La mia notte al West Lake Inn, parte 4 e fine

1.2KReport
La mia notte al West Lake Inn, parte 4 e fine

"SÌ." Mi aspettavo che ci sistemassimo in una buona fottuta posizione. Ma Ken ha immerso il suo cazzo nella mia figa subito, subito e lì, con me a pancia in giù. Non ero pronto. Appoggiò il busto sulla mia schiena e si spinse dentro di me a un ritmo abbastanza buono. La mia figa era pronta per la spinta vigorosa perché il gioco di Ken con il mio culo aveva innescato la mia figa, l'aveva resa molto bagnata. Ma non ero pronto. Questa non era una posizione in cui avevo fatto sesso molto spesso, perché non mi piaceva particolarmente questa posizione. Ma eccomi qui, ed ero bloccato. Ho pensato che Ken sarebbe venuto abbastanza velocemente perché era così eccitato, eccitato e duro. Pensavo che non avrei avuto bisogno di rimanere in questa posizione così a lungo da sentirmi a disagio. Il mio corpo non ha collaborato. Ho subito iniziato a sentire un orgasmo in arrivo. Un orgasmo diverso, questa era una sensazione diversa. I miei orgasmi sono stati centrati sul clitoride. Orgasmo dalla stimolazione del mio clitoride molto più che dalla stimolazione della mia figa. In questa posizione, il mio clitoride non veniva stimolato molto, se non del tutto. Queste sensazioni provenivano quasi interamente dalla mia figa. Non l'avevo mai sentito prima. Se questo doveva essere un orgasmo della figa piuttosto che un orgasmo del clitoride, non ero pronto per questo. I commenti e le istruzioni di Ken hanno peggiorato le cose.

“Ci si sente bene! Questo si sente bene! Questo si sente bene! È bello, piccola, è davvero bello! O si. O si. Questo si sente dannatamente bene! Dannatamente bene! Questo si sente dannatamente bene! Oohhhh, … oohhhh, … oohhh, sì. Dai piccola. Dai piccola. Scopami indietro! Scopami indietro! Scopami indietro! Dai, piccola, fottimi a mia volta! Scopami indietro! Sì, sì, sì, sì. Ooooohhhh, … oooohhhh, … ooooohhhh. Giusto! Giusto! Giusto! Scopami indietro! Scopami indietro! Fammi sentire! Fammi sentire! Fammi sentire! Fammi sentire che mi fotti indietro! Fammi sentire! Fammi sentire che mi fotti indietro, piccola, fammelo sentire! Fammi sentire! Stringi la tua figa, piccola, stringi la tua figa! Fammi sentire! Fammi sentire! Fammi sentire la tua figa! Fammi sentire la tua figa! Fammi sentire la tua figa! Fammi sentire la tua figa! O si! O si! O si! O si! Fammi sentire la tua figa! Fammi sentire la tua figa! Fammi sentire! Fammi sentire! Stretta! Stretta! Stretta! Spremilo! Spremilo! Spremilo! Stringi la tua figa! Stringi la tua figa! Ooohhhh! Ooohhhh! Ooohhhh! O si! O si! O si! O si! Ohh, ohh, ohh, ohh!”

E poi ho avuto quell'orgasmo nella fica. Questo è stato un orgasmo molto diverso da quello che avevo mai avuto prima. Non era così forte come i miei precedenti orgasmi centrati sul clitoride. Era un orgasmo più profondo centrato dentro di me, dentro la mia figa. Sembrava una piccola esplosione e sembrava avvolgere tutto il mio corpo. È iniziato nella mia figa - nel profondo della mia figa - con la tensione dei muscoli della mia figa e dei muscoli del culo. Poi si è irradiato su e giù per il mio corpo. La tensione mi scese lungo le cosce, i polpacci, i piedi fino alle dita dei piedi come un'onda. Non c'era una forte tensione muscolare come prima con i miei orgasmi centrati sul clitoride, ma era comunque molto piacevole. I miei muscoli della schiena, delle spalle e del collo si sono tutti moderatamente tesi in questa successione radiale. Il ciclo è ricominciato. I muscoli della mia figa e quelli del culo si tesero insieme, un po' duri, e poi si rilassarono. Subito dopo, fecero la stessa cosa, si irrigidirono rapidamente e poi si rilassarono. E poi di nuovo. E di nuovo. E poi molte altre volte in lenta successione. Questa ritmica tensione e rilassamento dei miei muscoli si irradiava lungo le gambe fino alle dita dei piedi e su per la schiena fino al collo. Tutti i muscoli del mio corpo, letteralmente dalla testa ai piedi, si stavano tendendo e rilassando in questo modo ondulatorio.

Quello che Ken stava dicendo e facendo li ha semplicemente prolungati. Continuava a spingermi dentro mentre diceva "Oh sì! … O si! … O si! … Oh sì, piccola! … O si! … Stai venendo, vero? … Stai venendo, vero? … Stai venendo, vero, piccola? … O si! Continua a sborrare! Continua a sborrare! Continua a sborrare! Continua a sborrare, piccola! Continua a sborrare! O si! Continua a sborrare! E vieni forte, piccola, vieni forte! Vieni forte! Vieni forte, piccola! O si! O si! O si! Stringi la tua figa, piccola! Stringi la tua figa, piccola! Stringi la tua figa, piccola! Stringi forte! Stringi forte! Stringi forte la tua figa! Stringi forte la tua figa! Difficile! Difficile! Difficile! Questo è tutto! Questo è tutto! Questo è tutto, piccola! Questo è tutto! Continua a stringere! Continua a stringere! Sì, sì, sì, sì, sì.

Nonostante la sua relativa mitezza, ci sono voluti un paio di minuti perché questo nuovo tipo di orgasmo si placasse. Una volta che è successo, sono stato in grado di riprendere fiato e raccogliere i miei pensieri. Ho pensato al motivo per cui questo orgasmo era così diverso. Mentre Ken continuava a spingersi dentro di me, mi concentrai su quello che stavo provando lì. Il cazzo di Ken stava spingendo contro una parte della mia figa che non era mai stata stimolata prima, almeno non così. La parte anteriore superiore della mia figa, quando ero a pancia in giù, veniva colpita dal cazzo. Quella era la parte della mia figa che mi era stata insegnata dove si trova il punto g. L'orgasmo è stato molto piacevole. Ma preferivo il mio familiare orgasmo centrato sul clitoride più di questo centrato sul punto g.

Mi sono ricordato di come mi masturbavo quando ho iniziato a masturbarmi. Ho strofinato la mia clitoride contro un lenzuolo arrotolato. Ho raggiunto il lato vuoto del letto e ho cercato di raccogliere il lenzuolo. Presto, la mia mano è stata spazzata via. Quello che è successo? Maria ce l'ha fatta! Era sul letto! Tolse la federa da uno dei cuscini e la arrotolò. Come faceva a sapere cosa stavo cercando di fare? Si è avvicinata a noi e, mentre Ken continuava a fottermi, ha fatto abbastanza spazio tra me e il letto per infilare sotto di me la federa arrotolata. Poi è andata dietro di noi, tra le nostre gambe, e si è allungata sotto di me. Dopo un po' di tentativi, è riuscita a infilare la federa tra le mie gambe in modo che il mio clitoride si appoggiasse su di essa. Ora la federa arrotolata era in una posizione in cui potevo schiacciarmi contro di essa, proprio come ho fatto quando ho iniziato a masturbarmi. La familiare stimolazione del clitoride era tornata. lo sentivo. Mi sentivo bene. Il mio prossimo orgasmo sarebbe stato davvero bello, persino fantastico, speravo.

Solo che Ken mi stava ancora scopando, affondando il suo cazzo nella mia figa. E in questa posizione prona, il suo cazzo stava colpendo il mio punto g. Stavo cercando di strofinare la mia clitoride contro la federa arrotolata. Il peso di Ken su di me e la spinta del suo membro spinsero anche la mia clitoride contro la federa. Stavo provando una sensazione davvero intensa nel mio clitoride. Inoltre, questa volta questa faccenda del punto G non mi sembrava davvero un posto. Sembrava una regione, una regione g. Mentre il cazzo di Ken si muoveva più in profondità dentro di me, ho sentito la sensazione lungo la mia figa, oltre la metà, quasi tre quarti del percorso. Ho smesso di provare più di questa sensazione solo quando Ken ha riempito completamente la mia figa con il suo cazzo. E Ken si stava avvicinando al proprio orgasmo.

"Si Bella! Si Bella! Si Bella! Si Bella! Si Bella! Continua a stringere! Continua a stringere! Continua a stringere! Continua a stringere, piccola! Continua a stringere quella figa! Continua a stringere quella figa! Continua a stringere quella figa! Continua a stringere quella figa! Stringi forte, piccola, stringi forte! O si! O si! O si! O si! O si! Stringi il mio cazzo! Stringi il mio cazzo! Stringi il mio cazzo! Stringi il mio cazzo! Giusto! Giusto! Giusto! Giusto! Giusto! SÌ! SÌ! SÌ! SÌ! Oohhhh, oohhhh, oohhh, oohhh, oohhh!”

Mi stava fottendo più vigorosamente di prima. Il suo peso e le sue spinte mi stavano spingendo contro il letto più forte di prima. Non avevo più bisogno di strofinare i fianchi contro la federa arrotolata per sentirla contro il mio clitoride. Le azioni di Ken stavano macinando per me. E lo sentivo! Lo sentivo fortemente! Anch'io sentivo fortemente le sensazioni della regione g! Sentivo il mio clitoride schiacciato, compresso, tra la federa arrotolata sul letto e il cazzo di Ken nella mia figa. La sensazione era già molto forte e si stava intensificando. Stavo sentendo qualcosa che sgorgava nella mia figa. Non riesco ancora a dargli un nome. So che proveniva dalla stimolazione del mio clitoride dall'esterno e dall'interno allo stesso tempo. Non ero sicuro di poter sopportare l'intensità di questa sensazione. Stava diventando sempre più forte, quasi a ogni spinta del cazzo di Ken. Ho iniziato a pensare che questa faccenda delle federe arrotolate non fosse una buona idea. Ho pensato di aggiustare la federa in modo che non fosse contro il mio clitoride così direttamente com'era, ma non sono riuscita a raggiungerla. Ho provato ad allontanare i fianchi dalla federa, ma stavo perdendo il controllo dei muscoli dei fianchi. I miei muscoli stavano iniziando a contrarsi, i miei fianchi stavano ricominciando a muoversi involontariamente. E poi Ken ha iniziato a spingere ancora più velocemente e più forte. Era troppo tardi! Era troppo tardi! Mio Dio! Era troppo tardi per me per fare qualsiasi cosa. Avrei sperimentato qualunque cosa fosse in serbo per me. E poi Ken ha iniziato a gridare, gridare!

"Ci sono quasi! Ci sono quasi! Ci sono quasi! Ci sono quasi! Ci sono quasi! Ci sono quasi! Continua a stringere! Continua a stringere! Continua a stringere! Continua a stringere forte! Difficile, piccola! Difficile, piccola! Difficile, piccola! O si! O si! O si! O si! O si!"

E questo mi ha mandato oltre il limite! I muscoli della mia figa si strinsero forte attorno al cazzo di Ken, molto forte. La tensione dei miei muscoli accelerò attraverso tutto il mio corpo. Questo sembrava l'inizio di precedenti orgasmi centrati sul clitoride, tranne che più forti. Le mie cosce, i polpacci, i piedi e le dita dei piedi si irrigidirono fortemente. Le mie dita dei piedi si arricciarono quasi in un pugno, un pugno di piede. I miei muscoli della schiena si tesero così tanto che si inarcò abbastanza da spingere le mie spalle contro il petto di Ken. La tensione dei muscoli del collo mi spinse la testa contro le spalle di Ken. Non riuscivo a muovere le braccia. Il mio diaframma si è teso al punto che ho smesso di respirare per un po'. Ero paralizzato, non mi muovevo, non emettevo alcun suono. Solo Ken si muoveva, affondando il suo membro dentro di me con la forza del suo intero peso corporeo che schiacciava il mio corpo contro il letto e la mia faccia contro il cuscino.

Parlava solo Ken. “Sono lì, piccola, sono lì! Io sono lì! Io sono lì! Scopami indietro! Scopami indietro! Tesoro, fottimi a mia volta! Questo è tutto! Questo è tutto! Stringi, stringi, stringi! Continua a stringere forte! Continua a stringere forte! Questo è tutto! Questo è tutto! Continua a fottermi! Continua a fottermi! Continua a fottermi! Io sono lì! Io sono lì! Io sono lì! Io sono lì! Sto venendo presto! Sto venendo presto! Verrò molto presto! Oohhh! Oohhh! Oohhh!

Beh, ho avuto l'orgasmo prima di lui. Il mio orgasmo precedente non era il più forte che abbia mai avuto, ma era diverso in un modo che lo rendeva comunque uno dei più piacevoli che abbia mai avuto. Quello che sgorgava dentro di me questa volta sembrava potesse essere uno degli orgasmi più forti che abbia mai avuto. Ed esso era. Grazie a Ken, perché è stata soprattutto colpa sua. Mi stava scopando velocemente, duramente e profondamente. Non ero mai stato così fottuto prima. Non avevo mai preso a pugni la mia figa nel modo in cui Ken la stava prendendo a pugni. Non avevo mai avuto la mia figa così completamente riempita di cazzo, fino in fondo, nel modo in cui Ken la stava riempiendo. E la reazione del mio corpo quando Ken mi scopava era intensa quanto Ken si scopava se stesso. La mia reazione emotiva è stata intensa quasi quanto i gemiti, i gemiti, i commenti e le istruzioni di Ken. I miei muscoli non potevano irrigidirsi più di quanto non lo fossero già. Ero completamente senza fiato perché non ne avevo preso uno da più tempo di quanto potessi ricordare in questa circostanza. Avevo paura di svenire, per la prima volta nella mia vita durante il sesso.

Poi è successo. La tensione nella mia figa e nel mio clitoride era troppo da sopportare. In un ultimo sussulto, i muscoli della mia figa e del mio culo si tesero e si strinsero più forte che mai nella mia vita. E altrettanto improvvisamente, si rilassarono. E poi si irrigidì di nuovo con forza. E poi di nuovo rilassato. Questa tensione e rilassamento in rapida successione era come prima con i miei primi orgasmi, tranne per il fatto che questa volta la tensione muscolare era molto più forte. I muscoli del mio sedere e delle mie natiche si tesero e si rilassarono allo stesso modo. La stessa cosa con i muscoli delle mie cosce, polpacci, piedi e dita dei piedi. I miei piedi si irrigidirono così fortemente che mi si strinsero le piante dei piedi. Anche i muscoli della mia schiena si tesero e si rilassarono fortemente, ma quando si tesero fu così forte che la mia schiena si inarcò bruscamente e di fatto sollevò Ken. Cadde su di me quando i miei muscoli della schiena si rilassarono. Ma lo sollevai di nuovo quando i miei muscoli si tesero e la mia schiena si inarcò di nuovo bruscamente.

Il primo rilassamento dei miei muscoli dopo quella prima tensione del mio corpo che fu l'inizio di questo orgasmo, permise il mio primo bel respiro da un po' di tempo. Quel respiro era un forte sussulto. Ed è stata una lotta inspirare perché il mio busto ha dovuto spingere contro il letto sotto di me e il peso di Ken sopra di me. Inspirai più profondamente che potevo e inspirai quanta più aria potevo finché la successiva tensione dei miei muscoli mi costrinse a espirare in un lungo gemito. Quando i miei muscoli si rilassarono di nuovo momentaneamente, fui in grado di ansimare un'altra boccata d'aria. Poi, quando i miei muscoli si tesero di nuovo, un altro lungo gemito uscì dalla mia bocca. Un'altra forte stretta intorno al cazzo di Ken dai muscoli della mia figa. Tutti i muscoli del mio corpo si contrassero di nuovo con forza, iniziando un altro giro di contorsioni attraverso le gambe fino ai piedi e alle dita dei piedi, e attraverso la schiena e le spalle fino alle braccia, alle mani e alle dita. Le mie dita si strinsero in pugni pieni di lenzuola. Un altro rantolo mi riempì i polmoni durante un momento di rilassamento dei muscoli del mio corpo. Un altro forte gemito fece sapere a tutti che i miei muscoli si stavano di nuovo irrigidendo. Feci un altro giro delle mie dita dei piedi che si arricciavano, i miei piedi si contraevano, le mie gambe sussultavano, i muscoli della mia figa stringevano forte il cazzo di Ken, i miei muscoli del culo si contraevano forte, i miei muscoli della schiena si contraevano e inarcavano la mia schiena, i miei muscoli dello stomaco così tesi che non potevo inspiro, le braccia rigide, le mani aggrappate alle lenzuola, la testa gettata all'indietro, la bocca spalancata che cerca inutilmente di riprendere fiato. Molti istanti dopo, fu il turno di Ken.

"O si! O si! O si! O si! O si! Sto venendo! Sto venendo! Sto venendo! Sto venendo! Sto venendo! Sì, sì, sì, sì! Aawwwwhhhh! Aawwwwhhhh! Aawwwwhhhh! Aawwwwhhhh! Aawwwwhhhh! Aawwwwhhhh! Sì! Sì! Sì! Sì! Sì! Awwwhhh sì! Awwwhhh sì! Awwwhhh sì! Awwwhhh sì! Awwwhhh sì! Awwh! Awwh! Awwh! Awwh! Awwh! Ohhh sì! Ohhh sì! Ohhh sì! Ohhh sì!

Ken ha avuto il suo orgasmo. E mi ha fatto sapere. Me lo ha fatto sapere senza mezzi termini! Me lo ha fatto sapere con la sua spinta! Era sdraiato sopra di me. Ma appena prima del suo orgasmo, si è alzato in ginocchio, mi ha sollevato per i fianchi in modo che fossi faccia e petto sul letto e il mio culo fuori dal letto, poi mi ha picchiato dentro con tutto il suo valore per i suoi colpi di paradiso. I fidanzati precedenti li chiamavano "colpi di sperma" e la "posizione finale" era la posizione in cui prendevano i loro colpi di sperma. Sembrava che la posizione finale preferita di Ken fosse con il culo della donna in alto e a faccia in giù. Quella era la stessa posizione in cui si trovava Marie quando Ken aveva quasi raggiunto l'orgasmo scopandola. Ora Ken mi stava scopando forte come aveva scopato Marie. Avevo appena avuto un orgasmo, un orgasmo forte, quindi la mia figa era bagnata, molto bagnata, come bagnata. Tutta quell'umidità ha reso il duro pugno di Ken piuttosto piacevole.

Mi stavo godendo l'orgasmo di Ken. Sembrava che si fosse divertito a scoparmi tanto quanto l'ho visto divertirsi a scopare Marie. Questo mi ha fatto sentire molto bene con me stesso. Avevo provato invidia per Marie. Volevo essere fottuto nel modo in cui lei era stata fottuta. E poi lo ero. E mi è piaciuto. Mi è piaciuto molto. Il mio sentimento si nutriva del suo piacere e il mio piacere ricominciò. L'orgasmo che avevo appena smesso di placarsi. Le sensazioni dei miei muscoli, tesi e tesi, si fecero più forti. Mi sentivo come se stessi per avere un altro orgasmo. E lo ero davvero!

Ken ha eiaculato molto sperma dentro di me. L'ho sentito. Ho sentito gli scatti. Ho sentito il calore. Era caldo nel profondo della mia figa. Mi è piaciuta quella sensazione. Ken non stava più spingendo così forte, ma stava spingendo profondamente. Ad ogni spinta profonda, moderatamente lenta, spingeva il suo sperma dentro di me, contro le profondità della mia figa. La pressione si è accumulata lì. Quella pressione mi ha riempito. Quel senso di pienezza intensificava le sensazioni dell'orgasmo imminente. I muscoli della mia figa si contrassero involontariamente e strinsero il cazzo di Ken.

"Sì! Sì! Sì! Sì, piccola! Sì, piccola! Sì, piccola! Sì, piccola! Stringi il mio cazzo! Stringi il mio cazzo! Stringi il mio cazzo! Stringi il mio cazzo! O si! O si! O si! O si! O si! Stringilo, piccola! Stringilo, piccola! Stringilo, piccola! Stringilo, piccola! Stringi forte! Stringi forte! Stringi forte! Stringi forte! Sì! Sì! Sì! Sì! La tua figa si sente così bene! La tua figa si sente così bene! La tua figa si sente così bene! Uomo oh uomo oh uomo oh uomo oh uomo! Continua a stringere! Continua a stringere! Continua a stringere! Continua a stringere! Continua a stringere! Stretta! Stretta! Stretta!"

Ooohhhhhh! … Ooohhhhhh! … Ooohhhhhh! … Ooohhhhhh! … Ooohhhhhh! … Ohhh! Ohhh! Ohhh! Ohhh! Ohhh! Ohhh! … Mmmhhhh! … Mmmhhhh! … Mmmhhhh! … Mmmmhhhh!” La mia risposta alle esortazioni di Ken a stringermi forte i muscoli della fica attorno al suo cazzo, fu una serie di miei gemiti. La mia figa era responsabile. Non avevo il controllo sulla mia figa in quel momento. Il mio corpo era spasmodico come parte di un altro orgasmo. Questo non è stato così forte o intenso come l'orgasmo che ho appena avuto con la federa arrotolata perché il mio clitoride non veniva stimolato. Ma questo orgasmo è stato comunque sentito molto bene. Come l'orgasmo che ho avuto subito dopo il massaggio che mi ha fatto Ken, è venuto da più in profondità nel mio corpo, più in profondità nella mia figa. Almeno, l'ho sentito più profondamente nel mio corpo. Potrebbe essere stato un altro orgasmo del punto G. I miei muscoli si contraevano e si flettevano meno fortemente e più lentamente di prima, ma ogni costrizione durava più a lungo di prima. I muscoli del mio corpo si contrassero in un'onda, come il mio precedente orgasmo nella regione g. Dopo quelli che sembrarono molti minuti, Ken mi lasciò di nuovo sul letto e si sdraiò di nuovo sopra di me. Premette il suo cazzo, ancora duro ma morbido, in profondità nella mia figa. Ero atterrato sulla federa arrotolata. Ha premuto contro il mio clitoride come prima, e questo ha prolungato le contrazioni del mio orgasmo. Mi sentivo bene. Mi piaceva sentire il peso del corpo di Ken su di me. Mi piaceva la sensazione del suo petto sudato contro la mia schiena. Mi piaceva sentirlo gemere piano, vicino al mio orecchio, mentre il suo orgasmo si placava. Mi piaceva sentire il suo respiro contro il mio viso quando espirava. Questo è stato davvero un buon modo per scendere gradualmente dagli alti intensi dei miei orgasmi. Questa posizione, questo stato, era gelido per me. Rimasi sdraiato lì, rilassandomi, godendomi i sentimenti.

Suoni di schiaffi mi esplosero nelle orecchie. Il bruciore degli schiaffi sulle gambe mi riscosse dal freddo. "Ti è piaciuto troppo!" Era Maria! Lei era arrabbiata. Ma perché? Mi ha lasciato fare sesso con Ken. Ha dato il suo permesso. Cosa c'era con questo?

"Mi dispiace! Non ho potuto farne a meno, Marie. Al mio corpo è piaciuto. Mi dispiace», supplicai. Non volevo mettere a repentaglio la nostra amicizia per questo. «Mi dispiace» ripetei.

"Non tu! Lui! Kenny!» Marie ha continuato a schiaffeggiare le gambe di Ken. Di tanto in tanto mancava e mi schiaffeggiava le gambe. Ken rotolò via da me, sulla schiena, e affrontò Marie.

"Di cosa stai parlando? Per cosa sei arrabbiato?" Sembrava che non avesse idea di cosa stesse dicendo Marie.

"Ti sei divertito troppo con lei!" affermò Marie, indicandomi. Ken si voltò e mi guardò. Sembrava sorpreso e inorridito! L'espressione sul suo viso era quella che immagino possa essere l'espressione di una persona che ha visto Chundi il fantasma malvagio quando si aspettavano di vedere Caspar il fantasma amichevole. Rimase senza fiato. Si voltò a guardare di nuovo Marie. La confusione si mescolò nelle sue espressioni di sorpresa e orrore. Ken sussultò di nuovo. Si voltò a guardarmi di nuovo. La sua espressione può essere descritta solo come lo sguardo "che cazzo sta succedendo". Ma cosa c'era di cui essere sorpresi, inorriditi o confusi?

"Chi cazzo sei????" mi chiese. Era come se fossi uno strano, sconosciuto, fattorino o lettore di contatori che aveva fatto irruzione in casa sua senza preavviso e ne aveva profanato la santità.

"È la donna che ti sei scopato nelle ultime due ore!" Marie rispose, con un colpetto sulla fronte di Ken per dare enfasi. “E ti è piaciuto troppo! Lei doveva divertirsi a scopare con te, non a te piace scopare con lei!

"OH. OH. Apetta un minuto! Apetta un minuto! Apetta un minuto! Apetta un minuto! Apetta un minuto! Apetta un minuto! Sei amico di Marie? mi chiese Ken. "SÌ. SÌ. Sei amico di Marie, vero?

Ho annuito in senso affermativo.

“Giusto, giusto, giusto, giusto, giusto. … Ho dimenticato. Sandra, giusto? Ti chiami Sandra?"

"Sara". Marie ed io abbiamo risposto all'unisono.

“Sara? Sei Sara?"

"SÌ. Mi chiamo Sarah», confermai. Ken guardò Marie con una strana espressione interrogativa sul volto.

“Allora chi è Sandra?

“Non c'è nessuna Sandra! Ci sono solo io, – io sono Marie – tu, – tu sei Kenny – e Sarah, che è lì accanto a te.” Marie parlava lentamente, deliberatamente, con una punta di sarcasmo.

"Va bene. Va bene. Va bene. Va bene. Va bene. Va bene. Senti,... uh... il cibo cinese e la birra mi hanno incasinato la testa. Va bene? Sono meno lì, meno veloce su quello che sta succedendo. Va bene? Quindi dammi una pausa su questo. Va bene? Senti, Marie, dovremmo divertirci. Non ti stai divertendo?"

"Non più! Non dopo che ti sei divertito così tanto a scopare la mia amica, Sarah! Non dopo che hai mangiato la fica di Sarah. Non mi hai mangiato la figa! Dovevamo avere qualcosa di speciale tra di noi, qualcosa che non potevamo condividere con nessun altro. Ma ti sei scopato Sarah come se avessi qualcosa di speciale con lei.»

"Ma non mi ero nemmeno reso conto che era lei che stavo scopando."

“Questo rende le cose ancora peggiori! Chi pensavi di scopare? A quante altre donne pensi quando scopi? — “

«Tu», lo interruppi. «Ken pensava di scoparti. Ha detto il tuo nome un paio di volte. Presumo che stesse parlando con me pensando che fossi te.

"Lo so. L'ho sentito.»

"Beh, allora non è poi così male", intervenne Ken. “Se credevo di scoparti e di divertirmi, allora va bene. Giusto?"

"Sbagliato! Devi scoparmi di nuovo! E devi scoparmi come se fossi l'unica donna al mondo che conta per te! Devi scoparmi come se avessimo qualcosa di speciale insieme, come se tu avessi qualcosa di speciale con me, qualcosa che non avevi mai avuto prima con una donna, qualcosa che non sentirai mai di avere con un'altra donna. Devi fottermi così!

“Bambina! Dai! Ho 28 anni. Non riesco più a scopare schiena contro schiena come facevo quando avevo 20 o 21 anni. Ho bisogno di un paio d'ore per riposarmi, per ricaricarmi.

“Il tuo cazzo potrebbe aver bisogno di riposo, ma la tua lingua no. Puoi iniziare mangiando la mia figa! Marie si sedette sul petto di Ken e si sollevò lentamente verso la sua testa finché non fu tra le sue cosce. Tuttavia, ero in qualche modo in mezzo. "Spostati un po'", mi ha detto Marie. Ho cercato di obbedire, ma ho scoperto di essere paralizzato. Non riuscivo a muovere le gambe, i fianchi o la vita. E riuscivo a malapena a muovere le braccia e le spalle. Ho avuto orgasmi in cui non riuscivo a muovere le gambe per alcuni minuti dopo, ma era più della metà del mio corpo che non si muoveva. "Dai, Sarah, spostati." Marie mi spronò e mi colpì. Avrei voluto risponderle con voce normale, ma la voce che ne uscì, acuta per un senso di paura e urgenza, era infantile.

"Non riesco a muovere le gambe!"

“Riesci a sentire le tue gambe? Se puoi, allora non è niente, solo il tuo orgasmo. Riesci a sentire questo? Marie scese da Ken e si avvicinò ai miei piedi. Mi ha solleticato la pianta dei piedi.

“Aaaahhhhhkk! Fermati, fermati, fermati, fermati! Marie, smettila! Lo sentivo bene, ma non riuscivo a muovere le gambe e i piedi lontano dal suo solletico. Era una tortura. E Marie ci stava ridendo sopra.

"Scusa", disse, sorridendo da un orecchio all'altro. Mi ha fatto rotolare sulla schiena. Questo le dava più spazio per occuparsi di Ken. Immagino che mi avrebbero scopato ancora un po' proprio lì, sullo stesso letto, a meno di un metro di distanza da loro. Marie risalì sul petto di Ken e gli strofinò la figa in faccia.

"Mangia la mia figa questa volta, e meglio di come hai mangiato quella di Sarah!" Ken obbedì e diligentemente andò in giro a leccare e succhiare la figa di Marie. Ho guardato per un po'. È stato bello vedere Marie reagire alla lingua e alle labbra di Ken sulla sua clitoride, le sue mani che le afferravano, massaggiavano e afferravano le sue natiche. Ha giocato con i suoi capezzoli, ha passato le mani tra i capelli di Ken, poi ha giocato ancora con i suoi capezzoli. Per tutto il tempo Marie gemette sommessamente. Il suo divertimento si vedeva sul suo viso.

Ma ero fottuto. Avevo avuto quattro o cinque orgasmi e, dopo di essi, ero troppo esausto per farmi eccitare di nuovo da Ken e Marie. Avevo solo bisogno di rilassarmi e rilassarmi. Mi sistemai sul letto, poiché mi riprendeva qualche movimento. La mia mano è atterrata su un'area umida, che doveva essere il succo della mia figa dai miei orgasmi. Quindi ho bagnato il letto. Ho appoggiato la testa sul cuscino, ho chiuso gli occhi e ho ascoltato loro, i gemiti di Marie e i rumori di Ken. Stava emettendo suoni ronzanti come quando una persona vuole mostrare che gli piace un cibo. Ho ascoltato la musica in sottofondo dal telefono di Ken. Ho mosso le dita dei piedi e dei piedi mentre mi tornava più capacità di movimento. Questo è stato bello e pacifico. potrei addormentarmi.

Prima di farlo, ho sentito una mano sulla mia faccia. Mi accarezzava le guance e la fronte, mi sfiorava leggermente il mento, le labbra e il naso. Ho aperto gli occhi e ho visto Marie che mi sorrideva – sogghignare è in realtà una parola migliore. Che stava facendo? Mi portò la mano al petto, accarezzò un seno, stuzzicò, pizzicò e torceva il mio capezzolo. Si è spostata sull'altro mio seno e ha fatto la stessa cosa. Non l'ho fermata. Una parte di me ha apprezzato il contatto. La maggior parte di me era ancora molto curiosa di sapere dove stesse andando tutto questo, e questo leggero gioco del seno potrebbe dare un indizio alla risposta.

Marie mi accarezzò i seni solo per due o tre minuti. Il cazzo di Ken era di nuovo duro, Marie si era fatta mangiare la figa, continuarono a scopare e baciarsi. Ho pensato alle cazzate che ho avuto con Ken. Mi sono reso conto che non avevo fatto quello che avrei voluto continuare dalla doccia. Non avevo strofinato i miei seni contro il corpo di Ken. Non gli avevo più succhiato il cazzo. Non l'ho mai guardato bene in faccia quando ha avuto il suo orgasmo con me perché la mia faccia era su un cuscino. Vorrei avere. Mi chiedevo se potevo farlo di nuovo o se dovevo farlo di nuovo. Era troppo su cui riflettere in questo momento. Ho tolto i pensieri dalla mia mente. Chiusi di nuovo gli occhi, mi rilassai con la musica ei suoni dell'amore, e mi addormentai.

E quello era quello. Una notte di sesso come nessun'altra che abbia mai vissuto. Lo scrivo tre settimane dopo. Non ho più visto Ken. Sono uscito con Marie un paio di volte da quella notte, ma lei non ne ha parlato. Lei e Ken si frequentano ancora e scopano. Da allora ho pensato a quella notte quasi ogni notte. Mi sono masturbato ricordando quella notte e fantasticando sulle variazioni, le cose che non ho fatto ma che avrei voluto fare, le cose che ho fatto e che voglio fare ancora. Non so ancora di cosa trattasse quella notte. Perché Marie l'ha organizzato con me, o almeno sembrava. Ma alla fine glielo tirerò fuori.

Storie simili

Un compleanno incesto capitolo 15

Nota: ho studiato come un matto per questo capitolo cercando di entrare nella mente femminile, quindi fammi sapere come ho fatto. È il più lungo di sempre con 35 pagine, le donne mostrano i loro sentimenti più degli uomini, quindi ho dovuto scrivere di conseguenza. La storia è vista da Rita, in questo modo puoi vedere tutte le sue emozioni e cose del genere, e c'è una sezione in cui la vista è dalla mamma, così puoi vedere come funziona la sua mente astuta. Mi ci è voluto un po' per scrivere questo, ma è perché stavo lavorando ad altre storie...

1.6K I più visti

Likes 0

Compagni di stanza

L'università è complicata indipendentemente dalle circostanze, ma per Nick Kotsopoulous è stato molto più difficile. Lasciando la sua famiglia e tutto ciò che aveva mai conosciuto, ha viaggiato per mezzo mondo per avere la possibilità di espandere i suoi orizzonti ottenendo il suo dottorato in inglese alla Yale University. La decisione è stata difficile da prendere, ma la sua famiglia sapeva bene quanto lei che per ottenere la migliore istruzione possibile e aprire molte porte di opportunità lungo la strada, doveva lasciare il suo paese d'origine e cercare una guida all'estero. Giovane e brillante, Nick è stato immediatamente accettato nel corso...

1.4K I più visti

Likes 0

Il Bar 3

Questo posto ti stava facendo impazzire. Ti girava la testa. Stai bene? Mio Dio quella voce. Uno dei motivi principali per cui ti girava la testa. Questa donna. Il barista. La guardi profondamente negli occhi. Perso in una mente piena di pensieri sporchi. Il suo sguardo non lasciava mai il tuo e per i brevi secondi prima che tu parlassi, sembravano ore. “Sto bene,” dissi severamente. Si è avvicinata a te. Puoi fermarti in qualsiasi momento, disse Mila. Le sue morbide labbra a pochi centimetri dalle tue. Perché stava facendo questo? Doveva sapere che ti stava facendo impazzire. Le scosti una...

886 I più visti

Likes 0

Mia moglie troia, parte 2

Quando ho scoperto che la sorella di mia moglie, Leesa, e il suo ragazzo Jackson sarebbero venuti a cena, non sapevo davvero cosa aspettarmi. Avevo imparato che essere sposato con la mia moglie troia Mandy significava che tutto ciò che potevi fare era aspettarti l'inaspettato! Leesa ha un paio d'anni più di Mandy e puoi vedere la somiglianza familiare. Ma mentre mia moglie Mandy ha la figura di una modella, Leesa è un po' più pesante e ha un seno molto più grande. Il suo ragazzo Jackson era un bravo ragazzo... Ma era un ragazzone. Più che un po' sovrappeso, e...

658 I più visti

Likes 0

Enormi tette messicane

Storia di Fbailey numero 392 Enormi tette messicane Camille era senza dubbio la ragazza più grande della mia classe. A quindici anni era una testa più alta della maggior parte dei ragazzi e le sue tette erano probabilmente più grandi di dieci ragazze messe insieme. Ho ammirato Camille dall'inizio della scuola, quando si è trasferita. Parlava un buon inglese e anche meglio lo spagnolo. Era una ragazza grande ma era anche carina. Aveva una grande pancia, un grosso sedere e tette ancora più grandi. Mi ha ricordato una versione più giovane e carina di mia madre. Un giorno ho avuto il...

1.3K I più visti

Likes 0

La piccola Amanda, parte 3b

Dopo la gara di sci nuda Amanda è tornata a scuola. Non si è ammalata e inizialmente nessuno ha menzionato la sua gara di sci nuda - significava che nessuno aveva letto questo articolo. Ma all'improvviso, la settimana successiva, l'insegnante di classe chiamò Amanda per parlare. „Oh, Amanda, cosa hai fatto!? Potrebbe essere un grande scandalo, ha detto. Amanda, ovviamente, ha capito di cosa si tratta. Il Maestro ha continuato: „Voglio dirti subito che non sarai punito o condannato. Tuttavia vorrei chiederti direttamente perché hai preso parte a questa stupida e ridicola gara di sci o carnevale, non importa come lo...

907 I più visti

Likes 0

Migliori amiche moglie incinta pt 2

Questo è per te, disse, tenendo in mano il vibratore blu. Se lo portò alle labbra e lo fece scivolare quasi completamente dentro, senza mai distogliere lo sguardo dai miei. Ma non ancora. Nicki ha appoggiato il vibratore sul lavandino e ha abbassato la sua figa gocciolante di piscio sulla mia faccia. Ho avvolto le mie mani intorno al suo bel culo grosso e l'ho tirata giù su di me mentre iniziavo a mangiarmela. In qualche modo ora aveva un sapore ancora migliore di prima. La mia lingua ha trovato il punto giusto e lei ha avuto un orgasmo. La mia...

845 I più visti

Likes 0

Aspirante attrice - La storia di Chelsea parte 4 Il dilemma di Robs

Chelsea aveva un disperato bisogno di cazzo adesso e Rob intuì la sua opportunità, spostò Keira di lato e andò ad allineare il suo cazzo quando Micheal lo interruppe, Hai fatto bene, ma questo è mio, avrai sempre e solo quello che ti passo. Ora guarda mentre scopo tua sorella davanti a te. Puoi usare il tuo giocattolino quando ti senti in forma. Rob era devastato, aveva bisogno di scopare sua sorella in quel momento ma si ritrovò a obbedire, si mise di lato mentre il vecchio le si avvicinava alle spalle, allungandosi in avanti le tirò indietro i capelli con...

614 I più visti

Likes 0

Amico e figlia

Sono un uomo felicemente sposato, ma ho un lato perverso che mia moglie conosce in parte, ma non tutto, ho molto da condividere ma potrebbe non essere tutto in ordine cronologico. Questa è la prima esperienza che ho condiviso con il mio migliore amico Wayne, Wayne e io ci conosciamo da un po', infatti entrambi stavamo scopando la stessa donna prima di sposarci, anche se non nello stesso momento. infatti Wayne ha sposato mia cugina Cindy e hanno una bambina, Lil deb (Debbie), è una bambina molto carina e dolce, (suppongo di aver sempre avuto un debole per le ragazze giovani)...

1.5K I più visti

Likes 0

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.