Un compleanno incesto capitolo 15

23Report
Un compleanno incesto capitolo 15

Nota: ho studiato come un matto per questo capitolo cercando di entrare nella mente femminile, quindi fammi sapere come ho fatto. È il più lungo di sempre con 35 pagine, le donne mostrano i loro sentimenti più degli uomini, quindi ho dovuto scrivere di conseguenza. La storia è vista da Rita, in questo modo puoi vedere tutte le sue emozioni e cose del genere, e c'è una sezione in cui la vista è dalla mamma, così puoi vedere come funziona la sua mente astuta. Mi ci è voluto un po' per scrivere questo, ma è perché stavo lavorando ad altre storie. Continuerò a scrivere questa serie, ma non dimenticherò le mie altre storie durante il processo. Haha basta parlare, avanti con la storia.






Randy ed io eravamo scesi al piano di sotto per vedere zia Lisa imbronciata a tavola con la mamma. La sua casa è stata danneggiata dalla tempesta e ora aveva bisogno di un posto dove stare finché non fosse stata riparata. Essendo la famiglia amorevole che siamo (nessun gioco di parole), è stato rapidamente deciso che sarebbe rimasta qui, ma non avevamo idea di dove. Ne abbiamo discusso per un po' finché non siamo finalmente giunti a una conclusione di cui eravamo tutti contenti, Randy e io in particolare, lei avrebbe preso la mia stanza e io avrei condiviso la stanza di Randy con lui. Abbiamo adorato quell'idea, mamma e zia Lisa sapevano che anche noi lo amavamo, ne è valsa la pena l'intero compito di trasferirla da noi. I tre giorni successivi abbiamo impacchettato i suoi vestiti, scarpe, trucco, qualsiasi cosa e tutto ciò che potevamo e l'abbiamo riportato a casa per i lunghi spostamenti. Tutto è stato ammucchiato nel soggiorno fino a quando non è stata pronta a metterlo via, il che si è rivelato essere oggi, e tutti abbiamo avuto l'onore e il privilegio di aiutarla, yay.

Non vedevamo l'ora di aiutare zia Lisa a sistemare tutta la sua roba, ce n'era così tanto. A peggiorare le cose, Randy e papà stavano partendo per andare da qualche parte con Jim e Chris, e lasciavano solo mamma, zia Lisa e io a farlo da soli, ma in seguito ho saputo che Stephanie e Marie sarebbero venute ad aiutare. Non volevo che Randy se ne andasse, non ci siamo lasciati da quando ci siamo innamorati, e non ero sicuro di come mi avrebbe influenzato. Randy ed io eravamo nella mia stanza a prendere la mia roba dai cassetti e a metterla negli scatoloni quando abbiamo sentito arrivare i Wilson, e sapevo che era ora che se ne andasse, sfortunatamente. Chiusi rapidamente la porta, corsi verso di lui e lo abbracciai più forte che potevo, stringendolo dentro di me.

“Non voglio che tu diventi Randy,” dissi facendogli la mia faccia da cucciolo più sincera.

«Nemmeno io, ma sai che non mi lasceranno restare. Papà e Jim vogliono portarci da qualche parte, e zia Lisa vuole che le donne la aiutino, ecco perché la mamma ha chiesto a Marie e Stephanie di aiutarla”.

Sospirai. "Lo so, ma non voglio ancora che tu vada, chissà per quanto tempo starai via."

"Lo so, e non so nemmeno dove stiamo andando, non lo diranno né a me né a Chris."

"Non fare niente di pazzo, se provano a fare qualcosa di stupido non farlo!"

"Non lo farò, tornerò da te tutto intero."

"Hai promesso?"

"Prometto."

"Ok. Ti voglio bene Randy. Sbrigati e torna».

"Ti amo anch'io, e lo farò."

Mi sono alzato e l'ho baciato mentre mi sollevava da terra, e ho avvolto le gambe e le braccia intorno a lui, non volendo lasciarlo andare. Ogni volta che l'ho baciato non ho mai voluto fermarmi, e questo valeva doppiamente poiché sapevo che quando l'avevo fatto avrebbe dovuto andarsene. Quando abbiamo sentito tutti entrare al piano di sotto, sapevo che saremmo dovuti scendere, quindi sono scesa da lui con riluttanza, ma l'ho baciato ancora un po' finché non ho assolutamente dovuto fermarmi. Siamo rimasti lassù sperando che forse si dimenticassero di noi e se ne andassero, ma ha deciso di non funzionare in quel modo. Papà ci ha chiamato per scendere le scale e con riluttanza abbiamo smesso di baciarci e ci siamo diretti giù per le scale e verso la cucina dove erano tutti.

"Ecco, sei pronto per partire?" chiese Jim a Randy mentre entravamo in cucina.

"Sì, dove stiamo andando?" Randy ha chiesto indietro.

"È una sorpresa, vedrai quando arriviamo", rispose Jim.

«Nemmeno lui me lo ha voluto dire», disse Chris mentre si avvicinava e mi baciava sulla guancia.

"Spero che non farete qualcosa di stupido, come il paracadutismo", ha detto la mamma.

"Oh no, stiamo cercando di fare qualcosa di divertente, non di farci ammazzare", ha detto papà.

“Bene, perché mi dispiacerebbe vedere il mio piccolo Randy-poo farsi male,” disse Stephanie mentre baciava Randy sulle labbra. So che l'ha fatto solo per recitare davanti ai nostri genitori, ma ancora non mi piace vedere Randy baciarla, comportarsi come la sua ragazza, e non so se lo farò mai, ma devo affrontare esso.

"Ok ok basta chiacchiere, so che voi ragazzi non volete arrivare in ritardo ovunque stiate andando, e abbiamo un sacco di cose da disfare, quindi dovreste andare", disse zia Lisa.

“Desideroso di disfare i bagagli? Non capirò mai le donne. Ok, tesoro, prenderemo la nostra macchina visto che ha più spazio e puoi riportare indietro la macchina di Stephanie e Chris, ok?" chiese Jim.

“Certo tesoro, va bene. Adesso vai avanti, abbiamo del lavoro da fare”, disse Marie.

"Ok va bene, sappiamo quando non eravamo ricercati, solo non uccidetevi signore", ha detto papà.

"Lo stesso vale per te", si vendicò la mamma mentre si dirigeva verso papà e lo baciava. "Divertiti."

Abbiamo salutato tutti e ho dovuto sopportare di guardare Stephanie baciare di nuovo Randy, e lui ha dovuto guardarmi baciare Chris, almeno loro sapevano che era solo una copertura per i nostri genitori. Ho frettolosamente allontanato Randy dalla vista dei nostri genitori e gli ho dato un altro bacio prima che se ne andasse, ha dovuto letteralmente staccarmi da lui prima che ci beccassero, e in quel momento, onestamente, non mi importava se lo facessimo. Ho guardato fuori dal finestrino mentre salivano sull'auto di Jim, uscivano in retromarcia dal vialetto e imboccavano la strada, senza mai distogliere lo sguardo dall'auto finché non era fuori vista. Randy se n'era andato e non mi è piaciuto per niente. Volevo restare lì, sperando che si voltassero e tornassero, ma sapevo che era inutile. Mi sono ripreso e mi sono voltato per vedere tutti gli altri parlare mentre tornavano in cucina. Niente Randy, e una casa piena di donne che disfavano i bagagli tutto il giorno, suonava come un'esplosione.

Mamma, Marie e Stephanie hanno afferrato una scatola e sono salite di sopra mentre io andavo a prenderne una anch'io, e sono stata accolta da zia Lisa che stava venendo a prenderne una anche lei.

"Grazie ancora per aver rinunciato alla tua stanza Rita, questo è solo temporaneo."

“Non è un grosso problema, davvero. So che faresti lo stesso per noi. Inoltre, posso dividere la stanza con Randy adesso,” dissi sorridendo decisamente troppo.

"Oh no, sappiamo già cosa succederà in quella stanza", ha scherzato.

ridacchiai. "Oh sì, ogni possibilità che abbiamo."

“Sesso sesso sesso. Beh, non posso mentire se ne avessi la possibilità lo farei sempre anch'io.

“Beh, non sempre facciamo sesso, facciamo anche altre cose insieme. A volte ascoltiamo musica, giochiamo ai videogiochi o semplicemente ci stendiamo insieme tenendoci l'un l'altro. Quando mi abbraccia e mi bacia e mi dice che mi ama, mi sento così felice, come se fossi la ragazza più fortunata del mondo. Lo amo così tanto, zia Lisa,” dissi facendo del mio meglio per controllare le mie emozioni.

“Posso dirlo, e lui ti ama altrettanto. Sono felice per voi due, fratelli o no, il vero amore è difficile da trovare, dovrei saperlo. Spero che duri per voi ragazzi.

“Grazie zia Lisa, e non preoccuparti, troverai qualcuno anche tu” dissi ricomponendomi. "Beh, è ​​meglio che andiamo a metterci al passo con gli altri, c'è un sacco di roba da sistemare."

Lei annuì ed entrambi prendemmo delle scatole e le portammo nella nuova stanza di zia Lisa. Andavamo tutti avanti e indietro portando scatole al piano di sopra finché alla fine non le trovammo tutte ammassate nella stanza di zia Lisa. Stephanie ed io abbiamo preso la mia roba rimanente e l'abbiamo portata nella nostra stanza, la stanza che io e Randy stavamo condividendo, come una vera coppia, mi piace dirlo. Quando abbiamo preso tutte le mie cose e siamo andate ad aiutare zia Lisa a sistemare la sua stanza, la mamma ha pensato che sarebbe stato meglio se io e Stephanie ci aiutassimo a sistemarmi nella mia stanza e in quella di Randy, e le donne anziane aiutassero zia Lisa a sistemarsi, quello modo in cui avremmo finito più velocemente. Sembrava una buona idea quindi eravamo tutti d'accordo, li abbiamo lasciati e siamo andati nella mia stanza e in quella di Randy, lo adoro!

Una volta entrati, abbiamo iniziato a liberare spazio nel suo comò e cassettiera per farmi mettere i vestiti. Mentre stavo spostando i suoi vestiti in un altro cassetto, mi sono imbattuto nella maglietta degli U2 che indossava quando siamo andati al concerto, e mi ha riportato alla mente i ricordi di quando mi abbracciava e cantava per me, ero di nuovo nel mio piccolo mondo dei sogni. Dio, avrei voluto che fosse qui in questo momento per poterlo baciare, perché dovevano passare una stupida giornata da ragazzi? Volevo stargli vicino, toccarlo, almeno sentire la sua voce. Proprio in quel momento il mio telefono ha iniziato a squillare nella mia tasca, e immagino che la fortuna fosse dalla mia parte per almeno una cosa perché l'unica persona a cui avevo assegnato quel tono era Randy, ho risposto felicemente al telefono.

“Ehi piccola! Stavo solo pensando a te. Mi manchi."

"Mi manchi anche tu. Ti ho pensato da quando siamo partiti. Cosa state facendo ragazzi?"

“Stiamo sistemando la mia roba nella “nostra” stanza, mi piace come suona! Dove vi portano ragazzi?"

“Siamo a una partita di baseball, è al terzo inning. Mi piace anche come suona, la 'nostra' stanza, bella.

"Quanto tempo ci vuole? Quando tornerai?"

"Dipende, di solito qualche ora, ma hanno detto qualcosa su un bar dopo la partita".

"Che cosa? No! Starai fuori tutta la notte, non è giusto!

«Lo so, ma ci hanno portato e le donne non ci faranno rientrare finché non avranno finito.»

"Continuo a non piacermi, non voglio aspettare il resto della giornata per vederti!"

"Nemmeno io, ma pensa a quanto saremo più felici quando ci rivedremo."

Sospirai, aveva sempre un modo per calmarmi. "Ti voglio solo qui con me."

“E lo sarò, ma prima dobbiamo superare la giornata. Possiamo farcela, dobbiamo solo trovare cose da fare per occupare il nostro tempo e i nostri pensieri, poi sarò a casa a tenerti in braccio in pochissimo tempo.

"Hai promesso?"

"Prometto. Devo andare, stanno tornando con le merendine.

“Ok, ti ​​amo Randy.”

“Ti amo anch'io Rita, ci vediamo quando torno a casa. Ti amo."

Ho aspettato di vedere "chiamata terminata" sullo schermo prima di mettere via il telefono. Non avrei mai pensato che mi sarebbe mancato così tanto dopo essere stato via solo un paio d'ore, e mancava ancora il resto della giornata, sapevo solo che il tempo sarebbe passato più lentamente che poteva. Ho guardato anche Stephanie che stava appena riattaccando, forse Chris l'ha chiamata come Randy ha chiamato me. Siamo tornati a fare spazio alla mia roba quando Stephanie si è imbattuta nel cassetto della biancheria intima di Randy.

"Oooh guarda cosa ho trovato", disse agitando un paio dei suoi boxer in aria.

"Ehi, rimettili a posto, solo io posso toccarli!"

“Hmmm diventando tutto cattivo per un piccolo paio di pugili innocenti! Mi chiedo che odore abbiano.

"Dammi quelli!" dissi mentre mi lanciavo verso di lei e gliele strappavo dalle mani. "Vai ad annusare i boxer dei tuoi fratelli, questi sono i miei", gongolai mentre li facevo girare e poi li rimettevo a posto.

"Non voglio sentire l'odore dei suoi boxer, non fa la doccia così spesso come me."

"Scommetto che se ti offrissi di fare la doccia con lui, le farebbe più spesso."

"Forse, vale la pena provare" disse mentre si sedeva sul letto. "Vi ho sentito al telefono, siete davvero innamorati, vero?"

Interruppi quello che stavo facendo e mi sedetti accanto a lei e fissai il vuoto. "Sì. Non avrei mai immaginato di poter amare qualcuno tanto quanto lo amo, lui significa tutto per me”.

Mi cinse con un braccio e appoggiò la testa contro la mia. “Sono felice per voi ragazzi, davvero. Dev'essere dura recitare davanti ai nostri genitori, dover baciare altre persone quando vorresti baciarti a vicenda. Ho visto quella faccia che mi hai fatto stamattina.

“Scusa, è solo che quando lo baci ti vedono come la sua ragazza, ed è così che voglio che mi vedano, ma so che è impossibile, mio ​​padre ci ucciderebbe. Voglio essere io a baciarlo in quel modo.

"Diventerà più facile con il tempo, almeno lo ha fatto con me e Chris."

"Questo perché voi due non siete innamorati, vero?"

“Non lo so, è ancora un po' presto per dirlo. È stato meno leccaculo dall'ultima volta che siamo stati tutti a casa nostra, ed è stato bello quando mi ha abbracciato.

“Adoro quando Randy mi abbraccia, è come se nient'altro avesse importanza e tutto fosse perfetto solo per quel momento. Voi due potreste essere proprio lì dove siamo tra un po'.

“Immagino che dovremo solo aspettare e vedere. Tornerò a sistemare le cose e starò lontano dalle mutande di Randy,” disse come se già sapesse che l'avrei detto.

Abbiamo passato un sacco di cose, mettendo i miei vestiti nei cassetti, appendendo i vestiti nell'armadio, facendo spazio alle mie scarpe, avevamo quasi finito tranne che per un altro paio di scatole di vestiti e tutto il mio trucco e roba del genere. Ho preso la mia borsa dei trucchi e Stephanie è andata a prendere un'altra scatola, l'ha aperta e ha sorriso. C'erano solo due cose che non avevamo ancora affrontato, i miei accessori con tutte le mie cinture, cappelli, bracciali, ecc., e la mia biancheria intima. Ne tirò fuori un paio che sembrava fin troppo familiare e mi sorrise mentre camminava verso di me e si sedeva accanto a me sul letto.

"Ricordi questi?"

Ho sorriso tra me e me, l'ho fatto. "Sì, quelle sono le mutandine che indossavo quando abbiamo fatto casino per la prima volta."

"Ricordi com'era bello toccare una ragazza per la prima volta?"

Ho ripensato alla prima volta che ho sentito le sue labbra sulla mia figa. In quella stanza, da sola, la sua testa che spuntava tra le mie gambe, regalandomi la mia prima esperienza in assoluto con una donna, per non parlare di quanto sia stata un'esperienza meravigliosa. Mi ero sempre chiesta come sarebbe stato sessualmente stare con un'altra donna, e il modo in cui mi leccava la figa, così morbida, così sensuale, facendo scorrere avidamente la lingua su ogni centimetro finché non le venivo come un geyser su tutto il viso. è stata un'esperienza memorabile, mi stavo bagnando solo a ricordarmela, anche la sua mano che mi strofinava la figa non mi aiutava.

“So che ti manca Randy, ma possiamo ancora divertirci. Posso aiutarti a tenere la tua mente lontana da lui finché non torna,” disse mentre girava il mio viso verso il suo e mi baciava.

Ci siamo baciati l'un l'altro mentre mi toccava sopra i miei vestiti, facendomi scivolare la lingua in bocca, poi mi sono reso conto che Marie era la porta accanto e non aveva idea della relazione che avevamo tutti.

"Stephanie aspetta, tua madre è alla porta accanto, potrebbe venire qui da un momento all'altro."

“Non mi interessa, lasciala fare. Forse le piacerà quello che vede e vorrà unirsi a loro. Non è così innocente come pensi, ha avuto la sua giusta dose di momenti selvaggi e folli, credimi, lo so.

"Che cosa vuoi dire con questo?"

Non ha detto niente, si è solo alzata, ha chiuso a chiave la porta, ha acceso la radio, poi è tornata e si è seduta di nuovo accanto a me sul letto. "Non preoccupiamoci di questo, preoccupiamoci l'uno dell'altro."

Ci siamo baciati di nuovo mentre lei passava la sua mano sulla mia figa, strofinandola in cerchio mentre mi succhiava le labbra. Abbiamo interrotto il bacio quel tanto che bastava per toglierci le magliette e poi ci siamo ripresi. Mi ha sganciato il reggiseno mentre io le sbottonavo i pantaloni e le stringevo le tette tra le sue piccole mani morbide. Per il momento ho lasciato stare i suoi pantaloni e le ho sganciato il reggiseno per poter giocare anche con le sue tette. Non riuscivo a tenere completamente nessuno dei suoi seni tra le mie mani, quindi li ho semplicemente strizzati e pizzicato i suoi capezzoli tra le mie dita mentre lei pizzicava i miei stessi capezzoli. Si chinò in avanti su di me finché il suo peso non mi fece ricadere sul letto, senza mai interrompere il bacio. Gemevamo l'uno nella bocca dell'altra mentre ci passavamo le mani l'una sull'altra e ci strofinavamo le tette. Dopo un po' di pomiciata, Stephanie ha deciso che ne aveva abbastanza dei nostri pantaloni e si è fatta scivolare i suoi giù per le gambe, insieme alle sue mutandine di cotone rosa e ha sbottonato le mie e le ha tolte anche a me. Si è presa del tempo per togliermi le mutandine e quando le ha tolte le ha lasciate cadere sul pavimento e si è inginocchiata davanti alla mia fica.

“Bellissimo come me lo ricordavo. Mi chiedo se abbia anche un sapore altrettanto buono.

"Perché non ci dai una leccata e lo scopri?" Non ho potuto farne a meno, mi ha fatto eccitare.

Quando le parole hanno lasciato le mie labbra, ha immerso la testa tra le mie gambe e ha fatto scorrere la lingua su tutta la lunghezza della mia figa. Ho dovuto inarcare la testa all'indietro e mordermi il labbro per non gemere troppo forte. La sua lingua si sentiva così bene su di me. La mia schiena si è sollevata dal letto e lei ha alzato le mani e mi ha coperto le tette e mi ha spinto di nuovo sul letto.

"Oh dio Stephanie, leccami la figa!"

"Mmmmm Rita hai un sapore così buono, la tua figa ha un sapore migliore della mia!"

"Perché non sali qui e mi lasci scoprire?"

Tornai sul letto per darci più spazio e lei si arrampicò sul letto e fece oscillare la gamba sopra la mia testa, mettendo la sua figa ben rasata direttamente sul mio viso. Lei è tornata subito a leccare la mia figa pulita, e l'ho tirata giù verso il mio viso e ho attaccato le mie labbra alla sua figa. Infilai la mia lingua dentro e fuori dalla sua figa e le strinsi le chiappe tra le mani, il suo culo sembrava più sodo del mio, qualcos'altro che aveva su di me, ma non mi importava, mi piaceva com'era il mio culo, e da dal modo in cui stava succhiando avidamente la mia figa, potevo dire che a Stephanie piaceva il modo in cui era la mia figa. Aveva un sapore davvero buono, così buono che mi ritrovai a cercare di succhiarle più succo che potevo.

"(slurp) Mmm Stephanie, anche tu hai un buon sapore", dissi tra una leccata e l'altra.

Borbottò una risposta ma non staccò mai le labbra dalla mia figa. La sentii finalmente allontanarsi e gemetti per la delusione, ma passò rapidamente quando tirò indietro il cappuccio che copriva il mio clitoride e lo succhiò tra le labbra. Inspirai e cercai di controllarmi mentre la sua lingua di seta faceva miracoli sul mio clitoride. Non sapevo cosa stesse facendo, ma qualunque cosa fosse, stava avendo un grave effetto su di me. Le mie cosce tremavano e stavo roteando la mia figa in faccia, sapevo che ero sul punto di venire, ma volevo resistere il più a lungo possibile. Ho provato a distrarmi leccando di più la sua figa, ma sembrava che più le mangiassi la figa, più si sforzasse di succhiarmi la clitoride. Lo stavo perdendo. Sentii crescere dentro di me un fuoco che accadeva solo quando stava arrivando un orgasmo, e non importava quanto ci provassi, non riuscivo a combatterlo.

“Fanculo Stephanie, sto per venire! Sento che sta arrivando!

“Bene, tira fuori tutto. Vai avanti e vieni così posso leccarlo tutto!

Le sue parole lo hanno fatto. L'immagine di lei che mi lecca la figa pulita mentre le schizzo addosso mi manda oltre il limite e in pochi secondi vengo. Ho usato la sua figa per mettere a tacere le mie urla in modo che i nostri genitori non ci sentissero, ma non ho potuto fare nulla per fermare quanto stavo venendo forte. Tornai indietro, fissando la sua fessura rosa scivolosa mentre leccava il succo rimanente dalla mia figa e si voltò finché non fu faccia a faccia con me e premette le sue labbra sulle mie. Ci siamo modellati l'uno nei corpi dell'altro mentre facevamo rotolare le lingue l'uno nella bocca dell'altro.

"Come è stato? Ti ho fatto sentire tutto carino e formicolante? Stefania sorrise.

"Oh sì, il mio corpo si sente tutto caldo dentro, mi hai fatto sentire così bene proprio ora."

"Bene, perché non ho ancora finito con te."

“Non credo, è il mio turno di divertirmi un po'.”

L'ho girata così ora ero a cavalcioni su di lei e l'ho baciata, poi lentamente mi sono avvicinata al suo petto e ho preso uno dei suoi capezzoli in bocca. Gemette e mi prese la testa, assicurandosi che le rimanessi stretto. Passai all'altro e leccai intorno all'aureola prima di succhiare il capezzolo in bocca proprio come avevo fatto con il primo. Le strinsi la tetta libera mentre succhiavo l'altra, e lentamente lasciai che la mia mano scendesse lungo il suo corpo finché non trovai la sua apertura. Proprio come pensavo, la sua figa era ancora estremamente bagnata. Ho staccato le labbra dal suo capezzolo e ho succhiato due delle mie dita, poi le ho guidate verso la figa di Stephanie e le ho fatte scivolare proprio dentro. Proprio quando ha aperto la bocca per gemere ho coperto le sue labbra con le mie, lavorando la mia lingua contro la sua. Ho iniziato a pompare le mie dita dentro e fuori di lei, costringendola a interrompere il bacio e gemere, e ho colto l'occasione per succhiare di nuovo i suoi capezzoli super duri. Riuscivo a malapena a sentire la sua figa sguazzare sopra la musica soft che ancora suonava mentre spingevo le dita dentro e fuori di lei. Mi coprì la mano con la sua, continuando a gemere per le mie dita invadenti e per le mie labbra che le succhiavano i capezzoli.

“Ti piace, vero Stephanie? Ti senti tutto formicolio dentro?

"Mm-hmm, è così bello, per favore non fermarti!"

"Vuoi che continui a toccarti finché non mi vieni sulla mano, vero?"

"Sì, voglio venire così tanto, per favore fammi venire!"

Sono passato a fotterla con le dita con il medio e l'indice in modo da poter giocare con il suo clitoride con il pollice. L'ho fatto girare in tondo e ho morso il suo capezzolo tra i denti e ho pizzicato l'altro capezzolo tra le dita. Il modo in cui gemeva e si contorceva sotto di me sapevo che sarebbe venuta da un momento all'altro. Ho continuato a farlo, deciso a non darle la possibilità di rilassarsi fino a quando non è venuta come ha fatto con me, e poi l'ho sentita afferrarmi la testa con una mano e aiutarmi a scoparla con l'altra mentre le sue gambe si serravano, infilando le mie dita nella sua figa. Stava venendo e veniva forte.

"Oooooooh fanculo Rita, sto venendo, sto venendo summmmmmmmmm!"

Ho sentito la mia mano diventare molto più bagnata quando i suoi succhi sono colati su di essa mentre lei veniva sotto di me. Ho liberato la mano mentre lei stava ancora venendo e le ho leccato via i suoi succhi, poi ho coperto il mio corpo con il suo. Immediatamente mi avvolse le braccia intorno al collo e mi tirò giù per baciarla. Ho ricambiato con entusiasmo il bacio mentre gemevamo di nuovo l'uno nella bocca dell'altro, assaporando il sapore della fica l'uno dell'altro sulle nostre lingue. Cominciò a strofinare la sua figa contro la mia come se mi fottesse, e nel movimento mi sfiorò la clitoride, mandandomi una piccola scossa di elettricità, mi sentivo bene. Ho iniziato a strofinarmi contro di lei, assicurandomi di colpire il mio clitoride ad ogni spinta. Le nostre tette erano fracassate insieme ed entrambi ansimavamo pesantemente mentre schiacciavamo le nostre fighe l'una contro l'altra sempre più forte. Incrociò le sue dita nelle mie e mi fissò dritto negli occhi mentre il nostro respiro diventava più irregolare. Quasi d'istinto prendemmo velocità saltandoci l'un l'altro fino a gemere entrambi, quasi come se non fossimo più in grado di controllare i nostri corpi. Ogni forte spinta sul mio clitoride mi faceva muovere molto più velocemente, e la faceva spingere contro di me molto più forte. Poi l'ho sentito, un formicolio che iniziava molto poco poi si accumulava drasticamente fino a quando non era proprio sul bordo pronto a ribaltarsi. Dallo sguardo negli occhi di Stephanie ho potuto dire che stava provando la stessa cosa, e ha aggiunto all'intensità della situazione. Lo sguardo negli occhi dell'altro, i gemiti e l'intensa sessione di macinazione hanno finalmente preso il controllo di noi e lei ha avvolto le gambe intorno a me e ha gettato la testa all'indietro mentre seppellivo la mia faccia nel suo collo e siamo venuti, insieme, i nostri corpi tremanti e aggrappandosi gli uni agli altri. Non so quanto sia durato, o per quanto tempo siamo rimasti così, ma non mi importava, avevo solo un orgasmo e non avevo nemmeno niente nella figa. Alzai la testa e guardai Stephanie, che mi stava sorridendo, poi portò le sue labbra sulle mie in una dolce serie di baci.

"Sei incredibile, lo sai?"

Ridacchiai al suo complimento. «Anche tu non eri così male. Non sono mai venuto così prima d'ora.

"Tipo cosa?"

“A malapena a farmi toccare la figa. Di solito bisogna fargli qualcosa.

"Beh, adesso ce l'hai", disse mentre mi baciava di nuovo. Rimanemmo sdraiati lì per un po' finché non mi batté sulla spalla. "Dovremmo alzarci, non vogliamo che ci arrivino addosso in questo modo."

Ho annuito e sono sceso da lei. Abbiamo iniziato a cercare i nostri vestiti che erano stati sparsi per la stanza durante la nostra piccola sessione e abbiamo iniziato a vestirci una volta trovato tutto.

“Puoi spegnere la radio? Non credo che ne abbiamo più bisogno», sorrise Stephanie.

Mi sono tirato su le mutandine e mi sono messo i pantaloni e sono andato alla radio in topless e l'ho spenta. "Meno male che ce l'abbiamo fatta, o potrebbero averci sentito", ho scherzato.

“Sì, siamo diventati piuttosto rumorosi. Va bene però, probabilmente sono comunque impegnati a mettere su roba.

-------------------------- (In camera di Lisa, 1 ora fa, POV di mamma) ----------- ------------------



Dopo un sacco di trascinamenti, avevamo finalmente portato tutte le scatole al piano di sopra e avevamo iniziato a disimballarle. Ho appeso i vestiti di Lisa nell'armadio mentre iniziavo a cantare tra me e me una delle mie canzoni preferite.

(cantando) "Baby, non vedo l'ora, finché non chiami al telefono, non vedo l'ora."

“Oh, adoro quella canzone! La canta Nu Shooz”, disse Marie mentre ripiegava una maglietta nel cassetto.

“Cosa non darei per tornare adolescente. Giovane, si diverte tutto il tempo, nessuna bolletta di cui preoccuparsi, nessuna preoccupazione al mondo ", ha detto Lisa.

"Quelli erano i giorni. La mia più grande decisione è stata cosa indossare a scuola ", ho aggiunto.

Lisa rise. "E con quale ragazzo volevi uscire, come entrare nella squadra di tifo, e come convincere papà a comprarti un'auto, e come rendere Tammy Jones gelosa di te, e cosa indossare al ballo di fine anno..."

"Ok sgualdrina, abbiamo capito!" Ho riso mentre lanciavo una maglietta a Lisa. "Passami quella scatola laggiù."

"Deve essere stato fantastico crescere insieme, non avevo una sorella a cui rubare vestiti e con cui litigare", ha detto Marie.

"Oh, non abbiamo litigato, eravamo vicini come sempre, lo siamo ancora", dissi, nascondendo il significato nascosto.

"Posso dire che è stato cancellato anche dai tuoi figli, sono così vicini", ha detto Marie.

Se solo lo sapessi, ho pensato. “Proprio come i tuoi figli, ma un po' di più. Sono cresciuti tutti per piacersi così tanto in così poco tempo.

“Sì, l'hanno fatto, è sempre un buon segno. A proposito di bambini, Lisa, come mai non sei riuscita ad averne? chiese Maria.

"Oh sai, donna in carriera, più concentrata sul suo lavoro che sul trovare un uomo, non ha tempo per una famiglia, quando finalmente lo fa ha 30 anni, conosci la storia."

“C'è sempre tempo sai, c'è un ragazzo là fuori con il tuo nome dappertutto. Magari fai in modo che presto qualche tuo figlio corra da queste parti.

"Spero che tu abbia ragione, ma per ora posso evitare di essere una MILF, sono felice solo di essere una zia."

Non ho potuto fare a meno di ridere di me stesso. Scommetto che è felice di essere una zia, di poter dormire con tua nipote o tuo nipote quando vuoi, diavolo sono altrettanto felice di essere una mamma, anche se non ho fatto niente con nessuno dei miei figli da un po' mentre, forse dovrei cambiarlo, ma prima ho bisogno di avere un po' di tempo per "crescere". Era giunto il momento di far accadere alcune cose.

"Hai troppi vestiti Lisa, stai finendo lo spazio nell'armadio", dissi.

"Beh, non volevo lasciare niente a casa e correre il rischio che si rovinassero."

“Non sapevo che ne avessi così tanti. L'armadio è praticamente pieno e ti rimangono ancora due scatole di vestiti, non è possibile che ci stiano tutti qui.

“Non c'è niente che puoi fare? Tutti i miei vestiti devono essere appesi.

“Hai qualcuno di quei trucchetti che vendono in tv? Sai quelli su cui puoi appendere cinque cose diverse e tirare il fermo in modo che penda e occupi meno spazio?

Pensò per un minuto. "No, non li ho, ma li vendono al negozio in fondo alla strada, quel negozio di liquidazione, corro a prenderne un po'."

"No, ho bisogno che tu resti qui e ci mostri dove va tutto."

"Allora dovremo stipare tutto lì dentro e adattarlo."

"Posso correre al negozio a prenderli, so di quali grucce stai parlando", disse Marie.

"No Marie, non possiamo chiederti di farlo", dissi.

“Non me l'hai chiesto, mi sono offerto volontario. Non è un grosso problema, davvero ", ha risposto.

Lisa si avvicinò e l'abbracciò. "Grazie Marie, sei un salvavita!"

"Sì Marie, davvero, ci hai appena risparmiato un sacco di problemi", ho seguito.

“Qualunque cosa io possa fare per aiutare. Ne prenderò un mucchio e tornerò il prima possibile”, disse uscendo dalla stanza, scendendo le scale e uscendo dalla porta principale. Gotcha, amo, lenza e piombino.

Ho sorriso tra me e sono tornata ad appendere i vestiti per lei e lei ha iniziato con un'altra scatola, piegando i vestiti nei cassetti. Ho spostato i vestiti sul palo, aprendo un mucchio di spazio libero e ho appeso il resto dei suoi vestiti. Quando stavo riattaccando l'ultimo, Lisa ha notato che avevo ripulito tutte le scatole e tutto era appeso, con spazio libero.

“Li hai montati tutti? Pensavo avessi detto che non c'era abbastanza spazio?"

"Immagino di essermi sbagliato, pensavo che avessi più vestiti di quanti ne avessi."

"Marie è appena uscita, cosa dirà quando tornerà e vedrà tutto a posto?"

Sorrisi mentre chiudevo la porta e iniziavo a camminare verso di lei. "Non credo che sarà troppo concentrata su questo quando tornerà qui."

Prima che avesse la possibilità di rispondere, l'ho afferrata e l'ho baciata più profondamente che potevo, proprio come facevo quando eravamo adolescenti. All'inizio fu sorpresa, ma ricambiò rapidamente il bacio. Ho fatto marcia indietro finché non abbiamo raggiunto il letto e mi sono seduto mentre ero ancora con le labbra chiuse, finché lei ha rotto il bacio sorridendomi.

“C'era sempre abbastanza spazio nell'armadio, vero? Volevi solo farci stare da soli.

Ho ridacchiato un po'. "Potrebbe esserci stato un piccolo spazio qua e là di cui mi sono dimenticato."

“Lo sapevo, piccolo diavolo. Hai dimenticato un piccolo dettaglio però, Marie sta tornando.

“Esattamente,” sussurrai e premetti le mie labbra sulle sue.

Non ha litigato con me quando ho iniziato a sbottonarle la camicia e gliel'ho tolta, adoro essere la sorella maggiore dominante, è fantastico. Ho spremuto i suoi enormi seni attraverso il suo reggiseno di pizzo nero e ho aperto la fibbia. Ho guardato le sue tette fuoriuscire e ho coperto rapidamente il suo capezzolo con la mia bocca. Lei gemette e mi prese la testa mentre le succhiavo il capezzolo come se stessi cercando di tirarne fuori il latte. Adorava quando le succhiavo le tette e io adoravo succhiarle.

"Mmmm mi piace quando mi succhi le tette, sorella."

“So che lo fai, e adoro succhiarli. Perché non succhi anche il mio?

Si alzò a sedere e mi sollevò la maglietta sopra la testa, mi slacciò il reggiseno (aveva il gancetto davanti), mi stese sul letto e cominciò a succhiarmi le tette. Ogni volta che mi stringe la tetta, mi lecca l'aureola o mi succhia il capezzolo in bocca, ripenso a quando abbiamo iniziato a scherzare, quando appena eravamo soli mi strappava la maglietta e si metteva un capezzolo in bocca tempo record. Mi mancavano quei giorni, ma in quel momento mi stavo divertendo ancora di più. Ho sentito la sua mano iniziare a scendere lungo il mio corpo sopra le gambe coperte dalla gonna e poi l'ho immersa sotto e ha risalito le mie gambe, dove si è imbattuta nella mia figa bagnata e senza mutandine.

“Piccolo diavolo subdolo. Sapevi solo cosa sarebbe successo, vero?"

«Non ne avevo idea», mentii, sapendo benissimo che non mi credeva.

Riportò la sua attenzione al capezzolo che non succhiava e iniziò a massaggiarmi la figa. Non sapevo su cosa concentrarmi, i suoi denti che si stringevano sul mio capezzolo o le sue dita che scivolavano lentamente tra le mie labbra, minacciando di penetrarle. Ha reso la decisione più facile quando ha baciato il mio petto nudo e ha sollevato la gonna in modo che fosse intorno alla mia vita, mi ha aperto le gambe e ha attaccato le sue labbra alla mia figa. Rabbrividii in estasi mentre la sua lingua scivolava sulle mie labbra, facendomi venire la pelle d'oca. Allargai le gambe, mi appoggiai indietro sulle spalle e gettai indietro la testa, assorbendo il piacere che la mia sorellina mi stava dando con le sue labbra magiche.

“Ooooh sì Lisa leccami la figa. Lick your big sisters pussy,” I moaned.

She looked up at me and I looked back at her as she cracked a smile from under my pussy. I bunched some pillows up behind me so I could look at her as she ate my pussy. We never broke eye contact as she sucked my lips into her mouth and darted her tongue inside me as I brushed her hair out of the way. Looking down at her while she looked back up at me with her hands gripping my thighs and a mouth full of my pussy, and the fact that it was my little sister doing the licking made the feeling that much better. I controlled my moaning and held my hand on the back of her head and traced my foot along her back, I don't know why I always do that with her, I guess its just instinct. I threw my head back again and enjoyed myself as Lisa wonderfully at my pussy, then I heard a car pull into the driveway and knew it had to be Marie, right on time. I didn't say anything to Lisa and let her keep eating me as I heard Marie come through the house and make her way up the stairs to the door, where she nonchalantly opened it and came in and saw Lisa's head between my naked legs, showtime.

“I got the hangers, they were on sa... oh my god!”

Lisa sat up from my pussy and looked at Marie, who looked like she just seen a ghost. She grabbed a pillow from behind me and covered her tits and I sat up and took one and covered my waist down. Marie dropped the hangers on the floor and stared at us open mouthed, unable to form words.

“Marie! We didn't expect you back so soon,” I lied.

She closed the door and stepped in. “What are you two doing? You're sisters!”

“I told you we were close, I just didn't tell you how close,” I said.

“How can you two be doing this? Its illegal, and its wrong.”

“Oh its not illegal, its just downplayed that way because society is too uptight. And it isn't wrong, we don't just do it for kicks, we genuinely love each other, and we show it,” I replied.

She leaned against the door. “But its incest. How am I supposed to be ok with this?”

“Its not as bad as you make it seem Marie. Haven't you ever had fantasies about someone so much that you just had to act on it? I know you have, everyone does,” Lisa said.

“I remember you telling me about a few certain things you wanted to do with Stephanie,” I added.

“That's different! I had a lot of alcohol that day. And I left it at just that, a fantasy.”

“But you did have them. You're saying you wouldn't have acted if you had the chance?” Lisa asked.

“A mother isn't supposed to have thoughts like that or fantasies for their kids.”

Ok, that got me a little. “But you do. We didn't plan this Marie, it just happened. We cant help who we develop thoughts and feelings for. That's how it started for us, a thought, then it developed into a fantasy, and it just kept escalating. When we had the chance to act on it we did, and we loved it, so we do it as often as possible. The fact that were sisters makes better because it makes it that much more special and it brings us that much closer,” I said as I scooted closer to Lisa.

“This is too much for me,” she said as she wiped her face with her hands.

“When the shock wears off you'll see it isn't as big a deal as it seems. Once you get past the fact that were sisters and accept it for what it is, it wont bother you anymore,” Lisa said.

“I-uh, I just don't know.”

I glared at her with a raised eyebrow, something wasn't right. She didn't seem as upset as she cold have been, instead it felt like something else, like envy. I spoke up. “What bothers you more Marie? The fact that we got the chance to explore our feelings, or the fact that you didn't?” Ho chiesto.

I must have struck something, because she hung her head and bit her lip. “I didn't have any sisters to have feelings for, my daughter is the next best thing, but it still isn't an excuse.”

“Like we said before, its nothing to be ashamed of. You can't help who you develop feelings for. You never know, she might feel that same way about you, it happened for us,” Lisa said.

“I would feel better if it wasn't my daughter, but I don't have a sister like you do.”

“Were like your sisters. These last few months we've grown close to you like you were our own flesh and blood sister. Hell we've even tried on clothes together,” I joked.

She eases up a little. “That's true, I do kinda see you like family now.”

“And it doesn't feel weird that we've had fantasies about you,” Lisa said.

"Che cosa? You do?”

“Of course, for a while now. Haven't you noticed during our clothing sessions I tend to feel you up more than I should? Squeezing your boobs, your ass, even your thighs,” I followed.

“I thought you were just making sure everything fit.”

“I was, but I also wanted to feel you up, and do more than that,” I said.

“I didn't know that.”

“Well now that you do, how do you feel about it?” Lisa asked.

“I don't know, I'm just so confused right now.”

I looked at Lisa and nodded. We both got up, bearing our bare necessities to Marie as we did, walked over to her, each of us grabbing an arm, and guided her to the bed.

“What are you doing?”

“Were gonna help you find out how you feel,” Lisa said.

“I don't know, this is all so sudden for me.”

“Just trust us, if you don't like how its going, you can stop us at any time,” I said.

She sighed and finally relaxed, and I knew we had her. I turned her head towards me and kissed her, pressing my lips softly, but firmly to hers. At first she didn't move, but when Lisa started to massage her tits through her shirt she quickly loosened up and let her guard down. While I was kissing her I heard a radio come on, and knew it was coming from Randy's room where Rita and Stephanie were since there was no one else in the house. They weren't fooling anyone, I knew what they were doing, or at least about to do, and I was getting ready to do the same thing.

I broke the kiss with Marie and pulled her shirt over her head, and Lisa followed suit unhooking her bra as soon as her shirt was off, releasing Marie's huge tits and extremely hard nipples to the air. We both kneaded and massaged Marie's tits, enjoying the soft feel of them and then we each sucked one of her nipples into our mouth. She leaned back on her hands and arched her back, pushing her chest out at us as we both, sucked, licked, and bit her nipples, and she moaned appreciatively. I traced my hand along her leg and let it slowly make its way up her skirt until I got to her panty-clad pussy, which didn't surprise me that it was soaked.

“Mmmm Marie, someones awfully wet down there,” I purred.

“T-That's because I, when I...” she started before I stopped her with a kiss.

“No need to explain, I know exactly what you mean.”

I kissed her again and rubbed her pussy through her panties, which were drenched now, as Lisa continued to suck on her nipple. I moved my hand from her pussy back up to her tit and started massaging it as I kissed her, and right on cue Lisa let Marie's nipple fall from her mouth as she knelt down in front of her, unzipped her skirt, and slid it off her, revealing a very nice pair of creamy thick thighs leading up to a well lubricated pussy. I joined her between Marie's legs as we both hooked her panties in our fingers and slid them down and off her legs, showing us her neatly trimmed square patch of hair over her slippery pussy for the first time. She looked down at us in anticipation of what was to come, but yet still had a hint of arousal in her eyes. I decided we had teased her long enough, and I wanted to find out just how good she tasted, so I pulled her to us and took my first long lick of Marie's pussy, but definitely not the last.

She shuddered as her eyes closed tightly and for the first time since she came back a smile formed on her face. I couldn't believe how good she tasted. I couldn't quite put my finger on it, but she had this sweet, yet exotic taste about her that just made me keep licking. Lisa saw how anxious I was at eating her and joined right in, licking her pussy right along with me, and shocking Marie's eyes open in the process. She looked down at us as two grown women, sisters, tag teamed her pussy with their tongues, licking it, pulling at her lips, tongue fucking it, just about everything.

“Oh god, this is so wrong, but it feels so good” Marie moaned.

“It can't be wrong if it feels that good Marie,” I said back.

“Oh god, I haven't had my pussy licked in years! I forgot just how great it can be!”

“Just sit back, and you'll find out,” Lisa said, and went back to eating her.

I crawled back up Marie's body and found her lips again, where she became the aggressor and grabbed the back of my head and slid her tongue in my mouth, no doubt getting a taste of her own pussy in the process. She broke the kiss and moaned loud into the air, and I looked down and Lisa and saw the reason why, she hap her lips suctioned around her clit.

“She licks really good pussy if you haven't noticed already,” I said.

“Oh believe me I noticed, I haven't been this wired in I don't know how long.”

“Have you ever eaten pussy before Marie?” Ho chiesto.

“I've had my share of girl on girl experiences, not for a while though, ugh, god that felt good.”

I smiled and lay down in front of her. “Lets see just how much you remember.”

She rubbed my thighs, which felt great, then played around with my pussy lips, which felt even better. When she finally had me all warmed up to her liking she lowered her head between my legs and spread my lips swiftly apart with her tongue. Oh. That felt amazing. She had to have a really wide tongue to be able to do that. Then she did it again. Dio mio. She completely had my pussy spread open with just her tongue. To be able to do that, yet alone be the one its getting done to was incredible. I felt her spread my lips open with her fingers and lick the inside of my pussy in circles, for not having done this in a while she sure was doing a great job.

“So how am I doing?” Marie asked looking up from between my legs.

“You're doing wonderful,” I said as I cradled her head, keeping her locked on my pussy.

Lisa looked up from Marie's pussy and gave me a look, and I grinned back at her, and then Marie diverted my attention by sucking my clit into her mouth. I've always had a very sensitive clit, the littlest touch on it and I was immediately aroused, so you can imagine how horny I got when she violently sucked it into her mouth and gritted it on her teeth. I was forced back on the bed and my hands instantly locked behind Marie's head as I ground my pussy into her face. She pulled back off my clit and jammed her tongue in my pussy over and over as if it was a little cock, and I was meeting her thrusts with my own, wishing her tongue was bigger and rounder. I saw Lisa get up but I wasn't too focused on what she was doing, I was busy trying to get myself to cum. As I ground my pussy into Marie's face, I felt her back off, to my disappointment, but I perked up when I felt her slide her fingers inside me.

“Looks like Anna wants something deep inside her pussy,” Marie teased.

“Yes I do, something big. I need to cum, I'm so fucking horny!” I groaned.

“I've got just the thing for her,” I heard Lisa say. “Try this out on her, she loves it.”

I wanted to look up and see what Lisa was talking about, but I couldn't bring myself to do it, it might be better to be surprised anyway. I shuddered when I felt a cold tube touch my pussy, then poke my clit, and I had to look up. Marie had Lisa's double dildo trailing across my pussy, her thick, 14”, double sided purple dildo, we sure had some great times with that. I remember the first time she showed it to me, she had to beg me to try it out, but once I did, she never had to beg me again, I was hooked.

“You want me to slide this in you Anna?” Marie teased again, she came around quick.

“Yes, slide it in my pussy and make me cum!” I all but screamed.

I felt the dildo slide to my hole and spread my lips open, then sheer pleasure as it passed my lips and slid into my canal. I was feeling it, in every sense, and I wanted more and more of it. She started working it in and out of my pussy as Lisa came around to me and put one of her nipples in my mouth. I sucked on it as Marie now jammed the dildo in my pussy picking up speed as she went, making my pussy moisten even more at the friction it was being pounded with.

“Oh god yes! Fuck my pussy! Ram that dildo in me!” I moaned as I sucked Lisa's tits.

Marie did just that. Her hand could cut through metal as fast as she was ramming the dildo into me, and I was loving it. Lisa pinched my nipples as I sucked on hers while Marie shoved the dildo in me, and I could feel myself starting to heat up. As if she already knew what to do, I felt Marie's finger start to draw circles around my clit, and I knew it was a matter of time before I exploded into orgasm. She kept stabbing me with the dildo and torturing my clit, and Lisa kept pinching my nipples until my body just couldn't take anymore. I locked up and spasmed over and over, squirting all over the big purple dildo as a fantastic orgasm shot through my body, taking my breath away and leaving me a shaking mess on the bed. Marie looked on in fascination as I squirted all over the bed, no doubt leaving a big spot under me as my pussy emptied itself. She pulled the dildo out of me and surprised both Anna and I by licking my juice off of it. I sat up and took the dildo from her and lay her on the bed.

“Now its your turn, both of you,” I said as I looked from Marie to Lisa.

I kneeled in front Marie's pussy on the bed and teased her pussy with the dildo like she did me, and she moaned and tried to sit up, but I wouldn't let her. When I had enough of teasing her I spread her lips with my fingers, gave her pussy a good lick or two to get it all nice and wet (as if it wasn't already wet enough) then slid it slowly into her all the way up to the half point.

“Oh god yes, its so thick! Its stretching my pussy!” Marie cooed.

“Just wait, it'll get even better,” I assured her as Lisa lay down in front of Marie.

Lisa scooted up until the dildo was resting on top of her pussy, and I grabbed it and guided it into her. She didn't wait for me to push it all the way into her, she did it herself as her pussy came in contact with Marie's with a squishing sound.

“Oooooooh yeah, just like I remember it,” Lisa grinned.

I kissed her as she and Marie slowly got into a rhythm of fucking each other scissor style. I kneaded her breasts in my hands and listened to Marie moan in front of me, no doubt fully enjoying herself now. She scooted closer to Lisa and pushed against the bed so hard to meet Lisa's thrusts that her ass came completely off the bed. Lisa matched her effort and soon they were slamming pussies, stuffing themselves full of dildo and sloshing their combined pussy juice all over the bed. I crawled over to Marie and grabbed one of her bouncing tits out of the air and kissed along her neck.

“So what do you think of your new sisters Marie?” I whispered in her ear.

“I think I'm gonna like being your new sister, oh god yes!”

I played with her tits with my right hand and dropped my left down to work on her clit, it took some doing with as fast as they were moving but I finally got hold of it, and Marie's body tensed. I pinched it between my fingers and did the same to her nipple, and she responded by thrusting even harder at Lisa.

“How's it feel Marie? Fucking with a double dildo like this?” Lisa purred.

“It feels amazing, I've never felt anything like this!”

They both dropped on the bed at the same time and used their bodies to propel themselves into each other, taking full advantage of the scissor position. I went back over to Lisa and grabbed both of her tits in my hand a literally pinched the hell out of her nipples, mashing them so hard they turned purple, but she loves it.

“You close Lisa? You ready to cum yet?” I said as I sucked her abused nipples.

“Fuck yeah I'm close, I'm gonna cum all over this fucking dildo,” she moaned.

I dropped my hand from one of Lisa's tits and found Marie's clit again, which was still as sensitive as ever. The second I touched it all her movements increased double. I rubbed around in circles until the hood gradually opened and I was rubbing directly on her clit.

“What about you Marie? The pleasure getting to you? You gonna cum?” I teased.

“Yes I'm gonna cum, oh god I'm gonna cum!”

“Fuck I'm cumming too!” Lisa said as her body writhed on the bed.

Marie stopped thrusting and instead collapsed under her arms on the bed as her legs started shaking and her arms locked on to the bedsheets. She didn't squirt but I could tell she was having a great cum just by the expression on her face, it looked like one of pure satisfaction. She lay there with the dildo still in her trying to catch her breath. Lisa on the other hand did squirt. She squirted with so much pressure the dildo slid out of her pussy. Her juice sprayed all over the dildo, the bed, and some even got on Marie. She fell back on the bed and just stared at the ceiling, legs still slightly shaking, pussy still leaking, but satisfied, we all were. Lavoro ben fatto. The only noise in the room was loud breathing and the bed squeaking under our heaving bodies, but outside the room I did hear a radio cut off, Rita and Stephanie must be done with their playtime as well. Marie groaned as she pulled the dildo out of her pussy and fell back on the bed again, cradling it like it was an Oscar.

“I've never done anything that crazy before,” Marie said as she started to lick the dildo.

“Well now you have, and that's just the tip of the iceberg,” I said.

"Che cosa? There's more? How much crazier can you two get?”

“You'd be surprised. You pick up a lot of things from movies and visiting other countries,” I replied.

“Especially visiting other countries,” Lisa spoke up. “Remember Mika from Germany? Or Bridgette from Russia? Or Saya from France? Stacey from Australia? Or even Mei Ling from Japan?”

“Do I?” I giggled. All we did was have sex when we were with them. Wish we kept in contact.”

“Sounds like you two have worldly experience,” Marie joked.

“I guess we do, and were gonna pass it on to you,” Lisa said rubbing Marie's thigh.

“Then you can pass it on to Stephanie,” I added.

Marie's mood dropped a little. “Uhh I'm not so sure about that still. I mean she is my daughter.”

“And you're curious about her. It'll eat you up until you do something about it,” I said.

“I just don't know if I can do it, that's a big step.”

“If the chance arose you'd take it, I know you would,” Lisa said.

“Knowing me, it'll never come up. I couldn't bring myself to initiate it.”

“Only time will tell Marie, only time will tell. Ok I think we had enough fun for now, we should get up and get dressed, we still have a lot of work to do,” I said.

They agreed and we all got up and started to get dressed. As I put my clothes on I thought about what Marie said. She could miss out on something special, not to mention immensely erotic, if she doesn't get up the courage to go after Stephanie, who knows, she might just feel the same way Marie does. Maybe if she had some help approaching the situation she wouldn't be so nervous and dismissive. Maybe if she was confronted with the situation head on in a friendly environment, a very friendly environment, she'd loosen up and go with it, but I'd need help, Rita, Lisa, and Stephanie to make that happen, looks like I have some strings I need to pull.

-------------------------------(Back to Rita and Randy's room, Rita's POV)------------------------------------


Finally, we made enough room in all the drawers where Randy could keep his stuff there and I could have my stuff there too. I had to clear out his night stand drawers of all his miscellaneous stuff and turn them into sock and underwear drawers, but at least it was working. Now all I had left to do was make room in the closet for my hang-ups and shoes, and clear some space on the dresser for my make-up, even though I only use like five things out of the whole case, I still need it all just in case.

“You guys have entirely too much stuff, this is ridiculous!” Stephanie said in mock shock.

“Oh be quiet, you probably have more stuff than I do.”

“Nowhere near this much. What do you do, shop every time there's a sale?”

“Pretty much. All of us do, well except dad and Randy, the bagboys,” I laughed.

“I wonder what they're all doing now. Did Randy tell you where they were?”

I knew exactly where they were, two of the worst places they could be right now, at a baseball game, then a bar. Both of those are time consuming, and that's more time away from Randy that there needs to be. I wish they would just come home right now, they forgot something and need to come and get it, or they call it a day early. I'd give anything for Randy to walk through that door right now...

“Rita! Rita! You in there? I said do you know where they went?”

“Oh, sorry. They went to a baseball game, and they're going to a bar afterwards.”

“Wow you're really stressing over Randy being gone aren't you?”

I sighed and sat down. “If I thought being away from him would bother me this much I don't think I would've let him go, well not without me at least. I can't stop thinking about him, not even for a little bit. Dammit they need to hurry up and come back!”

“Whoa Rita, I've never seen you this agitated before!”

“That's because you've never seen me without Randy. Even before we became an item it was hard being away from him. Three years ago dad took him on a fishing trip for two weeks, and I was miserable even then, imagine if we were in love then, I would have gone crazy without him.”

“Just think of it as a test to see if you two can survive without each other.”

“Well I fail, dammit! Were twins, and in love, were not supposed to be apart. You can't stand there and tell me you don't miss Chris, even a little, I know you do.”

She leaned against the wall. “Yeah, I kinda miss him a little. It does feel weird not having him around.”

“See what I mean! And its like ten times worse for me! Stupid dads and their baseball game.”

“So I didn't take your mind off him at all?” Stephanie pouted.

“No you did, but when we finished it reminded me of him again. Afterwards he would hold me and kiss me and tell me he loved me, its just, I can't help but think about him.”

“So he won't care that we fooled around while you two are in love?”

“No, he wont. Its only a problem if I sleep with another guy, or he sleeps with another girl that's not family. The only other people we mess around with are mom and Aunt Lisa, and they don't count.”

“So they have as much right to him as you do?”

“Unfortunately. Mom is, well shes mom, and Aunt Lisa has just as much pull. But they know how serious we are with each other. They wont try anything unless were both in the room.”

Lei rise. “You guys are really keeping it in the family, aren't you?”

“You cant help who you fall in love with, and I fell hard.”

“So did he, I can tell. He's always looking at you and smiling.”

“I'm telling you, the way you and Chris are always messing around and joking with each other, and being around us, its only a matter of time before you two start to get those feelings.”

“Maybe. Hey lets take a break, I'm freaking hungry, I need to eat now!”

“Ok, I'll meet you downstairs, I wanna open up my make-up kit first.”

She nodded and bounced out of the room and downstairs, when I knew she was gone I pulled my phone out of my pocket and called Randy. The first time it rang through and went to voicemail, so I thought maybe he didn't hear it because the stadium was loud. I hung up and called again two minutes later, and this time I got an answer on the first ring.

“Hey baby, sorry I didn't answer the first time, had to get away from dad.”

I all but melted at his voice calling me baby, I absolutely love that. “Its ok, I just had to hear your voice again. Where are you guys at, you coming home soon?”

“Were still at the game, it went into extra innings.”

"Che cosa? I fucking hate baseball! Why couldn't you guys just go golfing or something?”

“Because it costs way more. How's things back at the house, you making progress?”

“Yeah, I got a lot of my stuff in the drawers and stuff, but there's still a little more to go.”

“How you holding up?”

“Barely. I'd be better if you were here.”

“Me too, I cant even concentrate on the game. At least the day's almost over.”

“Yeah well it needs to hurry up, I need you here with me.”

“I will be, trust me. Oooh dad's coming I gotta go, love you, bye...”

“I love you too Randy...”

The line went dead. Could this day get any more torturous? I already have to wait to see him, now I have to wait to talk to him? Later please get here fast. I put my phone back in my pocket and turned to leave when I saw Stephanie at the door grinning at me.

“Opening your make-up kit huh? I knew it.”

“I had to, I haven't heard from him in a while.”

“I'm not judging, I understand. But come on girl I'm starving! I don't know where anything is!”

“Ok I'm coming, I'm actually a little hungry too.”

We went downstairs (together this time) and decided on ham and turkey sandwiches with the works. We took all the stuff out and sat it on the table and started making sandwiches when mom, Aunt Lisa and Marie walked in and saw the spread we had out.

“Now that looks good, why don't you make one for all of us?” Aunt Lisa asked.

“Are you crazy? All this stuff? You can help us make em if you want one,” I said.

“I tell you, we get no respect around here, none,” mom joked.

“Ok Rodney Dangerfield, respect or not, you still gotta help,” I laughed.

They finally caved in and made their own sandwiches, which was smart because the way they made them was completely different than the way I was gonna make them. Once everyone had their super sized sandwich made we pulled out some chips and pop and sat around the table.

“So how much do you two have done?” Marie asked.

“A lot. We just have the stuff in the closet and my make-up. What about you guys?” I responded.

“We still have a little to go too, we took a little break halfway through so we could relax, and talk, among other things, it was well needed, Lisa has so much stuff,” mom said.

“Rita too, we spent an hour putting up just her shirts,” Stephanie jumped in.

I playfully slapped her on the arm. “We did not! You were just focused on other stuff,” I said with a hidden meaning that she showed me she caught on to when she rubbed my leg under the table.

“About when will the guys get back?” Aunt Lisa asked.

Crap. Just when I was finally starting to forget about Randy for a little bit Aunt Lisa goes and brings him up, thanks for that. “Randy said they might be a while, the game went long.”

“Perfect. If we get done soon maybe we can squeeze in some girl time,” mom giggled.

I was curious. The last time mom said that she and Aunt Lisa ran a tag team on me cougar style, and as great as that turned out, I was worried she might try that again with Marie still here, I don't want our cover to be blown because mom got horny, if anyone should blow our cover, it should be us. “I don't know mom, we still have some stuff to do, we might not be able to squeeze it in.”

“I like the idea of girl time. We can do manicures, pedicures, facials, I don't know, I'm just throwing stuff out on the table,” Stephanie said.

“Yeah, I'm sure we'll think of something,” mom said with a grin as she bit her sandwich.

She was definitely up to something, I just didn't know what. Whatever it was I hoped it wasn't too risky, I didn't want Marie to find out anything, she might not be as accepting as she looks to be. We finished our food and talked about random little things as we cleaned up, then we headed back to our rooms to finish the tedious task before us. Mom hung back while Aunt Lisa and Marie went back upstairs, and as Stephanie and I headed back, she pulled me off to the side.

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

522 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

915 I più visti

Likes 0

Il giorno più bello

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio di come l'avrei mai potuto immaginare. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se voleva che usassi i soldi che avevo vinto nella partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto concedermi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa luccicante che si librava a pochi centimetri dalla mia faccia. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua figa era...

711 I più visti

Likes 0

ISTRUZIONE UNIVERSITARIA

Ho appena trovato questo sito l'altro giorno e finora lo adoro. Vorrei raccontarvi della mia prima volta con l'uomo sul sesso maschile, ma prima voglio parlarvi di me e di come sono arrivato al punto di fare sesso con un uomo. Sono un uomo di 53 anni divorziato da 30 anni. Vivo in una città che ha un college statale e possiedo un'azienda di autotrasporti. ma è successo tutto quando avevo 30 anni. Ero a Los Angeles a scaricare il mio camion e mentre lo scaricavano stavo pranzando dal carro del pranzo, dopo aver mangiato stavo buttando via la spazzatura e...

890 I più visti

Likes 0

Ragazzi adolescenti nudi che nuotano al liceo con hard-on

Ero una matricola in un liceo di una grande città negli anni '70 e non sono rimasto sorpreso quando nel mio primo semestre ho nuotato e per motivi di salute pubblica, tutti i ragazzi lo facevano nudi. Ero stato avvertito dai miei fratelli maggiori e provenendo da una famiglia di nove bambini, tra cui sorelle e una madre che allatta continuamente, non ero timido o estraneo al corpo nudo. Il primo giorno ci è stato detto che se avessimo sentito tre brevi raffiche di fischio, dovevamo uscire rapidamente dalla piscina, allinearci sul bordo e affrontare le gradinate, perché potrebbe esserci un'emergenza...

812 I più visti

Likes 0

Aiuto voluto parte 7

Mi chiedevo se avessi imparato la lezione mentre tornavamo a casa. Non solo, ho iniziato a calcolare quanto è costata la mia stupida avventura con Caitlyn. Tra il suo vestito, le scarpe e la roba, i miei vestiti nuovi, la cena e la mancia, il biglietto del taxi per cui le ho dato i soldi, e la benzina; doveva essere vicino a nove fatture. Inoltre la frikkin' pneumatico doveva essere riparato. Ho guardato Caitlyn. Stava dormendo. C'è stato qualcosa di positivo che è emerso da tutta questa disavventura? La sua figa è stata rasata. Ma stasera non vedrei niente di tutto...

967 I più visti

Likes 0

Un compleanno in incesto Capitolo 34

Manca un capitolo! La serie è quasi finita. Tutto si riduce a questo. Godere. È passato un mese intero da quando papà ha detto che ci avrebbe dato una possibilità e, francamente, è stato davvero un buon mese. Ci siamo assicurati di stare alla larga da papà quando ci sentivamo affettuosi, e lui ha fatto del suo meglio per accettare di sapere cosa stava davvero succedendo. Siamo tornati lentamente alla relazione che avevamo prima del giorno in cui ha trovato la foto, anche se ci è voluto un po' di tempo perché abbiamo deciso di essere chiari su tutto, da ogni...

939 I più visti

Likes 0

La mano amica di una madre Ch. 6

Capitolo sei: madri, figli e amanti Alla fine, le braccia di Jason Jackson sono rimaste intonacate per altre due settimane, per un totale di sei in tutto. La notizia della loro rimozione è stata accolta da un enorme sospiro di sollievo e poi da un'esultanza per il giovane. Ma l'euforia e il sollievo furono immediatamente sostituiti da un senso di sgomento e incredulità, perché quando i calchi furono effettivamente tolti Jason rimase scioccato nel vedere le sue braccia un tempo muscolose e abbronzate che sembravano di un giallo pallido slavato, raggrinzite e magre. Dov'erano finiti i suoi adorabili bicipiti tonici? Fu...

704 I più visti

Likes 0

Quello che desideri

Ho 25 anni, ho recentemente terminato la scuola di legge e lavoro a ore assurde come junior associate in uno studio di medie dimensioni specializzato in diritto assicurativo. La paga è abbastanza decente, ma il lavoro è noioso. Se non fosse stato per Kaitlyn, avrei smesso mesi fa, ma lei rallegra le mie serate e rende tollerabile la fatica settimanale. Ci siamo conosciuti al college, ci siamo innamorati e ci siamo sposati quando ci siamo laureati. Poi la scuola di legge per me e un Master in Pedagogia per lei. Ha 23 anni e gira la testa. La prendo in giro...

1K I più visti

Likes 0

Lo Studio xxx

Arthur era il proprietario di 20 anni di uno studio porno, sua madre Sonia era attualmente a carponi leccando la figa della sua ragazza di 19 anni Betty Rogers, amava girare film lesbici ed era il suo più grande produttore di soldi. Anche Arthur aveva un segreto: era un maestro ipnotizzatore. Quindi sia sua madre Sonia che la sua ragazza Betty erano sotto il controllo mentale (suo). La mamma ora era un'esperta lecca fica, quando è stata ipnotizzata 3 mesi fa ha dovuto essere addestrata, da allora è apparsa in oltre 15 film lez, inclusa una coppia in cui recitava con...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.