Delizia pomeridiana_(4)

1.2KReport
Delizia pomeridiana_(4)

Il primo sabato del mese era la serata di Amy con "le ragazze".

Era madre di due figli, sulla quarantina, con capelli corti e scuri. Di recente aveva perso un po' di peso, il che l'aveva fatta apparire e sentirsi più sicura di sé e sexy. I suoi amici avevano tutti un'età e un background simili, tutti sposati con figli che andavano dai 6 anni ai figli di Amy -20 e 22.

In quel particolare sabato sera suo marito, Alan, sedeva davanti alla TV con le sue lattine di birra pronto a guardare la partita mentre Amy si vestiva per la sua serata fuori.

Alle 7.30 esatte suonò il campanello e Amy scese di corsa le scale e aprì la porta per trovare la sua migliore amica Bev.

"Sbrigati", le disse Bev, "Il taxi costa denaro!" Bev si voltò verso il taxi mentre Amy entrava nella lounge e salutava suo marito con un bacio.

"Come sto?" gli chiese Amy.

Alan alzò appena lo sguardo, anche se indossava una gonna nera corta, un top bianco scollato e tacchi alti neri.

"Adorabile, sei adorabile." Le disse lui, gli occhi fissi sulla TV.

"Maledetto calcio", pensò, "spero che perdano!"

Sua moglie scosse la testa e sorrise, raggiunse rapidamente i suoi amici nel taxi, che ridacchiavano tutti come scolarette.

Mentre il taxi usciva dalla strada, l'amica di Amy (Sue) presentò un'altra donna: "Amy, questa è Alison, che lavorava con me... Finché suo marito non ha venduto la sua attività per una fortuna".

Entrambe le donne annuirono "ciao".

30 minuti dopo erano in un bar a Newcastle Quayside.

Era un tipico sabato sera, tutti bevevano molto e si divertivano nei bar affollati. Nel giro di un'ora Amy poteva sentire l'ebbrezza di aver bevuto troppo in fretta.

Alle 10 era in piedi in un angolo del Chase Bar, bevendo, chiacchierando e "guardando la gente".

L'amica Alison ha sussurrato ad Amy che erano stati "osservati". Guardò dall'altra parte del bar e notò che un gruppo di uomini di colore li stava effettivamente squadrando dall'alto in basso.

Una volta che gli uomini hanno stabilito il contatto visivo, non hanno avuto bisogno di ulteriori incoraggiamenti e si sono avvicinati e si sono presentati. "Ciao, sono Paul", disse il più alto, tendendo una massiccia mano marrone.

Allison ha ricambiato, con le sue dita delicate, "Sono Allison, e questa è Amy".

"Fantastico", ha continuato, "Stevie, Mikey e BJ". Fece un cenno ai suoi amici, che sorrisero alle donne.

"Ooh! BJ? È uno strano nome, Allison rise all'insinuazione.

"Ah, ah, ah," rise, "Big John!"

Alison ha guardato Amy e ha continuato la battuta, "Non mi sembra così alto" e ha alzato le sopracciglia, facendo arrossire Amy.

Ormai Bev e Sue erano tornate con i loro drink. Allison parlava di più con gli uomini, ma BJ e Amy parlavano della vita, dell'amore e dell'Universo. Allison era alta, elegante e bionda con un seno grande e pieno che non aveva paura di mostrare. Amy non era sorpresa dall'attenzione che la sua amica stava ricevendo perché pensava che gli uomini di colore preferissero le donne bionde.

Dopo 20 minuti gli altri decisero di andare al Quay Club. Bev ha sentito Alison invitare i neri a unirsi a loro più tardi. Pensava di essere un po' invadente e presuntuosa nel prendere decisioni per l'intero gruppo.

Le donne finirono i loro drink e si diressero verso il Club della porta accanto. Erano solo le 10.30 quindi c'era ancora un po' di silenzio. Trovarono dei posti a sedere e ordinarono un giro di drink.

Gli altri bevevano vodka e Red Bull, ma Amy era su Southern Comfort e limonata (doppio) che di solito aveva l'effetto di renderla un po' birichina e civettuola.

Le donne ballavano e bevevano e con il passare del tempo il locale si riempiva.

Alison sembrava infelice, "Cosa c'è che non va?" chiese Amy.

"Pensavo che quei ragazzi neri sarebbero già arrivati", rispose, scrutando l'ingresso.

Sorridendo e scuotendo la testa, Amy l'ha lasciata per andare sulla pista da ballo con Sue e Bev.

"Il tuo amico è deluso dal fatto che quei ragazzi non ci abbiano seguito", ha detto Amy a Sue.

"Non sono sorpreso; ha una buona reputazione con gli uomini." Sue ha risposto.

"Come vuoi dire" chiese Amy.

"Lei è proprio una vecchia sgualdrina e 'luuurvvvees' uomini neri" le disse Sue, sorridendo.

Amy e Sue hanno finito di ballare. Mentre si avvicinavano al loro tavolo, notarono che gli uomini erano arrivati. L'umore di Allison era cambiato e ora stava ridendo e flirtando in modo oltraggioso con gli uomini, che avevano offerto un giro di cocktail costosi per tutti.

Uno degli uomini di colore ha poi condotto Alison per mano sulla pista da ballo. Il suo amico ha quindi chiesto a Sue di ballare, ma lei ha afferrato la mano di Bev e ha detto che erano appena andati in bagno.

La grande figura imponente, BJ, poi si rivolse ad Amy, "ti piacerebbe ballare con me?" le chiese. I suoi grandi occhi castani ardevano, in un modo che rendeva Amy incapace di rifiutare.

Sulla pista da ballo la teneva stretta a sé. Amy poteva vedere Alison dall'altra parte baciare appassionatamente il suo uomo, mentre lui le accarezzava discretamente il seno.

Amy ha cercato di tenere John liberamente perché non voleva dargli un'impressione sbagliata. Ma lui la teneva in una presa forte; poteva sentire le sue mani sul sedere; accarezzandole e palpandole le natiche attraverso la gonna attillata.

Sorridendogli e scuotendo la testa, lei allontanò la sua mano finché non fu nella parte bassa della sua schiena.

Mentre la teneva stretta, sentì qualcosa di duro che iniziava a premerle sullo stomaco. Stupita, capì all'istante che era il suo cazzo.

Sembrava lungo e spesso, molto più grande di quello di Alan. In realtà molto più grande di qualsiasi altra avesse mai visto, persino le riviste di suo marito.

Tra il drink e la musica ad alto volume, il cazzo di John preoccupava più che un po' Amy. Premendosi contro di essa mentre si muovevano sulla pista da ballo non si accorse che la mano di lui si era spostata su per la sua gamba, spingendole la gonna dietro in modo che tutti sulla pista da ballo potessero vedere le sue minuscole mutandine attraverso le calze nere.

Quando la musica si fermò, improvvisamente riacquistò la sua compostezza e gli spinse giù la mano. Imbarazzata, tornò di corsa dai suoi amici.

C'era solo Alison al tavolo, mentre Sue e Bev stavano andando a prendere altri drink e gli altri uomini se ne erano andati.

"Sembrava che ti stessi divertendo!" Alison rise.

"Ehm, non proprio. Ero un po', ehm distratta" replicò timidamente Amy, mentre beveva l'ultimo sorso del suo drink.

"Perché eri distratto?" chiese Alison, sapendo benissimo cosa era successo.

Amy sbottò; "Aveva le dimensioni del suo... cazzo. Mi si era conficcato nello stomaco!"

Alison rise "Non sei mai stata con un uomo di colore, vero?"

“No, certo che no.” rispose Amy.

"Beh, un sacco di loro hanno cazzi enormi, non è insolito" le disse Alison con nonchalance.

"In effetti ho avuto un uomo di colore che aveva un 11 pollici, e lascia che ti dica che non sono mai stato così soddisfatto... Non sei riuscito a togliermi il sorriso dalla faccia per una settimana."

Sconvolta, Amy la fermò: "Ma pensavo fossi sposata".

"Lo sono, ma una ragazza deve avere un hobby!" Allison rise, mentre Sue e Bev portavano i drink e tornavano subito sulla pista da ballo.

Ha poi continuato a dire ad Amy come, "secondo lei", i cazzi neri erano sempre molto più lunghi e più spessi di quelli degli uomini bianchi e rimanevano più duri più a lungo.

Amy guardò Alison con soggezione.

Alison poteva dire che Amy era affascinata, si sporse in avanti e le sussurrò all'orecchio: "Sai mantenere un segreto?" Amy annuì, "Sue non lo sa e non deve scoprirlo, ma una volta al mese organizzo un 'Ladies Day' per altre donne che... condividono il mio hobby."

"Cosa intendi per festa delle donne?" chiese Amy, ubriaca.

"Beh, io e alcune amiche, mentre i loro mariti sono al lavoro, paghiamo perché un uomo venga a... servirci."

Amy la guardò sorpresa.

Ha poi continuato dicendo che recentemente avevano un ragazzo giamaicano che aveva un cazzo così grande, che tutte e cinque le donne lo avevano scopato due volte ciascuna e quando avevano finito con lui doveva essere aiutato a salire sul taxi!

Poi di punto in bianco Alison le disse: "Ti piacerebbe venire a uno dei nostri giorni?"

Amy scosse la testa: "No, davvero non potrei, no, no, a mio marito non piacerebbe affatto."

"Non essere sciocco, solo non dirglielo" Allison rise ad alta voce. Rendendosi conto che Amy era quasi presa, ha continuato: "Puoi sempre venire a una delle nostre feste e guardare. Non devi partecipare, anche se alla fine la maggior parte delle donne lo fa".

L'interesse di Amy era stuzzicato.

"Se mi dai il tuo numero di cellulare, potrei dirti quando c'è il prossimo e forse, se ti va, potresti venire anche tu." Disse Allison, cercando di sembrare disinteressata.

Amy ha dato ad Alison il suo numero mentre le ragazze lasciavano il club e andavano a mangiare qualcosa prima di tornare a casa.

Quando finalmente è entrata di soppiatto in casa sua erano le 3:30 del mattino, era buio pesto e non si sentiva un suono. Si sentiva molto arrapata, quindi sgattaiolò nel salotto, chiudendosi silenziosamente la porta dietro di sé.

Incapace di fermarsi, si sedette su una poltrona. Mettendo le gambe su entrambi i lati dei braccioli della sedia, si sollevò la gonna fino alla vita, poi fece scivolare la mano ben curata lungo la parte anteriore delle calze e delle mutandine.

Le sue unghie rosse trovarono rapidamente il suo clitoride gonfio, "Oooohh!" gemette mentre iniziava a giocare con se stessa. Mordendosi il labbro per non emettere un suono, si sdraiò pensando a Big John e al suo enorme cazzo.

Le sue dita guizzavano e stuzzicavano il suo clitoride pulsante mentre si visualizzava fuori dal club con il suo cazzo mostruoso dentro di lei, che la scopava e la allargava, poiché potevano ancora sentire la musica e le risate dall'interno del club.

Mentre immaginava la sua enorme lunghezza che la scopava senza pietà con le sue palle che sbattevano contro di lei, arrivò a un climax tremante, mordendosi forte il labbro per non fare rumore e svegliare Alan.

Con le gambe che le tremavano, barcollò di sopra per andare a letto solo leggermente sollevata.

Il giorno successivo, dopo essersi smaltita la sbornia, si sentì un po' sciocca riguardo a quello che era successo e un po' in colpa, sebbene non lasciasse intendere che suo marito avesse qualcosa che non andava.

Passarono le settimane e il ricordo di quella notte era quasi svanito, quando, un giorno, mentre era al lavoro, il suo telefono iniziò a squillare.

Guardò il suo telefono; era un altro cellulare che la chiamava anche se lei non riconosceva il numero.

"Ciao sono Amy" rispose.

"Amy, questa è Alison, l'amica di Sue... dell'altro sabato" fu la risposta.

Il cuore di Amy ha iniziato a battere forte, il suo respiro si è fatto corto e all'improvviso si è sentita molto arrossata.

"Err ciao Alison come stai" balbettò Amy.

"Facciamo una festa a casa mia, domani, e tu sei invitato, se vuoi venire," disse Alison provocatoriamente.

"Oh no, non credo, no, non potrei." Amy inciampò nelle sue parole. Sapeva esattamente cosa avrebbe comportato la 'festa', "Non posso, ho del lavoro, e. . . Non so dove abiti. “Il suo cuore batteva come un tamburo e il suo stomaco girava.

"Ti mando un messaggio con l'indirizzo, puoi prendere un taxi. Presentati alle 11:00. È un evento che dura tutto il giorno."

"Err, sì, ci proverò" rispose debolmente Amy.

"Ti aspetto Amy, abbiamo due splendidi giovani stalloni neri che si presentano e ho visto le loro foto. Da quello che ricordo di te in quel club, vorrai vederli dal vivo, se capisci cosa intendo. "Lei rise.

"OK, cercherò di esserci," disse nervosamente Amy, il suo stomaco che si contorceva e si contorceva.

"Oh e Amy, indossa qualcosa di carino e sexy. So che vuoi solo guardare, ma per favore cerca di entrare nello spirito dell'evento."

Il giorno successivo era un giovedì e Alan, suo marito, è uscito per andare al lavoro alle 7:30 e non sarebbe rientrato fino a tardi, forse dopo le 9.

Mentre usciva per andare al lavoro, Amy giaceva a letto, discutendo se andare a lavorare lei stessa o no.

Dopo 20 minuti la sensazione di caldo formicolio tra le sue gambe le ha dato la risposta. "Che male potrebbe fare?" pensò, mentre le sue dita esploravano la sua morbida figa, "Starò solo guardando, non toccando davvero, o altro!" ridacchiò quando un piccolo orgasmo le illuminò il viso.

"Ciao, sono Amy" ha detto alla ragazza che ha risposto al telefono, "mi dispiace ma ho un fortissimo mal di testa e non riesco proprio ad arrivare al lavoro oggi."

"OK, abbi cura di te. Speriamo di vederti domani" le disse la receptionist.

Era così gentile che Amy si sentiva un po' in colpa perché li stava ingannando.

In bagno, ha tirato fuori il suo "Ladyshave" e proprio mentre finiva le gambe, un pensiero delizioso le è passato per la testa. Cinque minuti dopo, abbassò lo sguardo per ammirare il suo pube appena rasato. Qualunque cosa fosse accaduta più tardi quel giorno, Alan avrebbe avuto una bella sorpresa prima di andare a letto.

Quando iniziò a vestirsi, ricordò le istruzioni di Allison.

"Perchè no?" pensò, mentre indossava un paio di calze nere 10 denari nuove di zecca, bretelle nere e un perizoma abbinato che normalmente teneva per le "occasioni speciali". Questo è stato seguito dal reggiseno bianco preferito di Alan che ha davvero enfatizzato le sue tette 34D.

Poi indossò la sua fedele gonna corta nera e la camicetta di seta bianca.

Quando il taxi è arrivato, ha indossato un lungo cappotto sopra i suoi vestiti sexy e si è diretta verso la casa di Allison.

La sua nuova amica viveva dall'altra parte della città, in una zona molto bella, in una grande casa con cinque camere da letto.

Amy è arrivata a casa poco prima delle 11:00. È stata l'ultima delle donne ad arrivare. Allison la condusse nel salotto dove le tende erano state tirate per impedire a chiunque di ficcare il naso e dove erano sedute le altre 6 donne.

Sono stati tutti molto gentili e hanno accolto Amy nel loro piccolo gruppo. Sarebbe potuta essere una "mattina del tè" ovunque nel centro dell'Inghilterra, ma per il fatto che tutte e 8 le donne erano "vestite per uccidere" e stavano aspettando uno "spettacolo di cabaret" con una differenza!

Ad Amy è stato dato un grande vino rosso e le è stato detto di mettersi a proprio agio mentre "l'atto" stava arrivando.

Amy si tolse il cappotto e si sedette sul divano accanto a un'altra signora di nome Pat e bevve un grosso sorso dal suo bicchiere.

A quel punto suonò il campanello e Alison balzò in piedi, "Sono qui" disse eccitata.

Le donne si misero tutte a loro agio quando entrarono i due neri.

Erano molto giovani; Amy pensava forse 18 o 19 anni, più giovane dei suoi stessi figli.

Gli uomini, che sono stati presentati come Leon e Dave. Entrambi erano alti circa sei piedi con muscoli increspati e stomaci da "six pack". Dopo aver inserito un CD nell'impianto Hi-Fi, si sono lentamente spogliati, lanciando oggetti a ciascuna delle donne, che sembravano essere state spinte in uno stato di grande eccitazione.

Entro 20 minuti i ragazzi sono stati ridotti solo ai loro pantaloncini da fantino che hanno fatto poco o niente per nascondere quei morbidi cazzi sovradimensionati.

Dave ha fatto una serie di flessioni e addominali mentre Leon si è messo in una serie di pose da bodybuilding, prima di offrire le sue braccia e le sue gambe alle donne da sentire, a cavalcioni delle loro cosce mentre ridacchiavano di gioia.

Ogni donna ha avuto una buona sensazione e alcune hanno cercato di afferrare le loro parti più intime, che non hanno fatto alcun tentativo di fermare.

Leon mise la gamba sul divano accanto ad Amy, che si voltò, arrossendo. "Vuoi sentire la mia coscia?" chiese.

Allison alzò il bicchiere e fece l'occhiolino.

Con riluttanza, Amy sentì i suoi muscoli duri come la roccia. Erano come il ferro, ma anche lei non poteva fare a meno di notare che il suo enorme cazzo era ormai quasi eretto nei suoi pantaloncini larghi.

Mentre la musica diventava più forte, Dave e Leon ballavano al centro della stanza e si strappavano le mutande, esponendo i loro enormi cazzi neri traballanti, per la gioia delle donne di mezza età.

Gli uomini camminavano lentamente per la stanza agitando i loro cazzi sotto il naso delle donne riunite. Ognuno di loro "ha avuto una buona sensazione" con uno o due, piegandosi in avanti per baciare la punta o dargli un piccolo succhiamento.

Allison aveva fatto in modo che Amy fosse l'ultima. Si sedette nervosamente ea disagio mentre i due uomini stavano di fronte a lei agitando i loro enormi cazzi a pochi centimetri dal suo viso.

"Questa è Amy, è nuova in questo" disse Alison a Leon e Dave.

"Sono qui solo per guardare", disse timidamente Amy.

"Davvero" dissero i giovani guardandosi l'un l'altro.

Poi spostarono Pat in modo che potessero sedersi entrambi accanto a lei sul piccolo divano di pelle.

Leon poi prese la mano di Amy mentre lei sedeva a disagio sul bordo e gliela mise attorno al suo grosso pene.

"Ecco fatto, non essere timido." Le disse: "Ti fa sentire bene?", chiese. Lei sorrise debolmente e annuì, mentre la sua mano afferrava il suo cazzo rigido, "È più grande di quello di tuo marito?" Sorridendo, lei annuì mentre la sua presa si allentava e iniziò ad accarezzarlo .

Con grande divertimento di Allison e degli altri. "Mmmm, va bene, ti stai abituando alle dimensioni ora, vero?" chiese Leone.

Lei annuì mentre lo esaminava, facendo scorrere le dita lungo le brutte vene blu, facendogli irrigidire ancora di più il cazzo, finché non sembrò d'acciaio.

La sua bocca era secca e il suo stomaco stava girando per l'eccitazione mentre cercava di indovinare, nella sua mente, quanto fosse grande in realtà.

Mentre giocava con il cazzo di Leon, Dave iniziò a sbottonarle la camicetta.

"No, no, per favore non farlo" protestò. Ma continuò comunque, stringendo il suo grande seno carnoso allo stesso tempo.

Mentre finalmente le apriva la camicetta, la mano di Leon le stava accarezzando la gamba coperta di calze, muovendosi sempre più in alto sulla sua gonna, mentre lei giocava apertamente con il suo cazzo e le sue palle.

Due degli amici di Allison si erano alzati e si aggiravano lì vicino, non volendo perdersi nulla.

Amy cercò di tenere le gambe ben chiuse, ma la mano di Leon le aveva spinto la gonna sopra le calze e le stava accarezzando la parte superiore delle gambe, cosa che poteva vedere la stava rendendo molto eccitata, perché si stava contorcendo sulla sedia.

"Andiamo Amy, ti sentirai meglio una volta che ti sarai tolto" disse Allison mentre aiutava Dave a togliersi la camicetta ea gettarla sul pavimento.

I suoi occhi erano chiusi mentre il giovane le infilava le ampie tette attraverso il reggiseno facendole irrigidire i capezzoli attraverso il materiale.

Leon ora aveva tirato la gonna fino alla vita esponendo il reggicalze nero e il perizoma nero di seta aderente.

Le grosse mani nere di Dave ora stavano sbranando e tastando le sue tette attraverso il reggiseno. Leon le aveva già slacciato la gonna e ora stava cercando di abbassarle anche le mutande.

Quando Dave finalmente si slacciò il reggiseno bianco, si guardò intorno per vedere che le altre donne si stavano spogliando a vicenda e alcune si stavano apertamente masturbando allo spettacolo che stava dando loro. In un secondo le aveva strappato via il reggiseno, esponendo le sue grandi tette bianche come il latte al mondo.

La mano di Dave continuava a palpeggiarle le tette, le sue grosse mani nere stringevano e palpavano la sua morbida pelle bianca, mentre la sua lingua ora trovava la sua bocca e cominciava a baciarla.

Amy ora era molto eccitata ed è rimasta scioccata nel ritrovarsi a rispondere ai baci di Dave mentre gli toccava la bocca con la lingua profonda mentre lui sentiva le sue tenere tette.

Poteva sentire il suo perizoma tirato giù per le gambe e la sua figa senza peli esposta. Mentre continuava a baciare Dave febbrilmente, Leon ora stava aprendo le gambe e baciando e leccando la sua fica fradicia.

Amy aprì volentieri le gambe per consentire al giovane stallone un migliore accesso alla sua parte più intima.

Leon le leccò le labbra calve con un movimento circolare mentre Amy aveva il suo primo orgasmo, prima ancora che avesse trovato la sua clitoride.

Quando ha iniziato a toccarle la clitoride, il suo dito medio le è penetrato nella figa, solo per essere raggiunto poco dopo dal secondo e poi dal terzo dito, facendola dimenare di gioia.

Mentre Dave la stava ancora baciando, la sua mano aveva trovato di nuovo il suo grosso cazzo e lo stava masturbando più velocemente che poteva.

"Ecco, piccola, fammi venire" sibilò Dave.

"Assolutamente no" ansimò, "non ho intenzione di sprecare una goccia."

Mentre schiudeva le labbra del suo amante, si guardò intorno nella stanza per vedere un assortimento di donne che si leccavano le fighe e si scopavano a vicenda con dildo di tutte le forme e dimensioni.

Senza lasciar andare la lunga asta, Amy abbassò la testa sulla vita di Dave e iniziò a leccare e baciare le sue palle.

Poi aprì la bocca il più possibile, per inghiottire il suo grosso membro con la bocca. Il suo giovane cazzo era così grande e grasso che Amy poteva entrare solo 3 o 4 pollici, ma il suo pompino era vicino alla perfezione.

Dave si sdraiò sul divano giocando con le sue tette mentre la testa di Amy succhiava il suo grosso cazzo, e Leon continuava a leccarle e toccarle la figa fradicia, mentre una donna grossa e grassa giaceva tra le sue gambe, succhiandogli il cazzo.

Mentre Amy succhiava, Dave iniziò a gemere. Si rese conto che stava per raggiungere l'orgasmo, quindi aumentò la velocità della sua sega e della sua suzione.

"Che fottuto succhiacazzi!" Dave urlò mentre teneva la testa di Amy sopra il suo cazzo. Non avrebbe dovuto preoccuparsi comunque perché lei non aveva intenzione di sprecare una goccia del suo prezioso fluido.

Quando le è esploso in bocca, lei ha inghiottito avidamente quanto più possibile prima di leccare il resto dal suo cazzo nero lucido.

La leccata di Leon divenne più frenetica quando la donna grassa lo succhiò fino all'orgasmo, facendogli versare il suo seme su tutto il viso e sulle grosse tette, mentre Amy urlava "YYYEEESSS!" Mentre il suo più grande orgasmo le inondava il corpo, facendo gocciolare lo sperma di Dave dalla sua bocca.

Dave si sedette sul divano per riprendersi mentre Leon si alzava e diceva a una donna alta e magra con un basco verde e calze nere: "Ho bisogno di scopare, ne vuoi un po'?"

Senza rispondere, si lasciò cadere a quattro zampe sullo spesso tappeto persiano, puntandogli addosso la sua volenterosa fica. L'ha subito speronata con il suo enorme cazzo.

Dave si alzò dal divano e iniziò ad accarezzare la fica di due donne anziane, allo stesso tempo, "Chi vuole andare per primo?" chiese loro.

Amy era sdraiata sul divano, riprendendosi dai suoi sforzi, ma non poteva fare a meno di giocare con se stessa mentre osservava gli atti di dissolutezza che si svolgevano davanti ai suoi occhi.

Dopo circa un'ora, era arrapata oltre ogni immaginazione e aveva un bisogno insaziabile di scopare uno di questi giovani.

Stava bevendo il suo quarto bicchiere di vino mentre Leon le passava accanto, bevendo una birra, il cazzo che oscillava da una parte all'altra.

"Ehi!" realizzò: "Non ti abbiamo fottuto, vero?"

Amy sorrise e scosse la testa.

"Va bene, facciamo qualcosa al riguardo!"

Leon si sdraiò sul pavimento e le disse di mettersi sopra di lui mentre teneva in mano il suo cazzo dolorante di 10 pollici.

Amy non aveva mai preso nulla di così grande prima, il cazzo di suo marito era lungo solo 5 o 6 pollici, ma era così eccitata e bagnata che avrebbe fatto del suo meglio.

Vestita solo con le calze e le bretelle, si mise a cavalcioni su Leon in modo da trovarsi di fronte a lui, e lentamente si abbassò sul suo enorme cazzo. Allargò le gambe, portandola sempre più dentro la sua fica bianca fradicia.

Amy aveva circa 7 pollici di carne dentro di sé quando ha iniziato a rimbalzarci sopra. Mentre lo scopava, il suo cazzo è penetrato più a fondo fino a quando il suo cazzo ha toccato le profondità del suo grembo.

"Oh sssss! Oh sssss! Va bene, va bene!" ripeteva come un Mantra mentre scopava e scopava il suo grosso cazzo nero, le sue tette ondeggiavano come due biancomangiare, mentre lui la teneva per la vita.

Amy ora era in paradiso, poiché non si era mai sentita così piena o tesa in vita sua. Il cazzo di Leon stava toccando zone di piacere che non erano mai state toccate prima.

Era sdraiata sopra di lui, strofinando la clitoride contro il suo inguine quando sentì il suo ano ricoperto da un liquido freddo. Scioccata, smise di fottere il ragazzo e si guardò alle spalle per vedere Allison, che si spalmava le dita con la gelatina. Sapeva cosa stava per succedere e le mandò un bacio; assaporando il pensiero che voleva essere riempita come mai prima d'ora.

Allison si inginocchiò dietro di lei mentre Amy ricominciava a scopare il suo amante nero. Mentre si strofinava la gelatina sul suo buco stretto, Allison premette i propri seni contro le morbide guance del culo di Amy. Delicatamente aprì le pieghe strette del sedere di Amy, con un dito lungo e magro coperto di gelatina, e sondò il buco vergine e marrone, facendo sussultare Amy e prendere velocità.

"Uffa! Uffa!" grugnì mentre Allison lavorava le sue lunghe dita in profondità nel suo piccolo buco del culo, mentre Leon iniziava a spingerla dentro con il suo cazzo mostruoso.

"Dave, vieni qui!" Allison gridò all'altro giovane nero, "finiscila!" mentre ritirava le dita costringendo Amy ad affondare il viso nel petto di Leon.

Allison ha spalmato KY su tutta la sua asta finché non è stata di nuovo dura. Con un enorme sorriso sul viso e circondato da donne seminude, ha spinto contro il suo buco anale allungato. Nel momento in cui la sua verga è entrata in lei ha avuto un orgasmo molto intenso. Spinse sempre più in profondità, il dolore era immenso per lei ma era un dolore piacevole, come non aveva mai provato prima.

Gli uomini hanno spinto i loro cazzi dentro di lei all'unisono, entrambi fuori allo stesso tempo e poi di nuovo dentro insieme il più forte e profondo possibile nella fica e nel buco del culo di Amy.

Amy ora stava ansimando per respirare con gli occhi chiusi.

Stava tremando di piacere mentre poteva sentire i loro cazzi toccarsi attraverso la sottile membrana, separando i suoi due buchi.

Poi si accorse di qualcuno in piedi di fronte a lei. Era Alison. Gli altri erano tutti vicini a guardare questa nuova arrivata che si faceva scopare il cervello!

Alison indossava ancora un paio di mutandine francesi rosa di seta. Li tirò da parte esponendo la sua stessa figa calva.

"OK, puoi anche darmi un orgasmo dato che stai monopolizzando entrambi gli uomini in questo momento" le disse Alison.

Amy non ha avuto bisogno di essere chiesto una seconda volta. Non aveva mai provato nessun tipo di sentimento lesbico prima, ma sembrava la cosa più naturale del mondo mentre infilava la lingua di cinque centimetri nella figa rovente di Alison. Abbracciò Allison e iniziò a leccare il suo succo d'amore come un cucciolo.

Per darle una possibilità, Leon e Dave hanno rallentato il loro doppio humping mentre lei leccava e succhiava la succosa fica pelata della sua amica.

Allison tenne la testa ferma e iniziò a tremare quando la lingua morbida di Amy "colpì il punto", "Oh, oh, oh," Allison ansimò, "più veloce, più veloce". Amy obbedì, leccando la protuberanza come le piaceva fare con la sua,

"Piccolo... piccolo... oh, oh, oh... piccolo CUNT!" Allison urlò mentre il suo orgasmo la faceva tremare e tremare.

Amy adesso era rossa in viso, ansimava lei stessa, e stava per svenire per l'estasi e la pura stanchezza. Prendendo come spunto le urla di Allison, entrambi gli uomini iniziarono a martellarle la fica e il culo con tutte le loro forze.

"Aaaaaaagggghhhh!" urlò mentre sentiva il suo culo una volta stretto riempirsi del suo sperma caldo e appiccicoso, che le fece immediatamente venire di nuovo l'orgasmo. In pochi secondi Leon stava svuotando il suo carico nella sua figa. Mentre giaceva a sandwich si rese conto di quanto fosse contenta di prendere ancora la pillola.

Quando i due uomini si allontanarono da lei, il buco del culo e la fica rimasero larghi e tesi.

Allison le tenne la testa e costrinse Amy a darle piacere con la lingua.

"Sporca piccola fica", le disse, mentre la lingua di Amy lampeggiava sulla sua figa bagnata, "voglio solo guardare!" ha imitato, mentre schiacciava la fica sul viso di Amy, "Non hai solo guardato quando ti stavano spingendo i loro cazzi su per il culo, vero?" Continuò, la lingua di Amy diventava più veloce, mentre si eccitava di più, "Guardati. Hai il loro sperma in ognuno dei tuoi fottuti buchi, sporca piccola fica!" Amy si stava davvero divertendo a leccare le morbide pieghe della femminilità di Allison; "Tornerai per altro cazzo nero... vero? Piccolo sporco succhiacazzi!" Allison urlò mentre Amy succhiava il suo clitoride gonfio facendola venire con l'orgasmo più intenso della giornata.

Le altre donne erano scese su Leon e Dave; due seduti sulle loro facce mentre gli altri si arrampicavano per succhiare i loro lunghi cazzi.

Amy era completamente esausta e ora aveva problemi a stare in piedi, mentre Allison si lasciava cadere sul divano.

Allison aveva ragione; quel pomeriggio le aveva cambiato la vita.

Erano passate le 5 prima che la festa si sciogliesse e Leon e Dave raccolsero i loro soldi e partirono in taxi.

Amy arrivò a casa molto prima di Alan, concedendole il tempo per un lungo bagno caldo nella vasca da bagno. Era difficile per lui non notare che stava girando per casa come se fosse appena scesa da cavallo.

Ma, come si suol dire, questa è un'altra storia!

Storie simili

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

1.1K I più visti

Likes 0

Il Bar 3

Questo posto ti stava facendo impazzire. Ti girava la testa. Stai bene? Mio Dio quella voce. Uno dei motivi principali per cui ti girava la testa. Questa donna. Il barista. La guardi profondamente negli occhi. Perso in una mente piena di pensieri sporchi. Il suo sguardo non lasciava mai il tuo e per i brevi secondi prima che tu parlassi, sembravano ore. “Sto bene,” dissi severamente. Si è avvicinata a te. Puoi fermarti in qualsiasi momento, disse Mila. Le sue morbide labbra a pochi centimetri dalle tue. Perché stava facendo questo? Doveva sapere che ti stava facendo impazzire. Le scosti una...

811 I più visti

Likes 0

Dita Di Blueheatt …..Quando mia moglie Linda era piccola, dormiva con la sorella maggiore. Sua sorella maggiore aveva invitato un'amica a passare la notte. Tre nel loro grande letto non erano un problema. Durante la notte mia moglie si svegliava sentendo movimenti nel letto e gemiti sommessi. Aprì gli occhi e vide la sorella maggiore e l'amica girarsi l'una di fronte all'altra e fare qualcosa. Faceva finta di dormire ma osservava. Le due ragazze si stavano toccando a vicenda. Respiravano affannosamente e da loro provenivano piccoli gemiti. Le loro dita erano l'una nella figa dell'altra e si muovevano dentro e fuori...

556 I più visti

Likes 0

Silenzioso e senza fiato

Silenzioso e senza fiato È la casa di Tammy. Sta dando una festa. Quando arrivo lì, posso dire che è un po' alticcia... più rumorosa del solito. Ricevo il saluto regolare. Quando mi vede salta su e mi abbraccia con le gambe. Mi dice che le manca la mia faccia stupida poi mi offre da bere. Il resto della sua piccola squadra di Blow Out è lì. Sage e anche un paio di altri ballerini. So che è casa sua, ma non so come la paga. Davvero carino, troppo carino per uno della nostra età. Faccio il giro della casa, la...

578 I più visti

Likes 0

Ragazzi adolescenti nudi che nuotano al liceo con hard-on

Ero una matricola in un liceo di una grande città negli anni '70 e non sono rimasto sorpreso quando nel mio primo semestre ho nuotato e per motivi di salute pubblica, tutti i ragazzi lo facevano nudi. Ero stato avvertito dai miei fratelli maggiori e provenendo da una famiglia di nove bambini, tra cui sorelle e una madre che allatta continuamente, non ero timido o estraneo al corpo nudo. Il primo giorno ci è stato detto che se avessimo sentito tre brevi raffiche di fischio, dovevamo uscire rapidamente dalla piscina, allinearci sul bordo e affrontare le gradinate, perché potrebbe esserci un'emergenza...

2.3K I più visti

Likes 0

Vile - Capitolo 1 - Il mucchio

La calda spalmatura di nettare sanguigno sulla tua pelle di porcellana ringiovanirà il vuoto dell'oscurità all'interno del quale la tua anima dovrebbe ma non risiede, perché se il vuoto dello spirito è privo di tutto tranne il gelo amaro del nulla che sfida irascibilmente i propri desideri dovrebbe essere gettato da parte e riempito fino all'orlo dal sangue appena travasato.A te lascerò la servitù non del mio legittimo governo, ma al loro stesso lascito di eterna lealtà al trono d'avorio della Guglia Bianca su cui il Signore ti parla ora; i tuoi non servono al trono se dovessi appassire fino a...

749 I più visti

Likes 0

Una ragazza impara la lezione

Tornando faticosamente verso le stalle, Katy si chiese se questo lavoro valesse davvero tutta la fatica. Aveva fatto una lunga passeggiata e ora cominciava a piovere. Si sarebbe inzuppata nell'ultimo miglio. Tirò il guinzaglio del cane e iniziò a correre verso la fattoria e il rifugio. Lavorava al maneggio ormai da sei settimane e le vacanze estive erano quasi finite. Questo è stato l'inizio della sua settimana scorsa. Il lavoro non era molto ben pagato, ma poi la signora Johnson, la proprietaria della scuola di equitazione, permise a Katy di stallare lì il suo cavallo gratuitamente e lei poté cavalcare tutti...

495 I più visti

Likes 0

Melina della WWE

Era la mattina di mercoledì 28 dicembre mentre mi dirigevo verso gli uffici della WWE a Stamford alle 8:30. Due notti fa ho passato la notte con Trish Stratus, poi ieri sera ho passato la notte con l'ex diva Debra Marshall, anche se alla fine ero di umore acido perché ho scoperto che aveva cospirato con Stephanie per incasinarmi la testa. Abbiamo fatto sesso nella limousine, poi me ne sono andato verso le 22:00 e, per quanto ne sapevo, lei sarebbe tornata in Texas per fare qualunque cosa avesse fatto lì. Il sesso era fantastico, forse il migliore della mia vita...

540 I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.4K I più visti

Likes 0

Gokkun Bazooka

Barbara fece i gargarismi con i sei carichi di succo di noci salato e amaro caldo e ingoiò. Il signor Johnny numero sette si è fatto avanti e ha scaricato uno schizzo che ha colpito il palato di Barbara con un tonfo udibile. Il nome del ragazzo non era proprio Mr. Johnny numero sette, ovviamente. Barbara non conosceva il suo nome. Era un ragazzo in sovrappeso con capelli castano rossiccio, forse 35 o 40 anni e aveva un pene di 3 pollici. Barbara non l'aveva mai incontrato e non l'avrebbe mai fatto. Era il tipo di ragazzo che non avrebbe guardato...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.