Massaggio della carne incestuosa Capitolo 3: Massaggiare la mamma bendata

823Report
Massaggio della carne incestuosa Capitolo 3: Massaggiare la mamma bendata

Massaggio della carne incestuoso

(Una storia incestuosa di Harem)

Capitolo tre: Massaggiare la mamma bendata

Di miopenname3000

Diritto d'autore 2019

Nota: grazie a wrc264 per la beta che legge questo!

Non riuscivo a credere alla vista della donna nuda con gli occhi bendati seduta sul lettino da massaggio.

Non era che fosse nuda, o che fosse bendata, a farmi scioccare. Era quello che era. La signora Armstrong, la madre ultracristiana della mia ragazza, Stefani. La donna che disapprovava la nostra relazione veniva nella sala massaggi in cui lavoravo. Il Lady's Touch Massage Parlour era un posto speciale dove le nostre clienti donne potevano ricevere massaggi speciali.

Massaggi alle tette. Massaggi alla vulva. Massaggi Nuru, dove usavamo i nostri corpi per accarezzare i loro. E se il cliente e la massaggiatrice volevano solo andare più lontano, senza alcun costo aggiuntivo, e quel piacere più lontano finiva semplicemente nel sesso, beh, andava bene.

Finché non lo facevamo pagare, aggiravamo un'area grigia della legge.

Non avrei mai pensato che la signora Armstrong sarebbe stata una cliente abituale. Era venuta qui diverse volte, massaggiata dalla sottomessa Carmelita.

"Ooh, mi piacerebbe", ha detto la signora Armstrong alla mia offerta di andare a prendere una seconda massaggiatrice. "Ho bisogno di una tale liberazione oggi."

Non riuscivo ancora a crederci, ma ho avuto questa folle idea. Era assolutamente depravato. È stato incredibile. Era proprio così malvagio. La mia figa ribolliva mentre mi attraversava. Non vedevo la signora Armstrong da anni. Chiaramente non ha riconosciuto la mia voce.

L'ho adorato.

“Torno subito,” dissi mentre uscivo dalla stanza.

I miei succhi mi gocciolavano lungo le cosce. I miei capezzoli si strofinavano contro la seta sottile della mia vestaglia. Era color pastello e corto, si aggrappava alla parte superiore delle mie cosce e abbracciava il mio sedere. I miei capelli color ottone mi ricadevano sulle cosce mentre mi precipitavo nell'atrio dove sapevo che sarebbe stata la mia ragazza.

Irruppi nell'atrio, la mia sorellastra minore Lee si contorceva mentre presidiava il banco della reception. Aveva un vibratore o un plug anale nel suo ronzio, controllato a distanza da nostro fratello. La mia ragazza, Stefani, stava abbracciando il suo ultimo cliente. Si sono separati.

"Oh, ne avevo bisogno", fece le fusa la cliente, una donna anziana con i capelli neri. Lei sorrise, le guance arrossate. Poi si voltò e se ne andò.

«Ciao», disse Stefani, salutandola. La mia ragazza era una rossa dai capelli infuocati, una tonalità più brillante del rosso più scuro di sua madre. Stefani si girò di scatto, le fossette che le brillavano sulle guance mentre mi sorrideva. I suoi occhi verdi avevano un bagliore malizioso, i suoi capezzoli erano duri contro i suoi seni. «Ehi, Yunie.»

Ho sorriso. Mentre mi chiamavo Zoey, Stefani mi chiamava Yunie. Eravamo amici da anni e avevamo i nostri soprannomi personali. Yunie era l'abbreviazione di unicorno, qualcosa di cui ero davvero ossessionato. Avevo persino un tatuaggio di un unicorno che galoppava sulle mie pudenda sopra la mia figa.

"Sei libero, Dandi, perché voglio che tagghi un cliente con me", dissi. Dandi, abbreviazione di Dandelion, era il mio soprannome per Stefani.

«Quella donna bendata?» chiese Lee, dimenandosi avanti e indietro sulla sedia. Le sue mani si aggrapparono alla scrivania mentre lottava contro il proprio orgasmo. Poteva venire solo con il permesso. Combattere i suoi orgasmi era qualcosa che Lee amava. "Sta pagando un extra?"

"Oh, no, questa è tutta una mia idea", dissi. Lanciai un'occhiata a Stefani. "Bene, sei libero?"

"Cosa sta succedendo?" chiese la mia ragazza, la sua voce era un ronzio malizioso. Lei si avvicinò a me. I suoi seni sussultavano sotto la veste. “Eh? A quale cattiva idea stai pensando?

«È tua madre», dissi. "La donna bendata è tua madre."

Stefani sbatté le palpebre. Poi scosse la testa. "Non c'è modo."

"Sì, è una cliente abituale."

«Non esiste un fottuto modo», gemette Stefani. "Mia madre?"

«È stata qui alcune volte con Carmelita», le dissi. "È lì dentro, nuda, desiderosa solo di essere 'massaggiata'".

La mascella di Stefani cadde.

"Lo so."

La mia ragazza ha scosso la testa. "Sicuramente ti ha riconosciuto."

«È bendata», dissi. “Immagino sia una cosa sua. Non vedere chi la sta massaggiando.

«Probabilmente pensa che non sia tradimento o omosessualità o qualcosa del genere» mormorò Stefani. Poi i suoi occhi si illuminarono. "Santo cielo, non saprà che sta commettendo un incesto con me."

"Sì!"

"Torno subito!" Stefani rimase senza fiato. Si precipitò fuori dall'atrio.

"Oh, mio ​​dio", gemette Lee. “Fa così caldo. Voi ragazzi siete molto fortunati. Vorrei poter partecipare.

«No», dissi, sorridendole. "Clint ha accettato di lasciarti essere la nostra receptionist, di non divertirsi a fare sesso tutto il giorno."

"Lo so", gemette. I capelli neri le ondeggiavano sul viso. Le sue guance ardevano luminose. "Ooh, avrò un tale orgasmo quando il Maestro me lo permetterà." Rimbalzò sulla sedia, sembrando improvvisamente di nuovo giovane, quel marmocchio folletto che Clint dovette domare quando prese il controllo della famiglia quattro anni prima.

Le feci l'occhiolino, felice che si stesse divertendo.

Stefani è rientrata con due sex toys in mano. In uno, ha afferrato un dildo strap-on, rosa e carnoso attaccato a un'imbracatura nera, e l'altro era un vibratore senza spalline, un oggetto viola a forma di U in cui un'estremità si infila nella tua figa e l'altra estremità viene spinta fuori per scopare. la fortunata signora.

Mi ha spinto il dildo senza spalline. Era un vibratore birichino, il pulsante che lo controllava sul fondo della U. Rabbrividii quando Stefani si tolse la vestaglia, i suoi seni rotondi esplosero alla vista. Il suo tatuaggio di dente di leone sulla sua pudenda rasata sembrava così luminoso e allegro. I suoi anelli d'oro sui capezzoli luccicarono mentre entrava nell'imbracatura. Se lo tirò su per le cosce, le sue tette ondeggiavano e rimbalzavano.

Sorrisi e aprii le mie vesti, i miei capezzoli duri sopra i miei grandi seni. Ho allargato le mie cosce e ho premuto l'estremità bulbosa del dildo nella mia figa. Gemetti mentre scivolava nella mia fica. È stato proprio un vero piacere. Il mio strappo si è stretto intorno alla fine. Questa deliziosa sorpresa mi ha bruciato.

I miei fianchi si muovevano avanti e indietro. I miei seni ondeggiavano e sussultavano. La mia figa si è stretta intorno alla fine. È stato incredibile sentirlo entrare dentro di me. L'ho afferrato, l'estremità viola che sporgeva dal mio inguine, quasi urtando il dildo carnoso che Stefani indossava.

"Bene, andiamo a 'massaggiare' mia madre?" chiese Stefani, inarcando le sopracciglia.

"Uh-huh," gemetti, la mia figa stretta intorno al giocattolo.

Afferrai la mano di Stefani e la condussi fuori dal salone. Percorremmo il corridoio e raggiungemmo la stanza 8, superando la stanza dove avevo lasciato Olivia e sua figlia che facevano l'amore. Ora mi divertirei ad assistere a più incesti tra madre e figlia oggi.

È stata una deliziosa delizia. Adoravo leccare la fica di mia madre. Ero così felice che mia sorella provasse quel brivido.

La mia mano libera mi strofinò la pancia per un momento, un calore mi percorse. Poi ho aperto la porta e ci siamo infilati dentro. La signora Armstrong giaceva ancora sul letto, bendata, le mani incrociate sulla pancia. Era in gran forma per essere una donna sulla quarantina. Aveva i seni rotondi, un folto cespuglio ornato tra le cosce. Aveva grossi capezzoli rosso scuro e ampie areole che imploravano di essere succhiate e giocate.

"Scusa se ci ho messo così tanto", ho fatto le fusa. "Dandi e io ti massaggeremo."

«Oh, sì», disse Stefani, abbassando la voce in un sensuale ronzio. "Yunie e io ci prenderemo molta cura di te."

«Oh, meraviglioso», gemette la signora Armstrong. “Ne ho tanto bisogno. Gli ultimi giorni sono stati così stressanti. Mio marito...” Si sfiorò la mano, aggiustandosi l'anello nuziale. "E in chiesa... ho solo bisogno di un rilascio."

Mi leccai le labbra. "Quindi, forse dovremmo iniziare con un massaggio alla vulva", dissi. "Usando solo le nostre bocche."

«Oh, sì», gemette la madre di Stefani.

Stefani scosse la testa. Mi guardò e disse con la bocca: "Lesbica!"

Ho annuito con la testa. Sua madre voleva che la mangiassimo. Questo era caldo. Rabbrividii, desideroso di condividere questa figa con la donna che amavo. Per divorare sua madre con lei. Mi leccai le labbra. Mi diressi verso il lettino da massaggio, il dildo che si muoveva nella mia fica. Raggiunsi la signora Armstrong e salii sul lettino da massaggio. Stefani si è unito a me, il tavolo scricchiola e geme.

È stato proprio un piacere. Ci siamo assicurati di acquistare tavoli che potessero supportare questo tipo di azioni cattive. Niente di economico.

Rabbrividii mentre premevo la mia spalla contro quella di Stefani. Ci siamo chinati, le nostre guance sfregate l'una contro l'altra. Si accarezzarono mentre ci chinavamo sempre più in basso. Il profumo della figa pungente di sua madre, un profumo a me così familiare, mi riempì il naso.

La mia bocca saliva.

I nostri volti affondarono nel cespuglio setoso. I succhi della signora Armstrong le adornavano i capelli. La mia lingua dardeggiava nella fica della donna sposata. Ho assaggiato il sapore della madre del mio amante. Gemetti a questa fretta mentre la lingua di Stefani si univa a me, prendendo la sua prima leccata di sua madre.

Il suo primo assaggio di incesto.

“Ooh, che bello,” gemette la signora Armstrong. “Ooh, voi due. E uno di voi ha qualcosa...”

“Tongue stud,” Stefani fece le fusa e poi leccò di nuovo, la sua lingua accarezzò la mia.

Abbiamo accarezzato le sue pieghe. Le abbiamo accarezzato le pieghe. Le nostre lingue guizzavano l'una intorno all'altra mentre la accarezzavamo. I deliziosi succhi della MILF mi hanno ricoperto la lingua. Le mie labbra. Questo è stato fantastico. La mia guancia sfregava contro quella di Stefani mentre divoravamo la fica di sua madre.

Questa corsa selvaggia mi ha attraversato. È stato inebriante mentre condividevo questo momento incestuoso. La mia fica si è stretta attorno al dildo. I miei fianchi si mossero, sfiorando quelli di Stefani. Gemetti di gioia, assaporando il sapore pungente mentre "massaggiavo" la MILF con la mia lingua.

"Ooh, voi due siete così rilassati", gemette la signora Armstrong. Fece scivolare le mani sullo stomaco fino al seno. Si strinse le tette. I suoi gemiti echeggiarono nella stanza. Il letto scricchiolava. "Bello."

"Uh-huh", ansimai. “Lascia che ti rilassiamo. Mmm, verrai così forte.

"Lo spero," gemette, le mani che le massaggiavano i seni.

Stefani rabbrividì accanto a me. Emise un gemito gutturale. Premette le labbra contro la figa di sua madre. La signora Armstrong rimase senza fiato. La sua schiena si inarcò mentre la mia ragazza infilava la lingua in profondità nella presa di sua madre.

La mia fica si strinse attorno al dildo, afferrandolo. Sapevo quanto fosse fantastico avere la lingua di Stefani, con quello stallone birichino, che turbinava dentro di me. La signora Armstrong sussultò, non rendendosi conto che era sua figlia che la mangiava e le dava questo edificio, estasi lesbica.

Sorrisi e avvicinai le mie labbra al clitoride della MILF, succhiando forte, la mia guancia che sfregava su quella di Stefani.

«Oh, mio ​​Dio», gemette la signora Armstrong. “Oh, spara, va bene. Oh, sì, sì, infila quella lingua nella mia figa. Oh, quello stallone della lingua è cattivo. Oh, sto per venire. E continua a succhiarmi il clitoride. Voi due siete così cattivi!

Le mie guance si incavarono. L'ho adorata. Ho succhiato e mordicchiato il suo bocciolo. Tremava, il lettino da massaggio scricchiolava. Stefani gemette accanto a me mentre sua madre ansimava. La signora Armstrong rabbrividì. Le sue mani mi massaggiavano i seni. Mi hanno scavato le tette. Mi hanno attorcigliato i capezzoli.

È stato incredibile. Ero così felice di poterlo fare. Fissai il corpo della donna bendata. I suoi seni si sollevarono. La sua lingua guizzò sulle sue labbra. La sua testa si muoveva avanti e indietro. Lei gemette e rabbrividì.

"Sì sì sì!" ansimò. Conoscevo quel suono. Ha appena avuto il suo primo orgasmo incestuoso.

E non lo sapevo!

Ho succhiato e mordicchiato il suo clitoride mentre i suoi succhi piccanti si riversavano sul mio mento. L'ho leccata e leccata. La madre di Stefani ansimò e gemette. La sua schiena si inarcò. I suoi seni si sollevarono. La sua testa si agitava avanti e indietro mentre urlava in estasi.

"Oh, cavolo, va bene!" La signora Armstrong gemette. “Ah, sì, sì! Solo... ho bisogno di questo! Ne ho tanto bisogno!

Sbattei la lingua contro la sua clitoride. Ho succhiato e mordicchiato. La mia figa si è stretta attorno al mio dildo. I miei seni sussultarono. È stato proprio un vero piacere. La mia lingua svolazzava su e giù per le sue pieghe, sfiorando quella di Stefani mentre leccavamo i suoi succhi.

La schiena della signora Armstrong si inarcò. Emise un ultimo gemito e poi crollò. Ansimava, miagolando di gioia, le guance arrossate. Si leccò le labbra. Ho sorriso, sapendo che si è appena divertita.

"Quindi abbiamo indossato speciali strumenti di massaggio", ho fatto le fusa, alzando la testa. "Quelli progettati per entrare in profondità nella tua figa e massaggiare tutti quei muscoli interni."

"Sì, anche loro si stressano", gemette Stefani. “Soprattutto dopo gli orgasmi. Lo consigliamo vivamente.”

«Oh, cielo», gemette la signora Armstrong. "Ooh, sembra qualcosa di cui ho bisogno."

«E», dissi sorridendo a Stefani, «abbiamo scoperto che è utile che la nostra cliente tenga la bocca occupata. È l'unico modo per massaggiarti la lingua, lo sai. Devi usarlo su uno di noi.

“Dovrai fare a una di noi un massaggio alla vulva con la lingua,” fece le fusa Stefani, la sua voce era così bassa e sensuale. "L'hai mai fatto?"

«Una volta», gemette la signora Armstrong. «Con Carmelita l'ultima volta. Io... ho dovuto... massaggiarle la schiena.

"Perché non massaggi Dandi mentre io mi occupo della tua fica," dissi facendo le fusa. “Indosso un modello vibrante. Sarà piuttosto stimolante per te.

"SÌ!" La signora Armstrong rimase senza fiato.

Lanciai un'occhiata a Stefani e le sorrisi. Mi ha baciato forte. Mi infilò la lingua in bocca mentre il sapore pungente della fica di sua madre condiva la nostra passione. Era inebriante condividere questo piacere incestuoso. Per sperimentare questo rapimento.

Le nostre lingue danzavano insieme. Ci siamo accarezzati. È stata un'esperienza selvaggia. Il mio cuore batteva forte mentre mi baciava. Il suo piercing alla lingua sfregò contro la parte superiore del palato. È stato un piacere così caldo.

Stefani interruppe il bacio e disse: "Ti amo".

Le ho fatto l'occhiolino.

"Ora abbiamo solo bisogno che tu ti giri sulle mani e sulle ginocchia", dissi. "In questo modo posso massaggiare il tuo corpo mentre mi prendo cura della tua figa."

«Ooh, sì», disse la signora Armstrong.

Rotolò sulle mani e sulle ginocchia mentre Stefani scivolava giù dal tavolo e si dirigeva verso l'altra estremità, saltando in avanti. Aveva questo enorme sorriso stampato in faccia. Afferrò il suo strap-on carnoso e lo tirò su, dando a sua madre l'accesso a quella gustosa figa. I seni di Stefani tremavano, i suoi anelli d'oro ai capezzoli luccicavano.

"Mmm, segui solo quel profumo pungente", ho fatto le fusa mentre accarezzavo il sedere della signora Armstrong. Le ho stretto il culo, scavando nelle sue natiche. «Abbassa la testa e troverai la sua passera rasata. Massaggia solo la sua vulva mentre io massaggio la tua figa.

Stefani annuì. I suoi seni sussultarono. Lei piagnucolò e afferrò i capelli rosso scuro di sua madre. Stefani ha tirato giù la testa di sua madre. La mia amante rabbrividì mentre strofinava il viso di sua madre nella sua figa. La signora Armstrong gemette e tremò mentre annusava la fica della figlia.

Ha leccato. Ha assaggiato l'incesto per la prima volta.

"Oh, sì, sì, massaggiala e basta", gemetti, la mia figa stretta attorno al vibratore. Questo è stato incredibile. “Basta leccare quella passera. Mangiala e basta. Banchetterai con lei finché non esploderà. Ooh, massaggiala.

"Massaggiami!" gemette Stefani con quella voce gutturale. I suoi seni sussultarono. Lei mi sorrise. Potevo vedere la gioia nei suoi occhi.

Stava finalmente realizzando una delle sue fantasie. Aveva sua madre che banchettava con lei. Sorrisi, solo guardandola godere di questo. Sono stato catturato dalla bellezza del loro amore tabù. La signora Armstrong non aveva idea di aver banchettato con il prodotto del suo grembo.

La mia mano si strofinò il mio stomaco mentre guardavo, questo dolore si gonfiava in me. Questo meraviglioso calore. Gemetti, i miei succhi di figa gocciolavano lungo le mie cosce. Mi leccai le labbra, assaporando quella figa, così simile al muschio di Stefani.

"Ooh, sì, sì, proprio lì", gemette Stefani. "Questo è tutto. E Yunie, devi massaggiarle la figa.

"Giusto, giusto", dissi.

Ho allungato la mano lungo l'asta del dildo, trovando l'interruttore ronzante. L'ho ribaltato. Questo piacere è salito attraverso il mio corpo. Il vibratore con l'estremità a bulbo ronzava dentro la mia fica. Il piacere si è increspato nella mia fica. Mi sono stretto intorno al giocattolo cattivo, bevendolo.

"Senti quel ronzio?" gemetti. "Mmm, questo ti ecciterà."

"Sì, sì, agitalo!" gemette Stefani. "Sbattetela!"

Mi leccai le labbra. Ho portato la punta ronzante del vibratore sulla figa sposata della signora Armstrong. Questa pudica donna cristiana aveva disapprovato così tanto la mia relazione con Stefani. I suoi genitori l'avevano tagliata fuori dalle loro vite e si è scoperto che sua madre era una lesbica segreta.

Volevo sculacciarla per essere una puttana sporca, ma è stato più divertente guardarla mangiare sua figlia mentre la scopavo da dietro. Ho premuto la punta del mio dildo contro le pieghe della sua figa. Il suo cespuglio rosso scuro ne accarezzava la punta. Lei gemette.

"Sì, sì, massaggia la mia figa!" gemette. “Oh, cavolo, sì, sì! Massaggiami e basta! Ne ho bisogno! Ne ho così tanto bisogno.

Mi spingo nelle sue profondità. Il vibratore ronzò contro il mio clitoride. Ha inviato piacere attraverso il mio corpo. È uscito da me. Il cuore mi martellava nel petto. Le ho afferrato i fianchi mentre le infilavo quel dildo nella fica. Il mio inguine ha colpito la sua groppa. Il mio seno rimbalzava davanti a me.

Rabbrividii e la signora Armstrong gemette. Gemette nella presa di sua figlia mentre i suoi fianchi si muovevano avanti e indietro. Ha spostato il dildo nella sua fica e nella sua mente. È stata questa corsa incredibile. La mia figa l'ha bevuto. Mi ha invaso. Le mie dita affondarono nella sua carne. Ho piagnucolato e gemuto. L'estasi mi pervase.

Il mio seno ondeggiava. piagnucolai. Il dildo mi ha agitato la figa. È stato un meraviglioso piacere sentire quel ronzio dentro di me. Ho tirato indietro l'asta. Emerse imbevuto dei suoi succhi. Gemette sempre più forte, banchettando con Stefani.

Il viso di Stefani si contorse per la sua beatitudine. I suoi seni rotondi sussultarono e il dildo che indossava sussultò. Lei mi sorrise. Si passò la lingua sulle labbra. "Questo è tutto. Ooh, sì, sì, è così. Non è una sorpresa meravigliosa?"

"Uh-huh", gemette la signora Armstrong. “Ooh, hai un sapore così buono. Mmm, questo è un massaggio meraviglioso.”

“Davvero affonda la tua lingua dentro di me”, ansimò Stefani. "Proprio così. Ooh, sì, sì, mi stai stimolando. Oh, wow, è così. Lavora quella lingua dentro di me, troia lesbica birichina.

"Mmm, una tale troia per la figa!" La signora Armstrong gemette, la voce gutturale.

Stefani mi ha sorriso. Ricambiai il sorriso, sapendo che si sarebbe divertita così tanto con sua madre in futuro. Ero così felice per lei. Non vedevo l'ora della grande rivelazione. Ho spinto di nuovo in sua madre. L'ho scopata, l'ho picchiata. Le ha dato piacere.

La signora Armstrong gemette. Le sue natiche si incresparono mentre mi spingevo dentro di lei ancora e ancora. I suoi fianchi si muovevano avanti e indietro. Lei ondeggiava i fianchi. L'estremità nella mia fica si è mossa dentro di me. Mi ha stimolato mentre ronzava.

La mia fica l'ha bevuto.

Sbattei contro di lei, le mie tette si sollevarono. Il piacere mi pervase. Questa meravigliosa delizia. I miei succhi mi gocciolavano lungo le cosce. Gemetti, le mie mani si serrarono e si rilassarono. Questo calore bruciava attraverso il mio corpo. I miei occhi si chiusero mentre questa deliziosa estasi mi attraversava. Gemetti e ansimai, fottendola più forte, più velocemente. Ho seppellito il mio dildo nelle profondità della sua figa.

"Sì sì sì!" gemette la signora Armstrong. “Ooh, massaggia la mia figa. È stupefacente. Avrò un'altra delizia rilassante.

"Sta per venire come la troia lesbica che sei!" gemette Stefani. Afferrò i capelli di sua madre e strofinò la testa della MILF su e giù. Stefani ha spalmato la faccia di sua madre nella sua stessa figa, il dildo carnoso che ondeggia davanti allo stomaco di Stefani. Ho adorato la vista. "Sì, sei tu!"

"Così difficile!" La signora Armstrong gemette.

"Mangiala", gemetti, le mie tette si sollevavano mentre picchiavo la MILF. La mia fica afferrò la delizia ronzante. “Sì, sì, mangia solo quello spuntino. Lo ami!"

"Così buono!" la MILF gemette mentre mangiava sua figlia. “Ha un sapore così buono. Così caldo. Così setoso.

"Sì, sì, fammi venire!" gemette Stefani, con voce gutturale. Stava continuando così, nascondendo la sua identità.

Faceva così caldo. Il mio orgasmo si è gonfiato attraverso di me, e non solo per la gioia ronzante. Ho speronato nelle sue profondità. Ho sbattuto in profondità nella sua fica. Il dildo si è mosso dentro di me. La beatitudine ronzante mi ha massaggiato. Mi ha fatto salire la gioia.

Il mio clitoride si contraeva e pulsava.

Mi facevano male i capezzoli.

Le mie mani si strofinarono su e giù per il suo corpo. Le accarezzai i fianchi. L'ho accarezzata. L'ho massaggiata. Ho sbattuto contro di lei. Ho seppellito più e più volte dentro di lei. Ho speronato nelle sue profondità. L'ho scopata. Il piacere percorse il mio corpo. È stato incredibile. È stata una sorpresa incredibile.

"Oh, sì, sì, ci farai venire, troia lesbica!" Gemetti, le mie mani trovarono le tette della signora Armstrong. "Ecco perché sei venuto qui!"

"Ne sono dipendente!" gemette la signora Armstrong. “Voi massaggiatrici siete così sexy! Lo adoro. Ooh, la tua figa ha un sapore così buono, Dandi!

"Basta con me!" ululò Stefani, il viso stravolto. “Oh, sì, sì, continua a leccarmi. Prendi quella lingua dentro di me. Ti esploderò in bocca.

"SÌ!" Rabbrividii, il cuore mi martellava nel petto. Ha pompato piacere attraverso il mio corpo. “Tornerai ancora e ancora. Ci amerai facendo esplodere il tuo corpo!

"Accidenti, sì!" gemette, dondolandosi di nuovo tra le mie spinte. "Sono così vicino!"

"Basta succhiarmi il clitoride e farmi venire!" gemette Stefani. I suoi occhi verdi incontrarono i miei, vitrei mentre mi fissava. L'ho letto nei suoi occhi, quello che stava pensando: mia madre sta per farmi esplodere.

"Fai venire Dandi!" Ho urlato, spingendo fino in fondo nella fica della donna sposata.

"SÌ!" gemette la signora Armstrong, facendo scricchiolare il lettino da massaggio.

Gli occhi di Stefani si spalancarono.

Gettò indietro la testa e gridò il suo piacere. Sapevo che i suoi succhi stavano inondando la bocca di sua madre. La signora Armstrong ha bevuto il diluvio incestuoso. Ho sbattuto contro la donna sposata mentre la ascoltavo leccare e leccare la fica della mia ragazza.

"Oh, mio ​​fottuto dio, sì!" ululò Stefani.

Poi la signora Armstrong rimase a bocca aperta per la gioia. Lei tremò. Poi gemette nella figa di sua figlia. I suoi succhi sgorgarono intorno all'asta e bagnarono la mia fica rasata e le mie cosce. Quel profumo di crema pasticcera mi riempì il naso.

Stavano entrambi venendo. Madre e figlia. È stato uno spettacolo così bello. È stato incredibile assistere. Mi leccai le labbra, i miei seni si sollevarono mentre conficcavo il dildo vibrante nella fica della signora Armstrong, mentre l'altra mano mi massaggiava le profondità.

"Sì sì sì!" Urlai mentre il mio orgasmo esplodeva dentro di me. "Sei la nostra troia lesbica!"

"Sono!" gemette la madre cristiana.

La mia figa ha avuto delle convulsioni attorno al dildo vibrante. Le strinsi i seni mentre l'onda d'urto dell'estasi si abbatteva nella mia mente. Le stelle sono esplose nei miei occhi. Onde di oscurità attraversarono la mia vista. La mia testa ondeggiava. Gemetti, i miei capezzoli pulsavano, doloranti.

Questa straordinaria gioia mi ha bruciato. I succhi mi si riversarono sulle cosce. La mia crema è uscita da me. La beatitudine massaggiante mi ha trasmesso piacere attraverso di me ancora e ancora. Sono venuto ancora e ancora, bevendo in questo spettacolo estatico.

"Sì sì sì!" Stefani gemette, macinando la fica nella bocca di sua madre. Il suo dildo ondeggiava e ondeggiava sopra di lei. “Ooh, troia cattiva! Ti daremo più gioia. Vado a scopare anche te!

"Lo voglio!" gemette la donna bendata. Ha mosso i fianchi da un lato all'altro, muovendo l'altra estremità del dildo vibrante dentro di me. "Voglio che continui a massaggiarmi."

“E ora devi leccare la figa di Yunie,” gemette Stefani. «Devi divorare anche lei. Questa è stata tutta una sua idea.

"Uh-huh", gemette la MILF.

Il mio piacere ha raggiunto il picco in me. Ho sentito un impeto di pura estasi mentre mi rendevo conto che la signora Armstrong mi avrebbe mangiato la fica. Rabbrividii di gioia. Volevo godermi questo. Volevo assaporare questo momento. Le stelle bruciavano attraverso la mia vista. I miei seni rimbalzavano e ondeggiavano. Le mie tette oscillavano avanti e indietro.

Ho strappato il vibratore dalla fica della signora Armstrong. Ansimai e gemetti, il mio corpo ronzava. L'ho tirato fuori dalla mia fica. Era imbevuto dei nostri succhi mentre ronzava sul tavolo. Gemetti e scossi la testa, sbattendo le palpebre mentre scendevo dal mio picco orgasmico.

Stefani mi sorrise, inarcando le sopracciglia.

Ho fatto l'occhiolino.

"Mmm, girati", le dissi. "Mi siederò sulla tua faccia e ti annegherò nei succhi."

«Sì», gemette la signora Armstrong. Alzò la testa, la benda ancora al sicuro, una maschera nera che le copriva gli occhi. I succhi di sua figlia le scorrevano sul mento. Stefani l'aveva inzuppata.

Che spettacolo delizioso.

“Non so nemmeno che aspetto abbiate voi due,” gemette la MILF. “Adoro questo massaggio alla cieca. È semplicemente malvagio, non è vero?

"Semplicemente malvagio", ho fatto le fusa, il mio corpo tremava. "Mmm, adorerai questa parte successiva."

"Grande momento", ha detto Stefani, aggiustandosi lo strap-on in modo che il dildo le coprisse di nuovo la clitoride. “Ti picchierò forte mentre mangi il mio delizioso Yunie. È semplicemente deliziosa.

«Oh, sì, sì», gemetti. «Farai festa con me. Mi divorerai mentre ti fai scopare. Poi ci togliamo la benda. Mmm, non sarà eccitante vedere chi hai amato?

"Uh-huh", gemette la MILF. Si contorse sulla schiena. I suoi seni sussultavano e ondeggiavano. Le sue mani si strofinavano su e giù per il corpo, la sua fede nuziale lampeggiava.

Faceva così caldo per Stefani scopare la figa che l'ha partorita. La mia fica era in fiamme. Salii sul tavolo e mi misi a cavalcioni sul viso della signora Armstrong. Ho abbassato la mia fica alla sua bocca, desideroso che questa donna stronza banchettasse con me. Avrebbe ripagato tutto il dolore che aveva dato al mio amante.

Sorrisi a Stefani mentre le pieghe rasate della mia fica premevano sulla bocca di sua madre. Ho messo a terra il mio strappo contro la signora Armstrong. Le sue labbra erano calde sulle mie labbra. Poi la sua lingua scattò fuori. Un colpo audace attraverso le labbra della mia figa. Senza esitazione. La mia schiena si inarcò mentre i miei seni sussultavano davanti a me.

"Oh, sì, proprio così, piccola troia lesbica," gemetti, dimenando i fianchi e strofinandoli avanti e indietro sulla sua bocca. "Metti solo quella lingua dentro di me."

La signora Armstrong fece sbattere la lingua. Mi ha preso in giro. Mi ha accarezzato. Ha inviato tali delizie selvagge attraverso di me. Fissai negli occhi il mio amante mentre sua madre divorava la mia fica. Gemetti, non volendo mai che tutto questo finisse.

Stefani salì sul tavolo. Stava riconnettendosi con un membro della sua famiglia bigotta. Lo amavo. Rabbrividii quando la lingua della signora Armstrong saettò tra le mie pieghe. Mi ha leccato e leccato. Questo calore è salito attraverso il mio corpo. Gemetti, le mie tette rimbalzarono e si agitarono davanti a me.

Rabbrividii, amando questo momento. Stefani infilò un cuscino rotondo sotto la parte bassa della schiena di sua madre, sollevando l'altezza della fica della signora Armstrong. Il mio amante ha portato quel grosso dildo carnoso nella fica di sua madre. Si premette tra le pieghe, spingendosi contro sua madre.

"Oh, sì, è grande!" gemette la signora Armstrong nella mia fica. "Mmm, sì, sì, fallo entrare e uscire da me."

"Oh, lo farò, puttana", la mia amante fece le fusa, i suoi occhi vitrei per la gioia. "Ti scoperò forte."

“Così forte,” gemetti, tremando sul letto. I miei capelli ondeggiavano sulle mie spalle. I miei fianchi si muovevano avanti e indietro. Questa delizia birichina è esplosa dentro di me. “Sbattetela forte. Basta scopare quel dildo dentro e fuori dalla sua fica.

Il mio amante mi sorrise. Tirò indietro i fianchi e poi si spinse di nuovo contro sua madre. E di nuovo. Ha speronato quel dildo nella MILF.

Lo amavo. I miei fianchi si muovevano avanti e indietro. Schiacciai la faccia di sua madre. Ho assaporato la lingua della signora Armstrong che scorreva tra le mie pieghe. Ha spazzolato le mie labbra e il clitoride. Scintille scoppiano dentro di me. Un nuovo, delizioso orgasmo costruito in me.

Afferrai Stefani per la nuca, tirandola a me. Fissai i suoi occhi verdi mentre infilava il suo dildo nella fica di sua madre. La mia fronte premuta contro quella del mio amante. Gemevamo e ansimavamo, i nostri nasi che si accarezzavano.

"Ecco fatto, Dandi!" gemetti. “Fanculo! Fanculo quella troia lezzie! Basta martellare il tuo dildo dentro di lei. Ooh, lo adori.

"Così tanto, Yunie!" gemette il mio amante. “La sto scopando così forte. Questo è il migliore. Lo desideravo da così tanto tempo.

"Lo so!" Gemetti e poi la baciai.

La sua lingua, completa di uno stallone per la lingua, si infilò nella mia bocca mentre la lingua di sua madre saccheggiava la mia figa. La MILF sposata ha fatto roteare la lingua dentro di me. Mi ha accarezzato. Mi ha preso in giro. Il piacere percorse il mio corpo. Questo meraviglioso calore aleggiava attraverso la mia fica e poi la mia carne.

I miei fianchi si muovevano avanti e indietro, strofinando la mia calda fica sulla bella bocca di quella milf. Stefani gemette la sua incestuosa beatitudine nella mia bocca mentre scopava sua madre. Si spinse forte dentro di lei. Ho assaporato questo momento. L'amavo.

"Oh, la tua figa è deliziosa!" La signora Armstrong gemette. "Ooh, lo adoro."

Stefani ridacchiò mentre interrompeva il bacio. "Sapevo che saresti. Adoro il suo sapore. Lei è la migliore."

Le ho sorriso. Volevo lamentarmi: “Tua madre è una pazza! Mi sta divorando. mi sono trattenuto. Volevo salvare la rivelazione per la fine. Così, invece, ho gemito: “Ha la lingua che si dimena dentro di me. Oh, sta bevendo tutti i miei succhi.

"Bene, falla venire, Mo... Falla venire forte!" Stefani scosse la testa, spingendo i fianchi, il piacere le attraversava il viso. "Oh, dio, è così difficile trattenerlo."

Sorrisi e la baciai di nuovo. Le infilo la lingua in bocca, attutendo ogni suo sfogo mentre scopa la fica di sua madre. L'ho adorato, lo stallone per la lingua di Stefani che mi sfregava forte dentro la bocca. Schiaccio sulla bocca di sua madre, la sua lingua che svolazza tra le mie pieghe. Mi ha accarezzato. Mi ha preso in giro.

Ho stretto il seno del mio amante. Li ho impastati. Le ho pizzicato i capezzoli e ho giocato con il suo anello d'oro. Lei gemette sempre più forte nel mio bacio. Il lettino da massaggio oscillava per il vigore dei suoi colpi. Ha scopato sua madre nel modo in cui Clint mi picchiava.

Duro e veloce.

La passione incestuosa ardeva nell'aria. Ero così felice che Stefani potesse apprezzarlo. Lei gemette nel bacio. Questo meraviglioso calore è salito attraverso il mio corpo mentre la lingua della signora Armstrong ha saccheggiato le profondità della mia fica. La mia clitoride le sfregò contro il mento.

Questo calore malvagio mi ha attraversato. I miei occhi si strinsero forte. L'ho adorato. È stato incredibile. Un tale calore malvagio bruciava attraverso il mio corpo. I miei fianchi si muovono da un lato all'altro su di lei. Questo delizioso trattamento è salito attraverso il mio corpo.

Gemetti, la mia lingua saettava dentro e fuori dalla bocca del mio amante. Le mie dita le torcevano entrambi gli anelli del capezzolo. Lei sussultò e interruppe il bacio. La sua testa scattò all'indietro. Lei piagnucolò. Potevo sentire la passione nella sua voce.

"Mi sto avvicinando sempre di più all'eiaculazione", gemette la signora Armstrong nella mia fica. “Ah, sì, sì. Quel dildo! Quel dildo è fantastico! Mi stai agitando!"

"Agita quella troia!" gemetti, inarcando la schiena. Tirai forte i capezzoli del mio amante. “Voglio sentirla venire. Voglio che lei gridi nella mia presa.

"SÌ!" il mio amante piagnucolò. “Ah, sì, sì! Prendi la mia ragazza-cazzo! Ooh, sarai la mia troia lesbica. Stai per implorare per questo.

"Uh Huh!" Gemetti, digrignando la bocca di sua madre.

La signora Armstrong ha trovato il mio clitoride. L'ha succhiato. Il suo naso premette contro le mie pieghe mentre ansimavo. Il piacere si è acceso in me. Gemette mentre succhiava, il piacere ronzante che massaggiava il mio piccolo clitoride. Mi sentivo ubriaco mentre il piacere mi attraversava.

"Oh, sì, sì, mi farai esplodere!" gemetti. “Continua a succhiare! Proprio così! Oh, sì, sì!

"Falla venire, mamma!" urlò la mia ragazza, spingendosi in avanti con forza.

La signora Armstrong gemette attorno al mio clitoride. Ha sgroppato sul tavolo. Le sue mani mi afferrarono le cosce e le sue unghie si serrarono forte. I miei occhi si spalancarono, realizzando che stava venendo sul dildo di sua figlia. Un altro climax incestuoso si precipitò attraverso il suo corpo.

"Sì sì sì!" ho urlato. “Stai venendo! Sei la nostra troia!

"La nostra troia lesbica, mamma!" ansimò Stefani.

sono esploso.

La mia figa ha avuto le convulsioni. I succhi sgorgarono da me. Ho bagnato la bocca della signora Armstrong. La donna sposata e traditrice ha bevuto i miei succhi. Li ha leccati e leccati. Ha fatto scorrere la lingua tra i miei petali. I miei occhi si spalancarono mentre il calore bruciava attraverso il mio corpo. Questa passione malvagia ha fatto ansare le mie tette pesanti.

"Sì sì sì!" Stefani moaned, hammering her mother's cumming snatch. “That's it! Lick up all her juices!”

Stefani buried her face between my breasts. I held her there as the pleasure rushed through me. My mind was drowned beneath the bliss. I groaned and shuddered, grinding my convulsing cunt on Mrs. Armstrong's hungry mouth.

She licked up my cream. She devoured me as she moaned into my snatch. She made me feel incredible. I reveled in it. Stefani groaned into my tits. She shuddered and quivered. I knew she joined us in this wonderful rapture.

The three of us moaned through our orgasms. I was thrilled to share this incestuous delight with my lover and her mother. Stefani sucked and kissed at the inner slope of my left breast as she whimpered through her climax.

My own orgasm died, leaving my body buzzing. I was dizzy from it. So much pleasure today. My second incestuous threesome with a mother and daughter today. I loved this job. I was so glad that naughty lesbian Juana came up with this idea.

I had to eat her pussy tonight to thank her.

Stefani lifted her face. “Oh, that was the best.”

“Yes!” whimpered Mrs. Armstrong. “Ooh, you two are naughty.”

I grinned and slipped off of her. I stood on rubbery legs, my breasts jiggling. A dizzy rush shot through me. My head swayed from side to side. I blinked back the ripple of exhaustion fluttering through me. I stared at the MILF, her face twisting as Stefani drew out the thick dildo. It popped out of Mrs. Armstrong's snatch with a wet plop.

The MILF moaned, her lips shiny with my cream. More had run down her cheeks to her dark-red, mused hair spilled over the massage bed. She was still blindfolded, her nose twitching. Her entire body shook.

“Oh, my gosh,” she moaned. “Ooh, you two are wild. Mmm, but why did you call me, Mom, Dandi?”

“D'oh,” said Dandi and ripped off the blindfold. She stared down at her mother. “Hey, Mom, didn't know you were gay.”

Mrs. Armstrong's reaction wasn't what I expected.

Her eyes rolled back in her head. She let out a shuddering moan and then fainted. I blinked. I stared at the unconscious woman in disbelief. I glanced at Stefani and she burst out into laughter, shaking her head.

“Well, it was quite the shock,” Stefani said as she undid the strap-on harness. “Kinda old-fashioned, right? Victorian?”

“Yeah,” I said.

After a minute, Mrs. Armstrong groaned. Her eyes fluttered open. “What happened?”

“You passed out when you realized that you ate your daughter out and then we're fucked hard by her, Mrs. Armstrong,” I purred, staring down at her.

“Oh, my god, Zoey!” the MILF gasped, covering her tits. Then her eyes widened. She scrubbed at her mouth with the back of her hand. “I was eating you!”

“And loving it,” I purred. “While your daughter fucked you.”

“Oh, no, no, no!” Her face twisted with passion, just not lust or love or affection. It was hatred. Her cheeks went flaming scarlet. “You two wanton hussies took advantage of me with your degenerate behavior.”

“Degenerate?” Stefani hissed, her eyes hardening. “Who was it eager to have her vulva massaged by two lesbians! Who rolled over and happily ate at my snatch while getting fucked from behind!”

Mrs. Armstrong slipped off the bed. “You tricked me. I came here to get an innocent massage, and before I knew it, you two Jezebels were licking me. You were touching me. You drove me to sin!”

“Drove you to sin?” Stefani shook her head. “Are you fucking kidding me, Mom. For God's sake, you—”

CRACK!

I gasped as Mrs. Armstrong slapped my lover. Stefani took a step back, her face twisting with anger, a bright burn on her cheek.

“Do not take the Lord's name in vain, you degenerate, filthy dyke!” hissed Mrs. Armstrong. She grabbed her panties and stepped into them with violence, her breasts jiggling. “I am your mother, and you gleefully did things with me. Perverted things. I don't know where your father and I went wrong.”

“Don't even spin that bullshit!” Stefani hissed, advancing on her mother. “You loved every moment of it. You worshiped my cunt. You made me cum hard, Mom! And don't deny drenching both our faces with your pussy cream. You're as much a dyke as I am! You loooooove pussy!”

Her mother went to slap her again, but Stefani caught the older woman's wrist. I stood there, shocked by these events. I didn't expect her mom to freak out like this. I expected her to embrace it. To love incest as much as we did. Everyone we knew was getting into incest.

It was amazing.

“This is a den of harlots and demons!” Mrs. Armstrong hissed, her words crazy, her hair wild. She stepped into her dress, pulling it up her body not even bothering with her bra. “You're a disgusting, foul, nasty thing, Stefani! To think you would get off touching me! To make me do such sinful things! What sort of deviant whore does that?”

“One who loves pussy,” Stefani said, standing proud. “Get the fuck out of here, Mom. Go run back to Dad and your church and pretend you didn't have the wildest afternoon of your life. That your pussy isn't aching for me to fuck you hard again. I won't. I won't eat your snatch or pound your cunt or give you all that pleasure you crave. Fucking hypocritical bitch!” She grabbed her mother's bra and hurtled it at the bitch.

“You're not welcome here,” I added.

Mrs. Armstrong snorted. She shoved her bra into her purse and wheeled around. She marched out of the room. She slammed the door hard behind her. It boomed. I shook my head, my body trembling as the rage surged through me.

I looked at my lover and such a vile hatred burst inside of me.

Tears spilled down Stefani's face.

I grabbed my lover and pulled her to me I held her. I rocked her. Her tears stained my face as she sobbed like a little girl. My heart broke. I thought I despised her family before, but now... I wanted to claw out Mrs. Armstrong's eyes.

Stefani was the sweetest girl in the world. I loved her so much. I held her tight to me, stroked her hair, and whispered soothing love into her ear. I wouldn't let her mother hurt her. I wouldn't let her mother tear her down.

“You're beautiful. You're amazing. I love you, Stefani. Non ascoltarla. Don't let her hurt you. She's a bigot. A liar. She's going to be miserable all her life pretending she didn't love every second of it.”

“I just...” Stefani clung to me. “I just want her to love me.”

I closed my eyes. Tears rolled down my cheeks. “I know. Mi dispiace. If I could make her...”

If I ever had a daughter, I would never make her cry like this. I would never tell her I despised her. Hated her. How could any mother do that? What was wrong with that bitch? If I wasn't holding my sweet Stefani, I would have screeched in rage.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

The next day, the protesters showed up led by Mrs. Armstrong. They held signs not just calling us out for being a lesbian massage parlor, because who cared about that, but because we were a brothel. A place where women could pay for sex.

I sent my brother the text while he was at college. This was a big problem.

To be continued...

Storie simili

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

2.4K I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

2.2K I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Nirvana celeste: parte 1

Come la maggior parte dei miei altri lavori, questa storia si concentra più sul dramma e sulla storia che sul sesso (ma c'è il sesso, non preoccuparti). Per una migliore esperienza di lettura, ti consiglio di sballarti prima di procedere. Capitolo 1 La giovane donna infilò per l'ennesima volta le sue dita tra le succose labbra gonfie della sua fessura, mordendosi il cuscino per attutire i suoi gemiti di piacere. Era sdraiata a letto, il sole si avvicinava all'orizzonte orientale mentre i minuti scorrevano sulla sua sveglia. L'ora era presto, prima del risveglio dei suoi genitori, ma era così che le...

2.3K I più visti

Likes 0

Decoratore d'interni

Maria ha venticinque anni, single, giovane decoratrice d'interni e commessa nel negozio di mobili di famiglia. Aveva bisogno di un accordo stretto. Il compito, tuttavia, si stava rivelando più difficile di quanto avesse sperato. Vari ritardi stavano inducendo gli acquirenti a ripensarci. Oggi sperava che un acquirente entrasse e chiudesse un affare. Non essendo una che usa abitualmente il suo bell'aspetto naturale a proprio vantaggio quando ha a che fare con gli uomini, Maria ha tirato con riluttanza un maglione senza maniche attillato dal suo armadio e una gonna corta complementare. Con solo un piccolo paio di mutandine sotto, si sentiva...

2.5K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2K I più visti

Likes 0

Una lezione per Liz

Capitolo 1 Sam e sua sorella minore Liz si sono incontrati per un caffè un pomeriggio di quest'estate. Sam e Liz non erano mai stati molto legati, soprattutto perché Sam aveva 11 anni in più di sua sorella minore Elizabeth o Liz, come le piaceva essere chiamata. Non si vedevano da un paio di mesi eppure vivevano nella stessa città. Sam era il tipo che ha lasciato che la sua carriera guidasse la sua vita e non si era mai sposato o si era sistemato davvero. Avrebbe avuto una ragazza occasionale, ma non ne è mai venuto fuori nulla e gli...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

1.8K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2K I più visti

Likes 0

Indottrinamento Capitolo 2_(1)

Questa è la seconda parte dell'Indottrinamento. I commenti sono apprezzati. Quando tornò al suo dormitorio, lo stomaco di Ryan era così teso che si chiese se sarebbe stato in grado di nuotare. L'escalation degli scambi tra lui e Alex gli aveva fatto girare la testa ei suoi pensieri non erano in grado di tenere il passo con le manifestazioni fisiche che continuavano a colpirlo dopo ogni interazione. In questo momento, ad esempio, era difficile pensare a cosa avrebbe potuto intendere Alex quando il suo corpo non riusciva a decidere se voleva vomitare, scopare o semplicemente crollare. Continuava a cercare di ragionare...

3.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.