Terapia familiare_(0)

628Report
Terapia familiare_(0)

Jane entra al pronto soccorso e lì, seduto nell'angolo, c'è suo figlio con entrambe le mani ingessate. "Quello che è successo?" James chiede a suo figlio Mark.
"Sto bene ma mi sono rotto entrambi i polsi" e alza le mani per mostrargliele. "Stavo facendo passare un filo e sono scivolato dalla scaletta e ho cercato di attutire la caduta, ma invece mi sono rotto i polsi." Mark ha spiegato a sua madre.
"Finché non sei ferito troppo gravemente, immagino che sia stata una benedizione allora." Glielo dice.
"Devo indossare queste cose per sei-otto settimane, ma avere luglio e agosto liberi non sarà poi così male." Lui dice.
Per le prossime due settimane Mark e Ashley, sua sorella maggiore, passano il tempo in piscina. Si era appena laureata alla Southern e stava cercando lavoro online, ma si stava anche godendo l'estate libera. A 5'3 e appena 106 libbre era minuta ma molto attraente. Ha sempre pensato di essere carina, ma al college è successo qualcosa che la faceva dubitare di se stessa. Uscire con Mark la stava aiutando a ritrovare la fiducia in se stessa. Erano sempre stati vicini e lei si fidava molto di lui.
"Mamma, ho un problema di dolore nella zona degli addominali inferiori, penso che sarà meglio andare dal dottor Graham." Lo dice a Jane.
"Chiamerò domani mattina e fisserò un appuntamento." dice Jane. Si chiede se potrebbe essersi fatto male più di quanto pensassero inizialmente.
Seduto nello studio in attesa che arrivi la dottoressa Susan Graham, Mark può sentire il disagio pulsare. Il dottor Graham lo esamina e fa alcune domande che mettono Mark a disagio, come quanto spesso si masturbava prima dell'incidente. Dopo un po' lei lo guarda e gli spiega che poiché ha i polsi rotti e non può masturbarsi, i suoi testicoli si stanno riempiendo di liquido che normalmente verrebbe rimosso quando eiacula ma poiché sono già passate due settimane, il suo corpo sta rispondendo a non riuscire a eiaculare. Gli assicura che dovrebbe stare bene ma che i suoi testicoli a volte si gonfieranno.
"Ciao Jane" dice Susan alla sua vecchia amica. "Ho tempo per un drink dopo il lavoro. Voglio parlarti di Mark. Sta bene ma vorrei parlargli di persona e inoltre ho bisogno di un drink." Susan dice.
"Palle blu e gonfiore dei testicoli" dice Jane dopo aver ascoltato Susan spiegare cosa sta succedendo a Mark. "Può farsi del male?" chiede Jane.
"L'unica preoccupazione è che è così giovane e ciò potrebbe causare danni ai suoi testicoli e forse compromettere la sua capacità di generare un figlio se il suo numero di spermatozoi è troppo basso." Susan spiega.

"Che cosa bisogna fare allora?" chiede Jane.
"All'inizio ha bisogno di eiaculare almeno due o tre volte al giorno. Alla sua età il tempo di recupero è così rapido che potrebbe facilmente eiaculare cinque volte al giorno." Susan dice.
"Ma come può..." quando si rese conto che Mark non poteva masturbarsi, Jane si fermò a metà della frase. "Che ne dici di un'infermiera?" chiese Jane.
"Non credo che troverai un'infermiera disposta a segare un ventenne quattro o cinque volte al giorno e se ne trovi una ti costerà una piccola fortuna." Susan ha detto.
"Stai dicendo che dovrei farlo?" chiese Jane.
"Beh, o tu o Ashley. So che sembra strano ma non è incesto ma solo masturbazione. Nessuno deve mai saperlo e io non lo direi mai a nessuno." Susan ha detto.
"Non posso credere che tu mi stia dicendo di fare una sega a mio figlio tre o quattro volte al giorno." disse Jane arrabbiandosi.
"Non so cosa dirti. Se avesse una ragazza questo non sarebbe nemmeno un problema ma non lo fa e sono preoccupato per il futuro nel caso in cui abbia problemi che possono essere evitati." Susan fa del suo meglio e calma Jane dalle sue paure di comportamenti tabù.
Mentre si siede e ascolta Jane parlare delle sue paure di dover masturbare Mark o di farlo fare ad Ash, Susan pensa a cosa sta succedendo a casa sua tra Sandy e Tommy, suo figlio e sua figlia che hanno la stessa età di Ash e Segno. Proprio l'altra sera ha sorpreso Sandy uscire dalla stanza di Tommy verso mezzanotte. Sandy ha detto che doveva chiedere qualcosa a Tommy ma questo non spiegava che fosse nuda e Susan sospettava che da qualche tempo facessero sesso insieme.
"Ash e Mark sono amici come Sandy e Tommy e nessuno dei due esce con qualcuno in questo momento, quindi in un certo senso possono aiutarsi a vicenda con le loro frustrazioni." Susan ha detto.
La mascella di Jane quasi cadde quando la sua migliore amica le suggerì che era quasi normale per un fratello e una sorella fare sesso insieme. Non disse niente ma ora si chiedeva tra sé e sé che forse è proprio per questo che Sandy e Tommy stanno sempre insieme.
Susan può vedere la reazione della sua amica e dice "Beh, preferirei che fossero al sicuro piuttosto che con tutte le malattie sessualmente trasmissibili e l'HIV là fuori".
"Immagino di non averci mai pensato in questo modo", risponde Jane.
"Ash, dobbiamo parlare." Jane e Ashley parlano per circa venti minuti. Ashley non sembra così scioccata dall'intero problema che in un certo senso sorprende Jane.
"Beh, immagino che possiamo considerarlo come una terapia. Se la sua schiena o la sua gamba fossero colpite non avremmo problemi, quindi immagino che potrei provare ad aiutarlo." Ashley dice.
Jane è così sollevata dal fatto che Ashley stia prendendo a proprio agio l'idea di masturbare suo fratello per le prossime sei settimane. Nel profondo Jane comincia ad emozionarsi e a combattere i sentimenti che stanno emergendo in superficie. Sono passati cinque anni dalla morte di Dave e da allora lei non è più stata con nessuno. Può sentire i suoi vecchi desideri rivivere, ma ora li sta combattendo.
Jane e Ashley si siedono sul divano di fronte a Mark e Jane inizia a raccontargli come il dottor Graham le ha parlato e cosa bisogna fare. Mark ascolta, alla fine si alza e dice: "Fammi capire bene, voi ragazzi farete a turno con me. Non credo. Sapete cosa accadrebbe se questa cosa venisse fuori, e intendo per tutti noi?" ." Mark si alza e dice loro che ha apprezzato le loro preoccupazioni ma che se ne occuperebbe.
Per i tre giorni successivi Mark sente i dolori peggiorare e sebbene non gli piacesse l'idea presentata da sua madre e sua sorella, ha iniziato a riprendersi grazie al dolore che lo spingeva avanti.
Mark chiede se può parlare loro insieme di quello che hanno detto l'altra sera. Per la mezz'ora successiva Jane e Ashley gli parlano molto di come Susan Graham lo ha spiegato a Jane. Ashley a un certo punto disse: "Non so se posso farlo, ma penso che dovremmo provarci. Vuoi sederti di fronte a tua moglie un giorno e sentire che sei sterile a causa di ciò che potrebbe accadere in questo momento?"
Tutti e tre ascoltano e tutti si emozionano solo a discuterne. Mark pensa che potrebbe anche riuscire a convincere Ash a non indossare qualcosa. Ma si eccitava davvero pensando a Jane che lo accarezzava fino all'orgasmo. Mark ha sempre pensato che sua madre fosse attraente. Anche se si vestiva in modo tradizionale, a quarantadue anni aveva ancora una figura carina come Ashley. Jane poteva sentire il dolore alla vagina; è passato così tanto tempo che pensa tra sé.
"Forse sarebbe più facile se provassi prima io invece della mamma." Ashley dice.
Mark sente bussare piano alla sua porta e sa che Ashley è lì. Lei entra e indossa una maglietta mentre Mark indossa pantaloni della tuta. Entrambi si sentono a disagio per tutta la faccenda e anche nervosi. "Forse se cliccassi su alcune immagini sul tuo computer questo potrebbe aiutarti." dice Ashley a bassa voce. È sorpresa di sentirsi bagnata e non sa bene cosa farsene. Mark fa clic su diverse immagini e Ashley nota che tutte le foto sono di ragazze con tette piccole come lei. "Posso chiederti una cosa? Come mai alla maggior parte dei ragazzi piacciono le ragazze con le tette grandi?" Lei chiede.
"Non credo che la maggior parte dei ragazzi lo faccia, non credo. Guarda cosa succede alle donne quando invecchiano se hanno grandi tette. Si sono sedute sull'ombelico. Guarda la mamma; sembra che sia nella sua poco più che trentenne mentre tutte le sue amiche, tranne la dottoressa Graham, sono tutte molto sballate. Penso che invecchi anche loro. Sei fatta come mamma e guarda come i ragazzi ti inseguono. Le grandi tette sono un mito diffuso dalle aziende di reggiseni per promuovere gli affari. "
Per la mezz'ora successiva Mark e Ashley parlano non come fratelli ma come amici. I sentimenti di inadeguatezza di Ashley iniziano a svanire quando si rende conto che solo perché è una coppa B non la rende una donna inferiore. Bobby le ha davvero incasinato la testa, pensa quando si sono lasciati a dicembre. Si sente come se un peso le fosse stato tolto dal petto. "Niente aumento del seno adesso" dice a se stessa.
"Ash, non dobbiamo farlo." dice Marco.
"Vediamo cosa succede." Ashley risponde.
Mark si sentiva così a disagio che riusciva a malapena ad erigersi e alla fine lo disse a sua sorella. "Ash, non succederà. Continuo a guardarti e a pensare a te come a mia sorella. Ci abbiamo provato comunque."
La mattina dopo Ashley ha chiesto a Mark se potevano riprovare e hanno ottenuto gli stessi risultati. Mark si sentiva così a disagio sdraiato nudo sul suo letto con Ashley che lo massaggiava silenziosamente su e giù per l'asta. Lui le guardò le gambe da quello che poteva vedere dalla sua maglietta e semplicemente non era abbastanza. "Ash, ci abbiamo provato. Sarebbe come se cercassimo di farti una cosa del genere. A meno che non ti ecciti, sembra semplicemente artificioso." Egli ha detto.
Più tardi quella notte Ashley era seduta a leggere una rivista quando Jane si sedette accanto a lei e iniziò a chiedere come andavano le cose con Mark. Ashley ha spiegato cosa era successo negli ultimi due giorni e Jane ha detto due parole che le hanno aperto gli occhi, GIOCO DI RUOLO. Ash poi capì il motivo per cui non funzionava e sapeva che avrebbe potuto far eiaculare Mark se lui non avesse pensato che fosse lei a farlo.
Jane poteva dire che Ashley sembrava semplicemente più felice e hanno parlato e Ashley ha spiegato quanto si è sentita abbattuta negli ultimi sei mesi per le sue piccole tette e l'immagine di sé. Jane si rese conto di come parlare con Mark avesse cambiato la visione che sua figlia aveva di se stessa. "Forse questa è una terapia." Jane ha detto. "Spero che riusciremo in qualche modo a trovare un modo per aiutare Mark." Lei ha aggiunto.
Ashley si agitò e si rigirò per un'ora; guardando l'orologio vide che erano le 11:30. Poteva sentire il dolore tra le gambe mentre pensava a cosa fare con Mark. Alzandosi, camminò silenziosamente verso la porta di Mark, era così persa nei suoi pensieri che dimenticò di mettersi la camicia da notte e aprì la porta di Mark ed entrò. La luce della TV brillò e Mark vide Ash avvicinarsi a lui nel letto. "È nuda" disse a se stesso.
Si sedette accanto a lui e disse: "Stavo parlando con la mamma e lei ha detto qualcosa di interessante. Ha detto Gioco di ruolo e ho pensato di sapere come possiamo farlo. Tu e io dobbiamo fingere di non essere fratello e sorella ma usare con la nostra immaginazione e sostituiamoci in situazioni che funzioneranno. Fantastichiamo e lo facciamo in quel modo. Tu non sei Mark, mio ​​fratello, e io non sono Ashley, tua sorella. Facciamolo."
Ashley tirò indietro lentamente il lenzuolo e il cazzo di Mark si stava erigendo. Lei salì sul letto, si mise a cavalcioni dei suoi polpacci e gli strofinò delicatamente le mani su e giù per le cosce mentre gli accarezzava il cazzo una volta solo per provocarlo. Mark non era sicuro di questo gioco di ruolo, ma avere Ashley nuda seduta sulle sue gambe funzionava per lui.
Ashley si alzò e si sedette sulle sue cosce mentre avvolgeva una mano attorno alla sua asta e lo accarezzava lentamente. "Non posso credere quanto sei grande." Lei disse. Gli massaggiò le cosce e spostò le mani sul suo petto tornando ad accarezzarlo. Mark poteva sentire il suo cazzo pulsare per il sollievo. "Vediamo quanto sperma hai in te." Lei disse. Mark non poteva credere a come stesse parlando e comportandosi. Ha deciso di iniziare subito con lei.
"Perché non ti sposti e abbassi quella piccola figa su di me e io riempirò quella tua piccola scatola." Egli ha detto.
Ashley non avrebbe mai pensato che si sarebbero parlate in questo modo, ma poteva sentire la sua vagina dolorante. "Che ne dici se mi lasciassi accarezzare la figa e guardassi tutto quello sperma uscire dal tuo cazzo questa volta?" Lei si mosse verso l'alto e abbassò le labbra sulla sua asta e iniziò a muoversi su e giù strofinando il suo cazzo contro la sua figa. "Voglio vederti venire, verrai per me?" Lei chiese.
Mark non poteva credere a quanto fosse bello. Ashley aveva solo una debole traccia di capelli biondi sotto e Mark la guardò mentre muoveva i fianchi per farlo venire. "Ash, sto venendo." Ha iniziato a sparare mentre Ashley spostava i fianchi indietro e gli afferrava il cazzo con le mani e lo accarezzava mentre sparava cinque o sei volte. "Oh, mi fa sentire bene. Non ho quel dolore terribile in questo momento. Sei così sexy e quelle tette carine fanno impazzire anche me."
Ashley si alzò, prese dei fazzoletti e asciugò il petto di Mark. "Penso che sarà divertente." Lei disse. Ashley baciò Mark sulla guancia e gli augurò la buonanotte. Sdraiata nel suo letto si toccò il suo climax. Pensò a come avrebbe voluto far entrare Mark fino in fondo, ma non ancora lo pensava.
La mattina dopo Jane era seduta a bere una tazza di caffè prima di andare al lavoro. "Ciao Ash, ti sei alzato presto."
"Ho dormito bene la scorsa notte. Ho capito come comportarmi con Mark grazie a te che hai suggerito il gioco di ruolo e ha funzionato. Si sente molto meglio, ne sono sicuro. Non crederesti quanto ha eiaculato." Ashley ha detto.
Jane non era sicura di cosa dire o anche solo chiedere, ma ha pensato che fosse meglio non chiedere i dettagli. "Beh, stai solo attento."
Ashley aggiunse rapidamente: "Va tutto bene, sto ancora prendendo la pillola. Penso che andrò a farmi una doccia. Ci vediamo stasera." E lei si alzò e andò in bagno.
Jane rimase lì, sbalordita. Quando disse "stai attenta" intendeva mettere in disordine le lenzuola e non si aspettava che Ashley menzionasse la pillola. "Giochi di ruolo", disse a se stessa. Ho aperto la porta quindi avrei dovuto aspettarmelo.
Mark si alzò, guardò fuori e vide Ash seduto a bordo piscina. Ha guardato la TV fino a tardi dopo che lei se n'è andata ed è rimasto sorpreso di aver dormito fino alle 22:00. Prendendo un sorso veloce di succo d'arancia, uscì.
"Buongiorno" disse. Mark la guardò in modo leggermente diverso questa volta. È così carina seduta sulla sedia a sdraio. Entrambi sentivano di essersi connessi a un livello diverso. Non solo dal punto di vista sessuale, ma anche dal punto di vista emotivo, più di quanto entrambi pensassero che avrebbero mai potuto fare. Piacersi a vicenda come migliori amici era il modo in cui Mark la vedeva.
"Allora come hai dormito?" Lei chiese.
"Fantastico, è la prima volta da quando sono caduto da quella stupida scala. Penso che potresti avermi aiutato." Egli ha detto.
Seduto in piscina e semplicemente a parlare, le ore passarono finché Ashley non si rese conto che era l'una. Era da così tanto tempo che non parlavano così tanto. La scuola e ora Mark, un apprendista elettricista, sembravano semplicemente derubarli del loro tempo insieme. Ma è strano come uno scherzo del destino possa cambiare le cose.
"Penso che andrò a farmi una doccia" disse Mark.
"Sandy ha chiamato e ci vediamo per pranzo, tornerò verso le sei e posso aiutarti con le tue condizioni mediche." Ashley disse ridendo.
"Ciao mamma, Ash è uscito con Sandy e io vado al centro commerciale a comprare dei pantaloncini nuovi." Mark lo ha detto a sua madre al telefono.
"Bene, divertiti e incontrerò il dottor Graham per cena dopo il lavoro, quindi tornerò a casa più tardi." Jane ha detto.
Verso le sette Ashley tornò a casa e trovò Mark seduto a bordo piscina. "Ehi, che stai facendo?" Lei chiese.
"Mi sto semplicemente godendo il sole che tramonta. Com'è andata la giornata con Sandy?" Chiese.
"Ci siamo divertiti; è facile stare con lei come te." Ashley ha detto.
Ashley si alzò, entrò in casa, indossò il costume da bagno, uscì e si tuffò in piscina. Mark la guardò e sentì il suo cazzo diventare duro. Sapeva che era carina ma ora guardandola vedeva un altro lato. Un lato che lo ha emozionato. Ashley rimase dentro solo pochi minuti, poi uscì e si asciugò. "Andiamo a darti un po' di sollievo, ho parlato con la mamma e lei ha detto che tornerà a casa più tardi stasera, quindi godiamoci la casa."
"Ho parlato anche con lei e lei è con il dottor Graham, due MILF insieme." Ha detto Marco.
"Sto dicendo alla mamma che l'hai chiamata MILF. Ha detto Ashley.
"È sexy come te." Ha risposto Marco.
Ashley entrò in casa, si guardò intorno nel soggiorno e decise che il tappeto di peluche sarebbe stato un bel posto per fare un bel massaggio alla schiena a Mark. "Ehi, perché non ti sdrai sulla schiena e ti faccio un bel massaggio alla schiena." Lei disse. Mark si spogliò dei vestiti e il suo cazzo era rigido per l'eccitazione.
Mark si sdraiò e guardò Ashley attraversare la stanza. Si tolse il bikini e lo lasciò cadere sul pavimento vicino al viso di Mark. Poi si sedette sulle sue gambe rivolte all'indietro. Lentamente si alzò lentamente mentre gli massaggiava i polpacci e le gambe. Mark poteva sentire il suo corpo nudo su di sé mentre si avvicinava. Ashley mosse il sedere in modo che fosse proprio sopra la testa di Mark e gli strofinò la schiena per diversi minuti. Poteva sentire l'odore della sua figa e il suo cazzo pulsava. Alla fine Ashley gli superò la testa e gli disse di girarsi.
Mentre Mark roteava gli occhi, vide Ashley abbassare la figa sul suo viso mentre gli massaggiava lo stomaco. La lingua di Mark leccò ogni parte di lei che riuscì a raggiungere; dovette deglutire due volte perché era così bagnata. Lentamente lei avanzò e trovò la testa sopra il suo cazzo. Abbassò maggiormente i fianchi per farsi succhiare. "Fammi venire e poi succhierò anche te." Lei disse.
Mark trovò il suo clitoride, lo deglutì e lo leccò. Ashley ha spalancato il culo e Mark ha provato ad aprirlo di più ma i suoi gessi lo hanno fermato. Poteva dire che era vicina mentre le leccava il clitoride. Ashley poteva sentirlo arrivare e premette la testa contro il suo stomaco mentre sentiva la prima ondata che la travolgeva. "Fammi venire Mark." Lei gemette.
Ashley rimase immobile per un minuto, riprendendosi dall'orgasmo. Mark guardò semplicemente il suo culetto stretto pensando che avrebbe avuto altre sei settimane per vedere la sua piccola figa ogni giorno.
Susan rispose al cellulare e sentì che aveva un'emergenza medica e doveva andare all'ospedale dove era stato portato uno dei suoi pazienti. Jane la osservò mentre se ne andava e finiva il suo bicchiere di vino. "Immagino che tornerò a casa presto stasera" Pensò e si rese conto che era come avere due bambini a casa che potevano fare qualcosa di cattivo in cui lei avrebbe potuto entrare. Quel pensiero per qualche motivo la eccitava.
Ashley si alzò e prese due bottiglie della limonata di Mike. Si sedettero sul divano e li bevvero lentamente mentre parlavano. Ashley non si sentiva così bene da molto tempo. Mark l'aveva portata al limite un paio di volte e poi si era tirato indietro, provocazione e negazione era ciò che Ashley pensava tra sé.
"Ok, tocca a te. Sdraiati e ti farò un pompino come non sei mai stato succhiato prima. Mark non poteva credere quanto fosse sexy Ashley nell'essere assertiva e sicura di sé. Mark si sdraiò sul pavimento e Ashley gli accarezzò il cazzo un paio di volte e abbassò le labbra sulla sua testa e cominciò a muoversi su e giù, avvolse la lingua attorno al suo cazzo e lo leccò come un cono gelato.
Jane entrò nel vialetto e notò che le luci nel soggiorno erano basse, proprio come una candela, pensava. Aprì la cucina e sentì un lieve lamento provenire dal soggiorno. Entrò in silenzio e non poteva credere a quello che stava guardando; Ashley stava facendo un pompino a Mark proprio sul pavimento di fronte a lei.
"Ash, sto per venire", disse Mark. Ashley le accarezzò la bocca più velocemente su e giù e poi Mark iniziò a venirle in bocca. Jane osservò Ashley mettere la bocca sulla testa di Mark e succhiare la crema bianca mentre lo accarezzava con la mano.
"Non posso credere a quanto vieni, ho dovuto ingoiare tre volte e continuava a venire. Adoro anche il suo sapore." Lei disse.
Jane tornò in cucina ed emise un suono in modo che sapessero che era a casa. "Sei tu, mamma?" chiese Ashley.
"Sì, Susan è dovuta andare in ospedale per un'emergenza, quindi sono tornato presto. Ash si è affrettata a indossare il suo costume da bagno mentre anche Mark si è vestito velocemente. Entrambi si chiedevano se li avesse sorpresi, ma entrambi si sentivano come adolescenti che sono stati sorpresi a fare qualcosa che avevano fatto." non dovevano fare. Jane poteva sentirli vestirsi e pensò che fosse divertente. Per quanto fosse sorpresa nel vedere Ashley succhiare Mark, era anche eccitata, cosa che la sorprese.
Ashley e Mark entrarono entrambi in cucina e Jane stava prendendo una coppa di gelato alla vaniglia per sé. Anche i due bicchieri di vino che aveva bevuto al ristorante avevano avuto effetti adesso. "Ti offrirei una ciotola, Ash, ma penso che Mark ti abbia già dato un po' di crema alla vaniglia.
Né Ashley né Mark sapevano cosa dire, ma sentendosi audace Ashley disse "Scommetto che anche a te piacerebbe il gusto". Mark non riusciva a credere quanto fosse audace Ashley, ma Jane deve averla vista succhiarglielo.
"Beh, forse un giorno dovrò provarlo." Jane ha detto. Tutti e tre erano eccitati solo per la piccola conversazione scherzosa che stavano avendo in quel momento.
La mattina dopo Jane sta sorseggiando il caffè quando Ash si siede. "Mamma, sei arrabbiata con me per ieri sera? Immaginavo che avessi visto cos'era successo."
"Solo perplesso, se è così che posso chiamarlo. Non sono arrabbiato, ma l'intera situazione è così strana e allo stesso tempo eccitante." Lei dice.
"Ho provato a masturbarlo, ma sembrava così artificioso e nemmeno lui riusciva a reagire. Ma da quando ho smesso di vederlo come mio fratello e come una fantasia, sembra molto più facile affrontarlo." dice Ash.
"Immagino di fare la stessa cosa. Uscirai con Sandy stasera, giusto, quindi immagino che stasera sia il mio turno di avere una fantasia. Sembra che funzioni per alleviare il suo dolore?" Lei chiede.
"Oh sì, non crederesti quanto sperma esce quando viene e questo deve contribuire ad alleviare lo stress." Ash risponde.
"Ho un vestito carino da scolaretta con cui lo stuzzicherò stasera." Jane glielo dice.
"È così cattivo, puoi mostrarmi il vestito più tardi e magari posso comprarne uno anch'io. Due studentesse cattive per provocarlo selvaggiamente." Ash ha detto.
Nessuna delle due donne aveva pensato fino ad ora che sarebbe stato divertente fare una cosa a tre, ma non ancora entrambe avevano pensato a se stesse.
"Ciao Sandy, quindi voi ragazze uscirete stasera. Sembra divertente, lascia che te la prenda io."
Jane va alla finestra e guarda fuori ma Ash non è in piscina. Salendo le scale guarda nella sua stanza e ancora non c'è Ashley. Jane nota che la stanza di Mark è semiaperta ed entra e si ferma di colpo alla vista di Ashley a cavalcioni di Mark con il suo cazzo che pompa dentro e fuori di lei. All'inizio Jane è sotto shock, ma poi sapeva che sarebbe successo. Il culetto di Ashley sembra troppo piccolo per la grandezza del cazzo che entra ed esce dal suo buchetto.
"Ecco, Sandy è al telefono per stasera." dice Jane.
Ashley è così sorpresa di essere stata scoperta ma si riprende abbastanza velocemente da prendere il telefono mentre si siede e continua lentamente a muoversi su e giù per il cazzo di Mark. Jane osserva con stupore e può vedere che Mark ha un panno nero intorno agli occhi come una benda.
"Ciao San, che succede? Oh, stavo giusto uscendo con Mark, tutto qui. I suoi polsi però stanno meglio." Jane guarda e ascolta mentre Ashley continua una conversazione con Mark che la scopa. Jane può sentirsi bagnata solo guardando il cazzo di Mark che allarga la figa di Ash. Alla fine Ashley termina la sua conversazione con Sandy e restituisce il telefono a Jane. I due ricominciano a scopare forte e veloce mentre Jane resta a guardare.
"Sto per venire Ash." chiede Marco.
Ashley si solleva da lui, le prende entrambe le mani e accarezza Mark finché lui non inizia a spruzzarle la sborra nelle mani. Ash accarezza il cazzo di Mark finché non smette di sparare. Jane guarda le mani di Ashley e vede quanto sperma ha fatto uscire come Ash le aveva detto prima. Uscendo silenziosamente dalla stanza, Jane fa un respiro profondo e non riesce a credere a ciò a cui ha appena assistito.
Ashley toglie la benda cieca a Mark e gli dice che Jane ha guardato tutto proprio accanto a loro. "La mamma mi ha visto venire, wow." Ha detto Marco.

Questa storia è ispirata a una storia chiamata Misurare il mio sperma, pubblicata su xnxx e molti altri siti. Perdonami per il mio inglese. Aspettate le prossime parti....

Storie simili

Un compleanno incesto capitolo 15

Nota: ho studiato come un matto per questo capitolo cercando di entrare nella mente femminile, quindi fammi sapere come ho fatto. È il più lungo di sempre con 35 pagine, le donne mostrano i loro sentimenti più degli uomini, quindi ho dovuto scrivere di conseguenza. La storia è vista da Rita, in questo modo puoi vedere tutte le sue emozioni e cose del genere, e c'è una sezione in cui la vista è dalla mamma, così puoi vedere come funziona la sua mente astuta. Mi ci è voluto un po' per scrivere questo, ma è perché stavo lavorando ad altre storie...

1.6K I più visti

Likes 0

Compagni di stanza

L'università è complicata indipendentemente dalle circostanze, ma per Nick Kotsopoulous è stato molto più difficile. Lasciando la sua famiglia e tutto ciò che aveva mai conosciuto, ha viaggiato per mezzo mondo per avere la possibilità di espandere i suoi orizzonti ottenendo il suo dottorato in inglese alla Yale University. La decisione è stata difficile da prendere, ma la sua famiglia sapeva bene quanto lei che per ottenere la migliore istruzione possibile e aprire molte porte di opportunità lungo la strada, doveva lasciare il suo paese d'origine e cercare una guida all'estero. Giovane e brillante, Nick è stato immediatamente accettato nel corso...

1.4K I più visti

Likes 0

Il Bar 3

Questo posto ti stava facendo impazzire. Ti girava la testa. Stai bene? Mio Dio quella voce. Uno dei motivi principali per cui ti girava la testa. Questa donna. Il barista. La guardi profondamente negli occhi. Perso in una mente piena di pensieri sporchi. Il suo sguardo non lasciava mai il tuo e per i brevi secondi prima che tu parlassi, sembravano ore. “Sto bene,” dissi severamente. Si è avvicinata a te. Puoi fermarti in qualsiasi momento, disse Mila. Le sue morbide labbra a pochi centimetri dalle tue. Perché stava facendo questo? Doveva sapere che ti stava facendo impazzire. Le scosti una...

886 I più visti

Likes 0

La piccola Amanda, parte 3b

Dopo la gara di sci nuda Amanda è tornata a scuola. Non si è ammalata e inizialmente nessuno ha menzionato la sua gara di sci nuda - significava che nessuno aveva letto questo articolo. Ma all'improvviso, la settimana successiva, l'insegnante di classe chiamò Amanda per parlare. „Oh, Amanda, cosa hai fatto!? Potrebbe essere un grande scandalo, ha detto. Amanda, ovviamente, ha capito di cosa si tratta. Il Maestro ha continuato: „Voglio dirti subito che non sarai punito o condannato. Tuttavia vorrei chiederti direttamente perché hai preso parte a questa stupida e ridicola gara di sci o carnevale, non importa come lo...

906 I più visti

Likes 0

Mia moglie troia, parte 2

Quando ho scoperto che la sorella di mia moglie, Leesa, e il suo ragazzo Jackson sarebbero venuti a cena, non sapevo davvero cosa aspettarmi. Avevo imparato che essere sposato con la mia moglie troia Mandy significava che tutto ciò che potevi fare era aspettarti l'inaspettato! Leesa ha un paio d'anni più di Mandy e puoi vedere la somiglianza familiare. Ma mentre mia moglie Mandy ha la figura di una modella, Leesa è un po' più pesante e ha un seno molto più grande. Il suo ragazzo Jackson era un bravo ragazzo... Ma era un ragazzone. Più che un po' sovrappeso, e...

658 I più visti

Likes 0

Amico e figlia

Sono un uomo felicemente sposato, ma ho un lato perverso che mia moglie conosce in parte, ma non tutto, ho molto da condividere ma potrebbe non essere tutto in ordine cronologico. Questa è la prima esperienza che ho condiviso con il mio migliore amico Wayne, Wayne e io ci conosciamo da un po', infatti entrambi stavamo scopando la stessa donna prima di sposarci, anche se non nello stesso momento. infatti Wayne ha sposato mia cugina Cindy e hanno una bambina, Lil deb (Debbie), è una bambina molto carina e dolce, (suppongo di aver sempre avuto un debole per le ragazze giovani)...

1.5K I più visti

Likes 0

Enormi tette messicane

Storia di Fbailey numero 392 Enormi tette messicane Camille era senza dubbio la ragazza più grande della mia classe. A quindici anni era una testa più alta della maggior parte dei ragazzi e le sue tette erano probabilmente più grandi di dieci ragazze messe insieme. Ho ammirato Camille dall'inizio della scuola, quando si è trasferita. Parlava un buon inglese e anche meglio lo spagnolo. Era una ragazza grande ma era anche carina. Aveva una grande pancia, un grosso sedere e tette ancora più grandi. Mi ha ricordato una versione più giovane e carina di mia madre. Un giorno ho avuto il...

1.3K I più visti

Likes 0

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

1.2K I più visti

Likes 0

Migliori amiche moglie incinta pt 2

Questo è per te, disse, tenendo in mano il vibratore blu. Se lo portò alle labbra e lo fece scivolare quasi completamente dentro, senza mai distogliere lo sguardo dai miei. Ma non ancora. Nicki ha appoggiato il vibratore sul lavandino e ha abbassato la sua figa gocciolante di piscio sulla mia faccia. Ho avvolto le mie mani intorno al suo bel culo grosso e l'ho tirata giù su di me mentre iniziavo a mangiarmela. In qualche modo ora aveva un sapore ancora migliore di prima. La mia lingua ha trovato il punto giusto e lei ha avuto un orgasmo. La mia...

845 I più visti

Likes 0

Dodici giorni schiavo 2 di 13

Vicki, una giovane donna che lavora per un grande magazzino, trova un modo per aggirare le etichette elettroniche di restituzione sugli abiti costosi venduti dal negozio in cui lavora. Ciò le consente di acquistare abiti il ​​venerdì, indossarli agli eventi durante il fine settimana e restituirli il lunedì. Quando un vestito molto costoso che indossa viene rovinato a una festa, tutto va a rotoli. Le verrà addebitato il vestito e non potrà in alcun modo permettersi di pagarlo. Un giovane che ha conosciuto di recente le regala un programma che le permetterà di eliminare gli addebiti dal suo conto. Sfortunatamente, quel...

758 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.