Bloccato con la nipote

801Report
Bloccato con la nipote

CAPITOLO 1

Vivo in un appartamento in una casa bifamiliare. Il mio padrone di casa è una simpatica signora anziana. Andiamo d'accordo. La aiuto a fare la spesa, faccio commissioni e faccio piccole riparazioni e manutenzioni in casa.

Un tardo pomeriggio stavo guardando la TV quando ho sentito bussare freneticamente alla mia porta. Una ragazzina, immagino un'adolescente, era lì in piedi. Indossava una lunga camicia da notte con i calzini. Ha detto che sua nonna era malata e aveva chiamato i servizi di emergenza sanitaria, posso aiutarla?

Mi precipitai nel soggiorno dove sua nonna era sul pavimento. Sembrava molto pallida e aveva difficoltà a respirare. Proprio in quel momento è arrivata l'ambulanza.

Sono corso su e ho preso un cappotto mentre sua nipote è rimasta con i medici. Quando sono tornata mi hanno detto che aveva difficoltà a respirare e le hanno dato ossigeno e l'hanno caricata su una barella. Sua nipote ha afferrato un cappotto mentre usciva e l'ha seguita.

Ho seguito l'ambulanza in macchina con lei seduta accanto a me sul sedile. Mi sono ricordato il suo nome, Cat mi dispiace per Cathy. Cat sedeva in stile indiano sul sedile, il cappotto aperto e le gambe che mostravano oltre le ginocchia. Ho guardato due volte. Anche in un momento come questo dovevo cercare.

Arrivati ​​in ospedale abbiamo seguito i medici nel pronto soccorso. Dopo poco tempo siamo stati chiamati. Il dottore ha detto che sarebbe rimasta durante la notte mentre i test venivano eseguiti e forse anche la notte successiva, a seconda di ciò che avevano trovato. Rose mi ha fatto cenno di avvicinarmi con Cat. Ha sollevato la maschera dell'ossigeno e mi ha chiesto di guardare Cat e di provare a chiamare la madre di Cat che era in crociera. Le ho assicurato che l'avrei fatto. Dopo qualche ora le infermiere dissero che dovevamo andare a casa e che avrebbero chiamato se fosse cambiato qualcosa.

Sulla strada di casa Cat sedeva con la schiena contro la porta e le gambe raccolte davanti a sé. Stavo ottenendo una visione migliore rispetto a prima. Stava guardando la strada mentre io cercavo di vederla. Mentre andavamo sotto un lampione lei si illuminava. Aveva gambe lunghe e sottili che stavano appena iniziando a prendere forma. Cat indossava mutandine gialle succinte dove potevo vedere il piccolo rigonfiamento della sua giovane figa nascosta. Ho dato un'occhiata più spesso che potevo.

Cat aveva visitato alcune volte prima di passare la notte con sua madre. Vivevano a un paio d'ore di distanza. Era una ragazza carina, sua madre era divorziata e una bella donna. Non eravamo estranei, ci eravamo incontrati diverse volte.

Quando arrivammo a casa, condussi Cat in casa e tirai fuori il cellulare. “Gatto, qual è il numero di tua madre”? È andato direttamente alla segreteria telefonica. Vedendo che era tardi ho detto “ci riproveremo domattina e se non riusciamo a raggiungerla chiamerò la compagnia di crociera e ci faranno chiamare da lei. Le ho detto buonanotte e che avrei lasciato la porta aperta nel caso l'ospedale avesse chiamato e ci fosse stato bisogno di me”.

Dopo un altro po' di TV sono andato a letto. Qualche tempo dopo ho sentito il letto muoversi. “Non riesco a dormire e non potrò scendere laggiù”. "Posso dormire con te?"

“Perché non dormi sul divano? Prendo un lenzuolo e una coperta. “

"No, ho bisogno di stare con qualcuno, ho paura"

"Ok" mi sono avvicinato, ho abbassato la coperta tra di noi e ho lasciato entrare Cat. Cosa stavo pensando? Non so ero così stanco, era stata una serata difficile. Avevo 56 anni, ero esausto.

A volte durante la notte sono stato svegliato quando ho sentito la gamba di Cat sopra il mio stomaco. Mi ero girato sulla schiena e Cat era proprio accanto a me. Il suo braccio sul mio petto. Ora completamente sveglio, mi sono reso conto che il suo ginocchio era sul mio petto e la sua gamba era appoggiata sul mio inguine! Ho sentito quella fitta familiare e il mio cazzo ha avuto quella sensazione calda che non provavo da molti anni.

Non fraintendermi. Da vedovo ho avuto le mie avventure con le vedove, divorziate e persino una o due mamme single. Ero disponibile come si suol dire.

Tuttavia, questo era un adolescente e nel mio letto! La mia mente era dappertutto. Ogni uomo ha avuto questo sogno/desiderio. Stava accadendo ora, nel mio letto. Rimasi immobile ad ascoltare il suo respiro. Ogni tanto si muoveva leggermente, la sua gamba si strofinava contro il mio cazzo. Tutta la mia attenzione era sulla sua gamba e sul mio cazzo, in attesa della prossima mossa. Quando si mosse accanto, la sua gamba premette un po' più forte sul mio stomaco e mi resi conto che la sua coscia aveva toccato la mia mano. Arricciando le dita ho sentito la sua pelle morbida. Non riuscivo a vedere dove le mie dita si toccassero, ma era così morbido e liscio. Con colpi leggeri come piume le mie dita vagarono per qualche centimetro su e giù per la sua coscia. Il mio cazzo si è gonfiato un po' e quella sensazione di calore è diventata più intensa. Cat si mosse di nuovo, questa volta portando la sua gamba più in alto sul mio corpo. La sua gamba si trascinava sul mio cazzo ora semi duro, la mia mano era intrappolata contro la morbida giunzione delle sue cosce. Il mio pollice ha sentito le sue mutandine e il calore emanato dalla sua area vaginale coperta. Muovendo il pollice ho sentito un urto, un tuffo e poi un altro urto. Sentivo le labbra vaginali di questo bambino. La mano di Cat si spostò dal mio petto allo stomaco e la sua gamba ora si posò sul mio cazzo indurito.

Rimasi fermo per il tempo a pensare alle mie azioni. In cosa mi stavo cacciando, come potevo ignorarlo, cosa avrei detto se Cat si fosse svegliata, dovevo continuare? Usando la testa sbagliata per il mio processo decisionale ho pensato che potesse essere spiegato dicendo che stavo dormendo come lei.

Ho mosso il pollice avanti e indietro molto leggermente sulle sue morbide labbra vaginali. Ruotando il polso il mio pollice è stato in grado di muoversi su e giù per la piega tra le labbra gonfie. Ora sembravano essere un po' più solidi. Forse era la mia immaginazione, ma la sua gamba sembrava premere sul mio cazzo (che sarebbe stato completamente eretto se non fossi stato così spaventato da quello che sarebbe potuto succedere se Cat si fosse svegliata). Mentre il mio pollice esplorava la sua zona vaginale, mi resi conto che le sue labbra stavano diventando più calde e sode. Il mio pollice ha trovato l'elastico sul bordo delle sue mutandine e si è fatto strada sotto. Le sue mutandine erano abbastanza larghe da permettere al mio pollice di scivolare sulle sue morbide labbra lanuginose. Potevo sentire il calore e mentre sentivo la fessura tra le sue labbra un po' di umidità. Il gatto sembrò inspirare profondamente per un momento, mi bloccai.

Dopo pochi istanti cambiò posizione. La sua gamba ora era dritta sopra la mia con il ginocchio sul mio cazzo. La mia mano ora stava prendendo a coppa la sua intera piccola area vaginale. Quando ha smesso di muoversi, ho arricciato il dito medio e questo è andato dritto lungo la sua fessura. C'era un po' di umidità ma non molta. La volta successiva, con un po' più di pressione, il mio dito è andato più dentro e ho potuto sentire il calore e quanto erano bagnate le sue viscere. Dopo qualche altra volta la mia figura era fradicia. Quando arrivò in cima alla sua fessura, Cat mi spinse la mano. Ancora una volta mi sono bloccato.

Pochi secondi dopo ha mosso la mano in modo che si posasse sulla sua gamba accanto al mio cazzo. Con un dito su ciascun lato delle sue labbra vaginali potevo tirarle un po' mentre il mio dito medio scivolava al centro. Quando ha raggiunto l'apice ha attraversato una piccola protuberanza. Mentre lo faceva Cat si contrasse e la sua mano scivolò dalla sua gamba sul mio cazzo. Mi bloccai ma il mio cazzo si contrasse e la sua mano si strinse. Ho provato a stare fermo, con la sua mano che mi stringeva il cazzo era impossibile. La mia mano e le mie dita si muovevano su e giù per la sua figa quasi senza peli. Stavo esercitando un po' più di pressione e il mio dito scivolava più in profondità nella sua vagina bagnata ad ogni colpo, lei sussultava quando raggiungevo il suo imene e rabbrividiva quando si strofinava sul suo piccolo clitoride. Ogni volta che accadeva, Cat stringeva o faceva scivolare la mano verso il basso e risaliva il mio cazzo. Ho pensato che sarei venuto nei miei pantaloncini.

Rotolare su un fianco ha fatto cadere la sua mano dal mio cazzo e Cat è rotolata sulla sua schiena. Ora la mia mano sinistra era libera e Cat era più disponibile per i miei palpeggiamenti. Il mio cazzo ora era sull'attenti. La mia mano copriva l'area tra le sue gambe e potevo sentirla tremare. Le mie dita si mossero sotto l'elastico e il dito medio scivolò nella sua piccola fessura. Con il pollice ho premuto sul suo piccolo clitoride e l'ho strofinato. In pochi secondi ha stretto i piedi, ha premuto le mie mani su di lei, ha inalato profondamente e poi ha avuto convulsioni per quattro o cinque secondi. Rotolandosi sullo stomaco rimase immobile. Ho aspettato un po' e sono andato in bagno e con due sole bracciate ho sparato nel lavandino. Anche con la mia prima ragazza non ero stato così agitato. Ci sono voluti diversi minuti prima che potessi tornare a letto.

CAPITOLO 2

La mattina dopo mi sono alzato lasciando che Cat dormisse. Dopo che il caffè fu preparato, Cat entrò in camicia da notte. Si stiracchiò sollevando la maglietta facendomi vedere allo stesso tempo che non indossava le mutandine. Tenendoli in alto chiese se poteva lavarli nel lavandino. "in qualche modo si sono bagnati la scorsa notte".

Dopo aver mangiato abbiamo ricevuto una telefonata da sua madre che era in mare e non faceva scalo da tre giorni. Abbiamo chiamato l'ospedale e abbiamo appreso che sua nonna sarebbe rimasta in ospedale per un altro giorno o due e poi in riabilitazione per almeno una settimana. Mi sono offerto di guardare Cat.

Mentre guardavo i telegiornali del mattino mi sono seduto sul divano mentre Cat sedeva su una grande poltrona. Era tranquilla e pensierosa, continuava a guardarmi. Mezz'ora dopo si alzò e venne da me.

“Ho paura, posso sedermi con te“?

"Certo ragazzo, vieni a sederti" dissi accarezzando il sedile accanto a me. Cat si è avvicinata ma invece di sedersi accanto a me si è messa a cavalcioni sul mio grembo con le ginocchia vicino ai miei fianchi, il suo sesso sopra il mio cazzo. Le sue mutandine si stavano ancora asciugando, quindi sapevo che non le indossava. Il mio cazzo si indurì mentre mi abbracciava e si premeva contro di me. I pantaloncini di nylon che indossavo facevano sentire al mio cazzo il calore del suo giovane sesso.

“Gatto, sederti su di me non è corretto”.

"Lasciami solo sedere, stringimi"

Ho provato a pensare a problemi di matematica qualsiasi cosa per distogliere la mente dall'indurimento del mio pene. Niente ha funzionato. Il mio cazzo era duro come una roccia e giaceva dritto contro il mio stomaco con le sue piccole pieghe vaginali che scivolavano sul mio cazzo. Invece di spingerla via, l'ho tenuta contro di me.

“Ho avuto paura la scorsa notte, ho fatto uno strano sogno, mi sentivo davvero strano ma buono. Non mi sono mai sentito così prima. Nel mio sogno mi hai tenuto e mi hai strofinato finché non mi sono addormentato”. "Lo rifarai, mi ha fatto sentire davvero bene".

“Nel tuo sogno, cosa ho fatto? “

"Non sono sicuro, mi hai toccato qui"

Cat me lo ha mostrato mettendo la mano tra le sue gambe e sul mio cazzo.

“Penso di averlo sentito. È la tua cosa? “Era morbido poi è diventato duro nel mio sogno mentre mi strofinavi”.

"cosa hai fatto mentre stava accadendo?"

“Era così bello che non riuscivo a muovermi, mi sono sdraiato lì e ho lasciato che accadesse. E poi ho iniziato a tremare e mi sono addormentato. Per favore, fallo di nuovo, è stato così bello, non avevo paura”.

“Era un sogno tesoro, il tuo sogno. Dovrai mostrare quello che ho fatto.

Cat si alzò e mi prese la mano. Ha alzato la maglietta e ha messo la mia mano sulla figa liscia del suo bambino. Prese un mio dito e se lo mise tra le labbra strofinandolo su e giù, avanti e indietro. "Penso di aver tenuto in mano la tua cosa mentre mi strofinavi". "Posso?" Prima che potessi rispondere, ha afferrato il mio cazzo e ha iniziato a tirarlo. La punta è saltata fuori dalla mia cintura. Cat l'ha abbassato ulteriormente per vedere il mio cazzo.

“Non ne ho mai visto uno prima, voglio vederlo”.

Cat, togliti la camicia e io mi tolgo i pantaloni poi mostrami cosa è successo nel tuo sogno. E ti mostrerò come può sentirsi ancora meglio. “

Mi tolsi la maglietta e mi sfilai i pantaloni mentre Cat si tirava la camicia da notte sopra la testa. Il suo sguardo non ha mai lasciato il mio cazzo. “Tra poco te lo lascerò toccare, prima voglio che tu mi mostri cosa è successo nel tuo sogno”.

“La prima cosa che ricordo sono io sulla schiena e tu mi tieni qui, poi hai mosso un po' le dita dentro di me ed è stato strano e poi mi è sembrato di guardare il tuo cono gelato mentre veniva preparato. Non puoi proprio aspettarlo, lo vuoi e basta”. "Il tuo dito è diventato tutto molle all'interno ed è entrato un po', poi è salito in cima e si è sfregato un po' e mi è sembrato di avere uno shock, come quando tocchi qualcosa in inverno". “Mi sentivo caldo dappertutto. Poi mi sono svegliato stamattina. Puoi fare ciò che era nel mio sogno”. “Perché l'ho sognato? Il nostro è cattivo? “

“No Cat, ogni ragazza ha sogni o pensieri come te, è normale e fa parte della crescita”. "Fammi vedere se riesco a farti sentire come faceva Typy nel sogno".

Chinandomi in avanti le leccai il minuscolo capezzolo sopra un piccolo seno a forma di cono, poi l'altro. Tornando al primo capezzolo l'ho leccato di nuovo e poi l'ho succhiato. Cat chiuse gli occhi e alzò la testa. Mentre continuavo con il suo capezzolo, la mia mano percorse il suo fianco fino alle sue ginocchia piegate e poi risalì sulle sue cosce fino allo stomaco. Le mie dita sfiorarono lo stomaco e poi scesero sul suo moncone leggermente rialzato. Rabbrividendo un po', si appoggiò all'indietro allontanando le mie labbra dal suo petto, dandomi più accesso al centro verginale coperto di peluria del suo essere. Guidando leggermente le mie dita all'esterno delle sue morbide labbra, esse viaggiarono su e giù. Con un po' più di pressione le sue labbra si aprirono. Partendo dal punto tra i suoi due fori, il mio dito medio è scivolato nella sua fessura, era già aperta a causa del modo in cui Cat era seduta con le gambe divaricate sulle mie ginocchia. Durante la discesa raccolse alcuni dei suoi succhi e scivolò facilmente fino all'apice dove si nascondeva il suo clitoride. Ogni volta che il mio dito si alzava, circondava la piccola protuberanza.

Cat mi stava stringendo le spalle, tenendosi ferma. Cat respirava profondamente e si muoveva sulle mie ginocchia. Ho lasciato che il mio dito si soffermasse sulla sua clitoride mentre le tiravo il capezzolo. Con un brusco respiro e le ginocchia di Cat che mi stringevano le cosce, lei crollò contro di me. Quando ho ritirato la mano per tenerla, il mio cazzo completamente eretto si è rannicchiato proprio sulla sua fessura bagnata. Cat rabbrividì contro di me e io eiaculai sul suo stomaco. Ecco quanto mi ero agitato, non mi ha mai nemmeno toccato!

CAPITOLO 3

Dopo aver ripreso fiato, ho adagiato Cat sulle mie gambe con la testa sul bracciolo del divano. Ho usato la mia maglietta per pulirla e poi ho dato una buona occhiata alla sua piccola figa gonfia. Le afferrai le caviglie e le portai sul suo petto, le sue gambe si separarono e la sua vagina si aprì completamente per la mia lettura. Potevo vedere il suo imene e il suo clitoride che facevano capolino dal suo cappuccio. Toccando con cura il suo imene, raccolsi un po' del liquido che vi si era accumulato e lo spostai verso l'alto per lubrificare il suo piccolo clitoride. Una mano si sollevò e le aprì le labbra mentre il mio dito le faceva uscire la clitoride dal cappuccio protettivo. Colpirla fece sobbalzare e gridare, poi si rilassò di nuovo. L'ho tenuta stretta.

Presto Cat aprì gli occhi e mi guardò con le lacrime agli occhi.

"Io, non mi sono mai sentito così, è stato davvero, davvero bello, grazie"!

Cat si sedette di nuovo e guardò in basso tra di noi. La mia virilità era diventata flaccida, cadendo tra le mie gambe.

"Perché è così piccolo, va bene"?

"Puoi renderlo di nuovo grande se lo tocchi".

Cat ha colpito il mio organo flaccido con un dito, poi ha fatto scorrere il dito verso il basso verso la punta che non poteva vedere. Usando due dita Cat lo sollevò. Lo spostò da un lato all'altro guardandolo. Ha colpito la testa, (se non avessi appena eiaculato avrei poi) il mio cazzo è saltato e Cat l'ha lasciato cadere.

"Quello che è successo"?

“L'hai fatto tesoro, sta reagendo al tuo tocco. Toccalo di nuovo, va tutto bene”.

Prendendolo con due dita lo esaminò più da vicino.

“Usa la mano per tenermi, così”.

Avvolsi le sue piccole dita attorno al mio cazzo. Questa volta quando è saltato ha resistito.

"Muovi la mano su e giù". Cat ha obbedito, e ancora una volta sono stato contento della mia recente eiaculazione.

"Guarda, sta diventando difficile"!

"Continua a farlo tesoro, è bello"

"Sembra come mi sono sentito io"?

"Può essere tesoro, non so come ti sei sentito, ma sono sicuro che è stato bello". “Con gli uomini è diverso. Quando ci si sente bene come con te, qualcosa schizza fuori dalla punta”.

"OH!"

“Continua a fare quello che stai facendo”. Cat si spostò più indietro sulle mie ginocchia in modo da poter vedere meglio. Non sono grande, ma potrebbe usare entrambe le mani e avere ancora spazio mentre mi massaggia il cazzo. Mi stavo avvicinando, la sua piccola mano strofinava la parte superiore del mio cazzo ad ogni colpo e non potevo resistere ancora a lungo. “Tesoro, presto comincerà a schizzare, non fermarti e non aver paura, continua finché non ti fermo. Proprio quando ho finito di parlare, il mio cazzo è esploso con più sperma di quanto pensassi fosse possibile per la seconda volta in meno di mezz'ora. Ho afferrato la mano di Cat per fermarla, "hai fatto benissimo tesoro, lascia che ti abbracci per un minuto". Il mio cazzo si contrasse un paio di volte poi si calmò.

Riempii la vasca per Cat e andai nel box doccia. Mentre ci asciugavamo Cat continuava a guardare il mio pene. Non dicendo nulla del suo interesse, le dissi di scendere a vestirsi. Stavamo andando a trovare sua nonna. Dopo la nostra visita abbiamo fatto un giro per la città e abbiamo pranzato.

Quando tornammo a casa quel pomeriggio, Cat mi disse che non voleva dormire da sola e voleva dormire con me quella notte. D'accordo prontamente con lei, siamo andati a preparare la cena. Dopo un film di Netflix ci siamo preparati per andare a letto. Il gatto è salito dopo essersi cambiato indossando una camicia da notte diversa. Questo era un po 'più aderente e più corto. Il suo piccolo seno in erba era appena visibile attraverso il tessuto sottile. Indossavo pantaloncini da ginnastica di nylon e canottiera, i miei soliti indumenti da notte.

Cat era in piedi davanti a me con le mani sui fianchi. "Devi guardarmi molto stamattina, non ho avuto tempo per guardarti!" "Non è giusto"

Ripensando a mentre ci stavamo asciugando dopo il bagno, e il modo in cui Cat mi guardava furtivamente, sapevo che era seria.

"Ok cosa vuoi?"

"Voglio vedere di nuovo la tua cosa."

“La mia cosa? “

“Intendo il tuo pene, voglio vederlo e toccarlo di nuovo. “

Togliendomi pantaloncini e top, mi sono seduto sul divano contro il braccio con una gamba sul pavimento e l'altra sul divano.

"Vieni, guarda quanto vuoi."

Seduta con le ginocchia, sul divano tra le mie gambe, Cat guardava intensamente il mio pene flaccido. Proprio mentre stavo per dire che poteva toccarlo, lo raccolse e fissò il mio scroto. Indicandolo e toccandolo.

"Che cos'è?"

“Questo è il mio scroto o le mie palle, sono molto delicate. Fa la roba che è venuta fuori stamattina quando mi stringevi”.

Con una mano che teneva il mio cazzo in disparte lei tenne dolcemente e fece rotolare le mie palle con l'altra. Il gatto li tirò delicatamente. Il mio sacco si strinse e lei non li sentiva più. Spostando la sua attenzione sul tenere e muovere il mio cazzo da un lato all'altro. Stava diventando più rigido a causa delle sue azioni e Cat osservava attentamente. Circondando il mio cazzo ha iniziato a tirare la pelle su e giù. Guardandolo diventare più rigido, più grande e più duro. Usando entrambe le mani continuò. Una volta il suo pollice ha strofinato la testa e i miei fianchi si sono mossi. Cat se ne accorse e lo fece ancora un po'. Vedendo come mi ha colpito, ha messo il palmo sulla testa e l'ha strofinata mentre continuava a muovere l'altra mano su e giù. Stavo per esplodere da un momento all'altro. Cercando di non reagire la lasciai continuare. Poi è successo. Il primo getto le colpì la mano che lei tirò via rapidamente facendo schizzare il resto sul suo viso e poi sulla camicia da notte mentre mi spingeva giù.

“Wow, l'ho fatto? “ Mentre si asciugava il viso con la manica.

Ci è voluto un po' prima che potessi rispondere. “Eri tutto te tesoro. “

La gatta si leccò le labbra dove la sua manica aveva lasciato un po' di sperma. “Gusto divertente,

posso farlo di nuovo? “

Mentre guardava il mio cazzo sgonfiarsi, le ho spiegato che ci voleva tempo e forse ci sarebbe riuscita più tardi.

"Ok, ora mi fai sentire così"

CAPITOLO 4

Accostando una sedia al divano, misi Cat sul bracciolo imbottito. L'ho appoggiata allo schienale del divano con una gamba penzoloni e un piede sul sedile. Allungandomi per allargare le gambe, ho guardato Cat che aveva un grande sorriso sul viso.

"Non vedo l'ora che tu mi faccia sentire di nuovo così bene, quando mi tocchi con le dita mi fa sentire come se tutto formicolasse nella mia pancia"

“Questa volta niente dita, ti sentirai uguale o migliore, ma niente dita”.

"Mi piace molto quando mi tocchi, per favore toccami".

“Ti tocco ma niente dita”. Cat mi guardò senza capire. Sporgendomi in avanti le soffiai sulla giuntura tra le gambe. Il gatto rabbrividì. Rifacendolo, la sua piccola figa si aprì leggermente, come uno spasmo muscolare involontario. Avvicinarsi ed esalare il mio respiro caldo la fece rabbrividire. L'alternanza di caldo e freddo faceva scurire leggermente le sue piccole labbra gonfie e gonfiarle. Cat era appoggiato allo schienale con gli occhi chiusi. Le sue labbra rosee si stavano separando e si poteva vedere l'umidità raccogliersi sul fondo delle sue piccole labbra gonfie. Guardare questa bambina aperta a me in questo modo era quasi troppo. Così docile, così volenteroso. Ho leccato l'esterno tra la sua gamba e il labbro della figa e poi l'altro. Il gatto si dimenò sul bracciolo del divano. Tenendola per la vita per impedirle di scivolare via ho continuato a leccare intorno alle sue labbra gonfie. Quindi al centro diverse volte leggermente. Di nuovo con più pressione. Cat doveva essere tenuta ferma, si dimenava così tanto. Tenendole le caviglie e sollevandole sopra la sua testa, presentò alla mia piena attenzione le sue labbra della figa spalancate ora prominenti. Succhiando quanto più possibile della sua vulva nella mia bocca ho continuato a leccare. Lasciando che la mia lingua trovasse il suo clitoride, l'ho succhiato dentro e ho fatto roteare la lingua. Il gatto ha gridato e mi ha afferrato per le braccia. Non fermandomi ancora, ho continuato a succhiare le sue piccole labbra vaginali gonfie. Il gatto ha smesso di muoversi, era troppo per lei. L'ho presa in braccio e l'ho tenuta a cavalcioni sul mio grembo. Quando si è rianimata, mi ha tenuto per un po', poi ha iniziato a scivolare su e giù sul mio cazzo che spuntava tra quelle labbra gonfie e bagnate della figa. Credimi, non ci volle molto prima che le esplodesse sullo stomaco.

Questa volta abbiamo fatto la doccia insieme. Ho messo uno sgabello di plastica sotto la doccia che ha sollevato i suoi fianchi a circa sei pollici sotto i miei. Ci siamo lavati a vicenda. Facendola girare quando eravamo entrambi insaponati le presentammo i suoi piccoli panini. Piegare le ginocchia ha permesso al mio cazzo di scivolare tra le sue gambe. Tenendo i suoi piccoli fianchi, muovendola avanti e indietro, era quasi come se il mio cazzo fosse dentro di lei. Cat ha tenuto il mio cazzo delicatamente mentre usciva tra le sue gambe lasciandolo scivolare avanti e indietro. La sensazione era troppa, anche questa volta sono venuto solo un intenso pulsare secco.

"Perché non c'è nessuna roba bianca"? chiese il gatto.

Ho spiegato, poi abbiamo finito di lavarci e asciugarci a vicenda.

Questo andò avanti per altri due giorni finché sua madre non chiamò e ci disse che stava prendendo un volo per tornare a casa. La mattina dopo andammo a prenderla all'aeroporto e andammo in ospedale. Sua madre mi ha chiesto se potevo portare Cat a casa mentre conferiva con i dottori.

In macchina verso casa dissi a Cat che quello che avevamo fatto doveva restare tra noi. Probabilmente sarebbe stata punita e io sarei andato in prigione. Era molto importante. Cat ha detto "Sapevo che non era giusto, ma volevo saperlo". "Penso che quel sogno non sia mai realmente accaduto". “Ma era un modo per parlare, mia madre non mi parla di cose del genere”.

Alcuni giorni dopo la madre di Cat mi disse che avrebbero cercato un posto in Arizona o nel New Mexico per vivere con sua madre. Il clima secco era migliore per sua madre.

Non ho più rivisto Cat, ma non la dimenticherò mai.

Storie simili

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

1.1K I più visti

Likes 0

Il Bar 3

Questo posto ti stava facendo impazzire. Ti girava la testa. Stai bene? Mio Dio quella voce. Uno dei motivi principali per cui ti girava la testa. Questa donna. Il barista. La guardi profondamente negli occhi. Perso in una mente piena di pensieri sporchi. Il suo sguardo non lasciava mai il tuo e per i brevi secondi prima che tu parlassi, sembravano ore. “Sto bene,” dissi severamente. Si è avvicinata a te. Puoi fermarti in qualsiasi momento, disse Mila. Le sue morbide labbra a pochi centimetri dalle tue. Perché stava facendo questo? Doveva sapere che ti stava facendo impazzire. Le scosti una...

811 I più visti

Likes 0

Dita Di Blueheatt …..Quando mia moglie Linda era piccola, dormiva con la sorella maggiore. Sua sorella maggiore aveva invitato un'amica a passare la notte. Tre nel loro grande letto non erano un problema. Durante la notte mia moglie si svegliava sentendo movimenti nel letto e gemiti sommessi. Aprì gli occhi e vide la sorella maggiore e l'amica girarsi l'una di fronte all'altra e fare qualcosa. Faceva finta di dormire ma osservava. Le due ragazze si stavano toccando a vicenda. Respiravano affannosamente e da loro provenivano piccoli gemiti. Le loro dita erano l'una nella figa dell'altra e si muovevano dentro e fuori...

556 I più visti

Likes 0

Silenzioso e senza fiato

Silenzioso e senza fiato È la casa di Tammy. Sta dando una festa. Quando arrivo lì, posso dire che è un po' alticcia... più rumorosa del solito. Ricevo il saluto regolare. Quando mi vede salta su e mi abbraccia con le gambe. Mi dice che le manca la mia faccia stupida poi mi offre da bere. Il resto della sua piccola squadra di Blow Out è lì. Sage e anche un paio di altri ballerini. So che è casa sua, ma non so come la paga. Davvero carino, troppo carino per uno della nostra età. Faccio il giro della casa, la...

578 I più visti

Likes 0

Vile - Capitolo 1 - Il mucchio

La calda spalmatura di nettare sanguigno sulla tua pelle di porcellana ringiovanirà il vuoto dell'oscurità all'interno del quale la tua anima dovrebbe ma non risiede, perché se il vuoto dello spirito è privo di tutto tranne il gelo amaro del nulla che sfida irascibilmente i propri desideri dovrebbe essere gettato da parte e riempito fino all'orlo dal sangue appena travasato.A te lascerò la servitù non del mio legittimo governo, ma al loro stesso lascito di eterna lealtà al trono d'avorio della Guglia Bianca su cui il Signore ti parla ora; i tuoi non servono al trono se dovessi appassire fino a...

749 I più visti

Likes 0

Una ragazza impara la lezione

Tornando faticosamente verso le stalle, Katy si chiese se questo lavoro valesse davvero tutta la fatica. Aveva fatto una lunga passeggiata e ora cominciava a piovere. Si sarebbe inzuppata nell'ultimo miglio. Tirò il guinzaglio del cane e iniziò a correre verso la fattoria e il rifugio. Lavorava al maneggio ormai da sei settimane e le vacanze estive erano quasi finite. Questo è stato l'inizio della sua settimana scorsa. Il lavoro non era molto ben pagato, ma poi la signora Johnson, la proprietaria della scuola di equitazione, permise a Katy di stallare lì il suo cavallo gratuitamente e lei poté cavalcare tutti...

495 I più visti

Likes 0

Melina della WWE

Era la mattina di mercoledì 28 dicembre mentre mi dirigevo verso gli uffici della WWE a Stamford alle 8:30. Due notti fa ho passato la notte con Trish Stratus, poi ieri sera ho passato la notte con l'ex diva Debra Marshall, anche se alla fine ero di umore acido perché ho scoperto che aveva cospirato con Stephanie per incasinarmi la testa. Abbiamo fatto sesso nella limousine, poi me ne sono andato verso le 22:00 e, per quanto ne sapevo, lei sarebbe tornata in Texas per fare qualunque cosa avesse fatto lì. Il sesso era fantastico, forse il migliore della mia vita...

540 I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.4K I più visti

Likes 0

Ragazzi adolescenti nudi che nuotano al liceo con hard-on

Ero una matricola in un liceo di una grande città negli anni '70 e non sono rimasto sorpreso quando nel mio primo semestre ho nuotato e per motivi di salute pubblica, tutti i ragazzi lo facevano nudi. Ero stato avvertito dai miei fratelli maggiori e provenendo da una famiglia di nove bambini, tra cui sorelle e una madre che allatta continuamente, non ero timido o estraneo al corpo nudo. Il primo giorno ci è stato detto che se avessimo sentito tre brevi raffiche di fischio, dovevamo uscire rapidamente dalla piscina, allinearci sul bordo e affrontare le gradinate, perché potrebbe esserci un'emergenza...

2.3K I più visti

Likes 0

Gokkun Bazooka

Barbara fece i gargarismi con i sei carichi di succo di noci salato e amaro caldo e ingoiò. Il signor Johnny numero sette si è fatto avanti e ha scaricato uno schizzo che ha colpito il palato di Barbara con un tonfo udibile. Il nome del ragazzo non era proprio Mr. Johnny numero sette, ovviamente. Barbara non conosceva il suo nome. Era un ragazzo in sovrappeso con capelli castano rossiccio, forse 35 o 40 anni e aveva un pene di 3 pollici. Barbara non l'aveva mai incontrato e non l'avrebbe mai fatto. Era il tipo di ragazzo che non avrebbe guardato...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.