Latte del Desiderio, Libro II, Capitolo 1: Ritornare in carreggiata

600Report
Latte del Desiderio, Libro II, Capitolo 1: Ritornare in carreggiata

Il latte del desiderio, libro II

Di EFon


Capitolo 1: Ritornare in pista

Sarò onesto; Ero debole e smemorato. Intendo testare l'effetto della mia "teoria dello sperma seducente" sulla personalità burbera e ostile di Lisa, che, sebbene abbia avuto successo, è stata a lungo dimenticata in favore di trascorrere l'intera settimana successiva a testare una teoria diversa. Vale a dire che la mia resistenza sessuale poteva tenere il passo con due giovani donne sfrenate che volevano con contentezza ogni centimetro del mio corpo dentro di loro.

Domenica mattina, dopo il pigiama party, mentre la mamma andava a fare shopping, io scopavo con Lisa o Katey, mentre Jen faceva sesso con l'altra come se fosse stata lesbica per tutto il tempo. Vieni lunedì e tutti i giorni successivi non ho mai preso l'autobus. Stavo sempre sul sedile posteriore dell'auto di Jen, non perché fossi più ostracizzato lì, ma perché Lisa o Katey potessero farmi dei pompini mentre andavo a scuola. Poi dopo la scuola, se non avevano un allenamento o una partita da cheerleader, invece di tornare a casa con Jake, io e le tre ragazze andavamo a casa mia e facevamo un'altra orgia per un paio d'ore prima del ritorno della mamma. Poi facevo un pisolino mentre Jen accompagnava le ragazze a casa.

Venerdì le ragazze avevano l'allenamento e quella sera sarebbero dovute andare a una partita di calcio in trasferta, quindi Jen non sarebbe tornata a casa fino alle dieci di stasera. A quel punto ero davvero felice per la pausa. Non fraintendermi; Adoravo riempire le fighe e le bocche di quelle ragazze sexy con il mio succo da uomo, e loro lo adoravano più di me, ma mi stavo bruciando i punti sensibili.

Ho incontrato Jake per tornare a casa quella sera come avevo sempre fatto prima, ma lui mi ha guardato e mi ha chiesto senza mezzi termini: "Amico, cosa sta succedendo?"

"Cosa intendi?" ho chiesto innocentemente.

"Sei uscito con tua sorella stronza e le sue amiche stronze!" disse disgustato.

"Oh, beh... è complicato," ho iniziato a spiegare, ma Jake in realtà ha smesso di svegliarsi e mi ha messo una mano sul petto.

"Okay, confessa," Jake mi fissò e incrociò le braccia. Oh cavolo, sa che sta succedendo qualcosa. "Cosa hai fatto? Jen ti sta ricattando?"

"Cosa? Oh, uh, beh..." la mia situazione mi tornò in mente. Prima ero tutto logico e scientifico, ma una volta che ho avuto due donne sexy che soddisfacevano ogni mia esigenza e mia sorella che faceva letteralmente le pulizie dopo di me, mi ero dimenticato di tutto ciò. Li avevo violentati per tutta la settimana. Il potere che il mio sperma aveva sul cervello femminile era incredibilmente seducente, su di loro e su di me.

Ero stato disattento, e la mia realizzazione deve essere apparsa sul mio viso come conferma per Jake, "Quella stronza! Cos'ha? Foto di te nuda o qualcosa del genere?"

"Oh, um... sì," aggiunsi debolmente. Questo era brutto; Mi ero già fatto notare perché mi comportavo in modo insolito. Certo era il mio migliore amico, ma potevo fidarmi di lui con questo segreto? E se mi denunciasse e andassi in prigione per stupro? Ovviamente è pazzesco; nessuno crederebbe alla mia folle teoria.

"Sì, lo immaginavo. Cosa ti stanno facendo fare?" chiese Jake e continuammo a camminare.

"Oh, stanno solo facendo i compiti... e cose del genere," mentii.

"Come portare i loro libri ed essere il loro schiavo?", Non riuscivo a pensare a una bugia migliore, quindi ho semplicemente annuito, "L'uomo che fa schifo." C'era di mezzo il succhiare, ma non nel modo in cui pensava, e la cosa mi ha fatto sorridere. "Cosa c'è di così divertente?"

"Oh, beh... io, uh... Senti, possiamo non parlarne?" Dovevo considerare tutti gli aspetti. Avevo effettivamente dimostrato qualcosa? Certo, sembrava di sì, ma cosa sapevo veramente? Non molto altro che avere due ragazze più grandi e mia sorella, ora quasi a mia completa disposizione.

"Ma non vuoi vendicarti di Jen?" Jake lo tormentava.

Ho tirato un sospiro. Immagino che avrei dovuto davvero stare al gioco. "Come?"

"Beh..." pensò Jake, "Se avessi una sua foto in una posizione compromettente, potrebbe consegnarle le tue foto in uno scambio e saresti libero."

"Certo, ma come?" Ho scherzato.

"Dannazione Russ! Lei è tua sorella!" si lamentò: "Devi conoscerla".

Aveva ragione e all'improvviso mi venne un'idea. "Capito!"

"Fantastico, qual è il piano?" chiese Jake con entusiasmo.

"Ehm..." in realtà mi è venuta un'idea in più per il mio prossimo test, ma Jake sarebbe stato coinvolto, e forse avrei potuto toglierlo dal mio caso, speravo. "Beh, ho visto la calligrafia del suo ragazzo, Chad, e penso che potrei falsificare un suo biglietto. Sembrerà che voglia fare amicizia, ma tu ti nascondi da qualche parte e le scatti qualche foto."

"Me?" Jake sembrava un po' spaventato. "Perché io?"

"Non ti toccherà, ma mi prenderebbe a calci in culo se mi prendesse," spiegai.

"Giusto..." annuì seguendo la mia logica.

Successivamente è iniziata la pianificazione. Ero già abbastanza sicuro che Jen mi avrebbe permesso di fotografarla, ma fino a che punto si sarebbe spinta? Cosa potrei convincerla a fare? Quanto controllo avevo? Tutte queste domande avevano bisogno di una risposta e altro ancora. Quando siamo arrivati ​​a casa sua, siamo passati davanti alla sua sorellina Jackie, ignorandola completamente, con solo un saluto superficiale a sua madre mentre ci chiudevamo nella sua stanza e cercavamo di escogitare un complotto per attirare mia sorella in un posto privato e romantico, dove si spogliava mentre Jake la spiava e scattava foto.

Quando mia madre venne a prendermi, avevamo già organizzato tutto, e anch'io avevo elaborato la maggior parte del piano vero e proprio. La prossima vera prova del mio potere era vedere fino a che punto potevo portare Jen. La mamma mi ha chiesto della scuola e delle cose normali mentre tornavo a casa, ma io ho prestato a malapena attenzione. Sono tornato a casa e sono andato nella mia stanza e ho iniziato a fare un elenco di proprietà conosciute che ormai avevo capito del mio potere.

Tutte e tre le ragazze che erano state attratte da me iniziarono ad assaggiare il mio sperma. Katey ha avuto il minimo con il precum della mia biancheria intima un anno fa, ma non era diluito, provocandomi una cotta segreta per me, ma non molto di più. Poi Jen nel bicchiere di latte, cosa che l'ha resa un po' più carina con me, ma abbiamo comunque litigato quella sera a cena e quando le ho urlato con rabbia di succhiarmi il cazzo, più come un insulto che come un comando, lei lo aveva fatto davvero notte. Infine Lisa la scorsa settimana nel burro dolce sul suo pane tostato a cena, e ancora di più nei biscotti fatti principalmente con quel burro, ed è cambiata abbastanza rapidamente da cattiva a lussuriosa nel giro di poche ore con sufficiente stimolo e incoraggiamento.

Naturalmente dopo la dose indicativa, tutti avevano ricevuto dosi vaginali o orali e erano diventati MOLTO amichevoli. Ho sorriso notandolo. Avevo convinto Katey, in quello che era essenzialmente il nostro secondo appuntamento, a supplicare la sua migliore amica di fare una cosa a tre con noi, purché pensasse che questo mi avrebbe reso felice. Jen, che era stata la prima a succhiarmi il cazzo, è diventata praticamente la mia serva più che mia sorella, e mi ha aiutato a mettere insieme Katey in primo luogo.

Dopo tutto questo, non avevo ancora fatto sesso completo con Jen. Alcuni potrebbero trovarlo strano quando hai una ragazza che era dichiaratamente super sexy come la coniglietta bionda che era, praticamente implorandola, ma all'inizio ero riluttante perché era mia sorella. Beh, sorellastra, visto che abbiamo avuto padri diversi, ma comunque. E dopo che ho avuto Katey e poi Lisa, sembrava felice anche solo di essere con me per il viaggio, ma sembrava anche divertirsi davvero a lezziare le altre ragazze. Non sapevo se mi voleva ancora, ma sapevo che mi amava, e più che come fratello.

Poi mi sono ricordato di qualcosa che mia madre ha detto su mio padre. Era stato un medico. Poi ho rivisto la storia nella mia testa, quello che comunque potevo ricordare. Era stato uno stallone; un playboy. Aveva messo mia madre incinta di me, rompendo il suo matrimonio e quasi facendomi abortire, finché lei non si era ripresa.

Mio padre aveva il mio stesso potere, e in qualche modo lo aveva usato sul posto di lavoro, e faceva gli infermieri, inclusa mia madre. Ma accadde qualcosa che pose fine al suo potere su di loro. Non pensava di essere stata violentata, quindi non si trattava di controllo mentale, ma più di controllo emotivo o ormonali. Ha detto di aver preso decisioni sbagliate, ma anche oggi pensava che fossero le sue scelte. Questo mi fece sentire meglio riguardo a quello che avevo fatto a Katey e Lisa, ma la vera domanda ora era: cosa aveva svegliato mia madre?

Ho controllato l'orologio ed era quasi ora di cena. Jen era via per la notte, quindi saremmo state solo io e mamma, così avrei potuto interrogarla davvero su mio padre. Sono andato in cucina e l'ho trovata che cucinava, quindi mi sono seduto a tavola e ho detto: "Mamma, puoi dirmi di più su mio padre?"

Scosse indietro i suoi corti capelli biondo scuro e mi guardò un po' preoccupata, ma poi disse: "Certo tesoro, cosa vuoi sapere?"

"Beh, hai detto qualcosa sul fatto di vederlo finalmente come un idiota. Che cosa ha fatto per farti capire questo?"

"Oh, non credo che abbia fatto qualcosa di specifico", ha ricordato. "Avevo appena scoperto di essere incinta, quindi penso che la mia visione della mia vita sia cambiata dal momento che non vivevo più solo per me stessa."

"Era così?" Ho insistito: "Hai apportato altre modifiche quando hai scoperto di essere incinta?"

Pensò per un momento. "Bene, e avevo ricevuto una prescrizione di vitamine prenatali, quella e avevo deciso di smettere di bere il caffè al lavoro per ridurre la caffeina. Tuo padre faceva sempre tardi il turno, quindi quando gliel'ho detto quella sera, prima di uscire, ha semplicemente guardato diverso." lei alzò le spalle: "Questo è tutto ciò che ricordo."

Ho pensato per un momento a come mia madre beve il caffè quando mi è venuto in mente: "Mio padre ha bevuto caffè?"

"Sì, ma solo nero con lo zucchero. Lo prendevamo sempre in giro per quanto fosse generoso, comprava sempre la crema per il caffè, anche quando non la usava lui stesso," rise al ricordo.

BINGO! Stava aggiungendo la panna. Quindi non l'ha bevuto e poi l'effetto è svanito. Cavolo, significa che se non continuo a dare le medicine alle ragazze, non ci sarà più. Ma non aveva senso. A Katey è piaciuta la mia sborra già mesi fa, eppure aveva ancora una cotta per me. Beh, forse l'effetto è iniziato allora, e anche se fosse svanito, non ero stato un idiota come papà e avevo spezzato l'incantesimo. Troppe variabili.

Non era molto, ma era un inizio. Abbiamo cenato mentre guardavamo il telegiornale, ma io ho mangiato velocemente e sono tornato in camera mia per accedere al computer e controllare Internet. Ho scoperto che le vitamine prenatali includevano elevate quantità di acido folico, ferro e calcio. I primi due dicono che sono fondamentali per la salute del cervello. Forse quello era in parte o in parte la "cura".

La mamma era già andata a letto, ma stavo ancora cercando su Internet quando Jen è tornata a casa alle 22:30. "Ehi Russ," disse stancamente aprendo la porta della sua stanza dall'altra parte del corridoio rispetto alla mia.

"Oh, ciao Jen. Puoi farmi un favore?" ho chiesto velocemente.

"Mi fa piacere," rispose un po' troppo allegramente. "Che cosa succede?" chiese entrando nella mia stanza. Era ovviamente stanca e un po' sudata per aver applaudito tutta la notte, e indossava ancora la sua uniforme, ma sorrideva in modo abbastanza innocente.

"Beh..." dissi mentre chiudevo la porta dietro di lei, cercando di pensare a come dirle di Jake.

"Oh..." sorrise diabolicamente e triste tornando sul mio letto e incrociando le gambe. "Il mio fratellino vuole un bicchierino?"

"Che cosa?" Sbattei le palpebre confuso.

Lei sorrise subdolamente e si infilò la maglietta sopra la testa esponendo il suo bel reggiseno rosso che mi spinse fuori le sue tette piene. Rimasi bloccato a fissarle come se non avessi mai visto le tette prima quando lei finì di togliersele e mise le mani dietro la schiena per togliersi il reggiseno prima che riprendessi i sensi. "Oh... no, no, no!"

"NO?" tenne il reggiseno e inarcò il sopracciglio. Poi si sporse in avanti per toccarmi l'inguine e sorrise: "Non credo che stia dicendo di no".

Mi aveva lì. Al mio uccello è piaciuto il piacere per gli occhi e aveva già iniziato a rispondere. Avevo fatto così tanto sesso negli ultimi giorni che oggi non mi ero preso la briga di masturbarmi, quindi ruggevo e ero pronto a partire. Ma quella era pur sempre mia sorella e avevo bisogno di dirle qualcosa su Jake. "Vero, ma prima mi serve qualcos'altro."

Mi ha sorriso e ha iniziato a slacciarmi i pantaloni, ma io ho continuato a parlare. "Vedi, Jake pensa che tu mi stia ricattando per diventare schiavo tuo e dei tuoi amici." Una volta aperto, ha afferrato saldamente il mio cazzo e lo ha infilato fuori attraverso le mutande.

Gemetti mentre mi accarezzava fino in fondo, ma continuavo a balbettare. "Quindi, quello che voglio è che tu mi scatti alcune foto compromettenti, poi domani sera vai in cima a Park Hill..."

Ho dovuto smettere di parlare una volta che mi ha picchiato. Lei ha stretto la bocca attorno al mio cazzo e tutto quello che ho potuto fare è stato gemere per qualche minuto mentre mi succhiava su e giù. Alla fine ho borbottato: "In cima a Park Hill... come se stessi... andando a fare amicizia con Chad... ma Jake si nasconderà tra i cespugli".

Poi il mio mondo ha cominciato a girare. Non che stessi arrivando, ma mi ha tirato giù sul letto con me disteso sulla schiena. Avevo gli occhi chiusi, cercando di concentrarmi, ma con tutto il sangue nel cazzo avevo le vertigini per essere stato fatto girare e non ho visto bene cosa stava succedendo finché non è stato troppo tardi per fermarlo. Non che sia sicuro che l'avrei fatto comunque, ma almeno posso sostenere che avrei potuto provare a fermarla.

La sensazione di carne femminile attorno alla mia virilità era vecchia per me solo di poche settimane, ma l'avevo sentita molte, molte volte di recente, ma nonostante ciò mi spegne il cervello e mi fa arricciare le dita dei piedi in estasi. Tutto il resto è stato dimenticato. La mia parola e i miei piani non significavano nulla. Nemmeno il fatto che la donna con cui stavo facendo l'amore fosse mia sorella. Tutto ciò che contava era l'umidità soffocante che mi avvolgeva, la gonna corta a pieghe che frusciava sui miei fianchi, le dita morbide e delicate che premevano sul mio petto e il gemito silenzioso di un'amante mentre prende un uomo dentro di sé.

Si spostò e gemette, e riuscivo a malapena ad aprire gli occhi per il sovraccarico di piacere. Avevo già visto Jen venire prima, sia mentre si masturbava, sia mentre veniva mangiata da Katey o Lisa, e una volta mentre la toccavo, ma non l'avevo mai vista scopare, tanto meno sul mio stesso cazzo. I suoi seni erano stretti insieme, ancora racchiusi nel reggiseno rosso vivo. I suoi lunghi capelli dorati scorrevano sul suo viso e quasi scendevano nel mio. E ha stretto le labbra e gli occhi mentre agitava la fica sulla mia verga da impalamento.

In realtà non ha fatto molto per farmi eccitare, ma mi ha davvero eccitato e sono rimasto estasiato dalle sue cure erotiche. Trattenne il fiato, la testa si inclinò in avanti, i fianchi si strinsero, poi tremò più e più volte per diversi secondi finché non si rilassò. Altre volte era stata più esplicita, ma sapeva che nostra madre era in fondo al corridoio tanto quanto me, e che avremmo dovuto pagare un inferno se il nostro incesto fosse stato scoperto.

Allora mi sorrise e disse quasi con un gemito: "Dio, fratellino, il tuo cazzo è così grosso dentro di me." Poi si appoggiò all'indietro, tirando il mio cazzo in una scomoda angolazione verso il basso, "E guarda quanto mi hai reso appiccicoso."

Da allora tutte le mie inibizioni sono andate perdute. Il mio cazzo pulsava ancora dentro di lei, ma l'ho spinta di lato e lei ha ridacchiato piano mentre si sdraiava sul mio letto vero e proprio e io mi sono avventato su di lei. In un lampo ero già tra le sue cosce lisce e l'elsa di nuovo in profondità in lei. Mi abbracciò con le braccia e le gambe mentre la colpivo con sconsiderato abbandono. Lei è morbida, bagnata e volenterosa. Ero pazzo di lussuria e avevo un disperato bisogno di venire.

Mi sussurrò all'orecchio: "Dammelo". L'afferrai per i fianchi in cima alla gonna per fare leva mentre la colpivo forte e veloce. "Lo desideravo da tanto tempo." La stanza cominciò a echeggiare dei suoni appiccicosi e umidi della mia disperazione. "Ho bisogno di sentirti riempirmi dentro." Questa è stata l'ultima goccia. Ho spinto violentemente dentro mentre esplodevo. Tremavo e tremavo come un uomo morente e mi sentivo come se la mia anima stesse lasciando il mio corpo per raggomitolarsi in cerca di calore nel suo grembo, solo per essere tirato indietro per un secondo, poi yo-yo di nuovo dentro. Sembrava un'eternità come girato dopo Il getto dei miei preziosi fluidi vitali si fece strada fuori da me per cercare rifugio dentro di lei.

Dopo che la mia anima è tornata in me, mi sono chinato in avanti per appoggiare la testa contro il suo seno imbottito nel reggiseno, entrando completamente dentro di lei e spremendo casualmente piccoli scatti di sperma per assicurarmi che fosse completamente riempita. La sua figa si strinse di tanto in tanto, per cercare di trattenere il mio membro molle e tutto ciò che si era depositato all'interno, ma dopo pochi minuti la gravità fece uscire il mio membro rimpicciolito dal suo squarcio ora spalancato e appiccicoso. Poi ci siamo baciati. Non come fratello e sorella, ma come amanti. E l'ho amata. Il fatto che fosse sbagliato mi stava lentamente tornando in mente, ma ero troppo felice per preoccuparmene in quel momento. Poi ha detto che era ora di andare a dormire e mi sono girato per permetterle di lasciare la mia stanza per la sua.

Poi, mezzo morto al mondo, ho sentito dei divertenti ticchettii elettronici. Ho guardato mia sorella mentre chiudeva il telefono. "Okay, ho fatto delle foto imbarazzanti. Raccontami il resto domani," poi salutò, spense la luce e chiuse la porta.



(Nota dell'autore: sono in fase di scrittura ulteriori capitoli e questa storia ha ancora molta strada da fare, ma avanzerà più lentamente di prima a causa dei cambiamenti nel tempo a disposizione per la scrittura. Parte della colpa può anche essere attribuita a Diablo 3.)

Storie simili

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

2.6K I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

2.4K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

2.4K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2.1K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

2.3K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

2K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2.2K I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

2.9K I più visti

Likes 0

La guerra_(1)

Durante la guerra in passato, mi sono arruolato nell'esercito. Ero chiuso e circondato da uomini grossi e sexy, forti e coraggiosi. Il primo al comando del nostro squadrone era così sexy. Il suo nome era Rob. Un uomo molto mascolino e muscoloso con forti radici di campagna. Quando non stavamo litigando, era quasi nudo e sicuro di sé. Era sposato e aveva la moglie più bella di sempre. La invidiavo. Non ci sono mai state donne in guerra. Solo uomini grossi, sporchi, sudati e puzzolenti. Rob aveva foto di sua moglie nuda. Altri uomini si masturbavano con loro quando Rob non...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.