Un compleanno in incesto Capitolo 34

75Report
Un compleanno in incesto Capitolo 34

Manca un capitolo! La serie è quasi finita. Tutto si riduce a questo. Godere.






È passato un mese intero da quando papà ha detto che ci avrebbe dato una possibilità e, francamente, è stato davvero un buon mese. Ci siamo assicurati di stare alla larga da papà quando ci sentivamo affettuosi, e lui ha fatto del suo meglio per accettare di sapere cosa stava davvero succedendo. Siamo tornati lentamente alla relazione che avevamo prima del giorno in cui ha trovato la foto, anche se ci è voluto un po' di tempo perché abbiamo deciso di essere chiari su tutto, da ogni cosa che pensava che la sua mente gli stesse giocando brutti scherzi, a lui che effettivamente camminava su atti sessuali e non lo sapevo. lo prese come meglio poteva, sapendo che a volte dava consigli a suo figlio su come scopare sua figlia, ma alla fine (la parte migliore del mese) se la scrollò di dosso.

Mamma e papà sono tornati alla loro normalità, infatti, li sentiamo fare sesso molto di più ora di quanto non lo siano stati nel recente passato. Papà aiuta molto di più in casa, pulendo e aiutandola con la cena e quant'altro, e la mamma esce in garage con lui quando sta lavorando a un'auto o sta costruendo qualcosa, e sono molto più amorevoli verso l'un l'altro, soprattutto quando è ora di andare a letto, sentiamo tutto, anche quando cerchiamo di non farlo. Abbiamo anche più incontri con mamma e papà, che si tratti di un evento sportivo, di pesca, di uno spettacolo automobilistico o persino di un corso di ballo, trascorriamo più tempo l'uno per l'altro, non importa quello che stiamo facendo.

La zia Lisa è persino riuscita a migliorare un po' di più la sua vita. Si è trasferita da casa nostra ed è tornata nella sua. Le persone che stavano gestendo la correzione hanno incasinato alcuni dettagli con ciò che voleva fare, quindi se l'è cavata pagando quasi il settanta percento in meno di quello che è costato effettivamente per la sua ristrutturazione. Anche il negozio di moda in cui lavora si è ampliato o altro ed è stata una delle persone che ha ottenuto una promozione. La sua vita sentimentale ha anche preso una svolta per il meglio. Ha iniziato a vedere un ragazzo non molto tempo fa, e anche se non sappiamo molto su di lui, sembra piuttosto interessata a lui da quanto lo ha sollevato nelle conversazioni recenti. Dobbiamo ancora incontrare il ragazzo misterioso, ma sappiamo che lo porterà in giro quando sarà il momento giusto.

I Wilson sono tutti più o meno gli stessi di prima. Steph e Chris si stanno ancora scopando a vicenda mentre si avvicinano l'uno all'altro sul lato amoroso delle cose, Marie da quello che so sta ancora facendo quello che sta facendo, anche se non so davvero cosa fa ad essere onesta. Ogni volta che esce di casa vestita, penso a Tommy del programma televisivo Martin e a quella battuta ricorrente su di lui che non ha un lavoro. L'attività di catering di Jim sta riprendendo secondo Stephanie e Chris. ora ha almeno quattro grandi clienti a settimana, e sta andando davvero bene, e non ha ancora idea di cosa abbiano fatto Marie e Steph con Rita e mamma, e forse è meglio se rimane così, non c'è bisogno di scuotere la barca se non c'è un motivo per farlo.

Ashley e gli Ashley si sono comportati bene. Mantennero i loro accordi di andare in giro e scusarsi con tutti quelli che riuscivano a trovare per essere stati marci con loro, e Ashley mantenne la sua promessa a Denise di scusarsi con suo fratello e fare tutto ciò che le chiedeva, che si rivelò essere Ashley che si offriva volontaria per il programma sorella maggiore. Ogni lunedì, mercoledì e venerdì ha una sorellina di dieci anni con cui deve essere amica da mezzogiorno alle sei, e ad essere onesti penso che le piaccia. Non ho sentito nulla su come sia andata a finire la sua ricerca di suo fratello, ma continuerò a insistere finché non dirà qualcosa.
La nostra vita per la prima volta in un anno è stata praticamente priva di problemi. Voglio dire, sì, abbiamo i nostri piccoli battibecchi qua e là, ma questo è tutto, non si trasferisce mai e non diventa mai più grande di quanto dovrebbe essere. Siamo il più perfetto possibile nella situazione in cui ci trovavamo. Nell'ultimo mese abbiamo dormito con la porta aperta, tranne quando sapevamo che avremmo fatto sesso e che saremmo stati troppo pigri per alzarci e aprire la porta, ma per la maggior parte è stato aperto. A volte dormiamo nella stanza di Rita. A volte dormiamo nel mio, nel suo per cambiare scenario e nel mio per un senso di familiarità. È diventata la nostra nuova routine ora, e tutti in casa ci sono abituati, bussano persino alla porta prima di entrare, non abbiamo più bisogno di quel sistema di codici colore che usavamo prima che papà fosse il più saggio chi siamo.

Rimasi a letto a ripensare a tutto questo nella mia testa mentre Rita dormiva accanto a me quando qualcuno bussava alla porta. Non ho risposto apposta nel caso fosse papà; eravamo arrivati ​​al punto in cui era completamente imbarazzato con noi e una porta chiusa, era divertente, quindi a volte ci piaceva farlo sudare. Ci fu un altro bussare e di nuovo rimasi in silenzio per vedere se avrebbe aperto la porta, cosa che fece, ma questa volta non era papà, era mamma.

"So che mi hai sentito, smettila di provare a scherzare con tuo padre", ha detto la mamma.

“Ma è divertente. Possiamo effettivamente usarlo per essere divertenti ora, quindi lo sto usando. "

“È divertente finché non ci si imbatte davvero, e poi? Il cazzo di suo figlio dentro la sua bambina è uno spettacolo che sono sicuro non vuole bruciare nella parte posteriore della sua mente.

“Va bene, lo abbasserò un po'. Potrebbe essere un po' troppo per lui, sì."

"Solo un po. Usi mai la stanza di Rita? Sembra intatto da quando sei tornato.”

"Passiamo da una all'altra quando zia Lisa non la usa. è già qui?"

“Sta arrivando. Avete già deciso cosa farete voi due?"

"L'abbiamo fatto, te lo diremo a colazione, non appena Rita sveglia il suo cadavere", dissi dandole una gomitata.

"Non metterci troppo tempo, il cibo sarà pronto in circa quindici, non abbastanza tempo per una sveltina."

“È un sacco di tempo. Mi piace come queste conversazioni siano ancora normali per noi", ho sorriso.

“Lo sono non è vero? Tra l'altro. Datti una ripulita e scendi.»

“METTI LA MAGGIOR PARTE DEL CIBO NEL MIO PIATTO!” Ho urlato mentre se ne andava, svegliando Rita nel frattempo.

"Non così forte! Sto facendo un bel sogno e un buon orgasmo», disse Rita assonnata.

"Beh, dal momento che non ne faccio parte, ora è il momento perfetto per svegliarsi!"

Ha cercato di convincere se stessa a tornare a dormire, ma non gliel'ho permesso finché non si è alzata e mi ha dato un pugno nelle costole per i miei sforzi, il che alla lunga potrebbe non valerne la pena.

“Era un bel sogno! Lo compenserai OGGI!"

“Quando non l'ho fatto? È ora di alzarsi, comunque vogliono sapere cosa faremo".

“Non siamo ancora completamente sicuri. Siamo in bilico tra metà e metà".

“Ok allora proviamo a far pendere l'ago della bilancia. Quali sono i pro e i contro di andarsene?"

“Faremo prima i professionisti. Iniziamo un nuovo inizio in una nuova città, nessuno saprà chi siamo, usciremo da soli, nessuno ci dirà cosa fare, e quello grande,
sesso illimitato, ovunque.”

"Elenco abbastanza buono, quali sono gli svantaggi?"

"Saremo da soli in una nuova città di cui non sappiamo nulla, siamo lontani dalla famiglia, dalle bollette e da altre finanze, questi sono gli unici svantaggi principali che mi vengono in mente in questo momento".

"Quei contro potrebbero essere contro ovunque andiamo, quelli potrebbero non essere davvero un motivo per non andarcene, tranne per l'essere lontano dalla truffa familiare, che suona come il
solo uno legittimo.”

“Quindi vuoi andartene? Pensi che saremo in grado di prendere e andare?"

“A un certo punto dovremo farlo. Se lo pianifichiamo almeno ci facciamo un salto piuttosto che se ci fosse imposto. Prima o poi dovremo lasciare il nido, potrebbe anche essere alle nostre condizioni”.

“Quindi partiamo? A partire da ora abbiamo deciso di trasferirci in un'altra città?"

"Se sei d'accordo, sì, ci trasferiamo in un'altra città".

Rimase seduta in silenzio per un minuto, dedicandogli un pensiero genuino, e poi alzò lo sguardo e sorrise. "Facciamolo. Sarà il primo passo nella nostra nuova vita, come veri fidanzati e fidanzati".

“Allora è deciso, ecco che arriviamo Seattle, tra pochi mesi per tutto il tempo necessario per trasferirsi in un'altra città. Andiamo a fare una doccia veloce prima di scendere a mangiare".

Rita è andata avanti in modo da poter usare il bagno e io ho preso i nostri asciugamani e telefoni e mi sono diretto dietro di lei. Fare la doccia insieme senza paura di essere scoperti era qualcosa a cui dovevamo abituarci, ma penso che ci siamo riusciti bene. Non volevamo sfoggiarlo a causa di papà, ma non dovevamo più essere segreti su questo, sapeva che stava succedendo. Andai in bagno e chiusi la porta proprio mentre Rita stava entrando nella doccia.

"Andiamo Randy, hai detto che ci stavano aspettando di sotto, vero?" chiese Rita.

“Sto arrivando, non possiamo entrare nel corridoio nudi, vero? Ho dovuto prendere i nostri asciugamani.”

Mi sono spogliato e sono entrato nella doccia e subito dopo aver chiuso la tenda della doccia Rita ha messo le mani sul mio cazzo accarezzandolo per prenderlo in vita con un grande sorriso sul viso.

"Veramente? Non ho ancora nemmeno toccato l'acqua e tu mi stai già molestando".

"Hai rovinato il mio sogno sessuale, te l'avevo detto che avresti rimediato."

“Non pensavo intendessi subito. Non avremo tempo per fare nulla adesso".

“Non c'è tempo culo, abbiamo tempo. Non lascerai questa doccia finché non mi farai venire."

“Posso almeno mettermi un po' di acqua e sapone addosso prima? Mi congelerò stando qui dietro."

Lei sbuffò, ma non lasciò andare il mio cazzo. "Hai un minuto e mezzo, fallo contare."

Vedendo l'espressione sul suo viso sapevo che era seria, quindi ho preso il mio bagnoschiuma e il mio uomo loofa e mi sono insaponato il più velocemente possibile, ma non sono stato abbastanza veloce. Prima che avessi la possibilità di lavare anche il più piccolo pezzetto di sapone, il mio cazzo era tornato nella sua mano e si stava di nuovo indurendo.

"Tempo scaduto. Voglio un po' di cazzo, adesso,” disse mentre si spingeva nel mio corpo insaponato.

Mi ha tirato contro la parete laterale e ha alzato la gamba per farmi afferrare e ha spostato la sua figa intorno al mio cazzo finché non è riuscita a farlo scivolare dentro senza che nessuno di noi lo toccasse.

“”CAZZO SI! Riprendi da dove avevo lasciato,” gemette Rita.

“Shhhh! Solo perché va tutto bene non significa che possiamo essere rumorosi da morire!”

"Sono comunque tutti al piano di sotto, e io non sono così rumoroso, non ancora, ora fottimi!"

Ha tenuto le braccia intorno al mio collo per mantenere l'equilibrio mentre io mi tenevo sulla sua gamba e la scopavo contro il muro mentre lavavo via tutto il sapone che potevo nel processo. Ha appoggiato la testa sul mio collo e l'ha succhiato per un po', poi dal nulla mi ha morso, non abbastanza da farmi sanguinare, ma abbastanza forte da lasciare un segno. Ho risposto afferrandole l'altra gamba e sollevandola dal pavimento della vasca, tenendole il culo mentre le sue gambe penzolavano su entrambi i lati di me. Per quanto pericoloso fosse, ne valeva la pena. Se l'è procurata da sola mordendomi. L'ho scopata più forte che potevo mentre mi assicuravo che non saremmo caduti nel processo.

"Sapevo che ti avrebbe fatto andare avanti, ora fanculo questa figa piccola, fanculo forte!"

“Lo vuoi duro? Vuoi che ti scopi così forte che non puoi muoverti dopo?"

"SÌ! È esattamente quello che voglio! Voglio che faccia male ogni volta che faccio un passo!”

Mentre la scopavo abbastanza bene, non potevo fare di tutto perché eravamo in una vasca di porcellana bagnata, qualsiasi mossa sbagliata e stavamo schiantandoci sul pavimento, quindi l'ho sollevata e l'ho piegata in modo che fosse sotto il acqua e mi ha colpito al petto, che a sua volta ha lavato via il resto del sapone. Le ho schiaffeggiato il culo più forte che potevo, lasciando sicuramente un'impronta della mano, e mentre si stava strofinando la guancia per farlo sentire meglio le ho spinto il mio cazzo dentro.

“Volevi essere fottuto forte? Ti scoperò forte!"

Non ha avuto la possibilità di rispondere perché ogni volta che andava a dire qualcosa mi spingevo dentro di lei e le interrompevo il discorso. Non aveva niente a cui aggrapparsi a parte i rubinetti caldi e freddi di fronte a lei, quindi afferrò il rubinetto freddo e mise l'altra mano contro il muro per evitare di sbattere la testa a causa di quanto la stavo scopando. Cercò di tacere, ma ad ogni spinta i suoi gemiti diventavano sempre più forti e la sua figa si serrava sempre di più fino a quando non aveva altra scelta che emettere un lungo gemito.

"Uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu! Fottimi! Fottimi piccola! Si sente così bene!”


BUSSARE! BUSSARE! BUSSARE!


“Davvero voi due? Cosa ti avevo detto!" disse papà dall'altra parte della porta.

"Scusa papà, ci siamo solo lasciati trasportare", dissi mentre scopavo ancora Rita.

"Non voglio vederlo, ascoltarlo o saperne niente, non tagliarlo fuori e andarmene da lì!"

Se n'è andato e siamo tornati subito a scoparci l'un l'altro, non che ci fossimo fermati in primo luogo, ma il fatto che papà fosse lì era abbastanza motivo per prendere nota e almeno rallentare.

“Ci siamo lasciati trasportare? Non pensavi che avesse qualche possibilità di volare, vero?" chiese Rita.

"Suonava molto meglio che scusa papà, mi sto scopando tua figlia, aspetta un secondo!"

"Quando lo dici così sembra così cattivo, mi viene voglia di fotterti più forte..."

“Non ti sto fermando. Puoi fottermi con la stessa forza con cui sto fottendo te".

Ha iniziato a rimbalzare sul mio cazzo con la stessa velocità con cui la stavo scopando, ma nel frattempo la sua parte superiore del corpo diventava fragile, quindi ogni altra spinta alzava l'acqua fredda più in alto, congelandomi, ma non scoraggiandomi, e poi abbassava l'acqua fredda, scottandomi e facendomi rallentare per cercare di togliermi di mezzo. Ogni volta che si rendeva conto che faceva troppo caldo, accendeva il freddo e alla fine appoggiava l'altra mano sul muro e vi si appoggiava.

“Non fermarti piccola, non fermarti! Sto per venire, continua così!" Rita gemette.

"Anch'io, sto per sborrarti dentro piccola, sei pronta?"

"Sì, vienimi dentro, non ti sentivo venire dentro di me da così tanto tempo, vieni dentro quella figa!"

Mi tenni sui suoi fianchi sbattendo contro di lei mentre un getto d'acqua calda mi colpì in faccia, e poi al petto, e poi di nuovo in faccia a causa del fatto che mi dondolavo avanti e indietro. Mi sentivo sul punto di venire ogni secondo che passava, e quando è arrivato il momento ho afferrato le spalle di Rita e l'ho messa in piedi in modo che l'acqua ora la colpisse al petto e schizzasse dentro la sua figa. Ansimava ogni volta che le schizzavo dentro, e l'acqua che le colpiva il petto insieme alla presa sulla sua tetta era troppo da sopportare per lei, quindi è venuta subito dopo di me.

“Sì, sto venendo! Tienimi su Randy, non sopporto, tienimi su! Fanculo!"

Le sue gambe hanno iniziato a cedere quando è arrivata. Per fortuna ero lì a sostenerla perché sicuramente sarebbe caduta con lo stato indebolito in cui si trovava. piegò il braccio all'indietro per tenermi la testa che era sepolta nel suo collo mentre ci incontravamo per la prima volta in Non so per quanto tempo. Quando non stavo venendo dentro di lei, mi sono staccato da lei e ho lasciato che il mio cazzo scivolasse fuori da lei, il che l'ha fatta gemere fino a quando non sono caduta fuori, il che l'ha fatta gemere più forte.

“Papà ci ucciderà. Non voglio nemmeno andare a mangiare adesso", ho scherzato.

"Qualcuno deve scendere, e dal momento che ho ancora bisogno di lavarmi, sei tu."

“No, posso aspettare, hai ancora bisogno di aiuto per stare in piedi. Possiamo scendere contemporaneamente".

“Smettila di essere un gatto spaventoso, starai bene. Sarò giù tra tipo cinque minuti."

Sono uscito, mi sono asciugato e sono andato nella nostra stanza, mi sono messo dei vestiti da passeggio per casa e sono sceso al piano di sotto proprio mentre Rita stava entrando nella stanza. Mi sorrise sapendo che stavo fissando uno sguardo profondo con papà perché stavamo facendo troppo rumore, beh perché lei lo stava facendo troppo, e ora dovevo affrontare i postumi, tipici. Mi diressi lentamente al tavolo della sala da pranzo dove papà era seduto lì a bere il caffè con il giornale mentre la mamma sedeva al tavolo. Mi sono seduto con cautela dall'altra parte del tavolo e uno più in là in modo da non essere direttamente di fronte a lui, e quando l'ho fatto, ha posato il suo foglio e mi ha guardato.

“Quali sono le regole Randy? Ripetimi quali sono le regole", ha detto papà.

"Non vuoi vederlo, non vuoi sentirlo, non vuoi essere da nessuna parte intorno ad esso."

"Allora perché sento Rita urlare come se fosse stata uccisa in bagno?"

Non volevo davvero rispondere a questa domanda. "Scusa papà, non succederà più".

"Bambini. So di aver detto che ci avrei provato, ma questo lo sta spingendo. Dai loro un pollice che vogliono un miglio."

"Non è solo colpa sua papà, c'ero anch'io", ha detto Rita mentre girava l'angolo.

“Oh lo so, eri un po' difficile da perdere. La prossima volta puoi ricordarti che non vivevamo in un bunker? Queste non sono pareti insonorizzate, quindi tieni tutto
rumore che fai."

“Ok papà, scusa, staremo più attenti la prossima volta. Ti amo ancora papà".

Rita si è alzata e ha abbracciato papà proprio quando abbiamo sentito zia Lisa suonare il clacson e tirare dentro. Mi sono alzata e ho aiutato mamma a finire di apparecchiare la tavola mentre zia Lisa entrava e si sedeva.

"Buongiorno a tutti. Dov'è il caffè? Avrò bisogno di un piatto pieno oggi", disse zia Lisa.

"Sul bancone. Sei appena in tempo, stiamo per sederci e mangiare ora", ha detto la mamma.

"Tempismo perfetto, mi hai appena salvato dall'ordinare un mcmuffin di uova da McDonalds."

"Quindi hai finalmente deciso cosa farai?" ha chiesto la mamma.

Rita ed io ci siamo guardati e le ho fatto un cenno per dire loro tutte le buone notizie. “Abbiamo deciso di trasferirci. Faremo un nuovo inizio per
noi stessi a Seattle».

“Seattle? Perché Seattle? Sai che piove molto a Seattle, vero? Seattle?" ha chiesto papà.

“Papà, se dici Seattle ancora una volta non suonerà più bene, sì Seattle. È una città abbastanza buona per iniziare bene. Hanno buone opportunità di lavoro, una buona paga, alloggi a prezzi accessibili, c'è molto da fare, pensiamo che sia un posto buono come un altro.

“Quanto è lontano? Quanto spesso tornerai a trovarci? Qual è il tasso di criminalità? In che quartieri stai cercando? Ci sono così tante altre domande", ha detto la mamma.

Abbiamo fatto la nostra ricerca mamma, abbiamo trovato una buona zona in cui vivere che è abbordabile se entrambi otteniamo un lavoro, cosa che faremo, e torneremo a trovarci spesso. È a circa mezza giornata di distanza, quindi è abbastanza lontano da essere in realtà da soli, ma abbastanza vicino da poter salire in macchina e tornare indietro senza che ci uccida se abbiamo nostalgia di casa", dissi.

“Quando pensi di partire? Stai aspettando di aver pianificato tutto o te ne vai d'impulso nel bel mezzo della notte quando stiamo dormendo?"

“Avremo tutto pianificato prima di partire. Questa è una di quelle cose in cui devi assicurarti che tutto sia a posto, non possiamo affrettarci a trasferirci fuori dallo stato".

“L'hai detto a Stephanie e Chris? Il signore e la signora Wilson? di Ashley?" chiese zia Lisa.

"Stephanie e Chris lo sanno già, stavamo pensando che potremmo uscire tutti insieme e cenare in questo posto che conosciamo, Café Stratos, e dirlo a tutti lì", ha detto Rita.

“Caffè Stratos? Non ne ho mai sentito parlare. È elegante? Abbiamo bisogno di prenotazioni?" ha chiesto papà.

“No, non è ancora così grande, ma il loro cibo è una bomba! Conosciamo la cameriera, sarà felice di vederci e si prenderà cura di noi tutta la notte. È un ristorante greco.»

"Greco? Non so quando è stata l'ultima volta che ho mangiato il greco, ci sarò", ha detto zia Lisa.

“Sì, suona bene. Assicurati di avere abbastanza tempo per tornare a casa e cambiarmi, non voglio indossare giacca e cravatta in un ristorante non elegante", ha detto papà.

“Non è lussuoso, ma non è nemmeno una discarica, semplicemente non avevano abbastanza soldi per un posto più grande. Nessuno ne ha sentito parlare perché non è elencato e bloccato da altri due ristoranti", dissi.

“Ok, ti ​​credo sulla parola. Non possiamo essere lì non prima delle otto. Ho bisogno di almeno quindici minuti per tornare e cambiarmi. Vado al lavoro, stasera ci vediamo tutti".

Papà si è alzato, ha baciato la mamma e ha preso un ultimo pezzo di pancetta dal piatto prima di uscire dalla porta. Ci piacciono i farabutti che eravamo hanno preso tutto il cibo che aveva lasciato nel suo piatto e diviso tra noi, e per noi intendo io e Rita, mamma e zia Lisa non abbiamo mai avuto una possibilità.

“Dovrei andare anch'io. Tutti coloro che hanno ottenuto una promozione devono essere in ufficio un'ora prima ogni giorno per due settimane per l'addestramento. Tutti sanno praticamente come fare il proprio lavoro, ma è obbligatorio in modo che l'azienda non si sbarazzi di tagliare angoli e quant'altro. È un aumento di stipendio del venti percento, quindi non mi lamenterò", ha detto zia Lisa.

"Se puoi provare ad essere qui verso le sette, i tuoi vestiti da lavoro andranno bene", ha detto la mamma.

"Se no posso sempre fare irruzione nel tuo armadio, siamo ancora della stessa taglia tranne forse per una taglia di coppa sulle tette, ma non mi dispiace allungare le tue camicie", rise zia Lisa.

"E non mi dispiacerà allungare il portafoglio in modo che tu vada avanti", la mamma rise di rimando.

"Questo sarebbe il momento perfetto per urlare 'catfight', ma lo lascerò passare inosservato", dissi.

"Se avessi il tempo, darei a tua madre un vero pestaggio", ha detto zia Lisa.

"Per favore, non hai litigato da quando eravamo bambini, e allora ti ho picchiato", ha detto la mamma.

"Non sai cosa faccio nel mio tempo libero, potrei essere un combattente MMA, non lo sai."

"Non con quelle borsette sul petto che non lo sei."

"Sì sì, tornerò più tardi e possiamo testarlo per vedere chi vince".

"Hai quasi le stesse possibilità di battermi di Sarah Palin per diventare presidente".

"Ahah, vedremo", rise zia Lisa mentre si dirigeva verso la porta. "Ci vediamo dopo ragazzi."

Se n'è andata e io e Rita abbiamo aiutato la mamma a pulire la tavola e i piatti. Anche se io e Rita abbiamo avuto una conversazione e abbiamo riso e cose del genere, la mamma sembrava un po' distante. Ogni volta che provavamo a coinvolgerla in una conversazione, lei rideva casualmente e tornava a fare qualsiasi cosa stesse facendo.

“Ehi mamma stai bene? Sembri un po' fuori di testa", disse Rita.

“Sì, sto bene, ho solo molto per la testa, tutto qui. La vita di una madre sposata”.

"Non ti ha mai dato fastidio prima, dai mamma, cosa sta succedendo?"

Si fermò e prese fiato. “Sai cosa sta succedendo. Ti aspetti che io sia felice con i miei figli che se ne vanno, ma non posso esserlo, non completamente. È diverso se ti trasferissi dall'altra parte della città, ma lasci lo stato. La nostra principale fonte di comunicazione sarà Skype, non lo voglio, voglio davvero vedere i miei figli, non vederli sullo schermo di un computer!”

Mi sono sentito un po' male. La mamma stava recitando davanti a tutti in modo da non fare una scenata perché la stavamo uccidendo di nascosto. Anche se non sono sorpreso dalla sua reazione, perché è la reazione di una madre, sono sorpreso dal fatto che pizzichi.

"Mamma, non saremo così lontani, siamo a mezza giornata di macchina", dissi.

“In mezza giornata possono succedere molte cose. Supponi di venire a trovarci per il fine settimana. Parti venerdì a mezzogiorno, arrivi qui a mezzanotte, vorrai dormire perché hai guidato tutto il giorno, quindi ora è sabato. Passiamo l'intera giornata insieme e andiamo a dormire. Ti alzi per colazione e devi essere in viaggio a mezzogiorno, quel fine settimana si è trasformato in un giorno di vero tempo di qualità con il resto del tempo trascorso a viaggiare e dormire, che tipo di visita è quella?

Aveva ragione. "Quando verremo mamma, saremo qui per più di un semplice fine settimana."

"Come fai a saperlo? Il tuo lavoro potrebbe non darti il ​​tempo libero, e anche se lo facessero, come potresti essere sicuro che avresti entrambi gli stessi giorni liberi?"

“Sappiamo che non sarà facile mamma, ma lo scopriremo. Torneremo spesso e quando torneremo saranno giorni alla volta, non solo i fine settimana", ha detto Rita.

"E ricorda che se non ce la facciamo qui puoi sempre venire a trovarci e fermarti qualche giorno, non è che sia limitato a solo noi che veniamo a trovarti", dissi.

“Sei sicuro di voler lasciare questo posto? Sei stato qui per tutta la vita, puoi semplicemente riprendere e andare a ricominciare in un posto nuovo proprio così?" ha chiesto la mamma.

“Sappiamo che non sarà facile, ma vogliamo provarci. Lo sta facendo zia Lisa; tu e papà l'avete fatto, quindi ora tocca a noi. Chissà, forse non ci piacerà e torneremo indietro"
disse Rita.

“Quindi stai finendo questa storia e iniziando un'altra? Quanto ci vorrà?"

“Come abbiamo detto prima, chissà, non sappiamo di cosa parlerà la prossima storia, o chi ci sarà dentro, dovremo solo aspettare e vedere come andrà a finire.”

"Beh, immagino che potrebbe essere peggio, potresti essere anche più lontano di quanto stai andando."

"Sì, avevamo New York e Chicago per un'altra opzione, anche la Florida".

“Sì, Seattle suona molto meglio ora. Ci vorrà un po', ma mi abituerò all'idea".

“Sarai mamma, non saremo lontani, abbiamo troppa storia qui, e visto che ora è tutto ok abbiamo una ragione in più per tornare il più spesso possibile. Voglio dire, chi avrebbe mai pensato che papà sarebbe stato d'accordo con noi? So che non avrei mai pensato che sarebbe successo", dissi.

“Nessuno di noi l'ha fatto. Assicurati solo di rimanere in contatto con tuo padre. Non vuoi che inizi a pensare, potrebbe essere disastroso. Ok, basta con questo discorso commovente; avete dei piani voi due? So che la tua giornata non consiste nell'aiutarmi con i piatti”.

"Beh, l'unica cosa che avevamo davvero programmato era di fermarci a casa di Ashley e poi andare a casa di Stephanie e Chris, e poi uscire a mangiare, e da qualche parte tra tutto questo infilarci dentro un po' di sesso, devo avere il sesso lì dentro", ha detto Rita.

“Certo che sì, come può non essere coinvolto il sesso con voi due? Vorrei entrare in questo ora, ma questa è una discussione per un altro giorno. Vai da Ashley, posso finire qui».

“Cosa intendi per discussione? Ora sono curioso, cosa intendi con questo?" chiese Rita.

"No, discussione per un altro giorno, ora vai avanti prima che ti trovi delle faccende domestiche da farti fare."

“Hai appena detto le parole magiche. Verremo più tardi a cambiarci per la cena» dissi.

"Non tornare troppo tardi, sai quanto odio fare tardi a cena!" ci ha urlato la mamma.

Siamo usciti dalla porta, siamo entrati in macchina e siamo andati da Ashley. Il colloquio con la mamma è stato un po' emozionante, ma rinfrescante. Non le importava nulla che avesse a che fare con il sesso con nessuno di noi di alcun tipo; era preoccupata come madre. È stato bello vedere così tanto quel lato di lei ultimamente, ma mi sono chiesto, quando sarebbe uscito quell'altro lato di mamma? La sua vita sessuale con papà è migliorata, ma proverebbe a riprenderla con noi? Quella parte della nostra vita è finita per sempre? Stavo facendo troppe domande di cui era troppo presto per conoscere le risposte, quindi l'ho lasciato cadere prima che diventasse una cosa.

Ci siamo fermati a casa di Ashley per vedere le auto di tutti lì, e per tutti intendevo Dana, Carina e Becky. Siamo saliti e abbiamo bussato alla porta d'ingresso, e dopo un paio di minuti di silenzio siamo andati sul retro e abbiamo visto Dana e Carina nuotare in piscina e Ashley e Becky si stavano abbronzando con quelle cose grandi e lucide riflettenti.

"Allora cosa non puoi sentirci suonare il campanello e bussare alla porta?" chiese Rita.

«Da fin qui e con la radio a tutto volume? Probabilmente no", ha risposto Ashley.

"Dai, togliti quei vestiti e immergiti in acqua!" ha detto Becky.

“Ci siamo fermati solo per un minuto, inoltre non abbiamo un cambio di vestiti. Ci siamo fermati solo per vedere se stasera uscivano tutti a cena con noi?" Ho chiesto.

"Noi? Chi è il resto di noi? Hai trovato altri amici oltre a noi?" ha preso in giro Dana.

"Sì, se chiami Stephanie, Chris e tutti i nostri genitori altri amici, allora sì."

"Stai radunando tutti per far loro sapere che hai deciso di lasciare la città, vero?"

“Non è sicuro che sia per questo che stiamo radunando tutti. Potrebbe essere per qualcos'altro".

“Cazzate qualcos'altro, non hai una cena per dire a tutti che nulla cambierà. L'abbiamo capito un po' di tempo fa con tutte le volte che Seattle continuava a venire misteriosamente".

Beh, immagino che non abbia senso cercare di insabbiarlo visto che lo sai già, quindi sì, abbiamo deciso di trasferirci a Seattle. Non dirlo a nessun altro però", ha detto Rita.

“Rilassati, non ti ruberemo la scena, ma dovrai pagare per il nostro cibo, e stasera mi sento estremamente affamato. Dove andiamo a mangiare?" chiese Carina.

"Café Stratos, era ora che portassimo lì i nostri genitori", dissi.

"Se stiamo portando i genitori, mio ​​padre dovrebbe venire, tornerà in città tra poche ore e sarà una buona occasione per lui di essere coinvolto in tutto in una volta", ha detto Ashley.

“Sì, va bene, invitalo, più siamo meglio è. Potrebbe anche pagare la cena», ho riso.

“Pagherà sicuramente se tutti saranno lì. Non permetterà a nessun altro di pagare il conto o addirittura di dare la mancia. Potrebbe anche lasciare una mancia più grande di quella che ho fatto la prima volta".

«Più di diecimila? Chi ha soldi per andare in giro così, onestamente?"

“Mio padre sì, ma non è ricco snob, in realtà dà molti dei suoi soldi a enti di beneficenza e piccole imprese, progetti di lavoro e cose del genere. L'anno scorso lui
donati oltre venti milioni per progetti abitativi e scuole. È come Robin Hood senza dover rubare".

"Beh, digli di darmi un po' di quei soldi, sono povero anch'io", rise Becky.

"Non lo fa così, ma se qualcuno ne avesse bisogno lo aiuterebbe sicuramente."

“Questo ti fa chiedere, se è sempre stato così gentile e generoso, come hai fatto a diventare a un certo punto tutta stronza? La sua gentilezza non ti ha contagiato?" chiese Dana.

"Incolpo questo negli spettacoli televisivi, e i miei genitori hanno divorziato, e l'intera faccenda con mio fratello, è stato molto da gestire e ho appena scattato e non mi sono mai guardato indietro, immagino."

"Questo mi ricorda, come vanno le cose con tuo fratello?" chiese Rita.

“Ancora nessun progresso, ma ci sto ancora lavorando. Ci vorrà ancora un po' di tempo".

“Chi vorrebbe divorziare da tuo padre? È di bell'aspetto e ha un sacco di soldi, a meno che non sia orribile a letto. Tutti i soldi del mondo non possono compensare un cazzo cadente", ha detto Becky.

“Becky che cazzo è un cazzo cadente? Chi parla così?" Carina rise.

“Fidati di me, sai cos'è. Se mi tengo bene per te tanto è difficile che tu faccia meglio a metterlo a letto, non voglio una vita
fornitura di batterie…”

“OK, possiamo smettere di parlare di sesso con mio padre! Cavolo! Cos'hai che non va! Comunque, ragazzi, avete detto che andiamo al Café Stratos? A che ora ci vediamo lì?" chiese Ashley.

“Ehi, sono tuoi amici, e sì, ci vediamo lì verso le otto. Se inizi ora potresti aver finito di prepararti con il tempo sufficiente per arrivarci", ho scherzato.

"Ha-ha, non hai idea di cosa dobbiamo passare per assicurarci di avere un bell'aspetto", ha detto Dana.

"Sì lo faccio. Ore passate a radersi e spennare, scegliere i vestiti, pettinarsi e truccarsi, e infine legare tutto insieme solo per respingere ogni ragazzo che si avvicina a te.

"Non ho intenzione di fare tutto quel lavoro solo per un ragazzo a caso che viene da me, sei pazzo?"

“Sì, ma notte dopo notte, notte dopo notte, non ti stanchi mai? Praticamente fai sei ore di preparazione per un centinaio di dollari in drink".

“They get to see all the work we did too… look but not good enough to touch,” Carina said.

“Rita do you agree with any of this,” I asked looking for a difference of opinion.

“I never had to do that so I can’t say anything about it. One thing I do know is I’m not gonna go through all that work when I know it’s all gonna be for nothing in the end,” Rita said.

“That’s what I’m saying! It’s like they’re only doing it to be the world’s biggest teases.”

“When you got it, flaunt it, otherwise you’re wasting it,” Becky said.

I stared at Ashley again. “Your friends. We just stopped by to let everybody know what’s going on, we better going. Oh and before we leave, one more thing…”

I ran over to Becky and grabbed her up, fighting off her little struggles and tossed her in the water. I looked back at Ashley who pretended to wave a white flag and turned back to the water to wait for Becky to come up, and she was mighty pissed when she did.

“Randy what the fuck? I was tanning you jerk. Now I gotta wash the chlorine out of my hair!”

“I’m pretty strong, so I flaunted it. That is what you said earlier right?” Risi.

“Oh you’re a bastard, I’m gonna knock your food on the floor later right when it comes out!”

"EHI! That’s a serious statement. There’s no water in the restaurant so I don’t know where you’ll land when I throw you in there. Don’t be messing with my food!”

“Just wait, I’ll get you. You better hope this smell comes out today or that’s your ass!”

“Says the hundred pound flimsy girl, I’ll take my chances. See you at dinner.”

“You know she’s not letting this go until she gets even right?” Ashley said as we were leaving.

“I know, but it was worth it, as long as she doesn’t mess with my food, then there’s a problem.”

As we were leaving I was so caught up in tossing Becky in the water and gloating about it that I didn’t hear her get out of the pool and run up on me. She got about ten feet away before my peripheral vision kicked in and I saw her charging me. I turned the jets on and booked out of there like I was getting chased by Cujo, all the while laughing at the situation.

“Yeah you better run! I’ll see you at dinner tonight Randy, I’ll be waiting on you!” Becky yelled.

I made it to the car way before Rita did and was already inside with it running before she showed up. She casually walked up and got in with a grin on her face like she was trying to hold in a laugh but was about to crack at any second.

“I can’t believe you ran from little tiny ass Becky,” Rita laughed.

“Hey she caught me off guard, survival instincts kicked in,” I responded as I drove off.

“Well I hope you don’t leave me behind next time your survival instincts kick in.”

“Like that one video where the guy pretending to be Jason came out of the water and scared the two people and the guy pushed his girlfriend in the water and booked it?”

“Yeah, you better not even think of doing that. You stay behind while I get away.”

"Che cosa? So I’m supposed to stay behind and get sliced up while you get away clean?”

"SÌ! You’re supposed to make sure I’m safe!”

“That goes out the window when we’re being hunted by a serial killer! If I start running you better start running too and keep up, and for the love of god please
don’t trip and fall.”

“I’m gonna trip and fall on purpose so you HAVE to come back for me.”

“If he’s closer to you than I am when you fall I’ll keep you in my memories.”

“Unloved. What kind of man wouldn’t get brutally murdered for the woman he loves?”

“Go find any man that’s gay or not stuck in the friendzone and take your pick.”

“I bet Chris would let his balls get chopped off for Stephanie…”

“WHAT? Haha Chris would run and we won’t know why until it’s too late. Why are we even at Crystal Lake in the first place? We should all die for being fucking stupid!”

“Yeah that’s true. Still you should be willing to be decapitated for me…”

“Ok Rita, fine, if we ever get chased by a murderous tall undead bastard I’ll make sure to hold him off long enough so you can get away, which will result in my
horrific murder.”

“Thank you, that’s all I wanted you to say,” she said perking up in her seat.

“Yeah yeah, but if Freddy attacks you in your sleep you’re on your own.”

We drove the rest of the way to Stephanie and Chris’ house with me casually glancing over at her and her still keeping that grin on her face. I may have said what she wanted to hear, but if that situation ever came up she better run faster than me and not fall, there’s no fucking way I’m walking into a brutal death when we’re all most likely dead anyway, fuck that. We pulled up to their house and went in with the keys we’d gotten from them (oh yeah, we all had keys to each other’s house now). We went up to Chris’ room where they both were laying on the bed all cuddled up together watching something on MTV.

"Che cos'è questo? Don’t even bother to shut the door anymore?” Rita asked.

“What’s the point? There’s nothing to hide. If we wanted to do anything the door would be locked, but knowing you you’d still find a way to get in,” Chris said.

“Yeah whatever, in your matching camo pajamas all cuddled up watching sixteen and pregnant, she’s turning you Chris, and you don’t even see it happening.”

“I like sixteen and pregnant! This show’s the shit! I’d watch this all the time even if… ok I can’t even say that with a straight face, she tricked me into watching this.

“Tricked, or bribed?” Ho chiesto.

“A little of both, but since she’s pinching me really hard we won’t get into that, owwww!”

“I didn’t trick you, I simple asked you if you wanted to watch this with me,” Stephanie said.

“Yeah with the eyelashes and boob squeeze and smile, yeah it was all innocent.”

“I didn’t trick you, whatever. We’re getting off topic, did you guys tell your parents?”

“Yeah we told them at breakfast this morning, did you?” Ho chiesto.

“We’ll tell them tonight. It’s better if more people are around,” Chris said.

“Good because our parents are gonna be there, your parents, Aunt Lisa, Ashley, Becky, Carina, Dana, and even Ashley's father is gonna be there along with the
rest of us.”

"Bene. I think that’ll be enough people, and with Ashley’s father coming he might pay.”

“That’s what we said, not to mention the big ass tip Denise is about to get.”

“What if our parents have a problem, what if they don’t think we should go?” Stephanie asked.

“Why would they have a problem? You have to leave home sometime,” Rita said.

“Yeah but they only had the idea that you were leaving town in their head, what are they gonna say when they find out we’re coming with you? You think they’ll be mad?”

"Neanche vicino. They didn’t get mad when they found out when you were sleeping together; this is nowhere as big a bomb as that was. They’re ok with they’re ok with anything.”

“You think we’ll all be ok there? Just the four of us I mean?”

“I don’t see why we shouldn’t be. We’ll all have jobs, we’d only need a two bedroom place and with four incomes that’ll be nothing. We have two cars and more than likely we’ll be working in the same area, so yeah we’ll be fine. We have to grow up sometime.”

“Yeah but how often are we all gonna be able to come back though? The chances of us all being able to get the exact days off at different jobs aren’t so high,” Chris said.

“It shouldn’t be that hard if we ask for the days off ahead of time,” I said.

“Yeah, days is easy, I’m talking about if we wanted like a week off at a time or something. Seattle is twelve hours away; it’s pointless to just get away for a couple days at a time.”

“I guess that’s something we can figure out when we get to it I guess.”

There was a knock on the door and Jim poked his head in. “What’s going on everybody?”

“Nothing, just relaxing, kicking back and watching some sixteen and pregnant,” Chris joked.

Jim started to laugh until the title clicked in his head. “I hope you’re watching it out of entertainment and not for informational purposes…”

“Yeah dad, just for fun, and torture, I’m being forced to watch it.”

“Whatever Chris you picked the channel, you know what comes on mtv now,” Stephanie said.

"Sì. Anyways I came up here to borrow Randy and Chris, we’re moving boxes from the attic to the garage and since you’re both here it should go a lot faster.”

"Come mai? Everything’s up there so neat and stuff, why move it around?”

“Because the shelves in the garage aren’t being used for anything other than collecting dust. When Rita and Randy went up there looking for the tapes they
would’ve been back much quicker if everything was in the garage, there’s a lot more space in there for organizing.”

“Who are you kidding dad, mom told you to do it didn’t she?”

"Sì. She doesn’t want anyone going up there. She thinks it’s too dangerous.”

“Mom always has the last word. Especially if it involves any kind of manual labor,” Steph said.

“Not always. I’ve won at least two of the last ten thousand arguments. Progress.”

“That just proves my point. Have fun being mom’s slaves for the next couple hours.”

We went to the attic and did a chain line since it was a drop ladder attic so we could get a nice pile of boxes down at a time and then take them outside once the pile was big enough. When we had about twenty boxes blocking up the hallway we each grabbed what we could hold and headed out to the garage, stepping into heat that felt like it rose thirty degrees in minutes.

“Ahh crap dad, you had to pick the day where its frickin two thousand degrees outside to wanna do some manual labor outside?” Chris complained.

“Hey you’re lucky I decided to do it now while Randy’s here to help. Besides, it’s supposed to rain the next few days so it’s better to do it now than get rained on,” Jim said.

“I’d rather get rained on; beats dying of heat stroke.”

“And you’d also mess up everything in the boxes, so it’d be a double whammy.”

“Ahh I’m gonna sweat through this shirt, I don’t have anything else washed,” I said.

“Me either, I guess that means we’re gonna have to wait until it cools down,” Chris followed.

“Ahh no, how do you say with basketball, shirts vs skins, I’ll be shirts, keep moving,” Jim said.

Surprised Jim had an immediate comeback we took off our shirts since we knew we weren’t getting out of moving the boxes. We made about three or four trips before we had to take a break from the heat, but Jim didn’t look like he was bothered at all by the heat.

“Burning up? This is nothing compared to what it was when I was growing up.”

“Yeah well maybe we’re built differently than you. It’s ok though, I’ve been eating like a pig lately and this might help me shed some unwanted poundage,” Chris said.

“By the time we’re done you should have lost at last five pounds in just sweat judging by the way it’s pouring off you. My genes must’ve skipped you because Steph loves the heat.”

“She’s a girl, what girl doesn’t like sun? Tanning, beach, bathing suit, it’s a woman’s dream.”

“Well today you’ll either grow accustomed to it more or hate it even more. We have a good ways to go, if you don’t want to do this tomorrow I suggest we get a move on.”

We sucked it up and got to moving the rest of the boxes and everything else from the attic to the garage. We decided to take everything out of the attic and pile it up in the hallway so we wouldn’t have to climb the ladder anymore, especially since both Chris and I almost fell off of it. Stephanie and Rita would come out and watch us move everything but they wouldn’t help, they just made flirtatious eyes at us whenever Jim wasn’t looking, which was pretty often. In about another hour or so we finally had everything moved into the garage, and since we actually put stuff up as we took it in and not just sat it down and kept going we didn’t have to organize anything except a few things that wouldn’t fit on the shelves, and Jim offered to take care of that himself, and we were happy to let him do it.
Chris and I headed to the kitchen to cool off and down a bottle of water, and I used a couple paper towels and some water to wipe as much sweat off me as I could. Once we were all cleaned up we headed back upstairs to the girls but found only Stephanie in Chris’ room.

“Where’s Rita? Just a moment ago you two were gawking at us,” I said.

“I don’t know, I turned around and she was gone. I think she’s still here though,” Steph said.

“Yeah she’s definitely still here, your cars outside, and her stuff is still here,” Chris said.

“Maybe she went to help your mom with something, I’ll go check,” I said.

I went to look for her in the house but couldn’t find her. I bumped into Marie in the backyard working on what looked like to be a new garden she was about to start and asked her if she seen Rita, no dice, so I went back into the house. I went through again not being able to find her before I realized Stephanie had something to do with it. She’s not gonna just slip away from you and you not notice, they were planning something, so I went to confront Stephanie. I got to the top of the stairs and she was leaning against the door with a smile on her face. I was all set to charge her when the closet door in the hallway opened and I was yanked in.

“Looking for me?” Rita whispered as she ran her hands across my chest.

“So you and… no Rita we can’t! In the closet? Somebody will definitely hear us!”

“Steph’s gonna be lookout, and I promised we’d be lookouts for her and Chris next time.”

“Rita this is crazy, in their freaking closet! But why am I all excited then?”

“Because you’re just as crazy as I am, and because I’m holding your cock in my hand.”

“Yeah that might be part of it, but still, this whole thing just…”

“No more talking Randy,” Rita said as she smashed her lips to mine to shut me up.

To my surprise Rita’s clothes were already off, she was just in her bra and panties, which I had no trouble getting off at that point. My shorts and boxers hit the floor at the same time and Rita directed me to an area in the closet and had me sit down. I didn’t know what I was sitting on, but it was soft, and the space was cleared out. She had set up the closet for me to fuck her in however long it took her to think of it to when we finished with the boxes and I went looking for her. She climbed into my lap, which thanks to my absence of sight and my awareness of being in an unfamiliar environment heightened my senses, especially touch, so when she sat down in my lap, I grabbed her ass and helped her slide my cock inside her.

“Oooooooh yeah baby, gimme all that cock!” Rita moaned. “Slide it all in Randy!”

We were careful not to make too much noise so we weren’t going crazy on each other, but she did have her arms around my neck as she rode me so she could control how hard she pushed down on me. Her ass cheeks were cold in my hands, probably from being naked in the closet, but her pussy was as hot and wet as ever as I pulled her down onto it over and over.

“Mmmm baby, ride that cock Rita, ride it baby,” I moaned as she nibbled on my ear.

“Yeah baby I’m gonna ride this big cock. Just watching you get all sweaty with your muscles… I had to fuck you, my pussy wasn’t gonna wait until we got home.”

“You never have to, if you want it, take it, you know I won’t fight you.”

“I know, but I like it when you do, you being scared to get caught makes me even wetter.”

“Good, we have the closet for at least seven more minutes of heaven.”

She got up and turned around on me and sat back down on my cock. I felt her hands on my knees as her pussy swallowed my cock over and over, which is something I really wished I could see at that moment, we barely had sex in that position. I wrapped my arm around her chest and pulled her back into me and kissed her along her neck and cheek as she switched from sitting down on me to grinding me. I squeezed her tit so hard a silhouette of my hand had definitely been left there. We saw two shadows block out some of the light the crack under the door made and we paused, fearing it could be either Jim or Marie.

Bussare! Bussare! Bussare! “Jeez are you two done in here yet? It’s supposed to be a quickie you know,” we heard Steph say as she poked her head into the darkness.

“We’ll be done, get out of here, you’re supposed to be looking out!” Rita said.

“I am, noone’s coming, I’ll give you a signal if someone does, make it fast though.”

“I’m sorry but we don’t know what fast means when it comes to sex.”

“If you don’t want dad getting suspicious of where you two are you might wanna find out.”

“Once again, your job to keep him away, now leave, you’re wasting valuable sex time!”

“Don’t be shooing me off, I’ll leave when I please, or I’ll stay and watch!”

“Leave, stay, I don’t care, just shut the door please before somebody walks past!”

“Next time, I gotta keep an eye out, these people are having sex in a closet.”

She shut the door with a giggle and we saw her shadow leave from in front of the door. The whole time Rita was trying to get Stephanie away from the closet she didn’t stop fucking me, she was bouncing in rhythm with the words that went in unison to yelling at Stephanie, but she never completely stopped fucking.
She got up and pulled me with her to a wall, and then hopped up into my arms and put my cock at her pussy and slid down on it.

“Uuuuuugh, I’m gonna fucking kill Stephanie when we get outta here,” Rita whispered.

“Don’t worry about it. She was doing it on purpose to get your blood blowing.”

“I’m only worried about keeping your blood flowing for the next few minutes.”

“You don’t have to worry about that,” I said as I jabbed her a few times. “You know I can go for a long time, Stephanie talking isn’t gonna make me go soft or anything.”

“Then show me, fuck the shit outta me for the next five minutes.”

I grabbed under her ass and slammed my cock into her pussy over and over. She had to lock her legs around me just to keep them from swinging all over the place. All we could hear was the sound of our skin clapping together and our breathing in each other’s ear. Pretty soon she went from casually hanging off my neck to having her arms gripped tight around it, completely giving up her body to me to punish as I saw fit, and man was I punishing it. I let her down, walked her forward until we got to a wall and bent her over. I found her pussy in the dark and forced myself back into her without giving her a chance to get ready for it.

“FUCK! What was that Randy? Era così fottutamente bello! Do that again!” Rita whispered.

I pulled out, found her hold just like I did before and rammed into her for a second time. She tried to catch herself before she let out a loud scream or moan, but a little slipped past her lips before she was able to catch it. I put my hand over her mouth to let her know to be quiet and grabbed a handful of her hair and had her arch her back with my other hand. I gave her the long hard thrusts we both equally loved without any mercy for how she was taking it, but going by the muffling sounds she was making from her hand that she was using to cover her mouth she was enjoying it very much.

“Yes Randy, yes! Così buono! Keep fucking me like that baby!”

I let her hair go and grabbed her hips so I could really pound her. I didn’t know how much time we were going to have left in the closet so I wanted to make every second left count. I slammed into her over and over so hard it sounded like someone was getting whipped with a belt. I heard her trying to grab for anything she could hold on to, but I wasn’t letting up. I knew at least Stephanie was out there perving on us, but I didn’t really care. I actually kinda liked that she could hear me fucking the shit out of Rita; it gave me an ego boost. I got so high on my little power trip I figured I could fuck Rita harder and make her make a little noise that Steph could hear and get jealous from, and so that’s what I did. I fucked her a little harder, and a little harder, and a little harder, until Rita lost her balance and went stumbling forward, and me being inside her I went with her. She must’ve been holding on to the door, because in a matter of seconds it swung open and our naked bodies were stumbling out of the closet.

I had gotten a little, ok a lot carried away, so much that I actually forced us to stumble out of the closet. The sudden light after being in the dark all that time messed with our eyes so we didn’t see anything around us right away, but after a little while I could see Stephanie standing right in front of us, and Chris a little farther down the hallway laughing.

“Ha-ha what the fuck! I’ve never in my LIFE seen that happen!” Chris said.

“Chris shut up!” Ho detto. “Somebody’s gonna hear you!”

“If they didn’t hear you fall out of the closet they definitely won’t hear me!”

“You just gonna stand there Steph or are you gonna help us up?” Rita asked with her legs shaking just a bit. I think she came just before we took a dive into the hallway.

“A little of both. You know I could hear you fucking even out here. It sounded like someone was giving a round of applause in there. You two fuck entirely way too hard,” Steph said.

We finally gathered ourselves and moved back into the closet, penises and tits swinging in the air like nobody cared, and the smell of sex now seeping out into
the hallway after being in the closet for so long. I didn’t know what we were gonna do once we got back in the closet, finish or get dressed and come out, but we weren’t gonna stay out there like that. We went back in and closed the door, and just stood there, laughing, not knowing what to do next.

“So um, that was awkward. Are we gonna just stay in here now?” Ho chiesto.

“Staying in here will be even more awkward, but if you wanna keep going so you can cum we can. I came right as the door opened, I don’t know if that’s good or bad haha.”

“I can pass this time, let’s just get dressed and get out of here. And that’s a good thing, at least one of us, got to cum, it means we didn’t go crashing to the floor
for nothing.”

“I kinda liked that part, just a softer landing next time would be nice.”

We got dressed in the dark, which took longer than expected since our clothes got moved around the closet. When we finally got dressed we opened the door slowly to make sure Jim or Marie wasn’t around (I still didn’t know why we were hiding from Marie) and crept out. We got as far as Stephanie’s door before both she and Chris came out of the room laughing at us.

“Well well well, look who decided to stumble back into reality,” Chris joked.

“That was the funniest shit I ever seen! Rita’s titties were swinging as she fell to the floor in mid orgasm and the whole time Randy was still inside her!” Stephanie said.

“Can you be quiet! It wasn’t all that funny, almost lost my orgasm because of that,” Rita said.

“Haha glad to know what’s important. Getting caught having sex isn’t nearly as important as getting off. I need to share your way of thinking,” Chris said.

“For one, everybody already knows, so it’s not a shock. If we get caught, we might was well get off or it’s pointless. And three, everybody knows, so what’s the big deal?”

“If there’s no problem then why’d you have to hide in the closet?” Stephanie asked.

“I can answer that,” I said. “The thrill. She loves almost getting caught. Juices her right up.”

“Yep, sounds about right. Are you two gonna head in now? We cleaned up in there and the sex smell is almost gone. We’ll cover you for about eight minutes, that should be long enough.”

“Please I brush my teeth longer than eight minutes, if you’re gonna stand there you better pull up a chair because you’re gonna be out there for a while,” Chris said.

“Haha yeah sure. Well if you’re not going in we’re gonna go home. We need to go change and get ready. Mom’s probably waiting on us to get back now,” I said.

“Yeah we should start getting ready too. As long as it takes Stephanie to do just her hair we’ll be late even with a three hour jump on time. Seriously, who needs that long?” Chris asked.

“It takes hard work to look this good, you better appreciate me,” Stephanie replied.

“They’re about to fight and have make up sex, that’s our cue to leave,” Rita joked.

“Maybe, maybe not, depending on how the fight goes. If I were you I’d get out of here before dad finds something for you to do on your way out the door.”

“Yeah that sounds like a good idea. All those boxes and random stuff was no joke. We’ll see you guys tonight. Try not to be too late, there’s gonna be like fifteen people there tonight.”

We walked out the house and back to our car and drove off headed home. The ride home was quiet and awkward, but it was a funny quiet and awkward. We were both trying to hold in a laugh and it was much harder on Rita since she had to focus on driving and couldn’t look over to see what I was doing like she wanted to. I wasn’t doing any better keeping from laughing as I kept snickering every few seconds until I just couldn’t hold it in anymore.

“I can’t believe we fell out of the closet!” I said bursting out laughing.

“I know right, butt ass naked! Something like that would only happen to us!” Rita said.

“Can you imagine if Jim came up the stairs at that moment? There’s nothing we could’ve said to get out of that. What were we cleaning the closet naked because it was too hot?”

“It was pretty hot, and I didn’t do any of the stuff Jim had you and Chris doing.”

“I don’t think he would’ve been too mad though, he probably would’ve gave us a stern talking to or something but nothing lasting. He’s way too nice for that.”

“Way too nice to punish the brother and sister who were having sex in his closet. What kind of world are we living in where that sentence is ok to use haha.”

“One we can finally exist in, especially once we move to Seattle.”

“I can’t wait, but then again I can wait, it’s hard to explain.”

“I know what you mean. You wanna hurry up and leave so we can be on our own, but you don’t wanna leave because we’d be leaving everything behind. Mi sento allo stesso modo."

"Sì. One door closes and another one opens. Maybe after a while we can come back and open that last door again. We might have some unfinished business here.”

“Yeah, maybe. Who knows, things might change, we might move back for good.”

“We’d have to move away first before we could move back, but yeah, it could happen.”

We got back to the house and walked up to see dad sitting on the porch just staring out into the street like I do sometimes. We acknowledged dad and were on our way inside when Rita nudged me to talk to dad. She didn’t say anything, but I knew what she wanted us to talk about, and to be honest I was scared to talk about it for the simple fact that dad might be having second thoughts about something, but she was right, we needed an update on how he felt, and scared or not, I had to be the one to ask him about it.

“Hey what’s up dad, everything going ok?” I asked as I sat down next to him.

“Yeah everything is good, as good as it can be, why yo

Storie simili

Il Drago (S)Strati V. 1 cap. 02 (La Maga)

La maga * * * * Mia carissima Tessarie, So che i tempi ci stanno provando in questo momento, ma sappi che ho fatto del mio meglio per assicurarmi che tu finissi in un posto sicuro. Le terre umane sono accoglienti per la nostra specie e, sebbene non ci si possa fidare di loro, non ho dubbi che verrai trattato bene e accolto a braccia aperte. Da quello che sappiamo di loro, evitano la magia, quindi per favore fai attenzione se scegli di esercitare i tuoi poteri. . . L'incidente avrebbe potuto essere perdonato se non fosse stato così diffuso, ma...

259 I più visti

Likes 0

Fare da babysitter con Tara pt.2

Quindi, eccomi qui, in piedi nella stanza della mia migliore amica, il mio cazzo semiduro ancora nella sua mano, un po' del mio sperma ancora sulle sue labbra e sulla sua lingua. Mi sentivo come se la mia stessa forza vitale si fosse trasformata in sperma e fosse stata risucchiata fuori dal mio cazzo tutto in una volta. Eppure, volevo di più. Mi aveva appena fatto il pompino più incredibile della mia vita e ora volevo ricambiare il favore. Si distese sul letto, scivolando fuori dalle sue mutandine che erano già impregnate di anticipazione, dandomi la prima visione completa di lei...

114 I più visti

Likes 0

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

186 I più visti

Likes 0

RUNAWAY Capitolo 19

Si svegliò quando lo sentì fermare il camion, felice di non essere ancora nel suo incubo e dopo aver guardato attraverso il parabrezza vide che erano di nuovo in un'altra area di sosta. Vedo che sei sveglia Bella addormentata. Tempo per una sosta, fumo e un paio d'ore di sonno non credi Senorita chiese? Certo concordò lei con uno sbadiglio. Entrambi scesero dal camion e lei si diresse al bagno delle donne per una pausa vasino. Quando è tornata aveva le due sedie fuori ed era seduto a fumare una canna e aveva anche un refrigeratore fuori e una birra in...

218 I più visti

Likes 0

Lo spettacolo via webcam di Tasha

La trasmissione sexy della webcam della diciottenne Tasha viene interrotta dall'animale domestico di famiglia. Sono Tasha, ma tutti mi chiamano Ta-Ta. A causa dei miei seni al cioccolato 38 C. Ho 18 anni e sono piccola, alta 5'6 pollici, 115 libbre di cioccolato fondente. Faccio un taglio di capelli corto alla Halle Berry. Con un fondoschiena di mela che farebbe dire a J-Lo Dannazione Vivo ancora con i miei genitori e il mio stupido fratellino quindicenne Calvin Jr (soprannominato C.J) Inoltre, abbiamo un pitbull di 3 anni di nome Bullet. Di chi mi fissa costantemente con quei penetranti occhi azzurri, mentre...

139 I più visti

Likes 0

Fuori Limiti Compagno di Stanza Pt. 3

Vista. Il calzino rosa, che mi premeva quasi sugli occhi. Era buio, ma dopo questo pomeriggio, sapevo fin troppo bene che c'erano impronte sporche di dita dei piedi e suole in una leggera sfumatura di marrone. Tocco. L'arco della suola di Shiann, che mi tocca il naso. Le dita dei piedi contro la mia fronte, dimenando leggermente. Il tallone, che mi sbatteva il mento un paio di volte mentre si spostava leggermente verso di me lungo il divano. La sensazione di un tessuto leggermente consumato, qualche brandello di cotone che si era staccato dall'intreccio di cotone a maglia fitta dei suoi...

228 I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

201 I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

193 I più visti

Likes 0

Una fantastica vacanza

Cosa fa una donna di circa 30 anni divorziata di recente quando il suo posto di lavoro ha una vacanza di 2 settimane? Beh, vai in vacanza, naturalmente. Il mio ex marito era una persona controllante, aveva bisogno di fare le cose a modo suo nel suo programma. Ma mi aveva fatto sentire a mio agio, immagino che stare con qualcuno dai 20 ai 30 anni lo faccia. Ma sono contento che quel capitolo della mia vita sia finito. Ho potuto vedere i segni un paio di anni fa e penso che inconsciamente volevo comunque uscire dal matrimonio. Ma è stata...

131 I più visti

Likes 0

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

221 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.