Le avventure sessuali di Lacey e Ricky - Capitolo 6

603Report
Le avventure sessuali di Lacey e Ricky - Capitolo 6

Si prega di iniziare leggendo i capitoli da 1 a 5.

Capitolo 6: Ricky aiuta sua madre

Il tempo passava lentamente per Ricky mentre Lacey era via in California. Era molto solo e ora sapeva che Lacey era molto più che la sua migliore amica. Si ritrovò anche sessualmente frustrato. Certo, sapeva come battere e lo faceva quasi ogni giorno. Ma senza Lacey non era la stessa cosa. Scoprì di amare davvero Lacey, profondamente, più di un'amica d'infanzia.

Un altro motivo della sua solitudine era il fatto che era figlio unico. Aveva spesso desiderato un fratello o una sorella con cui giocare. Da quando aveva conosciuto Lacey e aveva scoperto quanto fosse affettuosa e amichevole, desiderava una sorella proprio come lei. Suo padre, Jim, era morto in un incidente sul lavoro quando aveva solo sei anni. Ora riusciva a malapena a ricordare che aspetto avesse. La mamma aveva delle sue foto in giro per casa, ma un paio di anni fa le ha messe via, spiegando che faceva troppo male ed era ora di andare avanti.

La mamma aveva provato a uscire di nuovo, ma Rickey si sentiva a disagio quando altri uomini si avvicinavano. Non ne ha mai incontrato uno che potesse immaginare come "papà". Nemmeno la mamma sembrava aver trovato nulla che corrispondesse ai suoi gusti. Ha detto che li ha semplicemente paragonati a Jim quando erano insieme e non potevano essere all'altezza. Non è mai uscita con uno di loro per più di qualche volta prima che si arrendessero. Quello che non sapeva era che questi uomini avrebbero cercato di infilarsi nei suoi pantaloni, e lei semplicemente non era pronta per questo. La sua vita sessuale con Jim era stata così bella.

Ricky sapeva che anche sua madre era sola. A volte entrava in casa e poteva dire che aveva pianto. Avrebbe cercato di nascondere i suoi sentimenti, ma lui non poteva sopportare di vederla piangere. Alcune notti si immergeva in una vasca da bagno calda per più di un'ora. La sentiva sguazzare nel bagno, ma quando usciva aveva sempre l'aria triste. Dai suoni sospettava che stesse facendo il masterbating. Amava teneramente sua madre e si sentiva protettivo nei suoi confronti. Farebbe qualsiasi cosa per lei.

Per aiutare Ricky mentre lei era via, Lacey gli aveva regalato una delle riviste femminili di suo fratello. Avrebbe voluto quello con il paginone centrale che Lacey aveva modellato, ma il problema in qualche modo era scomparso. Quello che gli aveva fornito aveva un sacco di foto di uomini e donne che scopavano. Era qualcosa che lui e Lacey non avevano mai fatto insieme. Ricky era sicuro che un giorno avrebbero fatto proprio questo. Si chiese se avrebbe davvero saputo cosa fare?

Il porno è stato di grande aiuto nel mantenere viva l'immaginazione di Ricky e nel promuovere le sue fantasie. Immaginava di scopare esseri magici come le fate. Lui, ovviamente, fantasticava di scopare Lacey. Immaginava come sarebbe stato scopare la sua insegnante di educazione civica della terza ora, la bella signorina Gilbert. Indossava sempre gonne molto corte e tacchi alti. Una volta ha intravisto le sue mutandine quando si è seduta di fronte a lui per aiutare un altro studente. Aveva ammesso a Lacey di avere una cotta per la signora Gilbert. Ha ammesso che anche a lei è piaciuto guardarla e ha anche condiviso che avrebbe voluto vederla nuda. C'era qualcosa nell'essere con una donna più anziana e matura; una donna con esperienza. Fantasticava persino di fare l'amore con sua madre.

Immaginò che lei avesse appena smesso di piangere e che lui cercasse di consolarla. Suggeriva di andare nella sua camera da letto. Lì lo avrebbe spogliato e lui l'avrebbe scopata. Forse se avesse potuto giocare con il suo pene, l'avrebbe aiutata togliendo un po' di solitudine a suo padre. Pensarci lo faceva sentire davvero arrapato, ma lo faceva anche sentire un po' in colpa. In qualche modo sapeva che era proibito. Questa era una fantasia che non aveva condiviso con Lacey.

Dato che la scuola era finita, faceva lunghe passeggiate intorno alla fattoria. A volte vagava per i campi vicino a casa sua. Scendeva lungo il ruscello a pescare, o semplicemente si sdraiava sull'erba sotto gli alberi, o saliva nella casa sull'albero dove lui e Lacey si divertivano così tanto insieme. Ogni giorno andava alla fattoria dove viveva Lacey e dava da mangiare al loro cane, Rex, e alle galline, alle capre e ai cavalli in miniatura che tenevano lì. Era bello avere qualcosa da fare ed era sinceramente felice di poter fare qualcosa per Lacey mentre lei era via. Si chiese se fosse sola quanto lui, o si fosse divertita un po' in California a casa di suo zio Steve? Quando se ne andò sembrava temerlo. Mentre dava da mangiare agli animali, notò che uno di loro aveva un'enorme erezione. Il cavallo in miniatura era alto più o meno la sua altezza, ma il suo uccello doveva essere lungo 18 pollici! Avrebbe dovuto dirlo a Lacey quando fosse tornata a casa!

Ricky percorse il breve tratto fino a casa sua. Era ancora un po' presto per il pranzo e non era sicuro di cosa avrebbe fatto una volta tornato a casa. Forse si sarebbe offerto di aiutare sua madre con alcuni lavori in giardino, dato che oggi era sabato e lei non era al lavoro. Entrò dalla porta della cucina e rimase sorpreso che sua madre non fosse lì. Sembrava che quando era a casa, passasse la maggior parte del tempo in cucina. Si fermò e la ascoltò e credette di sentirla ridacchiare da qualche parte più indietro nella casa. Avrebbe cercato di trovarla, muovendosi silenziosamente in modo da poterla sentire di nuovo.

Sentì un fruscio provenire dalla porta aperta della sua camera da letto. Entrò e la trovò seduta sul bordo del letto, intenta a sfogliare la rivista porno che Lacey gli aveva dato! Il suo primo istinto fu quello di scappare di casa, ma era congelato dalla paura. Sapeva che sua madre si sarebbe infuriata e gli avrebbe fatto domande su dove avesse preso la rivista. La immaginò piangere per il disappunto di avere una tale spazzatura, e odiava farla piangere. Quando si rese conto che era lì, alzò lo sguardo verso di lui. Rimase stupito dall'espressione che vide sul suo viso. Non era affatto rabbia, ma un pizzico di divertimento con un po' di tristezza. L'ondata di adrenalina che lo aveva colpito cominciò a placarsi.

Chiuse la rivista, diede una pacca sul letto accanto a lei e disse "vieni qui, RIcky". Andò a sedersi accanto a sua madre e guardò la rivista posata sulle sue ginocchia solo per assicurarsi che lei stesse guardando quello che lui pensava che fosse. Abbassò la testa e guardò le sue scarpe da tennis. "Va tutto bene, Ricky. Sei ormai entrato nell'adolescenza e questo genere di cose non è insolito, anche se mi ha colto di sorpresa", ha ammesso. "Non ti ho parlato di queste cose, e so che pensi alle ragazze in modi diversi rispetto a quando eri il figlio di mamma. Cavolo, non ti ho nemmeno parlato degli uccelli e delle api ." Ha continuato.

"So già tutta quella roba". dissi indignato. "Oh, lo vedo," la mamma sorrise con disinvoltura, guardando la rivista. "Sono stato negligente nel non insegnarti queste cose io stesso. Per me sei sempre stato il mio innocente ragazzino, ma quando ti guardo adesso, vedo un bravo giovane. Voglio che tu impari queste cose in un modo sano." Lei ha aggiunto. "è un po' imbarazzante per me dato che normalmente tuo padre avrebbe ricoperto quel ruolo per te."

Mi dispiaceva per mia madre perché si sentiva in colpa. "Ho esplorato la mia sessualità da sola e con un'amica in modo sano", ho aggiunto. "La mamma ha alzato le sopracciglia e ha detto: "Tu e Lacey! Avrei dovuto immaginarlo! Spero che voi due stiate usando la protezione." Disse allarmata. "Non l'abbiamo fatto, mamma. Lacey è ancora vergine. Abbiamo solo parlato ed esplorato." dissi sperando di calmare le sue paure e sperando che non saremmo entrati nei dettagli di quello che stavamo facendo.

"Prenderò del materiale dalla biblioteca e cercherò di insegnarti la strada giusta e di rispondere a tutte le tue domande." Alla fine ha dichiarato. Ma per ora, prepariamo il pranzo. E per favore, mettilo via in un altro nascondiglio. Preferirei non incorrere di nuovo in una situazione del genere." Ho sorriso a mia madre e le ho preso la rivista. Quanto sono fortunata ad avere una mamma così bella! L'amavo ancora di più.

Dopo pranzo presi il libro che avrei dovuto leggere a scuola durante l'estate e scesi vicino al ruscello. Mi sono seduto sull'erba e ho passato qualche ora all'ombra a leggere, prendendo appunti per il rapporto che si sarebbe dovuto scrivere. Il libro in realtà era piuttosto buono. Il giovane della storia era coraggioso e fece una serie di cose per aiutare la madre vedova, alcune correndo grandi rischi. Ha avuto anche una storia d'amore con una ragazza che ha dovuto tenere segreta perché proveniva da una famiglia più povera. Sua madre ha scoperto la loro storia d'amore e, con sorpresa dell'eroina, sua madre non lo ha scoraggiato. Sfortunatamente, non è diventato molto bollente. Ma era libero di immaginare aggiunte alla trama.

Dopo un po' Ricky si alzò e decise di andare di nuovo a casa di Lacey per controllare gli animali. Sperava segretamente di poter rivedere l'enorme cazzo del cavallo. Arrivò e trovò tutto in ordine, ma niente erezioni. Notò una femmina di maiale in un recinto. Dal cancello guardò la sua fica, notando la differenza tra quella del maiale e come appariva la fica di una donna. Nella scienza avevamo imparato che l'anatomia di un maiale è vicina a quella di un essere umano, quindi valeva la pena verificarla. Nella stalla successiva c'erano un paio di capre. Osservandoli ho notato che uno era maschio e l'altra femmina. Sapevo che il padre di Lacey mungeva una capra e ho notato la sua mammella.

La capra aveva una mammella piena con due tette. Mi chiedevo chi la stesse mungendo. Ho scavalcato il cancello e sono entrato nel recinto con le capre. Erano amichevoli e la femmina mi diede una gomitata dolcemente. Mi inginocchiai accanto alla capra e le sentii la mammella. Era pesante, ma gli ricordava un po' la sensazione del seno di Lacey. Le tette erano molto diverse dai capezzoli di una donna. Erano come maniglie. Ne ho afferrato uno con le dita per vedere come ci si sentiva. Era una sensazione calda e piacevole. La capra sembrava apprezzare le mie carezze. Una volta avevo visto mio nonno mungere una mucca. Mi spiegò la tecnica, ma avevo paura di provarla. Ora ho circondato la cincia alla base con il pollice e l'indice e ho premuto delicatamente. Poi ho avvolto le dita rimanenti attorno alla tetta e ho stretto. Sono stato ricompensato con un flusso costante di latte che è durato circa tre secondi. La capra si mise sull'attenti e mi permise di continuare. Ho afferrato l'altra tetta con l'altra mano e ho provato la stessa cosa con essa. Ne uscì un piccolo ruscello perfetto. È stato emozionante. In realtà ho cominciato a sentire il mio cazzo irrigidirsi.

Alternavo di spremere prima la tetta sinistra e poi quella destra come avevo visto fare a mio nonno quando mungeva una mucca. Gettava getti di latte caldo nella paglia sul pavimento della stalla. Mio nonno aveva provato scherzosamente a puntarmi una tetta mentre mungeva la mucca. Adesso ho provato a puntarmi una tetta alla bocca. È stato imbarazzante e ho finito per inzupparmi le mani nel latte. Volevo disperatamente bere un po' di questo latte caldo. Scendendo sotto la capra, mi portai alla bocca una delle tette e cominciai a succhiare. Immediatamente la mia bocca fu inondata di delizioso latte caldo.

La capra si stava stancando di questi giochi e cominciò ad allontanarsi da me. Mi alzai e mi asciugai il latte caldo di capra dalla bocca con il dorso della mano. La mia mano destra era inzuppata del latte del mio gioco con il latte. Ho guardato la capra che stavo mungendo e ho notato la sua vagina. Assomigliava molto a quello della femmina di maiale. Mi sono avvicinato e le ho toccato le labbra. Sembrava che le piacesse e alzò la coda in alto. ho provato a inserire un dito imbevuto di latte nella piccola figa. Spingendo dolcemente, il mio dito entrò completamente nella sua calda fica. Era caldo e vellutato. La capra rimase immobile sull'attenti. La sua coda si sollevò e si contrasse, ma per il resto non si mosse. Le sue orecchie si alzarono quasi come se stesse ascoltando qualcosa. Ho mosso ritmicamente il dito dentro e fuori e lei ha pestato uno dei piedi posteriori, ma per il resto è rimasta ferma. Il mio uccello era in piena attenzione e ho dovuto apportare alcune modifiche al mio inguine con la mano sinistra. Poi ho messo la mano sinistra nei pantaloni e ho cominciato a scuotere il mio cazzo a tempo con le spinte nella fica caprina della mia mano destra.

Guardando in basso, ho notato che la fica della capra era allo stesso livello del mio cazzo. Perché no? Ho ritirato il dito e avrei voluto avere un preservativo. Che diamine, questo non mi avrebbe fermato adesso! Cominciai ad armeggiare con i pantaloni, aprii la patta quando dietro di me il caprone grugnì. Mi sono guardato intorno e sembrava agitato e mi ha messo le corna contro le gambe. Cominciò a spingermi sulla gamba e allo stesso tempo girò la testa. Ho provato ad allontanarmi da lui, ma si era impigliato nei miei jeans, mi ha fatto lo sgambetto e sono caduto sulla schiena. Mi sono subito alzato in piedi, temendo che il caprone mi salisse addosso, ma lui era semplicemente lì. Entrambe le capre adesso erano di fronte a me e immaginavo che stessero ridendo di me! Ad ogni modo, l'umore era rotto e ho deciso che per il momento ne avevo abbastanza.

Si stava facendo sera e sapevo che la mamma mi aspettava presto per cena. Mi sono lavato un po' con un tubo fuori dalla stalla e sono partito per casa. Aprendo la porta della cucina ho sentito un profumo meraviglioso. Penso che stasera mangeremo lasagne fatte in casa. Mia mamma è una cuoca meravigliosa. Mi sorrise quando entrai e arrossii brevemente al pensiero che lei trovasse la mia rivista. Un pensiero mi è entrato in mente e mi sono chiesto se fosse stata di nuovo nella mia stanza, alla ricerca del mio nuovo nascondiglio.

La sera era un po' fresca e la mamma indossava un maglione nero leggero che metteva in risalto le sue tette. Attraverso i buchi nella trama aperta si poteva distinguere il suo reggiseno nero. Si è girata per togliere le lasagne dal forno e mentre si chinava per togliere la teglia fumante, ho potuto vedere il suo culetto stretto e formoso nei suoi pantaloni da yoga. La mamma non era trascurata, faceva yoga ed era una corridore. Si è presa cura di se stessa.

A cena ci siamo seduti uno di fronte all'altro. Mentre addentavo il burroso toast all'aglio, la mamma disse: "Oggi sono andata in biblioteca e ho portato un bel libro che dovremmo guardare stasera dopo cena". La mamma non era una che procrastinava. Mi sono sentito un po' a disagio e ho detto "non dovevi davvero farlo. Penso di aver capito le cose abbastanza bene". se solo lo sapesse! "Sciocchezze" ha risposto "è ora che alcune di queste cose vengano rese pubbliche. E le riviste porno non sono rappresentazioni accurate della vera sessualità umana". Nella mia mente sporca, immaginavo che mamma mi spiegasse le tette, aprendo il reggiseno per mostrarmi la cosa reale. La mamma ha interrotto la mia baldoria, "inoltre, ho affrontato la sfida per prenderti questo. Avresti dovuto vedere l'espressione che ho ricevuto dalla vecchia signora Cratchet quando ha controllato il libro per me. Che scema!" Ci siamo fatti una risata tutti e due pensando a quella vecchia accetta!

Chi lo sa. Forse potrei imparare qualcosa. La mamma sembrava a suo agio con l'argomento e questo ha reso tutto più semplice. Naturalmente c'era un po' di senso di colpa da quando ha trovato la mia rivista nascosta. Quello e tutte le mie attività extrascolastiche segrete, di cui lei non sapeva nulla.

Per qualche motivo mi è tornato in mente un ricordo. Un pomeriggio ero entrato in casa e mi ero sdraiato sul pavimento accanto al divano per guardare un po' di TV. Stavo tagliando il prato di un vicino ed ero sudato e non volevo rovinare il divano. Potevi sentire la doccia scorrere e sapevo che avrei dovuto aspettare il mio turno. Appena mi sono sistemato sul pavimento, ha squillato il telefono. Sono saltato in piedi per rispondere, ma quando ho visto l'ID del chiamante ho capito che era l'amica di mia madre, quindi sono tornato sul pavimento accanto al divano e ho lasciato che squillasse.

Mentre mi sedevo ho sentito l'acqua fermarsi e ho sentito mia madre borbottare. La porta del bagno si spalancò e lei uscì saltellando, bagnata e nuda come il giorno in cui era nata! Ero nascosto dal divano e lei non mi ha visto. Corse con un braccio attorno alle sue tette mentre rimbalzavano nella sua presa. Ha parlato con la sua amica al telefono per circa due minuti dandomi le spalle. Teneva il telefono in una mano e teneva l'altra sul fianco, il che metteva in risalto il suo sedere morbido e sodo da corridore. Rimasi perfettamente immobile e non riuscivo a respirare. I miei occhi affamati assorbirono tutto. Era girata quel tanto che bastava da poter vedere un po' del lato del suo seno grassoccio sinistro. Si è alzato leggermente dalla corsa al telefono.

Ha detto alla sua amica che l'avrebbe richiamata mentre guardava nervosamente fuori dalla finestra dall'altra parte della stanza da dove mi trovavo. Il suo corpo era evidenziato dalla luce e io mi sedetti sul pavimento in una zona buia dello studio. Ero emozionato e spaventato allo stesso tempo. Ben presto riattaccò e si voltò verso il bagno, osservando la finestra mentre sfilava proprio davanti a me. Non aveva idea che fossi lì. Le sue tette ondeggiavano in modo seducente mentre camminava e per un momento ho avuto una visione a volo d'uccello della sua bellissima figa rasata con una piccola pista di atterraggio a forma di V. Quell'immagine è impressa nel mio cervello! Quando ebbe chiuso la porta del bagno, mi alzai e scivolai fuori.

Avevo già intravisto mia madre, ma niente del genere. Non sarebbe potuto andare meglio se si fosse esibita apposta per cercare di sedurmi! Scesi verso il torrente e salii nella mia casa sull'albero dove Lacey e io eravamo spesso andati a divertirci. Mi sono tolto i pantaloni e ho preso il cazzo in mano pensando a cosa avrei voluto fare con mia madre nuda.

La domanda della mamma mi ha riportato al presente. "Cos'era quello, mamma?" "Eri davvero fuori di testa per un minuto. Puoi aiutarmi con i piatti, tesoro?" "oh, certo, mamma." Ho detto. Mi piaceva soprattutto lavorare in cucina con la mamma. Era interessante parlare con lei e aveva un grande senso dell'umorismo. La mamma si alzò per prima dal tavolo, guardandomi. Guardando la parte anteriore dei suoi pantaloni da yoga, potrei giurare di aver visto il suo cammello. Sembrava che percepisse il mio sguardo e si aggiustò il maglione. Cominciammo a sparecchiare. Stavo raccogliendo i piatti dal tavolo e mi sono rivolto al lavandino. La mamma era dietro di me e mi raggiungeva. Quando mi sono girato, ho sbattuto decisamente contro il suo seno. "Oops scusa!" dissi e arrossii. "va bene," disse con un sorriso. "Cosa hai fatto oggi?"

Restavamo gomito a gomito parlando e ridendo mentre lavoravamo al lavandino. Quando i piatti furono lavati e messi via, disse: "Mi prenderò cura degli avanzi se vuoi fare qualcos'altro". Sono andato nello studio e mi sono lasciato cadere sul divano. Ho guardato il pavimento accanto al divano e la mia mente è tornata brevemente a quel pomeriggio di qualche mese fa, quando osservavo mia madre proprio da quel punto. A scuola, un paio di giorni dopo, ho condiviso l'esperienza con Lacey. Avevo paura che potesse disgustarsi vedendomi guardare mia madre nuda, ma pensava che facesse caldo. Ha anche raccontato a me di aver visto suo fratello mentre faceva il masterbata.

Ben presto la mia baldoria fu interrotta quando mia madre entrò nello studio e si sedette accanto a me. Si sedette con il fianco contro il mio, e poi vidi e mi ricordai del libro della biblioteca. Mi sono fatto piccolo piccolo, chiedendomi come sarebbe andata. Lei sorrise, riconoscendo il mio disagio. "Qual è il problema?" lei sorrise. "Posso semplicemente prendere la mia rivista e provare a lavorare su quella?" Scherzavo. "Ah, ah!" lei rispose: "non sarebbe una buona idea, e penso che tu lo sappia." La mamma mi guardò con un tocco di tristezza. Probabilmente si chiedeva che razza di bastardo arrapato avesse allevato, o forse era solo un po' triste nel rendersi conto di come suo figlio fosse così cresciuto. "È giunto il momento di parlare di questo." ha dichiarato la mamma.

La mia aspettativa era che mi leggesse questo libro, ma non è stato così. "Per prima cosa voglio che tu sappia che puoi fare qualsiasi domanda. Risponderò alle tue domande onestamente se conosco la risposta. Se non lo so, cercherò di scoprirlo", ha iniziato. "Cominciamo dalle basi", aprì il libro in una pagina specifica. "Questo è il pene di un ragazzo." Indicò un disegno sulla pagina. Ho sorriso, "il mio non sembra più così." "No, ne sono consapevole" rispose con un sorrisetto. Quando ha visto il mio pene, ho pensato. "Come fai a saperlo?" ho chiesto. "Non l'ho visto direttamente, ma posso guardarti i pantaloni e capirlo", ha risposto. Ho guardato i miei pantaloni e ho notato che mi diventava duro.

Girò molte altre pagine fino all'immagine di una vagina. Un'illustrazione nella parte inferiore della pagina mostrava le strutture interne. La mamma ha spiegato lo scopo e le caratteristiche di ciascuna parte. Non mi ero reso conto che succedesse così tanto lì dentro. La maggior parte aveva a che fare con la riproduzione. Ha spiegato come il pene entra nella vagina per depositare lo sperma, il che rende incinta una donna e dà come risultato un bambino. Poi indicò il clitoride e la radice sottostante. "La punta esposta qui è molto sensibile e costituisce la fonte della maggior parte della stimolazione che una donna riceve durante il rapporto sessuale. Anche il resto della struttura fornisce stimolazione, ma poiché è più profonda nel perineo, viene stimolata indirettamente e richiede altre tecniche rispetto al contatto diretto", ha detto.

"Quindi lo scopo di tutta questa roba è fare bambini?" Ho chiesto. "Non esattamente" disse la mamma pensierosa. Si fermò un attimo cercando di capire come dirlo. "Quando due persone sono molto innamorate l'una dell'altra, l'atto sessuale viene compiuto per dare piacere reciproco. Non sempre nascono bambini da questo tipo di attività. Ma sono necessarie precauzioni speciali per prevenire la gravidanza." lei ha risposto. Ho chiesto "Come si previene la gravidanza?" "Sono felice che tu l'abbia chiesto" e la mamma entrò nei dettagli del controllo delle nascite.

"Wow, è davvero complicato," dissi pensieroso. La mamma annuì "ecco perché il sesso è riservato alle persone abbastanza mature da assumersi la responsabilità." "Io e Lacey non l'abbiamo ancora fatto", ho confessato. "Fa male?" ho chiesto. La mamma sembrava perplessa "cosa intendi?" "Quando fai sesso. Il sesso fa male?" La mamma ridacchiò leggermente: "oh no. Al contrario. Di solito è molto piacevole." Poi aggiunse pensierosa "tranne che per la prima volta per la ragazza. Per alcune ragazze la prima volta può essere un po' doloroso." Si, parlamene! Ho pensato.

"Beh, ho una domanda," dissi. "Com'è veramente fare sesso, intendo dire?" La mamma fu colta di sorpresa. Non ero sicuro che avrebbe risposto, ma mi aveva esortato a fare domande e volevo davvero saperlo. La mamma mi guardò oltre con uno sguardo di mille metri. Le sue labbra erano socchiuse e sembrava che avesse smesso di respirare.

Alla fine si è ripresa e sembrava che stesse per darmi la risposta che desideravo. "Il sesso con qualcuno che ami più di ogni altra cosa, qualcuno per cui saresti disposto a morire, è semplicemente fantastico. Non ho parole per spiegare com'è veramente. Ti doni completamente e diventi come una persona invece che due ." Esitò un attimo e poi continuò. "Tutto il resto lo chiamo semplicemente sesso ricreativo. È bello in questo momento e immagino serva a uno scopo."

"Ha qualche senso, Ricky?" Ho pensato ai miei sentimenti per Lacey. L'amavo e mi mancava così tanto da quando se n'era andata nelle ultime due settimane. Chissà quando tornerà a casa?

"Sembra meraviglioso! Non vedo l'ora!" dissi con entusiasmo. La mamma ridacchiò, allungò la mano e mi scompigliò i capelli. "hai tutto il tempo per fare sesso. Prima devi crescere un po' di più." lo prese in giro. "Penso che per ora sia sufficiente. Ci sono altre cose sugli uccelli e sulle api che devi imparare, ma su questo possiamo lavorare più tardi."

"Posso farti un'altra domanda?" Ho aggiunto. "Certo, quello che hai." La mamma aspettava come se ricevesse un pugno nello stomaco. "Ti manca il sesso? Con papà, intendo?" Gli occhi della mamma erano pieni di lacrime: "Dio, sì! Ora vado a letto con te! Niente più domande".

Rimasi a letto per molto tempo, ma non riuscivo a dormire. Ho imparato molto da ciò di cui avevamo parlato. Ma non mi era mai venuto in mente quanto fosse sola mia madre. Aveva degli amici, ma le mancava ancora papà. Faceva più sesso? Probabilmente solo un po' di quel "sesso ricreativo" che era di second'ordine. Il mio cuore soffriva per lei e desideravo poterla aiutare.

Alla fine mi sono alzato dal letto per andare in bagno e prendere qualcosa da bere. Potevo sentire i suoni provenire dalla camera da letto di mamma mentre passavo. Tornando nella mia stanza, mi sono fermato fuori dalla stanza di mamma. Potevo sentire che stava piangendo piano. Ho esitato per un momento, chiedendomi cosa avrei dovuto fare. Non potevo sopportare che fosse ferita e sola.

Ho aperto la porta e i cardini hanno scricchiolato leggermente. "Ricky, sei tu?" lei ha chiamato. Quando ero piccola venivo spesso nella stanza di mia madre, ma era passato un po' di tempo. "ciao mamma, non riesco a dormire." È una frase che aveva sentito spesso in passato. Si spostò un po' e diede una pacca sul letto accanto a lei. Si abbassò la camicia da notte mentre scivolava.

Con sua sorpresa, ho sollevato il lenzuolo e mi sono seduto accanto a lei. Istintivamente si girò su un fianco lontano da me. Mentre sollevavo il lenzuolo per entrare, l'aroma della figa bagnata permeava l'aria sotto le lenzuola. L'avevo sorpresa a fare il masterbata? mi sono chiesto ironicamente.

Mi rannicchiai accanto a lei, sdraiandomi nel punto ancora caldo del suo corpo. L'ho presa a cucchiaio, facendo attenzione a non premere contro di lei la mia erezione che avanzava. "Hai paura?" lei chiese. "Non lo fai da un po'." osservò.

"Stavo pensando alla nostra chiacchierata stasera e ho capito quanto devi essere solo." Ho confessato. "Ti manca davvero papà, vero?"

Lacrime fresche scorrevano e la mamma singhiozzava piano. Non ho mai potuto sopportare di vedere mia madre piangere. Mi rannicchiai un po' più vicino dietro di lei. Le ho messo un braccio sopra, le ho sfiorato la guancia e le ho massaggiato delicatamente la spalla. Ho sentito che apprezzava la mia preoccupazione e si è rilassata e si è accoccolata in me. "Mamma, spero che tu sappia che ti amo più di ogni altra cosa! Farei qualsiasi cosa per te." Sembrava irrigidirsi un po' quando l'ho detto. Stava pensando alla nostra chiacchierata quella sera? "Lo so, lo faresti, tesoro. Sei di grande conforto per me e non so cosa farei senza di te", ha detto. La mamma aveva smesso di piangere e il suo singhiozzare si stava attenuando. Ci siamo rilassati e abbiamo apprezzato la vicinanza.

Si è riposizionata un po' e io ho fatto scivolare il braccio sul suo seno e mi sono sistemato sul suo stomaco. Il mio braccio si annidava leggermente sotto il suo seno. Ero sdraiato lì nei miei boxer e ora la mia erezione crescente è adagiata comodamente contro il culo di mamma e lei indossa solo una camicia da notte sottile. Potevo sentire le nostre cosce nude insieme. Dato che aveva le gambe un po' sollevate davanti a sé, era facile immaginare la sua figa bagnata che spuntava da dietro tra le sue cosce, anche se non potevo vederla. La mia erezione era a pochi centimetri di distanza!

Per quanto elettrico fosse, e con il braccio che le cullava il seno, ho sentito un'irresistibile compulsione a spingere le dita lungo il suo stomaco verso la sua regione inferiore. Poi ho notato che il respiro della mamma arrivava piuttosto rapidamente. Prima che potessi fare una mossa, ha detto "Ricky, forse dovresti tornare nel tuo letto".

"Sciocchezze. Sono appena arrivato e hai ancora bisogno di me." Aveva ancora bisogno di me e io avevo bisogno di lei. Ho sentito la mia erezione sussultare un paio di volte, involontariamente. So che doveva sentirlo. In realtà si è accoccolata di più in me, torcendo la parte superiore del corpo e spingendo la mia mano verso di me e lontano dal suo seno. Peccato! Ho pensato di riportarlo giù e di giocare con il suo capezzolo. La mia mano era ancora sul lato del suo petto, quindi l'ho fatta scivolare sui suoi panini e ho iniziato a massaggiarle il culo. Mentre tenevo la mano lì, ho fatto scivolare i pantaloncini fino alle cosce. La maglietta della mamma è scivolata su di qualche centimetro a causa della torsione nella parte superiore del busto. Il mio cazzo gonfio si adattava perfettamente alla sua fessura nuda e lei emise un suono a metà tra un sospiro e un gemito. Il suo respiro aumentò e nella pallida luce della luna che filtrava nella stanza, potevo vedere il suo seno alzarsi e abbassarsi rapidamente. Ho allungato la mano e l'ho baciata sulla mascella superiore, appena sotto il lobo dell'orecchio. Le ho spostato il lobo dell'orecchio con il naso.

Lei girò la testa verso di me con un'espressione preoccupata. "Ricky" "shhhhh," lo interruppi. L'ho baciata dolcemente, piena sulla bocca. Volevo usare un po' la lingua, come mi ha insegnato Lacey, ma non ero sicura che la mamma fosse pronta. Poi ha detto: "Non voglio che facciamo nulla di cui ci pentiremo domani". Mi sono fermato a riflettere su quello che ha detto. Poi: "Mamma. Ti amo così tanto. Devo credere che ci troviamo in questa situazione in questo momento per un motivo. Sono sicuro che farò sempre tesoro di questo momento. Ma se hai dei dubbi, andrò da il mio letto e potremo dimenticare che tutto ciò sia mai accaduto." Ho risposto sinceramente.

Allora mia madre si è girata verso di me, mi ha messo le braccia al collo e mi ha detto "devi giurarmi di non dire mai niente a nessuno di questa cosa, mai!" "Mai" sussultai e lei mi attirò per un vero bacio. I nostri corpi si premevano insieme con forza, schiacciando entrambi i seni contro il mio petto. Adesso ha usato un po' la lingua con me. Ci siamo rotolati sul letto e la mamma ha riso e mi ha baciato il collo e il petto. Riuscii a togliermi i boxer e poi mi voltai per infilarle la camicia da notte sopra la testa. La luce della luna che si riversava nella stanza illuminava il suo corpo e mi fermai ad ammirarlo. Le sue tette erano piene e i suoi capezzoli erano sull'attenti. Lei sorrise e scherzosamente li avvolse tra le braccia, come se stesse cercando di nasconderli. Questo la rendeva ancora più adorabile. "Sei già pronto a scoparmi?" lo prese in giro. "Voglio che siamo un corpo solo, proprio come hai descritto" dissi serio.

Mi ha gettato le braccia al collo e quasi mi ha schiacciato. Ci siamo baciati ancora e ancora con abbandono, rotolandoci sul letto e ridendo come bambini. Era molto energica. L'amavo come mai prima d'ora e volevo che durasse per sempre. I nostri fianchi si premevano insieme e la mia erezione furiosa veniva premuta contro la sua figa bagnata. Si stava strusciando contro di me quando era sopra, e quando io ero sopra ho spinto i miei fianchi contro di lei.

Mi sono fermato, ho alzato la testa e l'ho semplicemente guardata. Stava sorridendo come se si stesse divertendo tantissimo! E il suo corpo era semplicemente sbalorditivo. Guardo in basso tra le mie gambe, ed ecco il mio cazzo palpitante in bilico sopra una splendida figa con la piccola pista di atterraggio, proprio come me lo ricordavo. Le sue labbra erano gonfie e luccicavano dei suoi succhi. "Sei sicuro che sia quello che vuoi? Nessun rimpianto?" chiese la mamma, sorridendo maliziosamente. "Confesso che non ho mai desiderato niente di più al mondo", risposi sinceramente. "Ma questa è la mia prima volta e non so se sono bravo in questo!" "Lo so", ha detto. "Ora, per favore, potresti già venire e scoparmi?"

Molto felice di accontentarlo, mi sono abbassato mentre lei afferrava il mio cazzo per guidarlo a casa. Questa era la prima volta che teneva il mio pene eretto, almeno a quanto ricordo. Quando la punta del mio cazzo aprì le sue labbra, per un attimo mi preoccupai di farle del male. Mi sono ricordato di quella che era quasi la prima volta che scopavo Lacey. Abbiamo dovuto fermarci a causa del dolore. Poi la mamma ha spinto i suoi fianchi nei miei e mi ha tirato giù con la mano che era sul mio culo, ed ero in paradiso! Mi sono sdraiato su di lei e l'ho baciata profondamente. Poi le ho baciato il seno e i capezzoli. Presi in bocca uno dei suoi capezzoli duri e succhiai prima dolcemente, poi più forte. Lei gemette affamata e notai che aveva un pezzo del lenzuolo stretto nel pugno. Potevo sentire la sua figa contrarsi sul mio cazzo, poi rilassarsi.

Era ora di muoversi. Ho cominciato a spingere, fino alle palle, poi quasi completamente fuori, poi di nuovo dentro. La mamma spalancò le gambe e tirò indietro le ginocchia, cercando di prendermi tutta la mia lunghezza. Aveva le mani sul mio culo trascinandomi in profondità. Dentro e fuori, dentro e fuori. Ogni volta che indietreggiavo, potevo sentire i suoi muscoli di Kegel contrarsi come se avesse paura di perdermi.

La mamma ha messo la testa indietro, ha inarcato la schiena e ha cominciato a urlare: "ohhhh sì, oh sì, oh sìssss! Aveva la faccia rossa e tremava. Non potevo più resistere. Il mio uccello ha cominciato ad avere delle convulsioni, spasming as if it had a mind of its own. I pumped hot spunk as deep into her love hole as my little six inch cock could go, not wasting a drop. When it finally stopped, I felt spent! I rolled over on my back next to my mother and we just lay there and panted. "Wow, " I commented when I got my breath, "that was something. I love you so much." This was my first time actually fucking and it could not have been better!

Mom said "I needed that." We joined hands laying side by side and quietly contemplated the happenings of the night. "Other people would not understand, but there is no way that what we have is wrong" mom said.

She hopped out of bed and went to the bathroom. While she was up, I fell into a deep, contented sleep.

Storie simili

Tornando a casa gay...

Tornando a casa gay... (Episodio 2) Il mio soggiorno da zio Donnie era finalmente finito. Avevamo fatto sesso selvaggio eccezionalmente sensuale quasi ogni notte. Ero triste di dover partire, ma ero anche entusiasta di esplorare la mia nuova conoscenza sessuale trovata su un ragazzo della mia età. Adesso ero sicuro della mia sessualità. Sono gay! Mancava ancora molta estate e la mia truppa di Boy Scout aveva diversi viaggi che non vedevo l'ora di fare. C'era un ragazzo di 2 anni più giovane di me con cui mi piaceva fare amicizia durante le gite. Si chiamava Bobby, 15 anni, magro come...

2.6K I più visti

Likes 0

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

2.4K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

2.4K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2.1K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

2.3K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

2K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

2.2K I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

2.9K I più visti

Likes 0

La guerra_(1)

Durante la guerra in passato, mi sono arruolato nell'esercito. Ero chiuso e circondato da uomini grossi e sexy, forti e coraggiosi. Il primo al comando del nostro squadrone era così sexy. Il suo nome era Rob. Un uomo molto mascolino e muscoloso con forti radici di campagna. Quando non stavamo litigando, era quasi nudo e sicuro di sé. Era sposato e aveva la moglie più bella di sempre. La invidiavo. Non ci sono mai state donne in guerra. Solo uomini grossi, sporchi, sudati e puzzolenti. Rob aveva foto di sua moglie nuda. Altri uomini si masturbavano con loro quando Rob non...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.