Il dominio finanziario di Steven Miller

2KReport
Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni

Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: "La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio". Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che i suoi genitori si sono trasferiti negli Stati Uniti dalla Svizzera quando aveva 8 anni e che i suoi antenati molto probabilmente non avevano alcun legame diretto con la schiavitù degli africani, la "colpa bianca" di Steven ricordava più una tendenza globale e pervasiva degli uomini caucasici a sessualmente sottomettersi a persone le cui origini sono dalla madrepatria. In tutto il mondo, in quelli che sembrano essere numeri sbalorditivi che non possono essere liquidati come casuali o irrilevanti, gli uomini bianchi sentono una coazione, un bisogno impellente di diventare "schiavi" dei neri. Naturalmente, la parola schiavizzato non è esatta. È quasi comico come i bianchi abbiano innestato il significato della parola schiavitù per essere equiparato ai loro feticci stravaganti, ma non è altro che un altro esempio della loro arroganza e capacità di manipolare persone e situazioni per convalidare le loro percezioni. La vera schiavitù, ciò che i discendenti degli africani rapiti e ridotti in schiavitù sopportarono non era un feticcio sessuale o volontario, era disumanizzante e incomprensibile.

Per Steven, i suoi desideri ruotavano attorno alla servitù finanziaria e all'umiliazione. Per lui i due concetti erano intimamente ed eroticamente legati. Per lui, pagare una donna per umiliarlo e svergognarlo era ciò che gli dava un brivido, ciò che lo eccitava. Amava essere schernito, tormentato, preso in giro e torturato e amava pagare per questo. È una dinamica interessante perché il denaro ha uguale potere nella società occidentale e il fatto che lui lo avesse e le donne lo volessero significava che aveva il controllo su di loro. Sì, stava dando loro dei soldi, ma alla fine stava tirando le fila. Ogni volta che pagava una donna per fargli svolgere un compito stupido o imbarazzante, ogni volta che diventava il benefattore di una donna e pagava i suoi conti, lei diventava dipendente da lui. Lo amava. Amava il fatto che le donne avessero bisogno di lui non solo per divertimento, ma anche in un circolo vizioso di dipendenza. Quando queste donne erano in difficoltà finanziarie, piuttosto che imparare a fare soldi e sopravvivere da sole, piuttosto che usare il loro cervello e i loro talenti intrinseci per fare soldi, lui scriveva un assegno e all'istante, assumeva il ruolo di benefattore e loro deve soddisfare le sue fantasie di degrado e dargli tutte le attenzioni che desiderava e desiderava. Steven ha sfruttato le donne che si vedevano come oggetti. Predava le donne che sentivano il loro valore nell'essere desiderate dagli uomini, che la loro bellezza era una merce di scambio con un valore in dollari. Inseguiva donne che erano superficiali e superficiali e che vedevano solo il simbolo del dollaro quando guardavano il suo patetico, ridicolmente piccolo cazzo.

Steven ha commesso un grosso errore quando mi ha contattato chiedendomi di farmi un tributo. Non sapeva che sarebbe stato il più grande errore della sua vita, uno che lo avrebbe lasciato in bancarotta, finanziariamente impoverito e indigente. Quando mi si avvicinò per la prima volta, alcuni anni fa, gli dissi che non mi interessava ricevere un tributo; che non ero in vendita. Ha seguito la mia scrittura e si è avvicinato di nuovo a me di recente, chiedendomi di farmi un omaggio. Come prima, la mia risposta è stata la stessa di ogni volta che uno sconosciuto mi chiede di farmi un regalo o denaro non richiesto. Tuttavia, questo non era sufficiente per lui. Se ne stava seduto a casa, fantasticando di essere il mio sottomesso, di fargli fare cose indicibili e perverse. Era attratto dal mio commento impenitente su razza e razzismo, la mia acuta intuizione nelle menti degli uomini bianchi sottomessi, la mia intensità e, naturalmente, la mia bella pelle marrone e i forti lineamenti africani.

Non uno che prende bene il rifiuto, Steven ha iniziato i suoi sforzi per attirarmi con promesse di denaro. Piuttosto che tentare di conoscermi, rinunciando a qualsiasi sforzo per impressionarmi o fare appello al mio intelletto e alla mia sensibilità per diventare il mio sottomesso, ha fatto penzolare minacce e promesse di denaro, dicendomi di come avrebbe potuto rendere la mia vita confortevole, viziarmi e coccolarmi senza nulla aspettarsi da me in cambio. Mai in vita sua aveva incontrato una donna come me. Era insondabile per lui che non volevo o non avevo bisogno dei suoi soldi. Mi era chiaro, dietro il suo desiderio di essere costretto a pagare, che credesse che tutte le donne fossero oggetti da acquistare, che ogni donna avesse un punto di svolta, una certa cifra in dollari che le avrebbe invogliate a conformarsi alle sue fantasie contorte. Il fatto che le sue fantasie dovessero essere maltrattate e abusate era irrilevante; era il denaro che era la carota che faceva dondolare davanti ai volti delle donne e non c'era modo all'inferno che gli avrei permesso di manipolarmi o controllarmi in quel modo. Quello che Steven non ha capito, quello che non è riuscito a capire è che sono intrinsecamente superiore. Sono di gran lunga superiore a quelle donne che vendono l'anima per denaro o per farsi pagare un conto. ho integrità; Non posso essere acquistato come un oggetto sullo scaffale e certamente non come una prostituta all'angolo della strada. Sono una regina africana divinamente dotata, magnifica, degna di lode, onore e adorazione degna solo di una Dea che cammina sulla terra, che è orgogliosa della sua eredità africana e che gode e si compiace di ridurre gli uomini bianchi a piagnucolare, frocio, femminuccia, maiali avviliti.

Avevo pianificato di manipolare Steven, controllandolo al punto in cui era così totalmente devoto a me, che diventavo la sua religione, che non solo mi avrebbe dato ogni centesimo che poteva, ma che si sarebbe negato le necessità della vita per per prodigarmi di doni e denaro. Intendevo costringerlo a rinunciare a tutte le sue altre puttane del denaro e farlo arrivare a un punto in cui non solo viveva per me, che avrebbe lavorato per me, dandomi il suo intero stipendio con la speranza che gli avrei dato abbastanza da permettergli di sopravvivere. Volevo che sopportasse il dolore psicologico per il mio divertimento, per svuotare il suo portafoglio per donare alle cause e agli enti di beneficenza che avrebbero beneficiato le persone di origine africana in tutto il mondo. Ho calcolato che se gli schiavi liberati avessero ottenuto i 40 acri e un mulo che ci erano stati promessi alla fine della schiavitù, ciò equivarrebbe a circa 250.000 dollari nell'economia di oggi. Sarebbe stata solo la punta dell'iceberg che volevo far pagare a Steven, solo una goccia nel mare. Volevo che pagasse per la mia bisnonna che ha dovuto tenere a freno la lingua mentre veniva brutalmente stuprata in gruppo da uomini bianchi disgustosi che l'hanno derubata della sua innocenza. Avrebbe pagato per il modo in cui i neri pendevano dagli alberi come strani frutti, linciati per il divertimento dei bianchi che consideravano i neri come i 3/5 di un essere umano, meritevoli di una schiavitù disumana. Era mia piena intenzione far pagare al signor Miller il privilegio immeritato e la posizione che ha ottenuto solo in virtù del fatto di essere bianco e maschio e di ridurlo al suo vero posto, sotto il mio sacro piede, servendo non come mio schiavo ma come mio animale domestico e il mio possesso, spinto a compiacermi e a desiderare il mio riconoscimento e la mia lode come un buon sostituto e a pagare per questo, a pagare a caro prezzo. . . con la sua vita.

Capitolo 2: Schiavo

Diciamo solo che il nostro primo incontro, tra me e Steven, non è andato come previsto. Ebbene, non è andata come aveva previsto; le mie aspettative sono state superate a dir poco. Avevo preso accordi per incontrarci in questo fantastico nuovo ristorante chiamato "& Jelly" a New York City. Ho pensato che il posto fosse adatto al nostro primo incontro perché specializzato in abbinamenti inaspettati unici e saporiti, proprio come noi. È arrivato in aereo da Chicago e io ho preso il treno dal Maryland. A suo merito, aveva un'auto che mi aspettava alla Penn Station e mi ha organizzato per stare in una deliziosa suite nel Midtown Hyatt, niente di stravagante ma certamente nemmeno The Vanderbilt YMCA.

Io torreggiavo su di lui. Nei miei talloni e in piedi orgoglioso, alto e forte non un po' timido di 6'2 ", era più che evidente che si sentiva evirato mentre allungava nervosamente la mano per stringermi la mano. Tuttavia, era una dinamica che trovava eccitante. Amava il concetto di una donna nera prepotente che lo trattasse di merda e lo dominasse sessualmente. Non ero nemmeno lontanamente così grezzo né ero neanche lontanamente vicino alla manifestazione delle sue fantasie unidimensionali da Dominatrice, ma ho sorriso il più educatamente possibile, sentendo i suoi palmi sudati mentre ci scambiavamo convenevoli e cose del genere.

Dopo esserci seduti, ho ordinato il Sacralicious French Toast che era una combinazione paradisiaca di pane challah e pancetta servita con burro al curry e gelatina di prugne. Ho ordinato per lui; la cameriera era chiaramente divertita da questo fatto mentre selezionavo la cialda di filetto di manzo con burro al basilico e gelatina di mango. Mai uno da perdere tempo, ho chiesto: "Allora, cosa vuoi esattamente da me, Steven?"

Era stato preparato per la domanda principalmente perché gli avevo detto di avere una risposta pronta per me al momento dell'incontro. Non aveva davvero provato quello che voleva dire; ha optato per una risposta improvvisata, quasi irriverente. Decise che la cosa migliore da fare era mantenere la sua risposta il più semplice possibile. "Dea, voglio essere il tuo devoto maiale, troia e schiava".

Non appena le parole lasciarono le sue labbra, Steven capì di aver fatto una cazzata. Era ben consapevole della mia opinione sulla parola schiavo e sembrava un cervo abbagliato dai fari che temeva per la propria vita. “Sottomessa, mi scusi padrona, volevo dire sottomessa. Chiedo scusa. non volevo. . .”

Ho immediatamente dissipato le sue paure. "Va abbastanza bene, Steven, so che non era altro che un semplice lapsus, solo l'uso comune della parola in un contesto BDSM. Relax. So che non stavi suggerendo di voler sopportare gli orrori della schiavitù che hanno sopportato i miei antenati. Nessuno sano di mente lo implicherebbe mai, giusto? In effetti, non sono nemmeno sicuro di essere capace di essere così crudele e sadico. Non penserei mai di irrompere nella tua pittoresca casetta nel cuore della notte, io e i miei scagnozzi, e brutalizzare la tua famiglia. Non avrei mai messo nessuno, figuriamoci un adolescente innocente attraverso la tortura e l'angoscia di dover vedere sua madre decapitata, il suo sangue che defluiva dal suo cadavere decapitato mentre gettavo il suo cranio attraverso la stanza per i suoi capelli flosci. Se, e solo se dovessi rendere schiavo qualcuno, dovrei per necessità fargli vedere il padre violentare brutalmente con la lama di un coltello fino a morire dissanguato, urlando di dolore mentre guardava sua figlia violentata da uomini strani e sadici . È quasi impensabile immaginare che sarei persino capace di incatenarti ad altri ragazzini, facendoti trascinare i loro corpi indeboliti e morenti per centinaia di miglia, solo per essere marchiato come un pezzo di bestiame, tenuto in una prigione per mesi e mesi, nutrito con cibo infestato da vermi e altri parassiti, e senza nemmeno ricevere luce solare o acqua pulita, per non parlare di cure mediche. Come sarei orribile se fossi il tipo di Padrona che ti trasporta a migliaia di miglia da casa tua in una terra straniera dove non conoscevi nessuno, dove non parlavi la lingua, e dove ti picchiavo per giorni, settimane anche, otto, dieci o dodici ore al giorno finché non hai rinunciato alla tua fede in Gesù, fino a quando hai maledetto il tuo Dio come pagano e, per pura stanchezza e abuso, hai rinunciato al tuo nome per uno che ti ho dato? Sarei un Domme crudele se fossi sessualmente eccitato vedendo le tue reazioni mentre cospargo le tue ferite infette e sanguinanti con candeggina, sale o qualsiasi altra cosa mi venga in mente nella mia immaginazione selvaggia e viziosa. Certo, potrei farti lavorare come un animale, dandoti da mangiare gli avanzi marci della mia tavola in modo da poter trarre profitto dal tuo lavoro. Sarebbe giusto perché i miei antenati, che erano veri schiavi, hanno dovuto sopportare questo e altro per generazioni. Molto probabilmente, tuttavia, non potrei mai costringermi a strappare il tuo neonato, bambino piccolo dalle tue braccia, ancora coperto di liquido amniotico, il cordone ombelicale ancora pulsante di sangue, e venderli come un barile di petrolio in borsa, solo per farti riprodurre ancora e ancora e ancora in modo che io possa vendere tutti i tuoi preziosi figli per riempire il mio conto in banca. Potrei farlo se tu volessi, se volessi VERAMENTE essere il mio schiavo Steven."

Le sue mani stringevano i braccioli della sedia, le sue nocche erano bianche e il suo viso era rosso, le lacrime erano nei suoi occhi, ed era più che arrabbiato, era nauseato. “Sei fottuto bi. . . Sai che non intendevo niente con quello che ho detto. Come osi . . .”

L'ho interrotto con la sua finta indignazione. “Puttana, stai zitta. I miei antenati hanno sopportato questo e altro. Vaffanculo." Ero così calmo, così disinvolto rispetto al suo respiro affannoso; era piuttosto il contrasto. Non aveva mai pensato ai milioni e milioni di volte che quel genere di cose erano accadute durante la schiavitù di neri innocenti, persone che non avevano scelta in materia, le cui vite non erano le loro in alcun senso della parola. No, quando pensava alla schiavitù, pensava agli uomini neri muscolosi e dal cazzo grosso che venivano stalloni per mogli di piantagioni bianche e troie. Se avesse la possibilità di pensarci davvero, penserebbe al film Roots e ad alcuni oscuri riferimenti alla schiavitù come "sfortunato". Di tanto in tanto pensava all'ingiustizia della schiavitù, ma mai una volta l'aveva contemplata in quel modo, mai una volta l'esperienza era stata così personale per lui, così orribile.

Ho continuato. «Oppure Steven, potrei farti mio sottomesso. È molto concepibile che io possa trasformarti nel mio frocio depravato e amante dello sperma. Potrei rendere il tuo buco del culo il centro del tuo essere, desideroso di essere scopato, allungato e usato solo da cazzi neri e strapon, la mia piccola puttana da gangbang. Potrei distorcere i tuoi desideri e fare in modo che tu brami il mio moccio come tuo sostentamento. Per appartenermi, farei di te la mia puttana, facendoti indossare i miei assorbenti usati nel culo e amarlo. Se dovessi scegliere di essere la mia sottomessa, se fossi disposta a darti al processo, ti farei rinunciare a tutte le altre tue donne e servire solo me. Quella posizione è negoziabile, se lo desideri. C'è solo una clausola. NON accetterò tributi e ti dominerò, sia l'uno che l'altro".

Nel giro di meno di tre minuti, Steven è passato da indignato a eccitato. Il nostro cibo è arrivato e Steven si è seduto lì senza parole. Sapeva per la prima volta nella sua vita di essere in presenza della vera grandezza, una donna onnipotente. "Vuoi scusarmi", dissi mentre lo lasciavo seduto lì al tavolo da solo e tornavo nella mia stanza d'albergo, il mio cibo intatto, senza spiegazioni. Il giorno dopo, è tornato a Miami e non riusciva a pensare a quello che gli era successo. Per giorni ha controllato i saldi dei suoi conti, calcolato cifre nella sua mente, ossessionato dalle sue finanze. Era stato sopraffatto dal desiderio di svuotare il suo conto in banca e darmi ogni centesimo che aveva, di sdraiarsi ai miei piedi e presentarsi per farmi fare di lui come desideravo. Sapeva che non poteva fare entrambe le cose. Era il suo inspiegabile bisogno di pagarmi che lo perseguitava, la sua compulsione a compensarmi per essere una VERA dea ebano che gli aveva fottuto la testa. Per quanto volesse fare e diventare tutte le cose cattive di cui avevo parlato, voleva vedermi languire e godere di ricchezze e ricchezze mentre soffriva ancora di più nella povertà.

Capitolo 3: Adorazione

Steven ha fatto una cazzata. Dopo il suo incontro con me, si è seduto e ha stufato e ribollito di animosità. Le azioni di Steven gli hanno fatto rivalutare i suoi capricci contorti. Per lui è stato uno sguardo doloroso e vergognoso allo specchio. Doveva riconoscere, anche solo a se stesso, che i suoi desideri erano patologici. Il suo bisogno di estorsioni e ricatti, le sue fantasie di essere "escluso" e prosciugato finanziariamente, persino la sua ossessione per le donne superficiali e materialiste erano tutte indicazioni del fatto che fosse davvero malato di mente. Invitava le donne a estorcergli, fantasticava sui suoi amici e la sua famiglia sapendo delle sue perversioni. Ha avuto l'idea di pubblicare video umilianti di se stesso che faceva cose ripugnanti e di inviarli alle persone con la sua faccia che mostrava audacemente. Allo stesso tempo, voleva fingere di essere una vittima, di essere impeccabile nella sua stessa fine finanziaria e sociale. Alla fine della giornata, gli piaceva tutto. Ha mandato soldi ad altre donne, ha comprato i loro indumenti intimi di rango, ha continuato a fare video mentre tirava il suo cazzo inutile e controllava i saldi del suo conto, fantasticando che dicevano $ 0,00. Alla luce del giorno, quando era in giro tra persone normali e ragionevoli, si vergognava profondamente di se stesso. Aspettò il confronto che sapeva sarebbe arrivato, qualcuno nella sua famiglia, il suo superiore al lavoro che voleva parlargli e interrogarlo sulle sue bizzarre inclinazioni. Nell'intimità della propria casa, davanti al computer, però, non aveva scrupoli del genere. Accarezzava febbrilmente il suo piccolo cazzo floscio agli insulti infantili delle donne materialiste che avevano bisogno di lui per pagare i loro conti o comprare loro scarpe costose che non avevano una reale occasione per indossarle, e alle loro vuote minacce di esporlo mentre faceva infinite transazioni con paypal e acquisti.


Sapendo che ero davvero al di sopra dell'essere una delle puttane avide e affamate di denaro con cui di solito gioca, pensando di poter fare appello al mio io razionale e benevolo, Steven mi si avvicinò con cautela. Mi ha inviato un'e-mail senza scuse, nessun tono di contrizione o accenno di rammarico per il suo precedente comportamento ripugnante, chiedendomi quanto sarebbe costato incontrarsi di nuovo. Ho risposto semplicemente, senza alcuna fanfara o dramma, $ 20.000 in contanti, consegnatimi a mano a Filadelfia. Fedele alla sua natura, Steven ha risposto cercando di negoziare, ha detto che non poteva permettersi così tanto, ha persino cercato di convincermi a dominarlo in cambio dell'importo. Dopo diversi giorni senza risposta da parte mia, ha ceduto e ha accettato di incontrarmi all'angolo tra N. 38th Street e Parrish Street domenica mattina, alle 11, e gli ho ricordato che i soldi dovevano essere in contanti.

Steven, ignaro del funzionamento del vero Black America, si è presentato puntuale, pensando che avremmo fatto lo scambio in un piccolo bar o bar. Martin Luther King, Jr. disse 50 anni fa che l'ora più segregata in America erano le 11 di domenica mattina e nulla era cambiato in mezzo secolo. Indossando jeans e un bottone, Steven mi si è avvicinato con cautela mentre osservava tutti i frequentatori della chiesa, vestiti con i loro abiti più eleganti della domenica, radunarsi per lodare Dio passare da noi e fissarci educatamente ma non così sottilmente. Avevo indossato il mio miglior completo nero per andare alla riunione della domenica, calze di seta, décolleté di vernice. Allungai la mano guantata di cotone bianco e sbirciai da sotto il mio cappello nero velato. "Steven, è un vero piacere rivederti."

"Uhmmm, sì", si guardò intorno nervosamente. Tutte le sue fantasie di essere umiliato e svergognato sessualmente in pubblico sono semplicemente svanite e voleva scappare e nascondersi. Questo non era affatto quello che si era aspettato. Disse: "Ho i soldi, possiamo farla finita?"

“Oh, Dio, Steven, che fretta c'è? Entriamo, va bene?" Uno degli uscieri, un uomo di colore straordinariamente splendido con una figura imponente, ci ha aperto la porta e ci ha augurato un piacevole buongiorno e ci ha consegnato un programma. Non volendo fare troppa scenata e leggermente intimidito dall'intera situazione, entrò. Mai in vita sua si era sentito così fuori posto. La sua era l'unica faccia bianca nel santuario ed era l'unica persona vestita in modo casual. Sono andato davanti alla chiesa e lui si è sentito obbligato a seguirmi. Rimase senza parole mentre fissava la rappresentazione in vetro colorato di 40 piedi di Gesù, raffigurato com'era veramente, un uomo di colore con i capelli di lana. Steven era arrabbiato, indignato; era un'offesa a ogni sua sensibilità vedere un uomo di colore raffigurato come il suo signore e salvatore. Ogni cellula del suo corpo era piena di odio per me. Ha iniziato a dirmi di fottermi, che stava per andarsene, ma ogni testa si è girata proprio quando ha iniziato ad alzare la voce. Le parole gli si bloccarono in gola prima che potesse pronunciare una frase completa e scivolò silenziosamente nel banco accanto a me.

Guardando intorno a tutte le belle persone, coppie felicemente sposate, donne single, tutte riservate e devote, Steven fantasticava su ognuna di loro che lo umiliava sessualmente. Aspettò le grida e il parlare in lingue e correre su e giù per i corridoi che stereotipicamente si aspettava, ma non arrivò mai. Il Coro maschile ha cantato alcune canzoni gospel vivaci e tutti si sono alzati in piedi, hanno applaudito e lodato il signore, ma l'intera esperienza è stata più sofisticata che selvaggia. Si agitò mentre lo ignoravo, cercando di sussurrarmi che doveva andare, che aveva altri piani. Non ha ascoltato una parola del sermone, era più interessato ai pensieri devianti di essere preso a calci, calpestato e usato in questo sacro luogo di culto.

C'è stata una chiamata all'altare per la preghiera e ho sussurrato dolcemente all'orecchio di Steven che aveva bisogno di confessare i suoi peccati. Deglutì a fatica e disse fermamente di no, tutti gli occhi sarebbero stati su di lui e questo non era eccitante per lui. Non voleva giocare a modo mio, voleva che mi adeguassi ai suoi desideri; voleva che fossi come le altre puttane senza classi con cui aveva a che fare. Ho discretamente segnalato al mio amico, l'usciere, di accompagnare Steven all'altare. Si inginocchiò davanti a Black Jesus e io mi inginocchiai accanto a lui. “Ecco, Steven, prega Black Jesus, confessa i tuoi peccati. Digli che miserabile pagano bianco sei. Prega per la salvezza di Black God, Steven. Si inginocchiò, con le mani giunte come in preghiera ma le nocche erano bianche perché non desiderava altro che colpirmi, farmi tacere. Mi sono avvicinato e ho sussurrato più piano: "Più forte puttana, fai sapere a tutti che sei un peccatore, dì loro che accetti Gesù Nero come tuo signore e salvatore personale, che sai che ha sanguinato ed è morto sulla croce per il tuo sporco, cattivo peccati. Non vuoi essere lavato nel sangue del Santo Gesù Nero?" Le lacrime gli rigavano il viso, le ginocchia gli dolevano, la rabbia lo consumava. La congregazione applaudì, lodò Dio e applaudì per la sua salvezza. Il pastore pregava, le sue parole giuste punteggiate dallo staccato dell'organo. Passarono davanti al piatto della raccolta e sussurravano sottovoce: "Ogni centesimo, Steven, voglio che tu metta ogni singolo dollaro in quel piatto della raccolta". Le sue mani tremavano quando prese la busta nella tasca posteriore dei jeans e la posò sulla pila di cinque, dieci e venti nel piatto d'ottone foderato di velluto rosso. Chiuse gli occhi e supplicò Dio di perdonarlo, di assolverlo dai suoi peccati, di liberarlo dalla malattia sessuale che lo consumava, che gli impediva di instaurare qualsiasi tipo di relazione reale, sostanziale. Pregava per essere normale. Per quanto fingesse di essere felice come un mostro, desiderava profondamente essere amato, accettato e rispettato da una donna che lo avrebbe amato per qualcosa di diverso dai suoi soldi. Erano passati più di 30 anni da quando si era permesso di pensare simili pensieri. Pregò l'immagine di un uomo di colore, in ginocchio, adorandolo, sentendosi veramente indegno e inferiore. Quando ha aperto gli occhi, io ero sparito.

Mi ha mandato una mail, questa volta con notevole umiltà e rispetto. “Signora, mi inchino alla tua volontà. Non ho mai incontrato nessuno come te prima e riconosco e rispetto che non sei altro che una vera Dea. Tu sei la mia religione e sono disposto a fare le cose a modo tuo. Tutto ciò che sono, tutto ciò che ho è tuo".

Copyright 2010 AfroerotiK Tutti i diritti riservati

Ti piacciono le mie storie erotiche? Ottienine uno scritto SOLO PER TE! Esatto, ottieni una storia erotica personalizzata e personalizzata scritta per te, su di te, creata per eccitarti in modi che nessun'altra storia può fare. Questa storia non avrà solo il tuo nome, ma conterrà dettagli su di te, sulla tua vita e, naturalmente, sulla tua fantasia IDEALE. Rimarrai scioccato dalla quantità di dettagli che comporterà e, naturalmente, sarai eccitato come mai prima d'ora. Puoi riceverlo via e-mail, puoi stamparlo e rilegarlo per fare un grande regalo, o puoi persino farlo registrare. Ottieni la tua storia erotica personalizzata e personalizzata scritta per te oggi.

http://afroerotik.com/store/#ecwid:category=1731874&mode=product&product=7687400

Storie simili

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

329 I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Madeliene è solo deserti

Correndo verso la sua macchina con un vestito nero attillato e tacchi alti con cinturino alla caviglia, Madeliene non si accorse dell'uomo in piedi nell'ombra finché non si schiarì la voce. Voltandosi per affrontarlo, vide un uomo alto e muscoloso in pantaloni neri, maglietta e berretto da baseball. Prima che possa reagire, c'è uno scoppio del dispositivo nella sua mano e il suo mondo esplode mentre i dardi del taser la colpiscono nelle costole, erogando 10,00 volt. Crolla sul pavimento del garage, contorcendosi ma incapace di muovere un muscolo da sola. L'uomo la gira rapidamente e le ammanetta le mani dietro...

1.3K I più visti

Likes 0

Una notte sorprendente

I miei amici e io ci siamo sempre divertiti a sperimentare nuovi modi di intrattenerci a vicenda, ma fino a poco tempo fa eravamo a corto di vapore. Io e Dave abbiamo lavorato nella stessa azienda negli ultimi quattro anni, mentre le nostre rispettive amiche, Susan e Jenny, possiedono una piccola boutique di moda. Di solito dopo aver visitato un wine bar o un club, tornavamo a casa mia per un bicchierino o due. Dopo il viaggio di sabato scorso in un wine bar spagnolo locale, eravamo tutti abbastanza allegri e abbiamo deciso di comprare dell'altro vino e tornare a casa...

1.1K I più visti

Likes 0

Ora è la tua occasione, ragazzo

Storia di Fbailey numero 415 Ora è la tua occasione, ragazzo La nostra famiglia è piuttosto unita e abbiamo sempre compagnia nei fine settimana. Papà è vicepresidente in un'azienda manifatturiera qui in città, mamma è segretaria esecutiva in un'altra azienda manifatturiera in città, e io ho quattordici anni e andrò al liceo in autunno. La terza media è un po' spaventosa per me. Essere un nerd informatico, vergine, e avere una grande casa nella parte migliore della città mi renderà sicuramente un bersaglio per gli atleti. Non vedo l'ora di farlo. La nostra camera familiare era il luogo d'incontro generale. Aveva...

904 I più visti

Likes 0

Secondi sciatti_(10)

Finalmente ho i miei secondi sciatti, quindi ho Toni seduto sulla mia faccia che le dice di spingere fuori che viene mentre la mangio fuori. È così piena che il mio viso, il collo e il petto sono coperti da tutto il gocciolamento, non potevo credere a tutto il venire che aveva ancora immagazzinato in quella figa, ma poi di nuovo ha ricevuto almeno 4 carichi lì dentro. Lei si dimena su tutta la mia faccia mentre le succhio il clitoride e le lecco la figa finché non esplode e mi schizza, ora sono completamente fradicio e anche il letto, lei...

803 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.