Timido e divorziato

547Report
Timido e divorziato

Il sole tramontato su due corpi nudi che fanno l'amore creando un calore senza pari al calore della passione.

Linda ha 35 anni, è divorziata, madre di due bambini piccoli, fa la commessa in un grande magazzino a Rockwall.
Lei è una donna minuta e molto attraente, alta circa un metro e settanta, con un corpo snello e sexy, un seno piccolo grande come un'arancia navale,
lunghi capelli biondi e scintillanti occhi scuri. L'ho vista nel reparto profumi. quando mi sono fermato al negozio. Ho chiesto al mio assistente di scoprirla e le ho mandato una dozzina di rose e una bottiglia di profumo costoso con un biglietto. Chiama la tua baby sitter e dille che farai tardi, che ci sarà una macchina ad aspettarti dopo che sarai sceso. Dì all'autista il tuo ristorante preferito e lui ti porterà lì. È così che ho conosciuto Linda, era scioccata dal fatto che un uomo facesse così tanto per incontrarla. Durante la nostra conversazione mi ha detto che il suo ex marito era violento, quindi lei e i bambini se ne sono andati e lei ha divorziato. Non esce con qualcuno dal suo divorzio due anni fa, ha provato ad uscire con qualcuno, ma quando gli uomini scoprono che ha due bambini piccoli, questa è l'ultima volta, ha loro notizie.

È il tardo pomeriggio di sabato e lei sta facendo il bagno. La luce del sole fuori dalla finestra del bagno è in realtà gialla; un colore caldo e burroso che non pensava esistesse da nessuna parte al di fuori dei romanzi. Anche l'acqua è calda come il burro e resa scivolosa dall'olio da bagno che le fa sentire la pelle come una pelliccia liscia e morbida. Sospirando galleggia leggermente nell'acqua, ed è quasi addormentata quando busso alla porta, una volta, prima di aprirla. "Pensavo che fossi uscito ormai," dico. "Pensavo che ti stessi vestendo?" "È solo passato-" Controlla il delicato orologio dall'altra parte della stanza e si sorprende dell'ora. "Quasi un'ora," conclude timidamente. Lei si alza, l'acqua le scorre lungo i fianchi, e io le offro la mano per aiutarla a uscire dalla vasca. Quando lei mi afferra, però, invece di restare ferma, la tiro verso di me. Sbilanciata, scivola sui residui scivolosi del fondo della vasca e si tuffa tra le mie braccia, finendo premuta contro di me con il polso dietro la schiena. "Ops," sussurro, con il respiro dolce e caldo, e lei sta per staccarsi e scusarsi per avermi bagnato la maglietta quando ho esercitato un po' più di pressione sul suo braccio, abbastanza da farla alzare leggermente sulle punte dei piedi. La sua pelle è così calda a causa dell'acqua che sembra che stia fumando, e ora tutto quel calore si sta riversando sul suo clitoride. Le afferro saldamente il braccio e, con un solo movimento, forzo la gamba tra le sue cosce, sollevandola fino alla punta dei piedi. Si dondola leggermente, guardando in basso, mentre il rossore le sale sulle guance.

"Guardami," dico. Non può. Lei scuote la testa. "Sono timida," sbotta. In risposta, premo forte i miei fianchi contro di lei e lei sente il rigonfiamento del mio cazzo nei pantaloni. "Non dirmi mai di no," dico, e quelle parole le fanno alzare la testa come quella di un cucciolo. Il suo clitoride pulsava contro la mia coscia, le mie parole come una freccia di tensione che si muoveva attraverso di lei. Lei incrocia il mio sguardo e combatte l'impulso di abbassare lo sguardo, vergognandosi com'è della sua reazione alle mie parole. Invece continua a guardare e viene ricompensata dall'intensa lussuria che vede lì. Con due rapidi passi la sposto all'indietro contro il piano del bancone. Lei appoggia entrambe le mani dietro la schiena per mantenere l'equilibrio, e io le afferro i polsi e li tengo uniti. L'altra mia mano si muove velocemente tra le sue gambe, due dita infilate dentro di lei, tenendola radicata mentre la piego all'indietro. Le strofino il collo, baciandolo, poi baci più forti, poi un piccolo morso. "Niente succhiotti," sussurra, senza fiato. "Ti avevo detto di non dire di no," dico e la mordo forte, tenendo la carne tra i denti come un lupo che dimostra chi comanda. Con una mossa rapida, la lancio in avanti, mandandola fuori dal bagno e nel corridoio, tanto più freddo da darle quasi le vertigini. Poi siamo nella sua camera da letto, poi nel suo letto. Quasi la butto sul letto, dove rimbalza leggermente, e poi le sono sopra, premendola giù. Finisce a faccia in giù, con il culo in aria come una classica posa porno.

"Se voglio scoparti, lo farò," dico e, senza alcun preavviso, le infilo di nuovo due dita nella figa. Mi avvicino al suo orecchio e le dico: "Se volessi bucarti, ecco, lo farei, ma non lo farò." e le tocco il clitoride con il pollice. "Voglio che porti sempre con te qualcosa di mio, così saprai a chi appartiene questo." Un terzo dito si unisce ai primi due, e lei non può fare a meno di spingersi contro la mia mano, anche se rabbrividisce all'idea del suo clitoride sensibile con un anello che lo attraversa. Con la stessa rapidità con cui sono entrate, le dita se ne sono andate e il suo clitoride pulsa con un piercing invisibile. Sente che mi allontano da lei e comincio a sedermi, ma io la spingo giù. "Non muoverti," dico. Traccio delicatamente l'interno delle sue cosce con la punta delle dita, facendola rabbrividire. "Se volessi tatuarti, lo farei, ma non lo farò." Dico. "Qui, dove la pelle è così morbida, e posso guardarla ogni volta che ti scopo." Detto questo, emette un gemito basso e i succhi gocciolanti dalla sua figa raggiungono la mia mano. Rido e le tocco delicatamente il clitoride. Si sente un fruscio mentre mi tolgo i vestiti e mi posiziono dietro di lei. Stuzzicandola con la punta del mio cazzo, sfiorando appena lo spazio vuoto e dolorante dove lei vuole che sia, le dico: "Vuoi dirmi di no adesso?"

"Prima di tutto," ho detto, iniziando a spalmare il pre-cum intorno alla testa del mio cazzo. Vuole costringermi dentro di sé, o urlare, o piangere, ma invece non fa nulla, rimanendo immobile, e io la ricompenserò scivolando dentro di lei. Lei sussulta, anticipando di sentire il mio cazzo nella sua figa stretta e inutilizzata, ha un po' paura non conoscendo le dimensioni del mio cazzo, spingo il mio peso in avanti, affondandola nel letto. Comincio a spingere i fianchi con piccoli colpi, facendo lentamente scivolare il mio cazzo dentro di lei. "Uh! Uh! Uh!" Sussulta ad ogni piccola spinta, mentre la testa del mio cazzo gonfia entra sempre più in lei. "Oh, sei così grande, John!" "Oh, sei così stretta, Linda!" dissi, sforzandomi di andare piano mentre le sue spesse pareti vaginali afferravano il mio cazzo, cercando di accogliere la cosa più grande che le fosse mai stata infilata. Il suo ex marito era piccolo in confronto
lei ha pensato. Tutto il suo corpo si è congelato quando ho iniziato a penetrare in lei, e ora si ricorda di massaggiarsi il clitoride, cercando di contrastare la dolorosa sensazione di stiramento del mio grosso cazzo con ondate di piacere dal suo clitoride. I miei occhi sono incollati al punto in cui metà del mio grosso cazzo rosso sta scomparendo nella figa rosa di Linda. Una mano è sul letto vicino alla sua spalla, mentre l'altra mano afferra la base del mio cazzo, cercando di trattenermi dal spingermi completamente dentro di lei o dal venire troppo presto. "Sei così calda, Linda," ringhiai, "così calda attorno al mio cazzo. Mi prenderai tutta," mentre spingevo più forte nella sua figa, spingendo dentro un altro centimetro.

"Ah! John! È troppo!" Piange, ma a questo punto non mi fermo. Scivolando leggermente fuori, spinsi indietro di altri cinque centimetri. " Oh Dio!" Lei pianse. "Ecco fatto, Linda," sente all'improvviso la mia voce all'orecchio. "Stai facendo un ottimo lavoro, sei così bravo, prendi tutto il mio grosso cazzo dentro di te. Continua a giocare con il tuo clitoride, tesoro, continua a farti sentire bene. Una volta che sarò completamente dentro e ti scoperò, io' ti farò sentire così bene, proprio come stai facendo sentire me." La mia voce inizia a calmarla, mentre continuo a sussurrarle all'orecchio, infilo tutto il mio cazzo nella sua piccola figa e mi trattengo lì, tremando per lo sforzo di non venire. "Oh, John," disse, guardandomi, sentendo il mio bacino premere contro il suo bacino, le sue gambe allargate per ricevere il mio corpo tra di loro. "Buona Linda," dissi. "Che figa stretta. La mia figa," ringhiai. "Adesso ti scopo." Tirandosi fuori quasi completamente da lei, e poi scivolando dolcemente dentro, costruendo un ritmo costante. " Oh oh oh!" Sussulta ad ogni spinta nella sua figa tesa, il dolore inizia a scomparire mentre il mio cazzo fa la sua magia.

La dimensione del mio cazzo la fece guardare indietro scioccata mentre continuavo ad assalire la sua figa. I suoi occhi mi imploravano di non ferirla, di non essere così rude, ma la spinta successiva è altrettanto dura e profonda. Vede la lussuria sul mio viso mentre la scopo come un treno in fuga, le mie palle le colpiscono il clitoride ad ogni spinta. Lui le afferra i fianchi mentre inizia un forte attacco di schiaffi sulla sua figa. All'inizio sta solo cercando di resistere e di non farsi male, ma mentre continuo a sbatterla contro, ha scoperto che si inarca verso il mio cazzo ad ogni spinta. La sua figa è in fiamme e le sue gambe tremano con tutto il mio peso che sbatte contro la sua figa ancora e ancora. È scioccata dalla velocità e dalla forza con cui un uomo anziano come me la sta martellando. Abbassa la testa quando viene colpita dal primo orgasmo. Non mi fermo né rallento mai mentre il suo corpo si gira davanti a me. Pensa che mi abbia eccitato di più vederla, venire perché la afferro per le spalle e la scopo come non aveva mai provato prima. Si guarda allo specchio e vede che sono stata sostituita da un potente animale che grugnisce. Sente il mio cazzo gonfiarsi dentro di sé e la punta del mio cazzo sbatte contro l'ingresso del suo grembo. Quando sente il mio cazzo colpire di nuovo il suo grembo, un altro orgasmo la colpisce e mentre lo sente salire dalle dita dei piedi, sente che scarico il mio sperma dentro di lei. Grugnii mentre un carico dopo l'altro la riempiva. Mi tiro fuori da lei e poi strofino la testa del cazzo su e giù per il culo.

Linda va nel panico "No...per favore no...non il mio culo...John." Le forzo il mento in modo che mi guardi, sente il mio ansimare diventare rauco mentre le sussurro, i miei occhi selvaggi e scuri. "Questo è mio," dico. "Questo mi appartiene. Capisci?" Lydia annuisce furiosamente e mentre avvicino il suo viso al mio per un bacio. Le mie mani si intrecciano tra i suoi capelli e lei sente le mie dita tremare. Rimaniamo stretti l'uno contro l'altro per qualche secondo finché non cadiamo di lato esausti. Appiccicosa e dolorante, fa scorrere una mano lungo il mio fianco e io tremo, poi rotolo verso di lei. Prendendola tra le mie braccia, spingo di nuovo dentro di lei con dolcezza sognante, e lei può sentire che sto diventando sempre più duro. "Il mio," sussurro soddisfatto, e il mio cazzo dice la stessa cosa dentro di lei. Non riesce a trattenere il gemito che le esce mentre vado più in profondità, e la sua figa si apre per accogliermi di nuovo.

Storie simili

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

2.6K I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

2.4K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

2.4K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2.1K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

2.3K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

2K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2.2K I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

2.9K I più visti

Likes 0

La guerra_(1)

Durante la guerra in passato, mi sono arruolato nell'esercito. Ero chiuso e circondato da uomini grossi e sexy, forti e coraggiosi. Il primo al comando del nostro squadrone era così sexy. Il suo nome era Rob. Un uomo molto mascolino e muscoloso con forti radici di campagna. Quando non stavamo litigando, era quasi nudo e sicuro di sé. Era sposato e aveva la moglie più bella di sempre. La invidiavo. Non ci sono mai state donne in guerra. Solo uomini grossi, sporchi, sudati e puzzolenti. Rob aveva foto di sua moglie nuda. Altri uomini si masturbavano con loro quando Rob non...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.