Una battaglia per la sessualità - Parte II

682Report
Una battaglia per la sessualità - Parte II

ATTENZIONE: ATTENZIONE: ATTENZIONE:

Questo capitolo riguarda AZIONI SESSUALI NON CONSENSUALI riguardanti un ragazzo e molti altri adolescenti. Per favore, PER FAVORE, guarda i temi sopra questa nota e se qualcuno di questi ti spegne, guarda altrove. Giuro che non sono un pervertito o qualcosa del genere: tutte queste azioni sono immaginarie e non le perdono nella vita reale.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -----------------------
PARTE I

Non era mai stato bravo con i videogiochi, non molto bravo, comunque. A Tim piaceva la sfida che presentavano, stuzzicando la sua mente, ma la sua coordinazione occhio-mano non era mai stata spettacolare. Cassie era quella che poteva sedersi davanti a uno schermo e battere qualsiasi livello le lanciasse contro, i pollici che scorrevano rapidamente sui controlli. Ma oggi, Cassie era sdraiata davanti al suo laptop, le unghie lucide senza dubbio digitando con il suo tipo di fidanzato, e Tim non aveva l'energia da riversare nei suoi videogiochi come faceva di solito. Per non parlare della sua mente era ancora piena di quello che era successo due settimane fa nella casa dei suoi vicini. Derek e Seth erano stati incredibilmente gentili con lui da allora, dandogli entrambi i loro numeri di cellulare e dicendogli di chiamarli ogni volta che aveva bisogno di parlare.

Armato della sua nuova conoscenza di se stesso, Tim ha iniziato a esplorare provvisoriamente il suo nuovo ruolo di maschio omosessuale. Non l'aveva ancora detto ai suoi genitori o a sua sorella - non l'aveva detto a nessuno tranne Seth e Derek - ma si sentiva meglio con se stesso. Più in pace. Si sentiva ancora un po' strano e goffo quando lei si masturbava sotto la doccia pensando agli uomini, ma il suo corpo reagiva duro e veloce, quindi non sentiva che ci fosse alcun male. I suoi schizzi erano effettivamente migliorati e iniziò a cimentarsi con gli acquerelli. Erano state due settimane relativamente tranquille, e si sentiva abbastanza a suo agio con Derek e Seth da non essere imbarazzato con loro.

Tuttavia…

Non riusciva a smettere di fantasticare su di loro, ripercorrendo immagini e scenari nella sua testa ancora e ancora. Sua madre sembrava saperlo, istintivamente, e lo riempiva di opportunità per uscire con ragazze, incontrare ragazze, baciare ragazze, fare qualsiasi cosa con le ragazze. In realtà, lo stava praticamente costringendo a uscire e incontrare adolescenti della sua stessa età. Ma non poteva dire a sua madre come si sentiva: era troppo rischioso. Suo padre, in particolare, sarebbe completamente incazzato. Il padre di Timothy era un uomo tarchiato e corpulento con una morale rigida e una grave intolleranza per chiunque non si adattasse al suo punto di vista irlandese-cattolico-repubblicano. Timothy non lo temeva tanto quanto sua madre, soprattutto perché suo padre era via la maggior parte del tempo, guidando il suo camion in tutto il paese.

Dirlo a qualcuno non gli era mai passato per la mente, anche se i suoi pensieri ragionevoli gli dicevano che era solo questione di tempo. Non riusciva a immaginarsi di uscire con una ragazza solo per fingere, quindi sapeva che il giorno sarebbe dovuto arrivare prima piuttosto che dopo. Ma mentre i giorni dell'inizio della scuola si avvicinavano sempre di più, sapeva che stava solo procrastinando. Sarebbe stato più facile dire ai suoi genitori quando sarebbe stato più a suo agio con se stesso, disse alla sua mente. Una volta che si fosse sentito ragionevolmente sicuro delle sue preferenze, lo avrebbe detto alla gente. In quel momento, si accontentava di restare nel proverbiale armadio, per così dire. Finché sapeva così tanto di se stesso, stava bene.

Mentre i giorni languidi e sciropposi dell'estate si dissolvevano senza soluzione di continuità nei giorni frizzanti e pungenti dell'autunno, il materiale scolastico iniziò ad essere messo in vendita. Nuovi libri, matite, penne, carta e righelli arrivarono tutti e Cassie si gettò nella folle frenesia dell'ultimo anno. Ha permesso alla signora Larks di comprargli un nuovo zaino, un nuovo cellulare e un mucchio di nuove cianfrusaglie che senza dubbio lo avrebbero fatto sembrare più popolare a scuola. Tutto ciò che chiedeva veramente era un nuovo album da disegno e un nuovo set di matite. Sua madre si era rifiutata di comprarglieli entrambi, così lui rovistava per casa in cerca di carta da disegno finché non fosse riuscito a convincere Cassie a prenderne un po' la prossima volta che sarebbe andata al negozio.

E poi arrivarono i giorni di scuola: il primo giorno di scuola spuntò luminoso, fresco, e conteneva lo schiocco del freddo autunnale. Cassie aveva già scelto il suo nuovo vestito per fare colpo: un cappotto di shearling giallo burro e jeans neri attillati che le stringevano il culo e la facevano sembrare ancora più carina. Tim, d'altra parte, quella mattina scese a colazione con una maglietta e pantaloni della tuta. Non era preoccupato.

«Tim, per favore», implorò Cassie. "I miei amici ti vedranno e non voglio che vedano che sciattone ho per fratello."

«Cassie, è solo scuola», sospirò, ma ubbidiente salì di sopra e cominciò a rovistare tra i vestiti nuovi e rigidi che sua madre gli aveva comprato. C'era un grosso mucchio, tutto progettato per farlo sembrare buffo e macho. Camicie muscolose, jeans larghi e simili, ma arricciava il naso davanti a tutto. Fu solo quando raggiunse il fondo della pila che vide qualcosa che attirò la sua attenzione.

Molto meglio, disse, e appiattì la semplice maglietta bianca sulla scrivania. Aprendo un pennarello indelebile con punta di feltro, si mise al lavoro.

Cassie rimase a bocca aperta quando suo fratello scese fischiettando le scale, indossando i nuovi jeans neri larghi che aveva comprato la madre e una semplice maglietta bianca. Ma non era l'abbigliamento semplice a scioccarla, era il messaggio che aveva blasonato sul davanti della maglietta. Con i suoi tratti netti e inclinati verso l'alto, Timothy aveva stampato:

SCUSATE RAGAZZI, SONO Etero

E sotto di esso, in lettere più piccole -

Ma potrebbe essere solo una fase

La signora Larks ha lasciato cadere la caffettiera.

"Timothy Jackson Larks, togliti subito quella maglietta!" Farfugliò, i suoi occhi congelati sulle parole "fase". "Come osi! È... osceno! È osceno! Toglilo!”

«No», disse Tim e si sedette. Le sue guance erano arrossate ma i suoi profondi occhi castani erano determinati. "Mi piace. È divertente e farà impressione. Guardò Cassie, gli occhi che chiedevano aiuto. Sua sorella maggiore sembrava ancora a terra, e lui diede un grosso morso ai suoi cereali e si sforzò di non guardare sua madre. "Un sacco di bambini hanno magliette peggiori", le disse, ed era vero. Proprio l'altro giorno aveva visto una ragazza camminare per strada con una maglietta rosa con su scritto "Se puzza di pollo, continua a leccare". Se puzza di trota, vattene.

«Timothy Jackson Larks...» cominciò sua madre, ma lui allontanò i cereali e si alzò di scatto.

"Farò tardi per l'autobus", disse, e uscì dalla porta.

Cassie guardò sua madre. La signora Larks guardò sua figlia. «Cosa gli è preso?» La signora Larks rimase senza fiato.

«Solo l'età, immagino», borbottò Cassie, guardando la figura snella di suo fratello che scompariva dietro l'angolo. "Spero che ne esca in fretta, mi metterà in imbarazzo di fronte a tutti i miei amici."

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ------------

SECONDA PARTE

"Ehi, amico, bella maglietta."

Aveva sentito commenti come questo per tutto il giorno, ma questo proveniva da un esemplare particolarmente intimidatorio. Il ragazzo di fronte a lui poteva solo essere intitolato come tale a causa della sua età: la circonferenza e la barba ispida sulle guance erano tipiche di un uomo. Indossava una giacca di pelle, aperta a metà, e blue jeans attillati gli coprivano le lunghe gambe. I capelli biondo-bianchi erano pettinati all'indietro sulla sua testa, e un paio di imperiosi occhi azzurri socchiusi lo fissavano pigramente. "Lo fai tu?" Strascicò, masticando uno stuzzicadenti all'angolo della bocca.

Chi crede di essere questo tizio, James Dean? Timothy pensò irritato tra sé. "Sì." Rispose e riprese a camminare lungo il corridoio. "Grazie, amico," disse, muovendo il mento, ma la mano del ragazzo gli strinse la spalla. Tim non poteva nascondere il sussulto.

"Sembri piuttosto figo", disse il ragazzo biondo con un sorrisetto. “Io sono Quinn. Quinn Volantini. Un gruppo di ragazzi scende al campo di calcio il primo giorno di scuola, per festeggiare. È piuttosto fantastico. Vuoi venire?"

«Ehi, grazie, ma non credo», disse Tim, con la bocca secca. Il sorriso di Quinn non era esattamente amichevole.

“Dai, sarai mio ospite. Di solito ci sono un sacco di ragazze lì, un sacco di alcol. Probabilmente dell'erba. Potrebbe essere fortunato. E puoi portare tua sorella, Cassie, o come cazzo si chiama.» Quinn sorrise, lo stuzzicadenti che si muoveva allegramente verso l'alto.

"Oh, sta facendo qualcosa con i suoi amici stasera", disse Tim, inciampando nelle sue parole. «Uh, immagino di sì, se non è troppo tardi. Mia madre mi vuole a casa la sera alle nove, di solito.»

"Starai bene", disse Quinn, e gli diede una pacca sulla schiena. «Fatti vedere verso le sette, ok? Dì che ti ho portato per la festa.

Tim annuì nervosamente, e quando si voltò, gli mancò il sorriso da predatore che Quinn gli rivolse.

Quindi eccolo qui, vestito con la sua nuova giacca da marinaio grigia, un paio di jeans neri che gli scendevano sui fianchi. Si era preoccupato per il suo aspetto per un po', voleva apparire carino ma disinteressato alla compagnia lì. Era stata una lotta persino farlo uscire dalla porta, e ora che era lì stava seriamente pensando di tornarci. Alla fine, però, si disse che sarebbe stato uno sciocco a rifiutare un simile invito - ovviamente, feste del genere erano esclusive e avrebbero potuto anche procurargli un po' di riconoscimento a scuola. Qualche amico non andrebbe male: un buon amico con cui confidarsi e potrebbe non sentirsi così spaventato all'idea di raccontare ai suoi genitori il suo nuovo risveglio. Sì, si disse, questa era la scelta giusta da fare. Tuttavia, non riusciva a reprimere del tutto il senso di disagio che ronzava nel suo sistema.

Le luci erano spente sul campo di calcio - certo che lo sarebbero state, non poteva immaginare che i giardinieri fossero troppo entusiasti per un gruppo di adolescenti che distruggevano il campo di notte. La luce stava svanendo velocemente e lui strizzò gli occhi nell'ombra. Automaticamente, controllò l'ora sul telefono. Diceva le 7:14, il che lo metteva un po' in ritardo per il raduno, ma alla moda. Nessun suono, nessun movimento. Si chiese se Quinn gli avesse appena detto di venire qui per farlo sembrare stupido, e sentì una vampata di vergogna inondargli il sistema. Era molto più probabile dell'idea che Quinn volesse essere amico. Stava per andarsene quando udì una voce acuta e rauca irrompere nel silenzio.

«Tu Timothy Larks?» La voce chiamò.

"Sì", ha richiamato. "Sono in anticipo, o qualcosa del genere."

«No» gli sussurrò una voce all'orecchio. "Sei puntuale".

Cominciò a girarsi, ma un grosso braccio muscoloso gli avvolse il collo e lo tirò all'indietro, con forza. Perse l'equilibrio e barcollò all'indietro, contro un torace muscoloso e duro. Aveva un pezzo di stoffa intorno agli occhi e le sue mani si alzarono di scatto fino al braccio tenendolo prigioniero e soffocando la sua riserva d'aria. In qualche modo, lo sconosciuto riuscì a legarsi strettamente il panno intorno alla testa, tagliando ogni luce che avrebbe potuto penetrare nelle strisce d'ombra. Tim ha aperto la bocca per gridare aiuto, quando uno straccio gli è stato infilato tra le fauci. È successo tutto così in fretta che non ha avuto il tempo di pensare: i suoi pensieri erano vorticosi, in preda al panico, e ha tirato un calcio all'indietro, cercando di lottare.

Un piede si unì alla parte bassa della sua schiena e lui andò a sprofondare nel terreno. Qualcuno lo tirò su per il bavero della giacca e lui sentì un alito umido sul viso. "Aww, Quinn ce ne ha preso uno carino," ridacchiò la voce rauca. "Stai seduta ferma, principessa, tra un attimo ti prepareremo per i festeggiamenti serali."

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -----------------------------

PARTE III
Chiunque l'abbia tenuto prigioniero era forte: muscoloso, muscoloso, con i capelli corti. Tutto quello che poteva raccogliere dalle sue lotte, ed è stato ricompensato con questi scarsi dettagli. Più volte aveva provato a strappare la benda, ma quando la persona lo ha colpito duramente sulla spalla con qualcosa di metallico, è quasi svenuto e ha smesso di lottare all'istante. "Così va meglio, principessa", ringhiò la voce rauca e Tim si sentì trascinato per gli ultimi metri. A giudicare dai colpi di metallo vuoto, si rese conto che il suo rapitore lo aveva trascinato sotto le gradinate, fuori dalla vista immediata. E con l'avvicinarsi dell'oscurità, Tim dubitava che qualcuno sarebbe stato in grado di vederli. Ma poteva urlare. Iniziò a cercare di togliersi il bavaglio dalla bocca, ma poi il suo aguzzino lo fece cadere di nuovo in ginocchio. "A quattro zampe, proprio ora", ringhiò la voce.

Non si inginocchiò tanto quanto cadde sui gomiti, ondeggiando leggermente, alzando le mani per togliersi la benda. Uno stivale gli scalciò le mani e sentì il lungo srotolarsi del nastro adesivo. Una lunga striscia gli fu schioccata con decisione sul viso. "Sai, è un vero peccato", la voce rauca gli canticchiò all'orecchio. «Volevo divertirmi un po' con quella tua bocca prima che arrivassero gli altri. Vabbè. Ti faremo allenare prima che la serata sia finita, però. Una corda di plastica, una sorta di materiale elastico intrecciato, era avvolta strettamente attorno ai suoi polsi e annodata saldamente attorno a una delle travi di supporto metalliche che sostenevano le gradinate. Timothy si sentì piagnucolare un po', e la persona rise piano contro il suo collo.

Timothy avvicinò le caviglie l'una all'altra, ma l'uomo le strappò con una facilità che terrorizzò Tim. Ciascuna caviglia era fissata a una trave di supporto separata con lo stesso tipo di fibra elastica, e Tim sentì il tessuto dei suoi jeans tendersi in modo fastidioso intorno alle sue gambe e alla cucitura tra di loro. Era come se i muscoli delle sue gambe si sarebbero strappati da un momento all'altro, e il suo rapitore fece un passo indietro come per ammirare la sua opera. Tim ha provato a urlare attraverso il bavaglio, ma tutto ciò che ne è uscito è stato un grugnito soffocato. Provò ad avvicinare le gambe al petto, ma tutto ciò che riuscì a fare fu sollevare leggermente i fianchi. "Oh, sì, principessa", ringhiò la voce rauca. "Continua a farlo e potrei essere tentato di scopare quel tuo bel culetto prima che arrivino gli altri."

Una gelida coltre di terrore lo attraversò e Tim iniziò a lottare ulteriormente. Un duro colpo staccato con l'oggetto di metallo - era abbastanza sicuro che fosse una specie di mazza - si schiantò contro la sua spalla e lui urlò. Il suono era completamente attutito, ma l'uomo doveva aver visto la sua faccia diventare rossa, e Timothy poteva sentire il sorriso nella sua voce. "Sì, fa male, vero?" chiese piano l'uomo. “Più di quello sta arrivando se continui così. Ti spezzo tutte le fottute costole, se devo... ci servono solo il tuo culo e la tua bocca, comunque.» Rise di nuovo.

Ci fu uno schiamazzo e Tim cercò di indovinare il suono familiare. Capì quando un oggetto di metallo freddo gli premette contro la gamba e l'uomo iniziò a tagliargli i pantaloni, iniziando dal polsino vicino alla caviglia tesa. Il suo rapitore muoveva le sue forbici velocemente, con facilità, e aveva tagliato un lato dei jeans di Tim con le sue forbici affilate prima che Tim avesse il tempo di percepire la brezza fresca contro la sua gamba nuda. Lo stesso trattamento fu riservato all'altro lato, e ben presto i suoi nuovi jeans furono in due pezzi. "Sai, adoro conservare la biancheria intima", gli disse la voce rauca. «Perché anche dopo che abbiamo finito con te, mi piace ancora annusarli. Fiutando la tua paura. E sai che odore hai?" Chiese, annusando Tim con respiri esagerati. «Puzzi come una lurida puttana da quattro soldi. Puzzi come una puttana. E mi divertirò a scopare quel tuo culo bianco giglio.

Il suo cappotto fu tagliato via e presto fu lasciato in canottiera e boxer scuri. Ci fu un tocco contro le sue natiche, un paio di grosse mani appoggiate sui globi del suo sedere, e l'uomo le massaggiò attraverso la stoffa. "Hai un culo succoso e stretto, lo sai?" La voce rauca fece le fusa. “Tiriamoci fuori da questi stupidi vestiti: non ti stanno bene. E voglio anche vederti nudo. Perché quei ragazzi che arrivano qui... beh, li conosci. I ragazzi saranno ragazzi. E penso di volerti vedere con il cazzo di un uomo tra quelle piccole guance paffute.

Snick, snick, snick, sono andate le forbici. In pochi minuti, le forbici erano smussate e Tim era nudo, disteso con le aquile e imbavagliato.

"Oh, Cristo, hai un bell'aspetto", rise la voce rauca. “Non voglio che quei ragazzi arrivino qui con la telecamera e inizino a filmare. Ti intonacheremo su Internet. Forse vendere alcune copie sul lato. Sai, riviste e siti porno pagano un sacco di soldi per vedere il vero sesso stupro. Per lo più, affermano che è consensuale, ma non lo è. L'uomo ha continuato metodicamente, e attraverso l'iperventilazione di Tim ha sentito il tintinnio di una cintura e il ronzio di una cerniera.

Dita spesse afferrarono brutalmente il suo cazzo, e Tim guaì, il suono incapace di raggiungere le sue stesse orecchie. L'uomo strinse un paio di volte, il pollice che giocherellava con le sue palle. “Bel cazzo, principessa. Forse sei, sette pollici? Mm? E se sei davvero bravo, potrei persino succhiarlo. Vuoi che io? Mm? Vuoi che ti faccia scendere prima che arrivino quei ragazzi e facciano ogni sorta di cose brutte con te? Spingi i fianchi verso l'alto se vuoi che lo faccia.

Tim rimase perfettamente immobile. Non voleva offuscare il ricordo del dolce pompino di Derek il mese scorso.

"Va bene allora, lo faremo nel modo più duro."

Un dito bagnato è stato spinto contro il sedere raggrinzito di Tim, e ha sentito una sensazione ruvida e secca quando il dito è stato incastrato con forza. "Vorrei che quei ragazzi si sbrigassero a portare il lubrificante", mormorò la voce. Un'altra mano cadde tra le sue gambe e accarezzò di nuovo il suo cazzo, accarezzandolo velocemente. "Oh, è così, principessa", la persuase la voce rauca. "Diventa gentile e duro per Daddy-O." Una risata ruvida. "Sei davvero una troia, vero?"

Tim sentì le lacrime bagnargli la benda. Si lo era. Il suo cazzo stava rispondendo ai tocchi del suo rapitore. Era eccitato e implorava di più, anche se la sua mente gli urlava che era sbagliato, voleva andare a casa, scappare, non vedere mai più nessuno.

All'improvviso, una luce bianca squarciò l'oscurità della sua benda e, sebbene Tim non potesse vedere nulla, sentì il rombo dei motori che si avvicinava. Le portiere dell'auto sbatterono e sentì voci basse che ridevano, parlavano e la voce rauca imprecava sottovoce. Il dito scomparve dal suo sedere e Tim tirò un sospiro di sollievo. Lo scricchiolio di stivali sulla ghiaia lo allertò, e sentì diversi fischi di lupo, alcuni scoppi metallici mentre i ragazzi schiaffeggiavano le gradinate. "Ehi, Domingo", gridò una voce. "Ce ne hai preso uno carino questa volta, eh?"

"Non io", rispose la voce rauca di Domingo. "Quinn questa volta."

Ci furono diversi applausi, dato che senza dubbio Quinn ricevette una pacca sulla spalla. Alcuni rumori sordi segnalarono l'allestimento di un tavolo, seguito subito dopo da un forte tonfo. Tim tese le orecchie: a giudicare dal rumore del liquido che scorreva nelle tazze, i ragazzi avevano portato un barilotto. Ci fu più socializzazione, chiacchiere, risate, e Tim sentì il sudore imperlargli la schiena. Cosa avrebbero fatto con lui? Lo scoperebbero e lo lascerebbero? Ma ogni speranza di ciò svanì quando sentì l'odore della pizza. Ovviamente, i ragazzi si stavano sistemando per una festa chiassosa.

E Tim doveva essere l'attrazione principale.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -----------------

PARTE IV

"Oh, fottuto inferno", cantò una voce, vicino al suo orecchio. «Guarda, sta arrossendo. Di chi sono i giocattoli?

Si udì un rumore quando una borsa fu lasciata cadere a terra e una cerniera lampo trascinata per aprirsi. Tim si sforzò di sentire attraverso le risatine e le risate, e sentì alcuni colpi sonori e cupi: evidentemente qualcuno si stava arrampicando sulle gradinate. Ci furono alcune imprecazioni soffocate, e poi Tim sentì il lamento di una telecamera che veniva accesa. "La telecamera sta filmando", annunciò una voce, e poi Tim sentì una mano sul sedere. "Perfetto," gridò la stessa voce, e Tim la riconobbe debolmente. Era Quinn, probabilmente gongolante per il suo premio. Tim sentì le lacrime rigargli il viso.

"Ora, abbiamo alcune regole, principessa", istruì la voce rauca di Domingo. “Seguili e non ti farai male. Se non li segui... be', c'è sempre la mia mazza, e penso che uno o due dei ragazzi abbiano dei cavi jumper.» Fece una pausa mentre i ragazzi ridevano di apprezzamento. “In più, ci divertiremo un po' con quella tua bocca, e abbiamo bisogno che tu non urli. Va bene? Se lo fai, verrai imbavagliato di nuovo e collegheremo alcune cose piuttosto brutte a quei tuoi capezzoli.

Tim si bloccò quando sentì che il nastro veniva staccato. Non emise un suono quando un paio di dita gli strapparono lo straccio dalla bocca. "Molto bene", tubò Quinn. "Vediamo quanto sei bravo a succhiare il cazzo, piccola troietta", sorrise compiaciuto, e Tim sentì qualcosa di sodo e caldo vicino alle sue labbra. La sua testa scattò istintivamente all'indietro, e le dita di Quinn si aggrovigliarono tra i suoi capelli, spingendolo in avanti. Tim aprì la bocca per gridare e si trovò in bocca la testa di un cazzo. Non aveva un sapore particolarmente cattivo, ma non voleva dare alcun piacere ai suoi carcerieri. "Oh, bello," Quinn gemette, e spinse qualche centimetro in più del suo cazzo giù per la gola di Tim. Il ragazzo più giovane tossì un po' e cercò di indietreggiare, ma le mani tra i suoi capelli erano crudelmente strette. Quando Tim ebbe il naso sepolto nel pelo pubico di Quinn e le palle contro il mento, Quinn smise di muoversi. "Inizia a leccare, stronzo", ringhiò Quinn.

Controvoglia, Tim iniziò a leccare intorno al cazzo di Quinn, soffocando leggermente a causa della sua larghezza in gola. Quinn mosse i fianchi, gemendo un po'. "Sei fottutamente naturale, principessa", ansimò Quinn. "Continua così, sì, è così, mm." Tim cercò freneticamente di ricordare cosa avesse fatto Derek per farlo sentire così bene - e poi iniziò a canticchiare attorno al cazzo di Quinn. "Merda..." Quinn ansimò, vedendo le stelle. “Gesù, sei bravo in questo. Sei una fottuta puttana. Quinn si sentì avvicinarsi e le sue mani tornarono alla testa di Tim, tenendo il viso saldamente piantato contro i suoi fianchi. "Ne inghiottirai ogni goccia, figlio di puttana", ordinò Quinn, barcollando sull'orlo, e Tim sentì un fiotto di sperma dolce e salato schizzargli in gola. Tossì, ma Quinn mantenne il suo cazzo ammorbidito nella bocca di Tim. "Ingoia, principessa", sibilò, e Tim lo fece. Quinn tirò fuori il suo cazzo con un leggero "pop".

"Va bene, ragazzi, è tutto vostro."

Quasi istantaneamente, Tim sentì delle mani - dozzine - che scalpitavano, palpavano, schiaffeggiavano, pizzicavano, torcevano. Qualcuno scivolò sotto di lui e iniziò a succhiargli i capezzoli: succhiate dure e feroci, accentuate da un morso su ogni protuberanza, e Tim guaì forte. "Non posso averlo", disse qualcun altro, e Tim sentì le sue fauci aprirsi e un altro cazzo - questo più piccolo - spinto nella sua bocca. Le sue grida erano soffocate intorno al cazzo, e sentì una bocca calda e bagnata che cominciava a succhiargli aggressivamente il cazzo. Qualcun altro, uno sconosciuto a caso, gli stava infilando un dito freddo, umido e lubrificato nel culo. L'intrusione era strana e dolorosa, e Tim cercò di allontanarsi da loro, ma con le restrizioni non poteva muoversi di un centimetro se non muovendo i fianchi su e giù. Un coro di voci avide sussurrò l'un l'altro.

"Posso togliere i morsetti adesso?"

«No, soffrirà troppo.»

"Cazzo, voglio ficcargli il cazzo nel culo."

“Qualcuno prenda una pagaia. Sculacciamo questa principessa birichina.

Apparentemente l'ultimo commento è stato seguito e Tim ha sentito un altro carico di semi scoppiargli in gola nello stesso momento in cui ha sentito qualcuno che frusciava attraverso una borsa. Qualcosa di duro e inflessibile gli graffiò il sedere, e lui si ritrasse dal tocco, piagnucolando leggermente, e dietro di lui ci fu una risata travolgente. "Qualcuno gli ficchi un cazzo in bocca - non vogliamo le urla, vero?" Mentre un cazzo veniva spinto senza tante cerimonie nella sua bocca, sentì un dolore accecante e crepitante attraverso la sua guancia sinistra.

Crepa!

"Oh, sì, le tue urla sono così belle intorno al mio cazzo", ringhiò Domingo nel suo orecchio, pompando il suo cazzo grosso e carnoso nella gola di Tim. Le lacrime scorrevano dai suoi occhi e stava soffocando intorno al cazzo di Domingo, ma l'uomo più anziano si limitava a ridere e battere più forte, le sue palle che gli schiaffeggiavano contro il mento. Ci fu un altro schiocco pungente contro la sua guancia, e cercò di gridare di nuovo, ma Domingo si limitò a spingergli il cazzo più in fondo alla gola. «Continua a sculacciarlo», gridò burbero Domingo. "Si sente così fottutamente bene quando urla."

I ragazzi si sono alternati con la pagaia - uno di loro si è persino tolto la cintura e poi c'erano due ragazzi che gli hanno sculacciato il culo. Il dolore era orribile e la gola di Tim era irritata dalle sue urla soffocate. Domingo continuava a picchiarsi la faccia senza pietà, sorridendo ai singhiozzi e alle grida strozzate che uscivano dalla bocca del ragazzo. Quando il suo culo si sentì come se fosse stato ferito irreparabilmente, la sculacciata cessò. "Dai, di chi è il primo?" Quinn ha chiamato e c'è stata una tempesta di volontari. Tim sentì un paio di mani fredde afferrare il suo culo gonfio e contuso, e ci furono urla e urla quando iniziò a spingere lentamente la testa del suo cazzo nel buco del culo stretto di Tim. Tim urlò di nuovo, ma Domingo non aveva tirato fuori il cazzo e stava ancora attutendo i suoni che stava cercando di emettere.

La sua vista stava scivolando dentro e fuori fuoco, e sentì la testa cadere sul petto quando Domingo tirò fuori il suo cazzo, che era luccicante di saliva. Il cazzo del ragazzo era quasi completamente inguainato all'interno quando un suono familiare e benedetto filtrò attraverso il martellare nelle sue orecchie.

Una sirena.

"Merda, poliziotti!"

Ci fu una corsa, una folle corsa, mentre persone e oggetti volavano, le portiere delle auto sbattevano, i motori si avviavano. Qualcuno si è abbassato e ha tagliato in modo irregolare i legami di Tim, lasciandolo prono a terra. Diverse altre persone iniziarono a smantellare la telecamera, il tavolo e il barilotto che avevano portato, e se ne andarono stridendo, la ghiaia che volava. Tim si accasciò sul terreno freddo e sentì il sapore del sangue in bocca. Doveva essere svenuto, perché ricordava vagamente di essersi svegliato, il corpo dolorante, il culo in fiamme mentre si contorceva fittamente. Le sirene erano svanite e si rese conto che i poliziotti erano semplicemente passati di lì. Qualunque cosa avessero visto i poliziotti, non era stato lui, e Tim sentì un singhiozzo caldo e doloroso uscirgli dalla bocca.

Allungò una mano e si tolse la benda con le dita intorpidite, e rimase lì per diversi istanti, piangendo e cercando di reprimere l'orrendo dolore che gli faceva rabbrividire la spina dorsale. Nell'oscurità, cercò a tentoni i resti strappati dei suoi pantaloni e si rese conto che mancavano le mutande.

Perché anche dopo che sono finiti, mi piace ancora annusarli. La tua paura. E sai che odore hai? Puzzi come una lurida puttana da quattro soldi.

Le sue dita tremanti raggiunsero la tasca ed estrasse il suo nuovo cellulare. Premette un pulsante. Si portò il telefono di plastica all'orecchio con il massimo sforzo che l'uomo conosca.

C'era una voce assonnata e intontita dall'altra parte. "Ehi, Tim, come va?" Disse il profondo brontolio di Derek, accentuato dal sonno. Sentì un soffio d'aria nel telefono, come un singhiozzo secco. «Tim?» chiese Derek, sedendosi sul letto.

"D-D-Derek," singhiozzò timidamente Tim. "Sono a-a-al campo di footb-b-ball."

Non ci furono esitazioni. "Sto arrivando."

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------------------------

Molto più corto dell'altro, temo, ma ancora pieno di fumo bollente! Il prossimo: Tim riceve un po' di dolcezza dai suoi nuovi tutori, Derek e Seth! Tutto sarà spiegato nel prossimo capitolo. Per favore dimmi cosa ne pensi!

Storie simili

Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

Il Cavalierato Dopo quella maledetta serata, Noah non aveva fretta di uscire dai bagni, e il fatto di avere la stanza tutta per sé era una gradita serenità. Inoltre presto sarebbe tornato a vivere per strada, dove i bagni caldi erano pochi e rari. Era bello assaporarlo finché poteva, così come la sensazione di un'uniforme fresca. Si fermò nella sala mensa e prese del pane e una mela, poi tornò al suo dormitorio, dopo aver trascorso le ultime ore bramando la morbidezza del suo letto come una vecchia fiamma. Sembrava che non appena chiudeva gli occhi, si aprivano al suono di...

500 I più visti

Likes 0

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

328 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Ora è la tua occasione, ragazzo

Storia di Fbailey numero 415 Ora è la tua occasione, ragazzo La nostra famiglia è piuttosto unita e abbiamo sempre compagnia nei fine settimana. Papà è vicepresidente in un'azienda manifatturiera qui in città, mamma è segretaria esecutiva in un'altra azienda manifatturiera in città, e io ho quattordici anni e andrò al liceo in autunno. La terza media è un po' spaventosa per me. Essere un nerd informatico, vergine, e avere una grande casa nella parte migliore della città mi renderà sicuramente un bersaglio per gli atleti. Non vedo l'ora di farlo. La nostra camera familiare era il luogo d'incontro generale. Aveva...

903 I più visti

Likes 0

Intervista con il demone tentacolo Capitolo 10: Trio

CAPITOLO 10: TRIO Lauren si è lanciata nel ruolo di troia insaziabile, ed è andata da Gruthsorik per una scopata tentacolare ogni giorno, a volte anche due volte in un giorno. Non passò molto tempo prima che prendesse due tentacoli ciascuno sia nel culo che nella figa ora nuda, e ne amasse ogni momento. Le piaceva molto lo sperma del mostro, usando le mani per toglierselo dal corpo e portarlo in bocca, a volte anche leccandolo dal pavimento. Di notte Lauren dormiva rannicchiata vicino al demone, spesso in uno stretto abbraccio tentacolare. Hanno sperimentato nuove posizioni. Lauren trovava che farsi scopare...

637 I più visti

Likes 0

Catturato Parcheggio I

Ho limitato la sezione dei commenti ai soli membri a causa di spammer e altri idioti. Non esitate a mandarmi i vostri commenti in PM. Fortunato Mann Catturato Parcheggio I Mi chiamo Jim e sono un poliziotto notturno di 30 anni in un grande complesso di magazzini. Parte dei miei compiti include il pattugliamento di un grande lotto dove molti dei camionisti che vengono ai magazzini lasciano i loro rimorchi vuoti. Il parcheggio per roulotte è di proprietà privata della società di magazzini. Essendo al di fuori della recinzione di sicurezza del magazzino, vi si accede dalla strada provinciale che lo...

667 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.