Detenzione 15 Conclusione Parte 1

853Report
Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. "Brandon, sei qui?"

Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di sfuggirle. «Sì», dissi. "Si accomodi."

Mia madre entrò. Rimase sulla soglia come se non volesse avvicinarsi a me, come se ci fosse qualcosa che non andava in me. Forse c'era qualcosa che non andava in me. "Non hai un bell'aspetto", mi disse.

«Non mi sento molto bene», risposi.

"Beh, ti chiederei se vuoi parlarne, ma conoscendoti, non me lo diresti comunque."

Una parte di me è stata offesa dalla sua affermazione. Eppure aveva ragione. Era raro che mi confidassi qualcosa con lei. "Non capiresti", dissi.

"Probabilmente posso capire più di quanto tu pensi che io possa", ha risposto. Mia madre fece un passo verso il mio letto. Sulle mie lenzuola c'era ancora il forte profumo del corpo di Luke; Sono sorpresa che non sia stata in grado di sentirne l'odore quando è entrata per la prima volta. "Dimmi qualcosa", ha detto. "Nulla. Voglio sapere cosa ti sta succedendo.

"Davvero?" chiesi cinicamente. Potrei dire che stava davvero cercando di fare uno sforzo per parlarmi, ma mi sentivo davvero a disagio, come se uno sconosciuto fosse nella mia stanza.

"So cosa ti turba", mi disse mia madre. Si sedette sul bordo del mio letto. Il mio cuore sussultava. «È quel ragazzo», disse.

Volevo dire "Quale?" Non ho detto niente. Rimasi in silenzio e aspettai che continuasse.

"Quello che è successo?" Lei chiese.

Guardai fuori dalla finestra della mia camera da letto, nell'oscurità. Ricordavo di essermi sdraiato a letto, nudo, con Chris al mio fianco sotto le coperte, guardando fuori dalla finestra, in notti piene di passione e possibilità. Eppure, quando ora guardavo fuori dalla finestra, tutto ciò che vedevo era una fredda notte nera, piena di delusione. "Cosa vuoi dire che cosa è successo?"

"Tra te e quel ragazzo... come si chiama?"
"Chris. Abbiamo litigato un po' di tempo fa".

"Sopra cosa?"

«Un sacco di cose stupide» dissi. Ho cercato di non ricordare tutte le cose dolorose che Chris mi aveva detto al parco quella sera quando aveva rotto con me, ma non ci riuscivo. Le sue parole continuavano a ripetersi nella mia mente più e più volte. La mia testa martellava.

Per un po' mia madre rimase in silenzio, poi chiese, più un'affermazione che una domanda: "Ci tieni davvero a questo ragazzo, vero?"

Fissai il terreno. “Non so più come mi sento...”

"Penso di sì", disse mia madre, "penso solo che tu abbia paura di ammettere a te stesso cosa provi veramente per lui."

"Cosa ti importa comunque?" dissi, un po' troppo amaramente. “Non era che ti piacesse in primo luogo. Ho pensato che saresti stata contenta che non lo vedessi.»

Mia madre guardava fuori dalla finestra con me. "No, se significa che sei così infelice", mi disse. “Posso dire che significava molto per te. Posso dire che significa ancora molto per te. Piuttosto vuoi ammetterlo o no.

Non volevo davvero parlare di Chris, specialmente con mia madre. Tuttavia sapevo che a un certo punto avrei dovuto affrontarlo. Non potevo tenerlo rinchiuso nella mia mente per sempre senza sprofondare sempre di più nella depressione. «Sarebbe più facile se potessi odiarlo», le dissi. “Vorrei solo odiarlo. Ancora meglio, vorrei non provare niente per lui.

Ma non posso odiare Chris. Più ci provo, più diventa difficile... Vorrei solo che le cose fossero semplici nella mia vita per una volta. Non so perché ogni dannata cosa debba essere così fottuta... non so perché tutto debba essere sempre difficile. Non vedo perché non posso semplicemente piacere a qualcuno e a lui piacere, e non ci sarebbero problemi.

"Perché allora ti annoierai", mi disse mia madre. "Anche se incontrassi la persona più perfetta del mondo, che ha tutto ciò che avresti sempre pensato di volere in qualcuno, troverai comunque qualcosa in lui che non ti piace."

Quando l'ha detto, ho subito pensato a Jason Coleman. Ho pensato a quanto fosse bello, intelligente e come avesse una personalità così buona. Era il mio ideale e ho avuto la possibilità di perseguire qualcosa con lui, ma ho scelto Chris invece di lui. Ho scelto qualcuno da cui ero innegabilmente, incontrollabilmente attratto, ma che non aveva quasi nessuna delle caratteristiche di personalità che cercavo nei ragazzi.

E ora ero seduto sul mio letto che puzzava di sudore, da solo, con mia madre che faceva del suo meglio per cercare di consolarmi. Mi sentivo così stupido. Mi sentivo così solo. Continuavo a chiedermi se questa fosse davvero la mia vita o se fosse solo un fottuto scherzo che l'universo mi stava facendo. Ero stanco di tutto e di tutti. "Voglio solo che le cose siano semplici per una volta", dissi ad alta voce, non sapendo di averlo fatto.
“Niente è facile”, diceva mia madre. "Soprattutto quando si tratta di amare qualcuno."

Ho trasalito quando ha detto la parola "amore". Avrei voluto che non l'avesse detto. Avrei voluto non amare Chris. Avrei voluto che non avessimo mai fatto nulla per cominciare. Perché allora non dovrei essere solo in questo momento, sentendomi come mi sentivo.

"Perché non provi a parlargli?" Suggerì mia madre. “Perché non lo chiami?

"L'ho chiamato, ma non ha risposto al telefono", dissi. "E in questo momento, non mi interessa davvero se gli parlo di nuovo o no."

«Sì, lo fai», disse mia madre. “Sei solo arrabbiato in questo momento. Ma non sarai arrabbiato con lui per sempre.

Ho pensato a quella parola, "per sempre". Quella era la parola che aveva separato me e Chris. Odiavo quella parola più di quanto odiassi la parola "amore".

“Non lo so...” dissi. “Davvero non voglio più pensarci in questo momento. Penso che preferirei semplicemente andare a letto ora.

Mia madre rimase in silenzio per qualche istante, poi si alzò e si diresse verso la porta della mia camera da letto. «Buonanotte», disse. "Ti amo."

Volevo dirlo a mia volta, ma quelle parole non sembravano uscire dalla mia bocca. «Anche io», dissi. Ha chiuso la porta. Togliendomi tutti i vestiti, salii sul letto e spensi la lampada accanto al letto, lasciando la stanza nell'oscurità totale. Non so perché ho deciso di andare a letto senza vestiti, perché avevo freddo e le lenzuola erano dure e stantie. Per quanto ci abbia lottato, volevo che Chris fosse qui, proprio accanto a me.

Non ci toccavamo da così tanto tempo (o almeno se sembrava da tanto tempo) che ho dimenticato come ci si sente ad avere il suo corpo che si strofina contro il mio; Mi mancava il formicolio della mia pelle ogni volta che mi toccava; Mi mancava il suo respiro caldo sulla nuca; Mi mancava il modo in cui mi sussurrava cose all'orecchio, facendomi venire i brividi lungo la schiena; Mi mancava lui che mi scopava, come ci si sentiva ad avere il suo grosso cazzo dentro di me; come Chris iniziava lentamente, e poi diventava progressivamente più veloce e più duro, facendomi a pezzi; Mi mancava il modo in cui gemeva e gridava quando entrava nel mio culo. Mi mancava il modo in cui mi avrebbe baciato dopo.


Mi mancava tutto di lui, le parti belle e quelle brutte. Volevo che Chris tornasse con me. Lo volevo qui. Ma lui non era qui. Ovunque fosse, qualunque cosa stesse facendo, non era qui con me.

* * *
Billy Anderson e Jason Coleman stavano sicuramente insieme. Lo hanno reso più che ovvio. Durante la lezione di inglese, si sono seduti uno accanto all'altro, ridendo tra loro, sussurrandosi l'un l'altro. Mentre li guardavo, ho sentito molte cose: da un lato ero contento che Jason avesse trovato qualcuno a cui sembrava essere interessato, ma allo stesso tempo ero un po' geloso di non essere in grado di avere ciò che Billy e Jason aveva, con Chris. Era il secondo giorno di fila che Chris non si presentava a scuola. Ieri ho pensato che non fosse venuto a scuola perché pensavo che non volesse vedermi. Forse non era più tornato a scuola per lo stesso motivo, ma forse no. Forse era qualcosa di diverso.

Luke sedeva tre posti davanti a me. Ogni tanto si voltava a guardarmi. Non sorrise né mi guardò male, ma per me era ovvio che fosse ancora sconvolto dal fatto che ieri sera non fossi andato così lontano come voleva. Era un ragazzo così bello e non solo per il suo aspetto. Anche la sua personalità era bella. E come al solito, avevo rifiutato qualcuno che aveva un vero interesse per me, piuttosto che qualcuno a cui probabilmente non importava un cazzo di me a meno che non stesse cercando di scopare.

Luke era proprio di fronte a me. Chris non lo era. Luca è stato gentile con me. Chris non lo era. Luke sembrava il tipo di ragazzo che sarebbe stato davvero buono con me - non sapevo se potevo dire la stessa cosa di Chris. Perché ero attratto da qualcuno che mi portava tanta miseria invece che da qualcuno che mi rispettava? Perché ho avuto una tale storia d'amore con il dolore invece che con la felicità? Ho guardato Billy e Jason, e mentre li guardavo sorridere e parlare tra loro, ignari degli sguardi o delle opinioni di tutti gli altri, ho sentito un po' di speranza che forse avrei potuto avere qualcosa del genere un giorno. Non molta speranza, solo un po'.

Dopo la lezione, ho raggiunto Luke mentre andava al suo armadietto. «Ehi, Luca. Posso parlarti un secondo?"

Luca si voltò. Mi guardò come se avesse completamente dimenticato chi fossi. Il riconoscimento è arrivato lentamente. «Ehi» mormorò. "Cosa vuoi?" Non l'ha detto in modo crudele o infastidito, ma ho avuto decisamente l'impressione di non essere qualcuno con cui voleva davvero parlare.

Ho provato a sorridere ma non ha funzionato, quindi ho detto solo: "Volevo solo parlarti... di quello che è successo ieri sera". Ho cercato di parlare abbastanza piano in modo che le persone intorno a noi non potessero sentire. "Sei ancora arrabbiato con me?"

«Non ce l'avevo affatto con te», disse severamente Luke. Aprì l'armadietto e ci infilò dentro il libro di testo.

Il mio cuore ha saltato. Ho iniziato a sentire un po' di rassicurazione. "Bene, perché pensavo di non piacerti più o qualcosa del genere."

Luke mi lanciò un'occhiata con la coda dell'occhio mentre chiudeva l'anta dell'armadietto e apriva la serratura a combinazione. "Non è che ti odio o qualcosa del genere, Brandon."

"Cosa fai dopo la scuola?" Ho chiesto.

"Siamo stati arrestati, ricordi?"

«Voglio dire dopo.»

«Non lo so» disse Luke. «Non ho ancora deciso.»

"Vuoi fare qualcosa?" chiesi, nervoso nel sentire la sua risposta.

Luke mi guardò per qualche secondo e sorrise. Aveva un sorriso così incredibilmente perfetto. «No», disse.

All'inizio ho pensato di averlo sentito male. Mi aspettavo così tanto che dicesse di sì. "Eh?"

"No", ripeté, ma questa volta il sorriso non c'era.

“Non capisco”, gli ho detto. "Ho pensato -"

"Questo solo perché mi piaci, ti seguirei in giro come un cagnolino stupido." Luca scosse la testa. “Mi piaci, Brandon. Ma non ti piaccio davvero. Beh, comunque non mi basta. Non vedo davvero il motivo per cui fingi che ti piaccio quando non è così. So chi ti piace davvero, e non sono io. Luke sorrise di nuovo, non un sorriso di scherno, ma un vero sorriso amichevole: "Ci vediamo più tardi, Brandon".

Se n'è andato. Imbarazzato non è una parola abbastanza forte per descrivere come mi sono sentito in quel momento. Ho pensato a quello che aveva detto, che era fondamentalmente che lo stavo usando - cosa che stavo facendo. Luke aveva ragione nel dire che avevo approfittato della sua simpatia senza ricambiarlo. Non mi sentivo in imbarazzo perché Luke mi aveva rifiutato, perché me lo meritavo per il modo in cui l'avevo trattato, ma per il modo in cui l'avevo trattato, come se fosse solo qualcuno che potevo usare e buttare via quando non lo facevo. Non ho più bisogno di lui. Lentamente mi allontanai nell'altra direzione.

* * *
"Che cazzo hai?"

Alzai lo sguardo e vidi Eve torreggiare su di me, fumando una sigaretta. Era bellissima con un paio di jeans color indaco attillati e scollati che mettevano in chiaro che non indossava biancheria intima e un top nero a tubo che metteva in risalto la sua pancia magra e i suoi bei addominali. Eve aveva addominali migliori della maggior parte dei ragazzi che avevo visto. Ovviamente era fuori dal codice di abbigliamento, ma non credo che nessuno dei docenti avesse il coraggio di dirglielo. Si sedette sull'erba accanto a me. Profumava di fragole. "Sembra che il tuo fottuto cucciolo preferito sia morto o qualcosa del genere."

Ho riso anche se non volevo. "Sto bene", dissi.

“Non dirmi quelle stronzate false. Dimmi solo cosa c'è che non va in te.

"Non mi piace molto parlare dei miei problemi con altre persone", le dissi.

"E non mi piace molto ascoltare i problemi degli altri", ha detto Eve. "Ma dimmelo prima che ti metta questa sigaretta nell'occhio."

"È stato solo un sacco di merda che ho dovuto affrontare."

“So che ha a che fare con quel tizio con cui stai scherzando, Chris Green. Voi due non avete ancora scopato e fatto pace?

«Non è andato a scuola negli ultimi due giorni. Non sono riuscito a parlargli».

"Sai dove vive?" chiese Eva.

«Sì, me l'ha detto ieri sera il suo amico Billy. Ho pensato di andarci ieri sera. Ma era troppo tardi -"

"Cosa cazzo vuoi dire che era troppo tardi?" chiese Eva. "Se ti piace davvero qualcuno, non importa che ora sia, se fossero le fottute tre del mattino andresti laggiù." Quando Eve lo disse, mi venne in mente quando Chris si presentò a casa mia alle tre e mi portò al campo di football per fare sesso. Di tutte le volte in cui eravamo stati insieme, quella sarebbe stata la notte che ricordava e apprezzava sempre rispetto a tutte le altre. Lei aveva ragione. Il vero motivo per cui ero andato a casa di Chris non era perché fosse troppo tardi, ma perché avevo paura di vederlo.

«Andiamo», disse Eve, interrompendo i miei pensieri.

"Dove?" Ho chiesto.

“Hollywood,” disse Eve sarcastica, “dove cazzo pensi? La casa di Chris. Guarda se lo stronzo è lì.

“Non possiamo andarci. Devo essere nella mia lezione di fisica tra tipo cinque minuti.

“Fanculo la classe. Stai cercando di sistemare una relazione interrotta. A chi frega un cazzo della fisica?

"Perché ci tieni così tanto?" ho chiesto.

«Io no», disse Eve. "Mi dà solo una ragione per non essere qui."

Ho sorriso di nuovo. "E se non c'è?"

"E se lo fosse?"

"E se non vuole vedermi?"

“E se lo fa? Smettila di cercare fottute scuse per non fare quella dannata cosa e fallo e basta. Eve si alzò e si spazzolò via l'erba dal culo. "Alzati e andiamo."

Volevo dire: "No, non posso". Ma ho pensato che Eve avrebbe trovato una risposta intelligente per confutare il motivo per cui non c'era un vero motivo per cui non potevo andare a casa di Chris. Una parte di me aveva ancora paura di vedere Chris, ma allo stesso tempo volevo ancora vederlo. Mi alzai lentamente e cominciai a seguire Eve verso la sua macchina color fuoco. "Non posso credere che sto facendo questa merda." Ho aperto la portiera della macchina e sono salito dentro. Non avevo mai saltato una lezione in tutti i dodici anni in cui ero stato a scuola. Ma è stato un motivo importante per saltare.

Eve accese l'accensione e io quasi saltai giù dal mio posto quando la radio prese vita a tutto volume, pompando musica ad alto volume che sapevo avrebbe potuto essere ascoltata in tutto il campus. Eve sterzò fuori dal parcheggio degli studenti e uscì dai cancelli. Mi sono assicurato di allacciarmi la cintura di sicurezza. Ho abbassato un po' il volume.

"Dove vive?" chiese Eva.

«Mosswood Avenue», le dissi. Eve accelerò la velocità, senza prestare attenzione ai frequenti dossi. Ho sbattuto la testa sul soffitto dell'auto un paio di volte. Eve si limitò a ridere. Dopo aver smesso di ridere, ha chiesto: "Cosa gli dirai?"


Non ci avevo pensato affatto. "Non lo so."

"Beh, hai solo quindici minuti per capirlo."

"Non so nemmeno se voglio davvero vederlo in questo momento."

«Ormai è troppo tardi», disse Eve. «Inoltre, prima o poi dovrai affrontarlo comunque. Puoi provare a fingere che non ti dia fastidio, ma alla fine ti divora il culo come fottute termiti emotive finché non ti senti come se stessi per crollare. Credimi, lo so.

* * *
Arrivammo a casa di Chris esattamente quindici minuti dopo, come aveva detto Eve. La sua casa era molto più piccola della mia e aveva un aspetto molto più fatiscente. Ma proprio ogni casa nell'isolato di Chris sembrava fatiscente, come se i mostri vivessero all'interno di quelle case invece delle persone. Anche se era giorno e non c'era nessuno in giro, avevo ancora un po' di paura di uscire dall'auto.

«Vai avanti», disse Eve.

Volevo chiedere: "Non puoi venire con me", ma sarebbe suonato stupido. Ho appena guardato la casa per molto tempo. Non ho visto il camion di Chris parcheggiato nel vialetto o parcheggiato lungo la strada. Per qualche motivo non l'ho preso come un segno importante che non fosse a casa. Con cautela, sono uscito dalla porta e mi sono avvicinato al portico di Chris. Potevo sentire il mio cuore battere. Una volta arrivato alla sua porta, ho pensato di voltarmi e dirigermi verso la macchina di Eve. Ma non l'ho fatto. Ho suonato il campanello e ho cercato di sembrare casual.

Passò un minuto e Chris non venne alla porta. Ho pensato che forse stava dormendo e non mi aveva sentito suonare il campanello, quindi l'ho suonato di nuovo. Ancora una volta, ho aspettato - pazientemente. Ancora non è venuto alla porta. Non era a casa. Il suo camion non si vedeva da nessuna parte e nessuno è venuto alla porta. Chris non c'era. Avevo perso la lezione per venire a trovarlo e non era nemmeno a casa. Dietro di me, ho sentito Eve suonare il clacson e gridare fuori dal finestrino: "È lì?"

Deluso, mi voltai per tornare alla macchina - quando la portiera si aprì. Ero un po' sorpreso perché non mi aspettavo che qualcuno rispondesse. L'uomo che aprì la porta non era Chris, ma gli somigliava molto se Chris avesse avuto venticinque anni in più. L'uomo sembrava freddo e privo di emozioni, come se avesse perso la sua anima anni prima.

Doveva essere stato di bell'aspetto quando era più giovane, come lo era Chris ora, ma c'erano così tanta rabbia e dolore impressi sul suo viso che era difficile vedere le parti dell'uomo che un tempo erano attraenti. Era ovvio per me che stavo guardando il padre di Chris. Mi fissò con occhi così pieni di odio, come se gli avessi fatto personalmente qualcosa di orribile. Vorrei essere tornato prima alla macchina di Eve, perché ora mi sentivo congelato. non potevo muovermi.

"Chi sei?" domandò il padre di Chris.

Riuscivo a malapena a parlare. “...Conosco Chris. È un amico... conosco Chris...»

L'odio negli occhi dell'uomo si è intensificato quando ho pronunciato il nome di Chris.

"È a casa?" chiesi, più che un po' spaventata nel sentire la sua risposta.

Il signor Green si limitò a fissarmi con i suoi penetranti occhi scuri. L'ho guardato e ho sperato che Chris non assomigliasse a suo padre quando avrebbe avuto la sua età. Speravo che Chris non sembrasse così perennemente infuriato e vuoto. «No», disse seccamente il signor Green. "Lui non è qui." Stava per sbattermi la porta in faccia, ma l'ho fermato chiedendogli:

"Sai dov'è andato?"

"No, non so dove sia andato", disse il signor Green altrettanto severamente. Mi aspettavo che finisse la frase con "E non me ne frega neanche un cazzo".

Ho fatto un passo indietro. "Beh, se torna, puoi dirgli che Brandon è passato?"

Il signor Green mi ha guardato come se fossi la persona più stupida che sia mai esistita. «Quel ragazzo non tornerà qui. Non a casa mia. Lo disse in modo così enfatico e con così tanto spirito, che non c'era dubbio che fosse assolutamente serio. «Se hai qualcosa da dirgli, ti suggerisco di trovarlo dovunque sia.» Il signor Green sbatté la porta, lasciandomi fuori sulla veranda, intimidito e disorientato. Rimasi lì sotto il portico per circa un altro minuto prima di voltarmi e tornare alla macchina.

«Chi era quell'uomo?» chiese Eve mentre chiudevo la portiera della macchina.

"Suo padre."

"Cosa ha detto?"

Non ho detto niente. L'unica cosa che riuscivo a pensare era: non c'è da stupirsi perché Chris è così.

Continua...

Storie simili

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

2.4K I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

2.2K I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Nirvana celeste: parte 1

Come la maggior parte dei miei altri lavori, questa storia si concentra più sul dramma e sulla storia che sul sesso (ma c'è il sesso, non preoccuparti). Per una migliore esperienza di lettura, ti consiglio di sballarti prima di procedere. Capitolo 1 La giovane donna infilò per l'ennesima volta le sue dita tra le succose labbra gonfie della sua fessura, mordendosi il cuscino per attutire i suoi gemiti di piacere. Era sdraiata a letto, il sole si avvicinava all'orizzonte orientale mentre i minuti scorrevano sulla sua sveglia. L'ora era presto, prima del risveglio dei suoi genitori, ma era così che le...

2.3K I più visti

Likes 0

Decoratore d'interni

Maria ha venticinque anni, single, giovane decoratrice d'interni e commessa nel negozio di mobili di famiglia. Aveva bisogno di un accordo stretto. Il compito, tuttavia, si stava rivelando più difficile di quanto avesse sperato. Vari ritardi stavano inducendo gli acquirenti a ripensarci. Oggi sperava che un acquirente entrasse e chiudesse un affare. Non essendo una che usa abitualmente il suo bell'aspetto naturale a proprio vantaggio quando ha a che fare con gli uomini, Maria ha tirato con riluttanza un maglione senza maniche attillato dal suo armadio e una gonna corta complementare. Con solo un piccolo paio di mutandine sotto, si sentiva...

2.5K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2K I più visti

Likes 0

Una lezione per Liz

Capitolo 1 Sam e sua sorella minore Liz si sono incontrati per un caffè un pomeriggio di quest'estate. Sam e Liz non erano mai stati molto legati, soprattutto perché Sam aveva 11 anni in più di sua sorella minore Elizabeth o Liz, come le piaceva essere chiamata. Non si vedevano da un paio di mesi eppure vivevano nella stessa città. Sam era il tipo che ha lasciato che la sua carriera guidasse la sua vita e non si era mai sposato o si era sistemato davvero. Avrebbe avuto una ragazza occasionale, ma non ne è mai venuto fuori nulla e gli...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

1.8K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2K I più visti

Likes 0

Indottrinamento Capitolo 2_(1)

Questa è la seconda parte dell'Indottrinamento. I commenti sono apprezzati. Quando tornò al suo dormitorio, lo stomaco di Ryan era così teso che si chiese se sarebbe stato in grado di nuotare. L'escalation degli scambi tra lui e Alex gli aveva fatto girare la testa ei suoi pensieri non erano in grado di tenere il passo con le manifestazioni fisiche che continuavano a colpirlo dopo ogni interazione. In questo momento, ad esempio, era difficile pensare a cosa avrebbe potuto intendere Alex quando il suo corpo non riusciva a decidere se voleva vomitare, scopare o semplicemente crollare. Continuava a cercare di ragionare...

3.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.