Il vlogger di viaggio

308Report
Il vlogger di viaggio

Il vlogger di viaggio

Gretchen si stava già pentendo della scelta del vestito. Era il suo look caratteristico, qualcosa che i suoi follower si aspettavano da lei. Tuttavia, l’estate di Tokyo non è stata clemente e l’umidità non si sposava bene con il denim. I suoi jeans attillati stavano diventando scomodi, ma avrebbe dovuto resistere, almeno finché non avesse trovato qualcosa da filmare.

Non era nemmeno sicura in quale distretto si trovasse. L'aveva scelto a caso alla stazione, in cerca di una nuova avventura da condividere con i suoi abbonati. Deve essere stata una bella immagine per i molti locali che passavano. Essendo leggermente al di sopra della statura media nel suo paese, si sentiva un po' sovradimensionata qui in Giappone. La maggior parte degli uomini lì erano appena sotto la sua altezza, e non era raro che la gente li fissasse mentre passavano.

La maggior parte dei suoi capelli castano chiaro erano nascosti sotto un berretto con la scritta Alberta, un ricordo di casa. La sua chiara carnagione europea la faceva già risaltare come straniera, così come il suo outfit casual composto da maglietta e jeans. La maggior parte delle donne locali era più attenta alla moda di quanto lo fosse mai stata lei, anche al liceo. In una mano aveva un piccolo treppiede che aveva attaccato al telefono. Sul suo corpo aveva una borsa a tracolla, contenente tutto ciò di cui avrebbe potuto aver bisogno per la giornata.

Rendendosi conto che il caldo non sarebbe passato presto, decise di mettersi a camminare. Forse potrebbe trovare un posto carino dove pranzare. Dopo aver camminato per circa venti minuti notò un piccolo negozio di ramen, il tipo di posto che era semplicemente un buco nel lato di un edificio. Di fronte c'erano cinque sgabelli, tre dei quali erano usati da alcuni uomini giapponesi più anziani, che chiacchieravano tranquillamente, ma sorseggiavano rumorosamente i loro noodles.

Si avvicinò e sorrise educatamente all'uomo che serviva. Sembrava essere sulla cinquantina, con l'attaccatura dei capelli stempiata nera e grigia. Tuttavia, sotto il grembiule e la maglietta bianca poteva vedere che era in buona forma. Lui sorrise allegramente e la salutò in giapponese. Doveva sembrare confusa perché lui riprovò: "Americano?"

"Canadese" affermò, chiedendosi quanto inglese sapesse.

"Ah" rispose con sicurezza "sciroppo d'acero e hockey?" Ha lottato con la parola acero, ma per il resto la sua pronuncia era impeccabile. Anche lei trovava il suo accento piuttosto affascinante.

"Sì, è quello il posto" guardò i tre uomini più anziani "qualcuno di voi parla inglese?"

Due di loro sembravano confuse, ma la terza riuscì a dire "solo un po', tesoro mio" e poi le fece l'occhiolino.

"Oh", non si aspettava che "a qualcuno di voi dispiacerebbe se filmassi? Ho un piccolo canale YouTube."

Ha conferito con i suoi amici per un minuto prima di dire "no problemo" e le ha fatto un pollice in su carino, ma leggermente imbarazzante. Poi si voltò a guardare il negoziante.

"Per me va bene, potrebbe attirare più clienti."

"Grazie mille", ha detto sinceramente, "e permettimi di farti i complimenti per il tuo inglese, è davvero bello."

"Non dirlo" mi ha risposto "da giovane ho attraversato l'America in bicicletta, era una buona pratica."

"Sembra proprio così" si sedette mentre parlava e iniziò a montare il treppiede "A proposito, mi chiamo Gretchen, come ti chiami?"

"Minato."

"Che bel nome" ha risposto, poi ha acceso la fotocamera "ciao Internet e bentornato sul mio canale. Come ho detto nel mio ultimo video, attualmente sto esplorando la grande metropoli che è Tokyo. Oggi ci prendiamo una pausa dalle grandi località turistiche per sedermi e provare un ristorante di ramen locale. Quanto è locale? Beh, se faccio una panoramica con la macchina fotografica, puoi vedere queste volpi argentate che trangugiano noodles come se fossero sedute qui da decenni."

"Ehi" rispose lo stesso uomo "stai dicendo che siamo vecchi?"

"No no" si riprese subito "Sto dicendo ai miei telespettatori che siete uomini esperti e colti che sanno dove trovare del buon cibo. Inoltre, volpe argentata significa che siete molto belli."

"Oh" si mise a sedere un po' più dritto e guardò nella telecamera "ciao gente americana, sono molto felice di mostrarvi il mio paese. Per favore, venite a trovarmi qui nel mio negozio di noodle." Poteva sentire Minato ridere in sottofondo. Era solo la sua professionalità a impedirle di ridere ad alta voce con lui.

Girando la telecamera continuò "e questo bel pezzo di carne si chiama Minato, mi darà da mangiare oggi, ma non siate gelose ragazze, potete venire a trovarlo anche voi. Aggiungerò la location nel de** *********ion qui sotto."

"Sei molto gentile" iniziò Minato "ma forse dovresti provare prima il ramen, così potrai dare una recensione onesta."

"Qual è la tua specialità?"

"È semplice, solo un semplice ramen di maiale," iniziò a girarsi "Te ne preparo uno in un batter d'occhio."

"Grazie" ha risposto, girando di nuovo la macchina fotografica "mentre lui è pronto, assicurati di schiacciare il pulsante Mi piace e iscriviti se non l'hai già fatto. Inoltre, lasciami fare un saluto a Ibrahim del Colorado che si è appena unito al mio patreon team. Se vuoi unirti anche tu, il link è nella de***********ion e include tutti i tipi di extra, come quel servizio fotografico in bikini di Okinawa.

"E non preoccupatevi ragazzi, mi metto il cappello addosso per ogni foto, non per niente mi chiamano il viaggiatore dell'Alberta. In realtà quel nome non ha ancora preso piede, quindi per favore diffondetelo in giro altrimenti io' Perderò la fiducia nelle mie idee e sono sicuro che nessuno di voi lo vorrà." A questo punto ha smesso di parlare e ha iniziato a imbronciarsi davanti alla telecamera.

"Forse dovrei iscrivermi" disse Minato scherzando mentre le metteva una ciotola fumante davanti.

"Dammi solo la tua email" appoggiò con attenzione la fotocamera alla sua sinistra, assicurandosi che sia lei che Minato fossero nell'inquadratura "se questi noodles sono buoni quanto il loro odore ti manderò le foto gratuitamente."

Mentre portava un pezzo di maiale alla bocca poteva sentire che lui osservava il suo corpo. Tra l'umidità e i jeans attillati si sentiva già a disagio. Ora, con lui che la fissava in quel modo, avrebbe voluto togliersi tutto e sentire la sua pelle contro la sua. Sei ancora davanti alla telecamera, ricordò a se stessa, ci sarà tempo per quello più tardi.

"Se stai ancora guardando, prima di tutto grazie. Sono sorpreso che non ti sia annoiato, dato che erano solo cinque minuti in cui mangiavo ramen. Tuttavia, questo dovrebbe essere sufficiente come approvazione di Minato, se tu se ti trovi in ​​questa parte di Tokyo, assicurati di fermarti qui." A questo punto prese un tovagliolo e iniziò ad asciugarsi delicatamente la bocca, mantenendo il contatto visivo con la fotocamera. "Smetterò di girare adesso così posso trovare un modo per ringraziare Minato per la sua pazienza e le sue abilità culinarie d'élite. Grazie ancora per la visione, ci vediamo la prossima volta. Alberta Girl 96, mi iscrivo."

Dopo qualche secondo spense la macchina fotografica e iniziò a preparare il treppiede.

"Grazie ancora Minato, penso che i miei spettatori apprezzeranno il tutto una volta che avrò completato il processo di editing."

"Nessun problema" mi ha risposto "è stato bello ricevere così tante attenzioni da una bella ragazza, anche solo per un video."

"Non era solo per il video" sorrise "Tornerò alla chiusura, se mi vuoi?"

"Uhm" sembrava confuso (lei si divertiva a guardarlo confuso e si sporse per vederlo meglio) "sì, voglio dire, certo che lo faccio. Per favore, torna stasera."

Tutti e quattro gli uomini la guardarono mentre scendeva dallo sgabello. "A più tardi Minato, ciao volpi argentate, grazie per la bellissima esperienza."

Era sera presto quando tornò al piccolo negozio. Sembrava che Minato avesse chiuso presto e stesse finendo di lavare alcuni piatti. Chiacchierarono per un po' mentre lui finiva di chiudere per la notte e non passò molto tempo prima che prendessero l'ascensore fino al suo piccolo appartamento al sedicesimo piano.

Cresciuta in un sobborgo del Canada occidentale, le ci era voluto del tempo per abituarsi ai minuscoli appartamenti comuni nelle città più grandi. Quello di Minato non faceva eccezione e consisteva in una grande stanza con un piccolo bagno che era l'unico spazio esterno. Guardandosi intorno poteva vedere una zona cucina, un piccolo angolo per la colazione, un materasso matrimoniale sul pavimento, un armadio a muro e una scrivania del computer che si affacciava sulla città sottostante. Era ormai il crepuscolo e poteva vedere le luci che cominciavano ad accendersi in tutta la città.

"Ti dispiace se prima faccio la doccia?" chiese educatamente.

"Ti dispiace se guardo?"

Lui non parlò, si tolse semplicemente la maglietta e cominciò a camminare verso il bagno. Togliendosi scarpe e calzini, cominciò a seguirlo.

Il bagno era piccolo, ma moderno e molto pulito. Saltò sul bancone e permise ai suoi piedi nudi di librarsi sulle fresche piastrelle. Era già nudo quando entrò nella doccia di vetro. Poteva sentirsi bagnata alla vista del suo cazzo semi-duro.

Con l'acqua fredda che scorreva sulla sua forma magra, poteva già vedere la tensione abbandonare il suo corpo. Poi saltò giù dal bancone e decise di dargli uno spettacolo. Per prima cosa si tolse lentamente il berretto e lo appoggiò delicatamente sul vicino rubinetto. Poi, ha alzato la maglietta per rivelare i suoi piccoli seni.

"Niente reggiseno" commentò abbassandosi e toccandosi.

Si tolse il resto della maglietta e la lasciò cadere pigramente sul pavimento. "Mi piace mantenere le cose semplici."

"Nessun vincolo" ha scherzato. Lei sorrise mentre lui cominciava ad accarezzarsi lentamente.

Ora tocca ai jeans, pensò, rendendosi conto ancora una volta di quanto fosse umido quel giorno. Prima abbottona, poi abbassa la cerniera per rivelare un paio di mutandine verdi con fiori gialli sopra. Successivamente iniziò il lento processo di rimozione del denim dalle gambe. Rimase paziente mentre lei si liberava goffamente da una giornata di disagio. Che signori. Fece finta di piegare i jeans, voltandosi da lui e chinandosi proprio sopra il punto in cui li avevano appoggiati sul pavimento. Senza piegarsi riuscì a togliersi le mutande, dandogli una visione completa di tutto.

"Ti dispiace se prima faccio la doccia?" chiese, ripetendo la domanda di prima. Spinse delicatamente la porta a vetri. Non c'era molto spazio nella doccia, ma entrambi riuscirono a infilarsi sotto l'acqua fredda. Fu in quel momento che notò che era leggermente più alta e decise di stare dietro di lui con la testa sulla sua spalla.

Con attenzione rimosse la mano che gli stava accarezzando il cazzo. "Permettimi" sussurrò seducente al suo orecchio. Prendendo un po' di sapone da doccia sul palmo della mano, iniziò a muoversi su e giù per la sua asta. Le sue dita insaponate si muovevano facilmente e lui adesso sentiva così forte la sua mano. Non disse molto, ma il suo respiro stava diventando più pesante, più frenetico.

"Quanto tempo è passato dall'ultima volta che qualcun altro l'ha toccato?" lei chiese.

"Quasi dieci anni" rispose tra i respiri.

"È troppo lungo, un corpo come il tuo dovrebbe essere usato quotidianamente, o almeno settimanalmente." Adesso lo accarezzava più velocemente e sospettava che potesse essere vicino quando iniziò a fare esclamazioni in giapponese. Mordendogli dolcemente l'orecchio, continuò ad accarezzarlo finché la sua mano non fu ricoperta di sperma. Minato era venuto con tale vigore che ora riusciva a malapena a reggersi in piedi e dovette spingersi contro la parete della doccia per mantenere l'equilibrio.

"Grazie tesoro, dopo esserti sentita appiccicosa tutto il giorno, almeno ora è per una buona ragione" alzò la mano in modo che lui potesse vedere quanto aveva rilasciato. Non dissero molto dopo, non ne avevano bisogno. Poteva dire che era grato e che stava risparmiando energia per ricambiare il favore. Trascorsero lì altri venti minuti, insaponandosi a vicenda e lavandosi di dosso il sudore della giornata.

Il sole era tramontato, ma la notte era ancora calda. Invece di asciugarsi Gretchen afferrò il membro di Minato e lo condusse verso la scrivania.

"Mi piegheresti sul tavolo mentre guardo le luci di Tokyo?"

"Tutto per te" mentre lei si posizionava, lui allungò la mano verso un cassetto e tirò fuori una piccola scatola di preservativi. Mentre si rimetteva nel fodero, lei controllò rapidamente la data e fu felice di vedere che erano stati acquistati di recente. "Mi piace essere preparato" disse da dietro di lei.

Alzò la testa e si concentrò sul panorama. Che città meravigliosa, pensò tra sé mentre lui entrava nel suo corpo. Lei rimase ferma sulla scrivania mentre lui cominciava a spingersi dentro e fuori da lei. "Oh tesoro" gemette ad alta voce "non essere gentile, posso sopportarlo, lanciami in giro come quel maiale nel tuo negozio."

Si sentiva così bene dentro di lei e lei stava già cominciando a sudare di nuovo. Tuttavia, era stata una lunga giornata di lavoro per lui e poteva sentire che stava iniziando a rallentare. Non passò molto tempo prima che lui uscisse e lei potesse sentirlo ansimare come se avesse appena corso una maratona.

Gli mise una mano sotto il braccio per sostenerlo e l'altra sul suo cuore. "Povero bambino" fece le fusa, sentendo il suo battito accelerato "ti mettiamo a letto" lui annuì in segno di consenso. Lo adagiò con cura sul letto. Era ancora duro come la roccia, quindi ha iniziato ad allineare il suo pene con la sua vagina. La guardò con ammirazione e desiderio mentre lei cominciava a muovere i fianchi avanti e indietro.

"Mm, cowgirl sexy" disse dopo pochi minuti.

"Non è richiesto alcun cavallo" rise, accelerando il passo. Poteva sentire il proprio orgasmo avvicinarsi e stava raggiungendo un punto di non ritorno. "Prendimi il culo, tesoro, prendilo forte" urlò, senza rallentare mentre lui si allungava in avanti e reclamava due manciate di carne. Quel momento era pura estasi, anche se in seguito si sarebbe chiesta quanti dei suoi vicini avrebbero potuto sentirla. Per ora lascia che le onde del piacere si muovano attraverso il suo corpo.

Chiunque avesse guardato in quel momento avrebbe visto il suo corpo scintillante, rimbalzare su e giù, la testa gettata indietro beatamente mentre le sue natiche erano afferrate dalle mani esperte di uno chef di ramen nudo. Il suo corpo era esaurito e presto crollò sopra il suo amante.

Rotolando via da lui e sdraiandosi sulla schiena emise un lungo sospiro "fottimi, è stato fantastico."

"Grazie" Minato sorrise amabilmente mentre le spostava un braccio sotto.

Lei si avvicinò a lui e appoggiò la testa contro il suo petto "sul serio, tesoro, non sai quanto ne avevo bisogno."

"Quanto mi serve prima?"

"Mm, è vero. La maggior parte dei ragazzi non sborra così tanto solo con una sega."

Dopodiché Minato si addormentò presto. Gretchen giaceva comodamente tra le sue braccia mentre lui russava dolcemente nel sonno. Che notte, pensò, eccola qui a Tokyo con un uomo che aveva appena incontrato, un uomo che l'aveva soddisfatta sia con la guarigione culinaria che sessuale. Sarebbe perfetto se non avesse l'improvviso bisogno di fare pipì.

Dopo aver usato il bagno e essersi lavata le mani, era tornata nella stanza principale dell'appartamento. Il suo amante dormiva tranquillamente sul pavimento e le luci della città brillavano attraverso il vetro. L'aria era ancora abbastanza calda da permetterle di stare nuda davanti alla finestra. Osservando gli altri edifici si chiese se anche qualcun altro stesse facendo lo stesso.

Storie simili

Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

Il Cavalierato Dopo quella maledetta serata, Noah non aveva fretta di uscire dai bagni, e il fatto di avere la stanza tutta per sé era una gradita serenità. Inoltre presto sarebbe tornato a vivere per strada, dove i bagni caldi erano pochi e rari. Era bello assaporarlo finché poteva, così come la sensazione di un'uniforme fresca. Si fermò nella sala mensa e prese del pane e una mela, poi tornò al suo dormitorio, dopo aver trascorso le ultime ore bramando la morbidezza del suo letto come una vecchia fiamma. Sembrava che non appena chiudeva gli occhi, si aprivano al suono di...

500 I più visti

Likes 0

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

328 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Ora è la tua occasione, ragazzo

Storia di Fbailey numero 415 Ora è la tua occasione, ragazzo La nostra famiglia è piuttosto unita e abbiamo sempre compagnia nei fine settimana. Papà è vicepresidente in un'azienda manifatturiera qui in città, mamma è segretaria esecutiva in un'altra azienda manifatturiera in città, e io ho quattordici anni e andrò al liceo in autunno. La terza media è un po' spaventosa per me. Essere un nerd informatico, vergine, e avere una grande casa nella parte migliore della città mi renderà sicuramente un bersaglio per gli atleti. Non vedo l'ora di farlo. La nostra camera familiare era il luogo d'incontro generale. Aveva...

903 I più visti

Likes 0

Il Bar 3

Questo posto ti stava facendo impazzire. Ti girava la testa. Stai bene? Mio Dio quella voce. Uno dei motivi principali per cui ti girava la testa. Questa donna. Il barista. La guardi profondamente negli occhi. Perso in una mente piena di pensieri sporchi. Il suo sguardo non lasciava mai il tuo e per i brevi secondi prima che tu parlassi, sembravano ore. “Sto bene,” dissi severamente. Si è avvicinata a te. Puoi fermarti in qualsiasi momento, disse Mila. Le sue morbide labbra a pochi centimetri dalle tue. Perché stava facendo questo? Doveva sapere che ti stava facendo impazzire. Le scosti una...

646 I più visti

Likes 0

Intervista con il demone tentacolo Capitolo 10: Trio

CAPITOLO 10: TRIO Lauren si è lanciata nel ruolo di troia insaziabile, ed è andata da Gruthsorik per una scopata tentacolare ogni giorno, a volte anche due volte in un giorno. Non passò molto tempo prima che prendesse due tentacoli ciascuno sia nel culo che nella figa ora nuda, e ne amasse ogni momento. Le piaceva molto lo sperma del mostro, usando le mani per toglierselo dal corpo e portarlo in bocca, a volte anche leccandolo dal pavimento. Di notte Lauren dormiva rannicchiata vicino al demone, spesso in uno stretto abbraccio tentacolare. Hanno sperimentato nuove posizioni. Lauren trovava che farsi scopare...

637 I più visti

Likes 0

Catturato Parcheggio I

Ho limitato la sezione dei commenti ai soli membri a causa di spammer e altri idioti. Non esitate a mandarmi i vostri commenti in PM. Fortunato Mann Catturato Parcheggio I Mi chiamo Jim e sono un poliziotto notturno di 30 anni in un grande complesso di magazzini. Parte dei miei compiti include il pattugliamento di un grande lotto dove molti dei camionisti che vengono ai magazzini lasciano i loro rimorchi vuoti. Il parcheggio per roulotte è di proprietà privata della società di magazzini. Essendo al di fuori della recinzione di sicurezza del magazzino, vi si accede dalla strada provinciale che lo...

667 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.