è sicuro della risposta, ma pensa velocemente: "Beh tesoro, non ne sono sicuro, non ci ho pensato molto, ma suppongo che forse potrei trovare delle persone a cui non dispiacerebbe guardando una bella ragazza masturbarsi. Persone di cui sapevo di potermi fidare”. Le dice.

“Quindi sarebbero reali? Voglio dire nella stessa stanza? Chiede in un misto di eccitazione e nervosismo.

"Beh, questa è una strada da percorrere", dice. "Potrebbero essercene altri, ma ho bisogno di pensarci un po'"

Per ora soddisfatta di quella risposta, Lisa finisce il suo spuntino e si alza da tavola. "Papà, posso fare una nuotata adesso?" chiede innocentemente. Ora che è entrata in vigore l'ora legale, Lisa esce da scuola molto prima che tramonti il ​​sole. Mancano solo due settimane alla fine della scuola per l'estate.

"Sei tutto preso dal tuo lavoro scolastico?" Tom chiede inizialmente.

"SÌ. Martedì inizieremo i test per la fine dell'anno. Lei gli dice.

"OK, ma domenica iniziamo a rivedere, d'accordo?"

"Affare!" lei risponde.

“E solo se posso unirmi a te” aggiunge.

Sorridendo brillantemente come farebbe qualsiasi ragazza giovane, "Speravo che lo avresti fatto", risponde.
Entrambi si alzano e si dirigono nudi verso il retro. Sul ponte della piscina, Tom afferra scherzosamente Lisa e si aggrappa mentre salta in acqua con lei. Vengono in superficie, Tom ancora aggrappato a lei, sbuffando un po' sorpreso, ma comunque felice. Pelle contro pelle, lei si gira per avvolgergli le braccia intorno al collo mentre lui le fa nuotare verso la parte bassa dove Lisa avvolge le gambe attorno al busto di Tom, la figa contro il suo cazzo. Lei sorride, ride e poi gli dà un bacio sulle labbra. Lui sorride e ricambia il bacio e iniziano questo giocoso avanti e indietro, schioccando le labbra. All'improvviso, Lisa guarda suo padre con più serietà.

"Papà? Puoi insegnarmi a baciare come per davvero? Sai, come fanno fidanzati e fidanzate?" chiede, le sue domande ora meno incerte mentre si sente sempre più a suo agio nel chiedere queste cose a suo padre.
Tom la guarda negli occhi per un momento, poi sorride: “Beh, immagino che potrei insegnarti. Intendi come i baci alla francese e tutto il resto? chiede chiarezza.

"SÌ! È così che lo chiamano! esclama.

“OK, tesoro, posso insegnartelo. La prima cosa però è come iniziare. Ti bacerò con quello che viene chiamato un bacio a bocca aperta. Mentre senti quello che sto facendo, prova a rifarmelo allo stesso tempo. Spiega, poi si china su di lei e inizia a baciarla di più con le labbra un po' aperte.

Lisa sente le labbra di suo padre sulle sue in modo diverso rispetto a tutti i baci che le ha dato finora. Lei cerca di imitarlo e all'inizio lo fa in modo abbastanza goffo, ma il papà è paziente e insistente finché il loro bacio diventa presto un po' più romantico. Lisa sente il romanticismo e sente anche la sua figa formicolare leggermente mentre si baciano.

Passano alcuni istanti di baci quando Lisa sente la lingua morbida e calda di suo padre aprirle un po' di più le labbra e farsi strada gradualmente all'interno della sua bocca. Lo sente esplorare la sua bocca e il suo bacio si interrompe mentre aspetta di vedere cosa farà la lingua di suo padre. Trova la sua lingua e la picchietta, si ferma, poi scatta di nuovo. A lei viene l'idea e inizia a far schioccare la lingua contro la sua. Lei può assaggiarlo e le piace.

Presto, la lingua di Tom torna lentamente alla sua bocca. Lisa esita per un momento, poi esitante, spinge la propria lingua nella bocca di suo padre e cerca di imitare quello che ha fatto un momento fa. Tom poi la sorprende un po' quando le succhia la lingua. All'inizio si tira indietro, ma poi ci riprova.

Interrompe il bacio con un sorriso. “Ok, fammi provare a succhiarti la lingua adesso” sorride e lo bacia di nuovo. Tom fa scivolare la lingua nella sua bocca e Lisa prova a succhiare.

“Ahi! Non proprio così difficile” esclama indietreggiando un po'. "amorevole e gentile" sorride prima di riportare le sue labbra sulle sue. Ci riprova ed è meglio. Lo sta lì in piscina nuda, le sue gambe avvolte intorno alla vita di suo padre mentre la sostiene con le mani a coppa sul suo sedere nudo e la bacia romanticamente. Lentamente Lisa acquisisce la conoscenza e migliora la sua abilità mentre i loro baci diventano più simili a una coppia. Con il suo livello di comfort, sente la sua figa pizzicare sempre di più.

Quando finalmente si rompono, si guardano l'un l'altro con una certa serietà e lussuria. Sono entrambi eccitati e provano qualcosa che non avevano mai provato prima. Nessuno dei due si rende conto che si stanno innamorando l'uno dell'altro.
Tom finalmente lascia che Lisa scivoli lungo il suo corpo per alzarsi in piedi. "Beh, allora come ti è piaciuto?" chiede, un po' rauco all'inizio.

"Voglio assolutamente fare di più" risponde con un sorriso ma serietà nella voce.

Abbassa lo sguardo e vede suo padre eretto appena sotto la superficie dell'acqua e sa che lo ha eccitato tanto quanto lei. Lei si avvicina un po' di più a lui e allunga la mano e prende delicatamente il suo cazzo duro tra le mani e lo accarezza dolcemente. Poi prendendo la sua mano con l'altra, la guida alla sua figa. Capisce che lei vuole che si masturbino a vicenda allo stesso tempo.

Tom le strofina delicatamente la figa mentre si appoggia per darle un altro bacio alla francese. Mentre le loro labbra e le loro lingue si intrecciano, lui sente la sua presa diventare più forte sul suo cazzo e il suo bacino spingersi contro il suo dito. Si baciano più forte e si strofinano l'un l'altro più velocemente. L'acqua schizza mentre il loro tono diventa sempre più intenso e possono quasi sentire l'orgasmo l'uno dell'altro avvicinarsi. Un attimo dopo uniscono le loro labbra chiuse mentre entrambi iniziano a venire. Non il più forte degli orgasmi, ma diversi e più connessi tra loro. Mentre iniziano a rilassarsi un po', Lisa guarda in basso, tenendo ancora in mano il cazzo che si sta ammorbidendo di suo padre. Poi vede il suo sperma galleggiare in superficie.

“Oh wow! Guarda, galleggia! dice eccitata e la mano di Tom si allontana dalla sua figa. Lei ridacchia dolcemente mentre rilascia il suo cazzo e inizia a giocare con lo sperma galleggiante per un po' e Tom guarda con un sorriso.
Pochi minuti dopo, escono lentamente dalla piscina per accoccolarsi sulla poltrona. "Era un po' diverso" dice piano mentre posa la testa sul suo petto sodo.

“Ci sono molti orgasmi diversi, tesoro. Quello era solo un altro, ma è stato molto bello... ho pensato! Tom risponde.

“È stato davvero, davvero bello” dice Lisa con una risatina sommessa e soddisfatta.

Tom e Lisa giacciono nudi sul divano per un'altra ora o giù di lì, a volte dolcemente, dolcemente e amorevolmente accarezzandosi l'un l'altro. Parlano un po' di niente di veramente importante mentre si godono la sensazione della pelle sulla pelle e un nuovo sentimento in entrambi i loro cuori.

Sonnecchiano per circa 15 minuti quando Lisa si sveglia e si rende conto che deve fare pipì, ma essendo così a suo agio sdraiata con suo padre, non vuole alzarsi. Poi ricorda come ha fatto pipì nell'erba e come si sentiva caldo quando le scorreva lungo la gamba. Un'idea si forma nella sua testa e lascia andare un po' di pipì, solo sperimentando. La sensazione è eccitante per lei e si lascia andare un po' di più, questa volta però schizza fuori e atterra sulla coscia di Tom mentre lei ha una gamba sopra la sua gamba.

Tom si sveglia e dopo un momento si rende conto di cosa è successo. La guarda e sorride mentre Lisa si morde il labbro inferiore chiedendosi se si arrabbierà.

"Scusa!" dice dolcemente

"Va bene. Si sente bene! Vai avanti, lascia andare tutto se vuoi. Alla fine dice.

Lisa sorride ampiamente e con il permesso di suo padre si rilassa e rilascia la sua pipì in un forte getto che schizza sulla sua coscia, le sue cosce e le ricopre entrambe nel suo caldo nettare dorato. La sensazione è molto erotica per Tom e il suo cazzo si gonfia fino a raggiungere una semi erezione finché il suo flusso non si ferma. Quindi si abbassa e tiene il suo cazzo dritto verso l'alto e lascia andare il suo flusso di liquido caldo che si inarca nell'aria e arriva schizzando su entrambi.

Lisa ridacchia un po' e tende la mano per prenderne un po', poi si strofina la pelle. Tom dirige il flusso in modo che salga e scenda su entrambi i loro corpi. Alla fine del suo ruscello, sono entrambi bagnati come se fossero tornati a nuotare, ma questa volta fanno pipì a vicenda.

Lisa si infilò tra le gambe e ricominciò a masturbarsi. Sollevò un ginocchio verso l'alto quando trovò il suo clitoride e lo strofinò lentamente. Quindi, sentendosi oscena per l'odore della pipì, si alza, solleva le ginocchia di suo padre, poi si mette a cavalcioni sulla parte inferiore del suo petto e si appoggia contro le sue ginocchia sollevate. Mentre si masturba ora, allunga una mano sotto una gamba e inizia a giocare con il suo buco del culo e muove lentamente un dito a pochi centimetri dalla faccia di suo padre. Lei lo guarda intensamente guardandola.

"Guarda papà, mi sto masturbando sia la mia figa che il mio culo." Lisa gli dice dolcemente. “Voglio che mi guardi venire, papà. Voglio venire per te. Comincia a parlare sporco con suo padre, cercando di soddisfare l'esibizionista che c'è in lei. “Riesci a guardarti. Strofina, strofina quella piccola figa bagnata. Mostra a papà come puoi farti venire. Tom le dice di rimando, i suoi occhi vanno dalla sua figa e culo alla sua faccia mentre parla. “Ti piace mostrare la tua figa, vero piccola? Ti piace che le persone vedano quanto sai essere cattivo” continua a bassa voce.

“Sì, papà, guardami. Ci sono quasi” canta dolcemente, massaggiandosi più velocemente e infilandosi le dita nel buco del culo anche più velocemente. All'improvviso, lei si inarca verso il suo viso e inizia a venire, spruzzando ancora una volta e gridando mentre viene.

Dopo che il primo getto di sperma della ragazzina ha colpito Tom in faccia, istintivamente apre la bocca per i due successivi, assaggiando lo sperma delle sue figlie.

Lisa riposa per un momento prima di scendere da suo padre e coccolarlo di nuovo. Prende il suo cazzo ormai duro in mano e lo tiene appena mentre entrambi si addormentano di nuovo

.

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

1.4K I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

1.3K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

1.8K I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.1K I più visti

Likes 0

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

821 I più visti

Likes 0

Orrori combinati - cap. 02 - La caccia

Orrori combinati. Se questo è il tuo primo capitolo da leggere, sarebbe meglio leggere prima il capitolo 1, per digerire questa storia, grazie per la tua preoccupazione.. http://www.sexstories.com/story/83926/ Capitolo 2: la caccia. Nella stessa notte (Mado) non era ancora sicuro di cosa intendesse la creatura dicendo ... AVRAI POTERI SULLE FEMMINE, NESSUNA FEMMINA SAREBBE MAI IN GRADO DI RESISTERE AL TUO FASCINO... Cosa diavolo significa? Aveva bisogno di provare prima di mettersi in viaggio con (Noga). Non riusciva a pensare a una vittima migliore della giovane cameriera che avevano in casa, e per giovane significa che era più giovane di (Noga)...

998 I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

831 I più visti

Likes 0

Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. Brandon, sei qui? Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di...

731 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

196 I più visti

Likes 0

Mio marito non lo sa_(0)

Ciao a tutti, beh, questa è la mia prima storia che scrivo sulle mie esperienze sessuali e spero che vi piaccia. Mi chiamo Kristy, ho 29 anni, vivo sulla costa settentrionale del NSW, molto piccola solo circa 5 piedi 2, ho un seno estremamente grande per la mia taglia, una bella figa e un culo piccoli da abbinare, questa storia parla di un incontro sessuale che ho avuto con un ragazzo con cui sono diventato amico mentre lavoravo per una grande azienda di vendita al dettaglio. Era il nostro fattorino ed era molto più anziano, sulla cinquantina ma sembrava molto più...

642 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.