Cinema d'estate VIII

1KReport
Cinema d'estate VIII

Luglio era quasi finito. Ho passato un'estate incredibile, ho fatto sesso con una donna fantastica e ho passato dei momenti selvaggi. Ero a casa a godermi il mio giorno libero quando il mio telefono squilla. "Ehi sexy, come stai?" dice Rochelle. Sorrido: “Ehi tesoro, sto bene. Come è il lavoro?" "Fottutamente noioso, ma ho delle ottime notizie", dice. Il sorriso sul mio viso diventa più grande. Ogni volta che lei ha grandi notizie, io faccio sempre il sesso più incredibile della mia vita. «Oh, davvero, fammelo sentire» dico. "Beh, le ragazze con cui ti sei divertito alla fine hanno pagato", dice con quel tono sornione che ha sempre quando è davvero bello. "Oh per favore non farmi aspettare, che c'è?" Ti prego. «Be', ci hanno procurato una suite per la luna di miele all'Hilton in centro.» "Niente merda", rispondo con la mascella sul pavimento incredula. "Ci hanno procurato un'intera suite, per una notte?" Lei ridacchia: "Oh diavolo no, ce ne hanno preso uno per tutto il fine settimana". Il mio cazzo si rizza al pensiero di cosa faremmo con un intero fine settimana. Sento il mio cuore battere più forte, "Allora quando lo incassiamo?" Chiedo. "Beh, non questo fine settimana, ma il prossimo", dice. "Dannazione Rochelle, sono così duro in questo momento che non vedo l'ora di scopare quella dolce figa nella suite", rispondo. Lei ridacchia dolcemente, "Beh, sono felice di sentire, ma c'è una clausola per questo incredibile premio." "Che cosa?" Chiedo. "Non possiamo fare sesso o masturbarci in alcun modo fino a quel fine settimana", afferma. Il mio cazzo sta già pulsando forte, in piedi in piena erezione nei miei pantaloncini pensando al fine settimana, ma l'espressione sul mio viso è solo pura incredulità. "Cosa intendi per niente sesso o masturbazione?" grido al telefono. "Calmati piccola, so che fa schifo ma credimi, ne varrà la pena", dice Rochelle. Abbasso lo sguardo sul mio cazzo, vedendolo sforzarsi nei miei pantaloncini. Sospiro: "Va bene piccola, mi fido di te quindi niente divertimento per un po'". “Bene, ti prometto che ne varrà la pena, tesoro. Devo andare, ti amo", dice. "Anch'io ti amo." Riaggancio il telefono ed entro subito in una doccia fredda.

La settimana successiva è stata la più dura. Ogni vista di Rochelle mi ha reso subito duro il primo giorno, ma dopo non importava cosa indossassero le donne, il mio cazzo era sull'attenti. Mi adattavo costantemente e cercavo di nasconderlo il meglio che potevo. Tutte le ragazze se ne accorsero e presto iniziò il gioco che mi faceva impazzire. Rochelle era ovviamente la leader del ring e lei era nuova per farmi salire su un muro. Prima ha iniziato chinandosi, mostrandomi la sua enorme scollatura o quel bel culo rotondo. La cosa successiva che fece fu strofinarsi accanto a me. Lo faceva ogni volta che passava e non importava se era il suo culo o la sua mano o qualsiasi altra cosa mi sfregava sempre contro l'inguine.

Presto tutte le ragazze si godevano la mia tortura. Cynthia veniva sempre al lavoro e indossava una minigonna prima di cambiarsi. E prima di cambiare ha preso l'abitudine di chinarsi davanti a me e mostrare il suo culetto stretto. Una volta mi ha davvero fatto incazzare perché non indossava biancheria intima, quindi quando si è chinata ho visto la sua dolce figa. Ha dato un piccolo massaggio, poi se n'è andata e io sono stato duro tutto il dannato giorno. Il giorno dopo Jill e Sarah mi hanno trascinato in un armadio. Sara era una donna formosa, corta di capelli scuri. Il suo seno era bello, non grande ma nemmeno piccolo, ma il suo culo era bello e rotondo. Ogni ragazzo ha parlato di guardarla rimbalzare mentre cavalcava il loro cazzo. Le ragazze mi spingono contro il muro e poi iniziano a pomiciare. Le loro mani si strofinavano l'un l'altra mentre le loro labbra si incontravano. Le loro lingue si guidavano l'una nella bocca dell'altro mentre la saliva gocciolava da loro. Presto la maglietta di Jill fu sollevata e sotto non indossava reggiseno. Il suo seno, vivace e roseo, era inghiottito dalle labbra carnose di Sara. La sua lingua guizzò su e giù contro di essa. Mi sono avvicinato a loro, i miei occhi supplicavano ma mi hanno semplicemente respinto. "No, no. Non devi toccare ricorda", disse Jill.

Presto la maglietta di Jill era completamente fuori. Sara baciò su e giù il suo corpo stretto. La sua bocca le succhiava forte i capezzoli mentre Jill si slacciava i pantaloni e li faceva cadere sul pavimento. Il culo di Sara era fottutamente magnifico. Perfetta forma rotonda, stretta e quando scuoteva il culo era così dannatamente bello che non riuscivo a fermarmi. Ho iniziato a massaggiarmi il rigonfiamento nei pantaloni mentre mi mordevo il labbro. Presto le ragazze hanno visto cosa stavo facendo e mi hanno afferrato la mano, "Siamo stati carini ma ora dobbiamo davvero punirti", dice Jill mentre si infila una mano nelle tasche dei pantaloni e tira fuori le manette. "Stavo per usarlo su di lei, ma ne hai più bisogno", dice. Entrambe le ragazze mi afferrano le mani, cerco di respingere. "Sii gentile adesso o ti mettiamo davvero nei guai", dice Sara. Mi chino alla volontà delle ragazze sapendo che faranno molto peggio che prendermi in giro, così mi metto le mani dietro la schiena e le ammanetto. “

Mi sono seduto sul pavimento mentre guardo le ragazze tornare subito al divertimento. Jill fa sdraiare Sara e inizia a baciarle l'interno coscia. Sara geme piano mentre si alza la maglietta mostrando il seno. La mia bocca si apre quando vedo le areole di Sara. Sono enormi con i suoi capezzoli completamente eretti. Li pizzica mentre Jill si toglie le mutandine. Gli occhi di Sara sono fissi nei miei mentre Jill fa rotolare lentamente la lingua sulla figa ben rifinita di Sara. La sua figa gocciola già dall'anticipazione, Sara chiude gli occhi e geme mentre Jill inizia a premere la lingua sul clitoride di Sara. Il mio cazzo pulsa sempre più forte nei miei pantaloni mentre guardo Jill che lecca Sara. Tira fuori la lingua dalla figa di Sara per mostrarmi quanto è bagnata, i succhi che cadono dalla sua lingua mentre si tuffa all'indietro e inizia a lavorare più velocemente. Sara inizia a digrignare la lingua di Jill, la sua mano tra i capelli di Jill la attira più vicino a sé.

Ben presto gli occhi di Sara si alzarono dietro la testa mentre si mordeva il labbro, cercando di stare zitta mentre il suo corpo tremava. Jill lavorava la lingua sempre più velocemente mentre le sue mani massaggiavano il seno di Sara. Sara gemette forte per un breve secondo prima di riprendersi. Vedo i suoi succhi gocciolare dalle labbra di Jill. Jill pulisce lentamente e la figa di Sara. "Oh cazzo, vieni qui puttana", ordinò Sara mentre baciava profondamente Jill. Spinge Jill a terra e si toglie i pantaloni. Sara prende il seno di Jill in profondità nella sua bocca e lo succhia mentre la sua mano si strofina il tumulo. Jill mi guardò dritto negli occhi: “Dannazione. Devi essere già saltato fuori," disse ridendo. Mi morsi le labbra inferiori mentre sentivo il mio cazzo pulsare sempre più forte. Sapevo che se una delle ragazze mi avesse toccato sarei esploso. Jill afferra i capelli di Sara, "Voglio che tu gli descriva tutto quello che stai provando", dice Sara, "farlo venire dal sentire cosa esce dalla tua bocca sporca." Jill ridacchiò mentre baciava Sara. Sara poi si è baciata e ha fatto rotolare la lingua sulla figa già gocciolante di Jill.

“La sua lingua è così lunga. Cazzo, mi sento così bene sul mio clitoride," gemette Jill. Guardai dritto verso Sara mentre i suoi occhi si fissavano su di me. La sua lingua rotolava su e giù sulla clitoride di Jill mentre le sue mani strofinavano le cosce di Jill. Jill geme piano, mordendosi il labbro inferiore mentre guardava Sara, "la mia figa è così fottutamente bagnata, ho un buon sapore piccola?" Sara fece schioccare la lingua: "Certo che lo fai, ma penso che sia ora di intensificare la cosa". Sara torna ai suoi pantaloni e tira fuori un dildo d'argento. "Oh per l'amor di Dio, toglietemi queste cose e vi mostrerò un vero cazzo", sibilai alle ragazze. "Oh piccola, vorrei che potessimo, ma abbiamo promesso a Rochelle di prenderti solo in giro", dice Sara mentre gira la manopola per far vibrare il giocattolo. "Oh dio piccola, infilalo in profondità", dice Jill mentre Sara succhia in profondità il giocattolo. Sara presto prende il giocattolo e lo mette sul clitoride di Jill. “Dannazione,” esclama Jill mentre salta dalla sensazione, “oh cazzo che sensazione così bella. La mia figa è così fottutamente bagnata. Per favore, fottimi ora Sara. Sara mi sorride mentre comincio ad agitarmi. Il mio cazzo spinge forte contro i miei pantaloni, la buona sensazione che avevo una volta ora si è trasformata in dolore. "Ecco qua puttana", dice Sara mentre fa scivolare il dildo in profondità dentro Jill. "Oh si!" Jill geme mentre Sara si china e continua il suo lavoro sulla figa di Jill. Il dildo di Jill si muove dentro e fuori dalla sua figa, mentre Sara le lecca il clitoride. Gli occhi di Sara guardano ora Jill mentre la sua lunga lingua si muove sempre più velocemente sulla sua clitoride. Il dildo diventa presto sfocato mentre Jill inizia a mordersi il labbro, cercando di non essere troppo rumoroso. "Oh merda!!" Jill urla, non riesce più a trattenerlo. Sara tira fuori il dildo e strofina furiosamente la mano sul clitoride di Jill. Jill rimbalza su e giù mentre il suo corpo pulsa, i succhi le schizzano fuori e colpiscono le tette e lo stomaco di Sara.

«Santo cielo», urlo mentre guardo gli ultimi succhi gocciolare dalla figa di Jill. Le ragazze ridono mentre Jill si sporge verso Sara. Jill prima bacia Sara, "Mmm, penso che ora sia il tuo turno", dice Jill. Sara sorride mentre Jill lecca i succhi dal corpo di Sara. "Penso che non sia stato preso in giro abbastanza", dice Sara con un sorriso malvagio. "Cazzo, dai," urlo, "il mio cazzo mi fa così male in questo momento, penso che voi ragazze abbiate fatto il vostro fottuto punto." "No", dice Sara, "penso che possiamo spingerci un po' oltre". Sara si appoggia a Jill e le sussurra all'orecchio. La bocca di Jill si spalanca per quello che dice e poi mostra un sorriso malvagio. Sara e Jill mi guardano e iniziano a strisciare verso di me. Mi guardo indietro, il mio cazzo pulsa così forte che comincio a sussultare per il dolore. Sara quindi si avvicina e inizia a librarsi sopra di me. Mi avvicino alle mie labbra ma non mi permetto di toccarla, non importa quanto ci provi. Poi mi inchioda a terra e si sdraia sopra di me. La sua figa calda e bagnata premuta contro il mio cazzo.

"Oh cazzo," gemo ad alta voce. Ma prima che potessi sentire qualcosa di buono, lei si solleva da me e si libra sopra di me. La mano di Sara sul mio petto mentre mi tiene giù, "fai scivolare quel cazzo bagnato dentro di me piccola", dice mentre si lecca le labbra. I suoi occhi mi imploravano di spingere il mio cazzo in profondità dentro di lei mentre il suo corpo roteava sopra di me. Jill sorride e le schiaffeggia il culo: "Fanculo quel cazzo, troia". Sara sorride mentre Jill spinge il dildo dentro di lei. Sara geme, i suoi occhi non lasciano mai i miei mentre Jill inizia a pompare profondamente e forte dentro di lei. "Ecco, tesoro", dice fissandomi, "scopami forte la figa bagnata". Le sue mani correvano tra i miei capelli mentre Jill lavorava la sua figa sempre più forte con il dildo. Il mio cazzo pulsava e gocciolava, quindi il mio pre-cum. La mia mente correva mentre mi torturava. "Oh cazzo sì", urla mentre Jill pompa la sua figa sempre più forte. Il corpo di Sara inizia a tremare mentre si china vicino al mio orecchio. "Oh dio, sto venendo", urlò Sara nel mio orecchio mentre il suo corpo tremava forte. Gemito dopo gemito che le sfuggiva mentre veniva su tutto il giocattolo.

Sara presto si calmò e mi baciò sulla guancia. «Spero che quando questo fine settimana sarà finito verrai a trovarmi», mi sussurrò Sara all'orecchio. Sorrido un po' e poi riabbasso la testa. Respiro cercando di calmarmi mentre le ragazze si vestono. "È meglio che andiamo", dico mentre cerco di alzarmi. "Sì, finora siamo stati fortunati, non esageriamo", dice Jill. Le ragazze mi tirano fuori dalle manette. Appena la mia mano è libera, do a ciascuno un duro colpo sul sedere. «Verrò per entrambi dopo questo fine settimana» dico. Le ragazze si limitano a ridacchiare mentre usciamo dall'armadio. Il mio cazzo è ancora duro come una roccia, decido di trovare il bagno più vicino e rinfrescarmi prima di iniziare a camminare.

Sono uscito dal bagno e presto ho visto le ragazze sussurrare a Rochelle quello che era appena successo. Rochelle mi guarda e si limita a ridere. Mi arrabbio per questo. Mi avvicino a Rochelle: "Lo capirai questo fine settimana, cazzo". Mi sorride: “Bene, perché sono pronta per te. Rido: "Pensi di esserlo, ma credimi non lo sei". Finalmente è arrivato il fine settimana. Ho preso Rochelle a casa sua e ho guidato nel traffico come un maniaco. Mi sono svegliato questa mattina con l'erezione più grande della mia vita e avevo bisogno di sollievo. Ovviamente quando vuoi qualcosa di veramente brutto, tutto impiega un'eternità per realizzarlo. Ma alla fine siamo arrivati ​​in hotel e ci siamo sistemati nella suite più grande che abbia mai visto. Occupa l'intero piano superiore con una splendida vista della scena del centro cittadino. Il letto è enorme; il bagno è grande la metà della camera con vasca idromassaggio e doccia separata. "Dannazione piccola", dice Rochelle, "hai decisamente vinto il jackpot". Sorrido e butto giù le nostre borse mentre la afferro da dietro e la inchiodo contro i finestrini. «Te l'avevo detto», le sussurro all'orecchio, «quando saremmo arrivati ​​qui, l'avresti capito, cazzo». Sorride mentre mi allungo e le tolgo i pantaloncini. "Cosa c'è che non va piccola?" Dice con il suo sorriso malvagio: "Le ragazze ti fanno arrabbiare". Le sorrido e le colpisco il culo più forte di quanto abbia mai fatto, lasciando un'enorme impronta della mano su di lei. "FANCULO!!" urla mentre le tiro indietro i capelli. "Pensavo fossi pronto per me?" dico con il mio sorriso malvagio. "Santo cielo!" esclama mentre si guarda alle spalle, "immagino di no."

L'ho premuta con forza contro il vetro, facendole sporgere il culo mentre mi toglievo i pantaloncini ed esponevo il mio cazzo duro e palpitante. La schiaffeggio di nuovo facendola urlare di nuovo mentre le tolgo le mutandine, baciandole la parte posteriore della coscia mentre mi rialzo. La afferro per la vita e immergo il mio cazzo in profondità nella sua figa, tirandole di nuovo i capelli mentre sperone forte e in profondità. "MADRE DI PUTTANA!" urla mentre le colpisco la figa, sentendo che le pareti della sua figa cominciano a gocciolare. Le mie palle schiaffeggiano forte la sua fica. Colpisco sempre più forte, il mio cazzo pulsa dentro di lei. "SANTA MERDA!" lei urla mentre sento la sua figa diventare sempre più stretta mentre la scopo. Il mio cazzo cresce sempre di più dentro di lei mentre mi sento sempre più vicino al venire. "Sto venendo", urlo mentre esplodo nella sua figa. "CAZZO, ANCHE A ME!" urla mentre le sue pareti si contraggono. I nostri succhi si mescolano dentro di lei mentre entrambi ci agitiamo violentemente. Mi allungo lentamente da lei, vedendo i nostri succhi gocciolare dalla sua figa calda, e le bacio il collo, "Non abbiamo ancora finito", sussurro. Sorride mentre le prendo la mano e la guido verso il letto.

La stendo sul letto con la testa di lato. Sorride mentre afferra il mio cazzo e se lo fa scivolare in bocca. Mi chino e le bacio la pancia mentre la mia mano le accarezza la clitoride dura e bagnata. Geme mentre comincio a pompare il mio cazzo in profondità nella sua gola, sentendo la sua bava dappertutto. "Oh sì, bavaglio su quel cazzo piccola", gemo mentre le pizzico la clitoride. Lei geme mentre le spingo il cazzo in fondo alla gola. Lei soffoca mentre lo tiro fuori, “Dannazione piccola! Se sapessi che ti comporti così quando le ragazze ti prendono in giro, glielo farei fare più spesso", dice. Le rimetto il cazzo in bocca mentre le pizzico i capezzoli. Lei urla dal dolore: "Penso che tu debba smetterla di parlare e succhiarmi il cazzo", comando. Mi sorride mentre continua a succhiarmi il cazzo. Le mie dita cominciano a strofinare forte sul suo clitoride mentre le succhio le tette, sentendo il mio cazzo diventare duro come prima.

Le strofino la clitoride sempre più forte mentre prende il mio cazzo in bocca. Presto sputa fuori il mio cazzo, "Dannazione, ho bisogno di cavalcare quel cazzo adesso", ordina mentre mi tira giù sul letto. Le sorrido mentre mi sdraio e la sento librarsi sopra di me. Comincia a strofinare lentamente la figa contro il mio cazzo, stuzzicandomi mentre i suoi succhi mi gocciolano addosso. Mi avvicino per baciarla ma lei mi spinge indietro, "Adoro questo tuo nuovo atteggiamento piccola", dice sorridendomi, "Quindi immagino di spingerti un po' di più così continui a devastarmi come sei." Le rivolgo uno sguardo malvagio, sentendo il mio cazzo pulsare sotto la sua figa mentre continua a stuzzicarmi con esso. Si strofina forte contro il mio cazzo, facendomi male mentre spinge verso il basso con la figa. Mi sobbalzo dal dolore e le afferro le braccia tirandola giù verso di me. La bacio forte mentre spingo il mio cazzo in profondità nella sua figa. "Pagherai così tanto per quello", sussurro, "Ora cavalca il mio fottuto cazzo". Sorride mentre si siede di nuovo, facendo scivolare il mio cazzo più a fondo nella sua figa. Sento le sue pareti che spingono forte sul mio cazzo mentre inizia a scivolare su e giù. Allungo una mano e le massaggio il seno mentre comincio a muovermi con lei. Presto ci muovevamo all'unisono e iniziavamo a pompare più velocemente. Mi alzo e le colpisco forte il culo mentre lei mi cavalca sempre più forte, "Più forte", gemo mentre pompa sempre più velocemente. Le schiaccio di nuovo il culo mentre mi avvicino e succhio forte il suo capezzolo. "FUCK", urla mentre pompa sempre più velocemente. Sento le sue pareti stringersi mentre cavalca il mio cazzo. "Sborra per me," chiedo più forte. "HOLY SHIT" Urla mentre il suo corpo inizia a muoversi selvaggiamente. Mi aggrappo ai suoi fianchi mentre sento la sborra sgorgare dal mio cazzo e coprirmi le palle. Presto si rilassa e sorride mentre si china per baciarmi. "Pensi di aver finito?" Chiedo. Mi sorride mentre scivola via dal mio cazzo.

La tiro giù sul letto e la bacio. Mi sorride: "E adesso, ragazzone?" Le sorrido mentre la metto su un fianco e mi muovo dietro di lei. Le sollevo una delle gambe mentre faccio scivolare lentamente il mio cazzo nella sua figa bagnata. Mi avvicino e le bacio il collo mentre entro e esco dalla sua figa. Sentendo l'umidità coprirmi il cazzo mentre lei geme, mi avvicino all'orecchio e dico "Sdraiatela e godetevi il mio cazzo piccola". Ride di me e poi geme quando comincio a prendere velocità. "Non posso credere che tu l'abbia detto", ridacchia. Le schiaffeggio il culo, "Scusa ma tutte le belle battute sono con il sangue nel mio cazzo". Ride di nuovo mentre le stringo forte la gamba e spingo il mio cazzo più a fondo. "Oh mio Dio, fottimi e basta per favore", dice. Spingo il mio cazzo più in profondità e più forte nella sua figa mentre mi chino e le bacio le labbra.

Il mio cazzo pompa sempre più forte mentre sento i suoi succhi di figa gocciolare giù dal mio albero. Gemiamo entrambi mentre ci cucchiaiamo. I nostri corpi cominciano a tremare mentre le scosto i capelli e la scopo più forte. "Oh dio", geme ripetutamente. Sento la sborra crescere dentro il mio cazzo ma cerco di trattenerla. "Vieni con me piccola, ci sono quasi", gemo. "Anche io. Scopami più forte per favore", urla mentre lavoro la sua figa. Sbatto il mio cazzo in profondità nella mia figa ad ogni spinta, le mie palle rimbalzano sul suo clitoride. "Oh cazzo", urlo mentre sento la sborra fuoriuscire ed esplodere nella sua figa. "DIO DANNAZIONE", urla mentre l'esplosione dentro di lei la fa esplodere. I nostri corpi tremano violentemente mentre le ultime gocce di sperma lasciano il mio cazzo. Mi tiro lentamente fuori e sento i suoi succhi ricoprire completamente il mio cazzo. La attiro a sé e ci sdraiamo entrambi. I nostri corpi coperti di sudore, la guardo e le bacio le labbra. "Dio, ti amo", dico. Lei sorride: "Ti amo anch'io".

"Oh mio Dio, ne è valsa davvero la pena", dice. Le rivolgo uno sguardo malvagio, "Il sesso è stato fantastico piccola", sospiro, "Ma per favore non farmi passare di nuovo quella merda." Lei ride: "Oh beh, starò bene per un po', ma se ti rilassi allora avrai la punizione". Abbasso la testa sul cuscino e sospiro di nuovo, sapendo che un giorno questo mi perseguiterà. "Beh, godiamoci questo bambino", dice, "perché il vero divertimento è domani e avrai bisogno di tutta la tua energia".

Storie simili

Il Drago (S)Strati V. 1 cap. 02 (La Maga)

La maga * * * * Mia carissima Tessarie, So che i tempi ci stanno provando in questo momento, ma sappi che ho fatto del mio meglio per assicurarmi che tu finissi in un posto sicuro. Le terre umane sono accoglienti per la nostra specie e, sebbene non ci si possa fidare di loro, non ho dubbi che verrai trattato bene e accolto a braccia aperte. Da quello che sappiamo di loro, evitano la magia, quindi per favore fai attenzione se scegli di esercitare i tuoi poteri. . . L'incidente avrebbe potuto essere perdonato se non fosse stato così diffuso, ma...

2.3K I più visti

Likes 0

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

2.4K I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

2.2K I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Lo spettacolo via webcam di Tasha

La trasmissione sexy della webcam della diciottenne Tasha viene interrotta dall'animale domestico di famiglia. Sono Tasha, ma tutti mi chiamano Ta-Ta. A causa dei miei seni al cioccolato 38 C. Ho 18 anni e sono piccola, alta 5'6 pollici, 115 libbre di cioccolato fondente. Faccio un taglio di capelli corto alla Halle Berry. Con un fondoschiena di mela che farebbe dire a J-Lo Dannazione Vivo ancora con i miei genitori e il mio stupido fratellino quindicenne Calvin Jr (soprannominato C.J) Inoltre, abbiamo un pitbull di 3 anni di nome Bullet. Di chi mi fissa costantemente con quei penetranti occhi azzurri, mentre...

2.2K I più visti

Likes 0

Le figlie controllate dalla mente di papà Capitolo due: Regalo di compleanno alla ciliegia della figlia

Le figlie controllate dalla mente di papà Capitolo due: Regalo di compleanno alla ciliegia della figlia Una storia di controllo mentale con fibbia per cintura Per mionome3000 Copyright 2020 Note: Grazie a WRC264 per la lettura beta di questo! Il mio quarantaquattresimo compleanno non era andato affatto come mi aspettavo. Come avrei potuto prevedere che la mia figlia più giovane Tonya sarebbe diventata così civettuola, che avrebbe finito per impalare la sua figa vergine sul mio cazzo e cavalcarmi finché non fossimo venuti entrambi? L'idea di fare sesso con Tonya, figuriamoci con una qualsiasi delle mie figlie, era stata un'idea estranea...

2.2K I più visti

Likes 0

Nirvana celeste: parte 1

Come la maggior parte dei miei altri lavori, questa storia si concentra più sul dramma e sulla storia che sul sesso (ma c'è il sesso, non preoccuparti). Per una migliore esperienza di lettura, ti consiglio di sballarti prima di procedere. Capitolo 1 La giovane donna infilò per l'ennesima volta le sue dita tra le succose labbra gonfie della sua fessura, mordendosi il cuscino per attutire i suoi gemiti di piacere. Era sdraiata a letto, il sole si avvicinava all'orizzonte orientale mentre i minuti scorrevano sulla sua sveglia. L'ora era presto, prima del risveglio dei suoi genitori, ma era così che le...

2.3K I più visti

Likes 0

Decoratore d'interni

Maria ha venticinque anni, single, giovane decoratrice d'interni e commessa nel negozio di mobili di famiglia. Aveva bisogno di un accordo stretto. Il compito, tuttavia, si stava rivelando più difficile di quanto avesse sperato. Vari ritardi stavano inducendo gli acquirenti a ripensarci. Oggi sperava che un acquirente entrasse e chiudesse un affare. Non essendo una che usa abitualmente il suo bell'aspetto naturale a proprio vantaggio quando ha a che fare con gli uomini, Maria ha tirato con riluttanza un maglione senza maniche attillato dal suo armadio e una gonna corta complementare. Con solo un piccolo paio di mutandine sotto, si sentiva...

2.5K I più visti

Likes 0

L'ascesa e la caduta di un ragazzo chiamato Rave parte 6

Affrontare la frustrazione sessuale Avevo 13 anni e mi odiavo ma non odiavo la mia vita. Avevo una ragazza che mi amava, la rispettata della mia banda, la paura dei miei nemici e più soldi di quanti ne avessi mai visti. Erano passati più di sei mesi da quando avevo conosciuto la vera fame, avevo un gruppo di amici che sarebbero andati al muro per me, avrei potuto fare sesso con una dozzina di ragazze diverse se avessi voluto, e non vivevo più nella paura i miei impulsi violenti potevo assecondare alcuni e ora potevo reprimere gli altri. Tutta questa nuova...

2.8K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.